Di bellezza, dating e orchi cattivi

Più di 30mila utenti cacciati dal social network per soli belli BeautifulPeople.com. Si erano iscritti grazie ad un virus ispirato a Shrek. Ma c'è chi ipotizza una trovata pubblicitaria per attirare nuovi utenti. Ovviamente stupendi
Più di 30mila utenti cacciati dal social network per soli belli BeautifulPeople.com. Si erano iscritti grazie ad un virus ispirato a Shrek. Ma c'è chi ipotizza una trovata pubblicitaria per attirare nuovi utenti. Ovviamente stupendi

È una delle grandi lezioni offerte da Facebook alla vasta platea connessa: il successo di una rete sociale viene misurato anche in base al suo numero complessivo di iscritti. Ma questo stesso principio del più siamo meglio è non sembra far parte delle strategie aziendali introdotte dalla piattaforma danese BeautifulPepole.com .

Una comunità online basata su schemi estetici molto rigidi: un club esclusivo per soli belli . Sono infatti gli stessi utenti di BeautifulPeople.com a votare gli altri membri, permettendo a questi ultimi di restare sul sito per conoscersi e magari incontrarsi. Ma cosa accade se un comune malware mette a repentaglio questa dimensione di beltà web?

Più di 30mila nuovi iscritti hanno dunque invaso il sito, grazie al pertugio aperto dal malware Shrek (proprio il brutto e puzzolente orco della favola d’animazione). Utenti non certo all’altezza degli elevati standard di BeautifulPeople.com , conseguentemente banditi dalla piattaforma perché troppo simili all’irascibile gigante verdastro .

Secondo quanto illustrato dagli stessi vertici del sito, l’offensiva potrebbe essere stata condotta da un ex-dipendente, per ritorsione o semplice desiderio di realizzare la burla perfetta. Un sito per soli belli inondato da comuni mortali. I gestori di BeautifulPeople.com hanno repentinamente ripristinato i vecchi meccanismi di voto, ritenuti i soli responsabili della grande cacciata .

“Dev’essere una pillola amara da mandar giù – ha spiegato il manager del sito Greg Hodge – Meglio aver assaggiato una fetta di paradiso che non averlo mai visto”. Questo stesso paradiso non sembra aver convinto gli esperti in sicurezza informatica: i vertici della piattaforma investigheranno a livello interno sull’effettiva origine di Shrek .

Pare comunque che nessun dato personale degli utenti iscritti sia stato trafugato. Nessuna conseguenza negativa per la loro privacy, solo la grande cacciata dei 30mila. Dichiarazioni sospette, che hanno portato l’esperto Graham Cluley ad ipotizzare una clamorosa messa in scena per attirare l’attenzione dei media e quindi nuovi utenti . Ovviamente bellissimi.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 06 2011
Link copiato negli appunti