DownloadGiochi/ NostalgiGame

Super Mario clonato, e sparato nello spazio con una cicciosa astronave. Mentre raggi laser riflessi e colorati bruciano neuroni in un puzzle multipiattaforma

a cura di PI Download

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dam scrive:
    zara che?
    zarafa? l'alternativa n°1 a exchange? scusate l'ignoranza ma non l'ho mai sentito prima!!!
  • Max DC scrive:
    e PostPath ??
    che differenze esistono con PostPath ??
    • brainstorm scrive:
      Re: e PostPath ??
      Ciao Max DC,è da un po che non do un'occhiata a PostPath, ma da quanto vedo dal loro sito, sembra che sia una distribuzione "proprietaria" mentre Zarafa ti da la libertà di usare la distribuzione, l'MTA, l'antivirus, ecc.. che preferisci.Per esperienza ti posso dire che Zarafa è scalabile ed adattabile un po a tutte le esigenze, per gli altri prodotti non saprei.CiaoPaolo Vecchi
  • Mizzega scrive:
    Basato su Ajax
    Ajax non è un linguaggio: si sarebbe dovuto dire, basato su Javascript con approccio Ajax.
    • anonimo scrive:
      Re: Basato su Ajax
      il bello è che la X in ajax sta per XML quando di XML non c'è mai una "sega"
      • ciko scrive:
        Re: Basato su Ajax
        - Scritto da: anonimo
        il bello è che la X in ajax sta per XML quando di
        XML non c'è mai una
        "sega"mah... in realta' si usa spesso scambiare messaggi XML usando ajax...se ti riferisci a JSON quello e' un'altro approccio, piu' leggero ma meno formale, molto convenzionale in realta'...
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Basato su Ajax
        - Scritto da: anonimo
        il bello è che la X in ajax sta per XML quando di
        XML non c'è mai una
        "sega"La teconlogia AJAX è nata ANCHE per manipolare XML.In realtà l'XML c'è; che poi non lo si adoperi (assieme all'XSL) è un altro paio di maniche.Se poi vogliamo essere puntigliosi, quello che modifichi con le chiamate AJAX è un documento (X)HTML che a tutti gli effetti è XML.Saluti
        • Olmo scrive:
          Re: Basato su Ajax

          Se poi vogliamo essere puntigliosi, quello che
          modifichi con le chiamate AJAX è un documento
          (X)HTML che a tutti gli effetti è
          XML.XHTML è XML. HTML manco per idea :)
      • H5N1 scrive:
        Re: Basato su Ajax
        Di XML ci sarebbe se si utilizzasse l'oggetto responseXML e non responseText.Questo perchè molti non hanno ancora capito che l'HTML attuale è un XML (XHTML per la precisione) ed è scorretto inserire un oggetto testo: si dovrebbero inserire dei nodi XML e non del testo!
  • Dr. House scrive:
    componenti interessanti
    Piuttosto che tutta la piattaforma, a me interessa moltissimo l'interfaccia web, al di là della palese scopiazzatura di outlook2003 è veramente molto veloce, a differenza ad esempio di quella di zimbra (parlo da semplice utente, non l'ho ancora approfondito molto) e se fosse possibile scorporarla come semplice webmail sarebbe fantastico
    • brainstorm scrive:
      Re: componenti interessanti
      Ciao Dr. House,allora ti puoi scaricare la versione Community.Tieni presente che non è una "scopiazzatura di OL2003" perchè gli sviluppatori non hanno trovato idee migliori ma è stata replicata l'interfaccia di proposito per far in modo che l'utente non debba imparare ad utilizzare un'interfaccia diversa e sia operativo immediatamente.Costi di training = 0CiaoPaolo VecchiOmnis SystemsZarafa Distributorhttp://www.omnis-systems.com
      • Dr. House scrive:
        Re: componenti interessanti
        - Scritto da: brainstorm
        Ciao Dr. House,

        allora ti puoi scaricare la versione Community.

        Tieni presente che non è una "scopiazzatura di
        OL2003" perchè gli sviluppatori non hanno trovato
        idee migliori ma è stata replicata l'interfaccia
        di proposito per far in modo che l'utente non
        debba imparare ad utilizzare un'interfaccia
        diversa e sia operativo
        immediatamente.Non voleva essere per forza una critica, quanto piuttosto una constatazione..Sicuramente proverò la community, anche se ho già il mio sistema di messaggistica, mi faceva comodo una webmail di quel genere dato che a parte progetti giovani non ce ne sono molte con un'interfaccia così amichevole
  • proskilled scrive:
    mah..
    perche usare un MTA lozzo come exchange quando ci sono exim4 o postfix?exchange e' l'MTA peggiore che esista e la gente si ostina ancora ad usarlo... l'ignoranza fa brutti skerzi...bah...
    • asd scrive:
      Re: mah..
      - Scritto da: proskilled
      perche usare un MTA lozzo come exchange quando ci
      sono exim4 o
      postfix?
      exchange e' l'MTA peggiore che esista e la gente
      si ostina ancora ad usarlo... l'ignoranza fa
      brutti
      skerzi...
      c'hai lavorato una volta nella vita o e' la paura dell'omen nomen MS???
      bah...eh si, bah....bah....
      • proskilled scrive:
        Re: mah..
        - Scritto da: asd
        c'hai lavorato una volta nella vita o e' la paura
        dell'omen nomen
        MS???



        bah...

        eh si, bah....bah....sai e' il mio lavoro nabbazzo...quando saprai come funziona un server di posta allora potrai tornare a parlare con me... e per sapere come funziona un MTA non basta saper fare [x]accetto-
        avanti-
        avanti-
        avanti-
        fine ma bisogna leggerne il codice sorgente...ma tanto e' inutile che stai a rispondermi perche non lo saprai mai siccome non puoi leggere il codice del sw proprietario(di merda)... Quindi quando exchange potra' sopportare in maniera sufficiente almeno 1/20 del carico che supporta exim4 allora forse potro' dire che exchange e' un server che fa un po meno pena.
        • zomg scrive:
          Re: mah..
          tu leggi e interpreti il codice sorgente di un programma prima di uarlo? Tutto tutto tutto?Wow che bravo, d'altra parte con quel tuo NIC che utilizzi e il linguaggio professionale, nonchè insulti alle persone avevo capito subito che sei un GRANDE professionista. Mi hai proprio convinto!
          • proskilled scrive:
            Re: mah..
            - Scritto da: zomg
            tu leggi e interpreti il codice sorgente di un
            programma prima di uarlo? Tutto tutto
            tutto?no, basta sapere com'e strutturato il sw e leggerti solo le funzioni che ti interessano, io ho dovuto leggerlo spesso per capire come funzionavano certe procedure per ottimizzare il cluster che gestisco.
            Wow che bravo, d'altra parte con quel tuo NIC che
            utilizzi e il linguaggio professionale, nonchè
            insulti alle persone avevo capito subito che sei
            un GRANDE professionista. Mi hai proprio
            convinto!perche per essere un professionista uno deve andare a letto in giacca e cravatta? ma per piacere... professionalita' != immaginepoi non so te
        • asd scrive:
          Re: mah..
          - Scritto da: proskilled

          sai e' il mio lavoro nabbazzo...e sto gergo da 4a superiore???lo usi anche in ufficio?
          bisogna leggerne il codice
          sorgente...ma rotfl.......
          ma tanto e' inutile che stai a rispondermi perche
          non lo saprai mai siccome non puoi leggere il
          codice del sw proprietario(di merda)...eh si sai com'e', se mi vedono a leggere un codice proprietario per 2 giorni mi mandano a casa.....
          Quindi quando exchange potra' sopportare in
          maniera sufficiente almeno 1/20 del carico che
          supporta exim4 allora forse potro' dire che
          exchange e' un server che fa un po meno
          pena.in quanti anni di studio hai appurato tutto cio'?
          • proskilled scrive:
            Re: mah..
            - Scritto da: asd
            - Scritto da: proskilled




            sai e' il mio lavoro nabbazzo...

            e sto gergo da 4a superiore???lo usi anche in
            ufficio?si, nel mio team ci sono parecchi netgamer e noi usiamo questo gergo per prenderci in giro e ridere in compagnia


            bisogna leggerne il codice

            sorgente...

            ma rotfl.......
            sono un programmatore, scrivo codice in c++ e ho esperienza in programmazione realtime e applicazioni basate sulle QT3/QT4 (se sai cosa sono NABBAZZO) e qualche volta tengo dietro ai server della mia azienda ottimizzandoli e gestendo i servizi

            ma tanto e' inutile che stai a rispondermi
            perche

            non lo saprai mai siccome non puoi leggere il

            codice del sw proprietario(di merda)...

            eh si sai com'e', se mi vedono a leggere un
            codice proprietario per 2 giorni mi mandano a
            casa.....infatti per quello che l'italia e' piena di NABBAZZI finti programmatori che si fanno aiutare da VS per compilare un ciclo for

            Quindi quando exchange potra' sopportare in

            maniera sufficiente almeno 1/20 del carico che

            supporta exim4 allora forse potro' dire che

            exchange e' un server che fa un po meno

            pena.

            in quanti anni di studio hai appurato tutto cio'?15 anni di carriera
        • Darth Vader scrive:
          Re: mah..
          - Scritto da: proskilled
          bisogna leggerne il codice
          sorgente...Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
          • proskilled scrive:
            Re: mah..
            - Scritto da: Darth Vader
            - Scritto da: proskilled

            bisogna leggerne il codice

            sorgente...

            Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
            ah ah
            ahsi beh a volte puo essere divertente leggere codice ma il piu delle volte e' una rottura. io spesso leggo codice per ottimizzare o per aumentare la mia skill personale pero' non mi sono mai messo a ridere leggendo codice...
    • bbo scrive:
      Re: mah..
      - Scritto da: proskilled
      exchange e' l'MTA peggiore che esista e la gente
      si ostina ancora ad usarlo... l'ignoranza fa
      brutti
      skerzi...

      bah...forse tu ignori che esiste anche Lotus Notes: quello è DAVVERO l'MTA peggiore in assoluto....scusate ma ho colto questa occasione per ribadire ancora una volta che I hate Lotus Notes... chi conosce Lotus capirà.......
      • proskilled scrive:
        Re: mah..
        - Scritto da: bbo

        scusate ma ho colto questa occasione per ribadire
        ancora una volta che I hate Lotus Notes... chi
        conosce Lotus
        capirà.......grazie per il consiglio... non credevo esistessero MTA peggiori di exchange... cazzo deve essere proprio fatto coi piedi...
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: mah..
        - Scritto da: bbo
        forse tu ignori che esiste anche Lotus Notes:
        quello è DAVVERO l'MTA peggiore in
        assoluto....Lotus Notes è il client, non è un MTA. Informati almeno prima di sparare sentenze stupide.
        scusate ma ho colto questa occasione per ribadire
        ancora una volta che I hate Lotus Notes... chi
        conosce Lotus capirà.......Probabilmente chi *conosce* la suite Lotus ti sta prendendo per il culo e se la ride.Chi usa Lotus Domino come mero server di posta non ha capito nulla di quel che è Lotus Domino. Se uno usa Lotus Domino per quel che è, quindi una piattaforma applicativa, allora ne può apprezzare anche molte caratteristiche che non trovi in alcun prodotto concorrente, né in Exchange né in suite OS.Ma se la tua analisi superficiale si ferma all'interfaccia di Notes (perché le tue competenze non sembrano andare oltre) allora si capisce quale peso dare alle tue parole.
    • Gigi scrive:
      Re: mah..
      A parte che a me personalmente Exchange non piace perche' e' troppo pesante e fuori controllo, Exchange non e' un MTA.E' come paragonare Open Office a un editor di file di testo. Poi, c'e' chi usa Open Office per editare .profile ma il mondo e' bello perche' e' vario.
      • zomg scrive:
        Re: mah..
        Lascia stare Gigi, questo fantastico professionista di proskilled non sa nenache cos'è exchange o cosa sia un MTA :DI suoi post parlano per lui, lolol
        • proskilled scrive:
          Re: mah..
          - Scritto da: zomg
          Lascia stare Gigi, questo fantastico
          professionista di proskilled non sa nenache cos'è
          exchange o cosa sia un MTA
          :D

          I suoi post parlano per lui, lololse vuoi ti do la mia mail cosi possiamo discutere assieme il principio di funzionamento di un mta, ho tenuto una conferenza per un consorzio di aziende che lavorano sull' ITmi spiace ti e' andata male sta trollata
  • Lemon scrive:
    Non costa poco
    La versione gratuita è praticamente per uso domestico, le versioni a pagamento non costano poco.Mi sembra migliore Zimbra come versione comunity, non so.
    • brainstorm scrive:
      Re: Non costa poco
      Ciao Lemon,ci sono tanti sistemi di gestione di posta elettronica in giro ma se devi sceglierne uno per la tua azienda dove buona parte dei tuoi utenti usano Outlook allora Zarafa è sicuramente la scelta ideale.Con Zarafa gli utenti non hanno bisogno di training in quanto possono continuare ad utilizzare Outlook, beneficiando di tutte le funzionalità aggiuntive di Zarafa, oppure possono utilizzare l'interfaccia web che è un "clone" di Outlook proprio per evitare i costi e le perdite di tempo causate da un nuovo sistema.Per quanto riguarda i costi devi vedere quanto ti può costare l'acquisto di un prodotto, diciamo "tradizionale", ed in più i costi di mantenimento di quella infrastruttura che sono spesso ben superiori rispetto al prezzo di acquisto.Con Zarafa ti assicuro che i costi globali sono inferiori, almeno del 50%, rispetto ad altri prodotti.CiaoPaolo VecchiOmnis SystemsZarafa Distributorhttp://www.omnis-systems.com
      • zomg scrive:
        Re: Non costa poco
        un conto è postare opinioni, un conto sono i distributori che si fanno pubblicità con link ai loro siti.Non esistono proprio i moderatori su questo forum???e chechezz cancellate sta pubblicità, tanto ne avete fatta abbastanza a zafara già con l'articolo, inutile far pubblicità anche ai distributori...che se la paghino...
        • brainstorm scrive:
          Re: Non costa poco
          Ciao Zomg,scusami ma visto che sto rispondendo in modo competente ed ufficiale ad alcune domande mi pare giusto che mi identifichi.A noi ha fatto un gran piacere che PI abbia ritenuto opportuno pubblicare l'articolo e l'hanno fatto di loro iniziativa senza che noi dovessimo acquistare pubblicità, questo dimostra una grande professionalità da parte degli editori che pubblicano ciò che ritengono interessante e non gli articoli di chi gli paga i banner.A proposito, tieni presente che per qualsiasi prodotto tu acquistiche siano scarpe o computer tu paghi anche i costi pubblicitari.CiaoPaolo Vecchi(Se vi interessa sapere chi siamo cliccate sui link presenti nell'articolo e trovate i referenti italiani) ;-)
        • chocolatema tmot scrive:
          Re: Non costa poco
          - Scritto da: zomg
          un conto è postare opinioni, un conto sono i
          distributori che si fanno pubblicità con link ai
          loro
          siti.

          Non esistono proprio i moderatori su questo
          forum???

          e chechezz cancellate sta pubblicità, tanto ne
          avete fatta abbastanza a zafara già con
          l'articolo, inutile far pubblicità anche ai
          distributori...che se la
          paghino...gia' molto meglio i soliti troll e le solite inutili guerre linux/win/mac
        • The Punisher scrive:
          Re: Non costa poco
          Bah, sinceramente io preferisco il suo post a tutti i troll che girano in questo forum.Tra l'altro, peccato che e' in Italia, mi interesserebbe valutare il prodotto.
        • barra78 scrive:
          Re: Non costa poco
          Questo è il forum con la maggior diffusione di troll e derivati. Una persona che risponde in modo coerente e segnala che parla sapendo quanto afferma (visto che distribuisce questo strumento) non mi sembra fuori luogo. Se poi inizia a rompere in ogni commento possiamo mandarlo a cagare (amichevolmente :P)
      • Lemon scrive:
        Re: Non costa poco
        - Scritto da: brainstorm
        Ciao Lemon,

        ci sono tanti sistemi di gestione di posta
        elettronica in giro ma se devi sceglierne uno per
        la tua azienda dove buona parte dei tuoi utenti
        usano Outlook allora Zarafa è sicuramente la
        scelta
        ideale.

        Con Zarafa gli utenti non hanno bisogno di
        training in quanto possono continuare ad
        utilizzare Outlook, beneficiando di tutte le
        funzionalità aggiuntive di Zarafa, oppure possono
        utilizzare l'interfaccia web che è un "clone" di
        Outlook proprio per evitare i costi e le perdite
        di tempo causate da un nuovo
        sistema.

        Per quanto riguarda i costi devi vedere quanto ti
        può costare l'acquisto di un prodotto, diciamo
        "tradizionale", ed in più i costi di mantenimento
        di quella infrastruttura che sono spesso ben
        superiori rispetto al prezzo di
        acquisto.

        Con Zarafa ti assicuro che i costi globali sono
        inferiori, almeno del 50%, rispetto ad altri
        prodotti.

        Ciao

        Paolo Vecchi
        Omnis Systems
        Zarafa Distributor
        http://www.omnis-systems.comGrazie per la risposta. Diciamo che a me non piacciono i prodotti che devo continuare a pagare ogni anno. Non so se sia giusto o sbagliato il mio atteggiamento, però quando compro una cosa non ci voglio più pensare. Se ci sono aggiornamenti continui allora magari pago un canone annuo per l'assistenza e l'aggiornamento.Non discuto neppure sulla bontà del prodotto visto che non lo conosco e non l'ho mai usato, lo vedo molto simile a Zimbra ma sicuramente ci saranno delle differenze... vero?
        • brainstorm scrive:
          Re: Non costa poco
          Ciao Lemon,infatti se vuoi Zarafa lo paghi una volta sola.Se invece sei interessato a ricevere gli aggiornamenti di versione allora c'è un obolo ridicolo da pagare annualmente.Tieni presente che le patch della stessa versione sono gratuite.Diciamo che l'unica somiglianza che vedo tra Zibra e Zarafa e che fanno parte della categoria dei groupware. Per il resto soddisfano aree di mercato sovrapponibili in certi casi ma hanno una logica di gestione e funzionalità diversi.CiaoPaolo Vecchi
          • Lemon scrive:
            Re: Non costa poco
            - Scritto da: brainstorm
            Ciao Lemon,

            infatti se vuoi Zarafa lo paghi una volta sola.

            Se invece sei interessato a ricevere gli
            aggiornamenti di versione allora c'è un obolo
            ridicolo da pagare
            annualmente.Scusa ma avevo letto questa pagina:http://zarafa.com/content/pricesNon sono una cima in inglese ma avevo capito primo anno e anni successivi e senza leggere da nessuna parte come opzionale gli anni successivi
          • brainstorm scrive:
            Re: Non costa poco
            La frase "Price yearly upgrade subscription" intende appunto dire sottoscrizione annuale agli aggiornamenti.Se vuoi rimanere alla versione che hai nulla è dovuto.CiaoPaolo Vecchi
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Non costa poco
            - Scritto da: brainstorm
            Se vuoi rimanere alla versione che hai nulla è
            dovuto.Ma hai accesso alle patch di sicurezza o per quelle devi pagare la subscription?
          • brainstorm scrive:
            Re: Non costa poco
            Ciao ZiPMaN,nel messaggio precedente ho specificato che le patch della stessa versione sono incluse.Le patch di sicurezza sono raramente rilevanti in quando la qualità del codice è estremamente alta e testata. Non essendo un MTA o un Web server ci sono poche cose che possono dare spunti per attacchi specifici su Zarafa.Naturalemente bisogna tenere aggiornato il server su cui gira e di conseguenza l'MTA, Apache e PHP per quanto riguarda il corretto e sicuro funzionamento di Zarafa.
    • The Punisher scrive:
      Re: Non costa poco
      Boh, nel mio caso si parlerebbe di circa 3300 Euri e non mi sembra una cifra stratosferica (nel budget IT di una societa' media come e' quella in cui lavoro)
  • exchange forever scrive:
    io non lo metterei mai...
    Ad oggi non esiste un server groupware che faccia le stesse cose di exchange, con la stessa flessibilità, potenza e AFFIDABILITA'.E che la piantino i linari di proporre le loro soluzioni basate su patchwork di software che prima di farlo andare in collage ci vogliono mesi e tanta fortuna per continuare a farlo andare negli anni...
    • Alessio scrive:
      Re: io non lo metterei mai...
      Forse tu non conosci Kolab allora ... Ci vogliono pochi minuti per metterlo in piedi e gira senza problemi per anni.
      • exchange forever scrive:
        Re: io non lo metterei mai...
        su quanti utenti? e' stato mai instalato su infrastrutture enterprise in cluster HA con centinaia se non migliaia di utenti? Prevede una architettura FE-BE con server testa di ponte pubblicabili?
        • dsa scrive:
          Re: io non lo metterei mai...
          Noi usiamo Zimbra- Scritto da: exchange forever
          su quanti utenti?1100 utenti (e qualche decina)
          e' stato mai instalato su
          infrastrutture enterprise in cluster HA con
          centinaia se non migliaia di utenti?Infrastruttura di una azienda areospaziale in NL (ovviamente su un ex-desktop celeron di 5 anni fa con un solo disco. OK scherzo)
          Prevede una
          architettura FE-BE con server testa di ponte
          pubblicabili?Per la FrontEnd/BackEnd topology (ti riferisci credo a FE in DMZ BE in LAN) e' questione di topologia di rete e si puo' ottenere facilmente, in base alle conoscenze ovvio, ma chi sinceramente darebbe in mano un mail server ad un coltivatore diretto? Ci sono molti altri aspetti che non andiamo a considerare ora...
          • exchange forever scrive:
            Re: io non lo metterei mai...

            ma chi
            sinceramente darebbe in mano un mail server ad un
            coltivatore diretto? in Italia purtroppo, se costa meno di un sistemista, in tanti...Supporta l'integrazione con Unified COmmunication Manager? Ha features di messanging e collaboration? Document management? Scripting?Ho visto che usa Horde: come la mettiamo con la gestione dei calendari e delle attività via web?
          • Microsfotta ro scrive:
            Re: io non lo metterei mai...
            Ah, quindi è per quello che consigli Exchange. Perchè basta un agricoltore per essere convinti di averlo messo in piedi funzionante.
          • asd scrive:
            Re: io non lo metterei mai...
            - Scritto da: dsa
            Noi usiamo Zimbra

            - Scritto da: exchange forever

            su quanti utenti?

            1100 utenti (e qualche decina)


            e' stato mai instalato su

            infrastrutture enterprise in cluster HA con

            centinaia se non migliaia di utenti?

            Infrastruttura di una azienda areospaziale in NL
            (ovviamente su un ex-desktop celeron di 5 anni fa
            con un solo disco. OK scherzo)ah, gli accrocchi smanettoni.....se vanno, bisogna poi urlarlo al mondo...


            Prevede una

            architettura FE-BE con server testa di ponte

            pubblicabili?

            Per la FrontEnd/BackEnd topology (ti riferisci
            credo a FE in DMZ BE in LAN) e' questione di
            topologia di rete e si puo' ottenere facilmente,
            in base alle conoscenze ovvio,conoscenze?e di chi?rotfl...
            ma chi
            sinceramente darebbe in mano un mail server ad un
            coltivatore diretto? Ci sono molti altri aspetti
            che non andiamo a considerare
            ora...parlami di migrazione di questo server di posta con 1100 utenti...........
          • sasasa scrive:
            Re: io non lo metterei mai...
            - Scritto da: asd
            - Scritto da: dsa

            Noi usiamo Zimbra



            - Scritto da: exchange forever


            su quanti utenti?



            1100 utenti (e qualche decina)




            e' stato mai instalato su


            infrastrutture enterprise in cluster HA con


            centinaia se non migliaia di utenti?



            Infrastruttura di una azienda areospaziale in NL

            (ovviamente su un ex-desktop celeron di 5 anni
            fa

            con un solo disco. OK scherzo)

            ah, gli accrocchi smanettoni.....se vanno,
            bisogna poi urlarlo al
            mondo...ehhm era uno scherzo. Quel server non esiste...





            Prevede una


            architettura FE-BE con server testa di ponte


            pubblicabili?



            Per la FrontEnd/BackEnd topology (ti riferisci

            credo a FE in DMZ BE in LAN) e' questione di

            topologia di rete e si puo' ottenere facilmente,

            in base alle conoscenze ovvio,

            conoscenze?e di chi?rotfl...Hai mai provato a presentarti davanti al con un rappresentante governativo ed imporgli in carta bollata un riavvio


            ma chi

            sinceramente darebbe in mano un mail server ad
            un

            coltivatore diretto? Ci sono molti altri aspetti

            che non andiamo a considerare

            ora...


            parlami di migrazione di questo server di posta
            con 1100
            utenti...........beh pain in the ass anyway my dear
          • The Punisher scrive:
            Re: io non lo metterei mai...
            Per favore contattami a questo indirizzo vfr_stinger@hotmail.com (questo e' il ricettacolo di spam, ti rispondero' dall'indirizzo vero).Sto prendendo seriamente in considerazione Zimbra e vorrei scambiare una paio di opinioni con te e sentire come ti trovi.Grazie.
        • THe_ZiPMaN scrive:
          Re: io non lo metterei mai...
          - Scritto da: exchange forever
          su quanti utenti? e' stato mai instalato su
          infrastrutture enterprise in cluster HA con
          centinaia se non migliaia di utenti? Prevede una
          architettura FE-BE con server testa di ponte
          pubblicabili?Proprio perché ho co-gestito una soluzione Exchange con circa 100000 utenti registrati e 20000 attivi, 400GB di posta, in HA e con un'architettura FE-BE, tra l'altro messo in piedi da consultanti Microsoft (quindi non l'azienducola del cazzo) posso dirti che era una merdata.Non c'era giorno che non si bloccasse qualcosa e c'erano giorni che si bloccava anche 4 volte. Per farlo ripartire bisognava riavviare tutte le macchine, quindi spegnere il primo BE, poi spegnere il secondo, riavviare il primo, riavviare il secondo e poi fare lo stesso con i FE.L'applicazione del ServicePack sul FE avrebbe comportato la perdita dell personalizzazione di OWA (cosa scontata se si offre un servizio di Webmail) e se non si aggiornava il FE non si poteva aggiornare il BackEnd, quindi eravamo da + di un anno fermi con l'applicazione del SP.C'erano in ballo ben 14 server per gestire quel merdaio, oltre ai due cluster di FE e BE (con macchine da 40Keuro) c'erano i due LDAP, i due MTA, e altre 6 macchine che manco mi ricordo cosa cavolo servissero (gli stessi utenti con stesso livello di ridondanza e maggiori funzionalità li gestisci su 6 server entry-level con soluzioni open source decisamente più flessibili e a costo ZERO).Non puoi mettere firewall tra FE e BE perché gli servono 4687 porte aperte e quindi il FW non serve a nulla; non puoi mettere reverse proxy bilanciatori davanti al FE (per scaricare una parte del lavoro come l'SSL) perché se disabiliti quella merdata di autenticazione NTLM integrata sul FE (INUTILE) non ti vanno gli shared folders; l'unica è mettere davanti una merdata più grossa di Exchange, quindi ISA.Exchange va abbastanza bene dove hai pochi utenti e sfrutti molto la collaborazione, visto che come prodotto di groupware tutto sommato è abbastanza valido rispetto alla concorrenza.Ma se ti serve solo la posta e un calendario condivido vade retro che è una merdata.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 settembre 2008 19.37-----------------------------------------------------------
    • Olmo scrive:
      Re: io non lo metterei mai...
      - Scritto da: exchange forever
      Ad oggi non esiste un server groupware che faccia
      le stesse cose di exchange, con la stessa
      flessibilità, potenza e
      AFFIDABILITA'.Nemmeno Lotus?
      • bbo scrive:
        Re: io non lo metterei mai...

        Nemmeno Lotus?no ti prego, fai un favore all'umanità, lascia stare Lotus!non c'è niente di peggio sulla faccia della terra..... ne sono convinto!
        • Olmo scrive:
          Re: io non lo metterei mai...

          no ti prego, fai un favore all'umanità, lascia
          stare Lotus!Mi fido, mi fido!La mia era una domanda da vero inesperto...:)
          • Olmo scrive:
            Re: io non lo metterei mai...

            Mi fido, mi fido!Se avessi del tempo, ce la faresti a condensarmi in qualche punto le motivazioni per cui (a tuo parere) Lotus sux, Exchange sux/rocks?
        • The Punisher scrive:
          Re: io non lo metterei mai...
          - Scritto da: bbo
          no ti prego, fai un favore all'umanità, lascia
          stare
          Lotus!Quoto.Un altro BUG con l'interfaccia.
    • Olmo scrive:
      Re: io non lo metterei mai...
      Letture interessanti:Microsoft stessa riconosce la superiorità tecnica di Zimbra in molti campi.http://news.cnet.com/8301-13505_3-9799638-16.htmlMicrosoft, apparentemente, preferisce Zimbra a Exchange:http://news.cnet.com/8301-13505_3-9798880-16.htmlIn una nota di comparazione tra Zimbra ed Exchange, Microsoft stessa ammette nuovamente la superiorità di Zimbra in speficici campi ed enumera i punti di svantaggio di Exchange:http://209.85.165.104/search?q=cache:pKKdd0zbxZYJ:https://partner.microsoft.com/global/40026734+Zimbra+Collaboration+Suite+4.0+vs.+Exchange+Server+2007&hl=en&ct=clnk&cd=1&gl=au&client=firefox-aRiassunti:Di Zimbra, Microsoft dice:* The open-source-software components [used by Zimbra] are proven solutions by themselves, many with large existing user bases (MySQL, OpenLDAP, Apache, PHP, SpamAssassin).* Its' [sic] class of service architecture allows for simple tiered access to services.* Searching via their Web interface is fast and robust (AJAX query builder).* The Verity HTML converter allows for fast rendering of 200 documents to HTML.* Zimlets, can provide a more interactive user experience compared to the Microsoft equivalent of SmartTags.* The Documents solution provides integrated wiki-document sharing with powerful embedded document features.* The AJAX interface is pleasing and has a "wow" [The wow is now?] factor due to speed and Zimlets. Additionally, its' [sic] interface is identical across Internet Explorer/Firefox/Opera. Di Exchange, Microsoft dice:* Exchange's core kernel was designed in early 1990sThe architecture is not modular (requires installation of mailbox server on each physical server albeit the ability to assign "roles") and cannot scale to growing messaging user-base and gigabyte mailbox sizes without significant investments in training and hardware [If you've worked with other Microsoft technologies, this will sound familiar. Microsoft scalability generally means "more hardware...lots more"]* Exchange subscribes to proprietary interface to retain significant control over customer experience, while creating substantial reliance on Microsoft* Exchange 2007 is based on Microsoft Windows platform that is plagued with security issues that UNIX-based platforms are not.Arno Edelman, Microsoft's European business security product manager, recently said "Microsoft is not a security company. Security is important, but it's just a little part of Microsoft." [I feel comforted.]* Many enterprises that have run Microsoft's Exchange Server have reported reliability and uptime issuesAverage unscheduled downtime of 4 hours/month is not uncommon. [This is] primarily due to the difficulty and complexity of managing Exchange....* Exchange 2007 is not extensible and cannot easily integrate third party applications
    • brainstorm scrive:
      Re: io non lo metterei mai...
      Ciao Exchange Forever,direi proprio che Zarafa sia fatto proprio per fornire una soluzione alternativa ad Exchange che si installa in pochi minuti e può gestire migliaia di utenti senza problemi.Noi, da una macchina senza sistema operativo, possiamo attivare un server di posta per migliaia di utenti in circa un'ora. E tu?Provalo poi mi saprai dire. Paolo VecchiOmnis SystemsZarafa Distributorhttp://www.omnis-systems.com
      • zidagar scrive:
        Re: io non lo metterei mai...
        - Scritto da: brainstorm
        Ciao Exchange Forever,

        direi proprio che Zarafa sia fatto proprio per
        fornire una soluzione alternativa ad Exchange che
        si installa in pochi minuti e può gestire
        migliaia di utenti senza
        problemi.

        Noi, da una macchina senza sistema operativo,
        possiamo attivare un server di posta per migliaia
        di utenti in circa un'ora. E
        tu?

        Provalo poi mi saprai dire.


        Paolo Vecchi
        Omnis Systems
        Zarafa Distributor
        http://www.omnis-systems.comParole sagge...tanti parlano ma molti non sanno in realtà di cosa stanno parlando.Provare per credere e confrontare prima di lanciare sentenze ragazzi! ;)
        • barra78 scrive:
          Re: io non lo metterei mai...
          Questo non è il posto giusto x fare affermazioni del genere! qui tutti parlano senza sapere e tutti sanno (o dicono di sapere). Poi IMHO diestro alla maggior parte di questi utenti (quasi tutti non registrati) troviamo ragazzini di 13anni che installano windows server 2008 e vanno in giro a raccontare che sanno amministrare tale sistema.
          • zidagar scrive:
            Re: io non lo metterei mai...
            - Scritto da: barra78
            Questo non è il posto giusto x fare affermazioni
            del genere! qui tutti parlano senza sapere e
            tutti sanno (o dicono di sapere). Poi IMHO
            diestro alla maggior parte di questi utenti
            (quasi tutti non registrati) troviamo ragazzini
            di 13anni che installano windows server 2008 e
            vanno in giro a raccontare che sanno amministrare
            tale
            sistema.Boh, ma che ne so...Io ho 21 anni e ho imparato in tutti questi anni che uso i computers a provare prima di dare un giudizio. E sono proprio tanti anni che uso sti maledetti affari tecnologici...E poi, è il mio lavoro :DSai com'è, dare qualche consiglio non fa male, perchè a volte qua, sembra di essere con i fucili puntati uno contro l'altro e che ogni cosa che si dice è per importunare qualcuno o qualcosa.Ma vabbe, che ci vuoi fare...
      • barra78 scrive:
        Re: io non lo metterei mai...
        Ei ti contatto in gg. Ho un cliente che sta impazzendo x colpa di un 2003sbe che fa i capricci e ne vorrei approfittare x passare ad altro (se i costi non sono troppo elevati)
  • Federico scrive:
    Parliamo di libertà, non di apertura
    Scusate l'appunto, ma anche questa volta utilizzate un termine che mi pare improprio e desidero segnalarvelo."Open Source" è un termine molto vago: indica che puoi leggere i sorgenti di un programma. Naturalmente leggerli può far comodo, ma se non puoi modificarli, distribuirli e distribuire le tue modifiche stiamo parlando di software proprietario e assolutamente anti-etico. Il termine "Open Source" è stato ideato esplicitamente per evitare di parlare di libertà.La Free Software Foundation promuove la campagna "Parliamo di software libero", che consiste semplicemente nel chiamare le cose col loro nome, in modo da sapere (noi in primo luogo, i nostri interlocutori in secondo luogo) di cosa stiamo parlando. Ecco l'indirizzo:http://www.fsfeurope.org/documents/whyfs.it.htmlChiamare le cose col loro nome aiuta anche a capire che la maggior parte delle distribuzioni GNU/Linux promuovono software non libero.
    • 0verture scrive:
      Re: Parliamo di libertà, non di apertura
      Ecco chiamiamo le cose col loro vero nome. Le uniche licenze software veramente libere sono la BSD e la MIT.
      • bubba scrive:
        Re: Parliamo di libertà, non di apertura
        - Scritto da: 0verture
        Ecco chiamiamo le cose col loro vero nome. Le
        uniche licenze software veramente libere sono la
        BSD e la
        MIT.si con quelle sei libero di chiudere i sorci scritti da altri e ciaociao :) Beh e' liberta' anche quella, non discuto.
        • 0verture scrive:
          Re: Parliamo di libertà, non di apertura
          Prima di parlare cerca di capire che quelle licenze sono nate in un contesto tale, dove non frega una mazza se i sorgenti vengono eventualmente chiusi perchè chi sviluppa viene veramente pagato prima. Altro che donazioni ed assistenze tirate per i capelli come si fa con la gpl.
          • iRoby scrive:
            Re: Parliamo di libertà, non di apertura
            Che io sappia chi sviluppa con la licenza MIT o BSD è perché non solo non viene pagato, ma gli viene anche imposta dal rettore dell'università dove studia.Le licenze in questione sono nate in USA in università dove i privati che investono vogliono i frutti dei loro investimenti.Per cui non scriviamo ca%%ate!
          • 0verture scrive:
            Re: Parliamo di libertà, non di apertura
            Prova a cercare quanti soldi prendono ogni anno le due università americane che si sono inventate quelle licenze. Soldoni da parte di grandi multinazionali e perfino dalla Nasa e DARPA.Non stiamo parlando delle "università" itagliane...Credi che i ricercatori che lavorano in quei posti vengano pagati a noccioline ?Aldilà di tutto come credi che possa Stallman andare a spasso per il mondo a fare il papa ?Si riempie tanto la bocca con il software libero ma i soldi li ha fatti con la MIT quando era ricercatore là dentro.Uno dei tanti motivi perchè quell'individuo è insopportabile è proprio perchè sputa nel piatto dal quale ha mangiato.
      • ciko scrive:
        Re: Parliamo di libertà, non di apertura
        - Scritto da: 0verture
        Ecco chiamiamo le cose col loro vero nome. Le
        uniche licenze software veramente libere sono la
        BSD e la
        MIT.dipende... MIT e BSD garantiscono una maggiore liberta' per gli sviluppatori, GPL per gli utilizzatori finali (garantendo che il prodoto resti aperto per sempre).con la BSD puoi "scroccare" il codice senza restituire nulla, con la GPL no... a occhio direi che e' piu' "giusto" il secondo approccio...
    • brainstorm scrive:
      Re: Parliamo di libertà, non di apertura
      Ciao Federico,il termine Open Source è sicuramente vago e può essere interpretato in tanti modi.Nel caso di Zarafa, se leggi le intestazioni dei sorgenti, il software è modificabile, distribuibile e free as a beer.Naturalmente c'è una restrizione che non ti permente di ricompilarlo e distribuirlo con il nome Zarafa in quanto chiunque potrebbe metterci qualsiasi cosa dentro e rovinare il buon nome che Zarafa si è creato negli anni ma a parte questo puoi fare quello che vuoi.CiaoPaolo VecchiOmnis SystemsZarafa Distributorhttp://www.omnis-systems.com
      • Gigi scrive:
        Re: Parliamo di libertà, non di apertura
        Paolo,ho visto che sei rivenditore.Ho una curiosita' che forse tu mi puoi togliere...Nella licenza free si parla di limitazione a 3 Outlook connessi, ma se lo modifico e tolgo questa limitazione come funziona?
        • brainstorm scrive:
          Re: Parliamo di libertà, non di apertura
          Ciao Gigi,il connettore per Outlook è uno degli elementi non ancora rilasciato in versione Open Source.Come idea di massima tutta la parte di gestione della posta lato server e l'interfaccia web è Open Source, il resto ancora no.CiaoPaolo VecchiOmnis SystemsZarafa Distributorhttp://www.omnis-systems.com
      • 0verture scrive:
        Re: Parliamo di libertà, non di apertura
        Lo sapete vero, che tra qualche tempo quei "tarlucchi" di Debian se ne usciranno che voi non siete veramente liberi e com'è successo per firefox vi forkeranno in qualche pasticcio che solo sapranno, col rischio che in ogni caso vi verrà scaraventata addosso un po' di m.... ?La gpl sarebbe anche una bella licenza se non fosse terreno fertile per così tanti fanatici.
    • THe_ZiPMaN scrive:
      Re: Parliamo di libertà, non di apertura
      - Scritto da: Federico
      Scusate l'appunto, ma anche questa volta
      utilizzate un termine che mi pare improprio e
      desidero segnalarvelo.Peccato che segnali come errore una cosa che non lo è.
      "Open Source" è un termine molto vago:Ma assolutamente no. E' un termine molto preciso
      indica che puoi leggere i sorgenti di un programma.Non solo. Se conoscessi la definizione di Open Source lo sapresti.
      Il termine "Open Source" è stato ideato
      esplicitamente per evitare di parlare di
      libertà.Ma non spariamo cazzate per favore. Forse è meglio se leggi anche qualcos'altro oltre alle pubblicazioni di RMS.
      Chiamare le cose col loro nome aiuta anche a
      capire che la maggior parte delle distribuzioni
      GNU/Linux promuovono software non libero.Ecco, impara quindi a conoscere i nomi delle cose ed il loro significato.http://opensource.org/docs/osdLa GPL è solo UNA delle tante licenze OpenSource e non per forza la migliore.
      • brainstorm scrive:
        Re: Parliamo di libertà, non di apertura
        - Scritto da: THe_ZiPMaN...


        "Open Source" è un termine molto vago:

        Ma assolutamente no. E' un termine molto preciso
        ....Rispondo solo per la parte che mi riguarda:Conosco bene la definizione OSI e Zarafa ne è conforme pienamente.Il problema principale è che Open Source vuole dire tutto e niente in quanto c'è una valanga di tipologie di licenze Open Source (http://opensource.org/licenses/alphabetical), quindi a quale licenza Open Source ti riferisci per essere molto preciso? ;-)CiaoPaolo Vecchi
Chiudi i commenti