Dottori informatici, professioni scippate

di Giuseppe Sorce. L'esclusione degli informatici dall'esame di stato che riguarda inevitabilmente la loro professione fa discutere. Ecco una cronistoria di quanto è accaduto e di come si è arrivati alla situazione attuale


di Giuseppe Sorce vedi anche Professioni? No ai dottori informatici
Gli avvenimenti
In Italia, i corsi di studio universitari in informatica nascono all’Università di Pisa nel 1969.
Il primo Corso di Laurea è quello in Scienze dell’Informazione ed è quadriennale.

La preparazione che si forniva era specifica e totalmente imperniata sui vari aspetti dell’informatica. Permetteva ai dottori informatici di fare gli analisti, i progettisti e gli implementatori di software, reti e sistemi informatici aziendali ed industriali di qualsiasi tipologia e complessità.

Fino al 1978 le Università in cui si insegnava Scienze dell’Informazione (SdI) erano Pisa, Bari, Salerno, Torino.
Nel 1979, grazie alla legge per la ricostruzione post-terremoto, è nata SdI ad Udine e l’anno dopo a Milano.

Alla metà degli anni ’80, istituzionalmente ci si è resi conto che servivano tanti informatici per mettere l’Italia al passo con le altre nazioni europee. Nacquero così contemporaneamente quasi tutti gli altri corsi di laurea in SdI.

Negli anni ’80, SdI era considerato il corso di laurea dei vip della tecnologia, ed il titolo di studio di dottore in SdI, lo dicono le statistiche, uno dei più difficilmente raggiungibili. Il corso era di quattro anni, ma la percentuale degli studenti ritirati o finiti irrisolvibilmente fuori corso era eccessiva. Esami troppo lunghi e profondi dal punto di vista dell’analisi specialistica, e prove scritte, orali e pratiche da superarsi tutti obbligatoriamente nell’arco di tre giorni consecutivi.

Nel 1990 nasce l’ ALSI e si pone come obiettivo quello dell’istituzione di un Ordine che regolamenti l’Informatica Italiana.
I professionisti dell’informatica, dottori in scienze dell’informazione, sono oramai migliaia ed operano in tutti gli ambiti ed a tutti i livelli.


Nel 1992 nasce il primo corso di laurea in ingegneria informatica.
Sempre nel 1992 con un Decreto del MURST viene modificato l’ordinamento didattico del corso di laurea in SdI e la stessa muta la denominazione in laurea in Informatica. I contenuti di alcune materie particolarmente ostiche vengono diluiti ed il corso diviene di cinque anni. I due corsi vengono considerati dal CUN totalmente equipollenti perché frutto di semplice modifica di ordinamento didattico e di cambio di denominazione.

Nel 1996 viene presentata a Camera e Senato (l’ALSI è tra i sottoscrittori) la Proposta di Legge per l’istituzione dell’Ordine professionale degli informatici. Resta bloccata nei cassetti di vari parlamentari.

Nel 2000-2001 vengono ideati i Corsi di Laurea breve e specialistica.
Gli interlocutori interpellati assicurano che le vecchie Lauree apparterranno alle Classi delle Lauree specialistiche (per i dottori in SdI ed i dottori Informatici è la Classe 23/S). Questo per evitare che i futuri concorsi escludano, per problemi di denominazione, coloro che hanno conseguito il massimo titolo di studio universitario possibile, e perché le Classi di Laurea Specialistica racchiudono in sé corsi di laurea che per intensità e contenuti sono definiti identici a tutte le vecchie Lauree dai Presidenti dei Consigli di Corsi di laurea.
Altra considerazione che si fa, è che così come è stato per il passaggio da laurea in SdI a laurea in Informatica, con le lauree specialistiche si intende semplificare il raggiungimento dei titoli di studio universitario, e non complicarlo. C’è bisogno di più laureati e sono considerati ingiustificabili corsi troppo complessi. Si rinnova il concetto degli stessi contenuti meglio distribuiti.

Nel giugno del 2001 con il DPR n.328 si riformano gli Ordini.
L’Ordine di Ingegneria si scinde in tre Settori, uno dei quali viene denominato Ingegneria dell’informazione.

In esso, per una “debolezza” del DPR possono accedere tutti i vecchi iscritti all’Ordine di Ingegneria; il Settore di Ingegneria dell’Informazione si arricchisce in un istante di ing. meccanici, edili, ecc. Solo gli iscritti all’Ordine potranno fare progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di strutture, sistemi e processi complessi o innovativi in ambito informatico.

Il DPR prevede comunque l’ingresso nella sezione B dell’Albo (quella per le lauree brevi) agli appartenenti alla classe 26 e nella Sezione A dell’Albo (quella per le lauree piene in informatica – adesso definite specialistiche) agli appartenenti alla classe 23/s, che ancora non esistono.

L’Art. 8 (Salvaguardia del valore dei titoli di studio e abilitativi conseguiti in conformità al precedente ordinamento) sembra tutelare anche i dottori in Scienze dell’Informazione ed i dottori Informatici. Pensiamo che sarebbe stato impossibile impedire, a quei professionisti che hanno generato e fatto crescere l’informatica in Italia, di continuare ad esercitare la professione per la quale hanno conseguito il massimo titolo di studio possibile.

I dottori informatici non vogliono polemizzare, né divenire degli ingegneri, ma da quel Settore, per poter continuare ad esercitare la propria professione ed il proprio lavoro, non possono restare fuori.


Siamo al maggio del 2002. La data di scadenza per le iscrizioni all’Esame di Stato è quella del 31 maggio. Alcuni dottori fanno richieste alle Segreterie, ma queste rispondono che in mancanza di un chiarimento ministeriale, non accetteranno le domande dei dottori informatici.
L’Esame di Stato è fissato per il 25 giugno. E’ un caos. Commissioni senza professori dottori informatici e test d’esame che non sono stati stilati in funzione dell’ingresso dei dottori informatici.

Secondo le Segreterie e alcune componenti dell’Ordine degli Ingegneri, circa 25.000 professionisti dell’informatica dovrebbero precipitare nell’illegalità semplicemente continuando ad esercitare la professione per cui si sono laureati e che fanno da sempre.

I dottori confidano nella possibilità che ha il MIUR di mettere fine a tale alienante situazione.

28 maggio 2002. Il Ministero dell’Università e della Ricerca, evitando di entrare nel merito delle problematiche che travolgerebbero i dottori in Scienze dell’informazione ed Informatica, interviene con una Circolare (“Esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle professioni. Applicazione D.P.R. 328/2001”, Dipartimento per la programmazione, il coordinamento e gli affari economici SAUS – Ufficio VI, protocollo 2126) che si limita, per quel che riguarda i dottori, ad interpretare l’Art. 8 del DPR in senso esclusivo. E’ sottolineato il veto di accesso all’Esame di Stato ai dottori in Scienze dell’Informazione e ai dottori Informatici.

Il giorno dopo. I dottori in Scienze dell’Informazione ed i dottori Informatici (direttori, professori, ricercatori, progettisti, consulenti, responsabili di settori tecnici industriali ed aziendali), continuano ad esercitare la professione per cui si sono laureati e chiedono, increduli, alle Istituzioni se è proprio vero quanto si legge; se è vero che si debba permettere, a loro danno, lo scippo umiliante e plateale della professione d’informatico.

Giuseppe Sorce

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • burrumballa scrive:
    I dialer salvano il web?
    Beh riferito al grande ke fa 50 milioni al mese sulla pelle di persone ke i $ li guadagnano lavorando e ripeto LAVORANDO, faccio il tecnico adsl e dial-up e combatto ogni giorno contro i vostri maledetti dialer, ma purtroppo non ho la possibilità di inserire firewall, bannare indirizzi o creare delle liste di siti in e out, xkè metto mano a pc di quelle povere persone ke hanno al massimo un pc collegato con un modem 56k o adsl nel migliore delle ipotesi. E' vero ke queste persone spesso scaricano il dialer xkè vogliono la donnina sul desktop, xkè vogliono la suoneria bellina x il cell!! Il fatto è ke la spesa innanzitutto è scritta talmente in pikkolo ke sarebbe discutibile la sua validità!! Secondo agire a livello di registro e fare in modo ke il dialer non si possa levare se non facendo acrobazie pazzesche, non di certo all'altezza dell'utente medio, non mi sembra molto ortodosso, e non so fino a ke punto sia legale!! Oltretutto attento ke 50 milioni sono parecchi, e ben presto finiranno, e ricorda ke i soldi fatti in questo modo ke tu ci creda o no sikuramente non ti faranno dormire sonni tranquilli. Buon lavoro e cerca sempre nuovi modi x i tuoi 50 milioni, xkè sempre + persone cercheranno di toglierteli. Sai molti guardano striscia, noi stessi in un call center con circa 20.000 contatti al giorno consigliamo sempre qualke dritta x scampare ai DIALER x cui è un po kome pac-man...tu sei la pallina finale, ma l'avanzata è inesorabile, mentre tu ...ke pekkato sei sempre li e GNAM GNAM BUON APPETITO!!
  • Anonimo scrive:
    dialer FUORI LEGGE
    I principianti sono i piu' colpiti, quindi devono essere salvaguardati, che siano minorenni o maggiorenni non ha importanza, i dialer non devono esistere.
  • Anonimo scrive:
    dialer NO grazie
    Alla faccia di quei webmaster che guadagnano cifre a parecchi zeri con i dialer (e degli ancora di più che sperano e/o dichiarno di farlo) voglio dire questo: alla gente non piacciono.C'è poco da dire che è legale, la legge non ammette ignoranza ecc... ma alla fine della fiera la gente viene a pagare molto per servizi scarsi e quasi sempre la mazzata è una sorpresa (daccordo, a torto, non a ragione). Quindi la gente si IRRITA, e questo è un fatto.E quando la gente si irrita comincia a farsi furba (se non può denunciare o prendersela con qualcuno) e ad attuare contromisure.In qualche caso (chi sa) ci si limita a proteggersi ed evitare il dialer (e i vostri siti) in futuro, in altri (chi non sa, tantissimi) ci si allontana dal web perlomeno come mezzo di acquisto.Quindi tanto piacere dei soldi che state facendo, ma ricordatevi due cose:1) per ogni lira che prendete ne togliete 10 ad altri (generando diffidenza verso internet) e ritardate lo sviluppo della rete2) chi si prende una malattia sviluppa immunità, chi si scotta sta lontano dal fuoco, chi si prende un dialer da VOI (visto che ènormalmente è altrettanto irritante, anche se legale come ammalarsi o scottarsi) starà lontano da voi e da chi propina dialer in futuro, QUINDI, dato che il baccino utenti interessati a voi non è infinito e ogni giorno perdete quasi tanti futuri clienti quante sono le visite, presto vi troverete con il mulo per terra.Quindi care volpi sbrigatevi a trovare un nuovo modo di fregare la gente (magari altrettanto legale), perchè il dialer è sputt.ato e i primi ad entrare nelle novità sono sempre quelli che fanno più soldi. Oppure... andè a laurar barbùn!
    • Anonimo scrive:
      Re: dialer NO grazie
      il barbun sei te che truffi gli inserzionisti e che scrivi quattro cazzate tutti i giorni.
      • Anonimo scrive:
        Re: dialer NO grazie
        - Scritto da: barbunceseite
        il barbun sei te che truffi gli
        inserzionisti e che scrivi quattro cazzate
        tutti i giorni.ma che bravo, come hai fatto a capire quale è il mio sito... seriamente, non sono di PI (e sul mio sito non mi permetterei mai di apostrofare così un visitatore del forum).Comunque sono dell'opinione che se il web catalizza interesse (e quindi viene visitato anche da quelli che cadono nella ret dei dialer) è GRAZIE a chi si fa in 4, chi ha qualcosa da dire, hobbisti con matriale interessante...ci sono già tanti media generici che vanno benissimo per l'italiano medio che si vole veder un paio di hentai e scaricare una suoneria mentre guarda le partite di calcio (e magari mangia gli spaghetti mentre suona il mandolino) (sostituisci questo con gli stereotipi comuni a tutte le nazioni/categorie umane che ti vengono in mente)Internet ha l'occasione di diventare qualcosa di più e oggi come oggi è un media molto diverso, bello soprattutto per la specificità e molteplicità e basso costo (si, mettere le foto di mia sorella su un 486 always on mi costerebbe una sciocchezza, come fare colazione al bar!) e iniziative come i dialer lo stanno rovonando generando sfiducia nel momento stesso in cui il media sta cercando appunto di generar fiducia e andare in contro ai potenziali clienti.Ma se ti senti offeso dalla parola barbùn anzichè dalle mie considerazioni sui dialer come freno ad Internet, be, ho poco da dirti a parte compatirti ed augurarti di arraffare oggi quello che domani sempre meno saranno disposti a darti, ovvero fiducia e soldi!
      • Anonimo scrive:
        Re: dialer NO grazie
        - Scritto da: barbunceseite
        il barbun sei te che truffi gli
        inserzionisti e che scrivi quattro cazzate
        tutti i giorni.ps, sono quello che ha postato minuti fa: riguardo al sito internet era puramente una considerazione ipotetica, non ho un sito, non sono un webmaster.Sono EDP di una media azienda e avendo anche ruolo tecnico mi sono trovato in passato a dover stroncare con il firewall l'accesso a diversi siti che proponevano dialer, sia inibendoli che applicando una greenlist con accesso esclusivo a siti per noi interessanti sui server e postazioni che generavano più traffico verso tali siti.Indovina quanti clienti e visitatori ti ho tolto?Considera che, non pagando loro la bolletta e non rendendosiquindi conto di ciò che stavano facendo molti facevano più visite al giorno su quei siti.E non ti offendere questa volta, perchè te lo dico in amicizia. Infatti come cliente, avendo sempre ragione per definizione, potrei semplicemente limitarmi a non essere più tale per te. Quindi la mia è non solo una critica (che lascia il tempo che trova, siamo in democrazia per carità) ma anche un consiglio da chi sta dalla parte opposta alla tua, quelli che dovresti convincere, quindi ascoltarlo non può farti che bene...Per il resto sono sempre dalla parte di chi rischia, fa e lavora, cioè degli imprenditori, quindi non posso che apprezzare che tu lo sia, anche se ho da ridire sul mezzo usato.
    • Anonimo scrive:
      Re: dialer NO grazie
      Io credo che vadano tenute ben distinte la posizione della società che fornisce il dialer al webmaster (che indica nel software i costi e quindi è in regola con la legge), da quella dei webmaster.Mentre i dialer sono tutti uguali, i webmaster sono tra loro assai diversi.Se un webmaster si limita a non indicare nelle pagine del sito i costi della connessione, a mio parere non puo' ritenersi responsabile di alcunchè. Spetta all'utente leggere le avvertenze indicate nel software.Se un webmaster invece usa frasi del tipo "scarica gratis foto porno" o "scarica gratis suonerie", secondo me non manca nulla all'integrazione della fattispecie ex 640cp.
  • Anonimo scrive:
    grazie
    grazie daniele, se vuoi scrivermi: arlap@libero.it IO NON HO MAI DICHIARATO FALSI VISITATORI , PER QUESTO NON GUADAGNO CIFRE DA CAPOGIRO COME QUALCUNO CHE HA QUALCHE DECINA DI VISITATORI AL GIORNO MA IMBroglia di averne milioni.se vuoi sapere quale e' il mio sito scrivimi: arlap@libero.it p.s.: i contenuti non sono il massimo ma i visitatori sono reali. sono un webmaster.
  • Anonimo scrive:
    e per finire un consiglio a PI
    gentile redazione,Vi consiglio di non emettere sentenze su chi usa i dialers.O diverrete degli antipatici per tutti.I dialers osno un servizio commerciale. nel bene o nel male. la legge non ammette ignoranza. in ogni dialer e' spiegato il costo. quindi e' responsabile che ne fa un uso errato. smettetela di romperci il cazzo. Perche' volete far fallire il servizio dialers? gia' esiste striscialanotizia che rompe il cazzo a chi lavora, non vi ci mettete pure voi.esistono le sedi dei tribunali, non e' necessario che oltre a svolgere il lavoro di giornalisti svolgiate anche quello di legali.non e' cosa vostra fare i legali.scrivete notizie ma non danneggiate gli altri.insomma...evitate di fare diffamazione contro tutto e contro tutti al solo scopo di distruggere la concorrenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: e per finire un consiglio a PI
      rosiki?hai il sito pieno di idiozie?rosiki doppio?
      • Anonimo scrive:
        Re: e per finire un consiglio a PI
        solo una cosa: io non rosico affatto. sono felicissimo di guadagnare 50 milioni al mese. perhce' dovrei rosicare? per un sito che scrive articoli pieni di errori e che non ha neanche i soldi per fare un quotidiano cartaceo?io ho solo 20 anni . studio e lavoro. e guadagno 50 milioni al mese. rosicare perche'?
  • Anonimo scrive:
    Invidia e statistiche alterate
    A chi ha postato il messaggio *censurato* che parlava anche delle statistiche alterate, malgrado i toni non proprio urbani del messaggio, devo dare ragione.Sappiamo benissimo come si posso alterare le statistiche: informaticamente oppure comunicandole volutamente gonfiate.Se chi lo fa vende spazi pubblicitario (e piu' sono gli hits, piu' costa lo spazio...) beh... potrebbe commettere una truffa sempre che non si rientri nel concetto di *dolus bouns*, vale a dire quella *naturale* tendenza che ha il commerciante a decantare la propria merce.Un saluto.avv. Daniele Minotti
    • Anonimo scrive:
      Re: Invidia e statistiche alterate
      grazie daniele, se vuoi scrivermi: arlap@libero.it IO NON HO MAI DICHIARATO FALSI VISITATORI , PER QUESTO NON GUADAGNO CIFRE DA CAPOGIRO COME QUALCUNO CHE HA QUALCHE DECINA DI VISITATORI AL GIORNO MA IMBroglia di averne milioni.se vuoi sapere quale e' il mio sito scrivimi: arlap@libero.it p.s.: i contenuti non sono il massimo ma i visitatori sono reali. sono un webmaster.
    • Anonimo scrive:
      Re: Invidia e statistiche alterate
      p.s. sono arlap@libero.it .io uso webtrendslive.com , impossibile aggirarlo. Io parlo di siti di merda come risorsefree che hanno vissuto per anni sparando cazzate sul numero di visitatori grazie a contatori falsi.
  • Anonimo scrive:
    Rinco*lioniti entrambi
    I webmaster: perchè offrono "sunerie", "loghi", "immagini hentai e porno in generale". Appartengono alla folta schiera della gente con un cervello grosso così (immaginate un fagiolino), per cui pur di "FARE SOLDI AH SII!!!" va bene anche vendere porcate. Pazienza, sono un insieme di persone squalliducce, povere mentalmente e ricche monetariamente.Gli utenti:perchè se hanno dei figli che creano bollette astronomiche DEVONO controllare il loro computer. Se invece sono loro i primi a farlo, sono dei fessacchiotti.Che gli 144 fossero dei sistemi per farti pagare bollette milionarie io l osapevo anche a 5 anni, priam di internet e prima di queste maialate per cerebro-webmaster-lesi. Basta infromarsi.
  • Anonimo scrive:
    PEr quanto riguarda lo stato!!!
    Beh.. nell'articolo viene detto che lo Stato dovrebbe controllare e regolamentare certe cose invece di girarsi di la'.... Mi scappa un arisata sapendo che come presidente del Consiglio c'è Berlusconi e pensare che esso dovrebbe regolamentare certe cose?? Queste cose fanno parte proprio della sua era, della sua cultura del furbo!!!
  • Anonimo scrive:
    TUTTA INVIDIA
    NOI GUADAGNAMO E VOI VI ADDDANNATE COME LE TROIE.LA VERA TRUFFA E' DICHIARARE VISITATORI FALSI. CHI HA VISITATORI FALSI NON METTE I DIALERS PERCHE' NON GUADAGNEREBBE UN CAZZO!.VOI SIETE I VERI TRUFFATORI. VOI CHE PAGATE LE STATISTICHE, VOI CHE DICHIARATE VISITATORI FALSI, CON LA FARSA DEI BUONI CONTENUTI.
  • Anonimo scrive:
    DIALER PER ADSL e (quasi) fine del INTERNET GRATIS
    Satò un visionario ma credo che siamo vicini ad un'altra svolta. Mi spiego: per ora sono connesso via ADSL al mio provider ad una certa tariffa, ma sono certo che tra qualche tempo lo stesso o altri provider mi offriranno la possibilità di accedere sempre attraverso la connessione remota ADSL ad una seconda grande rete, "un'altra internet non più gratuita" che ha dei contenuti non disponibili sulla Internet a cui siamo abituati o semplicemente nuovi, che potranno essere inseriti perchè verranno pagati.Per costruire la internet a pagamento basterà che un grosso provider coinvolga tutti i siti che desidereranno avere introiti, remunerandoli adeguatamente. Noi avremo solo una seconda connessione da far partire. Al resto penserà il provider (a dividersi i soldi con i siti ecc..).Credo che il tempo del predominio del web gratuito stà per finire. E' una nuova era che stà per iniziare, più felice per i nostri "poveri" provider, ma credo anche per tutti quelli hanno bisogno di guadagnare offrendo servizi più o meno validi..Un saluto da Gemax e che Dio protegga tutti gli utenti ADSL a lungo!
  • Anonimo scrive:
    Portali e Porconi...
    È in crisi il banner "tradizionale", o sono in crisi i portali?Sono connesso ad Intenet via Infostrada, ma sinceramente non frequento mai il suo portale (iol o libero), né altri.Perché? Per i contenuti, che non sono assolutamente di mio interesse. Di solito ci trovi la solita notizia ad effetto, il solito gossip, la solita notizia di sport e la solita spruzzatina di sesso. Le notizie le cerco altrove, dove non cercano l'effetto a tutti i costi, il gossip non mi interessa, lo sport preferisco praticarlo, ed il sesso via PC non mi eccita. Quindi alla larga dai portali!Però poi passo frequentemente da siti più tematici quali Punto Informatico ed altri, dove magari faccio click su un banner che promuove un articolo al quale potrei essere interessato.Ma i webmaster dei portali generalisti sembrano avere in mente un unico tipo di utente internet: il single sfigato e grassone che passa tutto il tempo davanti al PC a caccia di foto sexy o porno, suonerie per il cellulare, notizie stupide, gossip, calcio e c****te del genere. Per fortuna non tutti gli utenti sono di quel tipo, ed i portali vanno a rotoli. Meglio, se qualcuno chiude meno idiozie in libertà sulla rete.Però nel frattempo, nel tentativo di sopravvivere, inondano la rete di link a programmini truffa. A me non piace sentire che lo Stato deve educare qua o là.Lo Stato fornisce la Pubblica Istruzione, che dovrebbe essere sufficiente ad insegnare ai cittadini a usare il proprio cervello e non quello degli altri (ma l'ammasso di Guareschi mi sa che ormai soffre di mancanza di spazio). Se uno ci rinuncia, beh, lo Stato mica può continuare a fare da balia...Deve però vigilare e combattere le truffe, non appoggiarle. Tutti i maledetti numeri a pagamento sono usati nel 95% dei casi solo per fregare qualcuno, i servizi veramente utili si contano sulle dita di una mano. Eliminiamoli, e proteggiamo automaticamente anche gli ingenui e i deficienti (dal latino deficere, mancare).Purtroppo la differenza tra un dialer ed un politico e così esile - tutti e due hanno lo scopo di chiedere la tua fiducia promettendoti per poi fregarti - che non credo che qualcuno farà qualcosa...
  • Anonimo scrive:
    !!! Signore E Signori .... Guardate Qua !!!
    Porno ? Ma va .... Loghi e suonerie ? Ma va ...E' tempo di ESAMI DI MATURITA' !!!!http://193.207.40.125/
    • Anonimo scrive:
      Re: !!! Signore E Signori .... Guardate Qua !!!
      Haahahahahah questa ammetto che mi mancava. Secondo me acchiappano un sacco di studenti. In fondo in vista degli esami cosa saranno mai un po' di euro buttati nel cesso per arricchire un webmaster.
    • Anonimo scrive:
      Re: !!! Signore E Signori .... Guardate Qua !!!
      - Scritto da: Piwi
      Porno ? Ma va .... Loghi e suonerie ? Ma va
      ...

      E' tempo di ESAMI DI MATURITA' !!!!

      http://193.207.40.125/Di per sè i dialer non sono da condannare, a mio avviso sono un ottimo sistema per il micropagamento.anzi, nell'ottica delle connessioni dsl, sarebbe il caso che le compagnie telefoniche escogitassero un metodo simile per dare percentuali ai siti che erogano materiale a pagamento, senza che questi esigano la carta di credito.la condanna dell'articolo, da quello che capisco io, è nel modo in cui questi vengono promossi e nel basso livello del contenuto oggetto della "transazione"
      • Anonimo scrive:
        Re: !!! Signore E Signori .... Guardate Qua !!!

        Di per sè i dialer non sono da condannare, a
        mio avviso sono un ottimo sistema per il
        micropagamento.Sì, se prima di scaricarsi scrivessero: attenzione, utilizzando questo programma sarete collegati ad una linea a pagamento e ci costerà ecc. ecc., invece non lo fanno...E comunque chissà perché all'utente meno sgamato, quello che non legge le clausole in caratteri piccoli e non si accorge se il suo modem si disconnette e richiama un altro numero.E comunque ci sarebbero sistemi di micropagamento migliori che non ti inondano il PC di programmini ciarlieri.Dopotutto neanche le armi da fuoco non sono da condannare, basta tenerle scariche, sotto chiave e non darle in mano ad un cretino... il guaio è che prima o poi ci finiscono.
  • Anonimo scrive:
    internet non è (solo ) questo!
    "Parimenti, che l'era del "tutto gratis" sia finita da tempo è ormai sotto gli occhi di tutti."in realtà tutto ciò che di buono si può fare su internet è _quasi_solo_ gratis!
    • Anonimo scrive:
      Re: internet non è (solo ) questo!

      in realtà tutto ciò che di buono si può fare su
      internet è _quasi_solo_ gratis!I siti migliori ritengo siano quelli che nascono per passione. Un giorno ti alzi e scopri che vuoi occuparti di "news sul karate". Non ci sono siti che ti piacciono e ne apri uno. Ci sai fare e con il tempo arriva un sacco di gente... finchè il tuo spazio non basta (spazio, banda, eccetera). Crescendo, crescono le tue esigenze e quelle dei tuoi visitatori (che chiedono più servizi, possibilmente gratuiti...). Cosa fai? Paghi. A questo punto dopo un po' succede l'inevitabile:a) chiudi per mancanza di fondib) vai avanti creando servizi a pagamentoIl caso a) lo abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, ultimamente sono colati a picco molti siti per questo motivo. Il caso b) è la via più attuabile (anche se tendenzialmente perderai una grossa fetta di utenti).Gratis funziona per un po', poi non reggi. Non è però detto che il non-gratis vogla dire "caro", anzi. Con tanti visitatori basta chiedere somme minime.
      • Anonimo scrive:
        Re: internet non è (solo ) questo!

        Gratis funziona per un po', poi non reggi.
        Non è però detto che il non-gratis vogla
        dire "caro", anzi. Con tanti visitatori
        basta chiedere somme minime.Si ma la domanda è: i visitatori saranno disposti a pagare somme anche minime, o ci vorranno anni xchè si abituino a un internet un po' meno gratis? Io sto per mettere a pagamento parte del mio sito, ma sinceramente temo che sarà un mezzo flop...Andrea
        • Anonimo scrive:
          Re: internet non è (solo ) questo!

          Io sto per mettere a pagamento parte del mio
          sito, ma sinceramente temo che sarà un mezzo
          flop...Lo penso anche io (spero di no!) perchè in Italia la cultura del "pagare un servizio via web" non esiste. Siamo ancora al livello per cui WEB = GRATIS. Parlavo del furueo, in generale. L'era del gratis non durerà per sempre, perchè il tempo è danaro, la gente ha una sua vita anche "reale" e non può stare 24h su 24 su un sito amatoriale. Chi lo gestisce spesso raggiunge livelli di alienazione assurdi (e lo dicono gli stessi webmaster) che rende poi inevitabile un cambio di rotta. Se poi la gente non paga e vuole solo un sito free, pazienza. Si chiude. Oppure vai avanti per hobby aggiornando quando hai tempo (il che vuol dire lasciar appassire il sito).Intendiamoci: alla fine si tratta di scegliere se fare "free" per accontentare loro e perderci tu (tempo, soldi, rischi legali in caso di siti in cui la gente scrive, vedi Punto Informatico), OPPURE pretendi un giusto compenso per il tempo dedicato. Se la gente non paga allora meglio chiudere :) perchè stai regalando il tuo tempo a gente che non lo può apprezzare.
  • Anonimo scrive:
    Dialer: specie in estinzione
    Spero che il web non debba essere salvato dai dialer, dato che i dialer stessi avranno vita molto breve. A parte che la stragrande maggioranza degli stessi sono una truffa dato sono occultati all'interno di un eseguibile che viene fatto passare per un innocuo programma che vi permettera' di consultare "gratuitamente" un sito (quasi sempre porno), programma che invece, a tradimento, modifica le proprieta' del vostro accesso remoto e vi fa chiamare in Australia o simili per la modica cifra di 2 euro al minuto o poco giu' di li'. Questi comunque sono fatti noti, i piu' dovrebbero gia' conoscere gli infami dialer, gli altri dovrebbero comunque essere sospettosi di un sito web che si proclama "completamente gratuito" e dopo vi impone di scaricare un eseguibile. Mai scaricare eseguibili a caso, ne' dal web, ne' dalla posta, o sono virus, o sono trojan, oppure sono dialer. In tutti e tre i casi, roba da passare nel tritura-programmi. Ma dicevo che i dialer sono in estinzione, e difatti si estingueranno per merito delle connessioni ADSL e fibra, infatti con la scomparsa dei collegamenti telefonici in analogico i dialer non avranno piu' ragione alcuna di essere e moriranno cosi' come sono deceduti gli infami 144.Alberto Scala
    • Anonimo scrive:
      Re: Dialer: specie in estinzione


      Ma dicevo che i dialer sono in estinzione, e
      difatti si estingueranno per merito delle
      connessioni ADSL e fibra, infatti con la
      scomparsa dei collegamenti telefonici in
      analogico i dialer non avranno piu' ragione
      alcuna di essere e moriranno cosi' come sono
      deceduti gli infami 144.Sveglia, l'adsl non raggiungerà mai più del 20% della popolazione, ed inoltre la maggior parte degli utenti si collega una volta a settimana, quindi i collegamenti analogici non scompariranno mai.Sei un po troppo ottimista.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dialer: specie in estinzione
        - Scritto da: zuzu
        Sveglia, l'adsl non raggiungerà mai più del
        20% della popolazione, ed inoltre la maggior
        parte degli utenti si collega una volta a
        settimana, quindi i collegamenti analogici
        non scompariranno mai.
        Sei un po troppo ottimista.Sono ottimista a ragion veduta. Già oggi se rimani collegato per più di 2 ore al giorno il collegamento analogico (schifoso) ti costa piu' di una ADSL economica. Non c'e' paragone. Quanto alla copertura, devi essere tu un po' piu' ottimista: ADSL e' una tecnologia alla portata di tutte le centrali e potra' essere implementata in tutta Italia (o quasi) entro pochi anni.CiaoAlberto
      • Anonimo scrive:
        Re: Dialer: specie in estinzione
        zuzu scrisse:
        Sveglia, l'adsl non raggiungerà mai più del 20%
        della popolazione, ed inoltre la maggior parte
        degli utenti si collega una volta a settimana,
        quindi i collegamenti analogici non
        scompariranno mai.
        Sei un po troppo ottimista.20%?? ma che cavolate dici?Ma soloo Roma e Milano insieme fanno già il 10% della popolazione italiana!!!!Ripassa un po' l'aritmetica..Hamlet
    • Anonimo scrive:
      Re: Dialer: specie in estinzione

      Ma dicevo che i dialer sono in estinzione, e
      difatti si estingueranno per merito delle
      connessioni ADSL e fibra, infatti con la
      scomparsa dei collegamenti telefonici in
      analogico i dialer non avranno piu' ragione
      alcuna di essere e moriranno cosi' come sono
      deceduti gli infami 144.Ti segnalo a te e a tutti gli utenti, che sono gia attivi e funzionanti dei diale per connessioni ADSL!!!
  • Anonimo scrive:
    I webmaster: vero problema
    Molti di questi "webmaster" sono dei ragazzino e molti sono pure minorenni. Lo so pare assurdo ma purtroppo è così. Del resto il pubblico giovane è abituato a queste forme di guadagno/trucco, no? Basti pensare al tastierino per inviare SMS dal telefono di casa. La pubblicità cosa diceva? "Fallo all'insaputa di papà e mammà, agisci di nascosto, punta a fregarli".Tutti incentivano i ragazzi ad "abusare" del web. Ovvio che se poi i guadagni prospettati sono allettanti (e lo sono), chi può convincere il 16enne di turno che sta facendo una porcata? Se gli dici "è come comprare una autoradio rubata" lui ti dice "A) non l'ho rubata io e B) tanto la comprerebbe qualcun'altro". Anzi, prima ti dice che non è un furto (e tecnicamente non lo è) e poi ti dice "è diverso, non c'entra, non capisci un razzo".Manca la morale perchè manca l'età per capire cosa voglia dire "morale". Questi mini-stipendi valgono 100 volte la pagetta della mamma. Io personalmente mi vergognerei come un ladro a guadagnare anche 100 lire dal mio sito offrendo questi prodotti. "Cosa fa il tuo sito?" "Beh è una figata!!!LOGHI per cellulari, immagini HENTAI, MODELLE, TRUCCHI PER LA PLAYSTATION, eccetera". È una sensazione che va a pelle, non so come dire. Come andare dal cartomante, stessa solfa. A me pare impossibile che la gente spenda milioni in questo modo eppure ci vanno. Idem per le macchinette ciuccia-euro dei bar. Se mi offrissero 4000 Euro al mese per sturare le fogne della mia città, io non ci andrei. Altri si. Qui è la stessa cosa: i loro siti sono la fogna della situazione, i webmaster ci sguazzano dentro e se ne sbattono di offrire roba interessante.Finchè i bar useranno le macchinette, i cartomanti non avranno scrupoli e i webmaster se ne fregeranno di fare un sito utile e bello magari perchè sono appassionati (e non avvoltoi che si gettano sul web per vendere ciarpame)... allora le cose non cambieranno.
    • Anonimo scrive:
      Re: I webmaster: vero problema
      Sono d'accordo.
      • Anonimo scrive:
        AHUA!
        finche' ci sono i cazzoni che li scaricano e che usano connessione analogica, allora il mercato esistera'. la colpa e' dei cazzoni che li scaricano. sono cazzoni? se lo meritano.
        • Anonimo scrive:
          Re: AHUA!
          - Scritto da: ahua
          finche' ci sono i cazzoni che li scaricano e
          che usano connessione analogica, allora il
          mercato esistera'. la colpa e' dei cazzoni
          che li scaricano. sono cazzoni? se lo
          meritano.ti auguro di aver figli cazzoni che skaricano le peggio kose, kosì potrai definirti padre di cazzoni, che non è male (soprattutto quando paghi la bolletta). isn't' it?
        • Anonimo scrive:
          Re: AHUA!
          Forse, più semplicemente, non se l'immaginano.
    • Anonimo scrive:
      Re: I webmaster: vero problema
      Splendido post, assolutamente d'accordo.
    • Anonimo scrive:
      Re: I webmaster: vero problema
      - Scritto da: Webmà
      Molti di questi "webmaster" sono dei
      ragazzino e molti sono pure minorenni. ...definirli webmaster, mi sembra un po' un offesa per chi di questo lavor ci campa.in ogni caso sono d'accordo con te
      • Anonimo scrive:
        Re: I webmaster: vero problema

        definirli webmaster, mi sembra un po' un offesa
        per chi di questo lavor ci campaHai ragione, ecco perchè ho messo webmaster tra virgolette :) È comunque un termine che a me non piace neanche per chi esercita realmente questa professione, perchè lo trovo un tantino pomposo. "Maestro del web", in pratica. Secondo me un "Webdeveloper/Sitedeveloper" sarebbe più adatto e attinente alla realtà dei fatti: di sviluppatori ce ne sono tantissimo, di maestri... insomma :)
  • Anonimo scrive:
    Se clicchi su è colpa tua i venditori di olio di
    serpente, sono esistiti, esistono, ed esisteranno sempre, e l'inteliggenza e la cultura del popolo a far si che essi imperversino o languiscano.considerando le varie vanna e company, e ovvio ritenere che di cultura in giro (ma più che saper qui è questione di essere superiori alla massa visto che nella rete delle varie mage mago ecc.. sono caduti anche laureati ed affini) non c'è ne molta, questo ovviamente rispecchia benissimo lo stato in cui languisce la rete internet italiana.punire no non serve e giusto lasciare che queste società ingrassino sulla pelle degli stolti, quando lo stolto finalmente capira allora il tutto perderà interesse.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se clicchi su è colpa tua i venditori di olio di
      Sono d'accordo con te, ma prima di parlare di cultura stai attento agli errori di ortografia! ;-)
      esisteranno sempre, e l'inteliggenza e lainteLiggenza?
      delle varie mage mago ecc.. sono cadutiMage!?!?!?!?
  • Anonimo scrive:
    Non e' un fenomeno solo italiano!
    Per quanto possa sembrare strano agli occhi di chi ha scritto l'articolo il fenomeno e' diffuso in tutta europa spagna francia inghilterra e quindi prima di scrivere qlc bisognerebbe informarsi un minimo e farsi un giro per il web.Comunque nn ci trovo nulla di male se la gente preferisce pagare tramite bolletta l'accesso ad un sito porno piuttosto che pagare tramite carta di credito (metodo ancora diffuso negli USA dove la gente usa piu' semplicemente le carte di credito)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' un fenomeno solo italiano!
      - Scritto da: ginlemon
      Comunque nn ci trovo nulla di male se la
      gente preferisce pagare tramite bolletta
      l'accesso ad un sito porno piuttosto che
      pagare tramite carta di credito Non si tratta solo di porno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' un fenomeno solo italiano!
      - Scritto da: ginlemon
      Per quanto possa sembrare strano agli occhi
      di chi ha scritto l'articolo il fenomeno e'
      diffuso in tutta europa spagna francia
      inghilterra e quindi prima di scrivere qlc
      bisognerebbe informarsi un minimo e farsi un
      giro per il web.** Penso sia piu' importante la regola secondo cui, prima di scrivere, occorre leggere. Non ho mai escluso che il fenomeno sia diffuso anche all'estero ma, anche per motivi giuridici e di brevita', ho ritenuto di dover circoscrivere il discorso all'Italia.
      Comunque nn ci trovo nulla di male se la
      gente preferisce pagare tramite bolletta
      l'accesso ad un sito porno ** Gia'... bisognerebbe informarsi prima di scrivere. Non solo porno... ma sul punto ha gia' risposto Micio, che ringrazio.Un saluto.avv. Daniele Minotti
      • Anonimo scrive:
        OT - hello Daniele..
        ciao Daniele, anni e annorum fa ci siamo incrociati. Stamattina quando ho letto il tuo nome su PI ho pensato, ma si, sta a vedere che e' lui. Non sapevo del tuo sito, ma gia' allora eri parecchio avanti con la Rete, quasi naturale che ti specializzassi. Complimenti e auguroni.L.
        • Anonimo scrive:
          Re: OT - hello Daniele..
          - Scritto da: Lock One
          ciao Daniele, anni e annorum fa ci siamo
          incrociati. Stamattina quando ho letto il
          tuo nome su PI ho pensato, ma si, sta a
          vedere che e' lui.
          Non sapevo del tuo sito, ma gia' allora eri
          parecchio avanti con la Rete, quasi naturale
          che ti specializzassi. Complimenti e
          auguroni.

          L.** A questo punto dovresti dirmi chi sei, meglio se privatamente.Ciao.Daniele Minotti
  • Anonimo scrive:
    Ha la carta? ...No PagoTel!
    Cassiera: Carta di credito?Io: ...No, PagoTel!In un colpo solo fornisco:il numero di telefono (ovvio),i miei dati,il mio indirizzo,la predisposizione ad accettare nuove e straordinarie proposte commerciali...e forse molto altro ancora.Semplice no?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha la carta? ...No PagoTel!

      predisposizione ad accettare nuove e
      straordinarie proposte commercialiFantastico, solo che ora come ora queste fantastiche offerte sono limitate tendenzialmente a servizi pseudo-erotici e costano più di un pornazzo in edicola.
  • Anonimo scrive:
    A me non frega niente dei dialer
    Uso Linux eh, eh... quindi anche volendo...e poi non mi interessano loghi e suonerie.Piuttosto quello che mi rompe sempre di più è lo spamming, e meno male che la legge europea che vieta l'opt-out lo mettera' finalmente fuori legge (e non solo fuori-netiquette come era stato fino ad'ora!)Sinceramente sono felicissimo dei fallimenti delle iniziative commerciali sul web e spero proprio che tutte le attività commerciali spariscano presto dalla rete e ci riconsegnino internet come mezzo di comunicazione e di scambio culturale al servizio della Comunita' e non delle azziende.In più questo taglerebbe fuori molti incompetenti che insozzano internet con virus, attachment e palle varie.Eh, eh, vedrete! torneremo presto ad essere pochi ma buoni :)
    • Anonimo scrive:
      Re: A me non frega niente dei dialer
      - Scritto da: SpamCop
      Piuttosto quello che mi rompe sempre di più
      è lo spamming, e meno male che la legge
      europea che vieta l'opt-out lo mettera'
      finalmente fuori leggeDubito che questo possa fermare realmente il fenomeno. Se c'è tanto spamming vuole dire che rende. Pensa che ho un "amico" che mi spedisce le cose che ritiene possano essermi utile per il mio lavoro... Ad alcuni piace ricevere lo spam. Sembra pazzesco, ma è così.
      Sinceramente sono felicissimo dei fallimenti
      delle iniziative commerciali sul webTanti, è vero, ma quando la nuova generazione del merketing (notoriamente personaggi piuttosto scaltri, ma assolutamente inaffidabili - e ne ho conosciuti molti) avrà escogitato nuove tattiche, allora vedrai...
      riconsegnino internet come mezzo di
      comunicazione e di scambio culturale al
      servizio della Comunita' e non delle
      azziende.Bella questa...
      In più questo taglerebbe fuori molti
      incompetenti che insozzano internet con
      virus, attachment e palle varie.Oramai è tardi. Ho un'"amica" molto acculturata e serissima che aveva preso l'abitudine a mandare e-mail in html con sfondi da almeno un mega. Sai, lo faceva dal mega ufficio e non capiva le proteste indignate.
      Eh, eh, vedrete! torneremo presto ad essere
      pochi ma buoni :)Vana, e forse ingiusta, speranza.
    • Anonimo scrive:
      Re: A me non frega niente dei dialer

      sono felicissimo dei fallimenti
      delle iniziative commerciali sul web
      Eh, eh, vedrete! torneremo presto ad essere
      pochi ma buoni :)Ah, finalmente qualcun altro.Evidentemente siamo di sicuro pochi, sul "buoni"si potrebbe discutere..
    • Anonimo scrive:
      Re: A me non frega niente dei dialer
      Bravo, sì, ritorniamo a quando le uniche connessioni erano quelle delle università, dove se avevi culo (oppure leccavi il culo all'assistente del Prof. di reti) forse potevi vedere cos'era un Telnet...Dite grazie al biz se oggi ci connettiamo a banda larga con due lire.Cia'
      • Anonimo scrive:
        Re: A me non frega niente dei dialer
        - Scritto da: io
        Bravo, sì, ritorniamo a quando le uniche
        connessioni erano quelle delle università,e bè? che c'era di male? il guaio è stato quando internet ha incominciato a essere usato da casa per il cazzeggio. Che torni ad essere usato da chi LO SA USARE e GLI SERVE.
        dove se avevi culo (oppure leccavi il culo
        all'assistente del Prof. di reti) forse
        potevi vedere cos'era un Telnet...boh.. da noi non è mai stato cosi'... ma dipende sempre dove hai studiato. in effetti altre università so che non hanno mai avuto una bella situazione nei laboratori (e non solo per l'informatica!) ma questo non vedo cosa ha a che vedere con internet
        Dite grazie al biz se oggi ci connettiamo a
        banda larga con due lire.appunto... questo è il problema:)

        Cia'
    • Anonimo scrive:
      Re: A me non frega niente dei dialer
      Anche se so che sarà quasi impossibile che accada quello che dici tu alla fine del tuo messaggio lo spero proprio, questa è la mentalià della gente che deve usare internet :)- Scritto da: SpamCop
      Uso Linux eh, eh... quindi anche volendo...
      e poi non mi interessano loghi e suonerie.
      Piuttosto quello che mi rompe sempre di più
      è lo spamming, e meno male che la legge
      europea che vieta l'opt-out lo mettera'
      finalmente fuori legge (e non solo
      fuori-netiquette come era stato fino
      ad'ora!)
      Sinceramente sono felicissimo dei fallimenti
      delle iniziative commerciali sul web e spero
      proprio che tutte le attività commerciali
      spariscano presto dalla rete e ci
      riconsegnino internet come mezzo di
      comunicazione e di scambio culturale al
      servizio della Comunita' e non delle
      azziende.
      In più questo taglerebbe fuori molti
      incompetenti che insozzano internet con
      virus, attachment e palle varie.
      Eh, eh, vedrete! torneremo presto ad essere
      pochi ma buoni :)
  • Anonimo scrive:
    Solo dialer ?
    Purtroppo questa storia dei dialer sta invadendo l'Italia come un cancro.Basta notare come dalla rete non si possa più mandare un SMS o una suoneria o un logo, do come sia sempre più difficile trovare screensavers, sfondi e quantaltro. Tutto a pagamento a prezzi folli. Mi correggo: tutta spazzatura a pagamento a prezzi folli.Non tralasciamo il fatto che oramai anche "grandi" come TELE+ hanno pensato bene di dotare la propria assistenza tecnica NON di un n° verde, NON di uno interurbano normale, ma di un 199 !!!E come al solito loro guadagnano, Telecom non ne parliamo nemmeno e noi, stupidi che li usiamo, spendiamo ancora altri soldi. :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo dialer ?
      Giusto. Perchè non si dice quanto guadagna la Telecom sulle chiamate dei sevizi Dial - Up 166 ? Il grosso dei soldi va alla compagnia telefonica, e solo una percentuale più bassa al "Webmaster". Questo passa (giustamente) da furbastro, mentre la compagnia telefonica si tiene fuori dalla mischia e porta a casa soldoni.Rispetto al Webamster quasi ci guadagna di più lo Stato con il 20% di Iva (che è calcolata sul totale dei due). Ciao a tutti e grazie per i begli interventi, Rogas
  • Anonimo scrive:
    Re: LOGHI E SUONERIE!! CLIKKA QUI!!!
    Non ho letto tutto.....ma voglio solo risponderti su un punto : Spesso i siti con dialer, sono quelli messi su in 5 minuti, su server gratuiti e con scritte ingannevoli.Penso che in galera dovrebbero finirci anche questi "webmaster" ( odio definirli webmaster....e come chiamare dentista un carrozziere che si mette il camice bianco :( )
    • Anonimo scrive:
      Re: LOGHI E SUONERIE!! CLIKKA QUI!!!

      Spesso i siti con dialer, sono quelli messi
      su in 5 minuti, su server gratuiti e con
      scritte ingannevoli.Spesso ma non solo:Wind, genie ed altri grandi portali hanno link su loghi e suonerie che puntano direttamente al download del dialer...
  • Anonimo scrive:
    Il dialer è un'ottima invenzione!
    Siamo tutti d'accordo che un euro e mezzo al minuto + iva per inviarsi loghi e suonerie sono troppi ma questo è un problema di gioventù, dopotutto è un'invenzione recente, è ovvio che gli speculatori ci provano...Invece io vedo un ottimo futuro per i dialer sia per i webmaster che per gli utenti.Immaginate di dover acquistare una canzone... la carta di credito su internet mi sembra un mezzo decisamente OUT invece un dialer che magari costa 2 euro senza limite di tempo... io li spenderei volentieri e sicuramente il fenomeno combatterebbe la pirateria!E' ovvio che tutto dev'essere controllato e regolamentato ma questo vale anche per gli altri mezzi di pagamento...Sicuramente il dialer meno rischioso di una VISA o di una ricarica telefonica in più è molto comodo ed immediato e si non si paga prima di avere il servizio ma solo quando arriva la bolletta.Meditate gente, meditate!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
      Conosci poco internet eh? :)Scusa ma : - Scritto da: Salabàr
      Invece io vedo un ottimo futuro per i dialer
      sia per i webmaster che per gli utenti.Sei un'ottimista
      Immaginate di dover acquistare una
      canzone... la carta di credito su internet
      mi sembra un mezzo decisamente OUT invece un
      dialer che magari costa 2 euro senza limite
      di tempo...Le chiamate vengono redirette su numeri a tempo e costano un'occhio.Ed inoltre, pensa a dover star li a scaricarti un mp3....con un 56K ci impieghi circa 10 minuti ad 1.30? al minuto, paghi x una canzone, la stessa cifra dell'intero cd!
      io li spenderei volentieri e
      sicuramente il fenomeno combatterebbe la
      pirateria!:) Se poi e' invece senza limite di tempo a 1.30? a chiamata....beh....tutti spenderebbero 1.30? x scaricarsi l'album completo ( e non solo quello )
      Sicuramente il dialer meno rischioso di una
      VISA o di una ricarica telefonica in più è
      molto comodo ed immediato e si non si paga
      prima di avere il servizio ma solo quando
      arriva la bolletta.SOLO se questo dialer e' di tipo legale ( che mostri bene quanto costa installarlo e usarlo )Bye ( e medita anche tu )
      • Anonimo scrive:
        Re: Il dialer è un'ottima invenzione!

