Dieci anni dopo, Apache 2.2

Il celebre server web open source è giunto alla versione stabile 2.2, una nuova pietra miliare che scandisce il suo decimo anno di vita


Forest Hill (USA) – Il più diffuso server web del mondo, l’open source Apache , ha festeggiato il suo decimo compleanno con il rilascio della nuova major release 2.2. L’ultima versione stabile, la 2.0, risaliva alla primavera del 2002.

Secondo i più recenti dati di Netcraft , Apache oggi gira su oltre 50 milioni di server sparsi per il mondo: questo ne fa uno dei progetti open source di più grande successo ma, nello stesso tempo, carica sulle spalle dei suoi sviluppatori enormi responsabilità.

“È per questo motivo che tra una release stabile e l’altra passano spesso più di tre anni”, ha commentato Justin Erenkrantz, director and treasurer dell’ Apache Software Foundation . “Questa nuova versione è stata lungamente testata, anche presso alcuni tra i più trafficati siti del Web, ed è ora pronta per essere utilizzata da tutti gli utenti”.

Il team di sviluppo definisce Apache 2.2 “la migliore versione di Apache oggi disponibile”, ed incoraggia gli utenti delle precedenti release ad aggiornare il software. Nonostante la versione 2.0 abbia già alle spalle più di 3 anni di vita, oggi un non trascurabile numero di server utilizza ancora la gloriosa versione 1.3.

Le differenze tra la versione 2.2 e la precedente non sono così marcate come quelle che esistono tra la 2.0 e la 1.3, tuttavia gli sviluppatori affermano che l’ultima release “offre numerose migliorie e incrementi di performance”.

Tra le novità, elencate qui , si citano i numerosi cambiamenti apportati al sistema di caching (ora considerato “production-quality”), l’introduzione di un modulo per il bilanciamento del carico dei proxy, il supporto all’Apache JServ Protocol 1.3 utilizzato da Apache Tomcat , il supporto a file più grandi di 2 GB “sui moderni sistemi Unix a 32 bit”, un migliore supporto ai database SQL, e una semplificazione di certe configurazioni per l’autenticazione. Gli sviluppatori sostengono di aver semplificato e razionalizzato anche il file di configurazione del server e di aver aggiunto nuove modalità per lo shutdown.

Apache 2.2 può essere scaricato da qui per Unix/Linux e Windows.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Digitale Terrestre ??!!
    scusate, terrestrri ... ma comprarsi un buon libro , no ???
  • Anonimo scrive:
    Mi sa che il DTT ITALIOTA
    ....farà la stessa fine dell' insetticida DDT.
  • Anonimo scrive:
    Lo hanno detto almeno in qualche TG?
    Non guardo certo tutti i tg,ma qualcuno ha sentito menzionare questa notizia in tv?Sbaglio a dire che la pubblicità sul DTT è molto che è scomparsa?Questo forse era un segnale premonitore....
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo hanno detto almeno in qualche TG?
      - Scritto da: Anonimo
      Non guardo certo tutti i tg,ma qualcuno ha
      sentito menzionare questa notizia in tv?

      Sbaglio a dire che la pubblicità sul DTT è molto
      che è scomparsa?Questo forse era un segnale
      premonitore....Sui TG ITALIOTI parlano sempre del GRANDE IMPRENDITORE BERLUSCONI che ha SALVATO l' Italia.................................................................................qualcuno che gli dicesse DEANNAAPIJARSRLOANDERCUxO..........non c' è?!!
  • Anonimo scrive:
    Traguardi...
    "Secondo il ministro delle Comunicazioni Mario Landolfi il rinvio rappresenta un ottimo traguardo tecnico"Solo in Italia un rinvio può essere visto come un traguardo...Per come la vedo io, il traguardo è stare nei tempi... non ritardare di due anni. Peraltro per una tecnologia che può considerarsi già vecchia.Venditori di fumo...
  • Anonimo scrive:
    Vai Paolo, facci il decoder!
    ....
  • Anonimo scrive:
    Nle 2008 sarà spenta la TV ANALOGICA
    Questo significa che chi non ha il decoder digitale dal 1 Gennaio 2008 potrà NON PAGARE IL CANONE TV.Ovviamente non vedrà + la TV, ma chi se ne frega visti i programmi idioti che sparano dalla mattina alla mattina del giorno dopo 24h/24h?.Teniamoci i nostri computer accesi in Internet in banda larga, ce ne basta e avanza e rimbambiscono sicuramente di meno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nle 2008 sarà spenta la TV ANALOGICA

      Questo significa che chi non ha il decoder
      digitale dal 1 Gennaio 2008 potrà NON PAGARE IL
      CANONE TV.Erri. Se hai un computer, devi pagarlo, in quanto e' una tassa "su apparati atti o ADATTABILI a ricevere segnali televisivi".Un monitor VGA puo' essere adattato a ricevere segnali TV attaccandoci uno scatolotto da 40 euro, quindi e' sottoposto alla tassa.EB
      • Anonimo scrive:
        Re: Nle 2008 sarà spenta la TV ANALOGICA
        - Scritto da: Anonimo

        Questo significa che chi non ha il decoder

        digitale dal 1 Gennaio 2008 potrà NON PAGARE IL

        CANONE TV.

        Erri. Se hai un computer, devi pagarlo, in quanto
        e' una tassa "su apparati atti o ADATTABILI a
        ricevere segnali televisivi".

        Un monitor VGA puo' essere adattato a ricevere
        segnali TV attaccandoci uno scatolotto da 40
        euro, quindi e' sottoposto alla tassa.

        EBMi dispiace per te ma chi in casa ha il computer e non la TV NON PAGA nessun canone TV.Vabbè che questo è un pase di LADRONI, ma già c' è chi non paga il canone pur avendo la TV, figuarsi che lo paga senza la TV.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nle 2008 sarà spenta la TV ANALOGICA
        - Scritto da: Anonimo

        Questo significa che chi non ha il decoder

        digitale dal 1 Gennaio 2008 potrà NON PAGARE IL

        CANONE TV.

        Erri. Se hai un computer, devi pagarlo, in quanto
        e' una tassa "su apparati atti o ADATTABILI a
        ricevere segnali televisivi".

        Un monitor VGA puo' essere adattato a ricevere
        segnali TV attaccandoci uno scatolotto da 40
        euro, quindi e' sottoposto alla tassa.

        EBIl fatto che la RAI ha provato un po' di tempo fa ad estorcere il canone anche a chi aveva il computer, non significa che era dalla parte della ragione. Infatti per loro fortuna se la sono piantata prima di incappare nella persona sbagliata (quella con un brutto carattere per intendersi)E comunque secondo il ragionamento di cui sopra anche la tazza del cesso può essere adattata nello stesso modo a ricevere segnali televisiviRicapitolando, il canone alla RAI è dovuto solo se al computer o al monitor colleghi un sintonizzatore. Nisba sintonizzatore nisba canone.Bye :) .
  • Anonimo scrive:
    Non capisco...
    quindi sono ben accette spiegazioni ed invitati anche i flame, purche' dotati di contenuto. Si, anche gli insulti, nel caso.Non vorrei sindacare tanto sul valore tecnologico del DTT rispetto a standard presunti in arrivo nell'immediato futuro e non vorrei nemmeno esacerbare una diatriba da stadio sx vs dx o tutti contro berlusconi.In ordine sparso (mi dispiace):- il segnale digitale permettera' di poter avere un numero maggiore di canali all'interno della medesima frequenza, aumentando (teoricamente) la pluralita' dei soggetti e migliorando al contempo la qualita' dell'immagine per la sua stessa natura digitale, che per semplicita' (eventualmente erronea) definiro' "campionata". Quello che non capisco pero' e' come questo possa essere migliore rispetto al digitale satellitare. Posseggo decoder per la visione di canali non a pagamento da anni ormai ed utilizzando molto anche i formati compressi per musica e video sul computer, noto come qualunque altro utilizzatore che la qualita' risponde quasi interamente al fenomeno del "tutto o nulla". O il segnale arriva interamente portando con se' la totalita' del contenuto, oppure ottengo "salti", "spixellamenti", "vuoto totale" :-) ... ora mi chiedo come il DTT possa invece svincolarsi da questo comportamento in quelle aree geografiche dove gia' adesso il segnale analogico arriva "con il contagocce".- si dice che potra' raggiungere tutti meglio del satellite poiche' il sat non e' installabile ovunque: si pensi a tutti quegli appartamenti che non dispongono di punti di montaggio "a sud". Ma se si fosse deciso per un switch off verso il sat probabilmente avremmo usato parabole condominiali sui tetti, di fatto diminuendo anche il numero di quelle private, probabilmente. INOLTRE, per quegli stabili dove bisognerebbe buttare giu' muri portanti, come letto in altri thread, lo switch off avrebbe permesso di usare le canaline degli odierni cavi tv analogici.- si dice inoltre (ma mi sembra sempre la STESSA persona qui su PI) che buona parte dei 220M sono rientrati o rientreranno a breve nelle casse statali per IVA e tasse varie. Ma ora immaginiamo uno switch off nei tempi previsti dalla UE:1) standard comune tra vari paesi2) sperimentazioni vere per i fornitori di servizio3) plausibile disponibilita' di apparati TV e VCR/DVDR da parte dei produttori diretti4) vendita dei suddetti per switch-off imposto5) eventuale sovvenzione per apparati condominiali (ma non per i device, bensi' magari per gli installatori)Qui probabilmente il ritorno di IVA + tasse + mercato sarebbe uguale (quanto meno), non spesato dallo stato (quindi guadagno o cmq maggior gettito, NON RITORNO PARZIALE SU INVESTIMENTI) e i soggetti monopolisti del momento non potrebbero acquistare quote societarie di tutte le case TV/VCR/DVDR (tra parentesi tra un sony dtt-tv ed un amstrad non so proprio cosa comprerei :p)- definendo forse impropriamente come "fretta" la tempistica scelta dal governo italiano, il dubbio (spero legittimo) che mi attanaglia e' che sia stato fatto per il solito discorso rete4/rai3 e NON per motivi di innovazione tecnologica: solitamente dal palazzo (sia a sx che a dx) non arriva mai nulla di innovativo a livello tecnologico (vedasi legiferazioni su firma digitale). Molto spesso i legislatori sono impantanati da opinionisti e commerciali e non parlano mai direttamente con gli innovatori reali.Switch-off UE nel 2012. Immaginate che dal 2010, a quattro anni da oggi, comincino ad uscire modelli DTT con lo standard del momento nel parco TV/VCR/DVDR e che progressivamente si avverta la clientela che l'analogico non sara' piu' venduto in due anni e che sempre PER LEGGE nella UE dal 01/01/2012 esistano solo apparati DTT in commercio. Switch off fatto, gettito fiscale in arrivo, niente sovvenzioni, rete4/rai3 gia' sul sat e meno dubbi sulla liceita' dell'operazione.Forse, in fondo, non capisco la "fretta". E giustificarla con:- si poteva spendere peggio- ci sono i ritorni per le casse statali- almeno abbiamo un decoder- varie sullo stesso tonoper me non ha senso. E quindi non capisco. Niente da dire sul DTT in se', per carita', quindi per favore astenetevi da commenti in tal senso.
  • Anonimo scrive:
    Ma chi paga?
    Ma se l'UE decidesse di comminare una multa chi la paga?La pioggia di milioni l'hanno incassata i Berlusconi, ma non credo che pagheranno loro.Quindi ricapitolando: i cittadini hanno finanziato i decoder DTT, i soldi li ha incassati B., i decoder non servono a nulla e per di più i cittadini dovranno (nel caso) pagare anche una multa.E' convenuto proprio questo governo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi paga?

      E' convenuto proprio questo governo...Come quello di c-sx che nel 2001 ha firmato la legge sul DTT e che aveva messo il 2006 come switch-off...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi paga?
        - Scritto da: Anonimo
        Come quello di c-sx che nel 2001 ha firmato la
        legge sul DTT e che aveva messo il 2006 come
        switch-off...guarda che la multa NON E' per lo switch-off, è per i CONTRIBUTI, e quelli sono stati decisi da Gasparri e la sua banda.
    • Alessandrox scrive:
      Re: Ma chi paga?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se l'UE decidesse di comminare una multa chi
      la paga?
      La pioggia di milioni l'hanno incassata i
      Berlusconi, ma non credo che pagheranno loro.
      Quindi ricapitolando: i cittadini hanno
      finanziato i decoder DTT, i soldi li ha incassati
      B., i decoder non servono a nulla e per di più i
      cittadini dovranno (nel caso) pagare anche una
      multa.E' un complotto dell' UE per spillare soldi.... si sono accordati con i nostri governi, li hanno convinti a finanziare il DTT (in effetti ci hanno guadagnato collateralmente, per vie traverse), poi l' UE sarebbe intervenuta a spillare altri soldi dalle nostre tasche... il tutto secondo norma di legge. Un piano Perfetto.Scherzo ma... mica tanto.==================================Modificato dall'autore il 05/12/2005 17.39.33
    • Akiro scrive:
      Re: Ma chi paga?
      chi paga? ancora non l'hai capito?
  • Anonimo scrive:
    Ironico vero?
    L'incentivo al digitale terreste e' stato pagato con i soldi degli italiani ed eventuali multe verranno pagate alla ue con i soldi degli italiani.Ma chi potrebbe aver beneficiato dirattamente del digitale terrestre? gli italiani?Bho!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ironico vero?
      - Scritto da: Anonimo(cut)
      Ma chi potrebbe aver beneficiato dirattamente del
      digitale terrestre? gli italiani?

      Bho!Paolo ;) .
  • glsdesign scrive:
    Scusate l'ingenuità
    Che poi ingenuo non sono, o non credo d'esserlo, ma fin dall'inizio di tutto, quando si cominciò a parlare di digitale terrestre, pensai: "Ma la televisione, è così importante?"E' sicuramente un mezzo di informazione potentissimo (maggiormente potente se viene usato per abusare dell'informazione) ma alla gente comune importa davvero così tanto? Perchè dovrebbe importargli? Esiste da molto tempo prima ed è uno strumento decisamente migliore una "cosa" chiamata internet. C'è qualcosa che il digitale terrestre può fare che un computer con una connessione a banda larga non possa fare? No. Allora perchè non mantenere la promessa di informatizzare gli italiani, incentivando l'acquisto di computer e spingendo le compagnie telefoniche ad estendere la copertura dell'ADSL dove -vergognosamente- non è ancora arrivata? Mi sembra la cosa più logica che un governo possa decidere di fare.Ma purtroppo la risposta a quest'ultima domanda è che sono i grandi interessi "dietro" (ma mica tanto dietro) a condizionare queste scelte fondamentali. Io sono solo un umile cittadino, e dalla mia posizione totalmente insignificante (a parte il mio diritto e dovere di votare!) posso solo esprimere il mio disgusto, ma esistono la fuori politici che possano fare la differenza e finalmente essere apprezzati e rispettati? Qualcuno che voglia veramente fare il proprio lavoro e con onore amministrare questo paese alla deriva?Lo so, faccio troppe domande :Dglshttp://gls.areaunix.org/
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate l'ingenuità
      Ti vorrei solo ricordare che l'Italia e' un paese di "anziani" che Internet non sa proprio cosa sia. Non solo ma non gli interessa proprio imparare ad usare un computer. Preferiscono la TV che e' una cosa che conoscono e di cui non hanno paura.Questo e' l'interesse dell'Italia.Non pensiamo sempre a "GROSSI" interessi politici.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate l'ingenuità
        - Scritto da: Anonimo
        [...]
        Questo e' l'interesse dell'Italia.
        Non pensiamo sempre a "GROSSI" interessi politici.Certo!......Vorrai mica pensare che qualcuno in italia abbia interessi sul DTT?!?.Ma abiti ad Arcore o mangi allo stesso tavolo?. ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate l'ingenuità
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          [...]

