Do Not Track, Yahoo! silura Microsoft

Anche la multinazionale statunitense decide di schierarsi contro la decisione di Microsoft sull'implementazione Do Not Track in IE10: è l'utente che deve decidere, dice Yahoo!, non chi crea il browser

Roma – Windows 8 è approdato sul mercato, e la funzionalità Do Not Track (attiva di default in Internet Explorer 10) continua a generare polemiche sulla nuova policy anti-tracciamento imposta da Microsoft.

Più che di polemiche, in realtà, si tratta di un ostracismo continuo e indiscriminato (oltre che argomentato) contro la rinnovata missione in difesa della privacy degli utenti che sembra dettar legge in quel di Redmond: dopo Apache (che realizza il software per web server più usato al mondo) e il cartello dei pubblicitari , ora anche Yahoo! mette i bastoni fra le ruote a Microsoft nel compimento della succitata missione pro-privacy.

Dal suo blog corporate, Yahoo! ha dunque reso nota l’intenzione di non tenere conto delle impostazioni (e relative segnalazioni client-server) Do Not Track di Internet Explorer 10, perché tali impostazioni (attive di default sin dal primo avvio del nuovo browser) non rispettano gli interessi dell’industria né tantomeno rispettano la volontà e la libertà di scelta dell’utente da tracciare.

Yahoo! supporta la tecnologia DNT nel suo complesso, ma “DNT deve rappresentare le intenzioni dell’utente – non quelle di chi crea il browser, scrive i plug-in o i servizi software di terze parti”. E Microsoft che ne pensa?

A Yahoo! risponde a stretto giro di posta il consulente legale di Microsoft Brad Smith, che sottolinea come la maggioranza dell’utenza voglia la funzionalità attiva di default e come sia necessario lavorare per rendere Do Not Track uno standard web e per rendere l’utente consapevole del fatto che il browser (IE10, in questo caso) lavora attivamente per difendere la sua privacy.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti