DisplayPort 1.2 raddoppia la banda

Il nuovo aggiornamento del noto standard di interconnessione video DisplayPort fornisce una banda passante superiore. E amplia il supporto ai display 3D

Roma – VESA ha annunciato la formalizzazione della specifica DisplayPort 1.2, un aggiornamento al suo noto standard di interconnessione video che, nato nel 2006, ha l’obiettivo di soppiantare le vecchie interfacce VGA e DVI e di competere in modo diretto con HDMI.

La nuova specifica DisplayPort 1.2, approvata pochi giorni prima di Natale, viene definita da VESA “un’importante estensione allo standard DispayPort capace di offrire ai consumatori molti nuovi benefici”. Il primo di tali vantaggi è dato dal raddoppio della banda passante, ora pari a 21,6 Gbit per secondo, che consente il supporto a risoluzioni più elevate (fino a 3840 x 2400 punti a 60 Hz o 2560 x 1600 punti a 120 Hz in modalità 3D), a migliori tempi di refresh e a maggiori profondità di colore.

Grazie alla sua capacità di trasportare più flussi video/audio non compressi all’interno di un solo cavo, DisplayPort 1.2 introduce inoltre il supporto multi-monitor e il trasferimento di dati provenienti da dispositivi USB o Ethernet (webcam, hub ecc.). Il nuovo standard supporta ora due monitor con risoluzione massima di 2560 x 1600 punti o quattro monitor con risoluzione massima di 1920 x 1200 punti.

Assecondando il morboso desiderio di stereoscopia che sembra pervadere l’industria dell’intrattenimento e quella dei pannelli LCD, DisplayPort 1.2 estende significativamente il supporto ai formati 3D Stereo e si dichiara compatibile sia con i display 3D (sia mono che stereo) che con gli occhiali stereoscopici. Lo standard di VESA è ora in grado di trasmettere flussi video 3D fino a 240 frame al secondo in full HD (120 frame per ciascun occhio).

“DisplayPort è uno standard di interconnessione multimediale realmente aperto, flessibile ed espandibile che è ormai onnipresente nei PC, nei notebook e sul mercato dei display e che si sta facendo strada anche nel panorama dell’elettronica di consumo”, ha spiegato Bill Lempesis, executive director di VESA. “DisplayPort fornisce un completo insieme di benefici e di funzionalità che nessun altro standard può fornire. È completamente retrocompatibile con DisplayPort 1.1a e non richiede alcun nuovo cavo o apparecchio”.

La nuova specifica porta con sé anche un certo numero di migliorie sul fronte audio, quali il supporto ai formati di Dolby MAT, DTS HD e a tutti quelli previsti dallo standard Blu-ray, e una funzione di sincronizzazione assistita di più canali audio e video.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kallsu scrive:
    Autoregolamento ?
    Codice di autoregolamentazione??? Fatto da chi per chi ? Gli auspici sembrano dei migliori e soprattutto confortanti, per un poco. Si vedrà la messa in opera.Gli incubi dell'oscurantismo e censura massiva appaiono subito nelle nostre menti come spauracchi da evitare, ma noi siamo i netizen ... chi avrà il dovere e responsabilità di redigere questo codice, avrà la nostra stessa paura? Riprendo con questa mia massima, alcune righe di Alessio Viscardi, nel commento precedente "Per esempio, se mi viene cancellato l'account di Facebook senza motivo, posso difendermi? Si tratta di un giustizia sommaria e priva di contraddittorio, non crede?".Se deve esistere un codice di autoregolamentazione, che sia fatto, ma che contempli i diritti&doveri di tutti i soggetti appartenenti al contesto trattato. Sicuramente, fin da ora, la cosa certa è che il popolo dei netizen, in qualsiasi caso, positivo o negativo, si farà sentire.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Autoregolamento ?
      contenuto non disponibile
      • Sgabbio scrive:
        Re: Autoregolamento ?
        - Scritto da: unaDuraLezione
        2) un account può essere rifatto da zero senza
        spese e la mentalità italiana non è chiedersi
        perché è stato sospeso, ma quanto ci impiegherà a
        ricostruire i
        contatti.Spesso non ricevi risposta.
  • Alessio Viscardi scrive:
    Cesnura preventiva?
    Dare un tale onere di controllo agli intermediari, anche con un codice di autoregolamentezione, li spingerà alla censura preventiva di tutti quei contenuti scomodi che possono dare fastidio al Governo.Non solo, come ho scritto qui: http://www.avanguardie.org/paura-internet - credo che, invece di leggi a danno della convivenza su Internet, bisognerebbe prevedere maggiori tutele per gli utenti di web e social network.Per esempio, se mi viene cancellato l'account di Facebook senza motivo, posso difendermi? Si tratta di un giustizia sommaria e priva di contraddittorio, non crede?
    • Teo_ scrive:
      Re: Cesnura preventiva?
      - Scritto da: Alessio Viscardi
      Per esempio, se mi viene cancellato l'account di
      Facebook senza motivo, posso difendermi? Si
      tratta di un giustizia sommaria e priva di
      contraddittorio, non
      crede?Dipende da chi sei: non tutti possono permettersi uninterrogazione parlamentare a riguardo.http://danielesensi.blogspot.com/2008/12/matteo-salvini-facebook-e-il-senso-del.html
  • johny poi scrive:
    farsa
    Rimozione di contenuti illeciti... autorità giudiziaria...Ma stiamo scherzando?Esempio concreto: il sublime Vittorio Sgarbi paragona pubblicamente un noto magistrato alla XXXXXXX, ovvero senza macchia, sempre incolpevole.Scatta la solita querela (temeraria).Dopo i soliti 8 anni di indagini, udienze e sentenze, c'è l'assoluzione.Il reato non sussiste.Se la cosa fosse avvenuta su un blog ci sarebbe stato un oscuramento del relativo post per 8 anni? Basta una ipotesi di reato insussistente per censurare il web?
  • mosfet scrive:
    Censura preventiva
    eccomi all'appello uno di quelli che gli è stato rimosso un commento su facebook su Berlusconi limitando la mia espressione di pensiero in quando avevo solo affermato che la gente era stanca di un governo che usa la costituzione per leggi a personam e fascisti.Nelle reti mediaset ho sentito il ministro Maroni che tale e quale sembrava Mussolini..Hanno paura di internet è non gli do torto quando la libertà di espressione non può essere soggetto di parte...Dimettetevi Destra e Sinistra voglio vedere nuovi scenari con nuovi volti che credano veramente allo stato italiano..siete la vergogna di noi italiani e noi le vostre pecore..Ultima cosa è meglio abolire l'albo dei giornalisti è instaurare l'abo dei mercenari ...Povera Italia ....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 gennaio 2010 21.57-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti