Decreto Pisanu, addio per sempre

Niente ennesima proroga per la legge sugli Internet point. Finalmente la rinascita del WiFi?

Roma – Nonostante voci di una nuova conferma del contestato articolo 7 del D.L. 144/2005, nel testo dell’ultimo decreto “milleproroghe” stavolta non sembrano esserci traccia di una nuova vita per il cosiddetto Decreto Pisanu.

In vigore dal 2005 , prevede prevedeva che per aprire un Internet point occorresse richiedere una licenza al questore e chiedere una registrazione specifica tramite documento d’identità agli utenti che intendevano collegarvisi.

Ogni anno la norma, che avrebbe dovuto restare in vigore solo fino al 2008, era stata prorogata con il decreto milleproroghe , un’abitudine governativa che viene approvata a fine anno per rinviare le questioni urgenti che non si è avuto modo di risolvere durante l’anno.

Secondo alcune indiscrezioni anche la versione 2011/2012 avrebbe dovuto contenere all’ art. 33 l’estensione di un anno della valida dell’articolo 7 del D.L. 144/2005.

Tuttavia, il Decreto-Legge 29 dicembre 2011 n. 216 definitivamente approvato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale non sembra contenere più di 30 articoli e dunque nessuna proroga ulteriore del Decreto Pisanu.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tucumcari scrive:
    "gratis"
    Cioè coi soldi dei cittadini......E naturalmente dopo aver sottratto all'importo Q.B. per il magna magna dei politici e delle "aziende IT" (sorella, zio, cognato ecc. ecc.) locali...Con la stessa cifra (in mano direttamente ai cittadini stessi) si potrebbe fare una rete seria e utile.. certo non proprio "utile" ai soliti noti.. ma ai cittadini si!
  • nome e cognome scrive:
    è un magna magna
    il wi-fi a milano è stato un magna-magna al momento del faticosissimo debutto morattiano (vedere quanto hanno speso per coprire quattro strade in croce) e mi pare continui sulla stessa stradacambiano le persone, non cambiano le modalità (anche perché dietro il "fornitore" è sempre lo stesso)
    • panda rossa scrive:
      Re: è un magna magna
      - Scritto da: nome e cognome
      il wi-fi a milano è stato un magna-magna al
      momento del faticosissimo debutto morattiano
      (vedere quanto hanno speso per coprire quattro
      strade in croce) e mi pare continui sulla stessa
      strada

      cambiano le persone, non cambiano le modalità
      (anche perché dietro il "fornitore" è sempre lo
      stesso)L'importante e' che poi la gente possa collegarsi alla rete, gratuitamente, in forma anonima, e postare liberamente sul forum di PI.
      • infame scrive:
        Re: è un magna magna
        - Scritto da: panda rossa
        L'importante e' che poi la gente possa collegarsi
        alla rete, gratuitamente, in forma anonima, e
        postare liberamente sul forum di
        PI.volevi dire "trollare" liberamente sul forum di PI, vero?
  • Claudio scrive:
    5000 euro a punto
    Non dico 6mio di euro per 1200 punti? 5000 euro a punto? Ma non si rendono conto della buffonata che fanno?Poco tempo fa a Milano hanno piazzato 150 cartelli di ferro di fronte ai monumenti... ah si con il MITOLOGICO QRCODE mirabolante meraviglia... costo? Più di 5000 euro a cartello.MI domando: ma questi guru hanno idea dei costi? Mettono gente a caso a farsi fare preventivi?Che schifo
    • sgabe scrive:
      Re: 5000 euro a punto
      - Scritto da: Claudio
      Non dico 6mio di euro per 1200 punti? 5000 euro a
      punto? Ma non si rendono conto della buffonata
      che
      fanno?

      Poco tempo fa a Milano hanno piazzato 150
      cartelli di ferro di fronte ai monumenti... ah si
      con il MITOLOGICO QRCODE mirabolante
      meraviglia... costo? Più di 5000 euro a
      cartello.

      MI domando: ma questi guru hanno idea dei costi?
      Mettono gente a caso a farsi fare
      preventivi?

      Che schifoIo non penso che sono grulli, io penso che ci mangino, un punto wifi 5000 euro, 1000 a me, 1000 a te, 1000 a un'altra...ecc..
  • iome scrive:
    wifi gratis? in che senso?
    cioe' il promo che passa, ma anche chi abita vicino ad un punto di acXXXXX si connette gratis? non e' che poi tipo Fastweb denuncia il Comune di Milano per concorrenza sleale?
    • johnny il fenomeno scrive:
      Re: wifi gratis? in che senso?
      - Scritto da: iome
      wifi gratis? in che senso?Beh... Leggendo la notizia su altri siti, sembrerebbe che il senso sia quello della solita presa per il XXXX.Speriamo che alla fine non sia cosi'.
    • selidori scrive:
      Re: wifi gratis? in che senso?
      No.Almeno per i luoghi dove c'e' il wifi del comune o del gestore dei mezzi pubblici, l'acXXXXX ad internet non è completo.Si accede infatti solo alle pagine istituzionali (comune, enti vari, traffico, ecc) ed anche ad alcune aziende private (mica stupide!) che evidentemente pagano per farsi vedere (tipo alcune banche).Ad ogni modo la navigazione è ammessa anche su altri siti ma bisogna innanzitutto registrarsi e comunque ci sono limiti (oltre al tempo (massimo 1 ora al giorno) ovviamente sono bloccati i p2p, eccfastweb od altri provider si potrebbero anche attaccare. a parte che quello che non prendono dai privati lo prendono dagli enti a cui vendono conenttività, ma comunque è proprio che almeno i prodiver si potrebbero distinguere e migliorare ad esempio i servizi di video streaming bloccati o rallentati su queste reti.Infine ti faccio notare che sono oramai tanti anche i privati che offrono connessione internet limitata ai clienti (al volo mi viene in mente auchan, mcdonalds, rinascente, coin, ecc ma ogni giorno ce ne sono di nuovi).
Chiudi i commenti