DDoS, l'armata dei WordPress cattivi

Centinaia di migliaia di blog basati sulla popolare piattaforma usati per buttare giù i server altrui. Il problema è strutturale, ma le possibilità di mitigare il rischio non mancano

Roma – Sucuri Security ha individuato una rete per attacchi DDoS basata sull’uso/abuso di più di 162.000 blog WordPress, una rete malevola costruita grazie a un problema “strutturale” presente all’interno della popolare piattaforma di blogging.

La società è specializzata nel fornire strumenti di sicurezza esterni per siti web (Web Application Firewall, scansione anti-malware ecc), e proprio nel gestire un attacco indirizzato contro uno dei suoi clienti ha avuto modo di individuare la rete DDoS in oggetto .

L’origine del problema, spiega Sucuri, si trova all’interno del componente XML-RPC di WordPress(.org) usato per gestire pingback, trackback, accesso remoto (anche via gadget mobile) o da software (client) esterni e altro ancora. Basta inviare una richiesta di pingback formattata in un certo modo, dice la società di sicurezza, e il blog viene automaticamente “arruolato” per funzionare da vettore di amplificazione per un attacco DDoS su vasta scala.

Il modulo XML-RPC fa parte della dotazione standard di WordPress da sempre, ed è improbabile che venga eliminato anche se pone seri rischi alla sicurezza del Web. Gli admin/blogger che non fanno uso delle sue funzionalità possono cancellare fisicamente il file XML-RPC dal server o bloccare i pingback con apposito plugin filtro, spiega Sucuri, mentre per gli utenti preoccupati di essere caduti vittime involontarie dell’attacco DDoS è disponibile uno scanner per la verifica della situazione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pierpaolo scrive:
    avete rotto le scatole
    voi le app per chattare.Telegram, Theema ecc saranno anche sicuri e belli ma se non ce l'hanno i tuoi amici in rubrica a chi mandi i messaggi? avvii l'app e te le guardi.E poi basta di parlare sempre di sto facebook, quel sito per i femminielli e i bimbiXXXXXXX. La rete è così vasta ed utile che sarebbe sprecato passare il tempo solo sui social.
    • alternativa scrive:
      Re: avete rotto le scatole
      - Scritto da: pierpaolo
      voi le app per chattare.
      Telegram, Theema ecc saranno anche sicuri e belli
      ma se non ce l'hanno i tuoi amici in rubrica a
      chi mandi i messaggi? avvii l'app e te le
      guardi.Ti metti d'accordo con con chi ti interessa avere una chat sicura che vada oltre l'sms. Se questo è interessato e ne capisce il valore se la compra.
      • pierpaolo scrive:
        Re: avete rotto le scatole
        - Scritto da: alternativa
        Ti metti d'accordo con con chi ti interessa avere
        una chat sicura che vada oltre l'sms. Se questo è
        interessato e ne capisce il valore se la
        compra.capirai: immagino la fatica che farei nel doverlo convincere. Questo, poi, a sua volta dovrebbe convincere anche i sui contatti più fidati a fare lo stesso.... buonanotte.
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: avete rotto le scatole
          - Scritto da: pierpaolo
          capirai: immagino la fatica che farei nel doverlo
          convincere. Questo, poi, a sua volta dovrebbe
          convincere anche i sui contatti più fidati a fare
          lo stesso....
          buonanotte.non ci vedo tanta differenza nel convincere gli altri ad usare Whatsapp, come mi è capitato più volte nonostante abbia spiegato che non ho uno smartphone
        • alternativa scrive:
          Re: avete rotto le scatole

          capirai: immagino la fatica che farei nel doverlo
          convincere. Questo, poi, a sua volta dovrebbe
          convincere anche i sui contatti più fidati a fare
          lo stesso....
          buonanotte.E' una tua scelta, resta su whatsapp che è piu' facile. Ce l'hanno tutti, paghi 1 euro all'anno e vivi felice.Io con certi amici e colleghi abbiamo scelto threema. Paghiamo 1,60 una volta sola, abbiamo una chat blindata e viviamo felici.
          • rosdavide scrive:
            Re: avete rotto le scatole
            Una APP per domarli, una APP per trovarli, una APP per ghermirli e nel buio incatenarli;-) - Scritto da: alternativa

            capirai: immagino la fatica che farei nel
            doverlo

            convincere. Questo, poi, a sua volta dovrebbe

            convincere anche i sui contatti più fidati a
            fare

            lo stesso....

            buonanotte.

