Droni bloccano l'aeroporto di Londra-Gatwick

Alcuni droni avvistati nell'area dell'aeroporto di Londra-Gatwick hanno causato la cancellazione dei voli: non ancora identificati i responsabili.

Dalla serata di ieri l’aeroporto di Londra-Gatwick è quasi completamente bloccato. Il motivo non è da ricercare in un guasto di natura tecnica né in condizioni meteo avverse, bensì nell’avvistamento di due droni all’interno della zona di volo. Migliaia di persone sono rimaste a terra, in una delle giornate in cui complice l’avvento delle festività si registra solitamente un’impennata nel numero di passeggeri in viaggio.

Droni a Londra-Gatwick, aeroporto fermo

I decolli e gli atterraggi hanno ripreso per circa 45 minuti nella notte, quando l’allarme sembrava rientrato, salvo poi essere sottoposti a un ennesimo stop per via di nuovi avvistamenti. Molti voli sono stati reindirizzati verso l’altro aeroporto della capitale inglese, quello di Heathrow, oppure in quello di Luton a nord della città. In alcuni casi i passeggeri sono atterrati a Manchester, Cardiff, Birmingham, Glasgow o addirittura a Parigi o Amsterdam, con ovvi disagi. I responsabili dello scalo la definiscono un’azione irresponsabile, sottolineando come in conseguenza ai ritardi accumulati ci vorranno giorni prima di poter tornare alla normalità.

Al momento sono circa 11.000 le persone bloccate a Gatwick. La legge britannica vieta di pilotare un drone in aree che si trovano a meno di 1 Km di distanza da un aeroporto e in ogni caso impongono di non superare i 120 metri di altezza per scongiurare qualsiasi possibile rischio di collisione con i velivoli.

Le autorità al momento sembrano non aver ancora individuato il responsabile o i responsabili. Ad ogni modo, sembra poter essere da escludere qualsiasi legame con un’azione di stampo terrorista. Di seguito, in forma tradotta, il comunicato attribuito a un esponente della polizia di Sussex.

Stiamo ancora ricevendo segnalazioni di avvistamenti dei droni all’interno e nei dintorni della zona di volo. Ogni volta che riteniamo di poter essere vicini al suo pilota, i droni scompaiono e non appena stiamo per riaprire l’aeroporto ricompaiono: per questo sono assolutamente convinto si tratti di un atto finalizzato a disturbare le operazioni nell’aeroporto.

Fonte: BBC

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti