Diffamazione, l'Italia torna alla carica

Il Tribunale di Varese condanna un blogger francese per un diario satirico su Renzo Bossi. 5mila euro di risarcimento. Un giudice di Livorno applica i reati della stampa per alcuni post lesivi su Facebook

Roma – L’ennesima condanna per diffamazione online, stabilita da un giudice al Tribunale di Varese nei confronti di un blogger francese finito nel mirino legale dell’ex-consigliere regionale leghista Renzo Bossi. Gestore del blog in italiano 100cosecosì , Michel Abbatangelo aveva pubblicato un diario satirico a puntate sulle gesta (politiche e personali) del figlio del fondatore della Lega Nord Umberto Bossi .

A partire dall’anno 2009, Abbatangelo pubblicava vignette in quello che era stato soprannominato il “Diario segreto di Bossi Junior”. Contenuti ritenuti lesivi e diffamanti, trascinati dai legali di Renzo Bossi al cospetto del PM lombardo Monica Crespi, che aveva chiesto una condanna esemplare: 7 mesi di reclusione oltre al versamento di un risarcimento da 30mila euro .

La richiesta del PM è stata mitigata in primo grado al Tribunale di Varese: il giudice Anna Giorgetti ha optato per una sanzione di mille euro, oltre al pagamento di un risarcimento da 5mila euro più 2.500 euro in spese processuali . “Ho passato due giorni a ridere per questa querela surreale, più comica dei diari stessi”, ha commentato a caldo il blogger Michel Abbatangelo.

Dettaglio curioso, il giudice lombardo non ha ordinato la rimozione dell’opera diffamante, che rimane tranquillamente online sul blog 100cosecosì . “Appena verranno pubblicate le motivazioni della sentenza il mio avvocato ricorrerà in appello – ha spiegato ancora Abbatangelo in un’intervista a LSDI – se subirò un’altra condanna, ricorreremo ancora, fino ad arrivare alla Corte Europea. Io sono francese e, alla fine, devono venire qua a prendermi”.

“Ciò che più mi preoccupa è la difesa del principio della libertà di espressione, stroncato da questa sentenza. Il diario è stato registrato, in seguito alla querela, presso l’albo degli autori in Francia, a dimostrazione del fatto che si tratta di un’opera letteraria – ha commentato l’avvocato del blogger, Gianmarco Beraldo – Alla faccia di chi, come Renzo Bossi, non è capace di apprezzare la satira come una vera e propria arte”.

Da considerare il fatto che Abbatangelo è un cittadino francese, che sfrutta la piattaforma di blogging Blogspot attraverso un dominio registrato in terra transalpina . C’è chi ovviamente ha espresso dubbi sull’effettiva competenza di un tribunale italiano a livello giurisdizionale. “In Francia c’è da decenni un giornale d’inchiesta che fa satira e lì ogni settimana i politici vengono regolarmente massacrati. I politici francesi la prendono male ma difficilmente arrivano a querelare”, ha concluso Abbatangelo.

Il caso Abbatangelo solleva nuovi timori per la libera espressione nel Belpaese, dopo l’applicazione delle vecchie predisposizioni sulla stampa per la diffamazione a mezzo social network . Una giovane ragazza di Livorno si era infatti sfogata contro il suo ex-datore di lavoro, una volta licenziata da un centro estetico della città toscana. Il cittadino albanese Proj Gjergji si era così rivolto alla procura per querelare la ragazza.

Rossella Malanima era stata iscritta nel registro degli indagati per il reato di diffamazione a mezzo stampa previsto dall’articolo 595 del codice penale . “In questo modo, il pubblico ministero ha messo sullo stesso piano la capacità di diffusione e di danno all’immagine di un social network a quella di un giornale oppure di una televisione”, ha commentato a caldo il rappresentante legale della ragazza livornese.

Il giudice Antonio Pirato ha dunque condannato Rossella Malanima ad una multa di mille euro, al pagamento delle spese processuali, oltre che al versamento di 3mila euro come forma di risarcimento danni . Il testo della sentenza è ora atteso entro 60 giorni dalla sentenza di condanna. Il legale della ragazza aveva optato per il rito abbreviato.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Davi scrive:
    Siamo alle solite
    Basta entrare nel database dell'ufficio brevetti americano per vedere quante boiate ci sono, alcuni sono dei veri e propri brevettatori seriali che bloccano delle cose dalla dubbia utilità nella speranza che nei prossimi 20 anni qualcuno si decida ad adottarli.A seconda di come si evolverà il mercato delle stampanti 3D il brevetto sui drm fisici potrebbe essere una grande mossa d'anticipo (nel caso in cui le stampanti dovessero diventare prodotti di ampio utilizzo come lo sono oggi smartphones e tablets) o altrimenti una grande fesseria. Resta il fatto che volendo si può aggirare il problema, ma bisognerà vedere se sarà abbastanza semplice da essere alla portata di tutti.
  • Abdul Bin Aziz Al Abdallah scrive:
    Stampa jhadista
    Appena riesco a metterci le mani sopra mi stampo una bomba atomica e la uso per la santa causa della Jhad! Morte garantita a tutti gli infedeli!
  • uno qualsiasi scrive:
    Il DRM non ha mai funzionato
    Solo dei cretini potevano concepire una cosa del genere: non funziona per i beni digitali, perchè dovrebbe funzionare per i beni materiali?
  • Lorenzo scrive:
    io e la mia reprap... ce ne fottiamo!
    Qualcuno ha intenzione di brevettare una XXXXXXXXX? Ma per favore...EVVIVA LA PIRATERIA A QUESTO PUNTO.
  • Nome e cognome scrive:
    Per fortuna!!!!!!
    Un brevetto in questo campo è un'ottima cosa per mantenere libere da DRM le stampanti 3d. Fino ad ora chiunque avrebbe potuto sviluppare una tecnologia di DRM per le stampanti 3d liberamente. Ora invece anche se lo fa per commercializzare il suo prodotto dovrà pagare un'azienda che non creera mai tale tecnologia. Voglio vedere chi investirà soldi in un progetto del genere con il rischio di dover pagare licenze per qualcosa che ha creato oppure peggio di non poterlo vendere mai solo perchè non trova un accordo con questo patent troll...
    • shevathas scrive:
      Re: Per fortuna!!!!!!
      Mah i DRM non vedo come possano essere applicati alle stampanti 3D. Con quella plastica al più puoi stamparti i soldatini o i pupazzetti per warharmer.A meno che qualche folle non voglia impedire al mondo la realizzazione di parallelepipedi con gli angoli arrotondati.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Per fortuna!!!!!!
        Allora non sono l'unico a stamparci i soldatini! Solo che poi si dipingono male :(
        • krane scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!
          - Scritto da: Nome e cognome
          Allora non sono l'unico a stamparci i soldatini!
          Solo che poi si dipingono male
          :(In che senso si dipingono male ?E' a causa del tipo di materiale ?
      • panda rossa scrive:
        Re: Per fortuna!!!!!!
        - Scritto da: shevathas
        Mah i DRM non vedo come possano essere applicati
        alle stampanti 3D. Con quella plastica al più
        puoi stamparti i soldatini o i pupazzetti per
        warharmer.Oggi!Ma il mondo non finisce oggi.E considerando che ieri non ti potevi stampare neanche quelli, possiamo tranquillamente supporre che la teconologia domani ti consentira' di stampare ben altro dei soldatini.Ma qui vogliono giocare d'anticipo.E' assolutamente imperativo che venga stabilito nella carta dei diritti dell'uomo, che uno in casa sua possa fare QUELLO CHE VUOLE con registratori, stampanti e replicatori in genere.
        A meno che qualche folle non voglia impedire al
        mondo la realizzazione di parallelepipedi con gli
        angoli arrotondati.Credi che ci sia qualcuno cosi' folle da pretendere una cosa del genere e poi non farsi scrupoli nel copiare un orologio?No, dai, non e' possibile.
        • shevathas scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!

          Credi che ci sia qualcuno cosi' folle da
          pretendere una cosa del genere e poi non farsi
          scrupoli nel copiare un
          orologio?
          No, dai, non e' possibile.mica ha copiato l'orologio, semplicemente si è "ispirato". :
    • Guybrush scrive:
      Re: Per fortuna!!!!!!
      - Scritto da: Nome e cognome
      Un brevetto in questo campo è un'ottima cosa per
      mantenere libere da DRM le stampanti 3d. Fino ad
      ora chiunque avrebbe potuto sviluppare una
      tecnologia di DRM per le stampanti 3d
      liberamente. Ora invece anche se lo fa per
      commercializzare il suo prodotto dovrà pagare
      un'azienda che non creera mai tale tecnologia.
      Voglio vedere chi investirà soldi in un progetto
      del genere con il rischio di dover pagare licenze
      per qualcosa che ha creato oppure peggio di non
      poterlo vendere mai solo perchè non trova un
      accordo con questo patent
      troll...Il file da stampare in 3D sarà dotato di tecnologia che lo renderà stampabile SOLO con le stampanti dotate di sistema DRM e SOLO se chi stampa ha la licenza opportuna.Resta lampante che un file ottenuto mediante scansione 3D dell'oggetto da stampare non sarà protetto.GT
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Per fortuna!!!!!!
      - Scritto da: Nome e cognome
      Ora invece anche se lo fa per
      commercializzare il suo prodotto dovrà pagare
      un'azienda che non creera mai tale tecnologia.Infatti lo scopo del brevetto è codesto, nel senso che chi ha creato quel generico brevetto vuole poter incassare una percentuale da chi in futuro penserà di proteggere le proprie macchine o progetti con il DRM.Il tizio non ha fatto altro che immaginare che come per altre cose, un giorno qualcuno penserà di proteggere i propri presunti diritti con quel sistema e ha brevettato l'idea per batterli sul tempo, poco importa se la fattibilità è scarsa e non è altro che un'idea trita applicata ad un settore nuovo. Più realistico che un giorno ci sia l'equo compenso sulla plastica o altro materiale per fare la stampa, ma non è sescluso che qualche detentore di dirtti voglia tentare pure la strada della protezione
      • shevathas scrive:
        Re: Per fortuna!!!!!!

        Infatti lo scopo del brevetto è codesto, nel
        senso che chi ha creato quel generico brevetto
        vuole poter incassare una percentuale da chi in
        futuro penserà di proteggere le proprie macchine
        o progetti con il
        DRM.e questa è la perversione del brevetto americano, sembra quasi una scommessa sulla tecnologia futura e un vincolo sulle idee. Cioè se non ho capito male il tipo ha semplicemente brevettato l'idea di mettere drm, inutili, sulla stampa 3D. Vabbè che quando le aziende trascinano in tribunale per aver copiato la forma di parallelepipedo... :(
        Più realistico che un giorno ci sia l'equo
        compenso sulla plastica o altro materiale per
        fare la stampa, ma non è sescluso che qualche
        detentore di dirtti voglia tentare pure la strada
        della
        protezionea differenza del file con la stampa 3d puoi copiare la forma, ma non di certo la sostanza. Non ci puoi stampare un pistone od un cardine per la porta. O meglio puoi farlo ma non credo abbia la stessa funzionalità e resistenza di uno in metallo.
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!
          - Scritto da: shevathas

          Infatti lo scopo del brevetto è codesto, nel

          senso che chi ha creato quel generico
          brevetto

          vuole poter incassare una percentuale da chi
          in

          futuro penserà di proteggere le proprie
          macchine

          o progetti con il

          DRM.

          e questa è la perversione del brevetto americano,La serie di cose XXXXXXXXX negli Stati Uniti è più lunga delel guerre che hanno fatto (direttamente o indirettamente).Io trovo divertente quando qualcuno cita quel Paese come esempio di civiltà
          sembra quasi una scommessa sulla tecnologia
          futura e un vincolo sulle idee. Cioè se non ho
          capito male il tipo ha semplicemente brevettato
          l'idea di mettere drm, inutili, sulla stampa 3D.
          Vabbè che quando le aziende trascinano in
          tribunale per aver copiato la forma di
          parallelepipedo...
          :(Infatti lì non conta che uno inventi per primo qualcosa di originale, ma che brevetti per primo a prescindere, poi se la vedranno in tribunale

          Più realistico che un giorno ci sia l'equo

          compenso sulla plastica o altro materiale
          per

          fare la stampa, ma non è sescluso che qualche

          detentore di dirtti voglia tentare pure la
          strada

          della

          protezione

          a differenza del file con la stampa 3d puoi
          copiare la forma, ma non di certo la sostanza.Vale anche al contrario.Al momento sembra che ci siano pochi materiali utilizzabili (abs e resine termoplastiche) quindi l'equo compenso sarebbe una tentazione facile
          Non ci puoi stampare un pistone od un cardine per
          la porta. O meglio puoi farlo ma non credo abbia
          la stessa funzionalità e resistenza di uno in
          metallo.Ovvio, ma pure pistoni e cardini non sembra siano soggetti molto brevettati.Più facile che siano protetti da diritti, i gormiti o i personaggi disney.. di solito venduti in pupazzetti di plastica.
          • shevathas scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!