            E' una tua scelta, resta su whatsapp che è piu'
            facile. Ce l'hanno tutti, paghi 1 euro all'anno e
            vivi
            felice.

            Io con certi amici e colleghi abbiamo scelto
            threema. Paghiamo 1,60 una volta sola, abbiamo
            una chat blindata e viviamo
            felici.
  • rosdavide scrive:
    privacy in internet
    E' vero la privacy sui social è una contraddizione in termini; ma un sistema di messaggistica end to end è un'altra cosa. Il problema qui non è pubblicare su una bacheca el informazioni ma bensi che le comunicazioni "private" vengano usate e rivendute.
    • alternativa scrive:
      Re: privacy in internet
      Ti metti d'accordo con con chi ti interessa avere una chat sicura che vada oltre l'sms. Se questo è interessato e ne capisce il valore se la compra.
  • thebecker scrive:
    privacy e idiozia degli utenti
    In una pagina di facebook di un magazine, ho letto un post che mi ha lasciato di sasso. Un utente chiedeva se era possibile ricevere un arretrato, la redazione rispondeva in modo affermativo dicendo di comunicare l'indirizzo per la spedizione. Lo sapete cosa ha fatto l'utente? Ha pubblicato il suo indirizzo nei commenti della discussione ovviamente messaggio visibile a tutti! Insomma si possono fare tante leggi sulla privacy magari facebook li rispetta come si deve ma se l'utente pubblica i propri dati senza capire la differenza tra messaggi pubblici e PM allora non serviranno a niente. Ci sono tanti utenti che nella loro bacheca scrivono post pubblici mettendo roba privata, insomma neanche controllano le impostazioni di visibilità del post. A parte che se pubblichi tutta la tua vita su FB o simili poi non lamentarti se ne perdi il controllo. La miglior privacy e non pubblicare su internet quello che dovrebbe rimanere privato.
    • ruppolo scrive:
      Re: privacy e idiozia degli utenti
      - Scritto da: thebecker
      ma se
      l'utente pubblica i propri dati senza capire la
      differenza tra messaggi pubblici e PMAh perché, c'è differenza? Per Mark? Per chi guadagna dal sapere i fatti altrui?
      • thebecker scrive:
        Re: privacy e idiozia degli utenti
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: thebecker

        ma se

        l'utente pubblica i propri dati senza capire
        la

        differenza tra messaggi pubblici e PM

        Ah perché, c'è differenza? Per Mark? Per chi
        guadagna dal sapere i fatti
        altrui?Facebook ci guadagna ovvio. Comunque se usi un Email o FB a altri servizi di messagistica privata (ompresi i servizi di Apple) per mandare un informazione normale per farti inviare un arretrato il tuo messaggio rimane comunque su un database e non ci puoi fare niente...Ma almeno capire quando mandi un messaggio privato da uno pubblico sarebbe il minimo per gestire alemeno i parte i propri dati nei confronti di altri utenti del servizio e in generale di internet.
        • krane scrive:
          Re: privacy e idiozia degli utenti
          - Scritto da: thebecker
          - Scritto da: ruppolo

          - Scritto da: thebecker


          ma se


          l'utente pubblica i propri dati senza
          capire

          la


          differenza tra messaggi pubblici e PM



          Ah perché, c'è differenza? Per Mark? Per chi

          guadagna dal sapere i fatti

          altrui?
          Facebook ci guadagna ovvio. Comunque se usi un
          Email o FB a altri servizi di messagistica
          privata (ompresi i servizi di Apple) per mandare
          un informazione normale per farti inviare un
          arretrato il tuo messaggio rimane comunque su un
          database e non ci puoi fare niente...Puoi inviarla criptata, pure la chat di FB.
          • thebecker scrive:
            Re: privacy e idiozia degli utenti
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: thebecker

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: thebecker



            ma se



            l'utente pubblica i propri dati
            senza

            capire


            la



            differenza tra messaggi pubblici e
            PM





            Ah perché, c'è differenza? Per Mark?
            Per
            chi


            guadagna dal sapere i fatti


            altrui?


            Facebook ci guadagna ovvio. Comunque se usi
            un

            Email o FB a altri servizi di messagistica

            privata (ompresi i servizi di Apple) per
            mandare

            un informazione normale per farti inviare un

            arretrato il tuo messaggio rimane comunque
            su
            un

            database e non ci puoi fare niente...

            Puoi inviarla criptata, pure la chat di FB.Come, con un software che prima ti cripta il testo e poi lo copi e incolli nella chat? O qualche applicazione che si installa direttamente su FB, se facebook lo permette? Il problema che questi sistemi prevedono che tutte le due parti lo utilizzino è questa è la parte più difficile, convincere il destinatario dei messaggi...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 marzo 2014 12.35-----------------------------------------------------------
          • krane scrive:
            Re: privacy e idiozia degli utenti
            - Scritto da: thebecker
            - Scritto da: krane
            Come, con un software che prima ti cripta il
            testo e poi lo copi e incolli nella chat? O
            qualche applicazione che si installa direttamente
            su FB, se facebook lo permette?Pidgin che utilizza il protocollo di comunicazione, senza manco il browser aperto, e OTR naturalmente.http://www.pidgin.im/https://otr.cypherpunks.ca/
            Il problema che
            questi sistemi prevedono che tutte le due parti
            lo utilizzino è questa è la parte più difficile,
            convincere il destinatario dei messaggi...E anche qua sbagli: se dall'altra parte lo usano parte in automatico la criptazione, se non lo usano si chiatta senza, a quel punto basta chiedergli di usarlo e spiegargli i vantaggi, poi se non vuole amen, non scrivero' fatti miei e password.
      • king volution scrive:
        Re: privacy e idiozia degli utenti
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: thebecker

        ma se

        l'utente pubblica i propri dati senza capire
        la

        differenza tra messaggi pubblici e PM

        Ah perché, c'è differenza? Per Mark? Per chi
        guadagna dal sapere i fatti altrui?ed è peggio ancora con apple...
        • ruppolo scrive:
          Re: privacy e idiozia degli utenti
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: ruppolo

          - Scritto da: thebecker


          ma se


          l'utente pubblica i propri dati senza
          capire

          la


          differenza tra messaggi pubblici e PM



          Ah perché, c'è differenza? Per Mark? Per chi

          guadagna dal sapere i fatti altrui?

          ed è peggio ancora con apple...No, non lo è:http://www.macitynet.it/apple-non-punta-molto-sul-network-di-annunci-iad/
          • krane scrive:
            Re: privacy e idiozia degli utenti
            - Scritto da: ruppolo

            ed è peggio ancora con apple...
            No, non lo è:
            http://www.macitynet.it/apple-non-punta-molto-sul-E se lo dice macitynet che apple e' buona allora e' sicuramente vero.
          • bubba scrive:
            Re: privacy e idiozia degli utenti
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ruppolo



            ed è peggio ancora con apple...


            No, non lo è:



            http://www.macitynet.it/apple-non-punta-molto-sul-

            E se lo dice macitynet che apple e' buona allora
            e' sicuramente
            vero.(....)Instead, they have to go to Apple, ask to reach a given audience and, well, trust Apple that it will deliver it.Apple (e i macachi) mi ricordano sempre la storiella del Carrello...
  • alternativa scrive:
    Alternativa a Whatsapp
    Spesso leggo di alternative a whatsapp, ma in Italia si parla poco di Threema, l'app che ha avuto piu' sucXXXXX in Germania.E' effettivamente un'ottima app, l'ho provata e la uso, ma in Italia difficilmente prenderà piede poiché a pagamento, poiché stranamente l'utente standard non lesina a sborsare centinaia di Euro per uno smartphone ma poi non compra un programma che costa meno di un caffè: meno di 2 Euro (unatantum, senza canoni fissi). E qui si vede il valore che da' la gente alla privacy. Nell'eterna ricerca del gratuito tanti finiscono nelle mani del facebook russo (telegram) o altre grosse compagnie (Viber,ecc).Indipendentemente da quello che scegliete ricordate che quando un'app è gratuita, il prodotto siete VOI (la vostra rubrica per esempio).Forse vale la pena riflettere un attimo prima di scartare a priori tutto quello che non è gratuito, e iniziare a ragionare con la propria testa.
    • Pippo scrive:
      Re: Alternativa a Whatsapp
      TelegramGratuito, opensource uguale identico a whatsapp ma con una marcia in più.http://benzene4ever.blogspot.it/2014/02/telegram-lalternativa-whatsapp-per.html
      • alternativa scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        Non e' proprio esatto quello che dici.Telegram è solo parzialmente opensource.Poi togli le fette di salame dagli occhi, credi ancora al miliardario benefattore del mondo che dona un'app al mondo? Credi che non ci sia un mercato dietro?I fondatori di Telegram sono i proprietari di VK, il facebook russo.http://en.wikipedia.org/wiki/Telegram_%28software%29
        • Pippo scrive:
          Re: Alternativa a Whatsapp
          Si, questo è risaputo.Ma se posso scegliere tra uno e l'altro sinceramente preferisco il secondo. Facebook ha da sempre problemi a livello Privacy...
          • illusion scrive:
            Re: Alternativa a Whatsapp
            - Scritto da: Pippo
            Si, questo è risaputo.
            Ma se posso scegliere tra uno e l'altro
            sinceramente preferisco il secondo. Facebook ha
            da sempre problemi a livello
            Privacy...suppongo che ognuno sia libero di scegliere da chi farsi spiare
          • alternativa scrive:
            Re: Alternativa a Whatsapp
            De gustibus. Io tra i due (o i tanti che ho provato) preferisco scegliere Threema: indipendente al 100%, non legato a social network o enti esterni, pago l'applicazione e finito.
      • ruppolo scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        - Scritto da: Pippo
        Telegram
        Gratuito, opensource uguale identico a whatsapp
        ma con una marcia in
        più.
        http://benzene4ever.blogspot.it/2014/02/telegram-lIdentico un corno: se non fornisci l'acXXXXX alla rubrica non puoi inviare alcun messaggio, a nessuno. E se ne ricevi uno, non viene indicato il nome di chi l'ha inviato, benché il sistema conosca perfettamente il nome (infatti lo mostra chiedendo informazioni sul mittente).Questo è un TRUFFALDINO modo di agire per rubare i dati della rubrica!!!ALLA LARGA DA TELEGRAM!!!
        • sbrotfl scrive:
          Re: Alternativa a Whatsapp
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Pippo

          Telegram

          Gratuito, opensource uguale identico a
          whatsapp

          ma con una marcia in

          più.


          http://benzene4ever.blogspot.it/2014/02/telegram-l

          Identico un corno: se non fornisci l'acXXXXX alla
          rubrica non puoi inviare alcun messaggio, a
          nessuno. E se ne ricevi uno, non viene indicato
          il nome di chi l'ha inviato, benché il sistema
          conosca perfettamente il nome (infatti lo mostra
          chiedendo informazioni sul
          mittente).

          Questo è un TRUFFALDINO modo di agire per rubare
          i dati della
          rubrica!!!Che razzo stai dicendo? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          ALLA LARGA DA TELEGRAM!!!Ok ruppy (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • ruppolo scrive:
            Re: Alternativa a Whatsapp
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Pippo


            Telegram


            Gratuito, opensource uguale identico a

            whatsapp


            ma con una marcia in


            più.





            http://benzene4ever.blogspot.it/2014/02/telegram-l



            Identico un corno: se non fornisci l'acXXXXX
            alla

            rubrica non puoi inviare alcun messaggio, a

            nessuno. E se ne ricevi uno, non viene
            indicato

            il nome di chi l'ha inviato, benché il
            sistema

            conosca perfettamente il nome (infatti lo
            mostra

            chiedendo informazioni sul

            mittente).



            Questo è un TRUFFALDINO modo di agire per
            rubare

            i dati della

            rubrica!!!

            Che razzo stai dicendo? (rotfl)(rotfl)(rotfl)Sto dicendo che se non concedi l'acXXXXX alla rubrica non puoi inviare messaggi.
      • king volution scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        - Scritto da: Pippo
        Telegram
        Gratuito, opensource uguale identico a whatsapp
        ma con una marcia in più.
        http://benzene4ever.blogspot.it/2014/02/telegram-lmah... cosa dovrebbe esserci di meglio nel fatto di essere opensource, considerato che pure questo è un servizio SaaS con "dietro" il suo bel cloud?con SaaS e cloud la licenza dell'applicativo NON CONTA NULLA...
    • ma anche no scrive:
      Re: Alternativa a Whatsapp
      - Scritto da: alternativa
      Spesso leggo di alternative a whatsapp, ma in
      Italia si parla poco di Threema, l'app che ha
      avuto piu' sucXXXXX in
      Germania.

      E' effettivamente un'ottima app, l'ho provata e
      la uso, ma in Italia difficilmente prenderà piede
      poiché a pagamento, poiché stranamente l'utente
      standard non lesina a sborsare centinaia di Euro
      per uno smartphone ma poi non compra un programma
      che costa meno di un caffè: meno di 2 Eurodove lo prendi tu il caffé? Che cerco di evitare il posto.
    • Izio01 scrive:
      Re: Alternativa a Whatsapp
      - Scritto da: alternativa
      Spesso leggo di alternative a whatsapp, ma in
      Italia si parla poco di Threema, l'app che ha
      avuto piu' sucXXXXX in Germania.
      Io la prenderei al volo, a spendere 1,60 euro in cambio di una cifratura end to end non ho problemi.Però è inutile, visto che non troverei nessuno dei miei contatti.Dopo attente meditazioni, ho cancellato il mio account da WhatsApp e ho installato Telegram, ma a parte che non vedo cosa cambi tra l'uno e l'altra, a parte la paternità della app, ma poi ci sono solo quattro dei miei contatti. Tutti colleghi informatici.Se installo Threema, mi sa che finisco nel deserto dei tartari. A quel punto è completamente inutile.
      • ruppolo scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: alternativa

        Spesso leggo di alternative a whatsapp, ma in

        Italia si parla poco di Threema, l'app che ha

        avuto piu' sucXXXXX in Germania.



        Io la prenderei al volo, a spendere 1,60 euro in
        cambio di una cifratura end to end non ho
        problemi.A che serve una cifratura end to end quando il ladro sta proprio in uno due end?Sarebbe come usare il blindato per portare i propri soldi ad una banda di ladri.
        • krane scrive:
          Re: Alternativa a Whatsapp
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Izio01

          - Scritto da: alternativa


          Spesso leggo di alternative a whatsapp,
          ma
          in


          Italia si parla poco di Threema, l'app
          che
          ha


          avuto piu' sucXXXXX in Germania.






          Io la prenderei al volo, a spendere 1,60
          euro
          in

          cambio di una cifratura end to end non ho

          problemi.

          A che serve una cifratura end to end quando
          il ladro sta proprio in uno due end?Doppia chiave privata e sei tranquillo.http://it.wikipedia.org/wiki/Differenza_fra_cifratura_simmetrica_e_asimmetricaLamer...
      • alternativa scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp

        Se installo Threema, mi sa che finisco nel
        deserto dei tartari. A quel punto è completamente
        inutile.E' solo perche' qui è ancora poco diffuso e se ne parla poco, anche perche' il maggior hype ce l'ha Telegram perche' è gratuito.E' questione di tempo...
    • ruppolo scrive:
      Re: Alternativa a Whatsapp
      - Scritto da: alternativa
      Indipendentemente da quello che scegliete
      ricordate che quando un'app è gratuita, il
      prodotto siete VOI (la vostra rubrica per
      esempio).

      Forse vale la pena riflettere un attimo prima di
      scartare a priori tutto quello che non è
      gratuito, e iniziare a ragionare con la propria
      testa.Io già lo faccio da anni: evito tutte le app gratuite, a meno che non si tratti della tipica offerta per 24 ore.Ho eliminato prima i messaggi, poi l'account e infine l'app Whatsapp il giorno stesso della notizia dell'acquisizione da parte di Facebook.Al posto di Whatsapp non userò nulla, perlomeno fino a quando non uscirà una app A PAGAMENTO che dimostri che vive solo con quei soldi.Nel frattempo uso iMessage di Apple ed SMS (per chi non ha prodotti Apple).
      • sbrotfl scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: alternativa

        Indipendentemente da quello che scegliete

        ricordate che quando un'app è gratuita, il

        prodotto siete VOI (la vostra rubrica per

        esempio).



        Forse vale la pena riflettere un attimo
        prima
        di

        scartare a priori tutto quello che non è

        gratuito, e iniziare a ragionare con la
        propria

        testa.

        Io già lo faccio da anni: evito tutte le app
        gratuite, a meno che non si tratti della tipica
        offerta per 24
        ore.

        Ho eliminato prima i messaggi, poi l'account e
        infine l'app Whatsapp il giorno stesso della
        notizia dell'acquisizione da parte di
        Facebook.

        Al posto di Whatsapp non userò nulla, perlomeno
        fino a quando non uscirà una app A PAGAMENTO che
        dimostri che vive solo con quei
        soldi.Guarda che WhatsApp è a pagamento :)
        Nel frattempo uso iMessage di Apple ed SMS (per
        chi non ha prodotti
        Apple).Ottimo! Tu si che sei protetto!
      • thebecker scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        - Scritto da: ruppolo
        Al posto di Whatsapp non userò nulla, perlomeno
        fino a quando non uscirà una app A PAGAMENTO che
        dimostri che vive solo con quei
        soldi.Visto che ti piace Apple ti faccio leggere un passo sulle lore regole e privacy: :)"Potrebbe esserti richiesto di fornire i tuoi dati personali ogni volta che entri in contatto con Apple <b
        o con una società affiliata ad Apple </b
        . Apple e le sue affiliate potrebbero condividere questi dati tra di loro ed utilizzarli conformemente alla presente Privacy Policy. Potrebbero anche combinarli con altri dati per fornire e migliorare i nostri prodotti, servizi, contenuti e pubblicità.""I dati personali che raccogliamo ci permettono di tenerti aggiornato sugli annunci degli ultimi prodotti Apple, sugli aggiornamenti software e sui prossimi eventi. Inoltre, ci aiutano a migliorare i nostri servizi, contenuti <b
        e pubblicità </b
        . Se non vuoi essere nella nostra mailing list, puoi cancellarti in ogni momento aggiornando le tue preferenze."Ci sono tanti spunti...http://www.apple.com/it/privacy/Apple con i suoi termini sulla privacy si lascia aperte molte strade.Insomma società affiliate ad Apple, pubblicità..ecc. anche Apple che offre servizi a pagamento cerca di guadagnare con la tua privacy..Non eistono società "sante" che proteggono i tuoi dati personali senza sfruttarli economicamente, ovviamente se tu accetti i loro termini di utilizzo del servizo e tutto legale.
        • ruppolo scrive:
          Re: Alternativa a Whatsapp
          - Scritto da: thebecker
          - Scritto da: ruppolo

          Al posto di Whatsapp non userò nulla,
          perlomeno

          fino a quando non uscirà una app A PAGAMENTO
          che

          dimostri che vive solo con quei

          soldi.

          Visto che ti piace Apple ti faccio leggere un
          passo sulle lore regole e privacy:
          :)

          "Potrebbe esserti richiesto di fornire i tuoi
          dati personali ogni volta che entri in contatto
          con Apple <b
          o con una società affiliata
          ad Apple </b
          . Apple e le sue affiliate
          potrebbero condividere questi dati tra di loro ed
          utilizzarli conformemente alla presente Privacy
          Policy. Potrebbero anche combinarli con altri
          dati per fornire e migliorare i nostri prodotti,
          servizi, contenuti e
          pubblicità."Potrebbe...
          "I dati personali che raccogliamo ci permettono
          di tenerti aggiornato sugli annunci degli ultimi
          prodotti Apple, sugli aggiornamenti software e
          sui prossimi eventi. Inoltre, ci aiutano a
          migliorare i nostri servizi, contenuti <b

          e pubblicità </b
          . Se non vuoi essere
          nella nostra mailing list, puoi cancellarti in
          ogni momento aggiornando le tue
          preferenze.""Se non vuoi essere nella nostra mailing list..."

          Ci sono tanti spunti...

          http://www.apple.com/it/privacy/

          Apple con i suoi termini sulla privacy si lascia
          aperte molte
          strade.Non molte, se paragonate agli altri.
          Insomma società affiliate ad Apple,
          pubblicità..ecc. anche Apple che offre servizi a
          pagamento cerca di guadagnare con la tua
          privacy..Non come gli altri.
          Non eistono società "sante" che proteggono i tuoi
          dati personali senza sfruttarli economicamente,
          ovviamente se tu accetti i loro termini di
          utilizzo del servizo e tutto
          legale.Esistono società migliori di altre:http://www.macitynet.it/apple-non-punta-molto-sul-network-di-annunci-iad/Se permetti preferisco questa piuttosto che quell'altra che mi dice che possono usare i contenuti della mia posta elettronica per fare quello che gli pare e piace.Parole a parte, le trimestrali evidenziano da DOVE provengono i soldi!
      • king volution scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        - Scritto da: ruppolo
        Al posto di Whatsapp non userò nulla, perlomeno
        fino a quando non uscirà una app A PAGAMENTO che
        dimostri che vive solo con quei soldi.bravo bravo, fai bene a interessarti alla tua privacy
        Nel frattempo uso iMessage di Apple ed SMS (per
        chi non ha prodotti Apple).ah beh... oooookkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk....potevi dirlo subito! così sì che sei a posto! il massimo della privacy: non hai più dati personali da proteggere, ci pensano direttamente apple e la NSAtu sì che sei un genio!
        • ruppolo scrive:
          Re: Alternativa a Whatsapp
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: ruppolo

          Al posto di Whatsapp non userò nulla,
          perlomeno

          fino a quando non uscirà una app A PAGAMENTO
          che

          dimostri che vive solo con quei soldi.

          bravo bravo, fai bene a interessarti alla tua
          privacy


          Nel frattempo uso iMessage di Apple ed SMS
          (per

          chi non ha prodotti Apple).

          ah beh... oooookkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk....
          potevi dirlo subito!
          così sì che sei a posto!
          il massimo della privacy: non hai più dati
          personali da proteggere, ci pensano direttamente
          apple e la
          NSA
          tu sì che sei un genio!Tutto da dimostrare, nel frattempo:http://www.macitynet.it/apple-non-punta-molto-sul-network-di-annunci-iad/
          • krane scrive:
            Re: Alternativa a Whatsapp
            - Scritto da: ruppolo
            Tutto da dimostrare, nel frattempo:
            http://www.macitynet.it/apple-non-punta-molto-sul-Ma la fonte e' affidabile e neutrale vero ?(newbie)
      • gnammolo scrive:
        Re: Alternativa a Whatsapp
        usa tranquillo che sistema vuoi, whatsup, telegram ecc. tanto sai a chi ca**o interessa il tuo numero...
    • king volution scrive:
      Re: Alternativa a Whatsapp
      - Scritto da: alternativa
      ricordate che quando un'app è gratuita, il
      prodotto siete VOI (la vostra rubrica per esempio).questo che dici è quasi sempre vero... ma resta una generalizzazione: il punto non è la gratuità
      Forse vale la pena riflettere un attimo prima di
      scartare a priori tutto quello che non è
      gratuito, e iniziare a ragionare con la propria testa.e infatti si dovrebbero considerare PRIMA DI TUTTO altri "parametri":- si tratta di software prorietario? se SI -
      SCARTATO- la licenza d'uso del software è una idonea licenza per il software libero (p.es. AGPLv3+)? se NO -
      SCARTATO- è un software SaaS? se SI -
      SCARTATO- le condizioni d'uso sono adeguate (privacy, gestione dati, diritti sui "contenuti" ecc. ecc.)? se NO -
      SCARTATOe solo DOPO si va a considerare il prezzo...
  • algaro scrive:
    banner
    Diciamo che sono abbastanza d'accordo sul sottolineare quanto la privacy sia relativa sia per facebook che whatsapp. Ricordo però che la privacy sui contenuti immessi in rete è una pura illusione.Trovo però alquanto inelegante che nell'articolo si nomini un solo concorrente "come il software cinese wechat" tra i tanti competitors e di fianco compaia un mega banner proprio di wechat.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 marzo 2014 21.40-----------------------------------------------------------
    • sxs scrive:
      Re: banner
      Questo non e' tecnicamente vero, con la crittografia si potrebbe eccome, vedi i servizi di internet banking ad esempio, o una "semplice" sessione ssh. E' che si vuole fare business con le statistiche aggregate degli affari nostri.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: banner
      Se il signor wechat fa una dichiarazione roboante tipo "noi valiamo 60 miliardi" non è colpa nostra.Se nel paragrafo successivo si nominano altri due progetti di messenger magari uno potrebbe anche farci caso.
Chiudi i commenti