Dialer, un'industria al capolinea?

Inchiesta di Punto Informatico su un fenomeno che ha dovuto fare i conti con i raggiri di molti operatori a spese di quelli seri. Parlano alcuni di coloro che ci hanno investito sopra. C'è un futuro per i dialer?


Roma – Primi segni di cedimento dei dialer? A sentire quello che riferiscono a Punto Informatico i produttori sembrerebbe proprio di sì. La piaga degli ultimi anni (oggi ancora troppo viva e vegeta) potrebbe effettivamente aver intrapreso la sua parabola discendente . I promotori del malefico software indicano le cause del “prossimo declino” nel “fuoco incrociato di legge e forze dell’ordine”, nelle “campagne dei media”, nella “diffidenza delle persone” e nei nuovi metodi di pagamento “a valore aggiunto” più semplici e sbrigativi. Infine, il grosso incremento della ADSL sta mettendo di fatto fuori gioco i programmi autoinstallanti che, comunque la si voglia vedere, sono ben poco rispettosi della netiquette.

I navigatori dial up sono sempre di meno e questo ovviamente assottiglia le potenzialità di un mercato che da sempre ha giocato subdolamente: oggi, infatti, i navigatori con ADSL benché corrano gli stessi rischi di rimanere vittima di un dialer, sono pressoché immuni agli effetti peggiori (la chiamata non voluta) ma non ai malfunzionamenti del pc.

Se queste sono le premesse, lo stesso mercato sta operando la sua selezione naturale: i truffatori in questo campo sarebbero ogni giorno di meno ed i produttori più versatili stanno elaborando nuove “vie di fuga” proponendo sempre nuovi mezzi per aumentare il valore aggiunto. Per accedere a siti e servizi dedicati sembrano funzionare il pagamento voce a tariffa fissa (3, 5 e 10.33 euro più Iva: si chiama l’899 per avere la password temporanea), pagamento con carta di credito (la si utilizza più volentieri se è ricaricabile e si vende anche nelle ricevitorie Sisal), Paypal o gli SMS premium (che macinano cifre a pochi zeri e giudicate “misere”). Fioriscono e proliferano comunque altri metodi “facili” come il pay per click, i programmi di affiliazione (catene di Sant’Antonio per mezzo del pay per lead ed il pay per sales).

Le ditte contattate da PI riferiscono di dedicare ai dialer ormai non più del 20 per cento delle proprie energie di sviluppo: il grosso dei loro introiti dunque arriva ora da altre fonti . Tuttavia tutti i produttori continuano la loro pubblicità e moltissimi siti ne fanno ancora uso: sono circa una trentina i contenuti premium che si affidano per lo più all’899 e possono essere riassunti approssimativamente in siti dedicati alle ricette, loghi e suonerie, meteo, barzellette, giochi, grafica e download di vario genere. Il porno , sempre secondo i fornitori del software, avrebbe per la gran parte già abbandonato i dialer favorendo altri metodi di pagamento.

Se è vero, allora, che qualcosa sta cambiando, è altrettanto vero che tutto avviene nella totale assenza e latitanza del Legislatore (che non ha mai brillato in prontezza) lasciando quel vuoto normativo -che ha giocato a favore dei truffatori- perfettamente intatto. E il regolamento promesso sulla materia dal Ministero delle comunicazioni è stato accantonato.

Ma ecco cosa hanno detto gli operatori del settore a Punto Informatico.


“Sono ormai due anni che il mercato dei dialer si va assottigliando – spiega a Punto Informatico Paolo Tinarelli di New Dial spa – ormai ha tutti contro e lo bersagliano, a ragione. Sono cambiate radicalmente le condizioni ed i presupposti ed è per questo che, per me, il futuro vedrà sempre più forme integrate tra dialer e pagamento voce. Non credo nel futuro della carta di credito che da noi ha sempre stentato a decollare. Diciamo che ormai la nostra azienda si sta dedicando per la maggior parte a progetti nuovi. Quello che noto – continua Tinarelli – è che non c’è ancora una diffusa e corretta informazione e preparazione -anche da parte degli enti-? mi spiego così per esempio le archiviazioni della maggior parte delle inchieste . Anche perché la legge non era specifica ed il codice penale non poteva dare risposte esaurienti. Credo sia, però, ancora necessario – per mettere fine definitivamente a strumentalizzazioni e comportamenti illeciti- un regolamento in materia. Anche noi – conclude il responsabile di Newdial – eravamo stati chiamati dal Ministero, insieme alle associazioni di consumatori, per la redazione del codice di regolamentazione. Poi però nessuno ci ha fatto sapere più nulla e penso che l’iniziativa si sia conclusa in una bolla di sapone”.

Infotelservizi è stata una fra le prime ditte a rilasciare i fast-dialer, quelli che permettono di collegarsi alla numerazione speciale senza bisogno di scaricare il software sul desktop e con un solo click. Luca Zolesi, responsabile della ditta, ammette che ” gli improvvisatori ci sono , purtroppo. Come in tutti i settori di business in crescita, anche in questo campo si sono affacciati migliaia di operatori pronti a sfruttare eventuali opportunità. Il tempo, la qualità del servizio, la soddisfazione degli utenti, stanno operando la naturale selezione a vantaggio del mercato. Da subito abbiamo capito che bisognava mettere un po’ di ordine nella gestione dei siti a pagamento, per non ricadere nella stessa rete di chi, con questi servizi, stava operando in maniera poco ortodossa grazie ad una normativa non chiara. A questo scopo abbiamo messo a punto il nostro dialer”.

A Mcdial sono più schivi e sparano a zero anche sull’attività del Governo che avrebbe operato scelte sbagliate sulla materia e che, in qualche modo, sarebbe anche fautore di una “disinformazione sulle carte di credito”. Dente avvelenato anche con i “concorrenti non corretti che, se non fosse stato per il 709, non avrebbero mai fatturato milioni di euro sulla pelle degli utenti”.

Più schietto Dario Filizzola, 24 anni, titolare della Darfil . “Non c’è più mercato con i dialer – dice – la legge, le trasmissioni televisive, la diffidenza della gente ha fatto morire per sempre questa opportunità che doveva, secondo me, essere giocata in maniera diversa e senza farsi prendere la mano. In Francia per esempio i dialer sono legali perché hanno tariffe più economiche ed i webmaster guadagnano sulla quantità. Noi, in Italia, abbiamo preferito i metodi scorretti e ci siamo dati la zappa sui piedi: i delinquenti e gli onesti che ora non possono più lavorare. Oggi ho abbandonato quel campo e mi sono buttato sulla promozione dei siti: il guadagno è buono ma si fatica molto di più”.

Alessandro Biancardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    cosa sono davvero i brevetti
    I brevetti furono introdotti in epoca vittorianaquando un inventore morì senza lasciare idocumenti su come costruire il cannone dalui inventato. Allora infatti le invenzioni eranotenute gelosamente segrete per paura chequalcuno le rubasse, e questo era il solo mezzoche aveva un inventore per cautelarsi. Si studiò quindi un meccanismo che permettesse all'inventore di rendere pubblica l'invenzione, pur essendoeconomicamente premiato dall'invenzione stessae si arrivò al brevetto, con il quale si riconosce unMONOPOLIO TEMPORANEO all'autore dell'innovazione, il quale può dare in licenza l'invenzionestessa, etc, guadagnandoci per la durata di talemonopolio. Naturalmente, tale invenzione dovevaessere adeguatamente documentata e depositatain modo che chiunque potesse replicarla e che, quindi, non andasse incidentalmente perduta, come nel casodel suddetto cannone, il cui inventore era mortoportandosi nella tomba l'invenzione. QUESTO era il brevetto, una limitazione della libertà (monopoliotemporaneo) come compromesso per tutelare l'innovazione . Ma col tempo, di conseguenza all'azione delle lobby industriali, questi principi sono caduti in quantola durata del MONOPOLIO si è allungata smisuratamente,tanto che oggigiorno molti si chiedono cosa ci sia rimasto,nel concetto di brevetto, dell'intenzione originaria di essereun compromesso tra salvaguardia dell'invenzione e benepubblico, che ne era alla base.Quanto al software si vede subito, al di la di ogni altraconsiderazione, che in molti casi non viene ottemperatouno dei principi basilari del brevetto: la riproducibilitàdell'invenzione stessa. Col brevetto su un software nonsi salvaguarda il bene pubblico, ma si instaura solamenteun monopolio di lunga durata. Infatti, occorrerebbe depositare l'implementazione dell'invenzione stessa in modoche chiunque possa replicarla, quindi non possa andareperduta, e questo non avviene, a meno che non vengadocumentata con il codice sorgente.In conclusione, non solo il concetto di brevetto in generaleè ormai oggetto di critiche serrate in tutto l'occidente in quanto, essendosi allungato indefinitamente il periodo diMONOPOLIO "giustificato" per pressioni lobbistiche, si èfortemente scettici sull'attuale ragione pubblica di qualcosadel genere, ma nel campo del software, il concetto di brevetto, applicato nel modo in cui lo si vorrebbe è addiritturaun'assurdità che mira solo a beneficiare grandi entitàmonopolistiche (in quanto serve solo a realizzare monopolisenza assicurare nessuno scopo pubblico) a scapito di qualsiasi principio liberale e di libero mercato.ciao
  • Anonimo scrive:
    inutile illudersi
    la direttiva passerà, lo vogliate o no, a quel punto il software sarà solo commerciale o libero concesso dalle aziende. Ci sono troppi interessi in ballo perchè si fermi l'attuazione della direttiva. Tutto il resto è pia illusione.
    • miomao scrive:
      Re: inutile illudersi

      la direttiva passerà, lo vogliate o no, a quel
      punto il software sarà solo commerciale o libero
      concesso dalle aziende. Ci sono troppi interessi
      in ballo perchè si fermi l'attuazione della
      direttiva. Tutto il resto è pia illusione.Potranno trasformare il computer in una console ed eliminare tutte le piccole software-house, ma questo non salverà le corporations.Proprio grazie al loro cinismo e alla loro voracità hanno segnato la propria condanna.Fai uscire un OS Palladium compatibile e vedrai saltare i primi capoccioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: inutile illudersi
      - Scritto da: Anonimo
      la direttiva passerà, lo vogliate o no, a quel
      punto il software sarà solo commerciale o libero
      concesso dalle aziende.Guarda che muore anche e soprattutto quello commerciale, che diamine.L'unico software che rimarrà sarà quello delle grosse aziende americane o giapponesi, punto. Il resto sopravviverà come sopravvivono i contrabbandieri, gli spacciatori, la piccola delinquenza... fino a quando non viene beccata.Sarà assurdo investire il proprio futuro in questo settore, andremo a raccogliere pomodori nei campi, mentre negli USA svilupparanno software e high tech. Ah, siccome il software è oramai in ogni cosa, per ogni cosa dipenderemo dal loro capriccio... Non vale forse la pena combattere a fondo per un futuro diverso?
  • Anonimo scrive:
    passate a solaris
    almeno vi parate il didietro con la SUN (che di brevetti ne ha tanti)
  • Anonimo scrive:
    A NOI CI FREGANO....
    ....gli stronzi vogliono i brevetti sul SW!Portaborse e leccaculi dei grassatori delle multinazionali del SW!
  • TADsince1995 scrive:
    Parola di Gates...
    Nella splendida lettera della FSF, di particolare spessore è la frase a pagina 7, di cui è, guardacaso, autore il sig. Gates: "La soluzione è brevettare più che possiamo. Una futura nuova azienda priva di brevetti propri sarà obbligata a pagare qualunque prezzo i giganti vorranno imporle... Le aziende consolidate hanno interesse ad escludere i futuri concorrenti." Non sono state ancora inventate parole sufficientemente espressive dello schifo e del disprezzo che suscita questa affermazione. Ma la cosa più sconcertante è che, dopo tutto questo, c'è ancora chi è in grado di difendere i brevetti e, addirittura, la diabolica azienda monopolistica che più di ogni altra godrebbe di questo cataclisma.TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Parola di Gates...
      - Scritto da: TADsince1995

      Nella splendida lettera della FSF, di particolare
      spessore è la frase a pagina 7, di cui è,
      guardacaso, autore il sig. Gates
      veramente i paladini dei brevetti mi risultano essere IBM e HP... guarda caso proprio gli sfruttatori dell'open sourcepeccato che il tuo linguaggio sia stimolato solo ed esclusivamente dalla morbosa invidia che ti lega a bill
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Parola di Gates...

        amente i paladini dei brevetti mi risultano
        essere IBM e HP... guarda caso proprio gli
        sfruttatori dell'open sourceSì, hai ragione. Infatti per IBM onestamente non so che pensare, da un lato apprezzo gli sforzi in direzione dell' OpenSource e di Linux, anche perchè ha rilasciato strumenti formidabili come Eclipse (che uso ogni giorno), dall'altro sta cosa che ha 40000 brevetti mi insospettisce non poco... E' ancora presto per prendere posizione su questo argomento, vediamo come si evolve...
        peccato che il tuo linguaggio sia stimolato solo
        ed esclusivamente dalla morbosa invidia che ti
        lega a billGuarda, ti dirò. Non invidio per niente Bill Gates, non saprei che farmene dei suoi soldoni e della casa da 95 milioni di dollari, è stato solo un uomo molto fortunato che si è trovato nel posto giusto al momento giusto e che ha avuto la giusta intuizione ed è stato abilissimo nel creare e rifilare al mondo intero la più grande e massificata bufala planetaria della storia. Se c'è, invece, qualcuno che invidio quelli sono Torvalds e Stallman, al primo invidio l'inventiva e le capacità tecniche e il fatto che ha rivoluzionato l'informatica con un prodotto iniziato nella sua stanzetta che oggi fa paura alla stessa M$, al secondo invidio l'intelligenza e la determinazione nel credere in un'idea e diffonderla e portarla avanti con forza e decisione per tutta la vita. E oltre a loro se ne potrebbero citare tanti altri, non ci sono solo Torvalds e Stallman.TAD
  • Anonimo scrive:
    Stallman fai lo scipero della fame
    Stallman fai lo scipero della fame!!!! e magari schiatta (anche io se sono contro questi brevetti idioti)
    • Anonimo scrive:
      Re: Stallman fai lo scipero della fame
      - Scritto da: Anonimo
      Stallman fai lo scipero della fame!!!! e magari
      schiattaEh hai voglia questo qui ti dura anni
      • Anonimo scrive:
        Re: Stallman fai lo scipero della fame
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Stallman fai lo scipero della fame!!!! e magari

        schiatta

        Eh hai voglia questo qui ti dura annibe se fino adesso a vissuto con i guadagni dell'open mi sa che allo sciopero della fame ci è abituato.fra lui e quell'altro che copia minix e lo spaccia come frutto del suo operato...poi si permette pure di fare prediche
  • Anonimo scrive:
    Ho scritto al mio deputato europeo
    Ho mandato un email al deputato europeo per il quale ho espresso la preferenza alle ultime elezioni europee (Giulietto Chiesa). Gli ho spiegato la situazione e l'ho pregato di partecipare alla votazione e di votare contro questo testo.
    • miomao scrive:
      Re: Ho scritto al mio deputato europeo

      Ho mandato un email al deputato europeo per il
      quale ho espresso la preferenza alle ultime
      elezioni europee (Giulietto Chiesa). Gli ho
      spiegato la situazione e l'ho pregato di
      partecipare alla votazione e di votare contro
      questo testo.Hai fatto benissimo ma è meglio usare la posta ordinaria per essere sicuri di ricevere maggiore attenzione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho scritto al mio deputato europeo

        Hai fatto benissimo ma è meglio usare la posta
        ordinaria per essere sicuri di ricevere maggiore
        attenzione.Che però verrà letta (come anche l'email), SE verrà letta, da un segretario/portaborse che funge da "filtro" e decide SE merita di essere riassunta, per sommi capi, all'onorevole o cestinata.Di solito funziona così....
  • Anonimo scrive:
    Il brevetto non e' male
    Il brevetto non e' male... ma di sicuro i giganti abuseranno come al solito delle regole brevettando il doppio click e simili
    • Anonimo scrive:
      Re: Il brevetto non e' male
      Evidentemente non sviluuppi software e non sai di che parli.Probabilmente anche curando il raffreddore con la chemioterapia qualche effetto benefico lo ottieni, magari 1 su un milione pure guarisce senza effetti collaterali, ma ti pare un mezzo appropriato?I brevetti nel software sono la stessa cosa, per il software lo strumento di protezione giusto è il copyright (aspirina), non i brevetti (chemio). Cosa vuoi che ti prescriva il tuo medico alla prossima raffreddatura?
  • Anonimo scrive:
    Senza brevetti niente sviluppo
    andatelo a dire ai migliori economisti mondiali e non ai santoni in stile stallmanho visto che alcuni di voi hanno paura che l'europa diventi come l'america, MAGARI !... così anche l'europa comincerebbe a crescere economicamente, cosa che non avviene già da alcuni anni (a differenza degli stati uniti)
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      Si, come lo svipuppo del GIF coperto da brevetto!Informati prima!Poi se alcune industri come Buffetti sono contro il brevetto, qualche motivo ci sarà!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        - Scritto da: Anonimo
        Si, come lo svipuppo del GIF coperto da brevetto!
        Informati prima!

        Poi se alcune industri come Buffetti sono contro
        il brevetto, qualche motivo ci sarà!!!il motivo è semplice: l'italia arretra, ecco il motivosiamo troppo tonti e bigotti per comprendere il beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhi
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Si, come lo svipuppo del GIF coperto da
          brevetto!

          Informati prima!



          Poi se alcune industri come Buffetti sono contro

          il brevetto, qualche motivo ci sarà!!!

          il motivo è semplice: l'italia arretra, ecco il
          motivo

          siamo troppo tonti e bigotti per comprendere il
          beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la
          cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhiBRAVO!Brevettati STA minchia che diventerai miliardario!
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Si, come lo svipuppo del GIF coperto da

            brevetto!


            Informati prima!





            Poi se alcune industri come Buffetti sono
            contro


            il brevetto, qualche motivo ci sarà!!!



            il motivo è semplice: l'italia arretra, ecco il

            motivo



            siamo troppo tonti e bigotti per comprendere il

            beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la

            cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhi


            BRAVO!
            Brevettati STA minchia che diventerai miliardario!vedo che hai molte argomentazioni, bravi... sempre più loquaci e intelligenti voi comunisti falliti/figli di papa'!
        • EffeElle scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo

          siamo troppo tonti e bigotti per comprendere il
          beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la
          cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhiLa Cina ce lo metterà in quel posto perchè se ne strafotte dei brevetti (meno che mai dei brevetti sul software) mio caro, ci fanno andare la a piantare su fabbriche, ci studiano i nostri prodotti poi in barba alle leggi sui brevetti ce li copiano e li producono a prezzi inferiori. Altro che aderire al mondo dei brevetti, fatti furbo. Il modo migliore per avere un vantaggio competitivo immediato è quello di non aderire al sistema brevettuale sul sofware.
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: EffeElle

            siamo troppo tonti e bigotti per comprendere il

            beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la

            cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhi

            La Cina ce lo metterà in quel posto perchè se ne
            strafotte dei brevetti (meno che mai dei brevetti
            sul software) mio caro, ci fanno andare la a
            piantare su fabbriche, ci studiano i nostri
            prodotti poi in barba alle leggi sui brevetti ce
            li copiano e li producono a prezzi inferiori.
            Altro che aderire al mondo dei brevetti, fatti
            furbo. Il modo migliore per avere un vantaggio
            competitivo immediato è quello di non aderire al
            sistema brevettuale sul sofware.finche' sono comunisti e non esisteranno sindacati e diritti vari, il governo cinese potrà fare ciò che vuole spremendo il suo popoloma non durerà molto
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            Intanto noi stiamo qui a comprare prodotti made in China... Giusto per ricordartelo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          - Scritto da: Anonimo
          siamo troppo tonti e bigotti per comprendere il
          beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la
          cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhiAllora anche l'India e' piena di tonti.(tonti con l'atomica per giunta)
        • rumenta scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Si, come lo svipuppo del GIF coperto da
          brevetto!

          Informati prima!



          Poi se alcune industri come Buffetti sono contro

          il brevetto, qualche motivo ci sarà!!!

          il motivo è semplice: l'italia arretra, ecco il
          motivo

          siamo troppo tonti e bigotti per comprendere il
          beneficio dei brevetti, almeno fino a quando la
          cina non ce la metterà in c***** iiiihihihhima LOL.... qui l'unico tonto e bigotto sei tu, caro illuso...da sempre la cina se ne frega dei brevetti, soprattutto di quelli italiani.vai a raccontare queste favolette agli imprenditori che si son visti copiare i prodotti dai cinesi, nome compreso, senza poter far nulla se non protestare (inutilmente) con il governo.vacci, e vedrai che ti insegnano a non dire queste stupidaggini a forza di mazzate nella schiena :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        - Scritto da: Anonimo
        Poi se alcune industri come Buffetti sono contro
        il brevetto, qualche motivo ci sarà!!!Boh, forse un motivo è che Buffetti non avrebbe un bel niente da brevettare.
    • mouser scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      Penso che la paura che quest'Europa diventi similare all'America, non si riferisca al livello economico, ma alla scarsissima possibilita' di avere reddito!E non parlo di reddito a livello personale (quello, con un po' di fortuna, voglia di lavorare e magari qualche spintarella, si ottiene anche), ma a livello aziendale.Solo le grandi aziende avranno spazio, e se qualcuno riesce a mettere insieme un'azienda medio-piccola verra' all'istante mangiato dai piu' grossi che, in caso di furto e di conseguenza legale, avranno sempre piu' possibilita (economiche) di difendere i propri interessi....Questa e' democrazia...... se hai i soldi hai la possibilita' di farne di piu', altrimenti stai dove sei e fatti spillare da chi non ne ha bisogno.....Continuiamo cosi', gente :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      - Scritto da: Anonimo
      andatelo a dire ai migliori economisti mondiali e
      non ai santoni in stile stallman

      ho visto che alcuni di voi hanno paura che
      l'europa diventi come l'america, MAGARI !... così
      anche l'europa comincerebbe a crescere
      economicamente, cosa che non avviene già da
      alcuni anni (a differenza degli stati uniti)Ma chi cazzo se lo "incula" il modello USA?Fa SKIFO su tutti mi fronti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        andatelo a dire ai migliori economisti mondiali
        e

        non ai santoni in stile stallman



        ho visto che alcuni di voi hanno paura che

        l'europa diventi come l'america, MAGARI !...
        così

        anche l'europa comincerebbe a crescere

        economicamente, cosa che non avviene già da

        alcuni anni (a differenza degli stati uniti)

        Ma chi cazzo se lo "incula" il modello USA?
        Fa SKIFO su tutti mi fronti.ma perchè non ti trasferisci in cina e ti inculi il loro modello, prima che qui sventoleremo le bandiere a stelle e striscie ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo


          ma perchè non ti trasferisci in cina e ti inculi
          il loro modello, prima che qui sventoleremo le
          bandiere a stelle e striscie ?
          Se ti piace tanto la bandiera a stelle e strisce, perchè non ti trasferisci tu sotto le stelle e strisce?
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Anonimo



            ma perchè non ti trasferisci in cina e ti inculi

            il loro modello, prima che qui sventoleremo le

            bandiere a stelle e striscie ?


            Se ti piace tanto la bandiera a stelle e strisce,
            perchè non ti trasferisci tu sotto le stelle e
            strisce?perchè ho tanta pazienza... sai la storia di maometto e la montagna?:-$ (win)
    • Riot scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo

      andatelo a dire ai migliori economisti mondiali e
      non ai santoni in stile stallman

      ho visto che alcuni di voi hanno paura che
      l'europa diventi come l'america, MAGARI !... così
      anche l'europa comincerebbe a crescere
      economicamente, cosa che non avviene già da
      alcuni anni (a differenza degli stati uniti)Basta... basta... è incredibile che ci siano ancora persone che la pensano come te su questo pianeta.Spero davvero che tu sia un troll perchè almeno qualcosa si spiega.I brevetti NON favoriscono lo sviluppo: è esattamente il contrario.I brevetti sono nati per far sì che il piccolo inventore possa gestire la sua idea senza dover cederla ad una grande impresa.La verità è che le grandi corporazioni hanno interi reparti dedicati al deposito di brevetti e quindi potranno facilmente citare il piccolo inventore per aver infranto 30-40 dei loro brevetti truffa.Non parliamo poi del atto che un brevetto non vale nulla finchè non viene testato in tribunale e questo significa che chi ha gli avvocati più costosi in genere vince (sempre le grandi corporazioni).Altro simpatico dei brevetti è quello dei brevetti sommersi: brevetta qualcosa in termini molto generici e non prenderti la briga di realizzarlo. Quando qualcuno realizzarà il prodotto che farà uso del tuo "brevetto" senza saperlo (i brevetti sono decine e decine di milioni) gli fai causa e se hai più avvocati/denaro di lui vinci e riusci anche a sfruttare le sue ricerche.Vogliamo poi parlare del fatto che ormai è possibile brevettare praticamente qualsiasi cavolata?Ah, a proposito dell'America che ti piace tanto: hanno la più grande sproporzione tra ricchi e poveri che si veda dai tempi dei faraoni, spero per te che tu sia bravo a umettare ani se no rischi di finire nel 90% di popolazione sfortunato.Riot
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        - Scritto da: Riot

        andatelo a dire ai migliori economisti mondiali
        e

        non ai santoni in stile stallman



        ho visto che alcuni di voi hanno paura che

        l'europa diventi come l'america, MAGARI !...
        così

        anche l'europa comincerebbe a crescere

        economicamente, cosa che non avviene già da

        alcuni anni (a differenza degli stati uniti)

        Basta... basta... è incredibile che ci siano
        ancora persone che la pensano come te su questo
        pianeta.
        Spero davvero che tu sia un troll perchè almeno
        qualcosa si spiega.

        I brevetti NON favoriscono lo sviluppo: è
        esattamente il contrario.

        I brevetti sono nati per far sì che il piccolo
        inventore possa gestire la sua idea senza dover
        cederla ad una grande impresa.

        La verità è che le grandi corporazioni hanno
        interi reparti dedicati al deposito di brevetti e
        quindi potranno facilmente citare il piccolo
        inventore per aver infranto 30-40 dei loro
        brevetti truffa.

        Non parliamo poi del atto che un brevetto non
        vale nulla finchè non viene testato in tribunale
        e questo significa che chi ha gli avvocati più
        costosi in genere vince (sempre le grandi
        corporazioni).

        Altro simpatico dei brevetti è quello dei
        brevetti sommersi: brevetta qualcosa in termini
        molto generici e non prenderti la briga di
        realizzarlo. Quando qualcuno realizzarà il
        prodotto che farà uso del tuo "brevetto" senza
        saperlo (i brevetti sono decine e decine di
        milioni) gli fai causa e se hai più
        avvocati/denaro di lui vinci e riusci anche a
        sfruttare le sue ricerche.

        Vogliamo poi parlare del fatto che ormai è
        possibile brevettare praticamente qualsiasi
        cavolata?va be, pensala come vuoi, intanto fra qualche anno mezzo mendo divorerà le industrie italiane alla faccia dei buonisti come te


        Ah, a proposito dell'America che ti piace tanto:
        hanno la più grande sproporzione tra ricchi e
        poveri che si veda dai tempi dei faraoni, spero
        per te che tu sia bravo a umettare ani se no
        rischi di finire nel 90% di popolazione
        sfortunato.
        mah... io guardo i fatti e generalmente chi si trasferisce in america non se la passa poi così tanto malevuoi vedere che fra un po' qualcuno mi verrà a dire che negli states stanno morendo di fame? :-s
        • Riot scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          - Scritto da: Anonimo
          va be, pensala come vuoi, intanto fra qualche
          anno mezzo mendo divorerà le industrie italiane
          alla faccia dei buonisti come teAh, certo, i brevetti ci salveranno invece?Fammi capire, il problema dell'Italia è che non innoviamo, e che quindi non abbiamo niente da *brevettare* e quindi i brevetti salverebbero il Bel Paese?Ragioni in modo strano.

          Ah, a proposito dell'America che ti piace tanto:

          hanno la più grande sproporzione tra ricchi e

          poveri che si veda dai tempi dei faraoni, spero

          per te che tu sia bravo a umettare ani se no

          rischi di finire nel 90% di popolazione

          sfortunato.



          mah... io guardo i fatti e generalmente chi si
          trasferisce in america non se la passa poi così
          tanto maleI tuoi fatti sono dei "sentito dire"?Di bene in meglio.
          vuoi vedere che fra un po' qualcuno mi verrà a
          dire che negli states stanno morendo di fame? :-sIl numero degli americani poveri è aumentato di un milione e mezzo nell'ultimo anno, strano visto che sono in crescita economica (trad. chissà dove vanno i soldi).Il numero di persone che non hanno un'assicurazione medica (cioè che moriranno in caso di una malattia non curabile con l'aspirina) è di 45 milioni.Altro bel numero è la popolazione carceraria, superiore a quella di tutto resto del mondo messa insieme.Mettici anche che stanno ripiombando in una specie di medioevo religioso (insegnano la teoria del creazionismo!!!!) e hai una bella immagine degli Stati Uniti.Ah, hanno anche il debito pubblico più grande del mondo (in crescita esplosiva sotto quel genio incompreso di Bush), gran parte del quale con i Cinesi.Quando parti per avere la tua dose di Sogno Americano?==================================Modificato dall'autore il 12/05/2005 12.19.59
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Riot
            Il numero degli americani poveri è aumentato di
            un milione e mezzo nell'ultimo anno, strano visto
            che sono in crescita economica (trad. chissà dove
            vanno i soldi).questo è vero, ma sicuramente non è colpa dei brevetti ma della crisi che in parte ha toccato anche gli USA

            Il numero di persone che non hanno
            un'assicurazione medica (cioè che moriranno in
            caso di una malattia non curabile con l'aspirina)
            è di 45 milioni.la morte di 45 milioni di persone è una tua ipotesi, e forse anche una tua speranza

            Altro bel numero è la popolazione carceraria,
            superiore a quella di tutto resto del mondo messa
            insieme.sarebbe bello che anche in italia fosse così... invece di mettere in libertà pentiti da 120 omicidi dichiarati

            Mettici anche che stanno ripiombando in una
            specie di medioevo religioso (insegnano la teoria
            del creazionismo!!!!) e hai una bella immagine
            degli Stati Uniti.e allora?ti da fastidio che qualcuno credi ancora a Dio?vuoi che siano per forza tutti uguali a te?

            Ah, hanno anche il debito pubblico più grande del
            mondo (in crescita esplosiva sotto quel genio
            incompreso di Bush), gran parte del quale con i
            Cinesi.e certo... quindi seguendo la tua teoria, anche l'italia ha più debito pubblico dell'isola di nauru

            Quando parti per avere la tua dose di Sogno
            Americano?la libertà non ha prezzo, partirò prima possibile
          • castigo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Riot


            Il numero degli americani poveri è aumentato di

            un milione e mezzo nell'ultimo anno, strano
            visto

            che sono in crescita economica (trad. chissà
            dove

            vanno i soldi).

            questo è vero, ma sicuramente non è colpa dei
            brevetti ma della crisi che in parte ha toccato
            anche gli USA l'economia usa è in crescita e dici che sono toccati dalla crisi (quale poi, visto che non specifichi....)???speriamo che 'sta "crisi" tocchi pure noi allora :D[cut]




            Quando parti per avere la tua dose di Sogno

            Americano?

            la libertà non ha prezzo, per tutto il resto c'è mastercard :Dparli proprio come una pubblicità da 4 soldi ;)
            partirò prima possibilebuon viaggio!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: castigo



            Quando parti per avere la tua dose di Sogno


            Americano?



            la libertà non ha prezzo,

            per tutto il resto c'è mastercard :D
            parli proprio come una pubblicità da 4 soldi ;)non vedo molta tv di recente... ma mi sembra che la pubblicità in questione recitava in modo un po' diverso...boh forse mi sbaglio...
          • Riot scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo

            - Scritto da: Riot


            Il numero degli americani poveri è aumentato di

            un milione e mezzo nell'ultimo anno, strano
            visto

            che sono in crescita economica (trad. chissà
            dove

            vanno i soldi).

            questo è vero, ma sicuramente non è colpa dei
            brevetti ma della crisi che in parte ha toccato
            anche gli USA Quindi la "crisi" (quella creata dall'11 settembre intendi, vero?) porta la crescita, ma fa sì che il denaro finisca solo nelle tasche dei soliti noti.

            Il numero di persone che non hanno

            un'assicurazione medica (cioè che moriranno in

            caso di una malattia non curabile con
            l'aspirina)

            è di 45 milioni.

            la morte di 45 milioni di persone è una tua
            ipotesi, e forse anche una tua speranzaIl fatto che tu sia incapace di leggere è una certezza invece.

            Altro bel numero è la popolazione carceraria,

            superiore a quella di tutto resto del mondo
            messa

            insieme.

            sarebbe bello che anche in italia fosse così...
            invece di mettere in libertà pentiti da 120
            omicidi dichiaratiAh, potessimo avere noi il bassissimo livello di criminalità che hanno in USA ;)P.S. anche in USA esci se hai i soldi, fatti una ricerca su O.J. Simpson e su quante denuncie per Micheal Jackson sono arrivate al processo.

            Mettici anche che stanno ripiombando in una

            specie di medioevo religioso (insegnano la
            teoria

            del creazionismo!!!!) e hai una bella immagine

            degli Stati Uniti.

            e allora?
            ti da fastidio che qualcuno credi ancora a Dio?
            vuoi che siano per forza tutti uguali a te?Ciccio, aggiornati, neanche la chiesa sostiene più che il mondo è stato creato da Dio in 7 giorni.E comunque la religione va insegnata nelle parrocchie, non nelle università.

            Ah, hanno anche il debito pubblico più grande
            del

            mondo (in crescita esplosiva sotto quel genio

            incompreso di Bush), gran parte del quale con i

            Cinesi.

            e certo... quindi seguendo la tua teoria, anche
            l'italia ha più debito pubblico dell'isola di
            nauruMph, che fine economista che sei. Prova a chiederti cosa succederebbe se i cinesi decidessero di riscuotere il prestito fatto agli USA.

            Quando parti per avere la tua dose di Sogno

            Americano?

            la libertà non ha prezzo, partirò prima possibileDimenticavo, stanno lavorando anche su quello.Fatti una ricerca su "Patriot Act" e "Guantanamo".Buon viaggio!
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Riot

            - Scritto da: Riot




            Il numero degli americani poveri è aumentato
            di


            un milione e mezzo nell'ultimo anno, strano

            visto


            che sono in crescita economica (trad. chissà

            dove


            vanno i soldi).



            questo è vero, ma sicuramente non è colpa dei

            brevetti ma della crisi che in parte ha toccato

            anche gli USA

            Quindi la "crisi" (quella creata dall'11
            settembre intendi, vero?) porta la crescita, ma
            fa sì che il denaro finisca solo nelle tasche dei
            soliti noti.Eh gia'. La famosa crisi dell'11 settembre. O forse ti riferisci alla crisi della New Economy



            Mettici anche che stanno ripiombando in una


            specie di medioevo religioso (insegnano la

            teoria


            del creazionismo!!!!) e hai una bella immagine


            degli Stati Uniti.



            e allora?

            ti da fastidio che qualcuno credi ancora a Dio?

            vuoi che siano per forza tutti uguali a te?

            Ciccio, aggiornati, neanche la chiesa sostiene
            più che il mondo è stato creato da Dio in 7
            giorni.
            E comunque la religione va insegnata nelle
            parrocchie, non nelle università.Questo lo dici tu! E mi piacerebbe sapere in base a cosa!



            Ah, hanno anche il debito pubblico più grande

            del


            mondo (in crescita esplosiva sotto quel genio


            incompreso di Bush), gran parte del quale con
            i


            Cinesi.



            e certo... quindi seguendo la tua teoria, anche

            l'italia ha più debito pubblico dell'isola di

            nauru

            Mph, che fine economista che sei. Prova a
            chiederti cosa succederebbe se i cinesi
            decidessero di riscuotere il prestito fatto agli
            USA.Che magari anche loro vorrebbero riscuotere il prestito fatto al resto del mondo.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Anonimo[...]

            Ciccio, aggiornati, neanche la chiesa sostiene

            più che il mondo è stato creato da Dio in 7

            giorni.

            E comunque la religione va insegnata nelle

            parrocchie, non nelle università.

            Questo lo dici tu! E mi piacerebbe sapere in base
            a cosa!in base al fatto che io posso scegliere in quale chiesa andare e se andarci, ma il diritto all'istruzione e' un diritto di base e non vedo perche' uno non cattolico debba andare all'universita' per apprendere teorie cattoliche.
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            Hai perfettamente ragione, ma in ITALIA, non in tutti gli altri paesi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo

            la libertà non ha prezzo, partirò prima possibileAh! alla buon ora!Tanti saluti e fai buon viaggio! :-P
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo

          mah... io guardo i fatti e generalmente chi si
          trasferisce in america non se la passa poi così
          tanto maleI ricchi sono sempre stati belli e buoni (kaloi kai agatoi).
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          - Scritto da: Anonimo
          va be, pensala come vuoi, intanto fra qualche
          anno mezzo mendo divorerà le industrie italiane
          alla faccia dei buonisti come tecolgo l'occasione per ricordare che il termine "buonista" e` talmente stupido che e` stato dichiarato perseguibile penalmente.
          mah... io guardo i fatti e generalmente chi si
          trasferisce in america non se la passa poi così
          tanto male

          vuoi vedere che fra un po' qualcuno mi verrà a
          dire che negli states stanno morendo di fame? :-sMi sa che ne hai visti troppo pochi di fatti, se credi che questo succeda per cose come i brevetti. I brevetti fanno, e faranno male, anche a loro. Possibile che con tutto quel che effettivamente hanno come marcia in piu` rispetto a noi, tu vada a pescare proprio uno dei loro piu` grossi errori come testimonianza di quanto fichi siano?
    • KC scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      troll detected (troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        - Scritto da: KC
        troll detected (troll)e tu chi sei, il caporale dell'armata rossa?mapperfavore, dove è scritto che il troll è colui che la pensa diversamente dalla massa omologata?
    • tiro scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      forse un tempo era sensato parlare di sogno americano...ma ora è più intelligente parlare di sogno (economico) cinese...terra dove i brevetti non esistono.Domanda al troll che ha aperto il topic:Sei veramente convinto di ciò che dici oppure sei solo aggrappato ad ideologie tipo: "io NON sono comunista quindi sono PRO brevetti e li difendo a spada tratta!" ?...nemmeno io sono comunista ma è palese che tutto ciò non conviene. In America ci sono i brevetti software perchè le più grandi software house del mondo sono TUTTE americane. In inghilterra sono pro brevetti perchè le industrie sono tutte grosse. Risultato: a loro conviene il brevetto perchè se lo possono permettere. Nel brevetto vince non chi ce l'ha più "grosso" ma chi ha più soldi.Prima che ti convenga il brevetto devi potertelo permettere! Quindi prima devi diventare grosso. E' per questo che ci si stupisce che i parlamentari italiani si siano astenuti. Perchè in italia non esistono grandi software house. Anzi. La tradizione nostrana si basa sulla piccola e media impresa.Dal punto di vista ideologico è un vero e proprio furto intellettuale. Ma dato che hai impostato il topic "Senza brevetti niente sviluppo" ci si chiede che sviluppo ti aspetti. Tu ditta italiana mister nessuno brevetti un software. Microsoft ti denuncia per violazione di 59 brevetti. Andate in causa. Quanti soldi hai tu ditta mister nessuno per sostenere le spese processuali?? Poi magari contemporaneamente ti arriva IBM che anche lei ha rilevato 23 violazioni. Non credi che quel denaro sarebbe meglio speso in ricerca e sviluppo del software stesso?Ah...dimenticavo! IBM e M$ non si fanno causa perchè detengono tantissimi brevetti entrambe. Però tu ditta italiana mister nessuno ne hai 1 solo quindi non rientri nel loro cartello legalizzato. E ti danno il ben servito. Ti è più chiaro ora perchè all'italia e in generale all'europa non conviene tutto ciò??Inoltre dato che sei un ammiratore dell'America ti informo che Bush è arrivato a dire pubblicamente "sono stato unto dal Signore!" e le masse l'hanno votato di nuovo. A me suona moooolto medievale tutto ciò. Ma è solo un'opinione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        Finora hanno scritto tutti perche' non convenga brevettare il soft. Ma nessuno ha descritto perche' convenga NON brevettarlo. C'e' un motivo valido? Ma quando dico VALIDO intendo veramente VALIDO.
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          ma sai cosa sono i brevetti sul software all'americana? non viene brevettato il codice o alla peggio l'algoritmo, viene brevettata un'idea, ad esempio hai presente la barra d'avanzamento? quella che hai quando fai un download o qualsiasi altra cosa dove e' utile monitorare l'avanzamento d'un operazione? bene quell'idea e' brevettata; hai presente il doppio click? bene quell'idea e' brevettata; ti sembra sensato cio? sai a cosa porta? porta all'annientamento di tutte le PMI europee che sviluppano software; riflettici.
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            Di nuovo si dice cosa non va nella brevettazione.Ma mai perche' conviene il contrario.Ovviamente bisogna anche pensare che adottando una linea differente, quello che sviluppi in Europa non lo vendi in America.
          • Anonimo scrive:
            Re: Senza brevetti niente sviluppo
            - Scritto da: Anonimo
            Di nuovo si dice cosa non va nella brevettazione.
            Ma mai perche' conviene il contrario.conviene perche' permette ad una economia basata sulle PMI, come quella europea, di svilupparsi e di non essere soffocata; chiedi a qualsiasi amministratore delegato di qualsiasi PMI eurpea che sviluppa software perche' non vuole i brevetti all'americana sul software; son tutti comunisti? A me sembra che tu accetti acriticamente tutto quel che viene dall'america senza informarti prima su cosa comportano cose come i brevetti software e in cosa consistono.
            Ovviamente bisogna anche pensare che adottando
            una linea differente, quello che sviluppi in
            Europa non lo vendi in America.gia adesso e' cosi', chiedi a zucchetti quanti gestionale vende oltreoceano.
        • Anonimo scrive:
          Re: Senza brevetti niente sviluppo
          - Scritto da: Anonimo
          Finora hanno scritto tutti perche' non convenga
          brevettare il soft. Ma nessuno ha descritto
          perche' convenga NON brevettarlo. C'e' un motivo
          valido?
          Ma quando dico VALIDO intendo veramente VALIDO.Presto detto: non conviene perché, come ti è già stato spiegato, registrare UN brevetto COSTA!!! e non è sufficiente a garantire protezione per la tua idea. Tu, inventore e brevettatore potresti aver utilizzato qualche centinaio di idee brevettate senza saperlo: il proprietario di questi brevetti ti esproprierà l'idea in tribunale, e tanti saluti a anni di ricerche condotte a spese tue. E' come per le armi nucleari: per poter tenere testa alle superpotenze atomiche devi dotarti di adeguato arsenale nucleare anche tu. Perché tu possa tener testa ai grandi portafogli brevetti devi averne uno ben fornito anche tu. E centinaia, MIGLIAIA di brevetti COSTANO TANTO MA TANTO CARI!! Li hai i soldi per brevettare tutto sto ben di dio? Poi c'è la questione della difesa del portafoglio brevetti: che succede se le bombe atomiche vengono rubate? e se le usano contro di te? Devi sorvegliare con un adeguato esercito i siti nucleari. Che succede se nonostante i tuoi diecimila brevetti un tizio ti 'ruba' le idee? gli devi fargli causa, e vincerla. E gli avvocati costano MOOOOOOLTO cari. Tu dirai, OK, ma se vinco paga la controparte: ma intanto i $ al dipartimento legale ("esercito di avvocati") li devi anticipare tu. subito. E se poi perdi le cause? un fiume di soldi al tuo avversario. Soldi-soldi-soldi che se prima potevi investire in parte per ricerca e sviluppo e in parte in auto sportive, vacanze da sogno, ecc. se ne vanno in burocrazia e tribunali. Capito adesso?
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza brevetti niente sviluppo
        - Scritto da: tiro
        forse un tempo era sensato parlare di sogno
        americano...ma ora è più intelligente parlare di
        sogno (economico) cinese...terra dove i brevetti
        non esistono.

        Domanda al troll che ha aperto il topic:

        Sei veramente convinto di ciò che dici oppure sei
        solo aggrappato ad ideologie tipo: "io NON sono
        comunista quindi sono PRO brevetti e li difendo a
        spada tratta!" ?vedi, in cina non esiste vera concorrenza in quanto c'è un vigile (lo stato) che decide al posto dei cinesiquando questa indegna condizione umana verrà meno, vedrai come anche loro ricorreranno ai brevetti... e sai perchè? Perchè i santi stanno in cielo e in un mondo dominato dall'informazione commerciale, bisogna imparare a proteggere i diritti intellettuali, altrimenti saremo presto prede dei tanti furboni di turnomi dispiace ma io la penso così, dura lex sed lex

        ...nemmeno io sono comunista ma è palese che
        tutto ciò non conviene. In America ci sono i
        brevetti software perchè le più grandi software
        house del mondo sono TUTTE americane. In
        inghilterra sono pro brevetti perchè le industrie
        sono tutte grosse. Risultato: a loro conviene il
        brevetto perchè se lo possono permettere. Nel
        brevetto vince non chi ce l'ha più "grosso" ma
        chi ha più soldi.
        Prima che ti convenga il brevetto devi potertelo
        permettere! Quindi prima devi diventare grosso.
        E' per questo che ci si stupisce che i
        parlamentari italiani si siano astenuti. Perchè
        in italia non esistono grandi software house.
        Anzi. La tradizione nostrana si basa sulla
        piccola e media impresa.ma chi ti ha detto queste grasse bugie, l'italia oltre ad essere uno stato anche di grandi aziende, è anche un popolo di inventori e grandi menti... grandi menti ingenue e buoniste, purtroppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      non hai la benche' minima idea di cosa si sta parlando; sai in cosa consistono i brevetti software all'americana? vatti a informare
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      - Scritto da: Anonimo
      andatelo a dire ai migliori economisti mondiali e
      non ai santoni in stile stallman
      Se per "crescere" dobbiamo farci truffare dai pochi eletti delle multinazionali, io preferisco rimanere al palo. Stiamo benissimo cosi`, grazie.
      ho visto che alcuni di voi hanno paura che
      l'europa diventi come l'america, MAGARI !... così
      anche l'europa comincerebbe a crescere
      economicamente, cosa che non avviene già da
      alcuni anni (a differenza degli stati uniti)Non avviene perche` in Europa (eccetto regioni del nord, e con spiccata prevalenza di questa tendenza in quelle piu` latine):a) c'e` troppo servilismo e poca ambizione, risultato di millenni di repressioni varie ed eventuali;b) siamo troppo umanisti e poco scientifici; guardiamo troppo al passato e troppo poco al futuro; ergo, guardiamo storta la ricerca e ci facciamo seghe mentali sul dove dovremmo arrivare e sugli eventuali danni, tutti concentrati al risolvere problemi piu` immediati senza rendersi conto che quei problemi sono dovuti appunto alla nostra stessa filosofia;c) abbiamo meno risorse.Ma di certo non ci mancano brevetti, albi professionali, organizzazioni di autori ed editori e mafie varie per spezzare sul nascere qualunque tentativo di cambiamento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      L' america cresce economicamente rispetto l' europa ?allora come mai per comprare un euro ci vuole quasi 1 dollaro e mezzo...
    • gattosiamese scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      - Scritto da: Anonimo
      andatelo a dire ai migliori economisti mondiali e
      non ai santoni in stile stallman

      ho visto che alcuni di voi hanno paura che
      l'europa diventi come l'america, MAGARI !... così
      anche l'europa comincerebbe a crescere
      economicamente, cosa che non avviene già da
      alcuni anni (a differenza degli stati uniti)viva i diritti dei lavoratori!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza brevetti niente sviluppo
      lo sviluppo perenne è un'utopia.in natura esiste solo una cosa che si sviluppa sempre: il cancroe bastavogliamo una società che è un cancro?
  • Anonimo scrive:
    Io leggo il futuro: UE come USA
    Purtroppo come vedrete la spunteranno le grandi lobbies.Come al solito.Io prevedo il futuro, vedrete gente, vedrete.....BUHAHAHAHAHAHAHA
    • gattosiamese scrive:
      Re: Io leggo il futuro: UE come USA
      - Scritto da: Anonimo
      Purtroppo come vedrete la spunteranno le grandi
      lobbies.

      Come al solito.

      Io prevedo il futuro, vedrete gente, vedrete.....

      BUHAHAHAHAHAHAHAaffari loroallora @^
  • Anonimo scrive:
    non si chiamano brevetti sw!
    Sorrido leggendo che "invenzioni implementate tramite computer" è errato, mentre si dovrebbe dire brevetti sw: questo è ancora più errato... Infatti non si tratta di brevettare i software (cosa che potrebbe anche essere corretta, da un certo punto di vista), ma di brevettare _idee_ implementate tramite computer.Non dimentichiamo che la maggior parte della gente non andrà _mai_ a informarsi a riguardo, se vogliamo evitare questi brevetti dobbiamo trasmettere in poche parole un'immagine corretta delle conseguenze.Ciao,Davide Setti
  • Anonimo scrive:
    Lettera chiara e onesta.
    Ho letto l'appello pdf di FSF, e' chiaro e spiega in maniera semplice e ricca di note la questione dei brevetti software.Dopo aver letto quella lettera non si puo' piu' essere ignoranti su questo tema.Vedremo come si comporteranno, cioe' se sono dei politici oppure no!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera chiara e onesta.
      - Scritto da: Anonimo
      Ho letto l'appello pdf di FSF, e' chiaro e spiega
      in maniera semplice e ricca di note la questione
      dei brevetti software.
      Dopo aver letto quella lettera non si puo' piu'
      essere ignoranti su questo tema.
      Vedremo come si comporteranno, cioe' se sono dei
      politici oppure no!Non sono politici, ma un branco di parassiti rubasoldi!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Lettera chiara e onesta.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ho letto l'appello pdf di FSF, e' chiaro e
        spiega

        in maniera semplice e ricca di note la questione

        dei brevetti software.

        Dopo aver letto quella lettera non si puo' piu'

        essere ignoranti su questo tema.

        Vedremo come si comporteranno, cioe' se sono dei

        politici oppure no!


        Non sono politici, ma un branco di parassiti
        rubasoldi!!!cosa cambia?
        • Anonimo scrive:
          Re: Lettera chiara e onesta.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Ho letto l'appello pdf di FSF, e' chiaro e

          spiega


          in maniera semplice e ricca di note la
          questione


          dei brevetti software.


          Dopo aver letto quella lettera non si puo'
          piu'


          essere ignoranti su questo tema.


          Vedremo come si comporteranno, cioe' se sono
          dei


          politici oppure no!





          Non sono politici, ma un branco di parassiti

          rubasoldi!!!

          cosa cambia?beh di solito i politici non si limitano a rubare
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera chiara e onesta.
      Sì ma il pinguino e il leone li potevano evitare :D, e pure la pubblicità al "Software Libero GNU Troff"!
      • Anonimo scrive:
        Re: Lettera chiara e onesta.
        non mi pare si possa definire pubblicita', specialmente in quel contesto. Penso sia stato solo un ribadire che si puo' usare un computer anche usando soft diverso e compatibile, e magari per non fare pubblicita' esplicita o meno a marchi noti.- Scritto da: Anonimo
        Sì ma il pinguino e il leone li potevano evitare
        :D, e pure la pubblicità al "Software Libero GNU
        Troff"!
        • Anonimo scrive:
          Re: Lettera chiara e onesta.
          In una lettera a dei parlamentari non si possono mettere cose del genere, cioè lo puoi fare ma perdi un paio di vagonate di credibilità- Scritto da: Anonimo
          non mi pare si possa definire pubblicita',
          specialmente in quel contesto.
          Penso sia stato solo un ribadire che si puo'
          usare un computer anche usando soft diverso e
          compatibile, e magari per non fare pubblicita'
          esplicita o meno a marchi noti.

          - Scritto da: Anonimo

          Sì ma il pinguino e il leone li potevano evitare

          :D, e pure la pubblicità al "Software Libero GNU

          Troff"!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera chiara e onesta.
      hai il link per favore ?ho cercato un po, ma... te lo chiedo.Grazie
  • Anonimo scrive:
    Europarlamentari
    Boni quelli!
  • Anonimo scrive:
    QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EUROPA
    O la proposta dei GRASSATORI delle Multinazionali sulla brevettazione del SW viene RESPINTA dal Parlamento Europeo come si è già + volte espresso oppure l' Europa sarà finita xchè non sarà l' Europa dei popoli, ma l' Europa dei GASSATORI, delle Multinazionali, dei Banchieri.E avranno ragione i Francesi ad opporsi a questa Europa!
    • Anonimo scrive:
      Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU

      GASSATORI, grassatori, pregoi gassatori, forse, erano meglio
    • Anonimo scrive:
      Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU

      E avranno ragione i Francesi ad opporsi a questa
      Europa!Speriamo che si oppongano davvero, sarebbe una bella lezione a certe leggi pro Multinazionali e un segnale a non continuare in questo modo. E saremo poi sempre in tempo un giorno a bocciarla anche noi in Italia se si va avanti così...
      • Anonimo scrive:
        Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
        - Scritto da: Anonimo

        E avranno ragione i Francesi ad opporsi a questa

        Europa!

        Speriamo che si oppongano davvero, sarebbe una
        bella lezione a certe leggi pro Multinazionali e
        un segnale a non continuare in questo modo. E
        saremo poi sempre in tempo un giorno a bocciarla
        anche noi in Italia se si va avanti così...Io sono ancora indeciso se (per quanto riguarda la Costituzione Europea) dare un segnale contro le Multinazionali (votando no) rischiando di rafforzare leghisti e compagnia, nonostante io sia un convinto europeista.Ma così no, non può andare. Se cominciano a passare leggi di questo tipo (all' americana) io voto contro.
        • Anonimo scrive:
          Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
          - Scritto da: arlon
          Ma così no, non può andare. Se cominciano a
          passare leggi di questo tipo (all' americana) io
          voto contro.sei francese o inglese?
        • paperinox scrive:
          Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
          - Scritto da: arlon

          - Scritto da: Anonimo


          E avranno ragione i Francesi ad opporsi a
          questa


          Europa!



          Speriamo che si oppongano davvero, sarebbe una

          bella lezione a certe leggi pro Multinazionali e

          un segnale a non continuare in questo modo. E

          saremo poi sempre in tempo un giorno a bocciarla

          anche noi in Italia se si va avanti così...

          Io sono ancora indeciso se (per quanto riguarda
          la Costituzione Europea) dare un segnale contro
          le Multinazionali (votando no) rischiando di
          rafforzare leghisti e compagnia, nonostante io
          sia un convinto europeista.

          Ma così no, non può andare. Se cominciano a
          passare leggi di questo tipo (all' americana) io
          voto contro.e quando è stato deciso che anche in Italia sarà fatto un referendum per decidere se approvare o meno la "costituzione" europea?????i nostri politici hanno già aderito, SENZA NEMMENO CHIEDERCI SE ERAVAMO D'ACCORDO!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            - Scritto da: paperinox
            e quando è stato deciso che anche in Italia sarà
            fatto un referendum per decidere se approvare o
            meno la "costituzione" europea?????

            i nostri politici hanno già aderito, SENZA
            NEMMENO CHIEDERCI SE ERAVAMO D'ACCORDO!!!!appunto per questo ho chiesto la nazionalita' a chi ha scritto il messaggio precedente. In Francia, in Inghilterra ed in altri Paesi fanno il referendum... da noi invece sono stati gentili: ci hanno risparmiato la fatica di andare a votare!
          • Anonimo scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            E con questo cosa vorresti dire?
          • paperinox scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            - Scritto da: Anonimo
            E con questo cosa vorresti dire?che i nostri politici hanno paura che si voti alla "francese", dopo tutte le affermazioni sul presunto "europeismo" degli italiani.e che se davvero scrivessi quel che penso di loro e del loro palese comportamento antidemocratico, credo che non basterebbe mettermi nelle x rosse.....==================================Modificato dall'autore il 12/05/2005 17.26.28
          • Anonimo scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            - Scritto da: paperinox
            - Scritto da: Anonimo

            E con questo cosa vorresti dire?

            che i nostri politici hanno paura che si voti
            alla "francese", dopo tutte le affermazioni sul
            presunto "europeismo" degli italiani.

            e che se davvero scrivessi quel che penso di loro
            e del loro palese comportamento antidemocratico,
            credo che non basterebbe mettermi nelle x
            rosse.....

            ==================================
            Modificato dall'autore il 12/05/2005 17.26.28E' il solito problema, si susseguono i governi, si fanno referendum e manifestazioni su cose inutili (o comunque meno utili) ma di modifcare la legge che non ci permette di esprimerci sulla politica estere non se ne parla.ciao
          • paperinox scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: paperinox

            - Scritto da: Anonimo


            E con questo cosa vorresti dire?



            che i nostri politici hanno paura che si voti

            alla "francese", dopo tutte le affermazioni sul

            presunto "europeismo" degli italiani.



            e che se davvero scrivessi quel che penso di
            loro

            e del loro palese comportamento antidemocratico,

            credo che non basterebbe mettermi nelle x

            rosse.....



            ==================================

            Modificato dall'autore il 12/05/2005 17.26.28


            E' il solito problema, si susseguono i governi,
            si fanno referendum e manifestazioni su cose
            inutili (o comunque meno utili) ma di modifcare
            la legge che non ci permette di esprimerci sulla
            politica estere non se ne parla.

            ciaologico... molto più comodo così per loro.e in ogni caso... ti ricordi il referendum sull'abolizione dell'allora ministero dell'agricoltura?? come dici??senti pure tu la puzza di velata presa per i fondelli?? :D
          • paperinox scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: paperinox

            e quando è stato deciso che anche in Italia sarà

            fatto un referendum per decidere se approvare o

            meno la "costituzione" europea?????



            i nostri politici hanno già aderito, SENZA

            NEMMENO CHIEDERCI SE ERAVAMO D'ACCORDO!!!!

            appunto per questo ho chiesto la nazionalita' a
            chi ha scritto il messaggio precedente. In
            Francia, in Inghilterra ed in altri Paesi fanno
            il referendum... da noi invece sono stati
            gentili: ci hanno risparmiato la fatica di andare
            a votare!vero!e poi anche pensare è faticoso.... oltre che pericoloso ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
        - Scritto da: Anonimo

        E avranno ragione i Francesi ad opporsi a questa

        Europa!

        Speriamo che si oppongano davvero, sarebbe una
        bella lezione a certe leggi pro Multinazionali e
        un segnale a non continuare in questo modo. E
        saremo poi sempre in tempo un giorno a bocciarla
        anche noi in Italia se si va avanti così... Aspetta e spera che un popolo ignorante e dalla memoria corta (noi ci ricordiamo solo del campionato di calcio :-( ) come quello italiano possa fare la metà di quello che fa quello francese. Anche se non mi sono propriamente simpatici li ammiro perchè quando vogliono far valere le loro ragioni lo fanno. Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU

          quando vogliono far
          valere le loro ragioni lo fanno.La democrazia, questa sconosciuta :(
          • Riot scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
            - Scritto da: arlon

            quando vogliono far

            valere le loro ragioni lo fanno.

            La democrazia, questa sconosciuta :(La democrazia vale tanto quanto il popolo che la pratica: nel nostro caso molto poco.Se arrivasse Bin Laden e promettesse 3 milioni di posti di lavoro vincerebbe le elezioni.Sto scherzando (forse).
          • Anonimo scrive:
            Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU

            La democrazia vale tanto quanto il popolo che la
            pratica: nel nostro caso molto poco.

            Se arrivasse Bin Laden e promettesse 3 milioni di
            posti di lavoro vincerebbe le elezioni.

            Sto scherzando (forse).gia' me lo vedo a porta-a-porta mentre firma un contratto in arabo con gli italiani... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: QUESTA E' LA LINEA DEL PIAVE x L' EU
        - Scritto da: Anonimo

        E avranno ragione i Francesi ad opporsi a questa

        Europa!

        Speriamo che si oppongano davvero, sarebbe una
        bella lezione a certe leggi pro Multinazionali e
        un segnale a non continuare in questo modo. E
        saremo poi sempre in tempo un giorno a bocciarla
        anche noi in Italia se si va avanti così...In Italia non ci sara' nessun referendum: si e' gia' espresso il parlamento ed ha detto si' :)
  • Anonimo scrive:
    O qui il brevetto va o qui affonda .....
    Spero che affondi !
Chiudi i commenti