Datagate, spioni contro l'Islam

Ennesima bomba nello scandalo delle intercettazioni illegali di NSA, agenzia apparentemente focalizzata sulla persecuzione (a mezzo tecnocontrollo) di personalità pubbliche integerrime, ma di religione islamica

Roma – La nuova, potenzialmente deflagrante rivelazione del Datagate arriva grazie al lavoro investigativo di Glenn Greenwald che, scavando negli archivi di informazioni riservate sottratte da Edward Snowden, ha scoperto uno dei lati peggiori della NSA. L’agenzia statunitense ha messo sotto controllo importanti personalità pubbliche americane per il solo fatto di essere di fede islamica.

Lungi dal limitarsi ai potenziali sospetti di terrorismo, l’intelligence USA ha osservato molto da vicino (almeno fino al 2008) la vita digitale dei musulmani americani Faisal Gill, advisor dell’amministrazione Bush, Agha Saeed, ex-professore della California State University e attivista dei diritti civili, Nihad Awad, direttore esecutivo del Concilio sulle relazioni islamico-americane, Asim Ghafoor, legale coinvolto in casi connessi al terrorismo, Hooshang Amirahmadi, professore della Rutgers University.

I soggetti spiati dalla NSA si facevano notare per la loro esemplare vita pubblica, riporta Greenwald, e nonostante questo le loro email compaiono in un foglio elettronico con migliaia di indirizzi monitorati dall’intelligence tra il 2002 e il 2008 secondo le norme del Foreign Intelligence Surveillance Act.

Le cinque persone intercettate avrebbero insomma la sola colpa di essere osservanti dichiarati della fede islamica, una caratteristica che in seno all’intelligence USA avrebbe preso il posto del comunismo dell’era McCarthy, un’ideologia che ha alimentato sospetti e pratiche di spionaggio che non si giustificano con nessun motivo pratico.

Le autorità statunitensi negano e respingono le accuse, ovviamente, ma il nuovo caso è destinato a rendere ancora più spinosa la questione Datagate, fornendo ad attivisti e organizzazioni che si battono per i diritti digitali ( EFF in primis ) gli argomenti utili a continuare la loro battaglia contro le attività del governo USA.

Il tecnocontrollo a stelle e strisce è un bubbone che non accenna a sgonfiarsi in patria e all’estero, al punto che Hillary Clinton – moglie dell’ex-presidente Bill e una delle personalità più in vista del Partito Democratico americano – è costretta a prendere le parti del cancelliere tedesco Angela Merkel in seguito alle rivelazioni sullo spionaggio a suo danno.

In Germania la situazione è oramai fuori controllo, gli agenti che fanno il doppio gioco – fornendo informazioni riservate agli USA in cambio di denaro – salgono a due e le autorità di Berlino arrivano al punto di cacciare dal paese il rappresentante della CIA all’ambasciata statunitense.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MaxTux scrive:
    Secondo me...
    L'unico motivo per cui Win regge ancora sul desktop è perché lo vendono preinstallato, che ti devono vendere win insieme al computer o non lo puoi comprare.
  • iRoby scrive:
    Comune di Udine
    Ed anche il comune di Udine è passato a Linux.http://www.lffl.org/2014/07/comune-udine-linux-open-source-microsoft.htmlDai sono solo 360mila euro.Ma in Italia avevamo già da anni le provincie autonome di Trento e Bolzano che pubblicizzavano alla trasmissione Report qualche milione risparmiato.Poi Monaco, poi Corea del Sud, e Uruguay. Nessuno dice di avere preso una fregatura.
    • maranric scrive:
      Re: Comune di Udine
      - Scritto da: iRoby
      Ed anche il comune di Udine è passato a Linux.No...torna alle elementari se fai confusione con presente, passato e futuro." <i
      E' passato a Linux </i
      " ---
      significa che è passato a Linux...è un'azione già avvenuta, del passato. Questa NON è invece la realtà...A puntare su Linux troviamo anche il Comune di Udine <b
      che ha recentemente annunciato di voler abbandonare </b
      Microsoft Windows e Office con Linux e Apache OpenOffice. La migrazione riguarda circa i 900 personal computer presenti nelle varie sedi </b
      comunali e <b
      dovrebbe </b
      terminare nel 2015 facendo risparmiare più di 360 mila Euro di soldi pubblici. </b
      </b
      </b
      </b
      </b
      </b
      </b
      </b
      </b

      Poi Monaco, poi Corea del Sud, e Uruguay. Nessuno
      dice di avere preso una
      fregatura.Certo, perchè nessuno l'ha ancora presa, non avendo fatto nulla! Genio! :|
    • cicciobello scrive:
      Re: Comune di Udine
      Sbaglio, o Udine è dove vive ruppolo?
    • Nanuk scrive:
      Re: Comune di Udine
      - Scritto da: iRoby
      Ed anche il comune di Udine è passato a Linux.

      http://www.lffl.org/2014/07/comune-udine-linux-ope

      Dai sono solo 360mila euro.

      Ma in Italia avevamo già da anni le provincie
      autonome di Trento e Bolzano che pubblicizzavano
      alla trasmissione Report qualche milione
      risparmiato.

      Poi Monaco, poi Corea del Sud, e Uruguay. Nessuno
      dice di avere preso una fregatura.E ora la Cina...
      • maranric scrive:
        Re: Comune di Udine

        E ora la Cina...Anche qui...i BLA BLA BLA sono tanti...attendiamo di vedere quali saranno i reali risultati. Nel frattempo la realtà è quella che cito da un altro articolo"Il governo cinese, infatti, non soltanto non aggiornerà il proprio parco macchine a Windows 8, ma non pagherà nemmeno Microsoft per fornire un supporto extra come avviene nel Regno Unito e nei Paesi Bassi. Le autorità governative cinesi, al contrario, collaboreranno con alcune compagnie esperte di sicurezza informatica che svilupperanno le opportune "patch" per rendere un po' meno insicuro l'utilizzo di Windows XP."
  • BarbaVIP scrive:
    Incredibile
    Incredibile:- si litiga all'interno della stessa squadra... che sia Arch, Slack, ubu,Debian... a voi che importà? è aperto e libero, se non vi va bene ci sono i sorgenti.- idem per i non-linux: non vi costa nulla. Magari potreste provarlo ed utilizzarlo per qualche use cases.
  • Cuccureddu scrive:
    Io avevo letto che era stato un flop
    http://www.tomshw.it/cont/news/ministero-tedesco-torna-a-windows-linux-un-flop/31429/1.html
    • Etype scrive:
      Re: Io avevo letto che era stato un flop
      Dove hai letto Monaco ?Per non parlare delle grosse scemenze che vengono dette,magari foraggiati da Ms in persona...
    • pippo75 scrive:
      Re: Io avevo letto che era stato un flop
      - Scritto da: Cuccureddu
      http://www.tomshw.it/cont/news/ministero-tedesco-tsia in questo caso che nell'altro dicono che uno è migliore dell'altro ma i dettagli dei costi non li vedo.
    • collione scrive:
      Re: Io avevo letto che era stato un flop
      - Scritto da: Cuccureddu
      http://www.tomshw.it/cont/news/ministero-tedesco-tle date, le date!!! al prossimo giro posterai un articolo del 1810, dove si afferma che la democrazia è un flop? (rotfl)
    • king volution scrive:
      Re: Io avevo letto che era stato un flop
      - Scritto da: Cuccureddu
      http://www.tomshw.it/cont/news/ministero-tedesco-te secondo te tomshw sarebbe una fonte affidabile???"vive" di pubblicità e quindi (un po' come PI) si guarda bene dal contrariare le grandi aziende inserzioniste e, anzi, cerca di farle "contente" il più possibile...
  • Bixio scrive:
    Linux
    http://youtu.be/RBwcrRoYflg
  • iRoby scrive:
    Mezzo mondo lascia Windows
    Dopo la Russia che abbandona anche le CPU Intel/AMD oltre a Windows, la Corea del Sud abbandona Windows 7 negli uffici governativi.Ma c'è anche la Cina, il Giappone e l'Uruguay.Non chiedetemi link, bastano 30 secondi di Google...
    • Ignurant scrive:
      Re: Mezzo mondo lascia Windows
      - Scritto da: iRoby
      Dopo la Russia che abbandona anche le CPU
      Intel/AMD oltre a Windows, la Corea del Sud
      abbandona Windows 7 negli uffici
      governativi.

      Ma c'è anche la Cina, il Giappone e l'Uruguay.

      Non chiedetemi link, bastano 30 secondi di
      Google...Hai una visione alquanto limitata di "mondo"
      • Fai il login scrive:
        Re: Mezzo mondo lascia Windows
        - Scritto da: Ignurant
        - Scritto da: iRoby

        Dopo la Russia che abbandona anche le CPU

        Intel/AMD oltre a Windows, la Corea del Sud

        abbandona Windows 7 negli uffici

        governativi.



        Ma c'è anche la Cina, il Giappone e
        l'Uruguay.



        Non chiedetemi link, bastano 30 secondi di

        Google...

        Hai una visione alquanto limitata di "mondo"Ha la visione limitata perche' non ha citato gli stati uniti ? Unico nostro faro illuminante...
        • Ignurant scrive:
          Re: Mezzo mondo lascia Windows


          Ha la visione limitata perche' non ha citato gli
          stati uniti ? Unico nostro faro
          illuminante...No, perché non ha citato le decine di migliaia di enti e aziende che NON sono migrate a linux, la stessa Monaco è comuque un esempio abbastanza modesto rispetto a tutti gli enti dell Germania, o no? E' una questione di numeri, non di Stati. Di certo la tendenza per i server è quella, per i desktop la vedo ancora dura.
          • collione scrive:
            Re: Mezzo mondo lascia Windows
            - Scritto da: Ignurant
            per i
            desktop la vedo ancora
            dura.mhm non sono d'accordo http://www.mcst.ru/novyj-8yadernyj-mikroproXXXXXr-elbrus-8c
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Mezzo mondo lascia Windows
            - Scritto da: Ignurant
            No, perché non ha citato le decine di migliaia di
            enti e aziende che NON sono migrate a linux, la
            stessa Monaco è comuque un esempio abbastanza
            modesto rispetto a tutti gli enti dell Germania,
            o no? E' una questione di numeri, non di Stati.Monaco di Baviera un "esempio modesto"? LOL! :D
      • iRoby scrive:
        Re: Mezzo mondo lascia Windows
        - Scritto da: Ignurant
        Hai una visione alquanto limitata di "mondo"No sei tu ad averla ristretta, dato che Russia e Cina come estensione e popolazione sono oltre 1/3 di pianeta.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Mezzo mondo lascia Windows
          Insomma, la contro migrazione a Windows comporterà un sostanziale risparmio dovuto all'eliminazione dei costi di manutenzione del sistema Linux e dei costi di sviluppo dei driver. Inoltre, basterà un numero inferiore di ore di formazione per il personale, e non ci sarà più bisogno di acquistare componenti hardware compatibili con Linux.
          • cicciobello scrive:
            Re: Mezzo mondo lascia Windows
            Che arrampicata. Ti pare forse che i driver su windows si sviluppino da soli?Ti pare che la gente nasca sapendo già usare windows?Del resto, dopo le tue sparate assurde su cd, bluray e palladium, non mi stupisco più di nulla.
    • maranric scrive:
      Re: Mezzo mondo lascia Windows
      - Scritto da: iRoby
      Dopo la Russia che abbandona anche le CPU
      Intel/AMD oltre a Windows, la Corea del Sud
      abbandona Windows 7 negli uffici
      governativi.Non so se tu sia ironico...su www.lffl.org puoi leggere : "A quanto pare la Corea del Sud ha già iniziato a programmare la migrazione che dovrebbe terminare tra sei anni al termine del supporto di Windows 7, sistema operativo proprietario che verrà sostituito con Linux."iniziare a programmare la migrazione NON SIGNIFICA AFFATTO aver abbandonato Windows 7. A me interessano i fatti. Questi non sono fatti, sono semplici bla bla bla.
  • Ignurant scrive:
    Costi esagerati
    Cambiare 12.000 computer in una PA costa in media 500 euro a PC, anche meno, quindi parliamo di 6 milioni di euro. I costi derivati dal cambio dell'SO sono paragonabili, anzi, nel caso di linux anche peggio visto che i vari fornitori non dovranno fare solo aggioranamenti ma vere e proprie riscritture o conversioni, avendo in futuro anche meno scelta rispetto al mondo windows.Riguardo office potevano usare openoffice e poi libreoffice anche su windows. Il cammbio in corsa del sistema operativo è poi indicativo di che precarietà (purtroppo) esiste ancora in linux, non possiamoo escludere che tra 5 anni cambieranno ancora distro, magari alla fine arriveranno a redhat con un bel canone di manutenzione di 3/4 milioni di euro l'anno, sforando di gran lunga i costi per tenersi windows.Passare a linux è sbagliato? no, ma il problema è che la comunità non è pronta, perchè quando sfondi vuol dire finire nel mondo business, e la parola business fa ancora schifo a troppa gente di quel settore.
    • Elrond scrive:
      Re: Costi esagerati
      - Scritto da: Ignurant
      la parola business fa ancora schifo a troppa gente
      di quel settore.Com'è giusto che sia. Per la fuffa a pagamento esistono Apple e MS.
      • Ignurant scrive:
        Re: Costi esagerati

        Dai, dai... non diciamo 'ste cagate che ci si
        rovina la reputazione
        futura.
        Gnu/Linux nasce sulla rete, per la rete.Si si, solo che la rete non vuol dire gestione di 12.000 macchine o anche 100. Strumenti di gestione e controllo esistono solo a pagamento.
        La tua sembra un'afermazione di chi ha provato
        distrattamente per 5 minuti qualche distro su
        virtualboxSto scrivendo da una macchina linux tanto per dirtene una ÈÒÀ
        • eder scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: Ignurant

          Dai, dai... non diciamo 'ste cagate che ci si

          rovina la reputazione

          futura.

          Gnu/Linux nasce sulla rete, per la rete.

          Si si, solo che la rete non vuol dire gestione di
          12.000 macchine o anche 100. Strumenti di
          gestione e controllo esistono solo a
          pagamento.Certo, ma nel caso specifico quali strumenti di controllo e gestione servirebbero da propendere verso un infrastruttura proprietaria?Già il fatto che gli aggiornamenti applicativi e di sistema su macchine gnu/linux siano integrati nel sistema operativo costituisce un ottimo biglietto di presentazione.Sono le macchine windows, casomai, per una cattiva abitudine ormai consolidata, a viaggiare spesso come corpi autonomi, in cui l'upgrade delle applicazioni viene lasciata all'utente con privilegi di amministrazione con tutti i rischi del caso.Dove avete visto queste macchine gnu/linux che vivono da sole?Ma che vuol dire?Ti chiedo di farmi un esempio di questi strumenti di gestione e controllo in un'infrastruttura proprietaria che sono irrinunciabili nel contesto della PA.Più di uno vi ha fatto riferimento finora ma rimanendo sempre nel generico e a questo punto per me ha lo stesso valore di una qualifica del genere: http://www.phibbi.com/extra/gswe.phpE poi, particolare non trascurabile, vi è la possibilità di aderire in maniera molto più naturale all'open data.Quando una migrazione del genere dovesse costare anche il 10% in più rispetto ad un'insfrastrttura proprietaria, il valore aggiunto nel 1° caso per la comunità sarebbe comunque ENORME!

          La tua sembra un'afermazione di chi ha
          provato

          distrattamente per 5 minuti qualche distro su

          virtualbox

          Sto scrivendo da una macchina linux tanto per
          dirtene una
          ÈÒÀQuindi?
          • Ignurant scrive:
            Re: Costi esagerati


            Certo, ma nel caso specifico quali strumenti di
            controllo e gestione servirebbero da propendere
            verso un infrastruttura
            proprietaria?Active directory, group policy, wsus, solo per dirne alcuni.
            Già il fatto che gli aggiornamenti applicativi e
            di sistema su macchine gnu/linux siano integrati
            nel sistema operativo costituisce un ottimo
            biglietto di
            presentazione.Stessa cosa per windows, in più hai lo strumento gratuito wsus per gestire aggiornamenti
            Sono le macchine windows, casomai, per una
            cattiva abitudine ormai consolidata, a viaggiare
            spesso come corpi autonomi, in cui l'upgrade
            delle applicazioni viene lasciata all'utente con
            privilegi di amministrazione con tutti i rischi
            del
            caso.La mia Ubuntu mi chiede quasi ogni giorno di installare aggiornamenti e mi chiede quasi ogni giorno la password di root, è la stessa identica cosa per windows. Nelle aziende WSUS serve proprio a questo, a distribuire aggiornamenti senza dare diritti amministrativi
            Dove avete visto queste macchine gnu/linux che
            vivono da
            sole?Ovunque, nei CED in primis
            Ma che vuol dire?Vuol dire che non hai un controllo centralizzato di queste macchine, ad esempio per distribuire aggiornamenti, per reindirizzare cartelle, installare stampanti e tanto altro ancora.
            Ti chiedo di farmi un esempio di questi strumenti
            di gestione e controllo in un'infrastruttura
            proprietaria che sono irrinunciabili nel contesto
            della
            PA.Te li ho già fatti e non si parla solo di PA ma di aziende medie grandi in genere.
            Più di uno vi ha fatto riferimento finora ma
            rimanendo sempre nel generico e a questo punto
            per me ha lo stesso valore di una qualifica del
            genere:
            http://www.phibbi.com/extra/gswe.php
            E poi, particolare non trascurabile, vi è la
            possibilità di aderire in maniera molto più
            naturale all'open
            data.Penso tu non sappia di cosa stiamo parlando, non c'è niente di male, forse non hai mai lavorato per aziende medio-grandi. Open data non c'entra nulla.
            Quando una migrazione del genere dovesse costare
            anche il 10% in più rispetto ad un'insfrastrttura
            proprietaria, il valore aggiunto nel 1° caso
            per la comunità sarebbe comunque
            ENORME!
            Non gliene frega a nessuno del valore aggiunto, si traduce tutto in soldi, in particolare la PA usa soldi dei cittadini e deve bilanciare il tutto con esigenze di efficienza e sicurezza.

            Quindi?Quindi hai fatto una supposizione errata.
          • eder scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: Ignurant



            Certo, ma nel caso specifico quali strumenti
            di

            controllo e gestione servirebbero da
            propendere

            verso un infrastruttura

            proprietaria?

            Active directory, group policy, wsus, solo per
            dirne
            alcuni.Quindi definizione di profili e acl per utenti. Niente che non si possa fare anche con Gnu/Linux. Con tutta la granularità che vuoi.Che poi non lo sappia fare tu è un altro paio di maniche.

            Già il fatto che gli aggiornamenti
            applicativi
            e

            di sistema su macchine gnu/linux siano
            integrati

            nel sistema operativo costituisce un ottimo

            biglietto di

            presentazione.

            Stessa cosa per windows, in più hai lo strumento
            gratuito wsus per gestire
            aggiornamentiQuindi niente che non esista su gnu/linux da una vita.

            Sono le macchine windows, casomai, per una

            cattiva abitudine ormai consolidata, a
            viaggiare

            spesso come corpi autonomi, in cui l'upgrade

            delle applicazioni viene lasciata all'utente
            con

            privilegi di amministrazione con tutti i
            rischi

            del

            caso.

            La mia Ubuntu mi chiede quasi ogni giorno di
            installare aggiornamenti e mi chiede quasi ogni
            giorno la password di root, è la stessa identica
            cosa per windows. Nelle aziende WSUS serve
            proprio a questo, a distribuire aggiornamenti
            senza dare diritti
            amministrativiLA pwd non è quella di root ma quella relativa a sudo immagino.Purtroppo con ubuntu, sudo e root hanno finito per coincidere e invece sono cose completamente diverse.sudo è molto utile, non per sostituire l'utente root, ma per assegnare, su un subset di comandi, privilegi di amministrazione ad un utente non amministratore.Che poi si configuri sudo con "ALL=(ALL:ALL) ALL" è un altro discorso. Un amministratore serio non lo fa.Per centralizzare gli aggiornamenti c'è apt-proxy per es. su sistemi debian based oppure si possono definire dei mirror locali a cui tutti i clienti puntano, con utente che non è quello dell'operatore ovviamente.

            Dove avete visto queste macchine gnu/linux
            che

            vivono da

            sole?

            Ovunque, nei CED in primisSì ma in quali? È molto preoccupante. Sono conoscenze di base per un sistemista gnu/linux.

            Ma che vuol dire?

            Vuol dire che non hai un controllo centralizzato
            di queste macchine, ad esempio per distribuire
            aggiornamenti, per reindirizzare cartelle,
            installare stampanti e tanto altro
            ancora.Dell'aggiornamento ne abbiamo parlato prima e ti ho dimostrato che è tutt'altro che non centalizzato.Installare stampanti?Server di stampa come cups a cui tutti i client afferiscono non basta? In ufficio il mio pc con Debian fa da server di stampa ad altri 5 colleghi. O forse intendevi qualcos'altro? Il reindirizzamento di cartelle non l'ho capito.

            Ti chiedo di farmi un esempio di questi
            strumenti

            di gestione e controllo in un'infrastruttura

            proprietaria che sono irrinunciabili nel
            contesto

            della

            PA.

            Te li ho già fattiE io te li ho contestati quindi sono qui che aspetto ancora.
            e non si parla solo di PA ma
            di aziende medie grandi in
            genere.Qua parliamo di PA e le PA hanno esigenze che non sono quelle di una render farm per es. Rimaniamo in topic.

            Più di uno vi ha fatto riferimento finora ma

            rimanendo sempre nel generico e a questo
            punto

            per me ha lo stesso valore di una qualifica
            del

            genere:

            http://www.phibbi.com/extra/gswe.php

            E poi, particolare non trascurabile, vi è la

            possibilità di aderire in maniera molto più

            naturale all'open

            data.

            Penso tu non sappia di cosa stiamo parlando, non
            c'è niente di male, forse non hai mai lavorato
            per aziende medio-grandi. Open data non c'entra
            nulla.Permettimi di dubitarne. A me pare invece che quello che non sa di cosa si stia parlando sei tu. Rilevo ancora una volta che invce di PA, insisti nello spostare il discorso alle aziende medio-grandi (per le quali lavoro e ho lavorato) ma non c'entrano in questo discorso. Poche idee e ben confuse, mi pare.Open data nelle PA non c'entrano nulla??? Questa è veramente favolosa.

            Quando una migrazione del genere dovesse
            costare

            anche il 10% in più rispetto ad
            un'insfrastrttura

            proprietaria, il valore aggiunto nel 1°
            caso

            per la comunità sarebbe comunque

            ENORME!



            Non gliene frega a nessuno del valore aggiunto,
            si traduce tutto in soldi, in particolare la PA
            usa soldi dei cittadini e deve bilanciare il
            tutto con esigenze di efficienza e
            sicurezza.No?Come cittadino la PA mi deve garantire che non devo essere obbligato all'utilizzo di una piattaforma proprietaria per la fruizione dei documenti.Inoltre devo avere la certezza che fra 30 anni i documenti prodotti oggi debbano essere ancora fruibili.Tutte cose che una piattaforma proprietaria, dipendente da un'azienda che potrebbe fallire domani, e un formato chiuso non mi potranno garantire MAI a meno di non pagare salatissimi costi di ammodernamento-porting-evoluzione ecc. sempre che l'azienda esista ancora o che quella nuova abbia il necessario know-how.



            Quindi?

            Quindi hai fatto una supposizione errata.Solo perché usi Ubuntu? Ma dai, siamo seri...
          • prugnoso scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: eder
            - Scritto da: Ignurant[cut]


            Quando una migrazione del genere dovesse

            costare


            anche il 10% in più rispetto ad

            un'insfrastrttura


            proprietaria, il valore aggiunto nel


            caso


            per la comunità sarebbe comunque


            ENORME!






            Non gliene frega a nessuno del valore
            aggiunto,

            si traduce tutto in soldi, in particolare la
            PA

            usa soldi dei cittadini e deve bilanciare il

            tutto con esigenze di efficienza e

            sicurezza.

            No?
            Come cittadino la PA mi deve garantire che non
            devo essere obbligato all'utilizzo di una
            piattaforma proprietaria per la fruizione dei
            documenti.
            Inoltre devo avere la certezza che fra 30 anni i
            documenti prodotti oggi debbano essere ancora
            fruibili.
            Tutte cose che una piattaforma proprietaria,
            dipendente da un'azienda che potrebbe fallire
            domani, e un formato chiuso non mi potranno
            garantire MAI a meno di non pagare salatissimi
            costi di ammodernamento-porting-evoluzione ecc.
            sempre che l'azienda esista ancora o che quella
            nuova abbia il necessario
            know-how.
            Ti quoterei in pieno però va dato a Cesare quel che è di Cesare.Posto che quello che dici per me è sacrosanto, va però dato atto a Microsoft (per merito o demerito, non mi interessa per ora) che lato client ha pochi rivali e gnu/linux, nonostante i suoi evidenti pregi, scalabile, potente sicuro ecc, ha difficoltà a sostituire un ecosistema che ha proliferato per vent'anni, non fosse per il fatto che, nonostante sia presente dallo stesso periodo, lato client è ancora "giovane".Quando parlo di lato client, parlo di soluzioni integrate per aziende, non parlo del pc per l'utente per il qualle effettivamente ha tutto ciò che serve per almeno il 90% di loro.Non dico che sia impossibile proporlo come alternativa, ma supporre di fare tutto nel giro di sei mesi per es. è utopistico.In questo caso si è trattato di far passare anni e anni prima dello switch e il discorso di Ignurant, benché doloroso, non è completamente campato per aria.Poi è tutto vero, almeno per me, quello che sostieni, quando fai riferimento alle politiche di conservazione e di fruizione, ma Microsoft non potrà mai essere scalzata così dall'oggi al domani e il nuovo Ceo di MS sembra averlo capito tant'è che (almeno apparentemente) propone un approccio del tutto nuovo.Ci sono ancora ambiti, almeno lato client, su cui MS, con tutti i suoi difetti, è superiore.In una PA per es. ci sarà sicuramente bisogno di avere un sistema di produzione documentale basato su ocr, tanto per dirne una, e MS ha un ventaglio di scelte pazzesco.
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            Quindi definizione di profili e acl per utenti.No. Assolutamente no. La solita disarmante banalizzazione linara.E' come se uno ti facesse vedere un aereo e tu dicessi che anche il tuo foglio di carta piegato puo' volare. No. Non è uguale.
            Dell'aggiornamento ne abbiamo parlato prima e ti
            ho dimostrato che è tutt'altro che non
            centalizzato.non mi pare tu abbia citato qualcosa di simile a wsus
            In ufficio il mio pc con
            Debian fa da server di stampa ad altri 5
            colleghi. O forse intendevi qualcos'altro?Ecco qual è il vero fulcro della questione. Sei abituato al tuo piccolo ufficio. Come diceva il tuo precedente interlocutore, non conosci come stanno le cose in realtà molto piu' grandi e si vede dalle tue domande.
          • eder scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric

            Quindi definizione di profili e acl per
            utenti.

            No. Assolutamente no. La solita disarmante
            banalizzazione
            linara.
            E' come se uno ti facesse vedere un aereo e tu
            dicessi che anche il tuo foglio di carta piegato
            puo' volare. No. Non è
            uguale.Nessuna banalizzazione. Ti invito a dimostrarmi quale aspetto di questa gestione non si possa replicare su un'infrastruttura gnu/linux. Se no le tue rimangono superXXXXXle dovute all'assoluta non conoscenza dell'altro contesto.

            Dell'aggiornamento ne abbiamo parlato prima
            e
            ti

            ho dimostrato che è tutt'altro che non

            centalizzato.

            non mi pare tu abbia citato qualcosa di simile a
            wsusCome prima. Ti muovi come un elefante in un megozio di cristalleria.È solo perché non conosci apt-proxy o il concetto di mirror per la centralizzazione degli update.Volendo essere paranoici, potrei definire delle sandbox sulle macchine attraverso AppArmor o SELinux e posso usare puppet per gestire batterie di installazioni senza mettere un dito sulle macchine.

            In ufficio il mio pc con

            Debian fa da server di stampa ad altri 5

            colleghi. O forse intendevi qualcos'altro?

            Ecco qual è il vero fulcro della questione. Sei
            abituato al tuo piccolo ufficio. Come diceva il
            tuo precedente interlocutore, non conosci come
            stanno le cose in realtà molto piu' grandi e si
            vede dalle tue
            domande.Il fulcro della questione è che ti ho portato un piccolo esempio locale che tu hai immediatamente generalizzato ma era solo per farti capire come fosse facile erogare un servizio che il tuo compare di sopra aveva citato prima (l'installazione centralizzata di stampanti)Il vero punto è che tu sostieni che una gestione enterprise è esclusiva di Windows.Io dico che può <b
            anche </b
            essere fatta con gnu/linux. Ovviamente sempre giudicando i contesti.Esci tu dal tuo piccolo mondo e magari fatti una dormita invece di lurkare su PI alle 6:30 di mattina ;)
      • Ignurant scrive:
        Re: Costi esagerati


        Scusami, ma questo intervento mi sembra uno
        spiedino di XXXXXXXte, scritto così senza
        argomentare.Cosa devo argomentare? la comunità open non ha mai prodotto strumenti per la gestione di reti di PC, quelli che ci sono sono a pagamento, senza pensare al fatto che ogni distro pensa per se rendendo la scelta della distro da usare la PRIMA cosa da fare in una azienda che vuole usare linux, scelta che la vincolerà per anni, esattamente come per windows.
        • giuda scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: Ignurant



          Scusami, ma questo intervento mi sembra uno

          spiedino di XXXXXXXte, scritto così senza

          argomentare.

          Cosa devo argomentare? la comunità open non ha
          mai prodotto strumenti per la gestione di reti di
          PC,1° XXXXXXXtaquindi nel mondo open source non esistono software per il controllo delle reti quelli che ci sono sono a pagamento,2° XXXXXXXtanel mondo open source il software non si paga senza
          pensare al fatto che ogni distro pensa per se3° XXXXXXXtaè open source quindi TUTTO è condiviso con tutti
          rendendo la scelta della distro da usare la PRIMA
          cosa da fare in una azienda che vuole usare
          linux,4° XXXXXXXtala prima cosa da fare è decidere di passare a linux scelta che la vincolerà per anni,
          esattamente come per
          windows.5° XXXXXXXtapossono cambiare distro quando vogliono, importare i dati, usare gli stessi settaggi, gli stessi profili, permessi con una singola riga di comando su intere reti di computer, perfino i dati documentali sono open sourcedimmi la verità, hai 12 anni e ti hanno regalato il computer per la promozione vero?
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            2° XXXXXXXta
            nel mondo open source il software non si pagalui questo non lo ha detto. Ha detto che il software (che fa determinate cose, se esiste in ambito linux) è a pagamento
            dimmi la verità, hai 12 anni Oddio tu ne avrai qualcuno in piu' forse ma se ti inventi cose che nessuno ha detto è comunque molto preoccupante eh
    • collione scrive:
      Re: Costi esagerati
      - Scritto da: Ignurant
      Cambiare 12.000 computer in una PA costa in media
      500 euro a PC, anche meno, quindi parliamo di 6??? hanno cambiato il sistema operativo, mica i pc
      linux anche peggio visto che i vari fornitori non
      dovranno fare solo aggioranamenti ma vere e
      proprie riscritture o conversioni, avendo intutti? alcuni? non sappiamo come sia organizzata la struttura in questione, per cui si può solo supporre
      futuro anche meno scelta rispetto al mondo
      windows.idem come sopra
      Riguardo office potevano usare openoffice e poi
      libreoffice anche su windows. Il cammbio in corsainfatti l'hanno fatto all'inizio, come first step della migrazione
      del sistema operativo è poi indicativo di che
      precarietà (purtroppo) esiste ancora in linux,
      non possiamoo escludere che tra 5 anni
      cambieranno ancora distro, magari alla fineno, semplicemente hanno capito che c'è bisogno di un'azienda che ti offre un prodotto certificato per determinati usi
      arriveranno a redhat con un bel canone di
      manutenzione di 3/4 milioni di euro l'anno,
      sforando di gran lunga i costi per tenersi
      windows.perchè i costi di windows a quanto ammontano? e chi ti dice che redhat si piglierebbe 3-4 milioni?
      che la comunità non è pronta, perchè quandoe infatti si sono rivolti ad un'azienda, non alla comunità
      sfondi vuol dire finire nel mondo business, e la
      parola business fa ancora schifo a troppa gente
      di quel
      settore.questa è una convinzione che avete voialtri
      • maranric scrive:
        Re: Costi esagerati

        no, semplicemente hanno capito che c'è bisogno di
        un'azienda che ti offre un prodotto certificato
        per determinati
        usitipo Microsoft? ;) Bella cosa spendere milioni di euro e 10 anni per liberarsi da Microsoft per poi diventare dipendenti da Canonical o RedHat..
        perchè i costi di windows a quanto ammontano?una soluzione personalizzata costa estremamente piu' cara di una standard applicata a centinaia di migliaia di casi
        e
        chi ti dice che redhat si piglierebbe 3-4
        milioni?Lavorano gratis? Non direi..si sono pappati 60milioni finora, chissà se riescono a mangiarne altri 60 nei prossimi 10 anni. E del resto chissenefrega? Tanto sono ricchi. E poi è eticamente giusto. ;DDD
        • Etype scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: maranric
          tipo Microsoft? ;) Bella cosa spendere milioni
          di euro e 10 anni per liberarsi da Microsoft per
          poi diventare dipendenti da Canonical o
          RedHat..Segui Ms sai quanti pc e loro programmi aziendali cambierai :D
          una soluzione personalizzata costa estremamente
          piu' cara di una standard applicata a centinaia
          di migliaia di
          casiCon la differenza che con Linux lo fai solo la prima volta per migrazione,con windows è continuo.
          Lavorano gratis? Non direi..si sono pappati
          60milioni finora, chissà se riescono a mangiarne
          altri 60 nei prossimi 10 anni. E del resto
          chissenefrega? Tanto sono ricchi. E poi è
          eticamente giusto.
          ;DDDQuanto si è pappato finora Ms,dici che è meno di redhat ? L'accendiamo ? :D
        • collione scrive:
          Re: Costi esagerati
          Si, puoi dire quello che vuoi, ma stai facendo i conti senza numeri alla mano. Quanto avrebbero speso in più rispetto al passato? Hai dati certi? Altrimenti si rimane nel campo delle illazioni.
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: collione
            Si, puoi dire quello che vuoi, ma stai facendo i
            conti senza numeri alla mano. Quanto avrebbero
            speso in più rispetto al passato? Hai dati certi?
            Altrimenti si rimane nel campo delle
            illazioni.Nessuna illazione. Il costo pesantissimo della migrazione è dovuto all'adattamento / ricerca / sviluppo etc per far andare qualcosa che andava con Win32 e cercare di fare le stesse con Linux. Il costo per l'eventuale upgrade delle macchine con licenze windows (o sostituzione completa...mantenendo il sistema precedente e adattandolo a windows 7 etc) sarebbe costato enormemente di meno.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric
            Nessuna illazione. Il costo pesantissimo della
            migrazione è dovuto all'adattamento / ricerca /
            sviluppo etc per far andare qualcosa che andava
            con Win32 e cercare di fare le stesse con Linux.E dove sta la differenza nel dover adattare qualcosa che andava con Windows XP e cercare di fare le stesse cose con Windows 7?...a parte il fatto che finita la migrazione a Windows 7 devi subito ricominciare per migrare a Windows 8 ;)
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            E dove sta la differenza nel dover adattare
            qualcosa che andava con Windows XP e cercare di
            fare le stesse cose con Windows
            7?Questa è una domanda talmente stupida che non ha senso neppure rispondere. Affrontare una questione di compatibilità WinXp -
            Win7 (o WinNT / 2000 --
            Win XP) vs Windows ---
            Linux si tratta di 2 cose talmente mostruosamente diverse come costi / difficoltà che non ha proprio senso parlarne.
            ...a parte il fatto che finita la migrazione a
            Windows 7 devi subito ricominciare per migrare a
            Windows 8
            ;)Anche qui...cagate a nastro...WinXp viene ancora usato ed è uscito nel 2002.
          • panda rossa scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric

            E dove sta la differenza nel dover adattare

            qualcosa che andava con Windows XP e cercare
            di

            fare le stesse cose con Windows

            7?

            Questa è una domanda talmente stupida che non ha
            senso neppure rispondere. E' una domanda corretta e tu NON PUOI RISPONDERE.
            Affrontare una
            questione di compatibilità WinXp -
            Win7 (o
            WinNT / 2000 --
            Win XP) vs Windows ---

            Linux si tratta di 2 cose talmente
            mostruosamente diverse come costi / difficoltà
            che non ha proprio senso
            parlarne.Sono questioni che esulano dalle tue competenze di usciere della PA e sulle quali non puoi esprimere alcun parere per manifesta incompetenza.

            ...a parte il fatto che finita la migrazione
            a

            Windows 7 devi subito ricominciare per
            migrare
            a

            Windows 8

            ;)

            Anche qui...cagate a nastro...WinXp viene ancora
            usato ed è uscito nel
            2002.Dov'e' che verrebbe ancora usato XP?
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            E' una domanda corretta e tu NON PUOI RISPONDERE.E' talmente banale che anche una scimmia sordomuta potrebbe rispondere.Per scalare una montagna su strada sterrata meglio una Jeep o una Ferrari da F1?
            Dov'e' che verrebbe ancora usato XP?Ovunque. Specie nella PA, direi nel 90 % dei pc desktop. E mi fanno ridere gli psicofan del pinguino che dicono che sono certi che Linux possa imporsi nelle PA..quasi come fosse un s.o. nato l'altro ieri. Sono 20 anni che esiste Linux. E non è penetrato minimamente in ambito pc desktop. L'esperimento di Monaco non ha cambiato nulla. Non mi stupirei che attuassero in seguito una politica di demansionamento delle postazioni con Limux per delegare tutto a un nuovo sistema CED (con postazioni windows) presente nei paraggi.
      • Ignurant scrive:
        Re: Costi esagerati
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: Ignurant

        Cambiare 12.000 computer in una PA costa in
        media

        500 euro a PC, anche meno, quindi parliamo
        di
        6

        ??? hanno cambiato il sistema operativo, mica i pc
        Avevano vecchi NT ci quali volevano dare nuova vita (nel senso di PC vecchi), con 500 euro ed anche meno avevano un pc nuovo con licenza windows OEM. I numeri son falsati.

        tutti? alcuni? non sappiamo come sia organizzata
        la struttura in questione, per cui si può solo
        supporre
        Se prima avevano windows, nella migliore della ipotesi avevano tutto software web-based, altrimenti avevano (come la maggior parte degli enti ed aziende mondiali), software con parte client disponibile solo per windows. I costi non possono che aumentare, nella speranza che negli anni vengano bilanciati dal risparmio delle licenze.

        futuro anche meno scelta rispetto al mondo

        windows.

        idem come sopra
        idem come sopra, se vuoi pensare che per linux hai la stessa gamma di scelta di software che hai per linux accomodati pure. E non parlo di winzip, parlo di software gestionali in primis.

        Riguardo office potevano usare openoffice e
        poi

        libreoffice anche su windows. Il cammbio in
        corsa

        infatti l'hanno fatto all'inizio, come first step
        della
        migrazionequindi 10 anni solo per il SO??

        no, semplicemente hanno capito che c'è bisogno di
        un'azienda che ti offre un prodotto certificato
        per determinati
        usi
        Ecco, un passo alla volta si arriva a capire che il modo della produzione non è la distro che ti installi a casa.

        perchè i costi di windows a quanto ammontano? e
        chi ti dice che redhat si piglierebbe 3-4
        milioni?
        La cifra l'ho sparata a caso sinceramente, ma i costi di redhat sono noti a tutti: https://www.redhat.com/wapps/store/catalog.htmlSolo per i client parliamo di oltre mezzo milione di euro l'anno, senza contare i server. E' vero che danno assistenza mentre MS poco è niente, ma è anche evidente che non è gratuito avere una azienda che fa business (anche se si tratta di un ente) che usa linux. Faccio altresì presente che le licenze MS non le paghi annualmente a parte in alcune situazioni, gli 80 euro di una OEM ti dura almeno 5 anni, non 49 all'anno.A questo bisogna aggiungere i costi di eventuali strumenti di gestione, software come questo https://www.redhat.com/products/enterprise-linux-add-ons/smart-management/ , soluzioni che Microsoft ti offre gratuitamente come ad esempio WSUS e group policy.

        che la comunità non è pronta, perchè quando

        e infatti si sono rivolti ad un'azienda, non alla
        comunità
        Nel senso che la comunità non pensa a software di gestione, ti sforna il miglior SO della storia e del mondo ma non come gestire due PC da una postazione centralizzata, questo è il succo del mio discorso.

        questa è una convinzione che avete voialtriParla con il primo che mi ha risposto, mettetevi d'accordo e poi ne riparliamo.
        • collione scrive:
          Re: Costi esagerati
          OK, quindi ritieni che i loro dati siano falsi? Direi che allora è inutile procedere in oziosi ragionamenti.Mi preme solo far notare che i software client-side usati nel settore enterprise sono tutti java o .NET, per il primo nessun problema, per il secondo c'è Mono.
          • Ignurant scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: collione
            OK, quindi ritieni che i loro dati siano falsi?
            Direi che allora è inutile procedere in oziosi
            ragionamenti.Si, ritengo che i dati siano falsati, tanto è vero che in questo caso si parla di stime di Canonical. Per avere una stima un po' più esatta ci vorrebbe una commissione indipendente che analizzi i costi e le problematiche attuali e confronti con un ente di simili dimensioni, non con lo stsso ente di 10 anni fa visto che nel frattempo sono cambiate un sacco di cose e di costi.Sarei veramente interessante ad uno studio simile.

            Mi preme solo far notare che i software
            client-side usati nel settore enterprise sono
            tutti java o .NET, per il primo nessun problema,
            per il secondo c'è
            Mono.Sarà come dici, io lavoro per aziende ed enti e TUTTI fanno fanno fatica solo ad usare libreoffice pe rincopatibilità varie con i gestionali, per alcune applicazioni linux o windows sarebbe uguale, tante non funzionano sotto linux. È già stato un passo avanti che molte iniziano a funzionare con browser diversi da IE, alcune iniziano a slegarsi da office e qualcuna inizia a usare db aperti come mysql o postgree o altri.
          • collione scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: Ignurant
            Canonical. Per avere una stima un po' più esatta
            ci vorrebbe una commissione indipendente che
            analizzi i costi e le problematiche attuali e
            confronti con un ente di simili dimensioni, non
            con lo stsso ente di 10 anni fa visto che nel
            frattempo sono cambiate un sacco di cose e di
            costi.
            Sarei veramente interessante ad uno studio simile.quello che ti posso dire, è che ( mi pare l'anno scorso ) la stessa municipalità di Monaco affermò di aver risparmiato 11 milioni di euro
            Sarà come dici, io lavoro per aziende ed enti e
            TUTTI fanno fanno fatica solo ad usare
            libreoffice pe rincopatibilità varie con i
            gestionali, per alcune applicazioni linux oehm, non parlavo di libreoffice, ma di software .net usabili tramite monoanzi, proprio la PA, dato che usa perennemente software vecchio, ha maggiori probabilità di riuscire ad usare appieno tale software tramite mono ( dato che mono è in genere sempre un pò indietro rispetto a .net, anche se tale problema sarà risolto a brevissimo, grazie alla pubblicazioni dei sorgenti di .net )
            windows sarebbe uguale, tante non funzionano
            sotto linux. È già stato un passo avanti chetante quante? .net è diffusissimo nel campo dei software gestionali, il resto è javaquanti software sono scritti direttamente in codice nativo per windows?
            molte iniziano a funzionare con browser diversi
            da IE, alcune iniziano a slegarsi da office e
            qualcuna inizia a usare db aperti come mysql o
            postgree o
            altri.ok, capisco, parli dell'Italiaovviamente l'articolo si riferisce al primo mondo, non al terzo mondo
          • Ignurant scrive:
            Re: Costi esagerati


            ovviamente l'articolo si riferisce al primo
            mondo, non al terzo
            mondoOk per tutto, vedremo in futuro. Riguardo al "primo mondo", in Germania solo Monaco su non so quante PA ha fatto questo passo. In 10 anni. Vedremo quanti lo seguiranno
          • collione scrive:
            Re: Costi esagerati
            c'è pure la us navy ( per citare primo mondo al di fuori della Germania ) e ce ne sono tanti altrici sono pure quelli che lo fanno e non lo pubblicizzanoio i linux li vedo, quindi dove starebbe il problema?
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            ci sono pure quelli che lo fanno e non lo
            pubblicizzanoahahahaha bella questa!!! Se uno fa qualcosa con Linux lo pubblicizza come se fosse la cosa piu' incredibile ed eccezionale dell'universo! figurati se non lo pubblicizzano ;)
            io i linux li vedo, quindi dove starebbe il
            problema?...che quello che vedi tu non interessa a nessuno. Contano solo le statistiche, con dati reali (non visioni), che dicono che nei pc desktop linux non esiste. Fine.
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: Ignurant
          Nel senso che la comunità non pensa a software di
          gestione, ti sforna il miglior SO della storia e
          del mondo ma non come gestire due PC da una
          postazione centralizzata, questo è il succo del
          mio discorso.Il fatto che tu non lo conosca non vuol dire che non esista:http://puppetlabs.com/
    • Orlangio scrive:
      Re: Costi esagerati
      Ma tu credi che la rete del Comune di Monaco sia fatta di solo client ?Magari come a casa tua dove ci sono 3 PC e magari come top tecnologico pure un NAS NetGear ?Credo che la stima dei costi comprenda sia la parte Server che la parte Client,le licenze di M$ Windows Server non te le regalano e spesso sono legateal tipo di Macchina od al numero di client.Lo stesso per i software SqlServer etc...Certo potevano migrare SOLO i server e tenere i client Windows, lasciando solo le spese per i software antivirus/etc...Però ogni 3x2 la M$ pubblica qualche aggiornamento che mette fuori uso e/o complica molto la compatibilità con i vari samba etc...Quindi credo che si siano detti:"se i server sono Linux, anche i client facciamoli Linux"
      • maranric scrive:
        Re: Costi esagerati

        Certo potevano migrare SOLO i server e tenere i
        client Windows, lasciando solo le spese per i
        software
        antivirus/etc...a che pro? NON ESISTE nulla in ambito Linux in grado di avvicinarsi alle potenzialità di Windows 2008 Server. Finchè c'è uno storage o un ftp da tirar su, va bene Linux...per organizzare il lavoro in ambito server/client, occorre Windows. Fine della questione.
        • eder scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: maranric

          Certo potevano migrare SOLO i server e
          tenere
          i

          client Windows, lasciando solo le spese per i

          software

          antivirus/etc...

          a che pro? NON ESISTE nulla in ambito Linux in
          grado di avvicinarsi alle potenzialità di Windows
          2008 Server. Finchè c'è uno storage o un ftp da
          tirar su, va bene Linux...per organizzare il
          lavoro in ambito server/client, occorre Windows.
          Fine della
          questione.Dimmi quali sarebbero questi ambiti client server in cui le potenzialità di windows 2008, nell'organizzare il lavoro, siano superiori a quelle di gnu/linux.Ti rendi conto da solo che già una frase così sembra una prematurata con scappellamento a destra , no?
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati
            -
            Ti rendi conto da solo che già una frase così
            sembra una prematurata con scappellamento a
            destra ,
            no?http://www.ytechie.com/2008/04/i-switched-from-linux-to-windows-server-2008/chiedilo a chi c'è già passato ;)
          • eder scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric
            -

            Ti rendi conto da solo che già una frase così

            sembra una prematurata con scappellamento a

            destra ,

            no?

            http://www.ytechie.com/2008/04/i-switched-from-lin

            chiedilo a chi c'è già passato ;)Dunque... Da una parte abbiamo una migrazione di 12000 PC della PA di Monaco, dall'altra un tizio che usa Ubuntu su una macchina virtuale, si imXXXXX nel gestire un raid software e scopre la luce con windows 2008 server perchè oltre alla gui, gli dà modo di tirare su un server di sviluppo (ma tu pensa! Altro che ftp o storage. Un server di sviluppo addirittura) e di non leggere documentazione (roba che ad un sistemista serio scatenerebbe una furia omicida) perché può fare next-next-next???Seriamente. Ritieni veramente che i casi siano comparibili?
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            Dunque... Da una parte abbiamo una migrazione di
            12000 PC della PA di Monaco, dall'altra un tizio
            che usa Ubuntu su una macchina virtuale,...e dall'altra ci sei tu che non hai capito una cippa.Una questione è Windows 2008 server vs Linux (e ti ho portato un valido esempio di uno che è migrato), l'altra è la migrazione di Monaco
            Seriamente. Ritieni veramente che i casi siano
            comparibili?scusa, hai letto il thread o prendi frasi a caso e poi commenti?
          • eder scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric

            Dunque... Da una parte abbiamo una
            migrazione
            di

            12000 PC della PA di Monaco, dall'altra un
            tizio

            che usa Ubuntu su una macchina virtuale,

            ...e dall'altra ci sei tu che non hai capito una
            cippa.
            Una questione è Windows 2008 server vs Linux (e
            ti ho portato un valido esempio di uno che è
            migrato), l'altra è la migrazione di
            MonacoE l'esempio dovevi farmelo tu. Ho chiesto a te quali fossero questi ambiti client/server in cui Windows è irrinunciabile, non all'evangelist

            Seriamente. Ritieni veramente che i casi
            siano

            comparibili?

            scusa, hai letto il thread o prendi frasi a caso
            e poi
            commenti?Ho letto: Jason Young <b
            Azure Developer & Evangelist </b
            .Che doveva dirmi questo qua? Che win2k8 server faceva cag4r3 (e sono d'accordo che non è così ma all'oste non puoi chiedere com'è il suo vino)?
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            E l'esempio dovevi farmelo tu. Ho chiesto a te
            quali fossero questi ambiti client/server in cui
            Windows è irrinunciabileLo hanno detto pure quelli di Monaco che in certi ambiti, semplicemente, non puoi usare Linux e devi usare Windows. Fine della questione. Cio' dimostra che certamente molti di quei pc "migrati" hanno il buon vecchio Windows con Libreoffice e Firefox. Se l'appliance per la gestione delle carte d'identità gira su windows, si collega tramite anagrafe regionale tramite un app che gira su windows in un browser windows con activeX Windows e produce etichette e stampe su una stampante che non ha driver linux tramite un tool di allineamento per windows, semplicemente NON usi Linux. Non ha alcun senso barare usando wine o macchine virtuali windows dentro linux... Certi applicativi per linux non esistono. E non possono essere creati a caso da un pugno di ingegneri. Friburgo ha cercato di fare la stessa cosa che ha fatto Monaco..ed è tornata indietro solo per i problemi di OpenOffice (che non è di certo Office). La strada intrapresa da Monaco è certamente interessante...ma purtroppo non c'è alcuna dimostrazione di "situazione migliorata" rispetto alla precedente. Altrimenti, come detto in altri post, il proXXXXX di migrazione non sarebbe un granello di sabbia nel deserto ma sarebbe la prassi.



            Seriamente. Ritieni veramente che i casi

            siano


            comparibili?



            scusa, hai letto il thread o prendi frasi a
            caso

            e poi

            commenti?

            Ho letto: Jason Young <b
            Azure Developer
            & Evangelist </b

            .
            Che doveva dirmi questo qua? Che win2k8 server
            faceva cag4r3 (e sono d'accordo che non è così ma
            all'oste non puoi chiedere com'è il suo
            vino)?
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric
            Friburgo ha cercato di fare la stessa cosa che ha
            fatto Monaco..ed è tornata indietro solo per i
            problemi di OpenOffice Ti faccio notare che Friburgo non è importante esattamente quanto Monaco di Baviera.Da una parte hai la capitale del secondo land tedesco per popolazione, dall'altra una cittadina che non arriva alle dimensioni di Bologna.
          • eder scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric

            E l'esempio dovevi farmelo tu. Ho chiesto a
            te

            quali fossero questi ambiti client/server in
            cui

            Windows è irrinunciabile

            Lo hanno detto pure quelli di Monaco che in certi
            ambiti, semplicemente, non puoi usare Linux e
            devi usare Windows. Fine della questione. Cio'
            dimostra che certamente molti di quei pc
            "migrati" hanno il buon vecchio Windows con
            Libreoffice e Firefox.

            Se l'appliance per la gestione delle carte
            d'identità gira su windows, si collega tramite
            anagrafe regionale tramite un app che gira su
            windows in un browser windows con activeX Windows
            e produce etichette e stampe su una stampante che
            non ha driver linux tramite un tool di
            allineamento per windows, semplicemente NON usi
            Linux.

            Non ha alcun senso barare usando wine o macchine
            virtuali windows dentro linux... Certi
            applicativi per linux non esistono. E non possono
            essere creati a caso da un pugno di ingegneri.

            Friburgo ha cercato di fare la stessa cosa che ha
            fatto Monaco..ed è tornata indietro solo per i
            problemi di OpenOffice (che non è di certo
            Office). La strada intrapresa da Monaco è
            certamente interessante...ma purtroppo non c'è
            alcuna dimostrazione di "situazione migliorata"
            rispetto alla precedente. Altrimenti, come detto
            in altri post, il proXXXXX di migrazione non
            sarebbe un granello di sabbia nel deserto ma
            sarebbe la
            prassi.In situazione del genere sì, non posso darti torto.Infatti ho sempre detto che dipende dai contesti.Quando sei così strettamente vincolata ad un'instrastruttura/tecnologia la migrazione diventa sempre più complessa se non impraticabile.Certo, non c'è niente di veramente insuperabile, però comincia ha costi non proprio trascurabili.Quello che dico è che, evidentemente, nel contesto di Monaco, sono riusciti a sopperire a tutte le esigenze del caso.
        • panda rossa scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: maranric
          a che pro? NON ESISTE nulla in ambito Linux in
          grado di avvicinarsi alle potenzialità di Windows
          2008 Server. XXXXXXX! La rete e' piena di winsozz 2008 server.Perfino google lo usa!
          Finchè c'è uno storage o un ftp da
          tirar su, va bene Linux...per organizzare il
          lavoro in ambito server/client, occorre Windows.Si certo, come detto sopra, il 99% dei server della rete sono proprio windows.Anche il 99% dei supercomputer sono windows.Ma finiscila di fuddare.Winsozz e' solo un sistema buono per giocare.
          Fine della
          questione.Fine.
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            XXXXXXX! La rete e' piena di winsozz 2008 server.ce ne sono diversi in ogni PA.
            Anche il 99% dei supercomputer sono windows.Le PA usano computer. Non supercomputer.
            Winsozz e' solo un sistema buono per giocare.Il 100 % della PA usa Windows. End of the story.O tutte quante giocano oppure hai detto una XXXXXXX.
          • bradipao scrive:
            Re: Costi esagerati
            - Scritto da: maranric
            Il 100 % della PA usa Windows. End of the story.Beh, il fatto che tutte le PA usino Windows non è che sia un granchè come merito.
        • Etype scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: maranric
          a che pro? NON ESISTE nulla in ambito Linux in
          grado di avvicinarsi alle potenzialità di Windows
          2008 Server.(rotfl)(rotfl)(rotfl)C'è ancora l'interfaccia grafica ? :DIl cestino di rete lo hanno fatto si ?
          Finchè c'è uno storage o un ftp da
          tirar su, va bene Linux...Un NAS,un Proxy,un server,un PBX ai voglia :)
          per organizzare il
          lavoro in ambito server/client, occorre Windows.meglio mettere un punto interrogativo a fine frase :D
        • PinguinoCattivo scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: maranric

          a che pro? NON ESISTE nulla in ambito Linux in
          grado di avvicinarsi alle potenzialità di Windows
          2008 Server. Finchè c'è uno storage o un ftp da
          tirar su, va bene Linux...per organizzare il
          lavoro in ambito server/client, occorre Windows.
          Fine della
          questione.omg
      • Ignurant scrive:
        Re: Costi esagerati
        - Scritto da: Orlangio
        Ma tu credi che la rete del Comune di Monaco sia
        fatta di solo client
        ?
        No, 12.000 sono i client che citano loro, poi arrivati a 14.000, certo che immagino che ci siano server.
        Magari come a casa tua dove ci sono 3 PC e magari
        come top tecnologico pure un NAS NetGear
        ?
        a casa mia ho a malapena un PC, dove lavoro ho una rete windows con AD ed una svagonata di server linux, quelli che metto io completamente gratuiti (debian, ubuntu server, freebsd), quelli che mettono i fornitori sono solitamente red-hat enterprise SENZA supporto e senza aggiornamenti, caso tipico in migliaia di aziende italiane. Si si, adesso si alza il polverone, andate a vedere e chiedete e poi ditemi se non è vero.
        Credo che la stima dei costi comprenda sia la
        parte Server che la parte
        Client,
        le licenze di M$ Windows Server non te le
        regalano e spesso sono
        legate
        al tipo di Macchina od al numero di client.
        Lo stesso per i software SqlServer etc...
        I server si possono migrare più facilmente dei client, dipende cosa deve vedere il client. A meno che non sei legato mani e piedi perché ti serve MSSql Server, quasi tutta l'altra roba si può migrare usando samba, apache, postgree, oracle su linux ecc ecc. Io non sono contro linux, io sono contro sti progetti da suicidio, non servono a niente e stanno spendendo un sacco di soldi con un sacco di disservizi (mia supposizione ma ci scommetterei sopra tranquillamente).
        Certo potevano migrare SOLO i server e tenere i
        client Windows, lasciando solo le spese per i
        software
        antivirus/etc...
        Avrei fatto così in un primo momento
        Però ogni 3x2 la M$ pubblica qualche
        aggiornamento che mette fuori uso e/o complica
        molto la compatibilità con i vari samba
        etc...
        Questo è vero, però un'azienda strutturata può anche avere un team di change management credo, inoltre i costi per fare file server windows è più che gestibile credo.
        Quindi credo che si siano detti:

        "se i server sono Linux, anche i client
        facciamoli
        Linux"Si si, ma per me hanno fatto il passo più lungo della gamba, 10 anni ci hanno messo con cambio di distro in corso, ed in futuro si vedrà
    • Etype scrive:
      Re: Costi esagerati
      - Scritto da: Ignurant
      Cambiare 12.000 computer in una PA costa in media
      500 euro a PC, anche meno, quindi parliamo di 6
      milioni di euro.Guarda che c'è scritto CONVERSIONE"conversione di 12mila PC al nuovo sistema operativo (nel frattempo saliti a 14mila)"Questa continua moda di comprare pc ogni volta che cambia l'OS
      I costi derivati dal cambio
      dell'SO sono paragonabili, anzi, nel caso di
      linux anche peggio visto che i vari fornitori non
      dovranno fare solo aggioranamenti ma vere e
      proprie riscritture o conversioni, avendo in
      futuro anche meno scelta rispetto al mondo
      windows.Il cambio lo fai una volta sola,così come le conversioni...Meno scelta rispetto al mondo windows per cosa ?Pensi veramente che non si siano fatti 2 conti prima ?
      Riguardo office potevano usare openoffice e poi
      libreoffice anche su windowsIl problema è che dovevano tenersi anche windows,poi magari esce qualche OS di Ms che s'inventa nuovi requisiti alla SSE2 e NX come per Win8 e vai a cambiare altri 15.000 pc :D
      Il cammbio in corsa
      del sistema operativo è poi indicativo di che
      precarietà (purtroppo) esiste ancora in linux,
      non possiamoo escludere che tra 5 anni
      cambieranno ancora distroPerchè dovrebbero farlo ?Ormai sono già su Linux,anche cambiando le modifiche non sono enormi.
      magari alla fine
      arriveranno a redhat con un bel canone di
      manutenzione di 3/4 milioni di euro l'anno,
      sforando di gran lunga i costi per tenersi
      windows.Ma certo come no,cos'è hai contattato redhat per un preventivo per sapere che sono 3/4 milioni ?
      Passare a linux è sbagliato? no, ma il problema è
      che la comunità non è prontaChi sarebbe il luminare che decide chi o cosa è pronto ?
      perchè quando
      sfondi vuol dire finire nel mondo business, e la
      parola business fa ancora schifo a troppa gente
      di quel
      settore.Ma non hai nominato redhat ? :o
      • maranric scrive:
        Re: Costi esagerati

        Questa continua moda di comprare pc ogni volta
        che cambia
        l'OScon 60milioni rinnovavano il parco macchine una decina di volte in 10 anni...
        Meno scelta rispetto al mondo windows per cosa ?
        Pensi veramente che non si siano fatti 2 conti
        prima
        ?ed erano sbagliati...ci hanno messo DIECI anni.
        • Etype scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: maranric
          con 60milioni rinnovavano il parco macchine una
          decina di volte in 10
          anni...Non ne vedo il motivo se l'esigenza che hanno è sempre quella.
          ed erano sbagliati...ci hanno messo DIECI anni.Evidentemente la variabile tempo non era così importante altrimenti arebbero fermato tutto un paio d'anni dopo ;)
      • Ignurant scrive:
        Re: Costi esagerati

        Guarda che c'è scritto CONVERSIONE

        "conversione di 12mila PC al nuovo sistema
        operativo (nel frattempo saliti a
        14mila)"

        Questa continua moda di comprare pc ogni volta
        che cambia
        l'OSNo, ti manca un passaggio, nessuno dice di cambiare PC quando cambia l'OS, io sinceramente in 15 anni di inforamtico non l'ho MAI visto fare in centinaia di aziende, solitamente quando sei costretto a cambiare PC allora ti prendi anche il SO nuovo, anzi, a volte ti tinei pure il SO vecchio facendo il downgrade. Ora, se tu hai un parco macchine di 12.000 PC vecchi (magari non tutti, ma gran parte), Pentium 3 o 4 con un Gb di RAM, se sei convinto che dureranno altri 10 anni se ci metti linux fai pure, io li vedo arrancare pure con xubuntu, senza contare i componenti che si possono rompere da un momento all'altro. E' vero che un po' più di spunta rispetto a windows la hanno, ma non investirei il futuro della mia azienda su client obsoleti che a breve dovrai cambiare ugualmente.E comunque prova a montare una Ubuntu desktop su un pentium 4, vediamo se sai cosa ti dice in fase di installazione..

        Il cambio lo fai una volta sola,così come le
        conversioni...
        Meno scelta rispetto al mondo windows per cosa ?
        Pensi veramente che non si siano fatti 2 conti
        prima
        ?
        Si si, ed hanno fatto pure il conto di cambiare distro in corso? ed i conti dei fornitori chi li ha fatti? il commerciale di turno che gli ha detto "si si, si può fare", e negli anni cosa gli costa una personalizzazione del software?La gente sbaglia, non fidarti sempre di quello che ti dicono, tra l'altro è ovvio che pubblicamente devono difendere la loro scelta.
        Il problema è che dovevano tenersi anche
        windows,poi magari esce qualche OS di Ms che
        s'inventa nuovi requisiti alla SSE2 e NX come per
        Win8 e vai a cambiare altri 15.000 pc
        :DNon sei obbligato a cambiare SO appena esce, te l'ho già scritto, i tuoi fornitori hanno tutto il tempo di preparare nuove versioni visto che hanno anche altre N clienti, non solo te con la tua brillante idea di usare client linux ed adesso sei a rischio pure a fare un upgrade di versione. Io la mia Ubuntu desktop l'ho dovuta piallare almeno due volte dopo upgrade di versione tanto per dirne una.

        Perchè dovrebbero farlo ?
        Ormai sono già su Linux,anche cambiando le
        modifiche non sono
        enormi.
        E perché lo hanno fatto la prima volta? Cambieranno perchè Canonical non ha gli stessi strumenti di gestione che ha red-hat, appena si accorgono che red-hat gli fa risparmiare 10.000 ore di tempo per fare update e aggiornamenti vedi come ci pensano tre volte. E poi si ritrovano però ad avere script ed altre mille cose che erano fatti per ubuntu, ad esempio con apt-get da repository centralizzati che per redhat dovranno essere cambiati in yum o altro (non ricordo il comando di red-hat). Parlo per supposizione, ma vedrai se non l'imbrocco.

        Ma certo come no,cos'è hai contattato redhat per
        un preventivo per sapere che sono 3/4 milioni
        ?La cifra l'ho sparata, ma guardati il loro listino con prezzi ANNUALI per capire che non è che regalano la roba.

        Chi sarebbe il luminare che decide chi o cosa è
        pronto
        ?Io, quando vedo che mancano gli strumenti di gestione.

        Ma non hai nominato redhat ? :oSi, ed a quel punto i costi sono comparabili a MS e, attenzione attenzione, anche qua vanno a finire fuori dai confini nazionali, altra stronz. epica di chi sostiene linux come scelta etica. (ed vale anche per canonical a dire il vero)
        • Etype scrive:
          Re: Costi esagerati
          - Scritto da: Ignurant
          No, ti manca un passaggio, nessuno dice di
          cambiare PC quando cambia l'OS, io sinceramente
          in 15 anni di inforamtico non l'ho MAI visto fare
          in centinaia di aziende, solitamente quando sei
          costretto a cambiare PC allora ti prendi anche il
          SO nuovo, anzi, a volte ti tinei pure il SO
          vecchio facendo il downgrade.Win8,già per i requisiti minimi hardware :DDa XP a Vista già dovevi fare corposi upgradeGli ultimi OS windows sono tutto tranne che parchi nel consumo di risorse.
          Ora, se tu hai un
          parco macchine di 12.000 PC vecchi (magari non
          tutti, ma gran parte), Pentium 3 o 4 con un Gb di
          RAM, se sei convinto che dureranno altri 10 anni
          se ci metti linux fai pure, io li vedo arrancare
          pure con xubuntu, senza contare i componenti che
          si possono rompere da un momento all'altro.Ti posso smentire alla grande,il computer dal quale ti scrivo ha 11 anni,tranne l'HDD che mi è durato 9 anni e la sostituzione di un banco di RAM il resto è rimasto tale e quale.Il computer più vecchio che ho è un Pentium III a 850Mhz,tranne l'HDD tutto il resto è originale ed è ancora più vecchio.I computer si cambiano o quando ti serve più potenza in elaborazione dati o quando subiscono un guasto irreparabile,fine.Non hai idea di quanti computer dal passaggio di una versione vecchia di Windows alla successiva erano da considerare da buttare,poi installi Linux e ti ricredi.Xubuntu arranca ? :DAnche se si rompono i componenti possono essere sostituiti,non sono mica saldati ;)
          E' vero che un po' più di spunta rispetto a windows
          la hanno, ma non investirei il futuro della mia
          azienda su client obsoleti che a breve dovrai
          cambiare
          ugualmente.un pò più di spunta ? :D :D :D solo ?Se non cambia il carico di lavoro perchè dovresti cambiare?
          E comunque prova a montare una Ubuntu desktop su
          un pentium 4, vediamo se sai cosa ti dice in fase
          di
          installazione..Cosa ti dice "no,non mi piace,voglio un Athlon" ? :D
          Si si, ed hanno fatto pure il conto di cambiare
          distro in corso?evidentemente non era un grosso problema per loro.
          ed i conti dei fornitori chi li
          ha fatti?Batman
          il commerciale di turno che gli ha
          detto "si si, si può fare", e negli anni cosa gli
          costa una personalizzazione del
          software?Che fai solo una volta...
          La gente sbaglia, non fidarti sempre di quello
          che ti dicono, tra l'altro è ovvio che
          pubblicamente devono difendere la loro
          scelta.Ah,quindi se rimaneva a Windows e spendeva un botto tra PC nuovi,licenze windows,sever,programmi per lavoro,antivirus,ecc era giusto e non discutibile vero ?Infatti non mi fido neanche delle XXXXXXXte di Ms quando faceva vedere slide secondo le quali i suoi OS erano sempre la scelta giusta e conveniente.Che la gente sbagli è un'altra questione,in grosse operazioni con una buona quantità di denaro ci si può anche permettere di spendere,magari una piccola aziendina no.
          Non sei obbligato a cambiare SO appena esce, te
          l'ho già scritto, i tuoi fornitori hanno tutto il
          tempo di preparare nuove versioni visto che hanno
          anche altre N clientiSecondo te dovevano fare prima un piccolo upgrade di tutti i 12.000 pc magari a Vista,poi dopo tot anni passare a 7 e poi togliersi tutti i pc che avevano poichè incompatibili con win8 e ricomprarli da capo,veramente conveniente :D e parliamo solo del OS,aggiungiamoci pure programmi che da una versione all'altra diventano incompatibili e anche stamopanti e altri device per cui nno c'erano più i driver per le release più recenti di windows e completiamo il quadretto.
          non solo te con la tua
          brillante idea di usare client linux ed adesso
          sei a rischio pure a fare un upgrade di versione.Ma che stai dicendo ??
          Io la mia Ubuntu desktop l'ho dovuta piallare
          almeno due volte dopo upgrade di versione tanto
          per dirne
          una.E chissà cosa hai combinato...
          E perché lo hanno fatto la prima volta?chiedilo a loro
          Cambieranno perchè Canonical non ha gli stessi
          strumenti di gestione che ha red-hat, appena si
          accorgono che red-hat gli fa risparmiare 10.000
          ore di tempo per fare update e aggiornamenti vedi
          come ci pensano tre volteAh davvero quindi in questi 10 anni sono rimasti con ancora la prima versione ? :D molto credibile.
          E poi si ritrovano
          però ad avere script ed altre mille cose che
          erano fatti per ubuntu, ad esempio con apt-get da
          repository centralizzati che per redhat dovranno
          essere cambiati in yum o altro (non ricordo il
          comando di red-hat). Parlo per supposizione, ma
          vedrai se non
          l'imbrocco.Ma chi ti dice che cambieranno,secondo te in 10 anni sono rimasti ancora alla prima versione? Gli script li cambi una volta quando fai il passaggio ad un altro OS simile,mica ogni girono.Finalmente hai detto una cosa giusta,parli per supposizioni...una bella differenza con la realtà.
          La cifra l'ho sparata, ma guardati il loro
          listino con prezzi ANNUALI per capire che non è
          che regalano la
          roba.Ah la cifra l'hai sparata tanto per fare fud,capisco :)Poi di cosa parli di supporto ? perchè quello si fa pagare redhat.
          Io, quando vedo che mancano gli strumenti di
          gestione.Perchè conosci nel dettaglio tutta l'operazione e la gestione di Monaco ?
          Si, ed a quel punto i costi sono comparabili a MS
          e, attenzione attenzione, anche qua vanno a
          finire fuori dai confini nazionali, altra stronz.
          epica di chi sostiene linux come scelta etica.
          (ed vale anche per canonical a dire il
          vero)Fammi capire,se malauguratamente fosse stato il contrario,un passaggio da Linux a Windows saresti venuto qui a dire le stesse cose ?Già li vedo,migliaia di vantaggi con lodi e tanto di ricami
          • maranric scrive:
            Re: Costi esagerati

            Da XP a Vista già dovevi fare corposi upgrade
            Gli ultimi OS windows sono tutto tranne che
            parchi nel consumo di
            risorse.ah beh perchè Ubuntu 14 è leggerissima proprio....
            Il computer più vecchio che ho è un Pentium III a
            850Mhz,tranne l'HDD tutto il resto è originale ed
            è ancora più
            vecchio.Peccato che la vita lavorativa di una PA non sia tutta fondata sulla letterina della segreteria o su un porting di Campo Minato...
            erano da considerare da buttare,poi installi
            Linux e ti
            ricredi.XXXXXXX. Io stesso volli fare il figo installando Xubuntu su un pc che arrancava con WinXp...ed era inchiodatissimo. Rimisi di corsa Win2000 e andava alla grande.
            Xubuntu arranca ? :D
            Anche se si rompono i componenti possono essere
            sostituiti,non sono mica saldati
            ;)No, il concetto è diverso: con Linux non hai un sistema piu' veloce. Possiamo discutere su sicurezza e quello che vuoi, ma NON E' piu' veloce.
            Che fai solo una volta...No. Perchè ahimè, non tutto rimane invariato. Solo che l'eventuale personalizzazione te la devi far costruire (E FATTURARE) da Canonical..quando magari per altri software potevi disporre di upgrade quasi gratuiti.
            Ah,quindi se rimaneva a Windows e spendeva un
            botto tra PC nuovi,licenze
            windows,sever,programmi per lavoro,antivirus,ecc
            era giusto e non discutibile vero
            ?NO, spendevano MOLTO ma MOLTO estremamente MOLTO di meno. E' già stato detto.
            denaro ci si può anche permettere di
            spendere,magari una piccola aziendina
            no.E' il risultato che è penoso. Hanno speso 60milioni, 10 anni e.....ora non dipendono da sw per Windows. Quando tutto il mondo ha software Windows. Dipendono da software Linux...tutt'altro che free. A chi interessa avere OpenOffice gratis se poi devi pagare milioni per software dedicati?
            Secondo te dovevano fare prima un piccolo upgrade
            di tutti i 12.000 pc magari a Vista,poi dopo tot
            anni passare a 7 e poi togliersi tutti i pc che
            avevano poichè incompatibili con win8 e
            ricomprarli da capo,veramente conveniente :DAnche facendolo, sarebbe stato Sì, piu' conveniente.Con 60milioni cambiavano tutto il parco macchine DIECI volte.
  • king volution scrive:
    Debian da professionisti...
    Debian [...] quella che è a tutti gli effetti una distribuzione da professionisti, più che da utenti finali Affermazione quantomeno discutibile.Debian è ottima per l'uso "professionale" (server o utenza desktop "avanzata"), ma va BENISSIMO anche per la cosiddetta "utenza finale":Debian + Gnome3/Unity è circa come Ubuntu (ma Debian funziona ed è sicura)Debian + XFCE è circa come Xubuntu (ma Debian funziona ed è sicura)Debian + Mate è circa come Linux Mint (ma Debian funziona ed è sicura)ecc.
    • maxsix scrive:
      Re: Debian da professionisti...


      Debian + Gnome3/Unity è circa come Ubuntu (ma
      Debian funziona ed è
      sicura)
      Quindi stai dicendo che solo Debian funziona ed è sicura?Hmmm....
      • king volution scrive:
        Re: Debian da professionisti...
        - Scritto da: maxsix



        Debian + Gnome3/Unity è circa come Ubuntu (ma

        Debian funziona ed è

        sicura)


        Quindi stai dicendo che solo Debian funziona ed è
        sicura?

        Hmmm....no. sto dicendo che ubuntu fa XXXXXX (la peggiore e più insicura distribuzione mai vista)...sto dicendo anche che tutte le distribuzioni che usano un kernel NON deblobbato e/o installano software proprietario, sono insicure e con problemi di privacy (il che vale, peraltro, per QUALSIASI distribuzione, inclusa Debian)...
        • maxsix scrive:
          Re: Debian da professionisti...
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: maxsix





          Debian + Gnome3/Unity è circa come
          Ubuntu
          (ma


          Debian funziona ed è


          sicura)




          Quindi stai dicendo che solo Debian funziona
          ed
          è

          sicura?



          Hmmm....

          no.

          sto dicendo che ubuntu fa XXXXXX (la peggiore e
          più insicura distribuzione mai
          vista)...

          sto dicendo anche che tutte le distribuzioni che
          usano un kernel NON deblobbato e/o installano
          software proprietario, sono insicure e con
          problemi di privacy (il che vale, peraltro, per
          QUALSIASI distribuzione, inclusa
          Debian)...Quindi mi stai dicendo che un installazione linux con moduli binari e/o codice blob sparso è fondamentalmente insicura tanto quanto un Windows qualunque.Meno male che non sono solo a pensare e dire certe cose.
          • collione scrive:
            Re: Debian da professionisti...
            - Scritto da: maxsix
            Quindi mi stai dicendo che un installazione linux
            con moduli binari e/o codice blob sparso è
            fondamentalmente insicura tanto quanto un Windows
            qualunque.non ha fatto paragoni, per cui non forzare le affermazioni altrui
            Meno male che non sono solo a pensare e dire
            certe
            cose. quantomeno sei l'unico che interpreta le cose come gli conviene
          • Elrond scrive:
            Re: Debian da professionisti...
            - Scritto da: maxsix
            Quindi mi stai dicendo che un installazione linux
            con moduli binari e/o codice blob sparso è
            fondamentalmente insicura tanto quanto un Windows
            qualunque.Probabilmente meno di un Mac qualunque.Stammi bene.
          • giuda scrive:
            Re: Debian da professionisti...
            - Scritto da: Elrond
            - Scritto da: maxsix


            Quindi mi stai dicendo che un installazione
            linux

            con moduli binari e/o codice blob sparso è

            fondamentalmente insicura tanto quanto un
            Windows

            qualunque.

            Probabilmente meno di un Mac qualunque.
            Stammi bene.epic win
          • king volution scrive:
            Re: Debian da professionisti...
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: king volution

            - Scritto da: maxsix







            Debian + Gnome3/Unity è circa come

            Ubuntu

            (ma



            Debian funziona ed è



            sicura)






            Quindi stai dicendo che solo Debian
            funziona

            ed

            è


            sicura?





            Hmmm....



            no.



            sto dicendo che ubuntu fa XXXXXX (la
            peggiore
            e

            più insicura distribuzione mai

            vista)...



            sto dicendo anche che tutte le distribuzioni
            che

            usano un kernel NON deblobbato e/o installano

            software proprietario, sono insicure e con

            problemi di privacy (il che vale, peraltro,
            per

            QUALSIASI distribuzione, inclusa

            Debian)...

            Quindi mi stai dicendo che un installazione linux
            con moduli binari e/o codice blob sparso è
            fondamentalmente insicura tanto quanto un Windows
            qualunque.no. ti sto dicendo che una installazione linux con kernel non-debblobbato e/o con software proprietari non può essere considerata sicura: c'è la possibilità che non lo sia. punto.diverso è il discorso per "un windows qualunque", che è CERTAMENTE insicuro...e peggio che mai il discorso per "un iCoso qualunque", che è INSICURO BY DESIGN: cagate progettate apposta per "controllare" i clienti, che pure non hanno alcun reale controllo sul dispositivo
            Meno male che non sono solo a pensare e dire certe cose.pensa e dì ciò che vuoi, ma evita di mettermi in bocca cose che non ho detto. grazie
        • Nanuk scrive:
          Re: Debian da professionisti...
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: maxsix
          sto dicendo che ubuntu fa XXXXXX (la peggiore e
          più insicura distribuzione mai vista)...Io la considero la versione test della debian test :DConsidera che in questi ultimi anni grazie ad ubunti debian è diventata enormemente più facile da usare, molte delle GUI nate suy ubuntu una volta ben testate e debuggate finiscono in debian.
          sto dicendo anche che tutte le distribuzioni che
          usano un kernel NON deblobbato e/o installano
          software proprietario, sono insicure e con
          problemi di privacy (il che vale, peraltro, per
          QUALSIASI distribuzione, inclusa Debian)...Vero, ma da ora in poi sarà facile per le PA che hanno fatto la migrazione acquistare hw compatibile.
    • Funz scrive:
      Re: Debian da professionisti...
      - Scritto da: king volution
      <i
      Debian [...] quella che è a tutti gli effetti
      una distribuzione da professionisti, più che da
      utenti
      finali </i


      Affermazione quantomeno discutibile.

      Debian è ottima per l'uso "professionale" (server
      o utenza desktop "avanzata"), ma va BENISSIMO
      anche per la cosiddetta "utenza
      finale":

      Debian + Gnome3/Unity è circa come Ubuntu (ma
      Debian funziona ed è
      sicura)

      Debian + XFCE è circa come Xubuntu (ma Debian
      funziona ed è
      sicura)

      Debian + Mate è circa come Linux Mint (ma Debian
      funziona ed è
      sicura):DIo ho scelto Mint Debian Edition per il mio PC, che è come dire Debian + Cinnamon (proverò pure Mate) :)
  • Merdok scrive:
    i linari
    nel 2000 linux doveva spaccare il XXXX al mondo intero dopo 14 anni i linari sono al tappeto (rotfl)
    • Carlo scrive:
      Re: i linari
      - Scritto da: Merdok
      nel 2000 linux doveva spaccare il XXXX al mondo
      intero

      dopo 14 anni i linari sono al tappeto
      (rotfl)E' davvero geniale pubblicare un commento del genere ad un articolo del genere.
  • sisko212 scrive:
    Diciamo che...
    Ai tedeschi (che sono persone serie) non è mai piaciuto essere troppo dipendenti di una soluzione USA Based... sopratutto dopo le rivelazioni Snowden, secondo me stanno accelerando il passo...Se leggete un pò di tedesco, guardatevi quanti servizi cloud/email etc. stanno venendo fuori con il "made in germany" come a voler dire "se usate il cloud della vostra patria, i vostri dati sono al sicuro"...Questa cosa dall'Italia non traspare molto, anche perchè i tedeschi sono molto discreti e lavorano nel sottobosco, ma guardate che la storia di snowden se la solo legata al dito... basta vedere ad esempio, che ieri hanno respinto il direttore CIA dell'ambasciata usa in germania....
    • king volution scrive:
      Re: Diciamo che...
      - Scritto da: sisko212
      Ai tedeschi (che sono persone serie) non è mai
      piaciuto essere troppo dipendenti di una
      soluzione USA Based... sopratutto dopo le
      rivelazioni Snowden, secondo me stanno
      accelerando il
      passo...
      Se leggete un pò di tedesco, guardatevi quanti
      servizi cloud/email etc. stanno venendo fuori con
      il "made in germany" come a voler dire "se usate
      il cloud della vostra patria, i vostri dati sono
      al
      sicuro"...
      Questa cosa dall'Italia non traspare molto, anche
      perchè i tedeschi sono molto discreti e lavorano
      nel sottobosco, ma guardate che la storia di
      snowden se la solo legata al dito... basta vedere
      ad esempio, che ieri hanno respinto il direttore
      CIA dell'ambasciata usa in
      germania....peccato solo che, decidendo di usare ubuntu, si sono messi in casa anche il suo kernel super-blobbato: driver e firmware binari (che NON si sa cosa facciano... anche se è facilmente immaginabile...) a bizzeffe per far funzionare tutte le periferiche (a iniziare dalle interfacce di rete...)
      • sisko212 scrive:
        Re: Diciamo che...

        super-blobbato: driver e firmware binari (che NON
        si sa cosa facciano... Certo... ma considerando che hanno chiesto supporto a Canonical, mi aspetto pure che faranno un kernel a loro dedicato, con il minimo indispensabile.Mi pare poi che Canonical sia Sud Africana, per cui, seppur dentro il commonwealth, ci sia un pò di distacco dagli usa.
      • panda rossa scrive:
        Re: Diciamo che...
        - Scritto da: king volution
        peccato solo che, decidendo di usare ubuntu, si
        sono messi in casa anche il suo kernel
        super-blobbato: driver e firmware binari (che NON
        si sa cosa facciano... anche se è facilmente
        immaginabile...) a bizzeffe per far funzionare
        tutte le periferiche (a iniziare dalle interfacce
        di
        rete...)Quindi sono partiti da una situazione dove c'era la CERTEZZA che veniva tutto spiato e registrato da NSA, ad un'altra in cui forse, puo' darsi, ma anche no, e sicuramente circoscritto solo ad alcuni moduli, che magari usando opportune periferiche standar (non hanno la sounblaster da far suonare, loro) riescono ad evitare questi fantomatici blob binari.Tu resta pure incatenato ad invidiare quelli che corrono liberi.La liberta' si apprezza molto di piu' sapendo che c'e' gente che vive in catene.
        • ... scrive:
          Re: Diciamo che...
          Hai tutta la libertá di essere un XXXXXXXX, e te la sei presa proprio tutta a quanto pare.
        • king volutin scrive:
          Re: Diciamo che...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: king volution


          peccato solo che, decidendo di usare ubuntu,
          si

          sono messi in casa anche il suo kernel

          super-blobbato: driver e firmware binari
          (che
          NON

          si sa cosa facciano... anche se è facilmente

          immaginabile...) a bizzeffe per far
          funzionare

          tutte le periferiche (a iniziare dalle
          interfacce

          di

          rete...)

          Quindi sono partiti da una situazione dove c'era
          la CERTEZZA che veniva tutto spiato e registrato
          da NSA, ad un'altra in cui forse, puo' darsi, ma
          anche no, e sicuramente circoscritto solo ad
          alcuni moduli, che magari usando opportune
          periferiche standar (non hanno la sounblaster da
          far suonare, loro) riescono ad evitare questi
          fantomatici blob
          binari.

          Tu resta pure incatenato ad invidiare quelli che
          corrono
          liberi.
          La liberta' si apprezza molto di piu' sapendo che
          c'e' gente che vive in catene.scusa, ma non hai capito proprio nullalo sai a cosa si riferisce la stragrande maggioranza dei driver/firmware binari/proprietari presenti nel kernel linux "standard"? indovina un po'...: interfacce di rete...
          • krane scrive:
            Re: Diciamo che...
            - Scritto da: king volutin
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: king volution




            peccato solo che, decidendo di usare
            ubuntu,

            si


            sono messi in casa anche il suo kernel


            super-blobbato: driver e firmware binari

            (che

            NON


            si sa cosa facciano... anche se è
            facilmente


            immaginabile...) a bizzeffe per far

            funzionare


            tutte le periferiche (a iniziare dalle

            interfacce


            di


            rete...)



            Quindi sono partiti da una situazione dove
            c'era

            la CERTEZZA che veniva tutto spiato e
            registrato

            da NSA, ad un'altra in cui forse, puo'
            darsi,
            ma

            anche no, e sicuramente circoscritto solo ad

            alcuni moduli, che magari usando opportune

            periferiche standar (non hanno la
            sounblaster
            da

            far suonare, loro) riescono ad evitare questi

            fantomatici blob

            binari.



            Tu resta pure incatenato ad invidiare quelli
            che

            corrono

            liberi.

            La liberta' si apprezza molto di piu'
            sapendo
            che

            c'e' gente che vive in catene.

            scusa, ma non hai capito proprio nulla

            lo sai a cosa si riferisce la stragrande
            maggioranza dei driver/firmware
            binari/proprietari presenti nel kernel linux
            "standard"?

            indovina un po'...: interfacce di rete...Strano che Debian Squeeze vada in rete allora no ?
  • ... scrive:
    merito di unbunti? mi facci il piacere
    ubuntu vede lontano solo perche e' seduta sulle spalle di un gigante: debian.
    • Luca scrive:
      Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
      - Scritto da: ...
      ubuntu vede lontano solo perche e' seduta sulle
      spalle di un gigante:
      debian.E Debian vede lontano perché è seduta sulla cima di una montagna: il kernel GNU/Linux. :-)-- Luca
      • ... scrive:
        Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
        - Scritto da: Luca
        - Scritto da: ...

        ubuntu vede lontano solo perche e' seduta sulle

        spalle di un gigante:

        debian.

        E Debian vede lontano perché è seduta sulla cima
        di una montagna: il kernel GNU/Linux.
        :-)

        --
        LucaDebian GNU/kFreeBSD ti dice niente?
        • Shiba scrive:
          Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: Luca

          - Scritto da: ...


          ubuntu vede lontano solo perche e' seduta
          sulle


          spalle di un gigante:


          debian.



          E Debian vede lontano perché è seduta sulla cima

          di una montagna: il kernel GNU/Linux.

          :-)



          --

          Luca

          Debian GNU/kFreeBSD ti dice niente?"Kernel Panic"
    • Shiba scrive:
      Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
      - Scritto da: ...
      ubuntu vede lontano solo perche e' seduta sulle
      spalle di un gigante:
      debian.Che imho è la parte peggiore di Ubuntu.
      • bollito scrive:
        Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
        Debian e' la distribuzione migliore in assoluto in ambito server.Questo e' indiscutibile.Basarsi su debian e' l'unica scelta sensata di canonical. Tutto il resto e' pubblicita'.
        • FreeBSD scrive:
          Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
          - Scritto da: bollito
          Debian e' la distribuzione <b
          Stallman/Linus </b
          migliore in assoluto
          in ambito
          server.
          Questo e' indiscutibile.
          Basarsi su debian e' l'unica scelta sensata di
          canonical.

          Tutto il resto e' pubblicita'.E' vero. E' l'unico gnu linux che spesso uso pure io.
        • Ogekury scrive:
          Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
          - Scritto da: bollito
          Debian e' la distribuzione migliore in assoluto
          in ambito
          server.
          Questo e' indiscutibile.
          Basarsi su debian e' l'unica scelta sensata di
          canonical.

          Tutto il resto e' pubblicita'.Mah, io per i server mi fido ancora di slackware. Poi sinceramente CentOs funziona bene...
      • Winaro scrive:
        Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
        - Scritto da: Shiba
        - Scritto da: ...

        ubuntu vede lontano solo perche e' seduta
        sulle

        spalle di un gigante:

        debian.

        Che imho è la parte peggiore di Ubuntu.Sì, lo dicono pure su RIS. Debian? Che è, na malattia?
        • il signor rossi scrive:
          Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
          - Scritto da: Winaro

          Sì, lo dicono pure su RIS.
          Debian? Che è, na malattia?ah, ah... quella puntata era fantastica..."Oh no! C'è Debian!" :D
      • Elrond scrive:
        Re: merito di unbunti? mi facci il piacere
        - Scritto da: Shiba
        Che imho è la parte peggiore di Ubuntu.Argomenta.
  • tobby scrive:
    Scegliere prodotti Made in Europa no!!!!
    La Germania vanta la migliore distribuzione (Europea) Linux al Mondo che si chiama "OpenSuse"cosa cavolo cascano sul pero della"bimboXXXXXXX" Ubuntu..Bhaa mistero delle mazzette sotto banco?
    • iRoby scrive:
      Re: Scegliere prodotti Made in Europa no!!!!
      Ma Suse Linux fu acquisito da Novell nel 2004.OpenSuse è internazionale.In Germania c'è rimasta la sede legale che si occupa del merchandising, magliette, tazze per il caffelatte col logo del camaleonte, ecc.Una distribuzione vale l'altra con l'opensource, non è che bisogna prendere per forza progetti che sono piccoli e male assistiti localmente.In Austria c'era SOL Linux, http://www.sol-linux.com/ma sinceramente non me la sentirei di basarci tutta la mia infrastruttura IT.
      • tobby scrive:
        Re: Scegliere prodotti Made in Europa no!!!!
        OK passi il tuo pensiero,ma dire che la OPENSUSE è progetto piccolo e male assistito e locale(e tra le Quattro maggiori distribuzioni) credo che tu non conosca la potenzialità che questa distribuzione ha!!!!!! peccato.
    • king volution scrive:
      Re: Scegliere prodotti Made in Europa no!!!!
      - Scritto da: tobby
      La Germania vanta la migliore distribuzione
      (Europea) Linux al Mondo che si chiama
      "OpenSuse"cosa cavolo cascano sul pero
      della"bimboXXXXXXX" Ubuntu...mah... concordo pienamente su fatto che ubuntu sia una solenne cag..ta, ma Suse non è che sia molto meglio...
      Bhaa mistero delle mazzette sotto banco?non credo... semplicemente gli serviva un modo per poter installare facilmente anche su hardware non libero (quello che richiede driver/firmware proprietari in formato binario) e allora, a tutto discapito della sicurezza e della privacy, hanno preswo la scorciatoia ubuntu...la nsa e gli spioni usa ringraziano sentitamente: potranno continuare a spiare tranquillamente la pa tedesca esattamente come facevano con win...
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Scegliere prodotti Made in Europa no!!!!
        Ora capisco perchè linux non si afferma mai, c'è gente come te che fa sta guerra tra poveri.
    • Funz scrive:
      Re: Scegliere prodotti Made in Europa no!!!!
      - Scritto da: tobby
      La Germania vanta la migliore distribuzione
      (Europea) Linux al Mondo che si chiama
      "OpenSuse"cosa cavolo cascano sul pero
      della"bimboXXXXXXX" Ubuntu..Bhaa mistero delle
      mazzette sotto
      banco?Se è per quello Ubuntu ha sede legale in UK.
  • pippo75 scrive:
    Mancano dei pezzi
    23.000.000 diviso 12.000 = 1916 euro a pcma questi 1916 euro medi come sono stati spesi, passando da windows a ubuntu cosa hanno cambiato, esistono dettagli della spesa e dei costi?
    • panda rossa scrive:
      Re: Mancano dei pezzi
      - Scritto da: pippo75
      23.000.000 diviso 12.000 = 1916 euro a pc

      ma questi 1916 euro medi come sono stati spesi,
      passando da windows a ubuntu cosa hanno cambiato,
      esistono dettagli della spesa e dei
      costi?La cosa e' molto piu' semplice.Prima era molto di piu'.Esistono dettagli di dove finiva la differenza?
      • pippo75 scrive:
        Re: Mancano dei pezzi


        La cosa e' molto piu' semplice.
        Prima era molto di piu'.
        Esistono dettagli di dove finiva la differenza?Al momento no.Canlnical che parla di bene di ubuntu, MS che parla bene di windows, ma l'oste cosa dice del proprio vino?
        • iRoby scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          A me sembra un report della municipalità di Monaco, non l'opinione di Canonical.
          • pippo75 scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: iRoby
            A me sembra un report della municipalità di
            Monaco, non l'opinione di
            Canonical.io leggo: "stando a Canonical, il sucXXXXX del programma LiMux è legato proprio alla svolta introdotta dalla propria distribuzione che negli anni ha permesso di completare la conversione di 12mila PC al nuovo sistema operativo (nel frattempo saliti a 14mila), e un risparmio stimabile attorno a 11 milioni a fronte di un costo complessivo di circa 23 milioni di euro."Oste come è ubuntu, stando a canonical è ottimo.
        • ZLoneW scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          I report della municipalità di Monaco sono pubblicamente disponibili dallo scorso anno, a suo tempo gli diedi pure un'occhiata.Dentro c'era pure la formazione degli utenti, cui era destinata una bella fetta del totale.A memoria, le somme riportate da Canonical vengono dalla municipalità di Monaco, non sono stime o altro.
      • maranric scrive:
        Re: Mancano dei pezzi

        La cosa e' molto piu' semplice.
        Prima era molto di piu'.
        Esistono dettagli di dove finiva la differenza?Per i tonti a cui puoi mettere in testa qualsiasi cosa, la tua affermazione è giusta...ma chi vuole i dettagli per ragionare con la sua testa, non puo' accontentarsi. In molti siti si legge che, per l'appunto, solo di migrazione sono stati spesi 60milioni. Dovuto per lo piu' al tentativo di far funzionare con Linux quello che già funzionava benone con Windows...e chissà con che prezzo in termini di operatività. Nell'informatica ci sono quintali di workaround per ovviare a una valanga di problemi..ma se all'impiegato X fai fare 30 operazioni invece di 5 per fare la stessa cosa, uno puo' dire "OK, riesce a lavorare", un altro puo' farti notare che fa 1/6 del lavoro..punti di vista. In definitiva : eticamente puo' essere una cosa giusta, economicamente è di certo un disastro..dato che una licenza windows piu' office a livello aziendale costa pochissimo. Ipotizzando di dover migrare 10mila pc e mettendo anche 200 euro a macchina di software (esagero, ovviamente...le licenze governative costano molto meno) sarebbero appena 2milioni di euro. Questo fa capire che quando parlano di 10...20...o 60milioni di euro, il costo LICENZE microsoft di 2 mil è irrisorio rispetto agli ALTRI veri costi...concetto molto difficile da far capire ai soliti fanboy linux.
        • bradipao scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          - Scritto da: maranric
          Per i tonti a cui puoi mettere in testa qualsiasi
          cosa, la tua affermazione è giusta...Occhio, che i numeri di Monaco stanno dimostrando che è a te che hanno messo in testa una cosa non vera.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            Occhio, che i numeri di Monaco stanno dimostrando
            che è a te che hanno messo in testa una cosa non
            vera.Tu dici che quando l'amministrazione stessa parla di MILIONI di euro in realtà intenda altro? Illuminami!
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric

            Occhio, che i numeri di Monaco stanno
            dimostrando

            che è a te che hanno messo in testa una cosa
            non

            vera.

            Tu dici che quando l'amministrazione stessa parla
            di MILIONI di euro in realtà intenda altro?
            Illuminami!No.Magari oltre ai client sono stati rimpiazzati anche i vari domain controller, antivirus e via discorrendo.
        • Ogekury scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          - Scritto da: maranric

          La cosa e' molto piu' semplice.

          Prima era molto di piu'.

          Esistono dettagli di dove finiva la differenza?

          Per i tonti a cui puoi mettere in testa qualsiasi
          cosa, la tua affermazione è giusta...ma chi vuole
          i dettagli per ragionare con la sua testa, non
          puo' accontentarsi. In molti siti si legge che,
          per l'appunto, solo di migrazione sono stati
          spesi 60milioni. Dovuto per lo piu' al tentativo
          di far funzionare con Linux quello che già
          funzionava benone con Windows...e chissà con che
          prezzo in termini di operatività.
          Nell'informatica ci sono quintali di workaround
          per ovviare a una valanga di problemi..ma se
          all'impiegato X fai fare 30 operazioni invece di
          5 per fare la stessa cosa, uno puo' dire "OK,
          riesce a lavorare", un altro puo' farti notare
          che fa 1/6 del lavoro..punti di vista.


          In definitiva : eticamente puo' essere una cosa
          giusta, economicamente è di certo un
          disastro..dato che una licenza windows piu'
          office a livello aziendale costa pochissimo.
          Ipotizzando di dover migrare 10mila pc e mettendo
          anche 200 euro a macchina di software (esagero,
          ovviamente...le licenze governative costano molto
          meno) sarebbero appena 2milioni di euro. Questo
          fa capire che quando parlano di 10...20...o
          60milioni di euro, il costo LICENZE microsoft di
          2 mil è irrisorio rispetto agli ALTRI veri
          costi...concetto molto difficile da far capire ai
          soliti fanboy
          linux.Ammazza che analisi dettagliata, mi hai convinto, aspetta che chiamo Munich e glielo dico. Sai che macchine avevano? Sai che infrastruttura avevano? Magari erano ancora a win 95 con server NT e dovevano aggiornare tutta l'infrastruttura e il costo per macchina, e' semplicistico e non effettivo. Magari in quel costo si parla anche di aver migrato (molto probabilmente) tutto il software amministrativo dedicato. Ma se tu mi dici che si poteva fare con mooolto meno ti credo.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            Ammazza che analisi dettagliata, mi hai convinto,
            aspetta che chiamo Munich e glielo dico.

            Sai che macchine avevano? Sai che infrastruttura
            avevano? Magari erano ancora a win 95 con server
            NT E' riportato in altri articoli che avevano praticamente ovunque windows 2000. E quindi anche qui la cosa ha poco senso...se ci hanno messo 10 anni a "migrare" 12mila macchine, il 90 % di queste macchine è già obsoleta...e l'eventuale acquisto di pc nuovi rende ancora piu' economica la spesa per una licenza oem.
            software amministrativo dedicato. Ma se tu mi
            dici che si poteva fare con mooolto meno ti
            credo.Io non ho detto questo. Si poteva semplicemente NON migrare. Spendere decine di milioni solo per una questione di "etica" non mi sembra intelligente come cosa. E parlare di RISPARMIO dopo che si sono spesi 60milioni appare apocalittico http://www.h-online.com/open/news/item/Microsoft-study-Linux-migration-cost-Munich-EUR60-7-million-1789679.htmlHanno speso una cifra folle per fare una cosa eticamente giusta..con chissà quali svantaggi e con quali compromessi. E' altrettanto ovvio che altri comuni (tipo Friburgo) hanno visto da subito che la migrazione era un'idea folle e sono tornati in fretta, prima di spendere milioni o un decennio, a Microsoft.
          • Etype scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric
            E' riportato in altri articoli che avevano
            praticamente ovunque windows 2000. E quindi anche
            qui la cosa ha poco senso...se ci hanno messo 10
            anni a "migrare" 12mila macchine, il 90 % di
            queste macchine è già obsoleta...per installarci windows,please
            e l'eventuale
            acquisto di pc nuovi rende ancora piu' economica
            la spesa per una licenza oem.Ma diventa ancora più economica se compri PC senza OS ;)
            Io non ho detto questo. Si poteva semplicemente
            NON migrare.Per sostenere Ms ?
            Spendere decine di milioni solo per
            una questione di "etica" non mi sembra
            intelligente come cosa.e quindi rimaniamo alla stessa soluzione con ricatti annessi per tutta la vita,siiiii ti costerà molto meno.
            E parlare di RISPARMIO
            dopo che si sono spesi 60milioni appare
            apocalitticoIl risparmio ce l'hai togliendo di mezzo windows e software proprietario Ms
            Hanno speso una cifra folle per fare una cosa
            eticamente giusta..con chissà quali svantaggi e
            con quali compromessi.i vantaggi sono nel costo e nella gestione da ora in poi
            E' altrettanto ovvio che
            altri comuni (tipo Friburgo) hanno visto da
            subito che la migrazione era un'idea folle e sono
            tornati in fretta, prima di spendere milioni o un
            decennio, a
            Microsoft.così spenderanno milioni per tutta la vita e sempre sotto i capricci di Ms,ma è fantastico
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            per installarci windows,pleaseIo mi auguro che Limux sia stato alleggerito..perchè Ubuntu 14 è una bella polpetta eh

            acquisto di pc nuovi rende ancora piu'
            economica

            la spesa per una licenza oem.spiccioli...davvero spiccioli.
            Per sostenere Ms ?No, perchè non arrivi da nessuna parte. Il monopolio esiste...non è che se butti qualche sasso davanti casa tua impedisci al mondo di girare su strade fatte di asfalto. E SE DEVI INTERAGIRE col mondo, non puoi sempre lottare per questioni di compatibilità. Monaco ha lottato 10 anni. E chissà per quanto dovranno ancora lottare. Tutte le altre PA magari giocheranno con sistemi automatizzati di sincronizzazione Windows...come avviene per l'Anagrafe, toh. Monaco dovrà dire "Aspettate...io uso Limux...datemi 1 o 2 anni e 5 mil di euro che studio una soluzione..."
            e quindi rimaniamo alla stessa soluzione con
            ricatti annessi per tutta la vita,siiiii ti
            costerà molto
            meno.Guarda che se tutti giocano a calcio col pallone rotondo e tu giochi col pallone quadrato, sei tu che hai problemi di ricatti ...e sei tu che ahimè, devi PROVARE ad adattarti a quelli che giocano col pallone rotondo.Questo indipendentemente dalla bontà dei palloni (uno potrebbe dire che un pallone cubico è piu' stabile...)
            Il risparmio ce l'hai togliendo di mezzo windowsNo. Perchè se hai windows, lo hai già pagato (non è piu' un costo). Se lo devi acquistare per upgrade, il costo è risibile.
            e software proprietario
            MsSe esiste solo quello che fai? E se lo chiedi a mamma Canonical te lo fa pagare 10 volte di piu' (potendolo vendere solo a te e non a milioni di utenti)
            così spenderanno milioni per tutta la vita e
            sempre sotto i capricci di Ms,ma è
            fantasticomilioni di cosa?
          • sxs scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            Caro MS fan, tu sostieni tutte queste cose dicendo che per forza uno e' piu' produttivo su Win che su Linux, e che il mondo si dovrebbe uniformare a standard closed perche' le cose stanno cosi' ma sono falsi entrambi i punti di partenza e se mai e' proprio dal closed che nascono le incompatibilita', inserite ad arte a volte, e i lock-in.Gli impiegati si abitueranno in fretta, e ciao ciao MS.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: sxs
            Caro MS fan, tu sostieni tutte queste cose
            dicendo che per forza uno e' piu' produttivo su
            Win che su Linux, e che il mondo si dovrebbe
            uniformare a standard closedGli standard esistono. Se uno vuole il proprio standard, o ha la fortuna di vederlo adottato anche dagli altri, oppure rimane isolato. Proprio come chi vuole un pallone da calcio di 1 metro di diametro. Magari ci si diverte di piu' con un pallone enorme, ma se i campionati usano il pallone standard tu che fai?
            Gli impiegati si abitueranno in fretta, e ciao
            ciaoquoto da un sito, su cui ci sono le fonti in tedesco"Si aggiunge anche che il sistema operativo del pinguino si sarebbe dimostrato più costoso da gestire: Monaco, infatti, ha dovuto reclutare una serie di sviluppatori ed esperti per implementare le funzionalità necessarie ed è stata costretta a remunerare più persone per aggiornare e manutenere il software.Più che cambiare distribuzione Linux, quindi, la città di Monaco avrebbe deciso per tagliare nuovamente i ponti e tornare a Windows.A questo punto, stando a quanto riferito, tutte le macchine sino ad oggi utilizzate (ne sono rimaste circa 9.000) saranno migrate su piattaforma Windows"Per i linari sono notizie dure da digerire. Pensa che io nel mio piccolo ho fatturato migrazioni da Linux a Windows 7 in aziende dove i classici smanettoni pensavano di cambiare il mondo. E t'assicuro che l'azienda pur di lavorare non ha problemi a pagare licenze e ora di lavoro. Nell'ambito lavorativo uno DEVE POTER LAVORARE. Del risparmio di una manciata di euro di licenze non gliene frega niente a nessuno. Fine.
          • Leguleio scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            quoto da un sito, su cui ci sono le fonti in
            tedesco

            "Si aggiunge anche che il sistema operativo del
            pinguino si sarebbe dimostrato più costoso da
            gestire: Monaco, infatti, ha dovuto reclutare una
            serie di sviluppatori ed esperti per implementare
            le funzionalità necessarie ed è stata costretta a
            remunerare più persone per aggiornare e
            manutenere il
            software.
            Più che cambiare distribuzione Linux, quindi, la
            città di Monaco avrebbe deciso per tagliare
            nuovamente i ponti e tornare a
            Windows.

            A questo punto, stando a quanto riferito, tutte
            le macchine sino ad oggi utilizzate (ne sono
            rimaste circa 9.000) saranno migrate su
            piattaforma
            Windows"Per completezza citiamo il sito:http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?tag=La-citta-di-Monaco-abbandona-Linux-e-torna-a-Windows_11230La notizia di agosto è stata in parte smentita: http://punto-informatico.it/4123696/PI/News/monaco-fa-marcia-indietro-linux-no-non-proprio.aspxA Monaco stanno facendo delle valutazioni, ma nulla è deciso, e per adesso nessun PC è tornato a windows.
            E
            t'assicuro che l'azienda pur di lavorare non ha
            problemi a pagare licenze e ora di lavoro.
            Nell'ambito lavorativo uno DEVE POTER LAVORARE.
            Del risparmio di una manciata di euro di licenze
            non gliene frega niente a nessuno.
            Fine.In effetti è un parametro che molti non riescono ad applicare, quando si parla di Pubblica amministrazione o anche di grandi aziende private. Molti pensano: io se uso windows pago la licenza che costa tot euro, se uso linux pago 0 euro, risparmio netto! Non fa una grinza.Solo che quando si tratta di far usare windows a centinaia di dipendenti, che non sono né smanettoni né particolarmente amanti dei cambiamenti, la cifra risparmiata per queste licenze viene impiegata in corsi di formazione e in assistenza, e anzi, spesso si spende di più. Addio vantaggio (che tra l'altro per un'azienda di grandi dimensioni è molto relativo: i costi veri sono altri).
    • maranric scrive:
      Re: Mancano dei pezzi
      windows 7 o 8, puoi fare un calcolo veloce, immediato...tangibile. Le ore uomo spese per risolvere i problemi (prima ancora di formare il personale) sono incalcolabili..non a caso ci hanno messo DIECI anni per fare questa pseudo-migrazione. Ora, dopo aver speso una cifra mostruosa e aver impiegato un numero spaventoso di ore uomo possono dire, orgogliosamente "SIAMO liberi da Microsoft!!!" ...ma se la schiavitù è pagare una tantum 50 euro di windows e 100 di office mi pare ben poca cosa...no? se così non fosse tutte le P.A. d'Europa passerebbero a Linux..e ci vuol poco a capire che in termini di tempo e denaro non ha senso.SalutiRIC
      • panda rossa scrive:
        Re: Mancano dei pezzi
        - Scritto da: maranric

        ma questi 1916 euro medi come sono stati spesi,

        passando da windows a ubuntu cosa hanno
        cambiato,

        esistono dettagli della spesa e dei

        costi?

        Considera che le licenze Windows XP che avevano,
        le avevano già PAGATE e ammortizzate. Passare a
        Linux in questo senso significa solo aver
        cestinato 12mila licenze GIA' profumatamente
        pagate. Pagate, usate, scadute.XP e' morto.Non potevano tenerlo.La scelta era tra:1) continuare a restare in catene delle quali M$ ha le chiavi2) rompere le cateneHanno scelto la due, con due evidenti conseguenze a livello mondiale.1) Gli informatici esultano2) Gli intermediari parassiti rosikano
        Quindi a livello di s.o. passare da
        Windows XP a Linux è un lavoro in perdita.Allunga la scala temporale, ciccio.Non limitarti a tirare le somme dopo 3 giorni.
        Se
        ipotizziamo di migrare tutto a Windows 8, a 50
        euro a licenza (governative..o open value o
        altro) si parla di 0,6 milioni. E la certezza che poi bisognera' migrare a windows 9, 10, 11, con qualcuno che si alza male la mattina e decide di cambiare paradigma, interfaccia, pulsanti start a piacer suo.
        Spiccioli se
        consideri che qui parlano di diversi milioni (chi
        dice 11...chi 20...chi
        60).Hanno risparmiato!Sia in termini di soldi, che di prouttivita', che di sicurezza, che di accessibilita' col resto dell'universo.Tutto il resto e' FUD.
        Inoltre, anche calcolando le ore uomo per passare
        da windows xp --
        windows 7 o 8, puoi fare un
        calcolo veloce, immediato...tangibile. Le ore
        uomo spese per risolvere i problemi (prima ancora
        di formare il personale) sono incalcolabili..non
        a caso ci hanno messo DIECI anni per fare questa
        pseudo-migrazione. Ci sono riusciti.Questo e' quello che conta.D'ora in avanti la strada e' in discesa.E, cosa piu' importante, altri prenderanno questa migrazione come riferimento.Eliminare le catene M$ e' possibile.L'informatica ritornera' nelle mani degli informatici.Agli intermediari parassiti restera' la classica scelta tra zappa o piccone.
        Ora, dopo aver speso una cifra
        mostruosa e aver impiegato un numero spaventoso
        di ore uomo possono dire, orgogliosamente "SIAMO
        liberi da Microsoft!!!" ...ma se la schiavitù è
        pagare una tantum 50 euro di windows e 100 di
        office mi pare ben poca cosa...no? se così non
        fosse tutte le P.A. d'Europa passerebbero a
        Linux..e ci vuol poco a capire che in termini di
        tempo e denaro non ha
        senso.Non ha senso per te.Il tuo business da intermediario parassita e' finito e nessuno sentira' la tua mancanza.Fattene una ragione.
        • maranric scrive:
          Re: Mancano dei pezzi

          Pagate, usate, scadute.
          XP e' morto.
          Non potevano tenerlo.Guarda che hanno iniziato nel 2003...e XP era vivo e vegeto. I costi di upgrade da win 2000 a XP erano irrisori, specie per una P.A.E se anche dopo 10..11 anni XP è obsoleto, con una macchina nuova la licenza OEM gov è una spesa davvero ridicola. Quindi se parliamo di ETICA, ok, se parliamo di costo licenze no..non ci siamo.
          1) continuare a restare in catene delle quali M$
          ha le
          chiaviIo uso M$ e non mi sento in catene. Allo stesso modo uso Whatsapp e non Viber perchè pagare 0,85 euro / anno di abbonamento non mi rende schiavo...anzi, mi garantisce che qualcuno sia pagato per darmi un servizio.
          2) rompere le catene

          Hanno scelto la due, con due evidenti conseguenze
          a livello
          mondiale.Naaa...nessun altro è migrato. A parte qualche scuola elementare nessuno si sogna anche solo lontanamente di migrare. Quindi nessuna conseguenza a livello mondiale.
          1) Gli informatici esultanoPerchè dovrebbero esultare? (A parte l'ovvio incremento di lavoro per alcuni di loro)
          Allunga la scala temporale, ciccio.
          Non limitarti a tirare le somme dopo 3 giorni.ciccio sarai tu..c'hanno messo DIECI anni..sono proprio quelli che hanno tirato le somme facendo stime per difetto che hanno fatto lievitare i costi. Senza contare che saranno comunque tagliati fuori dal mondo software windows..e che per moltissime cose dovranno continuare con workaround, trucchetti o programmazione di qualcosa nella continua lotta di far funzionare qualcosa che con windows andava perfettamente
          E la certezza che poi bisognera' migrare a
          windows 9, 10, 11mi sembra che la gente che è migrata da XP a Win 7 o 8 lo abbia fatto dopo 10 anni...non dopo 1 mese. E in 10 anni prima ancora di migrare butti via l'hardware.
          Hanno risparmiato!
          Sia in termini di soldi, che di prouttivita', che
          di sicurezza, che di accessibilita' col resto
          dell'universo.Al contrario : hanno speso 10 anni, 60milioni di euro, hanno perso in accessibilità col resto dell'universo (che usa windows) e a livello di sicurezza hanno guadagnato poco o nulla..dato che, se proprio si vuol usare linux, poteva esser messo a monte nell'infrastruttura CED della P.A. e non in tutte le macchine
          Ci sono riusciti.
          Questo e' quello che conta.con che compromessi? bisognerebbe chiederlo ai dipendenti. Prendi l'arcinoto software affrancatore delle Poste...esiste solo per windows. Stampa tipo timbro i francobolli etc etc. Che fai con Linux? Ti attacchi al tram. Oppure eviti di usare questo sistema, ad esempio. In entrambi i casi non è piacevole. Se invece rimani a windows (e pare che 3mila dei 15mila pc siano rimasti a windows) allora è un po' "barare", non credi?
          D'ora in avanti la strada e' in discesa.
          E, cosa piu' importante, altri prenderanno questa
          migrazione come
          riferimento.Ah sì? un comune RICCO, con tanti soldi da buttare, ha impiegato DIECI anni per passare a Limux...proprio appetibile come prospettiva.
          Eliminare le catene M$ e' possibile.
          L'informatica ritornera' nelle mani degli
          informatici.Certo...questo sarà l'anno di Linux nei pc della PA! ahaha
          Non ha senso per te.
          Il tuo business da intermediario parassita e'
          finito oddio speriamo di no :( ;))
          • panda rossa scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric

            Pagate, usate, scadute.

            XP e' morto.

            Non potevano tenerlo.

            Guarda che hanno iniziato nel 2003...e XP era
            vivo e vegeto.

            I costi di upgrade da win 2000 a XP erano
            irrisori, specie per una
            P.A.
            E se anche dopo 10..11 anni XP è obsoleto, con
            una macchina nuova la licenza OEM gov è una spesa
            davvero ridicola. Quindi se parliamo di ETICA,
            ok, se parliamo di costo licenze no..non ci
            siamo.


            1) continuare a restare in catene delle
            quali
            M$

            ha le

            chiavi

            Io uso M$ e non mi sento in catene.Anche il cane non si sente in catene fino a quando non prova a correre.Dopo un po' ci fa l'abitudine e si abitua a pensare che e' libero entro il raggio della catena, e non si sente piu' in catene.
            Allo stesso
            modo uso Whatsapp e non Viber perchè pagare 0,85
            euro / anno di abbonamento non mi rende
            schiavo...anzi, mi garantisce che qualcuno sia
            pagato per darmi un servizio.Come se in caso di disservizio qualcuno ne rispondesse.

            2) rompere le catene



            Hanno scelto la due, con due evidenti
            conseguenze

            a livello

            mondiale.

            Naaa...nessun altro è migrato. A parte qualche
            scuola elementare nessuno si sogna anche solo
            lontanamente di migrare. Quindi nessuna
            conseguenza a livello
            mondiale.Mai stato a Bolzano?

            1) Gli informatici esultano

            Perchè dovrebbero esultare? (A parte l'ovvio
            incremento di lavoro per alcuni di
            loro)Perche' la liberta' ha segnato un importante gol.

            Allunga la scala temporale, ciccio.

            Non limitarti a tirare le somme dopo 3
            giorni.

            ciccio sarai tu..Qui quello che dice di usare winsozz sei tu.
            c'hanno messo DIECI anni..sono
            proprio quelli che hanno tirato le somme facendo
            stime per difetto che hanno fatto lievitare i
            costi. Nessuna lievitazione di costi.Da oggi si contano i risparmi.
            Senza contare che saranno comunque
            tagliati fuori dal mondo software windows..Intendi dire i virus?
            e che
            per moltissime cose dovranno continuare con
            workaround, trucchetti o programmazione di
            qualcosa nella continua lotta di far funzionare
            qualcosa che con windows andava
            perfettamenteQuesto lo dici dal basso della tua incompetenza, o ti paga qualcuno?

            E la certezza che poi bisognera' migrare a

            windows 9, 10, 11

            mi sembra che la gente che è migrata da XP a Win
            7 o 8 lo abbia fatto dopo 10 anni...non dopo 1
            mese. E in 10 anni prima ancora di migrare butti
            via l'hardware.L'hardware che funziona non si butta!

            Hanno risparmiato!

            Sia in termini di soldi, che di
            prouttivita',
            che

            di sicurezza, che di accessibilita' col resto

            dell'universo.

            Al contrario : hanno speso 10 anni, 60milioni di
            euro, hanno perso in accessibilità col resto
            dell'universo (che usa windows)I virus. Ne abbiamo gia' parlato.
            e a livello di
            sicurezza hanno guadagnato poco o nulla..dato
            che, se proprio si vuol usare linux, poteva esser
            messo a monte nell'infrastruttura CED della P.A.
            e non in tutte le
            macchineAnche se fosse, ma non lo e', megli cosi'.Solo un portatore di interessi si mette a rosikare di fronte ad una svolta epocale che taglia fuori M$.

            Ci sono riusciti.

            Questo e' quello che conta.

            con che compromessi? bisognerebbe chiederlo ai
            dipendenti.Chiediglielo.
            Prendi l'arcinoto software affrancatore delle
            Poste...esiste solo per windows. Stampa tipo
            timbro i francobolli etc etc. Che fai con Linux?Passami le specifiche che ti faccio una stima.
            Ti attacchi al tram. Attaccati tu al tram.Io sto ancora godendo per la grande vittoria di linux!
            Oppure eviti di usare questo
            sistema, ad esempio.Io evito di usare winsozz, per esempio.
            In entrambi i casi non è piacevole. Se invece
            rimani a windows (e pare che 3mila dei 15mila pc
            siano rimasti a windows) allora è un po'
            "barare", non
            credi?Non credo proprio.Io quello che credo e' che tu e quelli come te stanno vedendo il loro business parassitario perdere pezzi, e l'umanita' ringrazia.

            D'ora in avanti la strada e' in discesa.

            E, cosa piu' importante, altri prenderanno
            questa

            migrazione come

            riferimento.

            Ah sì? un comune RICCO, con tanti soldi da
            buttare, ha impiegato DIECI anni per passare a
            Limux...proprio appetibile come prospettiva.Ora gli altri faranno un semplice copia/incolla.Zero licenze, zero copyright, tutto libero, tutto copiabile, tutto a disposizione.

            Eliminare le catene M$ e' possibile.

            L'informatica ritornera' nelle mani degli

            informatici.

            Certo...questo sarà l'anno di Linux nei pc della
            PA!
            ahahaQuesto e' l'anno in cui M$ e' uscita da Monaco.

            Non ha senso per te.

            Il tuo business da intermediario parassita e'

            finito

            oddio speriamo di no :( ;))Invece si! Rassegnati.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            Come se in caso di disservizio qualcuno ne
            rispondesse.Se pago posso lamentarmi. Per una cosa gratis no..perchè c'è sempre un XXXXXXXX che dice "te la regalano...accontentati..cosa vuoi? è gratis"Io voglio pagare per un servizio. In tal modo posso pretendere che qualcuno me lo eroghi.
            Mai stato a Bolzano?Se parli della scuola col FOSS non la ritengo PA.Se parli del passaggio a LibreOffice ci sbadiglio sopra...http://punto-informatico.it/3835658/PI/News/bolzano-marcia-del-software-libero.aspxe qui dicono che hanno ben 500 licenze Office. Non male.
            Perche' la liberta' ha segnato un importante gol.l'importante è essere convinti. Bisognerebbe chiederlo agli utenti che, abituati a lavorare con windows, ora devono usare dei trabiccoli open per lavorare. Poveracci, schiavi di un sistema poco diffuso, con poco supporto e in perenne fase di beta testing.
            Nessuna lievitazione di costi.
            Da oggi si contano i risparmi.ahah staremo a vedere
            Intendi dire i virus?intendo gli applicativi aziendali, al 99 % windows (anche se si stanno diffondendo i soliti pacchettoni java che girano effettivamente ovunque)
            Questo lo dici dal basso della tua incompetenza,
            o ti paga
            qualcuno?Lavoro nella PA.
            L'hardware che funziona non si butta!Se va lento con XP stai tranquillo che con Linux non corre..
            I virus. Ne abbiamo gia' parlato.account limitati, firewall, nessun pc esce direttamente sulla rete...antivirus centralizzati... se parli dell'utonto ok, se parli di una PA mediamente seria i virus non esistono proprio
            Solo un portatore di interessi si mette a
            rosikare di fronte ad una svolta epocale che
            taglia fuori
            M$.Sbagli : io non lo trovo sbagliato. Lo trovo poco conveniente e stupido.L'ideale sarebbe stata l'adozione di un software DI STATO, LIBERO, da applicare FORZOSAMENTE a tutte le PA. Le PA sono pubbliche? bene, usare TUTTE QUANTE software statale, free. E se qualcuno implementa un applicativo figo, applicarlo a tutti quanti.L'iniziativa di una singola città puo' fare da apri-pista...soprattutto se parli di standard open etc...ma se sono le stesse regioni che ti danno appliance web accessibili esclusivamente da Internet explorer, che fai?
            Passami le specifiche che ti faccio una stima.Non ci sono...o per lo meno non vengono diffuse. Perchè l'azienda che ha sviluppato il software ci vive e quindi non le va molto che tu metta mano su quello che ha fatto lei.
            Ora gli altri faranno un semplice copia/incolla.
            Zero licenze, zero copyright, tutto libero, tutto
            copiabile, tutto a
            disposizione.Staremo a vedere.
            Questo e' l'anno in cui M$ e' uscita da Monaco.dopo 10 anni...wow...che parto!
            Invece si! Rassegnati.naaa farsi pagare per fare qualcosa che qualcuno non sa fare in ambito informatico...che il contesto dipenda da microsoft o da linux/canonical cosa cambia? Tutto bello! Tutto free!! quando si tratta di XXXXXX soluzioni pero' Canonical si fa pagare...giustamente, direi. Ne' piu' nè meno di quello che fa microsoft.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric


            Questo lo dici dal basso della tua
            incompetenza,

            o ti paga

            qualcuno?

            Lavoro nella PA.Eccolo qua, il dipendente fanXXXXXsta o l'intermediario parassita ammanicato.Quelli come te devono sparire!
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            Quelli come te devono sparire!mmmm forte come argomentazione eh
          • panda rossa scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric

            Quelli come te devono sparire!

            mmmm forte come argomentazione ehSiamo in orario di ufficio, caro sig. dipendente PA, quindi vai a fare il tuo lavoro o vai a documentarti su come funzionano i sistemi operativi che dovrai usare pure tu, invece di star qui a perder tempo e a mettere il rimmel all'avatar.
          • passo di qua per caso scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: panda rossa
            Siamo in orario di ufficio, caro sig. dipendente
            PA, quindi vai a fare il tuo lavoro o vai a
            documentarti su come funzionano i sistemi
            operativi che dovrai usare pure tu, invece di
            star qui a perder tempo e a mettere il rimmel
            all'avatar.Il corvo che dice al merlo come sei nero. (rotfl)(rotfl)
          • sxs scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            l'importante è essere convinti. Bisognerebbe
            chiederlo agli utenti che, abituati a lavorare
            con windows, ora devono usare dei trabiccoli open
            per lavorare. Poveracci, schiavi di un sistema
            poco diffuso, con poco supporto e in perenne fase
            di beta testing.Mamma mia che disperazione che esali! :-DPoco diffuso si si, e soprattutto open==trabiccolorosica rosica :-)
          • sxs scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            Tutto falso
          • Passante scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: sxs
            Tutto falsoTanto più che perfino lui dice che se i software girassero su linux non ci sarebbe problema, ma come farebbero a girare su linux se nessuno inizia ad usarlo ?
      • Ogekury scrive:
        Re: Mancano dei pezzi
        - Scritto da: maranric

        ma questi 1916 euro medi come sono stati spesi,

        passando da windows a ubuntu cosa hanno
        cambiato,

        esistono dettagli della spesa e dei

        costi?

        Considera che le licenze Windows XP che avevano,
        le avevano già PAGATE e ammortizzate. Passare a
        Linux in questo senso significa solo aver
        cestinato 12mila licenze GIA' profumatamente
        pagate. Quindi a livello di s.o. passare da
        Windows XP a Linux è un lavoro in perdita. Se
        ipotizziamo di migrare tutto a Windows 8, a 50
        euro a licenza (governative..o open value o
        altro) si parla di 0,6 milioni. Spiccioli se
        consideri che qui parlano di diversi milioni (chi
        dice 11...chi 20...chi
        60).
        Inoltre, anche calcolando le ore uomo per passare
        da windows xp --
        windows 7 o 8, puoi fare un
        calcolo veloce, immediato...tangibile. Le ore
        uomo spese per risolvere i problemi (prima ancora
        di formare il personale) sono incalcolabili..non
        a caso ci hanno messo DIECI anni per fare questa
        pseudo-migrazione. Ora, dopo aver speso una cifra
        mostruosa e aver impiegato un numero spaventoso
        di ore uomo possono dire, orgogliosamente "SIAMO
        liberi da Microsoft!!!" ...ma se la schiavitù è
        pagare una tantum 50 euro di windows e 100 di
        office mi pare ben poca cosa...no? se così non
        fosse tutte le P.A. d'Europa passerebbero a
        Linux..e ci vuol poco a capire che in termini di
        tempo e denaro non ha
        senso.
        Saluti
        RIC Ancora, non sai nulla dei dettagli dell'infrastruttura, niente. Per cui tutte le tue elucubrazioni sono assunzioni e conclusioni del ca**o.
        • maranric scrive:
          Re: Mancano dei pezzi

          Ancora, non sai nulla dei dettagli
          dell'infrastruttura, niente. Per cui tutte le tue
          elucubrazioni sono assunzioni e conclusioni del
          ca**o.Sappiamo che l'infrastruttura di prima funzionava...occorreva farla funzionare con un software piu' recente. Un problema che si sono posti in centinaia di comuni... esistono 2 opzioni1) spendere qualche spiccioli in licenza o cambiare direttamente macchine (nelle quali macchine nuove le licenze costano un'inezia) ed essere operativi nel giro di GIORNI / SETTIMANE2) spendere milioni e milioni di euro in migrazione, formazione, adattamenti..., impiegare anni e anni , compromessi, risoluzione di problemi e non spendere nulla di licenze. Sempre ammesso e non conXXXXX che tutto funzioni (o che tutti il sofware microsoft abbia un clone in ambito linux)il 99,999999999999 % ha scelto la prima opzione. Tutti XXXXXXXXX?
          • panda rossa scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric
            il 99,999999999999 % ha scelto la prima opzione.
            Tutti
            XXXXXXXXX?4 miliardi di mosche mangiano XXXXX.Tutte XXXXXXXXX?
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            4 miliardi di mosche mangiano XXXXX.
            Tutte XXXXXXXXX?Old..e cmqNo..hanno capito che è piu' nutriente la XXXXX piuttosto che un sasso.E se una mangia un sasso dubito che le altre cambieranno idea.
      • urca scrive:
        Re: Mancano dei pezzi
        Una pubblica amministrazione deve fare anche scelte etiche o scelte che economicamente ripagheranno sul lungo termine.Certo nell'immediato migrare su ubuntu potrebbe essere una perdita ma calcolando che l'open source è qui per restare nei prossimi decenni si avranno enormi benefici da questa scelta.Il momento migliore per piantare un albero era 20 anni fa, il secondo momento migliore è oggi.
        • maranric scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          - Scritto da: urca
          Una pubblica amministrazione deve fare anche
          scelte etiche o scelte che economicamente
          ripagheranno sul lungo
          termine.Hai ragione.
          Certo nell'immediato migrare su ubuntu potrebbe
          essere una perdita ma calcolando che l'open
          source è qui per restare nei prossimi decenni si
          avranno enormi benefici da questa
          scelta.me ne dici alcuni che non siano etici o di irrisorio beneficio economico? (che non siano l'indipendenza da microsoft...quella è etica..e che non siano il risparmio di una licenza...quello è irrisorio beneficio economico)
          • Nanuk scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric
            - Scritto da: urca

            Una pubblica amministrazione deve fare anche

            scelte etiche o scelte che economicamente

            ripagheranno sul lungo

            termine.

            Hai ragione.


            Certo nell'immediato migrare su ubuntu
            potrebbe

            essere una perdita ma calcolando che l'open

            source è qui per restare nei prossimi
            decenni
            si

            avranno enormi benefici da questa

            scelta.

            me ne dici alcuni che non siano etici o di
            irrisorio beneficio economico? (che non siano
            l'indipendenza da microsoft...quella è etica..e
            che non siano il risparmio di una
            licenza...quello è irrisorio beneficio
            economico)Ok, ma tu indicami vantaggi dell'automobile che non siano relativi allo spostarsi o all'estetica.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi


            me ne dici alcuni che non siano etici o di

            irrisorio beneficio economico? (che non siano

            l'indipendenza da microsoft...quella è
            etica..e

            che non siano il risparmio di una

            licenza...quello è irrisorio beneficio

            economico)

            Ok, ma tu indicami vantaggi dell'automobile che
            non siano relativi allo spostarsi o
            all'estetica.La domanda l'ho posta io e nessuno ha risposto a distanza di 4 mesi..ovviamente. Fortunatamente la domanda se la sono posta il 99 % delle amministrazioni comunali d'Europa...Spendere 10 per risparmiare 0,1 è un investimento senza senso che si ripaga in 100 anni. Windows funziona? Si. Le amministrazioni lavorano? Si. L'etica di uscire da un monopolio e pagare RedHat invece di Microsoft vale il salatissimo prezzo da pagare? No.E anche a Monaco ci stanno ripensando http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?tag=La-citta-di-Monaco-abbandona-Linux-e-torna-a-Windows_11230
      • TuttoaSaldo scrive:
        Re: Mancano dei pezzi


        Considera che le licenze Windows XP che avevano,
        le avevano già PAGATE e ammortizzate. Quindi partivano da zero. Nno credo che un aggiornamento a seven sulle stesse macchine avrebbe avuto senso.
      • Sveglione scrive:
        Re: Mancano dei pezzi
        Praticamente stai dicendo che quello che dice l'amministrazione di Monaco è sbagliato, in realtà avrebbero speso molto meno ma sono gonzi o hanno preso le mazzette da Canonical invece di aver continuato con Microsoft.Certo, mi fydo di te.
        • maranric scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          - Scritto da: Sveglione
          Praticamente stai dicendo che quello che dice
          l'amministrazione di Monaco è sbagliato,non c'è stato alcun risparmio. E se calcolassimo quanto costano DIECI ANNI di attività per risolvere problemi che NON esistevano con windows, il disastro economico diventa ancora piu' chiaro.
          invece di
          aver continuato con
          Microsoft.Credevano (come tutti quelli che credono che PA sia scrivere la letterina in Word) che migrare fosse una cagata.."buttiamo su Linux e ciao". Invece hanno preso delle belle piastrellate sui denti..e manca un giudizio obiettivo per capire a che genere di compromessi sono arrivati. Se fosse tutto così splendido in ambito Linux (E COSTASSE PURE meno!!), tutti migrerebbero IMMEDIATAMENTE a Linux...un po' come è sucXXXXX con i cellulari Android. Se il sistema funziona, si diffonde in quanto scelta migliore...se poi costa anche meno, la diffusione è inevitabile. Invece guardacaso dopo Monaco nessuno è migrato. Proprio perchè magari qualcuno storce un po' il naso...altri ti mandano direttamente a XXXXXX se provi a farli tornare indietro nella produttività (prova a sostituire Autocad con CAD a un qualsiasi ufficio tecnico della PA...ti tirano le pietre!).
          • Etype scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric
            non c'è stato alcun risparmio. E se calcolassimo
            quanto costano DIECI ANNI di attività per
            risolvere problemi che NON esistevano con
            windows, il disastro economico diventa ancora
            piu' chiaro.Guarda che con windows i problemi ci sono eccome,persino sugli stessi software che Ms fornisce,già togliendo il costo fisso dell'antivirus,i software a scadenza di Ms e le licenze desktop+server già risparmi un botto.
            Credevano (come tutti quelli che credono che PA
            sia scrivere la letterina in Word) che migrare
            fosse una cagata.."buttiamo su Linux e ciao".
            Invece hanno preso delle belle piastrellate sui
            denti..e manca un giudizio obiettivo per capire a
            che genere di compromessi sono arrivati.la vita con windows è un compromesso eterno
            Se fosse tutto così splendido in ambito Linux (E
            COSTASSE PURE meno!!)perchè hanno scelto redhat ?A meno di scegliere anche il supporto Linux non ti costa nulla.
            tutti migrerebbero
            IMMEDIATAMENTE a Linux...windows è preinstallato,la gente usa quello che si ritrova e poi se ne va con quello.
            un po' come è sucXXXXX
            con i cellulari Android.eh uguale proprio
            Se il sistema funziona,
            si diffonde in quanto scelta migliore...se poi
            costa anche meno, la diffusione è inevitabile.Ma se lo trovi preinstallato e vieni da un mondo windows userai solo quello per abitudine e perchè già lo conosci.
            Invece guardacaso dopo Monaco nessuno è migrato.
            Proprio perchè magari qualcuno storce un po' il
            naso...altri ti mandano direttamente a XXXXXX se
            provi a farli tornare indietro nella produttivitàBolzano per i server e l'open per le scuole
            (prova a sostituire Autocad con CAD a un
            qualsiasi ufficio tecnico della PA...ti tirano le
            pietre!).e infatti autocad ti tiene per le cosiddette,ogni volta che abbracci un software commerciale e basi tutto il tuo lavoro su di esso ti rinchiudi in una bella prigione dove il carceriere ti può massacrare come e quando vuole.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            già togliendo il costo fisso
            dell'antivirus,a livello di pc client, la spesa dell'antivirus è sull'ordine dei 5 euro / anno (suite TrendMicro OfficeScan)
            i software a scadenza di Msnon li usa nessuno
            e le
            licenze desktop+server già risparmi un
            botto.Ripeto : non risparmi nulla. Sono BRICIOLE.
            perchè hanno scelto redhat ?
            A meno di scegliere anche il supporto Linux non
            ti costa
            nulla.....e torniamo al punto di partenza. Tutto bello, tutto free...pero' poi bisogna pagare qualcuno (Canonical non fa niente gratis)
            Bolzano per i server e l'open per le scuolei server linux sono già usati ovunque. Nelle scuole...chissenefrega?Si stava parlando di PA
            e infatti autocad ti tiene per le cosiddette,ogni
            volta che abbracci un software commerciale piu' commerciale di un software SCRITTO appositamente per te..cosa ci puo' essere?
          • Nanuk scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric
            - Scritto da: Sveglione

            Praticamente stai dicendo che quello che dice

            l'amministrazione di Monaco è sbagliato,
            non c'è stato alcun risparmio. E se calcolassimo
            quanto costano DIECI ANNI di attività per
            risolvere problemi che NON esistevano con
            windows, il disastro economico diventa ancora
            piu' chiaro.
            Se fosse tutto così splendido in ambito Linux (E
            COSTASSE PURE meno!!), tutti migrerebbero
            IMMEDIATAMENTE a Linux...Cosa che diventa sempre più semplice man mano che queste PA avventurose iniziano ad affrontare le prime spese e trovare soluzioni.In pratica quello che dici te accadrà proprio grazie a queste iniziative.
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            Cosa che diventa sempre più semplice man mano che
            queste PA avventurose iniziano ad affrontare le
            prime spese e trovare
            soluzioni.
            In pratica quello che dici te accadrà proprio
            grazie a queste
            iniziative.Linux esiste da piu' di 20 anni...e dopo tutto questo tempo cos'abbiamo? Tantissimi che parlano di migrazione...tantissimi che fanno progetti...ma nessuna situazione talmente positiva da copiare. Se Monaco fosse stata un sucXXXXX si avrebbe una migrazione di massa. Cosa che invece non è accaduta e NON sta accadendo. Android in ambito smartphone ha mostrato potenzialità superiori agli altri..ed è stato adottato in massa. E' migliore? --
            bene, allora ha ottime probabilità di diffondersi. In ambito PA no. Linux non è migliore. Fine della questione.
      • king volution scrive:
        Re: Mancano dei pezzi
        - Scritto da: maranric
        Considera che le licenze Windows XP che avevano,
        le avevano già PAGATE e ammortizzate. no: semmai soldi buttati dato che ora xp non ha più il supporto per cui le pa adesso sono "obbligate" (per ragioni tecniche di sicurezza e, come in italia, anche per legge) a cambiare sistema operativo...
        Passare a
        Linux in questo senso significa solo aver
        cestinato 12mila licenze GIA' profumatamente
        pagate. l'unica cosa giusta è il "profumatamente"
        Quindi a livello di s.o. passare da
        Windows XP a Linux è un lavoro in perdita. Se
        ipotizziamo di migrare tutto a Windows 8, a 50
        euro a licenza (governative..o open value o
        altro) si parla di 0,6 milioni. eh no... aggiornando win tocca anche cambiare tutto il parco macchine, mentre con s.o. gnu/linux questo difficilmente accade...quindi il costo per migrare a win 8 e successivi è quantomeno di 50 E per la licenza + diciamo 400-500 E almeno per ogni macchia...passando invece a sistemi gnu/linux, abiamo 0 E per licenze + 0 E per l'hardware...
        • maranric scrive:
          Re: Mancano dei pezzi

          no: semmai soldi buttati dato che ora xp non ha
          più il supporto per cui le pa adesso sono
          "obbligate" (per ragioni tecniche di sicurezza e,
          come in italia, anche per legge) a cambiare
          sistema
          operativo...Non esiste alcun obbligo. Semmai esiste una scelta. Una PA è difesa "a monte", non serve certo la patch per Xp per poter parlare di sicurezza. Se anche comunque pensiamo al passaggio a Win 7 / Win 8, avremo avuto una spesa di 50-70 euro in 10 anni...una spesa insignificante a confronto del naturale deprezzamento del bene. E anche sull'acquisto del nuovo la spesa è risibile.
          eh no... aggiornando win tocca anche cambiare
          tutto il parco macchine, mentre con s.o.
          gnu/linux questo difficilmente
          accade...con 60milioni cambiavano il parco macchine 10 volte. Spendere 10 per risparmiare 1 non mi sembra molto intelligente.
          passando invece a sistemi gnu/linux, abiamo 0 E
          per licenze + 0 E per
          l'hardware......e 60 milioni per la migrazione. Con 6 milioni avrebbero preso 15mila pc nuovi con licenza Windows. Licenza che sarebbe stata valida altri 8-10 anni.
          • Nanuk scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric

            no: semmai soldi buttati dato che ora

            xp non ha più il supporto per cui le pa

            adesso sono "obbligate" (per ragioni

            tecniche di sicurezza e, come in italia,

            anche per legge) a cambiare sistema

            operativo...
            Non esiste alcun obbligo. Ricordi che con XP lavoravi tranquillamente con 2Gb di ram ?Ecco... Scordati di fare le stesse cose con 7 o successivi con la stessa ram.
            Semmai esiste una scelta. Una PA è difesa
            "a monte", non serve certo la patch per Xp
            per poter parlare di sicurezza.Ma per parlare di certificazione serve che il SO sia supportato.
            Se anche comunque pensiamo al passaggio a Win 7 /
            Win 8, avremo avuto una spesa di 50-70 euro in 10
            anni...una spesa insignificante a confronto del
            naturale deprezzamento del bene. E anche
            sull'acquisto del nuovo la spesa è risibile.Chi lavora nel campo sa quanti pc vengno buttati nel passaggio da XP in poi, qua se ne sta andando 1/3 del parco macchine.

            eh no... aggiornando win tocca anche cambiare

            tutto il parco macchine, mentre con s.o.

            gnu/linux questo difficilmente accade...
            con 60milioni cambiavano il parco macchine 10
            volte. Spendere 10 per risparmiare 1 non mi
            sembra molto intelligente.Dove hai presto queste cifre ? Dettaglia pure l'offerta con qualche link.

            passando invece a sistemi gnu/linux,

            abbiamo 0 E per licenze + 0 E per

            l'hardware...
            ...e 60 milioni per la migrazione. Con 6 milioni
            avrebbero preso 15mila pc nuovi con licenza
            Windows. Licenza che sarebbe stata valida altri
            8-10 anni.Quindi inizieranno molto presto a risparmiare, senza contare le macchine non buttate (lo smaltimento ha un costo per le ditte, non so per le PA ma immagino sia anche peggio).
          • maranric scrive:
            Re: Mancano dei pezzi

            Ecco... Scordati di fare le stesse cose con 7 o
            successivi con la stessa
            ram.Win 7 lavora splendidamente con 2 Gb di RAM. E con Win8.1 va ancora meglio.
            Ma per parlare di certificazione serve che il SO
            sia
            supportato.tu non sai di cosa stai parlando
            Chi lavora nel campo sa quanti pc vengno buttati
            nel passaggio da XP in poi, qua se ne sta andando
            1/3 del parco
            macchine.Win 7 gira tranquillamente su macchine che hanno anche 10-12 anni.Le macchine piu' vecchie è giusto che vengano smaltite o regalate. E se fai girare una versione recente di Linux su una macchina di 12 anni è PIU' LENTA che con WinXp. La storiella del "ridare vita" a vecchie macchine è sorpassata e irreale.

            con 60milioni cambiavano il parco macchine 10

            volte. Spendere 10 per risparmiare 1 non mi

            sembra molto intelligente.

            Dove hai presto queste cifre ? Dettaglia pure
            l'offerta con qualche
            link.basta una calcolatrice : 60milioni / 15mila = 4000 euro. Il prezzo con cui prendi senza problemi 10 PC.
            Quindi inizieranno molto presto a risparmiare,molto presto? dopo aver speso 60milioni cosa caspita vuoi risparmiare?
            senza contare le macchine non buttate una macchina su cui non gira Win 7 se anche la butti non è sto gran dramma eh
            (lo
            smaltimento ha un costo per le ditte, non so per
            le PA ma immagino sia anche
            peggio).Il prezzo è irrisorio...esistono convenzioni per lo smaltimento dei RAEE.
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: Mancano dei pezzi
            - Scritto da: maranric

            Win 7 lavora splendidamente con 2 Gb di RAM. E
            con Win8.1 va ancora
            meglio.
            [img]http://4.bp.blogspot.com/-tlONq9rI-4Y/URdSchkk_oI/AAAAAAAAxGM/Qu5BKH9UlS8/s320/rotfl.PNG[/img]
    • collione scrive:
      Re: Mancano dei pezzi
      ho trovato dei pdf che contengono dettagli qui http://www.muenchen.de/rathaus/Stadtverwaltung/Direktorium/LiMux.htmlsono in tedesco, per cui non è che c'abbia capito un granchè
      • maranric scrive:
        Re: Mancano dei pezzi
        - Scritto da: collione
        ho trovato dei pdf che contengono dettagli qui
        http://www.muenchen.de/rathaus/Stadtverwaltung/Dir

        sono in tedesco, per cui non è che c'abbia capito
        un
        granchèAlcune cose sono ovvie..e si capiscono con google translatehttp://www.muenchen.de/rathaus/Stadtverwaltung/Direktorium/LiMux/Die-Migration/Migrationszenarien.html"Non esiste una soluzione tale per un proXXXXX, il team di progetto disegna soluzioni intermedie in considerazione. Esegue l'applicazione di Windows esistente con lo speciale wine runtime sul desktop Linux? Oppure possono essere virtualizzati (ad esempio VMware)? C'è la disposizione al Terminal Server?Solo quando il team di progetto deve negare tutte queste domande, si presenta come l'ultima alternativa ritenuto di continuare ad utilizzare l'applicazione in Microsoft Windows. "Ovvero, COME DETTO da me in precedenza, se manca la soluzione cercano di trovare qualcosa che possa funzionare lo stesso (e qui già si inizia a rendere l'attività handicappata...), poi cercano di programmare qualche trabiccolo loro...se poi non ci riescono (o se l'utenza bestemmia perchè vuole che la cosa vada come prima..e non con con 115 click) provano a far girare il software Windows con Wine...e già questo è un po' barare.Altrimenti CONTINUANO AD USARE WINDOWS. Quindi per certi ambiti sono ahimè legati ancora a Windows. Come è giusto che sia. Del resto a chi lavora non puoi sempre dare in bocca l'alternativa con interfaccia handicap-mode attiva e dire che è la stessa cosa. E non si puo' certo pretendere che un TOT di ingegneri programmino software gratuitamente quando certe aziende ci vivono da decenni...con le loro mani costruiranno una capanna di legno, ma chi era abituato a vivere in una villa sicuramente si lamenterà e non poco. E così via.
        • Nanuk scrive:
          Re: Mancano dei pezzi
          - Scritto da: maranric
          - Scritto da: collione
          Ovvero, COME DETTO da me in precedenza, Ovvero come da te detto in precedenza si stanno preparando gli strumenti per rendere le prossime migrazioni semplici ed indolori.Inoltre ora chi fornisce programmi per quelle pa immagino DOVRA fornirli multipiattaforma in futuro.
          Quindi per certi ambiti sono ahimè legati ancora
          a Windows. Come è giusto che sia. Del resto a chi
          lavora non puoi sempre dare in bocca
          l'alternativa con interfaccia handicap-mode
          attiva e dire che è la stessa cosa.Alludi a piastrelloto ?Ha fatto passare più gente a linux win8 che tutti gli spot caonical e red hat messi insieme.
          E non si puo' certo pretendere che un TOT
          di ingegneri programmino software
          gratuitamente quando certe aziende ci
          vivono da decenni... Quando mai i programmi per una PA sono programmati gratuitamente invece che seguendo le specifiche richieste nell'apposito concorso ?Ma tu non lavoravi nell'ambito ? Ma com'è che non sai queste cose ?
          con le loro mani
          costruiranno una capanna di legno, ma
          chi era abituato a vivere in una villa
          sicuramente si lamenterà e non poco. Mi capita ogni volta che devo usare windows in effetti.
  • iRoby scrive:
    TCO
    TCO bye bye!!!Avete sempre raccontato XXXXXXcce, e noi lo sapevamo.Ma i cretini alla propaganda vuota e senza prove scientifiche ci credono, e finora molti ci sono cascati.Ecco invece un'altra prova.La piccola provincia di Bolzano ne aveva risparmiati 1 o 2 milioni. Monaco addirittura 11-12.
  • panda rossa scrive:
    Germania - Brasile 7-1
    Linux - Windows differenza ancora piu' schiacciante!
Chiudi i commenti