          Questo e' l'interesse dell'Italia.

          Non pensiamo sempre a "GROSSI" interessi
          politici.

          Certo!...

          ...Vorrai mica pensare che qualcuno in italia
          abbia interessi sul DTT?!?.

          Ma abiti ad Arcore o mangi allo stesso tavolo?.
          ;-)No ragiono con la mia testa, cosa che tu non fai.Se poi vuoi provare, ti do il numero di telefono di mio padre che ha 76 anni, e prova spiegargli come e' piu' semplice connettersi ad una cosa che si chiama ADSL utilizzando un coso che si chiama MOUSE ed una tastiera, piuttosto che premere un tasto su un telecomando.Ah dimenticavo, guardati i dati demografici dell'Italia e vedi dove sta la maggioranza.Ciao
      • dacho scrive:
        Re: Scusate l'ingenuità
        - Scritto da: Anonimo
        Ti vorrei solo ricordare che l'Italia e' un paese
        di "anziani" che Internet non sa proprio cosa
        sia.Anziani che - sarà anche cinico dirlo - hanno una "data di scadenza". Sempre cinicamente, nella mia città si prevede che entro dieci anni 40000 alloggi saranno (virtualmente, se nessuno intanto li andasse ad abitare..) sfitti, causa naturale decesso degli attuali proprietari. Non vedo perchè lo stesso ragionamento sia "politically uncorrect" quando cambia l'ambito di applicazione..Sono cose di cui va tenuto conto quando si fanno programmi (governativi) di qui al 2012 ed oltre: in questi sette anni quanti anziani saranno già morti?Cionondimeno va considerato il fatto che all'anziano possa risultare difficile utilizzare la TV quanto un PC, se alla fine deve farci qualcosa di "interattivo". Mio padre, che è "anziano" da qualche mese (65°anno di età) ha più problemi coi tastini del telecomando, poi, che con i tasti del PC..Di contro abbiamo una popolazione (mi pare di averlo letto proprio su PI) della mezza e terza età abbastanza "ferrata" sull'uso di Internet..Vale dunque la pena di FINANZIARE (il problema, anche per la UE, è esclusivamente questo..!) una tecnologia quando, tra diffusione ed apprendimento all'uso, gran parte dei beneficiari dello specifico tipo di "modalità" (televisiva, quindi facile???) probabilmente non avrà fatto in tempo ad usarla.????
        Non pensiamo sempre a "GROSSI" interessi politici.Il problema sta nel finanziamento.Io sono di sx, ma facciamo conto che sia un liberista inglese (senza per forza citare l'Economist): Berlusconi era (comunque) manifestamente ineleggibile per il suo conflitto d'interessi plurimo (non c'è solo la televisione..). Non c'è quindi da dimostrare che Berlusconi abbia spinto sul DTT in proprio favore od in quello della collettività. È il fatto stesso che sussista un "potenziale" conflitto d'interessi che non va bene, punto.Ma noi italiani ci siamo oramai abituati a porcherie di ogni tipo, anche a fare buon viso a cattivo gioco (ed anzi, farla una questione di scontro tra fazioni) sul fatto d'avere un governo chiaramente in conflitto d'interessi.==================================Modificato dall'autore il 05/12/2005 19.51.16
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate l'ingenuità
          A me più dei favori a sé stesso fanno paura i favori che il Berlusca fa ad altri imprenditori e grandi imprese.Non è che io voglia il fallimento delle grandi imprese, ma dato che esse sono già di fatto in una posizione avvantaggiata, speravo che una destra becerotta e populista ne limitasse il potere, invece vedo che non è così, Telecom, Autostrade, Enel, etc continuano a godere di privilegi e aiuti sotto qualsiasi governo e temo che il conflitto d'interessi di Berlusconi e le sue manovre più goffe siano per loro un comodo paravento.Ma quando cadrà il Berlusca non cambierà un bel niente, altri "registi" e sponsor più o meno occulti stanno anche dietro a centro e sinistra per assicurarsi che non cambi nulla e Bertinotti e Cossutta lasceranno fare in cambio di qualche briciola ben confezionata a fini elettorali in più per i ceti più bassi e sacrificheranno i ceti medi per la prosperità e il potere delle grandi imprese.Mi stupisco, anzi, che nei giorni scorsi uno di questi "registi" abbia abbandonato l'abituale basso profilo e sia intervenuto uscendo allo scoperto e con toni piuttosto diretti. Se ripenso a quanti risparmiatori ha già gabbato in passato guadagnando alle loro spalle mentre le azioni delle sue imprese colavano a picco e quanto denaro pubblico ha risucchiato in cambio di rottami facendola sempre franca e diffamando impunemente chi cercava di fermarlo e penso che potrebbe tornare ad avere il potere di prima mi vengono i brividi.E non lo nominerò, penso abbiate capito di chi parlo.Berlusconi deve cadere? Che cada, non c'è problema, ma c'è qualcuno che è troppo interessato a fare il burattinaio di chi si siederà sulla poltrona del Nano, sarebbe opportuno non aiutarlo e scombinare i giochi di tutte le lobbies, per esempio, votando, all'interno del centro-sx, un alleato recente, piuttosto turbolento, forse volubile politicamente, ma rigoroso moralmente senza essere ottuso e dogmatico, e mai subdolo, mai sottomesso a poteri occulti.Anche in questo caso non lo nominerò, per non fare propaganda, ma immagino si capisca a chi alludo.
  • Anonimo scrive:
    meglio la internet-tv o p2ptv o torrentv
    televisione internet ,calcio gratis ? basta l adsl :http://www.coolstreaming.ithttp://www.coolstreaming.it/forum/index.php?http://www.calciolibero.com/http://www.cybersky.it/http://www.calciolibero.com/page018.htmsaimo solo agli inizi...... :) :D
    • Anonimo scrive:
      Re: meglio la internet-tv o p2ptv o torr


      http://www.cybersky.it/

      http://www.calciolibero.com/page018.htm

      saimo solo agli inizi...... :)...appunto, una serie di programmi in cinese, in coreano o che so io, che presi ed installati non ce n'è uno che funziona, il browser che s'incazza, il mediaplayer pure....va beh, ho capito, un giorno che avrò tempo e voglia ci studierò sopra, ma così com'è fanno perdere tempo e saltare i nervi.
      • Anonimo scrive:
        Re: meglio la internet-tv o p2ptv o torr
        funziona PPlive 1.10
        • Anonimo scrive:
          Re: meglio la internet-tv o p2ptv o torr
          ma per il calcio vanno + che bene ,sono gratis pure,e cosa vuoi d +?per la tv la 7 e la rai pure li vedi ,... a scusa mancano i media 7 ,personalmente posso farne a -, ma il futuro sta nel condividere il video che in quel momento vedi ,...quindi qualsiasi video ,...anche quelli del portatore nano della democrazia o di merdoch...(ski)...prevedo altri terremoti ........ ;) :D
  • Anonimo scrive:
    Io non ho la TV
    Come recita la lettera minatoria che mi manda a casa la RAI ormai ogni 6 mesi:"il mancato possesso di un apparecchio televisivo è da considerarsi un eccezione e non la norma".Bene io mi sento di poter dire di essere quell'eccezione che conferma la regola.IO ODIO la TV, non la guardo quasi mai e faccio un lavoro per il quale viaggio quasi tutto l'anno e cambio domicilio spesso dovendo affiancare per la progettazione, installazione e nei collaudi ospedali, comuni ed altri enti che acquistano le procedure dell'azienda per cui lavoro.Mi ritrovo in alberghi a mezza pensione o appartamentini in affitto dove trovo già un televisore che comunque puntualmente tengo spento.Mi informo su Internet, leggo libri e saggi, ma la tv italiana la trovo quanto di più idiota e inutile ci sia.Ma da qualche tempo che novità mi ritrovo a leggere? Che il nostro caro e amatissimo Presidente del Consiglio dei miei stivali decide di stanziare 220 milioni di euro per decoder per il DTT e così anche io mi ritrovo con quasi 8 euro delle mie tasse utilizzati per far comprare decoder per una cosa che a me non interessa.Per non parlare del fatto che prima dei finanziamenti la sua famiglia ha acquistato la Amstrad e si è preoccupata di diffondere capillarmente il prodotto.Poi scopro anche che un decoder DTT in altri paesi europei non supera i 30-40 euro di prezzo.In Italia invece costano 140 euro che con 60-70 euro di finanziamento restano comunque sovrapprezzati.Una bella rapina...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non ho la TV

      la tv italiana la trovo quanto di più idiota e
      inutile ci sia.Prenditi una parabola e guarda la tv estera...E poi non fare di tutta l'erba un fascio, non ci sono solo le trasmissioni dei tronisti o quelle della domenica pomeriggio, cerca bene, qualcosa di buono nella feccia ce la trovi.
      • nelchael81 scrive:
        Re: Io non ho la TV
        Si ma fa schifo ravanare tra tutto quel letame!Odio il letame! ( by back to the future )
      • Anonimo scrive:
        Re: Io non ho la TV
        - Scritto da: Anonimo


        la tv italiana la trovo quanto di più idiota e

        inutile ci sia.

        Prenditi una parabola e guarda la tv estera...
        E poi non fare di tutta l'erba un fascio, non ci
        sono solo le trasmissioni dei tronisti o quelle
        della domenica pomeriggio, cerca bene, qualcosa
        di buono nella feccia ce la trovi.ma perche'? come la giri la giri, sempre spazzatura e' preferisco dedicare tempo ad attivita' in cui sia meno passivo (o se proprio lo devo essere me ne vado a teatro, non mi metto certo a guardare la televisione)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non ho la TV
      - Scritto da: Anonimo

      Come recita la lettera minatoria che mi manda a
      casa la RAI ormai ogni 6 mesi:

      "il manca[CUT]
      Una bella rapina...
      La stimo moltissimo.Se più Italiani facessero come Lei...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non ho la TV
      - Scritto da: Anonimo
      Come recita la lettera minatoria che mi manda a
      casa la RAI ormai ogni 6 mesi:
      "il mancato possesso di un apparecchio televisivo
      è da considerarsi un eccezione e non la norma".
      Bene io mi sento di poter dire di essere
      quell'eccezione che conferma la regola.Comunque sei costretto a pagare la tassa sul possesso della TV, perche', per la legge, anche il possesso di un pc equivale a possedere un televisore.
      • AnyFile scrive:
        Re: Io non ho la TV
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        Comunque sei costretto a pagare la tassa sul
        possesso della TV, perche', per la legge, anche
        il possesso di un pc equivale a possedere un
        televisore.Che un pc sia adattabile a ricevere programmi televisivi, me lo devono ancora dimostrare.Nel mio non c'e' la scheda d'ingresso della televsione (che i pc piu' moderni spesso hanno gia')per cui al limite e' su quella scheda che andrebbe fatta pagare la tassa.O forse la tassa bisogna pagarla anche se solo hai una presa elettrica (perche' a quella puoi attaccarci il televisore)? Anzi senza neanche quella: un tempo esistevano telvisori a pile.Comunque la cosa e' assurda nel principio. Era stato scelto di tassare la televisione perche' era un bene di lusso. Ora non lo e' piu' anzi e' loo stato stesso a dirci di comprare una telvisionee di ascoltare il suo bollettino sulle limitazioni del traffico alla telvisione (il vigile che ti ferma ti dice che dovevi saperlo perche' lo hanno detto alla telvisione, pretendono di avere un'anagrafica aggiornata di tutte le persone che hanno la patente o che possiedono un veicolo, pena ripsettivamente la sospensione della patente della carta di circolazione, proprio per poterti avvisare, ma poi anziche' inviarti lettere a casa fanno proclami in televisione).tornando al punto iniziale se vogliono multare uno che ha un pc ma non ha pagato il canone (anzi la tassa di possesso) delle televisioni dovrebbero (dico dovrebbero perche' le leggi si sa si interpretano) dimostrare non solo che sia effettivamente adattabile ma anche che io ero tenuto a sapere che anche un dispositivo adattabile deve pagare la tassa (cosa che non viene mai detta lla pubblicita', publicita' che peraltro io non sentirei visto che non ho la televisione) e soprattutto dimostrare che io sapevo che tlae dispositivo fosse relamente adattabile. Non ha certo senso ditre che dovevo saperlo e che la legge non ammette ignoranza. Questo (presunto) principio e' stato dichiarato incostituzionale.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io non ho la TV

          Comunque la cosa e' assurda nel principio. Era
          stato scelto di tassare la televisione perche'
          era un bene di lusso. Ora non lo e' piu' anzi e'
          loo stato stesso a dirci di comprare una
          telvisionee di ascoltare il suo bollettino sulle
          limitazioni del traffico alla telvisione (il
          vigile che ti ferma ti dice che dovevi saperlo
          perche' lo hanno detto alla telvisione,
          pretendono di avere un'anagrafica aggiornata di
          tutte le persone che hanno la patente o che
          possiedono un veicolo, pena ripsettivamente la
          sospensione della patente della carta di
          circolazione, proprio per poterti avvisare, ma
          poi anziche' inviarti lettere a casa fanno
          proclami in televisione).Questa è una cosa che mi piacerebbe tanto scoprire, visto che non trovo nessuna traccia dell'obbligo di possesso di un televisore nel codice della strada.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io non ho la TV
          - Scritto da: AnyFile

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo





          Comunque sei costretto a pagare la tassa sul

          possesso della TV, perche', per la legge, anche

          il possesso di un pc equivale a possedere un

          televisore.

          Che un pc sia adattabile a ricevere programmi
          televisivi, me lo devono ancora dimostrare.

          Nel mio non c'e' la scheda d'ingresso della
          televsione (che i pc piu' moderni spesso hanno
          gia')

          per cui al limite e' su quella scheda che
          andrebbe fatta pagare la tassa.

          O forse la tassa bisogna pagarla anche se solo
          hai una presa elettrica (perche' a quella puoi
          attaccarci il televisore)? Anzi senza neanche
          quella: un tempo esistevano telvisori a pile.

          Comunque la cosa e' assurda nel principio. Era
          stato scelto di tassare la televisione perche'
          era un bene di lusso. Ora non lo e' piu' anzi e'
          loo stato stesso a dirci di comprare una
          telvisionee di ascoltare il suo bollettino sulle
          limitazioni del traffico alla telvisione (il
          vigile che ti ferma ti dice che dovevi saperlo
          perche' lo hanno detto alla telvisione,
          pretendono di avere un'anagrafica aggiornata di
          tutte le persone che hanno la patente o che
          possiedono un veicolo, pena ripsettivamente la
          sospensione della patente della carta di
          circolazione, proprio per poterti avvisare, ma
          poi anziche' inviarti lettere a casa fanno
          proclami in televisione).

          tornando al punto iniziale se vogliono multare
          uno che ha un pc ma non ha pagato il canone (anzi
          la tassa di possesso) delle televisioni
          dovrebbero (dico dovrebbero perche' le leggi si
          sa si interpretano) dimostrare non solo che sia
          effettivamente adattabile ma anche che io ero
          tenuto a sapere che anche un dispositivo
          adattabile deve pagare la tassa (cosa che non
          viene mai detta lla pubblicita', publicita' che
          peraltro io non sentirei visto che non ho la
          televisione) e soprattutto dimostrare che io
          sapevo che tlae dispositivo fosse relamente
          adattabile. Non ha certo senso ditre che dovevo
          saperlo e che la legge non ammette ignoranza.
          Questo (presunto) principio e' stato dichiarato
          incostituzionale.Se nel pc non installi nessun sintonizzatore (usb, pci o isa) alla RAI non devi un tubazzo
      • Anonimo scrive:
        Re: Io non ho la TV
        - Scritto da: Anonimo
        Comunque sei costretto a pagare la tassa sul
        possesso della TV, perche', per la legge, anche
        il possesso di un pc equivale a possedere un
        televisore.Sono l'autore del thread.E' vero quel che scrivi. Ma io ho due PC, uno è un server Linux, con terminale VT100 e interfaccia a carattere, che sta in cantina nella mia casa residenza primaria. Da alcuni servizi come un web server un server di posta, FTP e ci entro con vncserver con una sessione X. Fa backup su nastro e ci tengo il mio lavoro, al quale accedo anche da remoto.Molti componenti di questo computer me li ha forniti la mia azienda.L'altro è un portatile fornito dall'azienda per cui lavoro.Premettendo che il webserver anche se un PC non è predisposto per guardare TV neppure volessi dato che l'unica connessione è in monocromatico a carattere e le sessioni VNC non permetterebbero la visualizzazione di video, il portatile che mi è stato dato in comodato d'uso è da intendersi come apparecchio predisposto su cui devo pagarci il canone?Il server web, posta, ftp, file collegato ad una ADSL del mio domicilio, dove tengo i mie archivi e il mio lavoro, dovrebbe essere considerato apparecchio predisposto?A questo punto finisce per essere apparecchio predisposto pure un tostapane se può dare corrente ad un tubo catodico e una scheda RF...E devo pagarci il canone anche se me li ha forniti la mia azienda in una specie di comodato d'uso?
        • doppiaemme scrive:
          Re: Io non ho la TV
          Devi pagare il canone solo se hai la scheda PCTV quindi ricevi segnale televisivo.Il resto sono urban legend.MM
          • Anonimo scrive:
            Re: Io non ho la TV
            - Scritto da: doppiaemme
            Devi pagare il canone solo se hai la scheda PCTV
            quindi ricevi segnale televisivo.
            Il resto sono urban legend.
            MMEd invece no. La legge dice qualsiasi apparecchio "predisposto".Per la RAI e per questa legge anche un PC è un apparecchio "predisposto".Se ne è parlato spesso di questo problema. E' una legge capestro...
          • doppiaemme scrive:
            Re: Io non ho la TV
            Veramente appena arrivatami la prima cartolina io ho risposto (la cartolina è già affrancata) elencando gli apparecchi a mia disposizione:radiolettore dvdpc senza PCTVquindi ho specificato che non ho il televisoree la seguente lettera minatoria non mi è mai arrivata.La Rai quindi interpreta la legge in modo favorevole all'utente.MM
          • Anonimo scrive:
            Re: Io non ho la TV
            - Scritto da: doppiaemme
            Veramente appena arrivatami la prima cartolina
            io ho risposto (la cartolina è già affrancata)
            elencando gli apparecchi a mia disposizione:
            radio
            lettore dvd
            pc senza PCTV
            quindi ho specificato che non ho il televisore

            e la seguente lettera minatoria non mi è mai
            arrivata.
            La Rai quindi interpreta la legge in modo
            favorevole all'utente.
            MM
            Non sempre, dipende da chi ha le redini al momento.C'è stato un periodo che gli ispettori RAI provavano a estorcere il canone nel caso la "vittima" possedeva solo il computer.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non ho la TV
      Bhè se vogliamo stare a fare i pignoli Lombardia e Piemonte sono le uniche 2 regione che mandano a Roma più soldi di quanto ricevono indietro....e di certo ai milanese e torinesi non frega a un ca**o ne delle strade di Napoli, ne del Ponte sullo stretto, ne del corso per veline in Campania etc.etc.etc....
    • AnyFile scrive:
      Re: Io non ho la TV
      - Scritto da: Anonimo

      Come recita la lettera minatoria che mi manda a
      casa la RAI ormai ogni 6 mesi:

      "il mancato possesso di un apparecchio televisivo
      è da considerarsi un eccezione e non la norma".
      Da un punto di vista matematico l'affermazione e' corretta. La norma e' la classe con il maggior numero di frequenza. Se ci si limita ad una rozzissima divisioni in sole due classi in cui in una classe si mette le famglie (famiglie gia' la tassa sulla telvisione va a famglie, non a case, persone, ecc.) che hanno almeno una telvisione e nell'altra quelle che non e' hanno nessuna, la conclusione in effetti e' corretta.Ahime' giuristi e gente simile da' alla parola norma un significato del tutto diverso. Il fatto che la maggior parte delle famiglie ha una telvisione non vuol affatto dire che tutte ce l'hanno.Gradirei un consiglio legale. Una tale lettera puo' essere accusata oltre che di falso e di millantato credito anche di disturbo e chiedere i danni arrrecati per un tale disturbo?
      un lavoro per il quale viaggio quasi tutto l'anno
      e cambio domicilio spesso dovendo affiancare pere la lettera dove ti e' arrivata? Presso la tua redienza?
      Mi ritrovo in alberghi a mezza pensione o
      appartamentini in affitto dove trovo già un
      televisore che comunque puntualmente tengo
      spento.Gli alberghi o residence pagano gia' un canone separato che nulla ha a che fare con qeullo dovuto dalle varie famiglie. Per le case in affito il discorso probabilmente e' piu' complicato.

      Poi scopro anche che un decoder DTT in altri
      paesi europei non supera i 30-40 euro di prezzo.30-40 e' il prezo di un decoder normale o di uno interattivo? A "qualcuno" occorre che tutti abbiano quelli interattivi (e gli incentivi erano dati solo per quelli interattivi) in modo da poter vendere la visione di partite di calcio
      In Italia invece costano 140 euro che con 60-70
      euro di finanziamento restano comunque
      sovrapprezzati.
      Una bella rapina...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non ho la TV

      Come recita la lettera minatoria che mi manda a
      casa la RAI ormai ogni 6 mesi:

      "il mancato possesso di un apparecchio televisivo
      è da considerarsi un eccezione e non la norma".Allora siamo in due fuori norma!!! :) Meno male che c'è qualcun'altro che la pensa come me.Anch'io ricevetti quella lettera anni fa, venne rediretta a dev/null e da allora non ne ho più ricevute.
      • siciliano1965 scrive:
        Re: Io non ho la TV
        anni fa ho ricevuto la medesima lettera e non avendo comprato mai nessun televisore la rispedii al mittente scrivendo nell'apposito spazio per le comunicazioni che non avevo la tv da alllora nessun altra lettera della rai
        • Anonimo scrive:
          Re: Io non ho la TV
          - Scritto da: siciliano1965
          anni fa ho ricevuto la medesima lettera e non
          avendo comprato mai nessun televisore la rispedii
          al mittente scrivendo nell'apposito spazio per le
          comunicazioni che non avevo la tv da alllora
          nessun altra lettera della raiIo ho fatto lo stesso.Mi hanno risposto dicendo che avrebbero mandato la mia pratica per gli accertamenti fiscali.Fiscali de che? Se ho una ricevuta di acquisto di un televisore usando il bancomat?O un pagamento di un computer con carta di credito?
          • siciliano1965 scrive:
            Re: Io non ho la TV
            Sono passati 5 anni da allora, nel frattempo più nessuna comunicazione, che ti posso dire sono stato più fortunato.
            Io ho fatto lo stesso.
            Mi hanno risposto dicendo che avrebbero mandato
            la mia pratica per gli accertamenti fiscali.
            Fiscali de che? Se ho una ricevuta di acquisto di
            un televisore usando il bancomat?
            O un pagamento di un computer con carta di
            credito?
  • Anonimo scrive:
    La specialità del NANO ITALIOTA....
    ......confondere l' utile (per quasi tutti....) col dilettevole (solo x lui e famiglia).Confondere l' utile x tutti come potrebbe essere il DTT, le varie leggi che ha fatto approvare (solo in teoria per tutti in realtà per tutti i ricchi amici suoi....), con il dilettevole che torna comodo solo a lui e agli amici suoi.Questa è la tecnica del NANO ITALIOTA ormai nota a tutti, specie sulla stampa Internazionale di ogni genere, e meno nota alla stampa e ai media ITALIOTI che continuano a fingere come se nulla fosse.
  • Anonimo scrive:
    Berlusconi lo statalista
    Servirsi dei denari pubblici per i propri fini personali e aziendali, andando contro gli interessi del mercato e della libera concorrenza è ancora più colpevole se lo fa un sedicente crociato del liberismoBerlusconi si è dimostrato più realista del Re
    • Anonimo scrive:
      Re: Berlusconi lo statalista
      - Scritto da: Anonimo
      Servirsi dei denari pubblici per i propri fini
      personali e aziendali, andando contro gli
      interessi del mercato e della libera concorrenza :o :o libera concorrenza???????Analogico: solo Rai e MediasetSat: monopolio SkyE ti faccio notare che i decoder sky utilizzano una codifica proprietaria, non esiston CAM ufficiali per i decoder Common Interface.
      è ancora più colpevole se lo fa un sedicente
      crociato del liberismoMa non sai neanche tu quello che stai dicendo....
  • Anonimo scrive:
    E' triste
    E' triste capire dagli attacchi fatti al DTT e dal fatto che esso sia stato usato per andare contro Berlusconi e questo governo quanto gli italiani siano superficiali. Il DTT è la tecnologia per trasmettere il segnale terrestre televisivo del futuro. Il DTT sta all'analogico come il GSM è stato alla tecnologia TACS. Onestamente non ricordo se tutto questo polverone fu sollevato anche quando ci fu questo passaggio ma certamente oggi nessuno disconosce gli indubbi vantaggi del GSM rispetto al suo predecessore, anche chi solo si limita ad utilizzarlo e non conosce tecnicamente cosa cambia. Il DTT permette di avere un' immagine "perfetta" anche l'addove il corrispondente canale analogico è non perfetto ed inoltre possono "viaggiare" in un unico canale analogico più canali digitali. Sicuramente tutti coloro che lo criticano vivono nelle grandi città dove tutti i canali nazionali sono accessibili. Anche io oggi vivo in una grande città, ma fino a qualche tempo fà vivevo in un piccolo comune dove eccetto la rai, canale5 e italia1 non si vede più nulla e la qualità di questi non è certo il massimo. Il DTT risolverebbe il tutto e proprio non capisco tutti questi attacchi. Certamente il governo ha puntato il dito sull'interattivita che secondo me non è la caratteristica principale di questa nuova tecnologia ma ha avuto il coraggio di farci essere i primi in Europa ad imporla. Perchè nessun passaggio è indolore, nessuna cosa nuova esce già pronta bella e perfetta. Quindi lo switch off prima di ogni altro Paese ci avrebbe permesso di testare sul campo fino in fondo il sistema e di acquisire quelle capacità che gli altri, in futuro, ci avrebbero invidiato. Purtroppo, gli italiani sono gente strana: quando si è ultimi ci si accusa di lassismo, quando si è primi di andare di fretta. Ogni rivoluzione, anche quelle tecnologiche, hanno i loro prezzi, tra cui quello per gli utenti di aggiornare le proprie apparecchiatura ma se ognuno non vuole spendere mai nulla (quando poi per altre cose si spende anche l'inspendibile) il progresso non va avanti o lo va a rilento. Un nota di demerito và ai costruttori di apparecchiature audio/video (tv, videoregistratori, etc) che avrebbero dovuto già integrare il doppio tuner (analogito/dtt) in ogni apparecchio in modo tale che per chi acquista nuovi televisori per la normale rigenerazione il passaggio al dtt sarebbe stato automatico. E una nota di demerito anche a Punto Informatico per l'attegiamento (di parte) che sta avendo che và contro lo spirito stesso di questo giornale.senza nessuna polemicaZeno
    • Fiorenzo scrive:
      Re: E' triste
      a me invece fanno tristezza questi commenti. se il DTT e' questa gran cosa, devo capire come mai nessun produttore di TV mette sul mercato apparecchi pronti al digitale terrestre, mentre per il GSM i produttori di telefonia non hanno certo aspettato a mettere in commercio telefoni aggiornati. e questa e' solo una delle mille obiezioni possibili.e se si tratta della solita congiura contro silvio, bisogna dire che questi congiurati hanno conoscenze dappertutto, se pure la UE trova da ridire.- Scritto da: Anonimo
      E' triste capire dagli attacchi fatti al DTT e
      dal fatto che esso sia stato usato per andare
      contro Berlusconi e questo governo quanto gli
      italiani siano superficiali. Il DTT è la
      tecnologia per trasmettere il segnale terrestre
      televisivo del futuro. Il DTT sta all'analogico
      come il GSM è stato alla tecnologia TACS.
      [cut]
      • Anonimo scrive:
        Re: E' triste
        I produttori non lo fanno perchè non hanno il coraggio necessario di rischiare perchè la situazione, a causa della politicizzazione del dtt, è incerta.il DTT è una tecnologia, forte e matura, e non è altro che la digitalizzazione del canale radio terrestre per la trasmissione di flussi audio/video digitali, quindi per favore non mettere in discussione per ragioni politiche il lavoro di tanta gente che su tale tecnoligia ci ha lavorato, ci lavora e ci lavorerà
        • Marlenus scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo
          I produttori non lo fanno perchè non hanno il
          coraggio necessario di rischiare perchè la
          situazione, a causa della politicizzazione del
          dtt, è incerta.O forse i produttori, più accorti della media visto che rischiano soldi propri, non dello stato, si sono resi conto che aumentare il costo di prodotto di ogni TV di 25 euro (o giù di lì) quando non c'è richiesta di mercato è un suicidio. Se vado dal mio capo a suggerire una cosa del genere come minimo mi trasferisce in produzione, a fare il cinesino.

          il DTT è una tecnologia, forte e matura, Interessante. Nel tentativo di parlarne bene, hai usato un aggettivo ("matura") che in ambito marketing viene spesso usato per indicare un prodotto in fase discendente, cioè alla fine della sua vita utile.
          e non è
          altro che la digitalizzazione del canale radio
          terrestre per la trasmissione di flussi
          audio/video digitali, quindi per favore non
          mettere in discussione per ragioni politiche il
          lavoro di tanta gente che su tale tecnoligia ci
          ha lavorato, ci lavora e ci lavoreràFrancamente, quando la frontiera è MPEG4 e alta definizione (e neanche tanto frontiera, se leggi qualche rivista USA specializzata in audio/video), riempirsi la bocca di essere i primi a fare lo switch-off verso una tecnologia che è prevedibile morirà (o comunque sarà soggetta a grandi dosi di gerovital che certamente non salvaguarderanno l'investimento in decoder) non mi sembra una grande idea. Anche questo testimonia la pochezza delle persone coinvolte in queste decisioni "epocali".
        • Anonimo scrive:
          Re: E' triste
          Per tua norma e regola, il DTT non è ne una tecnologia, ne tanto meno è forte e matura come tu dici.L'unica ragione concreta e vera per queste "tecnologie" (TCP/IP,GSM,DTT), sì, c'è di mezzo anche Internet perchè il concetto è lo stesso, è l'avvento delle stesse in funzione della cattura di un utenza maggiore PAGANTE... !. Tranne che per il WEB, ove il TCP/IP ha, diciamo anche se impropriamente, implementato il vecchio protocollo di trasmissione dati a pacchetto AX25,per il GSM ed il DTT (ce ne scampi e liberi di questa buffonata all'Italiana) il motivo vero E' SOLO ED UNICAMENTE QUELLO ECONOMICO.Io non so se tu hai mai avuto un telefono ETAC,ricordo che la qualità della conversazione e la stabilità del segnale su tale rete con il mio allora 8700 Motorola...col cacchio che esiste oggi in GSM, non parliamo poi dello schifo dell'umts, con relative video chiamate di qualità vomitevole e costo DA FUORI DI TESTA !!!. Lo stesso dicasi per analogico/DTT. Se non hai il coraggio di vedere e non riesci a capire le cose per come realmente sono,astieniti dal fare commenti. Ricordati che oggi, tranne alcuni particolarissimi casi,le istituzioni,le aziende,igoverni, chi ha i soldi insomma, non faranno tutti assieme...MAI NULLA PER MIGLIORARE SOLO E UNICAMENTE LA NOSTRA QUALITA' DELLA VITA, se da ciò, non avranno perlomeno un ritorno 0.00000000000000001 FATTO DA LORO a 10000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000pagato da noi...SVEGLIATEVI TUTTI...CHE E' ORA !.E io non sono ne di destra,ne di sinistra, ne di centro, ma vorrei finalmente qualcuno che facesse SUL SERIO I NOSTRI INTERESSI E CHE LA PIANTASSERO DI PRENDERCI TUTTI PER IL DI DIETRO...se poi a te piace, è un "problema" tuo !.CiaoIL DTT è una tecnologia, forte e matura, e non è
          altro che la digitalizzazione del canale radio
          terrestre per la trasmissione di flussi
          audio/video digitali, FORSE è MEGLIO CHE TI RIVEDI UN ATTIMO I PROTOCOLLI, AMMESSO CHE TU CI CAPISCA QUALCHE COSA ! ! ! quindi per favore non
          mettere in discussione per ragioni politiche il
          lavoro di tanta gente che su tale tecnoligia ci
          ha lavorato, ci lavora e ci lavorerà
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo...
            se tu hai mai avuto un telefono ETAC,ricordo che
            la qualità della conversazione e la stabilità del
            segnale su tale rete con il mio allora 8700
            Motorola...col cacchio che esiste oggi in GSM,tra un po' qualcuno proporrà di tornare al Bianco e Nero, perché funzionava meglio....ma vaaaa........
      • Sabbione scrive:
        Re: E' triste
        - Scritto da: Fiorenzo
        a me invece fanno tristezza questi commenti. se
        il DTT e' questa gran cosa, devo capire come mai
        nessun produttore di TV mette sul mercato
        apparecchi pronti al digitale terrestre, mentre
        per il GSM i produttori di telefonia non hanno
        certo aspettato a mettere in commercio telefoni
        aggiornati. e questa e' solo una delle mille
        obiezioni possibili.Non sono d'accordissimo con quanto dici. Basta pensare che i maggiori produttori mondiali di TV non sono italiani e quindi hanno maggiore interesse a seguire le richieste del mercato mondiale fatto di miliardi di individui e non quello di un relativamente piccolo paese di 50 milioni di abitanti. E' la legge della domanda e dell'offerta che stabilisce le politiche economiche e di sviluppo tecnologiche delle grandi aziende. Il GSM è stato abbracciato in pratica contemporaneamente da tutti i gestori di telefonia mobile e quindi i produttori hanno semplicemente seguito la tendenza già tracciata.Magari notiamo come al solito una ennesima occasione persa per l'imprenditoria e industria italiana. Acquisire expertise in maniera di TV nativamente digitale testata sul campo avrebbe potuto costituire un indubbio vantaggio rispetto ai competitors che si affacceranno in futuro sul campo, ma qui come al solito cadiamo nelle pecche e incapacità intrinseche dell'impresa italiana che semplicemente non investe in ricerca e innovazione tecnologica focalizzandosi solo sull'immediato e risicato profitto odierno piuttosto che sulla crescita magari anche sostanziale del futuro.Mentalità da bottegaio... come al solito.
        • Rex1997 scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Sabbione

          - Scritto da: Fiorenzo

          a me invece fanno tristezza questi commenti. se

          il DTT e' questa gran cosa, devo capire come mai

          nessun produttore di TV mette sul mercato

          apparecchi pronti al digitale terrestre, mentre

          per il GSM i produttori di telefonia non hanno

          certo aspettato a mettere in commercio telefoni

          aggiornati. e questa e' solo una delle mille

          obiezioni possibili.

          Non sono d'accordissimo con quanto dici. Basta
          pensare che i maggiori produttori mondiali di TV
          non sono italiani e quindi hanno maggiore
          interesse a seguire le richieste del mercato
          mondiale fatto di miliardi di individui e non
          quello di un relativamente piccolo paese di 50
          milioni di abitanti. E' la legge della domanda e
          dell'offerta che stabilisce le politiche
          economiche e di sviluppo tecnologiche delle
          grandi aziende. Il GSM è stato abbracciato in
          pratica contemporaneamente da tutti i gestori di
          telefonia mobile e quindi i produttori hanno
          semplicemente seguito la tendenza già tracciata.Lo stesso discorso dovrebbe valere per i televisori SECAM: dato che il sistema è utilizzato da un sottoinsieme limitato di utenti, il ricevitore con standard SECAM non dovrebbe esistere. Come mai allora viene integrato praticamente in tutti i televisori digitali? Filantropia del construttore?
          Magari notiamo come al solito una ennesima
          occasione persa per l'imprenditoria e industria
          italiana. Acquisire expertise in maniera di TV
          nativamente digitale testata sul campo avrebbe
          potuto costituire un indubbio vantaggio rispetto
          ai competitors che si affacceranno in futuro sul
          campo, ma qui come al solito cadiamo nelle pecche
          e incapacità intrinseche dell'impresa italiana
          che semplicemente non investe in ricerca e
          innovazione tecnologica focalizzandosi solo
          sull'immediato e risicato profitto odierno
          piuttosto che sulla crescita magari anche
          sostanziale del futuro.
          Mentalità da bottegaio... come al solito.Per investire occorrono basi certe su cui lavorare: lo standard usato è provvisorio, nessuna garanzia per chi lo implementa nei suoi televisori che sia confermato e possa dare un ritorno. Tu come investitore, al di la del normale rischio di impresa, investiresti in una tecnologia che non ha basi definitive, ma solo l'incerteza del test ed il rischio di ritirare tutto ciò che hai prodotto perché non idoneo per via di una decisione politica e non di mercato?
          • Sabbione scrive:
            Re: E' triste
            -
            Per investire occorrono basi certe su cui
            lavorare: lo standard usato è provvisorio,
            nessuna garanzia per chi lo implementa nei suoi
            televisori che sia confermato e possa dare un
            ritorno. Tu come investitore, al di la del
            normale rischio di impresa, investiresti in una
            tecnologia che non ha basi definitive, ma solo
            l'incerteza del test ed il rischio di ritirare
            tutto ciò che hai prodotto perché non idoneo per
            via di una decisione politica e non di mercato?Questa tua apologia dell'imprenditore mi lascia un pò perplesso. Mi verrebbe quasi voglia di chiederti in che paese vivi.Nello specifico non è nenche discutibile quello che dici ma mi chiedo se riesci a vedere le differenze tra come gestiscone le imprese all'estero e come lo fanno nel nostro paese. In una realtà in cui l'imprenditoria non è contaminata, così come avviene a casa nostra, dalle ingerenze di una classe politica purtroppo per noi sempre poco preparata e attenta ai bisogni reali del paese dx o sx che siano, il tuo discorso reggerebbe anche. Ma qui da noi non mi sembra proprio il caso.Ti rovescio semmai quello con cui tu finisci: non ti risulta che molti imprenditori sono molto più attenti ai risvolti politici che influenzano i flussi economici piuttosto che a creare delle linee di sviluppo indipendenti dai giochi di potere?? La lista degli esempi a quello che dico è lunghissima, partirei per comodità solo dai macroesempi come Fiat, Alitalia, FS.Non trovi?
    • Anonimo scrive:
      Re: E' triste
      - Scritto da: Anonimo
      E' triste capire dagli attacchi fatti al DTT e
      dal fatto che esso sia stato usato per andare
      contro Berlusconi e questo governo quanto gli
      italiani siano superficiali. Il DTT è la
      tecnologia per trasmettere il segnale terrestre
      televisivo del futuro. Il DTT sta all'analogico
      come il GSM è stato alla tecnologia TACS.
      Onestamente non ricordo se tutto questo polverone
      fu sollevato anche quando ci fu questo passaggio
      ma certamente oggi nessuno disconosce gli indubbi
      vantaggi del GSM rispetto al suo predecessore,
      anche chi solo si limita ad utilizzarlo e non
      conosce tecnicamente cosa cambia. Il DTT permette
      di avere un' immagine "perfetta" anche l'addove
      il corrispondente canale analogico è non perfetto
      ed inoltre possono "viaggiare" in un unico canale
      analogico più canali digitali. Sicuramente tutti
      coloro che lo criticano vivono nelle grandi città
      dove tutti i canali nazionali sono accessibili.
      Anche io oggi vivo in una grande città, ma fino a
      qualche tempo fà vivevo in un piccolo comune dove
      eccetto la rai, canale5 e italia1 non si vede più
      nulla e la qualità di questi non è certo il
      massimo. Il DTT risolverebbe il tutto e proprio
      non capisco tutti questi attacchi. Certamente il
      governo ha puntato il dito sull'interattivita che
      secondo me non è la caratteristica principale di
      questa nuova tecnologia ma ha avuto il coraggio
      di farci essere i primi in Europa ad imporla.
      Perchè nessun passaggio è indolore, nessuna cosa
      nuova esce già pronta bella e perfetta. Quindi lo
      switch off prima di ogni altro Paese ci avrebbe
      permesso di testare sul campo fino in fondo il
      sistema e di acquisire quelle capacità che gli
      altri, in futuro, ci avrebbero invidiato.
      Purtroppo, gli italiani sono gente strana: quando
      si è ultimi ci si accusa di lassismo, quando si è
      primi di andare di fretta. Ogni rivoluzione,
      anche quelle tecnologiche, hanno i loro prezzi,
      tra cui quello per gli utenti di aggiornare le
      proprie apparecchiatura ma se ognuno non vuole
      spendere mai nulla (quando poi per altre cose si
      spende anche l'inspendibile) il progresso non va
      avanti o lo va a rilento. Un nota di demerito và
      ai costruttori di apparecchiature audio/video
      (tv, videoregistratori, etc) che avrebbero dovuto
      già integrare il doppio tuner (analogito/dtt) in
      ogni apparecchio in modo tale che per chi
      acquista nuovi televisori per la normale
      rigenerazione il passaggio al dtt sarebbe stato
      automatico. E una nota di demerito anche a Punto
      Informatico per l'attegiamento (di parte) che sta
      avendo che và contro lo spirito stesso di questo
      giornale.

      senza nessuna polemica
      Zenoio avrei incentivato la copertura dell'adsluna intera nazione coperta con una 4 Mbps non ha bisogno del DTTai posteri l'ardua sentenza
      • Anonimo scrive:
        Re: E' triste
        La ipTV non è ancora matura e non lo sarà per anni: ti parlo di tecnologia
        • mda scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo
          La ipTV non è ancora matura e non lo sarà per
          anni: ti parlo di tecnologiaDa più di 10 anni matura.Purtroppo costa la connessione oppure non esiste connessione veloce.Nel 1990 io vedevo programmi tv via internet
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: mda

            - Scritto da: Anonimo

            La ipTV non è ancora matura e non lo sarà per

            anni: ti parlo di tecnologia

            Da più di 10 anni matura.
            Purtroppo costa la connessione oppure non esiste
            connessione veloce.
            Nel 1990 io vedevo programmi tv via internetoppalaecco qui pronta la 'zzata!!qualche fonte/link no eh??ah, già ora ricordo anche mio cuggino!!!
          • mda scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: mda



            - Scritto da: Anonimo


            La ipTV non è ancora matura e non lo sarà per


            anni: ti parlo di tecnologia



            Da più di 10 anni matura.

            Purtroppo costa la connessione oppure non esiste

            connessione veloce.

            Nel 1990 io vedevo programmi tv via internet


            oppala
            ecco qui pronta la 'zzata!!

            qualche fonte/link no eh??

            ah, già ora ricordo anche mio cuggino!!!FONTE !Come chiedere se esistono le automobiii:-))
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste

            FONTE !
            Come chiedere se esistono le automobiii
            :-))no, piuttosto è come se tu avessi detto che nel medioevo avevano le automobili.Per questo ti è stata chiesta una fonte.
          • mda scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: mda



            - Scritto da: Anonimo


            La ipTV non è ancora matura e non lo sarà per


            anni: ti parlo di tecnologia



            Da più di 10 anni matura.

