Digital Universe, una Wikipedia D.O.C.G.

I contenuti del nuovo super progetto di divulgazione informativa, denominato Digital Universe, saranno certificati da esperti e istituzioni scientifiche; il servizio sarà offerto in abbonamento

Roma – Wikipedia , almeno come modello di diffusione informativo online, fa proseliti. All’inizio del 2006 Digital Universe tenterà di diventare il “public broadcasting del Web”, come lo ha definito Joe Firmage, fondatore del progetto insieme a Larry Sanger, storico sviluppatore di Wikipedia.

Firmage, che ha creato la nota società di consulenza USWeb , è sicuro del futuro successo di Digital Universe. “L’obiettivo è quello di diventare una valida alternativa rispetto a AOL e Yahoo. Invece di realizzare un contenitore di pagine Web vogliamo dar vita ad una sorta di archivio che contiene testi redatti da esperti e istituzioni mondiali affermate riguardanti ogni tipo di settore”, ha dichiarato Firmage.

Digital Universe, secondo il team di sviluppo, certamente avrà molto in comune con Wikipedia, ma si distinguerà per l’accuratezza dei suoi contenuti e la credibilità degli esperti che parteciperanno alla redazione dei testi. Infatti, sebbene l’ultima indagine condotta da Nature abbia confermato la qualità dei contenuti presenti su Wikipedia, e un livello di esattezza paragonabile alla storica Enciclopedia Britannica, il problema della revisione degli upload e della partecipazione anonima sembra essere ancora oggetto di critica. Tanto da far nascere il sito Wikipedia Class Action che permette la segnalazione delle inesattezze e dei testi diffamatori. Un progetto che ha come obiettivo, appunto, l’istituzione di una class action nei confronti della più famosa enciclopedia gratuita online.

La scelta di Firmage di non applicare un modello economico basato sulla pubblicità, però, è al momento il problema più urgente. “Stiamo cercando di siglare partnership con organizzazioni non profit, come NASA, American Museum of Natural History e U.C. Berkeley per vendere i contenuti Digital Universe ai loro membri. Gli abbonati pagheranno quanto un normale accesso online, ma potranno essere certi che una parte dei loro esborsi andranno a finire nelle casse delle suddette organizzazioni”, ha spiegato Firmage.

In passato alcuni progetti analoghi erano naufragati proprio per questioni finanziarie. Sanger e Jimmy Wales, fondatori di Wikipedia, avevano tentato con Nupedia , ma non erano riusciti a raggiungere un’audience sufficiente e un’offerta di contenuti adeguata. “Siamo di fronte ad una svolta. Ci saranno contenuti su ogni argomento realizzati e supervisionati da esperti. La partecipazione sarà aperta anche al pubblico, ma controllata. Si disporrà così di un’enciclopedia, ma anche di libri di pubblico dominio, articoli e naturalmente forum”, ha spiegato Sanger. “Istituiremo un sistema di certificazioni che permetterà agli utenti di valutare la credibilità dei contenuti editoriali. La professionalità e i riconoscimenti accademici degli esperti saranno un elemento chiave”.

Wales ha già dichiarato di considerare il progetto Digital Universe sicuramente interessante. “La nostra è una comunità online e certamente non pensiamo in termini di competizione o complementarietà. Sembra una bella cosa per il Web, ma non ci riguarda più di tanto”, ha dichiarato Wales.

Digital Universe sarà basato su una struttura a portali tematici. Inizialmente non più di una dozzina, ma ogni due/tre settimane si andranno ad aggiungere nuove categorie. “E’ certamente la prima risorsa informativa online che combina l’attendibilità e l’autorevolezza di una rassegna e governance scientifica con la forza della collaborazione online; il tutto completamente gestito da una valida piattaforma tecnologica”, hanno scritto in un comunicato i rappresentanti del Environmental Information Coalition , un’organizzazione che raccoglie ricercatori e scienziati impegnati nella divulgazione scientifica non profit.

Digital Universe è pronto ad accogliere nuovi contenuti. Chi ha i numeri, si faccia avanti.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • scala40 scrive:
    9 --
    Salve , SONO FAVOREVOLE CHE SI FACCIANO CONTROLLI DI OGNI GENERE CHE POSSA CAUTELARE QUALUNCQUE CITTADINO DI QUALSIASI STATO E CHE SI PRENDANO SERI PROVVEDIMENTI PER CHI USA RAZZISMO O DI COLORE DI PELLE O DI RELIGIONE , PERCHè TUTTI ABBIAMO IL DIRITTO DI DIRE LA NOSTRA OPINIONE MA COL RISPETTO VERSO TUTTI ANCHE A CHI NON LA PENSA COME LA SI PENSA.COLGO L'OCCASIONE PER AUGURARE UN FELICE ANNO ALLO STATO AUSTRALIANO E ALLA MAGISTRATURA AUSTRALIANA , CONTINUATE A FARE I CONTROLLI CHE SONO CONVINTA CHE CONTROLLI E SANZIONI A CHI NON RISPETTA LA LEGGE METTE IN RIGA TANTISSIMA GENTE.VI AUGURO UN FELICE ANNO 2006 E CHE SIA PER LO STATO AUSTRALIANO UN ANNO PIENO DI SALUTE , LAVORO , SERENITà E TANTISSIMA PACE .VI INVIO UN CIELO PIENO DI SORRISI E CHE IL MIO SORRISO GIUNGA NELLE VOSTRE CASE E NELLE CASE DI TUTTO IL MONDO :-D .CON UN ABBRACCIO FRATERNO *:-):-) ANGELA
  • Anonimo scrive:
    Scontri razziali ????
    A me risulta (ho notizie di prima mano da un amico che vive a Sidney) che i cosiddetti "scontri" servono per arginare le gang di arabi che passano il tempo libero a spacciare rubare etc etc ... è come se la gente di Milano organizzasse delle ronde per difendersi dai simpatici arabi che spacciano al ParcoSempione oppure dagli altrettanto simpatici rumeni degli accampamenti abusivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scontri razziali ????
      Anc'o ho notizie di primissima mano. Io a Sidney ci vado periodicamente per lavoro, quelle spiagge sono frequentatissime perché ci arrivi in treno.Anche i poveri mediorientali ci vanno e non è raro che finiscano in mezzo a tafferugli di qualche "leghista" locale un po' razzista.Sì, ci sono tanti scontri razziali e anche scontri tra bande di spacciatori locali e musulmani.
  • xuneel scrive:
    intercettazioni? e la crittografia?
    Le comunicazioni vengono controllate ormai da tempo (ovvio, il grande pubblico non ci fa neanche caso, tanto chi non è un criminale o terrorista non ha nulla di che preoccuparsi, o no?)......ma nella criminalità organizzata si useranno bhè dei sistemi sicuri per comunicare (crittografia, VoIP...).Se questa news è stata pubblicata anche nella regione, più che a bloccare il razzismo, l'autorità blocca l'uso del telefonino e incita il passaggio ad altri canali di comunicazione...Che furbi: potevano prima arrestarli, e poi dire alla stampa che hanno usato le intercettazioni degli SMS...Davvero molto furbi, tranne se danno per scontato che i razzisti in questione non sappiano usare il computer...
Chiudi i commenti