Licenza
0,49 Euro
Sistema operativo
Tutti
Lingua
Italiano
Dimensione
31.9 Mb
Recensito da

Svago

hocus.

Rompicapi tridimensionali su geometrie impossibili, per un gioco semplice ma in grado...

Se amate le geometrie impossibili di Escher e avete già apprezzato giochi come Monument Valley , non potete lasciarvi sfuggire uno degli ultimi giochi indie di maggior successo per iOS.



Hocus è un gioco dalla grafica semplice, ma dalla dinamica intrigante, perlomeno per chi è amante di certe tipologie di rompicapo. Il giocatore si troverà di fronte ad una struttura dalla geometria particolare, in molti casi "impossibile" (a parte i primi schemi, che servono per prendere familiarità con il gioco) e dovrà guidare un piccolo cubetto rosso per raggiungere la via d'uscita, approfittando degli incroci più o meno (im)possibili per cercare la giusta strada.



La dinamica del gioco si basa su fatto che le strutture tridimensionali, rappresentate in due dimensioni, si prestano a numerosi inganni prospettici, alcuni dei quali resi molto famosi dal già citato Escher. A differenza di Monument Valley , dove la grafica era più curata e molti enigmi prevedevano di muovere le strutture per superare gli ostacoli, qui la grafica è minimalista e non c'è nulla che si muove, se non il nostro cubetto che deve trovare la via d'uscita.



I primi schemi sono decisamente molto semplici, ma presto iniziano le prime difficoltà che richiedono di aguzzare vista e ingegno per scoprire gli incroci utili per trovare la via di fuga. Se siete tanto bravi da completare velocemente i 120 livelli proposti, potete anche cimentarvi nella creazione di nuovi livelli da condividere con tutti gli appassionati di questo gioco, e risolvere gli schemi creati dagli altri giocatori.



Hocus include il supporto per iPhone X , ma funziona su tutti dispositivi con iOS 6 o successivi, quindi anche su telefoni molto vecchi sarà possibile dedicarsi alla soluzione di questi rompicapi.



Nonostante le similitudini con Monument Valley (e con altri giochi che hanno cercato, con meno fortuna, di sfruttare lo stesso tema) le differenze sono molte, sia nella dinamica che nella storia (in questo caso completamente assente)... ma quello che accomuna i due titoli sono le geometrie impossibili da affrontare e superare col il giusto spirito di chi apprezza questo tipo di enigmi.




Gli altri interventi di sono disponibili a questo indirizzo