Diritti gig worker: accordo Consiglio-Parlamento UE (update)

Diritti gig worker: accordo Consiglio-Parlamento UE (update)

Consiglio e Parlamento hanno raggiunto un accordo sulla direttiva relativa ai gig worker, alcuni dei quali verranno considerati lavoratori dipendenti.
Diritti gig worker: accordo Consiglio-Parlamento UE (update)
Consiglio e Parlamento hanno raggiunto un accordo sulla direttiva relativa ai gig worker, alcuni dei quali verranno considerati lavoratori dipendenti.

Consiglio e Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla proposta di direttiva della Commissione europea che prevede migliori condizioni di lavoro per i cosiddetti gig worker. Se vengono soddisfatti almeno due requisiti su cinque, i lavoratori delle piattaforme digitali (Uber, Deliveroo e simili) devono essere considerati dipendenti (non autonomi) e quindi ricevere tutti i diritti associati.

Costi fino a 4 miliardi di euro all’anno

Le piattaforme di lavoro digitali sono gestite da aziende che svolgono il ruolo di intermediari tra i lavoratori e il cliente finale, principalmente attraverso un’app, come la prenotazione di una corsa con Uber o una consegna a domicilio con Deliveroo. In Europa ci sono oltre 500 piattaforme che guadagnano complessivamente oltre 20 miliardi di euro all’anno.

Secondo la Commissione europea, circa il 55% dei lavoratori guadagna meno del salario minimo netto, mentre oltre 5,5 su 28 milioni di essi viene erroneamente classificato come lavoratore autonomo. L’accordo raggiunto tra Consiglio e Parlamento prevede che un lavoratore debba essere considerato dipendente, se la piattaforma soddisfa almeno due dei seguenti cinque requisiti:

  • limiti massimi applicabili alla retribuzione che i lavoratori possono percepire;
  • supervisione dell’esecuzione del loro lavoro, anche con mezzi elettronici;
  • controllo della distribuzione o dell’assegnazione dei compiti;
  • controllo delle condizioni di lavoro e limitazioni alla scelta dell’orario di lavoro;
  • limitazioni alla libertà di organizzare il proprio lavoro e regole in materia di aspetto esteriore o comportamento.

In questo caso, le piattaforme dovranno garantire tutti i diritti previsti per i lavoratori dipendenti: salario minimo, contrattazione collettiva, orario di lavoro, tutela della salute, ferie, protezione contro gli infortuni sul lavoro, disoccupazione, malattia e pensioni di vecchiaia.

La direttiva prevede inoltre nuove regole per l’uso degli algoritmi di gestione delle risorse umane. I lavoratori devono essere informati in merito all’uso dei sistemi decisionali e di monitoraggio automatizzati. Le piattaforme non possono automatizzare determinate decisioni, come la sospensione dell’account. Inoltre è vietata la raccolta di alcuni tipi di dati, tra cui quelli relativi alle conversazioni private, allo stato emotivo o psicologico, a razza, religione o salute e quelli biometrici.

La direttiva verrà ora approvata in aula da Consiglio e Parlamento. Dovrà essere recepita dagli Stati Membri entro due anni dall’entrata in vigore. La Commissione europea ha stimato che la classificazione come lavoratori dipendenti porterà nelle casse dei paesi fino a 4 miliardi di euro all’anno in contributi. A causa dell’incremento dei costi, alcune aziende potrebbero abbandonare il mercato, come ha già fatto Deliveroo in Spagna dopo l’approvazione di una legge simile.

Aggiornamento (22/12/2023): la presidenza spagnola ha comunicato che non è stata raggiunta la maggioranza richiesta, quindi la presidenza belga riprenderà le negoziazioni con il Parlamento europeo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 15 dic 2023
Link copiato negli appunti