            Purtroppo costa la connessione oppure non esiste

            connessione veloce.

            Nel 1990 io vedevo programmi tv via internet


            oppala
            ecco qui pronta la 'zzata!!

            qualche fonte/link no eh??

            ah, già ora ricordo anche mio cuggino!!!Fonti ?Come dire se esiste l'automobile.Informati sei nel 2005 (fine del)
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste

            Fonti ?
            Come dire se esiste l'automobile.
            Informati sei nel 2005 (fine del)Certo anche mio cuggino nel 1975 metteva i jeans a zampa e guardava la TV via internet.Magari Punto Informatico esisteva già a quell'epoca e già scriveva di quanto più diffusa fosse la ipTV rispetto la tele via etere.
        • wyxyx scrive:
          Re: E' triste
          La sharp li fa.... (con decoder ddt) e presto anche le altre marche, stanno solo svuotando i magazzini. Comprereste mai un televisore senza ddt se quello a fianco lo possiede già?A volte siete un po duri....Giancarlo
      • Anonimo scrive:
        Re: E' triste


        io avrei incentivato la copertura dell'adslE' compito degli operatori telfonici
        una intera nazione coperta con una 4 Mbps non ha
        bisogno del DTTcon 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se hai più di un televisore, e ti servirebbero lo stesso i decoder iptv-
        televisore. Senza contare un'altra serie di problemi che comporterebbeE' evidente che tanta gente sia prevenuta, per questioni politiche, nei confronti del DTT. Viene proposta qualunque tipo di alternativa (anche stupida) al solo scopo di criticare quello che dovrebbe essere un normale passaggio al digitale che sta avvenendo in tutta europa.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo



          io avrei incentivato la copertura dell'adsl

          E' compito degli operatori telfoniciil loro compito sarebbe enormemente facilitato da ingenti finanziamenti a fondo perduto

          una intera nazione coperta con una 4 Mbps non ha

          bisogno del DTT

          con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se
          hai più di un televisore, e ti servirebbero lo
          stesso i decoder iptv-
          televisore. Senza contare
          un'altra serie di problemi che comporterebbesi da per scontato che il futuro dell'informazione viaggi su TV e non su Internet : vedremo
          E' evidente che tanta gente sia prevenuta, per
          questioni politiche, nei confronti del DTT. Viene
          proposta qualunque tipo di alternativa (anche
          stupida) al solo scopo di criticare quello che
          dovrebbe essere un normale passaggio al digitale
          che sta avvenendo in tutta europa.sai comè, quando hai il culo rosso cominci a dubitare di tutto
        • mda scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo



          io avrei incentivato la copertura dell'adsl

          E' compito degli operatori telfoniciInternet non dovrebbe essere degli operatori telefonici, sono infatti 2 cose diverse.


          una intera nazione coperta con una 4 Mbps non ha

          bisogno del DTT

          con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente seVeramente serve di meno per iptv, informati
          hai più di un televisore, e ti servirebbero lo
          stesso i decoder iptv-
          televisore. costo 20$
          Senza contare
          un'altra serie di problemi che comporterebbe

          E' evidente che tanta gente sia prevenuta, per
          questioni politiche, nei confronti del DTT. Il DTT non Và in europa ed altri paese se non spinta da milioni buttati, altro che politica sono soldi.
          Viene
          proposta qualunque tipo di alternativa (anche
          stupida) al solo scopo di criticare quello che
          dovrebbe essere un normale passaggio al digitale
          che sta avvenendo in tutta europa.Il DTT di ogni paese è diversa.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: mda

            - Scritto da: Anonimo





            io avrei incentivato la copertura dell'adsl



            E' compito degli operatori telfonici

            Internet non dovrebbe essere degli operatori
            telefonici, sono infatti 2 cose diverse.Non capisco dove tu voglia arrivare.




            una intera nazione coperta con una 4 Mbps non
            ha


            bisogno del DTT



            con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se

            Veramente serve di meno per iptv, informatiho qualche dubbio, se qualche utente fastweb è in ascolto si faccia sentire...comunque l'iptv ha ancora molti problemi


            hai più di un televisore, e ti servirebbero lo

            stesso i decoder iptv-
            televisore.

            costo 20$ma non dire cazzate...non prendi neanche un modem ADSL a quel prezzo.E qui chiudo perché è inutile continuare a discutere con uno che racconta tali fesserie.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' triste

          con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se
          hai più di un televisore, e ti servirebbero lo
          stesso i decoder iptv-
          televisore. Senza contare
          un'altra serie di problemi che comporterebbeTi bastano24 Mbit/s down e 1 Mbit/s up100 canali TV gratis ( tra cui i 3 RAI ) + altri 100 a pagamentoTelefonate urbane compreseModem routeril tutto a [url=http://adsl.free.fr/]30 ? al mese[/url].
          E' evidente che tanta gente sia prevenuta, per
          questioni politiche, nei confronti del DTT. Viene
          proposta qualunque tipo di alternativa (anche
          stupida) al solo scopo di criticare quello che
          dovrebbe essere un normale passaggio al digitale
          che sta avvenendo in tutta europa.E' evidente che tanta gente sia prevenuta e, perquestioni politiche, è disposta anche a beccarsi delle ciofeche come il DTT italiano.1) E' stata scelta la risoluzione SDTV quando invece era l'occasione giusta per portare anche in Italia l'HDTV. Bastava aspettare due o tre anni per far maturare la tecnologia (vedi ad es. la Francia). Invece hanno voluto fare in fretta per motivi politici e così è nata già vecchia.2) La qualità attuale è PEGGIORE di quella analogica. Quando il tempo è brutto in pratica è impossibile utilizzarla.3) I canali in realtà sono quasi tutti gli stessi già disponibili in analogico. Di nuovi c'è ne sono pochissimi e poco interessanti.4) Il televideo è lentissimo, tanto che è praticamente inutilizzabile.5) Non offre nulla che già non offrisse il satellite6) La tanto decantata interattività non esiste. Oltretutto nell'era di Internet è tecnologicamente superata e inutile.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            E' una cavolata che il segnali televisivi analogici e digitali terrestri peggiorano con la pioggia o il cattivo tempo! Prenditi qualsiasi manuale di radiocomunicazioni e scoprirai che la pioggia, la nebbia etc interessano solo i collegamenti con frequenze al di sopra dei 10 GHz. Il problema è piuttosto l'impianto. Amplificatori e miscelatori da palo pieni zuppi di acqua, non cambiati da anni, spesse volte tutti arruginiti e in queste circostanze a risentirne è appunto maggiormente il segnale digitale. Studiate prima di sparare le cavolate.
        • Marlenus scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo



          io avrei incentivato la copertura dell'adsl

          E' compito degli operatori telfonici


          una intera nazione coperta con una 4 Mbps non ha

          bisogno del DTT

          con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se
          hai più di un televisore, e ti servirebbero lo
          stesso i decoder iptv-
          televisore. Senza contare
          un'altra serie di problemi che comporterebbeQuali?

          E' evidente che tanta gente sia prevenuta, per
          questioni politiche, nei confronti del DTT. Viene
          proposta qualunque tipo di alternativa (anche
          stupida) al solo scopo di criticare quello che
          dovrebbe essere un normale passaggio al digitale
          che sta avvenendo in tutta europa.Che (non) sta avvenendo in tutta Europa. Ti posso assicurare che personalmente non me ne frega niente delle ragioni politiche. IO ragiono economicamente. Quei soldi, dati agli utenti come incentivo a mettere le ADSL dove non arrivano (non sei coperto? ti coprono? 1000 euro d'incentivo al provider che scegli. Fanno 220.000 nuovi punti di accesso, probabilmente copertura completa del paese e comunque una manna per gli operatori minori, quindi più concorrenza, e forse perfino prezzi più bassi, miracolo!) avrebbero fatto molto meglio al Paese. Sia come posti di lavoro (a tirare i cavi non puoi delegare una fabbrica in Cina), sia come indotto (magari qualche imprenditore in più potrebbe trovare qualche idea innovativa, o magari semplicemente per la maggior probabilità di raggiungere la massa critica necessaria alla partenza di altri servizi) Ma no, meglio continuare a spingere per le tecnologie da uno a molti invece che da molti a molti. Chissà perchè?
        • Marlenus scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo

          una intera nazione coperta con una 4 Mbps non ha

          bisogno del DTT

          con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se
          hai più di un televisore, Un DVD usato al massimo ha una banda media di 5,5 Mbit/s (4.7 Gbyte diviso 2 ore) ed è raro trovare DVD che superino i 2,5 Mbit/s medi. Con le qualità a cui siamo abituati (e algoritmi avanzati come MPEG4 e non MPEG2) con 4 Mbit/s ci copri due televisori a qualità DVD.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Marlenus

            - Scritto da: Anonimo


            una intera nazione coperta con una 4 Mbps non
            ha


            bisogno del DTT



            con 4 Mbit/s non ci fai nulla, specialmente se

            hai più di un televisore,

            Un DVD usato al massimo ha una banda media di 5,5
            Mbit/s (4.7 Gbyte diviso 2 ore) ed è raro trovare
            DVD che superino i 2,5 Mbit/s medi. Con le
            qualità a cui siamo abituati (e algoritmi
            avanzati come MPEG4 e non MPEG2) con 4 Mbit/s ci
            copri due televisori a qualità DVD.AHAHAHAHAHAHPeccato che i 4Mb siano di banda massima e non garantita. La banda minima garantita sono 36Kb.I paragoni del genere tienili per tuo nonno.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Marlenus
            Peccato che i 4Mb siano di banda massima e non
            garantita. La banda minima garantita sono 36Kb.

            I paragoni del genere tienili per tuo nonno.Malgrado l'arroganza della tua risposta, vorrei farti notare che evidentemente il tuo provider fa schifo.Il mio (fastweb) malgrado qualche problemino (soprattutto quando piove, non ho ancora capito se per via di problemi d'isolamento nell'ultimo miglio oppure per aumento del traffico) mi fornisce il 90-100% della banda massima in modo continuativo con l'altra parte dell'oceano. Figuriamoci se non riesce a garantire la banda massima quando il collo di bottiglia è certamente il doppino finale, visto che fino al hub è tutto in fibra (e la TV, con ogni probabilità è uguale per tutti -video on demand a parte- e quindi si presta a essere trasmessa una volta sola per molti utenti).Certo che se ti abboni alla Bacigalupo Giuseppe e figlio Telecom....Marlenus
    • Xnusa scrive:
      Re: E' triste
      - Scritto da: Anonimo
      Sicuramente tutti
      coloro che lo criticano vivono nelle grandi città
      dove tutti i canali nazionali sono accessibili.
      Anche io oggi vivo in una grande città, ma fino a
      qualche tempo fà vivevo in un piccolo comune dove
      eccetto la rai, canale5 e italia1 non si vede più
      nulla e la qualità di questi non è certo il
      massimo. Il DTT risolverebbe il tutto e proprio
      non capisco tutti questi attacchi.Uhm, su questo aspetto secondo me dobbiamo stare a vedere cosa succederà, io spero che sia come dici tu, ma ho dei dubbi.Anche io in città vedo tutto, ma penso al paese di mia madre, dove il ripetitore esiste solo per le tre reti Rai e per questo motivo hanno tutti l'impianto satellitare.Ebbene, se Mediaset e altri broadcaster non hanno mai installato un ripetitore analogico, non so se lo faranno in "era digitale".Essendoci solo un traliccio che emette tre frequenze Rai, queste in teoria potranno essere sostituite al massimo da tre Mux Rai (che comunque comporterebbe un aumento nel numero di canali).
      Certamente il
      governo ha puntato il dito sull'interattivita che
      secondo me non è la caratteristica principale di
      questa nuova tecnologia ma ha avuto il coraggio
      di farci essere i primi in Europa ad imporla.Qualche giorno fà in un'intervista un assessore regionale sardo diceva che alla Regione Sardegna non interessa la quantità dell'offerta televisiva o la possibilità di vedere meglio un canale, bensì la fornitura di servizi "interattivi" di pubblica utilità.
      Purtroppo, gli italiani sono gente strana: quando
      si è ultimi ci si accusa di lassismo, quando si è
      primi di andare di fretta.Su questo ti dò ragione. Ma se vai su Google groups a vedere che ne pensano gli americani sul loro prossimo passaggio al digitale vedrai che le discussioni sono identiche a quelle italiane. Critiche al sistema di finanziamento pubblico dei decoder, problema del decoder per ogni tv e vcr, tempi troppo veloci per l'attuazione del progetto...Addirittura c'è chi parla di "riots in the streets", ovvero disordini nelle strade se non si ritirerà la proposta del governo americano.
      Un nota di demerito và
      ai costruttori di apparecchiature audio/video
      (tv, videoregistratori, etc) che avrebbero dovuto
      già integrare il doppio tuner (analogito/dtt) in
      ogni apparecchioMah, non saprei. Le tecnologie digitali cambiano molto in fretta. Se per disgrazia si decidesse di passare all'MPEG4 o all'alta definizione (faccio solo ipotesi), anzichè cambiare solo uno scatolotto si deve buttare l'intero Tv color :-))Ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: E' triste
        Il DTT non riguarda il formato del flusso video! Il DTT può supportare l'MPEG4. E' logico che bisogna creare apparecchi facilmente aggiornabili. Cmq staremo a vedere come accadrà ma il passaggio è inevitabile spero solo non nel 2020
        • Anonimo scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo
          Il DTT non riguarda il formato del flusso video!
          Il DTT può supportare l'MPEG4. E' logico che
          bisogna creare apparecchi facilmente
          aggiornabili.APPUNTO. Ecco perchè NON si dovevano finanziare i decoder attuali. NON sono aggiornabili, per supportare l'MPEG4 H.264, a costi bassi ( cioè, senza fare una decodifica software che richiede cpu potenti ), è fondamentale che l'apparecchio abbia un CHIP che supporti completamente l'MPEG4, altrimenti è impensabile produrli in massa ai costi che devono avere per il mercato dell'utente generico.E' già successo questo in Europa, l'emittente HD1 su Astra, era partita in MPEG2, ha distribuito migliaia di decoder in questo formato, ora vanno tutti sostituiti, perchè passeranno all'MPEG4 e per decodificarlo ci vuole il supporto hardware!
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste

            APPUNTO. Ecco perchè NON si dovevano finanziare i
            decoder attuali. NON sono aggiornabili, per
            supportare l'MPEG4 H.264, a costi bassi ( cioè,
            senza fare una decodifica software che richiede
            cpu potenti ), è fondamentale che l'apparecchio
            abbia un CHIP che supporti completamente l'MPEG4,
            altrimenti è impensabile produrli in massa ai
            costi che devono avere per il mercato dell'utente
            generico.E' fondamentale una cippa. Non credere che l'mpeg2 andrà in pensione cosi presto (come del resto il dvd).Se tutta la questione è solo il discorso mpeg2 piuttosto che mpeg4 allora siete proprio dei cazzari, perché è l'ultimo dei problemi. Il problema in Italia è la mancanza di pluralità, pochi canali a livello nazionale, non l'mpeg4, quando già l'mpeg2 sarebbe sufficiente per quintuplicare il n° canali.
            E' già successo questo in Europa, l'emittente HD1
            su Astra, era partita in MPEG2, ha distribuito
            migliaia di decoder in questo formato, ora vanno
            tutti sostituiti, perchè passeranno all'MPEG4 e
            per decodificarlo ci vuole il supporto hardware!Ma lascia perdere l'alta definizione. E' inutile trasmettere in HD quando il 98% dei televisori è standard PAL. Cosi come oggi pochi canali sono trasmessi in 16/9 visto che i televisori 16/9 sono una minoranza.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo
            Ma lascia perdere l'alta definizione. E' inutile
            trasmettere in HD quando il 98% dei televisori è
            standard PAL. Cosi come oggi pochi canali sono
            trasmessi in 16/9 visto che i televisori 16/9
            sono una minoranza.Ma DOVE HAI LETTO che l'MPEG4 serve SOLO all'alta definizione ? E' molto più efficente dell'MPEG2 in qualsiasi situazione, anzi, PROPRIO sul DTT potrebbe essere più utile, dato che i ripetitori e le frequenze sono risorse limitate, l'MPEG4 avrebbe aumentato il numero di canali a parità di qualità, oppure la qualità con lo stesso numero di canali.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste

            Ma DOVE HAI LETTO che l'MPEG4 serve SOLO all'alta
            definizione ? E' molto più efficente dell'MPEG2
            in qualsiasi situazione, anzi, PROPRIO sul DTT
            potrebbe essere più utile, dato che i ripetitori
            e le frequenze sono risorse limitate, l'MPEG4
            avrebbe aumentato il numero di canali a parità di
            qualità, oppure la qualità con lo stesso numero
            di canali.Prova a leggere il mio post precedente com più attenzione, comunque ti ripeto, la questione mpeg2 piuttosto che mpeg4 è solo una guerra di religione.Il problema in Italia è la mancanza di pluralità, pochi canali a livello nazionale, non l'mpeg4, quando già l'mpeg2 sarebbe sufficiente per quintuplicare il n° canali.L'altro è la copertura, pensa che la Rai non copre ancora dappertutto.Non l'mpeg4... non è quello il problema.Adesso lo state prendendo come scusa per giustificare la vostra avversità (politica) alla tv digitale.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo
            Prova a leggere il mio post precedente com più
            attenzioneil tuo post è contiene l'affermazione che non serve passare all'MPEG4, in quanto ci sono pochi TV in giro in HD e 16/9.Affermazione che non ha senso, visto che in realtà è esattamente il contrario, cioè MPEG4 è ANCORA più utile PROPRIO quando la banda e poca e difficilmente espandibile, cioè esattamente nel caso del terrestre, che è legato alle frequenze in concessione ( che costano ) e ai ripetitori.
            Non l'mpeg4... non è quello il problema.è proprio quello il problema, visto che uno switch-off non si fa ogni 5 anni, ma ogni 30-40 anni, andava finanziato su una tecnologia con maggiori capacità di crescita, non con una che ha oltre 10 anni e che stanno tutti abbandonando.Il fatto che la stanno abbandonando prima quelli del SAT, per "colpa" del passaggio all'HDTV, è solo perchè LORO hanno banda a sufficenza per moltissimi canali in bassa definizione ( oltre 1500 su Astra+HB ), quindi non hanno sentito la mancanza dell'MPEG4 fino ad oggi.Sul terrestre, invece, le limitate frequenze disponibili avrebbero richiesto l'MPEG4 ANCHE e soprattutto per la bassa definizione.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo
          Il DTT non riguarda il formato del flusso video!
          Il DTT può supportare l'MPEG4. E' logico che
          bisogna creare apparecchi facilmente
          aggiornabili. Cmq staremo a vedere come accadrà
          ma il passaggio è inevitabile spero solo non nel
          2020Peccato che, ammesso che possano supportare MPEG4 (non è vero per quasi nessuno a quanto ne so), nessuno supporti HDTV.
    • Sabbione scrive:
      Re: E' triste

      Purtroppo, gli italiani sono gente strana: quando
      si è ultimi ci si accusa di lassismo, quando si è
      primi di andare di fretta.Senza entrare nel merito della faccenda tecnica perchè a mio parere c'è una parte di verità sia in quello che sostengono i "pro-dtt" e sia quello che ribattono i "contro-dtt" concordo però in pieno con questa tua frase... polemiche ci saranno sempre e comunque perchè siamo fatti così, un popolo di fondo incoerente e ipocrita che cerca tutti i pretesti per ritenersi insoddisfatto così da poter puntare il dito sul presunto colpevole di tale insoddisifazione e scaricarsi perciò la propria coscienza che esce in ogni caso candida e rilucente...
      • Anonimo scrive:
        Re: E' triste
        Triste..Sabato pomeriggio l'ho passato in un pronto soccorso di un ospedale del nord ... triste è vedere le persone stese su barelle in sala d'aspetto per ore.... pensando ai 220 milioni di euro spese per una tecnologia ampiamente sorpassata anni fa dal DVB-S ..... e non serve il riferimento a nessuna fonte.. basta vedere il bitrate video delle emissioni.... per non parlare delle emissioni in HDTV che in Francia sono gia realtà e le cui demo sono trasmesse in chiaro su Astra e Hotbird.Ciao, Carlo,
        • Anonimo scrive:
          Re: E' triste
          - Scritto da: Anonimo
          Triste..

          Sabato pomeriggio l'ho passato in un pronto
          soccorso di un ospedale del nord ... triste è
          vedere le persone stese su barelle in sala
          d'aspetto per ore.... pensando ai 220 milioni di
          euro spese per una tecnologia ampiamente
          sorpassata anni fa dal DVB-S ...
          Ma quante cazzate.Il DVB-S ed il DVB-T sono varianti (per il sat e la tv terrestre) del medesimo standard (che comprende anche DVB-C e DVB-H, ovvero via cavo e per i cellulari).I problemi della malasanità non si risolvono tagliando i fondi per l'innovazione tecnologica, questa è solo demagogia comunista.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste

            Ma quante cazzate.
            Il DVB-S ed il DVB-T sono varianti (per il sat e
            la tv terrestre) del medesimo standard (che
            comprende anche DVB-C e DVB-H, ovvero via cavo e
            per i cellulari).Lo so che sono la derivazione della stesso standard.. solo che il bit strem del -S mi dici come lo raggiungi nel -T visto la banda a disposizione ?E comunque visto che sono la stessa cosa ed ilDVB-S esiste da anni dove sta l'innovazione del DVB-T ?Hai mai visto un canale analogico ricevuto con un impianto fatto seriamente e non dal solito eletricista che deriva le linee col nastro adesivo ??Dove sta la convenienza ad avere 3 canali grami in DVB-T al posto di un buon canale analagico ?
            I problemi della malasanità non si risolvono
            tagliando i fondi per l'innovazione tecnologica,
            questa è solo demagogia comunista.Dimmi allora come li risolvi...Poui anche evitare di rispondere alla domanda sulla sanità, tanto cisto il tuo pensiero precedente.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste



            Ma quante cazzate.

            Il DVB-S ed il DVB-T sono varianti (per il sat e

            la tv terrestre) del medesimo standard (che

            comprende anche DVB-C e DVB-H, ovvero via cavo e

            per i cellulari).

            Lo so che sono la derivazione della stesso
            standard.. solo che il bit strem del -S mi dici
            come lo raggiungi nel -T visto la banda a
            disposizione ?Non sono un ingegnere delle telecomunicazioni, ma se un consorzio internazionale
            E comunque visto che sono la stessa cosa ed
            ilDVB-S esiste da anni dove sta l'innovazione del
            DVB-T ?Nel passaggio da analogico a DVB-T!!!!!!!!!
            Hai mai visto un canale analogico ricevuto con un
            impianto fatto seriamente e non dal solito
            eletricista che deriva le linee col nastro
            adesivo ??A parità di distanza del ripetitore?Vuoi vedere come ricevo la7 analogico da Valcava e come la ricevo in digitale? (abito in provincia di Alessandria)
            Dove sta la convenienza ad avere 3 canali grami
            in DVB-T al posto di un buon canale analagico ?Ce ne stanno 5 buoni in un Mux (alcuni ne mettono 6, ma qualche canale squadretta), ed è stato fatto (dal Centro-sinistra) proprio per aumentare la pluralità. Visto che le frequenze scarseggiano ed in italia ci sono pochissimi canali nazionali.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo
            Non sono un ingegnere delle telecomunicazioni, ma
            se un consorzio internazionale AH...stava qua tutta la tua fonte informativa ??
            Nel passaggio da analogico a DVB-T!!!!!!!!!Esatto... visto che l'hanno attuato ora perchè usare uno standard gia vecchio, visto che come dici tu driva dal DVB che esista da una decina di anni..
            A parità di distanza del ripetitore?
            Vuoi vedere come ricevo la7 analogico da Valcava
            e come la ricevo in digitale? (abito in provincia
            di Alessandria)Dallo stesso ripetitore ? Il DVB-T necessita di un buo rapporto S/N per essere visibile, mi sembra strano che ricevi bene un DVB-T e male un analogico trasmessi dallo stesso ripetitore, ma su sto punto c'è poco da discutere bisognerebbe vedere con un analizzatore di spettro e vedere se sull'analogico c'è qualcuno che disturba etc.
            Ce ne stanno 5 buoni in un Mux (alcuni ne mettono
            6, ma qualche canale squadretta), ed è stato
            fatto (dal Centro-sinistra) proprio per aumentare
            la pluralità. Visto che le frequenze scarseggiano
            ed in italia ci sono pochissimi canali nazionali.Ce ne possono stare anche 25, ma se son grami son grami (scarsi).Sarà che io, visto che dove vivo ho un impianto fatto con i piedi sono passato al satellite per vedere i canali nazionali (CHe su sat hanno qualità superiore al DVB-T) e che dopo aver visto i canali di HD-Forum e simili iniziano a piacermi poco anche quelli DVB-S .....
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Non sono un ingegnere delle telecomunicazioni,
            ma

            se un consorzio internazionale

            AH...stava qua tutta la tua fonte informativa ??


            Nel passaggio da analogico a DVB-T!!!!!!!!!

            Esatto... visto che l'hanno attuato ora perchè
            usare uno standard gia vecchio, visto che come
            dici tu driva dal DVB che esista da una decina di
            anni..
            Dalla Direttiva europea del 95/47/CE: «Tutti i servizi televisivi trasmessi ad utenti della Comunità Europea via cavo, satellite ed etere, devono ? omissis... nel caso di trasmissioni digitali, utilizzare un sistema di trasmissione standardizzato da un ente europeo distandardizzazione riconosciuto».L?ETSI, l?ente di standardizzazione europeo, ha pubblicato un set di standard derivati dalle specifiche del progetto DVB. Di conseguenza tutti i servizi digitali televisivi in Europa sono conformi a tali standard DVB dell?ETSI.E chissa perché tanta gente si lamenta solo del DVB-T, mai del DVB-S, e solo in Italia per giunta. E solo quelli di sinistra.... mahhhh....Ma se tu credi di saperne di più del consorzio di standardizzazione europeo (al quale hanno partecipato anche la Rai, la BBC, ecc.) non so cosa dirti.La tv in alta definizione, se la vedi via sat, vuol dire che è "incapsulata" all'interno del segnale digitale, quindi sfrutta il DVB-S, e potrebbe avvenire anche con il DVB-T, ma non è cosi perché sono ancora pochissime le i televisori HDTV. Pensa che in pochi trasmettono in 16/9 o in Stereo nonostante sia possibile già da anni, figurati per l'HDTV, se ne parlerà nel 2020.Comunque è inutile discutere con uno che si oppone al dtt solo per questioni politiche.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' triste
            - Scritto da: Anonimoomissis
            in 16/9 o in Stereo nonostante sia possibile già
            da anni, figurati per l'HDTV, se ne parlerà nel
            2020.
            Comunque è inutile discutere con uno che si
            oppone al dtt solo per questioni politiche.Comunque è inutile discuter con uno che è favorevole al dtt solo per questioni politiche.
    • Anonimo scrive:
      Ma è ancora più triste...
      ...leggere di queste difese a spada tratta, senza un minimo di autocritica ne di obiettività.Come al solito è sempre colpa dei "comunisti" di Prodi, di D'Alema, e ce l'hanno tutto con il "povero" Silviuccio.Però al governo c'è lui, le scelte le fa lui, le leggi le fa lui, ma la colpa è dell'11 Settembre, del Terrorismo, dei "comunisti" e delle marmotte che incartano la cioccolata.Se invece il governo avesse davvero creduto in quello che faceva, invece che limitarsi a cercare una solida scappatoia, per salvare le reti del padre/padrone della maggioranza, adesso avremmo avuto un vero digitale terrestre. Sarebbe bastato scegliere meglio gli standard (l'MPEG2 è già vecchio adesso), portare davvero i canali sul DTT, e non limitarsi a replicare quelli dell'analogico, e offrire qualcosa di utile (se non necessario) a chi passava al DTT che sull'analogico non avrebbe potuto avere.Invece, ed è sotto gli occhi di tutti quelli che abbiano avuto l'occasione di provare il DTT, ci ritroviamo con decoder nati già vecchi, utili solo a vedere gli stessi canali dell'analogico, più un'ampia scelta di contenuti a pagamento (il che non viene certo recepito come qualcosa ne di utile né di necessario), con tanti altri problemi legati alla ricezione a "singhiozzo" laddove il segnale non è perfetto, o alla totale inguardabilità laddove il segnale non ha l'adeguata potenza (a questo proposito colgo l'occasione per evidenziare che il DTT è del tutto inadeguato se il segnale analogico è scarso e quindi se vedrò bene il DTT solo se già prima vedevo bene l'analogico, ma a questo punto che ci passo a fare al DTT?).Insomma il DTT è servito ad "uno" (che ha salvato capra e cavoli), ha fatto contenti pochi altri (perché non dimentichiamoci che grazie ai finanziamenti abbiamo potuto comprare decoder vecchi a prezzi maggiorati), ed ha fregato 3 milioni "di polli" che adesso hanno una splendida scatoletta della quale non sanno cosa fare.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' triste
      ma l'hai vista la qualità del DTT? A me fa rimpiangere l'analogico e i peggiori DVD marocchini. Per non parlare dei canali visibili a Roma... Tu dici che vedevi bene solo Rai e Mediaset ora vedi (Discretamente) Rai, Mediaset, Mediaset premium, LA7 cartapiù. Evviva il pluralismo televisivo...appartenente a uno solo....(E se non ricordo male qualche anno fa c'erano stati anche degli accordi fra Murdock e Il Cavaliere...)
    • mARCOs scrive:
      Re: E' triste
      - Scritto da: Anonimo
      E' triste capire dagli attacchi fatti al DTT e
      dal fatto che esso sia stato usato per andare
      contro Berlusconi e questo governo quanto gli
      italiani siano superficiali.Tu sei uno di questi, a quanto leggo.
      Il DTT è la
      tecnologia per trasmettere il segnale terrestre
      televisivo del futuro.Non dubito del fatto che le trasmissioni digitali siano il futuro ma il *nostro* digitale terrestre di "futuro" non ha proprio niente. Le tecnologie che ne sono alla base sono vecchie ed i decoder sono solo scatolotti adatti più che altro a decodificare la partite trasmesse da Mediaset e La7. Non confondiamo il progresso con gli interessi economici di pochi.
      Il DTT sta all'analogico
      come il GSM è stato alla tecnologia TACS.
      Onestamente non ricordo se tutto questo polverone
      fu sollevato anche quando ci fu questo passaggio
      ma certamente oggi nessuno disconosce gli indubbi
      vantaggi del GSM rispetto al suo predecessore,
      anche chi solo si limita ad utilizzarlo e non
      conosce tecnicamente cosa cambia.Il GSM ed il TACS hanno convissuto allegramente per TANTI anni. Come mai con DTT si ha tanta fretta di passare al digitale? Secondo: non mi risulta che ci siano contributi statali ad un cambio generazionale di della rete cellulare. Quando siamo passati all'UMTS forse è stato erogato denaro pubblico per quelli che intendevano acquistare un cell di ultima generazione? Gli unici sconti sono stati quelli forniti dalle aziende di telefonia.
      Il DTT permette
      di avere un' immagine "perfetta" anche l'addove
      il corrispondente canale analogico è non perfettoCon un segnale analogico non perfetto la TV la vedi un po' male. Con un segnale digitale non perfetto la TV la vedi malissimo e spesso proprio per niente.Che poi le trasmissioni, anche laddove il segnale è buono, siano perfette lo metterei seriamente in dubbio. Mai visto MTV? Fa semplicemente pena.
      ed inoltre possono "viaggiare" in un unico canale
      analogico più canali digitali.E quindi...? Non sono nate così tante televisioni nuove da quando c'è il DTT (come diceva Gasparri: «è una legge che favorisce il pluralismo») e molti canali sono stati accaparrati da Rai, Mediaset e La7. Di fatto i grandi sono sempre più grandi ed i piccoli sempre più piccoli.
      Sicuramente tutti
      coloro che lo criticano vivono nelle grandi città
      dove tutti i canali nazionali sono accessibili.
      Anche io oggi vivo in una grande città, ma fino a
      qualche tempo fà vivevo in un piccolo comune dove
      eccetto la rai, canale5 e italia1 non si vede più
      nulla e la qualità di questi non è certo il
      massimo. Il DTT risolverebbe il tutto e proprio
      non capisco tutti questi attacchi.È tutto da dimostrare che la copertura del digitale sia ovunque migliore di quella dell'analogico. Che poi il DTT risolverebbe tutto... Questo è proprio il massimo!
      Certamente il
      governo ha puntato il dito sull'interattivita che
      secondo me non è la caratteristica principale di
      questa nuova tecnologia ma ha avuto il coraggio
      di farci essere i primi in Europa ad imporla.
      Perchè nessun passaggio è indolore, nessuna cosa
      nuova esce già pronta bella e perfetta. Quindi lo
      switch off prima di ogni altro Paese ci avrebbe
      permesso di testare sul campo fino in fondo il
      sistemaVuoi prima fare lo switch-off e poi testare la tecnologia???? MA STAI SCHERZANDO!
      acquisire quelle capacità che gli
      altri, in futuro, ci avrebbero invidiato.Cosa esattamente ci avrebbero invidiato?
      Purtroppo, gli italiani sono gente strana: quando
      si è ultimi ci si accusa di lassismo, quando si è
      primi di andare di fretta. Ogni rivoluzione,
      anche quelle tecnologiche, hanno i loro prezzi,
      tra cui quello per gli utenti di aggiornare le
      proprie apparecchiatura ma se ognuno non vuole
      spendere mai nulla (quando poi per altre cose si
      spende anche l'inspendibile) il progresso non va
      avanti o lo va a rilento.Mi sta pure bene che siano gli utenti a comprare il decoder, se lo ritengono opportuno. Mi sta meno bene che si spenda denar pubblico.E cmq, ripeto che in molti casi tecnologie vecchie e nuove hanno convissuto per tantissimo tempo (TACS/GSM, videocassette/dvd, connessione 56k/adsl) e non capisco tutta questa fretta soltanto per la televisione.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' triste
      E' triste constare che c'e' gente che guarda la televisione (digitale o analogica che sia)
      • Anonimo scrive:
        Re: E' triste
        Hai forse paura di vedere Albano che guadagna soldi fingendo la separazione dalla Lecciso, o della Di Pietro che dice che quel tizio è ga., o Costanzo che parla come i personaggi di Jerry Lewis, delle pallose trasmissioni della De Filippi o di vedere La Talpa?Io di tutto, di più.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' triste
      - Scritto da: Anonimo
      Il DTT è la
      tecnologia per trasmettere il segnale terrestre
      televisivo del futuro. Il DTT sta all'analogico
      come il GSM è stato alla tecnologia TACS.è questo il problema: mettere nella stessa frase "DTT" e "futuro". Il DTT, così com'è ora, NON E' a prova di futuro, perchè i decoder che sono stati finanziati, sono tutti basati su MPEG2, che sta diventando obsoleto.Il resto del mondo sta adottando lo standard MPEG4 H.264, che è scalabile dal cellulare all'HDTV. Basti vedere che è stato prontamente adottato da Sony ( PSP ), Apple ( iPod video ), i più grossi provider Europei di TV, come Premiere in Germania, che ha iniziato IERI le trasmissioni in HD basate, ovviamente, SOLO su MPEG4 H.264, come Canal+ in Francia e Sky in UK, che partiranno a brevissimo in HD pure loro, come pure Euro1080, che era partita all'inizio in MPEG2, sta switchando a MPEG4 H.264, e ora MOLLERA l'MPEG2 entro il 2008, e ovviamente anche Sky Italia, che forse, per l'inizio dei Mondiali di Calcio, dovrebbe partire in HD anche da noi, RIGOROSAMENTE in MPEG4 H.264.L'errore di finanziare l'MPEG2 è strategico: il salvare la banda è COMUNQUE un vantaggio, sia che si usi l'HDTV, sia che non la si usi. Anche rimanendo in bassa definizione, comunque l'MPEG4 H.264 avrebbe permesso un maggior numero di canali con gli stessi ripetitori, o una maggiore qualità con lo stesso numero di canali, in quanto più efficiente.E, alla luce del ritardo di 2 anni sullo switch off, è ancora più clamoroso il fatto di non avere pensato a puntare sull'MPEG4, TUTTI i decoder che attualmente hanno ottenuto il contributo, sono già nati vecchi, per fine 2008 il gap generazionale tra gli attuali MPEG2 e l'MPEG4 ( e l'HDTV ) sarà ancora più imbarazzante, visto che ci saranno nelle case i DVD HD, i Blue Ray, la Playstation 3, e probabilmente TV HD a costi molto più bassi.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' triste
      - Scritto da: Anonimo
      Il DTT è la
      tecnologia per trasmettere il segnale terrestre
      televisivo del futuro.Non è MPEG4, quindi è una tecnologia già morta. Informati.Senza contare che tra 10 anni avremo connessioni internet così veloci che potremo vedere 10 canali in HDTV simultaneamente.
  • Anonimo scrive:
    e Rai3?
    E la propaganda di sinistra di tutti i programmi di Rai3?
    • Anonimo scrive:
      Re: e Rai3?
      Visto che glli altri 5 canali fanno propaganda a Berlusconi...
    • Anonimo scrive:
      Re: e Rai3?
      - Scritto da: Anonimo
      E la propaganda di sinistra di tutti i programmi
      di Rai3?Di tutti i programmi rai3 ? Come Report ?
      • Anonimo scrive:
        Re: e Rai3?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E la propaganda di sinistra di tutti i programmi

        di Rai3?

        Di tutti i programmi rai3 ?

        Come Report ?No, hai ragione , Report è un bellissimo programma che cerca di essere imparziale.Si potrebbe dire che ogni tanto non da' il diritto di replica, ma tutto sommato, direi che è equilibrato.
    • Anonimo scrive:
      Re: e Rai3?
      Fra "avere un punto di vista di sinistra" e "fare propaganda ai partiti di sinistra" ci vedo una bella differenza. Io guardo praticamente tutti i TG, ma fra quelli che omettono le notizie non ci metterei il TG3. Per notizie non intendo il gossip su Albano e la bionda popputa e simili.Non mi pare che il Tg3 ometta notizie scomode verso l'opposizione. Semplicemente nella scaletta affronta più tematiche rivolte ad un pubblico di centro sinistra, magari parlano di eco-mafie, accadimenti esteri ecc mentre il tg1 preferisce parlare di pioggia o sole, cenoni o diete.Il Tg5 è quello più bravo a dire le cose a metà, nascondere cose scomode ecc, è divertentissimo guardarlo avendo visto anche gli altri tg.
      • Anonimo scrive:
        Re: e Rai3?
        - Scritto da: Anonimo
        Il Tg5 è quello più bravo a dire le cose a metà,
        nascondere cose scomode ecc, è divertentissimo
        guardarlo avendo visto anche gli altri tg.
        e studio aperto dove lo vogliamo mettere? ;)come tg e' un insulto all'intelligenza.Quello che preferisco in ogni caso e' il tg la7, soprattutto perche' mi pare il meno schierato e quindi il piu' imparziale.I tg su mediaset li guardo solo per lo sport, dove effettivamente sono i migliori
        • teddybear scrive:
          Re: e Rai3?
          - Scritto da: Anonimo
          e studio aperto dove lo vogliamo mettere? ;)
          come tg e' un insulto all'intelligenza.Scrivere "studio aperto" e "intelligenza" nella stessa frase è un errore grammaticale.
          • Anonimo scrive:
            Re: e Rai3?
            - Scritto da: teddybear
            - Scritto da: Anonimo


            e studio aperto dove lo vogliamo mettere? ;)

            come tg e' un insulto all'intelligenza.

            Scrivere "studio aperto" e "intelligenza" nella
            stessa frase è un errore grammaticale.Scusa, errore mio, ma era solo per rendere chiaro un concetto.. si puo' chiamare licenza poetica? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: e Rai3?
        Beh, anche io guardo il tg3 perchè ormai è l' unico in qualche modo serio, ma anche lì hanno la brutta abitudine di omettere e distorcere, solo che lo fanno piegando a sinistra invece di sterzare bruscamente a destra.
        • Anonimo scrive:
          Re: e Rai3?
          - Scritto da: Matthew Reed
          Beh, anche io guardo il tg3 perchè ormai è l'
          unico in qualche modo serio, ma anche lì hanno la
          brutta abitudine di omettere e distorcere, solo
          che lo fanno piegando a sinistra invece di
          sterzare bruscamente a destra.Piegare a sinistra è un gentile eufemismo.
    • Anonimo scrive:
      Re: e Rai3?
      - Scritto da: Anonimo
      E la propaganda di sinistra di tutti i programmi
      di Rai3?Ma non sai dir altro?Sbaglio o hai seguito il corso per gli azzurri portatori di verita' che tra pochi giorni verranno a bussare alle nostre case per metterci al corrente dell'imminente pericolo comunista?http://punto-informatico.it/forum/pols.asp?mid=1218522&tid=1218522&p=1&r=PI
      • Anonimo scrive:
        !!EVITATELO!! trolloide...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E la propaganda di sinistra di tutti i programmi

        di Rai3?

        Ma non sai dir altro?
        Sbaglio o hai seguito il corso per gli azzurri
        portatori di verita' che tra pochi giorni
        verranno a bussare alle nostre case per metterci
        al corrente dell'imminente pericolo comunista?
        http://punto-informatico.it/forum/pols.asp?mid=121gia, il bamboccio lo abbiamo sgamato.sa dire solo "comunisti...propaganda di sinistra...etc etc"...E se gli si prova a ribattere, chiude le orecchie [tipo la pubblicità che girava poco fa!] e NON ascolta totalmente, riposta la puxtanxtx di prima.Al punto che, la gente, scocciata d questo atteggiamento [direi da "attaccabrighe"] inizia ad usare dei termini un po' più forti [credimi, bamboccio mio, tu di Insulti devi ancora vederne...] ed è allora che inizia a fare la vittima:"nooooo, io non ho mai insultato nessuno! povero, povero me, tutti mi danno addosso...maledetti comunisti!"E' evidente che questo qua non ha nessuna voglia di fare una discussione seria, ma vuole solo flame.e sì, ti abbiamo proprio sgamato. va a lavorare, che l'Italia ne ha bisogno...AlohaNLps: sia chiaro, sempre disponibile a dei confronti seri di idee, ma non in quel modo.
      • Anonimo scrive:
        Re: e Rai3?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E la propaganda di sinistra di tutti i programmi

        di Rai3?