        Le chiamate vengono redirette su numeri a
        tempo e costano un'occhio.
        Ed inoltre, pensa a dover star li a
        scaricarti un mp3....con un 56K ci impieghi
        circa 10 minuti ad 1.30? al minuto, paghi x
        una canzone, la stessa cifra dell'intero cd!Ma leggi prima di rispondere o hai messo delle lenti a contatto di ghisa????Ho detto 2? senza limiti di tempo, non 1,30? al minuto!
        • Anonimo scrive:
          Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
          t'ho risposto anche nel caso in cui le telefonate erano "senza scatti".Le lenti le ho di vetro...e le tue? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
      posso essere d'accordo per qualche tipo di servizio (p.es. banche dati o okkei anche la canzone da scaricare), ma non sono convinto.Prima di tutto è una scelta molto controcorrente, si và verso la banda larga e invece devo restare attaccato ai 56/64 k. Tutte le dorsali non servono più?Per andare a prendere il mio filettino alle isole Cayman non uso più traffico IP, ma gli telefono (?)fondamentalmente credo che però la differenza sia:-voglio dare dei servizi a pagamento, gli dico ovvero pubblico sul mio sito il numero di telefono a cui chiamare (in fin dei conti l'accesso remoto di qualsiasi s.o. funziona e posso non aver voglia di intallare tutti i dialer di sto mondo)- preferisco rimanere tra il lusco e il brusco (al limite della legalità o comunque sfruttare l'inconsapevolezza di qualcuno) e allora gli metto il programmino da scaricare che va bene solo per un s.o.saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
      E secondo te io, che hop u9na connessione ADSL dovrei tornare al mio modemino 56k per comprare su internet??Bah- Scritto da: Salabàr
      Siamo tutti d'accordo che un euro e mezzo al
      minuto + iva per inviarsi loghi e suonerie
      sono troppi ma questo è un problema di
      gioventù, dopotutto è un'invenzione recente,
      è ovvio che gli speculatori ci provano...

      Invece io vedo un ottimo futuro per i dialer
      sia per i webmaster che per gli utenti.

      Immaginate di dover acquistare una
      canzone... la carta di credito su internet
      mi sembra un mezzo decisamente OUT invece un
      dialer che magari costa 2 euro senza limite
      di tempo... io li spenderei volentieri e
      sicuramente il fenomeno combatterebbe la
      pirateria!
      E' ovvio che tutto dev'essere controllato e
      regolamentato ma questo vale anche per gli
      altri mezzi di pagamento...
      Sicuramente il dialer meno rischioso di una
      VISA o di una ricarica telefonica in più è
      molto comodo ed immediato e si non si paga
      prima di avere il servizio ma solo quando
      arriva la bolletta.

      Meditate gente, meditate!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
      Le tue sono considerazioni squallide Salvatopo.I dialer avrebbero futuro certo..ma in un ben altro contesto.Magari fra 10 anni quando la cultura informatica sarà un percorso che inizia alle scuole elementari e accompagna gli individui in tutta la loro crescita formativa.Ma fra 10 anni ci saranno mezzi ben piu trasparenti per gestire le transazioni economiche in rete.I dialer oggi come oggi sono solo un enorme grandissimo raggiro.Fanno leva sull' ingenuità degli adolescenti e su tutti quelli con scarsa conoscenza informatica.Loghi, sfondi, donnine nude....chiunque dotato di una minima esperienza di rete sa che può trovare le stesse cose in maniera gratuita.Loghi, sfondi, donnine nude...i servizi sono sempre quelli...costruiti ad arte perchè hanno come target le debolezze dei ragazzini.E i genitori si vedono arrivare a casa bollette milionarie e piangono.A voglia a dire che quei ragazzi sono solo un branco di deficienti..non hanno l'esperienza del mondo e di come certa gente per guadagnarsi la pagnotta quotidiana non esita a barcamenarsi tra bassezze cialtronerie.I costi del servizio vengono puntualmente nascosti e cammuffati.Questi siti sono ricchi di link e immagini tutti puntualmente collegati al prelevamento di un unico file:il dialer appunto.Solo questo fa capire il tentativo di restituire di mascheramento.C'è tanta...troppa malafede.Anche la definizione che da l'avvocato nell'articolo di "si tratta dell'ultima frontiera dell'e-business (pur di basso profilo), di un mezzo che pare possa aiutare i webmaster a mantenere i propri siti" fa rabbrividere perche conferisce una dignità ai servizi dialer che non gli appartiene. L'unico aspetto positivo se eufemisticamente così si puo chiamare è che i dialer trasformeranno il rapporto che oggi ha l'utente italiano con la rete.Meno pressapochismo,idealismo e più diffidenza, più consapevolezza, più preparazione.Perchè io scommetto sarà così.Quando scoppierà il bubbone ...e l'attenzione dei media si sposterà su questa colonna infame di servizi i dialer faranno la fine degli 166.Ma come al solito..in Italia i problemi li mette in luce solo il Gabibbo (e Punto Informatico)Anche la definizione di
      • Anonimo scrive:
        Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
        Ho sbagliato nick il mio messaggio era una risposta a salabar e al suo irritante "meditate gente, meditate" non a salvatopo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
        Quando parli di contenuti e dici che sono sempre gli stessi beh ti sbagli, io ti porto la mia esperienza diretta con servizi per adulti, e ti posso dire che i contenuti nuovi ci sono e come! COme dici bene tu foto, e filmati si trovano gratis in erete! Ma uan cosa che non potrà mai essere gratis sono le Webcam dal Vivo con ragazze, gli Show dal VIvo e comuqnue tutto ciò che è dal vivo che è unico e non è mai uguale da sito a sito... il mondo del porno on-line e off-line funzionerà sempre in ogni caso...poi per le suonerie e loghi sono d'accordo con te.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
      E se tuo figlio accende il computer e in un pomeriggio scarica una decina di mp3, i loghi per il cellulare e una ventina di screensaver il tutto attraverso dei dialer cosa ne penseresti???La carta di credito la puoi usare solo tu mentre il pc lo possono usare tutti indistintamente dall'età e dalla persona
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dialer è un'ottima invenzione!
      - Scritto da: Salabàr
      Siamo tutti d'accordo che un euro e mezzo al
      minuto + iva per inviarsi loghi e suonerie
      sono troppi ma questo è un problema di
      gioventù, dopotutto è un'invenzione recente,
      è ovvio che gli speculatori ci provano...Non si tratta solo di questo, ci sono due particolari da considerare.1) I numeri a 'valore aggiunto' non sono una novità, esistono a occhio e croce da una decina di anni. Prima sono stati usati per servizi in voce, e ora che il traffico su quei servizi si è gradatamente abbassato, stanno tentando di riciclarli per altre cose, generalmente più nascoste. In ogni caso non si può parlare di servizi 'appena nati', esistono da anni e hanno già mostrato che ne momento in cui l'utenza si accorge del loro costo, se ne vanno in malora.2) Il modo di addebitare l'importo è fondamentalmente sbagliato, in quanto si basa sul tempo di connessione e non sul fatto che il servizio sia stato effettivamente fornito: il che significa che anche volendo essere onesti succederà che in alcuni casi non si riesca ad ottenere il servizio promesso (magari per un banale problema al modem) ma la telefonata viene addebitata comunque.
      ...invece un
      dialer che magari costa 2 euro senza limite
      di tempo... io li spenderei volentieri e
      sicuramente il fenomeno combatterebbe la
      pirateria!E qui andiamo sulle ipotesi del tipo "Se mio nonno aveva le ruote era un carretto." Tutti i servizi attuali, così come quelli passati, sono stati sempre tariffati sulla durata della connessione, il che significa che ipotizzare altri meccanismi di tariffa è completamente fuori luogo. In ogni caso, solo uno stupido metterebbe in piedi un servizio a costo fisso senza limiti di tempo, il 99% degli utenti utilizzerebbe la chiamata per tempi lunghissimi, Telecom non fa beneficenza e tarifferebbe comunque il fornitore a tempo, e quindi quelle chiamate sarebbero una perdita secca per il fornitore stesso. Rimane il solito discorso, prima di proporre una soluzione alternativa, non sarebbe male valutare se questa soluzione alternativa è praticabile.
      Sicuramente il dialer meno rischioso di una
      VISA o di una ricarica telefonica in più è
      molto comodo ed immediato e si non si paga
      prima di avere il servizio ma solo quando
      arriva la bolletta.E' vero, si paga dopo, ma nel momento che la chiamata è stata fatta è stato applicato anche l'addebito, e l'addebito non può essere stornato in alcun modo, quindi cosa cambia? La ricarica telefonica, se gestita correttamente dai gestori (fino ad ora non ho sentito molte lamentele in merito) è sicura e la procedura non permette che errori da parte dell'utente facciano sì che questo possa sprecare la ricarica senza ottenere l'accredito desiderato (Sì è vero, da un telefono fisso si può accreditare la ricarica sul numero telefonico sbagliato, ma facendolo dal proprio cellulare questo non può succedere). Nel dialer invece, come detto prima, non è mai escludibile a priori che l'utente paghi per un servizio che invece non riuscirà ad ottenere, non capisco quindi dove sia questa ''maggior sicurezza', se non in un modello piuttosto visionario e lontano dal 'mondo reale'.
      Meditate gente, meditate!Invece secondo me un paio di meditazioni 'prima' di scrivere il messaggio originale non sarebbero state male.
  • Anonimo scrive:
    Bravo, articolo equilibrato e ben fatto.
    ciao, lascio solo una parola di apprezzamento per la lucida analisi fatta dall'autore, in tutti i casi è sempre pericoloso generalizzare perchè si rischia di dare origine ad una caccia alle straghe.e' implicito che a mio modo di vedere l'unica azione moralmente e giuridicamente lecita è la variante 1 dei dialers, rappresenta, se gestita correttamente una forma di micropagamento che bypassa completamente le problematiche legate ai circuiti interbancari.Ciao!Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo, articolo equilibrato e ben fatto.
      Beh, il tuo nick mi sembra azzeccato: Tamerlano è stato uno dei condottieri più sanguinari della storia... e i dialer assomigliano alle orde mongole e turche, conquistano e arraffano senza guardare in faccia a nessuno, senza pietà.
  • Anonimo scrive:
    Ecco chi ha cominciato
    Il primo dialer di cui si ha notizia certa è legato alla società Celtline Holdings LTD di dublino nell'estate del 1998.La società è ora la E-Group di Barcellona che ha attivato il grande network (programmi di affiliazione) NOCREDITCARD.COMNel lontano 1998 il dialer veniva "pubblicizzato" con spam e poi ancora spam, da tale Pascal Pegaz- Paquet.Il soggetto ora è il presidentissimo della E-Group che nell'autunno del 2001 ha concluso un accordo miliardario con Lycos.Insomma un Presidente-Spammatore, se è così che si fa carriera e soldi in Rete siamo messi bene...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco chi ha cominciato
      No ho notizia di dialer in Italia anche prima....Nel 1996 circa...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco chi ha cominciato
        Quelli che istalli tramite cd e ti fanno collegare ad internet tramite libero, tiscali ecc... sono dialer anche loro ;)Solo che la telefonata è urbana.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco chi ha cominciato
        Se hai qualche riferimento certo segnalamelo.Grazie e ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco chi ha cominciato
          Te lo segnalo io... i dialer mi ricordo che li usava gia mio padre nel suo sito nel 1996, mi ricordo che quelli si collegavano in Cile e in Oceania, ora però tutto è cambiato,le connessioni avvengono in Italia su numerazioni a valore aggiunto le chiamate all'estero non esistono piu.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco chi ha cominciato

            Te lo segnalo io... i dialer mi ricordo che
            li usava gia mio padre nel suo sito nel
            1996, mi ricordo che quelli si collegavano
            in Cile e in Oceania, ora però tutto è
            cambiato,le connessioni avvengono in Italia
            su numerazioni a valore aggiunto le chiamate
            all'estero non esistono piu.Grazie, ma per segnalazione intendo almeno un URL. Qual'era il sito di tuo padre nel 1996 ?Ciao
  • Anonimo scrive:
    mordi e fuggi?
    Il più grande ostacolo all'esplosione dell'economia attraverso alla rete è la mancanza di fiducia.Non è una opinione personale o di una o dell'altra parte, è nella cronaca on e off line di tutti i giorni, è una legge di mercato (meno vedo il "prodotto" meno mi fido). A forza di dare pacchi come i dialer che fanno arrivare a casa dell'utente bollette assurde che l'utente medio non sa nemmeno spiegarsi, la massa della gente aumenta la sfiducia verso un media già ostico, o almeno più ostico dei normali canali di vendita e di servizio.C'è un bel da dire che stando attenti si può evitare di installare questi dialer e che quindi c'è una parte di negligenza o imperizia, ma si può anche evitare di essere scippati o aggrediti ma questo non rende meno odioso e meno criminale questo atto!Se la truffa è legalizzata, e dubito che lo resterà a lungo (è una forma di contratto vessatorio non controfirmabile, formalmente indifendibile in giudizio), la gente imparerà presto a tenersene alla larga, fino alla prossima truffa più furba.E intanto il web avrà perso una altra occasione per generare fiducia e quindi un reale ritorno economico, mentre il primo furbone ad approfittare della furbata avrà fatto qualche soldo alle spalle di tanti altri più tardivi o meno furbi e di tanti polli che la prossima volta ci penseranno bene (in senso NEGATIVO) prima di tornare clienti di quel media!
    • Anonimo scrive:
      Re: mordi e fuggi?
      Sono perfettamente d'accordo con te, e' proprio questo il punto.
    • Anonimo scrive:
      Re: mordi e fuggi?

      Se la truffa è legalizzata, e dubito che lo
      resterà a lungo (è una forma di contratto
      vessatorio non controfirmabile, formalmente
      indifendibile in giudizio).Più o meno.Il problema è che, con l'addebito in bolletta, TU paghi in anticipo e poi, se vuoi far valere quanto dici, dovrai TU agire in giudizio (civile: del penale non se ne parla, perchè i PM non hanno tempo x queste cose...), contro una società probabilmente fantasma o estera o cmq a responsabilità limitata.Risultato?TU avrai speso un bel po' di soldini in spese legali, la controparte (sempre che riesci a trovarla) non si costituirà neppure e, dopo un bel pò, andrai a fare un'esecuzione forzata contro qualcuno che non c'è più, o non ha niente di pignorabile o si trova in un posto dove non puoi procedere all'esecuzione forzata.
      E intanto il web avrà perso una altra
      occasione per generare fiducia e quindi un
      reale ritorno economico, mentre il primo
      furbone ad approfittare della furbata avrà
      fatto qualche soldoEhm, in questo momento, un buon sito (con qualche migliaio di visitatori quotidiani) arriva tranquillamente a 20.000-30.000 euro al mese...CiaoMarco
  • Anonimo scrive:
    Scusate ma ce ne vuole però!
    Non vorrei sembrarvi polemico o montato, ma secondo me il problema principale è l'ignoranza profonda dell'utente medio che viene abilmente sfruttata da chi distribuisce, più o meno legalmente, questi programmini... Basta avere un MINIMO, ma proprio un minimo di coscienza e intelletto per rendersi conto che quel programmino sta impegnando il modem in qualcosa che di sicuro non è la normale connessione a internet... Se poi ci sono milioni di quindicenni idioti che non dormono la notte se non si cambiano il logo e la suoneria ogni giorno con le ultime canzonette da discoteca e appena vedono scritto: "Loghi e Suonerie per il tuo cellulare!" entrano in estasi e cliccano...Lorenzo TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma ce ne vuole però!
      Sempre con questa ignoranza!!!E che per guidare una macchina devo conoscere come funziona l'elettronica dell'iniezione Bosch?E per guardare la TV devo sapere per filo e per segno frequenze ed ampiezza di banda dei canali, circuiteria di sincronismo, PLL del telecomando, ecc. ecc.?Non dite castronerie!
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma ce ne vuole però!
        - Scritto da: pig
        Sempre con questa ignoranza!!!
        E che per guidare una macchina devo
        conoscere come funziona l'elettronica
        dell'iniezione Bosch?
        E per guardare la TV devo sapere per filo e
        per segno frequenze ed ampiezza di banda dei
        canali, circuiteria di sincronismo, PLL del
        telecomando, ecc. ecc.?
        Non dite castronerie!guarda pig, se per assurdo si riuscisse a farti pagare un costo superiore sulla bolletta dell'enel inviandoti un segnale tramite la televisione, allora anche li l'ignoranza farebbe male
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma lo si prende in c.lo
        - Scritto da: pig
        Sempre con questa ignoranza!!!
        E che per guidare una macchina devo
        conoscere come funziona l'elettronica
        dell'iniezione Bosch?No ma se non sai che in autostrada devi stare nella corsia più a destra stai tranquillo che prima o poi qualcuno ti viene nel culo.Sarai uno di quelli idioti che pensa che se vai a 130Km/h puoi stare nella corsia di sinistra o di centro...
        E per guardare la TV devo sapere per filo e
        per segno frequenze ed ampiezza di banda dei
        canali, circuiteria di sincronismo, PLL del
        telecomando, ecc. ecc.?
        Non dite castronerie!No ma se non sai che quando scegli un film in pay-per-view lo paghi e ne guardi 20 al giorno lo prendi in culo lo stesso.In tutte le cose bisogna essere informati per sapere cosa si sta facendo altrimenti sei liberissimo di vivere come una pecora...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma ce ne vuole però!
        - Scritto da: pig
        Sempre con questa ignoranza!!!sempre con la solita risposta!!! ma cambiatela ogni tanto!
        E che per guidare una macchina devo
        conoscere come funziona l'elettronica
        dell'iniezione Bosch?no, ma *devi* avere la patente. e anche saper cambiare una ruota non è una conoscenza buttata via.
        E per guardare la TV devo sapere per filo e
        per segno frequenze ed ampiezza di banda dei
        canali, circuiteria di sincronismo, PLL del
        telecomando, ecc. ecc.?no, ma saper sintonizzare i canali senza chiamare un tecnico credo ti faccia risparmiare molto tempo (e soldi). o no? poi tutti si lamentano quando per svitare un case il tecnico assemblatore si prende 50.000 lire (o 26 ? se preferite)!
        Non dite castronerie!appunto! evitiamo paragoni a cazzo, grazieciaogodz
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma ce ne vuole però!
        - Scritto da: pig
        Sempre con questa ignoranza!!!
        E che per guidare una macchina devo
        conoscere come funziona l'elettronica
        dell'iniezione Bosch?
        E per guardare la TV devo sapere per filo e
        per segno frequenze ed ampiezza di banda dei
        canali, circuiteria di sincronismo, PLL del
        telecomando, ecc. ecc.?
        Non dite castronerie!Non intendevo dire questo! Si può essere dei grandi piloti senza distinguere il radiatore dalla testata del motore, però almeno se la macchina va 60 km/h in meno e consuma il doppio capisci che c'è qualcosa che non va!Lorenzo TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma ce ne vuole però!
        - Scritto da: pig
        Sempre con questa ignoranza!!!
        E che per guidare una macchina devo
        conoscere come funziona l'elettronica
        dell'iniezione Bosch?No, ma devi sapere che differenza c'è fra l'acceleratore ed il freno, e sapere che se passi col rosso rischi un frontale...Nessuno ti chiede di dissassemblare un dialer, ma almeno sapere che ti sta fregando. Credo che ci sia gente che disquisisce sa a menadito le caratteristiche tecniche di una Golf o del suo cellulare e poi clicca al volo sul primo banner-truffa che vede
        E per guardare la TV devo sapere per filo e
        per segno frequenze ed ampiezza di banda dei
        canali, circuiteria di sincronismo, PLL del
        telecomando, ecc. ecc.?No, ma se vedi Wanna Marchi che ti promette il paradiso a 100.000 lire e non capisci che sta cercando di truffarti e corri al telefono, forse non sai guardare comunque la TV...
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma ce ne vuole però!
      :) Se e' un dialer "legale" (come quelli che stanno sparendo ), e' come dici tu, ma purtroppo, ti posso assicurare che ci sono tanti di quei dialer, che neanche un sistemista riuscirebbe a bloccarli!Per esperienza personale, utilizzando un server Nt, non mi sono accorto minimamente di quando e' stato installato il dialer ( tutto in background ), e cercava di far partire automaticamente la connessione ad ogni avvio del pc.Inutile dire che ho cercato tra le varie cartelle, nei file di configurazione ( msconfig )e tra i registri ( RunService e RunOnce ), ma del cosetto li', neanche l'ombra.Poi un giorno m'e' venuta l'idea di cercare tra i vari file della cartella winNt ed era tutto bello li, con l'icona degli aggiornamenti di McAfee Av a partire quando meno te lo aspetti ( ps. aveva anche il nome simile ad un aggiornamento della McAfee Av ) .Da quel giorno non e' partito +, ma ti assicuro che anche se sono abbastanza bravo nel mio campo, non c'e' stato modo di eliminarlo con i normali mezzi.Ps. M'ha salvato l'ADSL :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma ce ne vuole però!
      Pienamente d'accordo con te, però ti dico che anche tra la gente adulta la maggior parte è così, sono amministratore di rete e ti assicuro che l'80% dei miei utenti non riesce a capire che non deve aprire un allegato proveniente da un'email se non ne conosce il contenuto...- Scritto da: Lorenzo TAD
      Non vorrei sembrarvi polemico o montato, ma
      secondo me il problema principale è
      l'ignoranza profonda dell'utente medio che
      viene abilmente sfruttata da chi
      distribuisce, più o meno legalmente, questi
      programmini... Basta avere un MINIMO, ma
      proprio un minimo di coscienza e intelletto
      per rendersi conto che quel programmino sta
      impegnando il modem in qualcosa che di
      sicuro non è la normale connessione a
      internet...

      Se poi ci sono milioni di quindicenni
      idioti che non dormono la notte se non si
      cambiano il logo e la suoneria ogni giorno
      con le ultime canzonette da discoteca e
      appena vedono scritto: "Loghi e Suonerie per
      il tuo cellulare!" entrano in estasi e
      cliccano...

      Lorenzo TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma ce ne vuole però!
        Nell'azienda dove lavoro io c'è una grossa LAN con decine di postazioni collegate via posta a 2 server principali. Qualche idiota su questi server un giorno ha aperto un allegato e via! Tutte le postazioni infettate dal virus... Questo solo per farti un esempio... E rischiavamo di perdere centinaia di milioni per un'idiota che ha fatto clic!Lorenzo TAD- Scritto da: Gallone
        Pienamente d'accordo con te, però ti dico
        che anche tra la gente adulta la maggior
        parte è così, sono amministratore di rete e
        ti assicuro che l'80% dei miei utenti non
        riesce a capire che non deve aprire un
        allegato proveniente da un'email se non ne
        conosce il contenuto...
  • Anonimo scrive:
    Ma... Ancora 'sta storia?!?!
    Tempo fa parlai di "bassifondi di Internet" e di "Wanna Marchi" in versione informatica; rivendico il Trademark!! :-)Ci sarà pure dialer e dialer, ma secondo me per i sedicenti webmaster "arrotondare lo stipendio" (che forse in origine era quadrato?!?!) con i dialer è l'equivalente informatico del finanziare una attività con il traffico di armi o lo spaccio di droga.Poi si possono pure accampare ridicole scuse del tipo "ma offriamo un servizio", "i ragazzini trovano tutte le suonerie che desiderano" ecc...MA CHE SERVIZIO E SERVIZIO!Nessuna persona SANA DI MENTE installerebbe consapevolmente un dialer SE SAPESSE ESATTAMENTE a cosa va incontro. Purtroppo molti sono abituati ad installare le cose ad occhi chiusi senza leggere le istruzioni o i vari disclaimer, altri invece non necessariamente capiscono esattamente cosa stanno facendo, altri ancora magari in quel momento avevano il cervello zippato...Ma comunque TUTTI si accorgono DOPO di quello che è successo... quando arriva la bolletta.Come? Che dici, "webmaster"? Che anche tu devi lavorare?Nessuno dice che non devi lavorare, ma trovati un lavoro...(Questa non è mia ma di Federico Fellini. Ah, quanto aveva ragione...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma... Ancora 'sta storia?!?!
      Finalmente !Era ora che lo si capisse. Con questi stramaledetti dialer sta morendo internet... vi piacerebbe se Italia1 oltre a fare pubblicità ci facesse pagare attraverso un "televoto" ad un 166 per un votare il film appena visto ?Oppure che la RAI dica :"Se vuol vedere il telegiornale digiti 166*******" sennò ci oscura ?Ma quando mai ?Sono decenni che la pubblicità paga tutto, anche se oramai siamo arrivati a livelli vergognosi: ora c'è troppa pubblicità di basso livello. Basterebbe far pagare di più gli spot-banner e tutto si risolverebbe...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma... Ancora 'sta storia?!?!
        - Scritto da: Salvatopo
        Finalmente !
        Era ora che lo si capisse. Con questi
        stramaledetti dialer sta morendo internet...
        vi piacerebbe se Italia1 oltre a fare
        pubblicità ci facesse pagare attraverso un
        "televoto" ad un 166 per un votare il film
        appena visto ?Ragazzo, non ti sei allontanato molto dalla realtà, se solo pensi al televoto x il grande fratello, saranno famosi e compagnia bella!Evidentemente anche berlusconi non disdegna certi mezzucci x spennare i polli di turno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma... Ancora 'sta storia?!?!
      Beh guarda se ti informi bene non diresti alcune cazzate.. ormai da qualche mese chi si collega tramite dialer viene avvisato dalall atelecom tramite un telegramma entro le 48 ore successive in cui viene specificato che è stata effettuata una chiamata ad un numero a valora aggiunto, e nel telegramma viene anche indicato l'importo speso ..e nonostante questo la gente si collega amcora! Quindi non è vero che non sa dove va in contro!!! La gente sa che paga per quel servizio ma se ci va piu di una volta vuol dire che gli è piaciuto, e che il servizio offerto è soddisfacente.. basta con i vittimismi per favore e informati prima di parlare
  • Anonimo scrive:
    c'erano gia'...
    Gia' da un paio d'anni forse piu', mi ricordo che c'erano gia' dei dialer che ti consentivano di scaricare "gratuitamente" decine di immagini hard senza bisogno di password e carta di credito...beh... ti collegavano con l'oceania, pagavi una bolletta orribile... pero' avevi le tue immagini hard ! Wow :)In sostanza non credo che sia un'innovazione italiana... magari pero' e' stato qualche italo-americano :)Salutoz
  • Anonimo scrive:
    Dial-up e Brad-band
    Penso che i dialer siano destinati a morte sicura con l'avvento della banda larga. Restano "intrapploati" tutti quelli che non potranno usare ADSL ma col tempo... impareranno. Secondo me tempo un annetto e la pacchia finisce. Basta parlarn e cercare di spu//anarli con una certa regolarità, possibilmente su suti "famosi" (penso ai portaloni d'informazione come Tiscali, Jumpy, Virgilio...)Porc... mi sono dimenticato: spesso sono loro i primi ad usarli :) lol.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dial-up e Brad-band
      secondo me sei ottimista: un sacco di gente si connette e continuerà a connettersi attraverso i modem, anche per gli anni a venire. gli utenti più tecnologici sanno di adsl e simili, ma l'utente normale no, ed è proprio lui che rischia di più di cadere nella trappola dei dialer.penso che invece ci vorrebbe una forte azione legale contro gli utilizzi scorretti dei dialer (vedi l'articolo), che ridimensionerebbe sicuramente il problema.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma... Ancora 'sta storia?!?!
        - Scritto da: m4rco
        penso che invece ci vorrebbe una forte
        azione legale contro gli utilizzi scorretti
        dei dialer (vedi l'articolo), che
        ridimensionerebbe sicuramente il problema.Io penso che, invece, ci vorrebbe una azione educativa profonda nella gente. Ho visto 16enni spendersi 8 (OTTO !!!) euro per una suoneria per poi cambiarla 2 minuti dopo (e altri 8 euro...) senza minimamente rendersi conto di ciò che facevano, tanto i soldi non li "vedevano" andare via.Meditate gente, meditate.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma... Ancora 'sta storia?!?!
          Che ci vuoi fare? Io con la mia paghetta mensile e quello che riuscivo a tirar su con qualche lavoretto facevo fatica a comprarmi i dischi, i libri e tutto quello che mi interesseva.Adesso molti di questi ragazzini dotati di cellulare possono permettersi di spendere cifre incredibili, però per certi versi sono molto più infantili di quanto fossi io, e diventano il facile bersaglio dei soliti Gatti e Volpi. Dovrebbero leggere Collodi un po' più spesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma... Ancora 'sta storia?!?!

            Adesso molti di questi ragazzini dotati di
            cellulare possono permettersi di spendere cifre
            incredibiliIn questo caso la colpa è 90% dei genitori e 10% dei figli. Io mi comporto in un certo modo e capisco i valori grazie all'educazione che ho ricevuto. La massa di questi teenager miniti di cellulare e motorino da 5 milioni dubito abbia avuto la stessa fortuna.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dial-up e Brad-band
      - Scritto da: .exe
      Penso che i dialer siano destinati a morte
      sicura con l'avvento della banda larga.
      In effetti io che ho l'adsl mi sento tranquillo, però siccome mando fax dal computer devo ricordarmi di staccare il cavo del telefono dal pc quando ho finito di mandare il fax.Questa cosa la faccio da quando l'antivirus un giorno mi ha segnalato un virus che mi installava un dialer di nascosto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dial-up e Brad-band
        Per inviare Fax anche con l'ADSL basta usare i servizi che permettono di inviare e ricevere i FAX basati su web (es. NetFax di Tiscali)
        • Anonimo scrive:
          Re: Dial-up e Brad-band
          NetFax ne permette la ricezione, che io sappia... Ho controlalto ma nom vedo l'opzione per l'invio, sicuro che sia possibile?
Chiudi i commenti