            Più facile che siano protetti da diritti, i
            gormiti o i personaggi disney.. di solito venduti
            in pupazzetti di
            plastica.per aggirare basta usare gli stessi trucchi usati a suo tempo per le carte di magic the gathering fotocopiate. Piazzi qualche parte metallica come gli spallacci o usi qualche sostanza fluorescente o vernice particolare per rendere figo il gormite. Aumenti la facilità di distinzione fra l'originale e la copia. E fai passare l'idea che l'uso della copia sia da sfigati.
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!
          - Scritto da: shevathas
          a differenza del file con la stampa 3d puoi
          copiare la forma, ma non di certo la sostanza.
          Non ci puoi stampare un pistone od un cardine per
          la porta. O meglio puoi farlo ma non credo abbia
          la stessa funzionalità e resistenza di uno in
          metallo.in quel caso credo che la stampa 3D abbia senso per realizzare non il prodotto finito, ma il modello dal quale realizzare poi gli stampi a perdere con le tecniche tradizionali
          • Claudio scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            In realtà le talpe utilizzate oggi per fare le gallerie delle metropolitane (per esempio B1 e C a Roma e la 4 a Milano) Sono praticamente delle stampanti 3D. La Talpa vera è propria (quella che scava) è lunga 4 metri, poi c'è una coda di altri 23m che cementa la parete scavata, ci mette i mattoncini la calce e tutto il resto, quando è passata la talpa ci mancano solo i binari. Praticamente gli operai si limitano a costruirgli dietro dei binari provvisori dove far transitare dei carrelli con i materiali che usa la talpa e a trasferire quest'ultimi dal carrello alla talpa.In poche parole sono convinto che in futuro una stampante potra costruire un orologio funzionante con tanto di cinturino e ingranaggi. Metterai il materiale A nel cassetto 1, il materiale B nel cassetto 2 e così via. La stampante ricevera un file di configurazione con le informazioni di tutti i componenti, del materiale utilizzato e in quale cassetto è posto, e su come vanno assemblati. Praticamente una mini fabbrica automatizzata in casa o in ufficio.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!

            In poche parole sono convinto che in futuro una
            stampante potra costruire un orologio funzionante
            con tanto di cinturino e ingranaggi.Sbagli: stampare un orologio funzionante non è il futuro, ma il presente:http://mcad3dprintingandprototyping.blogspot.it/2011/10/functional-3d-printed-clock.htmlMagari non puoi stampare la molla... ma un orologio a pendolo non ha bisogno di molle, può funzionare con un peso.
          • Izio01 scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            In poche parole sono convinto che in futuro
            una

            stampante potra costruire un orologio
            funzionante

            con tanto di cinturino e ingranaggi.

            Sbagli: stampare un orologio funzionante non è il
            futuro, ma il
            presente:

            http://mcad3dprintingandprototyping.blogspot.it/20

            Magari non puoi stampare la molla... ma un
            orologio a pendolo non ha bisogno di molle, può
            funzionare con un
            peso.Ma è... bellissimo! :oLa genialità si vede anche in queste "piccole" cose.
          • Claudio scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            fare un orologio da polso ad ingranaggi è un altra cosa. e poi intendo una stampante 3d che sia accessibile a tutti e che possa stare su una scrivania e multimateriale non un prototipo
        • andreabix79 scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!
          - Scritto da: shevathas

          Infatti lo scopo del brevetto è codesto, nel

          senso che chi ha creato quel generico
          brevetto

          vuole poter incassare una percentuale da chi
          in

          futuro penserà di proteggere le proprie
          macchine

          o progetti con il

          DRM.

          e questa è la perversione del brevetto americano,
          sembra quasi una scommessa sulla tecnologia
          futura e un vincolo sulle idee. Cioè se non ho
          capito male il tipo ha semplicemente brevettato
          l'idea di mettere drm, inutili, sulla stampa 3D.

          Vabbè che quando le aziende trascinano in
          tribunale per aver copiato la forma di
          parallelepipedo...
          :(


          Più realistico che un giorno ci sia l'equo

          compenso sulla plastica o altro materiale
          per

          fare la stampa, ma non è sescluso che qualche

          detentore di dirtti voglia tentare pure la
          strada

          della

          protezione

          a differenza del file con la stampa 3d puoi
          copiare la forma, ma non di certo la sostanza.
          Non ci puoi stampare un pistone od un cardine per
          la porta. O meglio puoi farlo ma non credo abbia
          la stessa funzionalità e resistenza di uno in
          metallo.magari replicare gli stampi dei soldi in plastica....
        • anverone99 scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!
          - Scritto da: shevathas
          a differenza del file con la stampa 3d puoi
          copiare la forma, ma non di certo la sostanza.
          Non ci puoi stampare un pistone od un cardine per
          la porta. O meglio puoi farlo ma non credo abbia
          la stessa funzionalità e resistenza di uno in
          metallo.Vero! Ho provato a fare una stampa 3D del mio fallo e a darla alla mia donna... anche lei dice che non ha la stessa funzionalita' e resistenza dell'originale, anche senza DRM (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 ottobre 2012 03.08-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            - Scritto da: anverone99
            - Scritto da: shevathas

            a differenza del file con la stampa 3d puoi

            copiare la forma, ma non di certo la
            sostanza.

            Non ci puoi stampare un pistone od un
            cardine
            per

            la porta. O meglio puoi farlo ma non credo
            abbia

            la stessa funzionalità e resistenza di uno in

            metallo.

            Vero! Ho provato a fare una stampa 3D del mio
            fallo e a darla alla mia donna... anche lei dice
            che non ha la stessa funzionalita' e resistenza
            dell'originale, anche senza DRM
            (rotfl)La prossima volta fagli una stampa ingrandita!C'e' l'opzione se fai tasto destro/proprieta'.
          • iRoby scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            - Scritto da: panda rossa

            Vero! Ho provato a fare una stampa 3D del mio

            fallo e a darla alla mia donna... anche lei
            dice

            che non ha la stessa funzionalita' e
            resistenza

            dell'originale, anche senza DRM

            (rotfl)


            La prossima volta fagli una stampa ingrandita!
            C'e' l'opzione se fai tasto destro/proprieta'.Sarebbe il primo caso al mondo in cui la copia è meglio dell'originale! :)
          • anverone99 scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: panda rossa

            Sarebbe il primo caso al mondo in cui la copia è
            meglio dell'originale!
            :)Ehhh, per forza :-/ l'originale e' analogico, la copia digitale!
          • anverone99 scrive:
            Re: Per fortuna!!!!!!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: anverone99

            Vero! Ho provato a fare una stampa 3D del mio

            fallo e a darla alla mia donna... anche lei
            dice

            che non ha la stessa funzionalita' e
            resistenza

            dell'originale, anche senza DRM

            (rotfl)


            La prossima volta fagli una stampa ingrandita!
            C'e' l'opzione se fai tasto destro/proprieta'.Dici che devo aumentare i DPI (Di Piu' Impossibile)?
        • iRoby scrive:
          Re: Per fortuna!!!!!!
          - Scritto da: shevathas
          a differenza del file con la stampa 3d puoi
          copiare la forma, ma non di certo la sostanza.
          Non ci puoi stampare un pistone od un cardine per
          la porta. O meglio puoi farlo ma non credo abbia
          la stessa funzionalità e resistenza di uno in
          metallo.Non fai l'oggetto finale, ma sicuramente è utilissima per creare il modello su cui poi fare il calco negativo in terracotta dentro cui poi fondere l'originale in metallo.
  • Andreabont scrive:
    Inutile
    Così come esiste il software "libero", in futuro esisteranno file di stampa 3d egualmente liberi. Quindi il DRM in questo caso è del tutto inutile.
    • webwizard scrive:
      Re: Inutile
      - Scritto da: Andreabont
      Così come esiste il software "libero", in futuro
      esisteranno file di stampa 3d egualmente liberi.


      Quindi il DRM in questo caso è del tutto inutile.Già esistono: vedi il progetto RepRap
      • collione scrive:
        Re: Inutile
        penso si riferisse ai file g-code non alla stampante in sèè chiaro che pensare di mettere sotto chiave il concetto e le implementazioni di stampanti 3D è pura folliaquello che vogliono è mettere il drm sui file scaricabili da Thingiverse e soci
        • MarcoAlici scrive:
          Re: Inutile
          - Scritto da: collione
          penso si riferisse ai file g-code non alla
          stampante in sèI file gcode sono semplici file di testo.
    • tucumcari scrive:
      Re: Inutile
      - Scritto da: Andreabont
      Così come esiste il software "libero", in futuro
      esisteranno file di stampa 3d egualmente liberi.


      Quindi il DRM in questo caso è del tutto inutile.Non è futuro è presente!http://www.reprap.org/wiki/Main_Page
    • James Kirk scrive:
      Re: Inutile
      - Scritto da: Andreabont
      Quindi il DRM in questo caso è del tutto inutile.Guarda che a questi non frega nulla del DRM, e probabilmente non sono neppure in grado di scrivere una riga di codice. Il loro obiettivo è avere la possibilità di fare una possibile causa brevettuale a chi ne realizzerà uno che abbia sucXXXXX ... non si sa mai!
Chiudi i commenti