        Ma non sai dir altro?
        Sbaglio o hai seguito il corso per gli azzurri
        portatori di verita' che tra pochi giorni
        verranno a bussare alle nostre case per metterci
        al corrente dell'imminente pericolo comunista?
        http://punto-informatico.it/forum/pols.asp?mid=121Vedo che i volponi del forum sono prevalentemente di sinistra.Io ho solo detto che Rai3 fa' propaganda di sinistra ed è un servizio pubblico.Non solo tutti gli abbonati Rai pagano un canone anche per la propaganda di sinistra, ma poi dobbiamo anche stare a sentire la sinistra che il DTT è un salva Rete4, quando ha salvato anche Rai3.Quelli di sinistra dovrebbero essere contenti che è stata salvata la loro propaganda su Rai3.
  • Anonimo scrive:
    tre milioni
    tre milioni di italiani, che ci hanno "beccato" e hanno comprato i decoder(e che hanno di fatto fatto sborsare soldi anche dalle NOSTRE TASCHE, soldi finiti anche al fratello di Silvio) e che adesso si trovano uno scatolotto probabilmente nel 2008 inutile ? ah, si, ci possono vedere le partite a 5 (cinque!) euro l'una
    • Anonimo scrive:
      Re: tre milioni
      a dire il vero io ne ho comprato uno a mie spese (senza contributo) e lo uso tutti i giorni perché semplicemente si vede e sopratutto si sente meglio
      • higgybaby scrive:
        Re: tre milioni
        - Scritto da: Anonimo
        a dire il vero io ne ho comprato uno a mie spese
        (senza contributo) e lo uso tutti i giorni perché
        semplicemente si vede e sopratutto si sente
        meglioio invece non l'ho comprato perché a casa mia non si piglia il segnale nemmeno a piangere in greco ortodosso!ciaoigor
        • Anonimo scrive:
          Re: tre milioni
          - Scritto da: higgybaby

          - Scritto da: Anonimo

          a dire il vero io ne ho comprato uno a mie spese

          (senza contributo) e lo uso tutti i giorni
          perché

          semplicemente si vede e sopratutto si sente

          meglio
          io invece non l'ho comprato perché a casa mia non
          si piglia il segnale nemmeno a piangere in greco
          ortodosso!Hai provato?Guarda che puoi non prendere l'analogico e vedere benissimo in digitale. Spesso pure con la semplice antenna da interni.
  • Anonimo scrive:
    Il magna-magna ITALIOTA sotto inchiesta
    Mi chiedo come mai la UE abbia aspettato tanto tempo per aprire un' indagine sul finanziamento pubblico ITALIOTA del DTT che ha favorito unicamente il NANO presidente del consiglio e la sua famiglia.Come mai? Perche?Qualcuno di vossignori lo sa?Ce lo dica!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il magna-magna ITALIOTA sotto inchie
      - Scritto da: Anonimo
      Mi chiedo come mai la UE abbia aspettato tanto
      tempo per aprire un' indagine sul finanziamento
      pubblico ITALIOTA del DTT che ha favorito
      unicamente il NANO presidente del consiglio e la
      sua famiglia.
      Come mai? Perche?
      Qualcuno di vossignori lo sa?
      Ce lo dica!!Perche' servivano le prove, prima erano solo supposizioni frutto di malcelate intenzioni. Adesso i dati parlano chiaro e si puo' procedere.
    • AnyFile scrive:
      Re: Il magna-magna ITALIOTA sotto inchie
      - Scritto da: Anonimo
      Mi chiedo come mai la UE abbia aspettato tanto
      tempoNon conosco i dettagli , ma le procedure UE sono molto lente e sopratutto agiscono solo a "buoi gia' scappati"
  • Anonimo scrive:
    neutralita' tecnologica
    non e' certo sky che puo' dire qualcosa; neanche la station di fastweb dovrebbe avere questo requisito; ok per il dtt, decoder satellitari ci; e sulla iptv ?
    • Ubu re scrive:
      Re: neutralita' tecnologica
      - Scritto da: Anonimo
      non e' certo sky che puo' dire qualcosa; neanche
      la station di fastweb dovrebbe avere questo
      requisito;
      ok per il dtt, decoder satellitari ci; e sulla
      iptv ?Topino, un conto e' una azienda che favorisce se stessa, un altro e' lo stato che favorisce un'azienda.Non hai capito?Non ci credo.
  • Anonimo scrive:
    Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni...
    Aperta un indagine per possibile finanziamento illecito.Switch off rimandato dal 2006 al 31 dicembre 2008.Secondo il ministro delle Comunicazioni Mario Landolfi il rinvio rappresenta un ottimo traguardo tecnico. Azz! Ma vi hanno fatto rinviare...Lo switch-off è stato così fatto passare dal periodo 2010-2012 al periodo 2008-2012. (???)la sperimentazione in Sardegna e Valle d'Aosta non verrà cancellata e andrà avanti. (alla faccia della UE)Secondo Landolfi, una volta eseguito il passaggio in quelle due aree, via via verranno individuate le altre regioni da convertire.Ergo, se la chiami "sperimentazione" te ne puoi fregare della UE.;-)Evviva l' Talia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
      ma tu vuoi restare all'analogico? io no, semmai chiediti perchè solo dopo un anno e passa è partita l'indagine europea dei miei stivali sui finanziamenti ai decoder, no dico va, sono stati lesti!perchè non indagano su tutti i prodotti in commercio ancora col solo tuner analogico? si spaventano a far i duri coi produttori di elettronica di consumo? meglio bacchettare l'italia a fatto compiuto e magari appiopparle una multa... peggio della siae e riaa!
      • Anonimo scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni

        ma tu vuoi restare all'analogico? Non ho nessuna fretta. Le partite non le compro. I tanto declamati contenuti extra e l'interattivita' ce la scordiamo. Chemi frega del DTT ? Io ho 3 TV in casa, non ho nessuna fretta di passare a un sistema che mene sega 2 e ne posso guardare solo 1 alla volta.
        io no, semmai
        chiediti perchè solo dopo un anno e passa
        è partita l'indagine europea dei miei stivali sui
        finanziamenti ai decoder, no dico va, sono stati
        lesti!Beh? Meglio tardi che mai, oh no ?? Ma secondo me tu preferivi che la UE lasciasse passare l'ennesima ladrata del nano.Per fortuna che c'e' la UE che, per quel che puo', lo controlla senno' il nano non avrebbe il minimo ritegno.Guarda come ha cambiato la costituzione, la scuola, le leggi elettorali, la giustizia a nome degli italiani che da 4 anni gli hanno tolto il consenso (vedi recenti elezioni amministrative -10% per il nano)
        perchè non indagano su tutti i prodotti in
        commercio ancora col solo tuner analogico?
        si
        spaventano a far i duri coi produttori di
        elettronica di consumo? Quale norma violano i tuner analogici ?
        ...meglio bacchettare
        l'italia a fatto compiuto Certo, un processo si fa a delitto commesso, senno' diventa un processo alle intenzioni che e' come l'aria fritta.La giustizia "dovrebbe" funzionare cosi'. So che sei abituato che quello che non ti fa comodo lo si riforma, ma ti devi rassegnare.
        .... e magari appiopparle una multaStai tranquillo non la paga di certo il tuo amico nano.Paghiamo NOI per le sue malefatte, come e' sempre stato.
        ... peggio della siae e riaa!La democrazia non sempre e' un bene, infatti anche ignoranti come te possono votare e questo e' altamente controproducente per la nazione. Se prima avevi la scusante che non lo conoscevi adesso non ce l'hai piu'.Errare e' umano, perseverare e' diabolico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
        Ma tu hai idea di cosa significa per le regioni in sperimentazione? Tu ce lo vedi un vecchietto di 70 anni, che sa giusto appena accendere la TV e cambiare canale o alzare e abbassare il volume, davanti un decoder DTT? Vai tu tutti i giorni a spiegargli come funziona? Oppure i vecchietti o i meno "informatizzati" possono fare a meno di vedere la TV? Gli vai a fare compagnia tu? :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni

        ma tu vuoi restare all'analogico? io no, semmaiNO, va bene la tecnologia ma non spegnete i ripetitori vecchi. Ancora vendono i TV analogici e vogliono spegnerci i ripetitori? E le tonnellate di TV nei negozi le buttiamo tutte nel cesso?I ripetitori analogici dovrebbero spegnerli solo quando nei negozi non c'è più nemmeno un tv analogico.Dimmi un po' quanti tv digitali ci sono in vendita?
      • mda scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
        - Scritto da: Anonimo
        ma tu vuoi restare all'analogico? io no,Ma DTT non è la unica, è la peggiore
        semmai
        chiediti perchè solo dopo un anno e passa è
        partita l'indagine europea dei miei stivali sui
        finanziamenti ai decoder, no dico va, sono stati
        lesti!Vero la UE è molto burocratica
        perchè non indagano su tutti i prodotti inIndagano!
        commercio ancora col solo tuner analogico? si
        spaventano a far i duri coi produttori di
        elettronica di consumo? meglio bacchettare
        l'italia a fatto compiuto e magari appiopparle
        una multa... peggio della siae e riaa!Perchè in Italia non deve rispettare le leggi ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
        Qui non è problema di tecnologia. Qui la famiglia del nano ha finanziato un'operazione col denaro pubblico per ottenerne esclusivo tornaconto persoanle.Alla faccia dei proclami di liberismo.E poi tagliano la sanità e i servizi sociali.Non ne ha da avere bisogno da domani mattina.Che poi ti accorgi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
      Mi sa che hai capito poco dell'articolo.La UE ha qualcosa da ridire sul fatto che siano stati finanziati i decoder DTT con i soldi pubblici. Tutto qui.Se l'Italia vuole fare lo switch-off domani, la UE non puo' dire niente..... purtroppo ...... e infatti Berlusconi e il suo governo stanno facendo il suo porco comodo a scapito dei sardi e degli aostani.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
        Ma perché in un giornale tecnico, si deve sempre parlare di politica?E soprattutto, perché si parla di politica sempre a spanne?Credete che ad arricchirsi sia solo il sig. Berlusconi? Non pensate che anche tanti altri, destra, sinistra, anvanti e indietro ci facciano i soldi o gli interessi propri?Secondo me dovreste andare un po' oltre le solite frasi fatte da mercato del sabato mattina, ma soprattutto in questo scenario valutare il fattore tecnico in combinazione con quello sociale senza prendere sempre le solite posizioni, cercando di essere il più possibile oggettivi. Altrimenti non si costruisce niente e si perde il proprio tempo solo a tirarsi i capelli l'un l'altro.
        • Anonimo scrive:
          Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
          - Scritto da: Anonimo
          Ma perché in un giornale tecnico, si deve sempre
          parlare di politica?Conosci il significato di politica?
          E soprattutto, perché si parla di politica sempre
          a spanne?Perche' e' un forum tecnico.
          Credete che ad arricchirsi sia solo il sig.
          Berlusconi? Non pensate che anche tanti altri,
          destra, sinistra, anvanti e indietro ci facciano
          i soldi o gli interessi propri?Se al governo in questi ultimi 5 anni ci fosse stato Prodi o comunque la sinistra dubito fortemente che avresti fatto questo ragionamento e nessuno ti avrebbe dovuto biasimare.
          Secondo me dovreste andare un po' oltre le solite
          frasi fatte da mercato del sabato mattina, ma
          soprattutto in questo scenario valutare il
          fattore tecnico in combinazione con quello
          sociale senza prendere sempre le solite
          posizioni, cercando di essere il più possibile
          oggettivi. Ecco appunto le solite frasi da mercato: sono tutti uguali... destra e sinistra pensano solo agli affari loro... la sinistra si sarebbe comportata allo stesso modo...
          Altrimenti non si costruisce niente e si perde il
          proprio tempo solo a tirarsi i capelli l'un
          l'altro.Il tuo qualunquismo a cosa porta?
          • Anonimo scrive:
            Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni


            Conosci il significato di politica?
            Sì, abbastanza bene da poter dire che questa che viene spacciata come tale non lo è. Deriva dal greco "polis", città. Se leggi Platone te ne puoi fare un'idea del vero senso. Ma tant'è molti credono che i bla bla bla dei nostri "politici" siano "fare politica".

            E soprattutto, perché si parla di politica
            sempre

            a spanne?

            Perche' e' un forum tecnico.Allora non parliamo affatto per non dire fregnacce.
            Se al governo in questi ultimi 5 anni ci fosse
            stato Prodi o comunque la sinistra dubito
            fortemente che avresti fatto questo ragionamento
            e nessuno ti avrebbe dovuto biasimare.
            Sai chi è stato Prodi e cosa ha fatto? Fatti una domanda e datti una risposta. Sono abbastanza grande per essere disilluso verso cotali personaggi, di tutte le cosiddette "fazioni" politiche.

            Secondo me dovreste andare un po' oltre le
            solite

            frasi fatte da mercato del sabato mattina, ma

            soprattutto in questo scenario valutare il

            fattore tecnico in combinazione con quello

            sociale senza prendere sempre le solite

            posizioni, cercando di essere il più possibile

            oggettivi.

            Ecco appunto le solite frasi da mercato: sono
            tutti uguali... destra e sinistra pensano solo
            agli affari loro... la sinistra si sarebbe
            comportata allo stesso modo...
            Vedi sopra.

            Altrimenti non si costruisce niente e si perde
            il

            proprio tempo solo a tirarsi i capelli l'un

            l'altro.

            Il tuo qualunquismo a cosa porta?La mia è una critica al qualinquismo non una difesa. Perdonami, ma hai male interpretato le mie intenzioni, o forse mi sono espresso male io.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni

            Sai chi è stato Prodi e cosa ha fatto? Fatti una
            domanda e datti una risposta.
            Sono abbastanza grande per essere disilluso verso
            cotali personaggi, di tutte le cosiddette
            "fazioni" politiche.Bravo. allora visto che sei grande e sai imparare dalle esperienze speriamo che non ridai il voto al nano e alla sua corte di mafio-catto-secessionisti massoni.Se anche Prodi puo' avere un qualche difetto, questi qui che ci governano adesso sono proprio spudorati.Fanno della NOSTRA ITALIA quel che gli pare e piace.Rubano e mentono ma a testa alta, sono fieri del loro operato.IN GALERA!!!!!!!!
          • dacho scrive:
            Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni


            Conosci il significato di politica?


            Sì, abbastanza bene da poter dire che questa che
            viene spacciata come tale non lo è. Deriva dal
            greco "polis", città.Non solo, prima dal tema "pol-" (numeroso, basti pensare a "polinesia"=molte isole..), il che vuol dire che qualsiasi cosa riguardi "più" (di due, il greco aveva il duale..) persone, è automaticamente "politica"....anche se si sparano ca**ate..Dacho==================================Modificato dall'autore il 05/12/2005 18.44.52
      • mda scrive:
        Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
        - Scritto da: Anonimo
        Mi sa che hai capito poco dell'articolo.
        La UE ha qualcosa da ridire sul fatto che siano
        stati finanziati i decoder DTT con i soldi
        pubblici. Tutto qui.
        Se l'Italia vuole fare lo switch-off domani, la
        UE non puo' dire niente..... purtroppo ...... e
        infatti Berlusconi e il suo governo stanno
        facendo il suo porco comodo a scapito dei sardi e
        degli aostani.
        Veramente aveva detto, che non essendo standard l'Italia avrebbe dovuto cambiare, ma certe informazioni in Italia .....
    • AnyFile scrive:
      Re: Tu chiamale se vuoi, sperimentazioni
      - Scritto da: Anonimo
      Aperta un indagine per possibile finanziamento
      illecito.

      Switch off rimandato dal 2006 al 31 dicembre 2008.
      Al di la' dello switch off (spegnimento) dell'analogico, come sta andando lo switch on (accensione) del segnale in digitale? Quanta parte d'Italia e' coperta dal segnale digitale (diciamo perlomeno dei 7 piu' importanti canali nazionali)? Come e' la qualita'?
Chiudi i commenti