Dropbox vuole essere dappertutto

Alla conferenza per gli sviluppatori l'azienda lancia strumenti per sincronizzare dati e informazioni in modo trasparente. Su quasi qualsiasi piattaforma

Roma – Una grossa scommessa quella di Dropbox alla sua conferenza per gli sviluppatori DBX : trasformare il cloud storage in una piattaforma cloud per i dati, di qualunque tipo , integrando i servizi direttamente nelle applicazioni per il Web, Android e iOS. L’ API Datastore , gratuita, servirà a sincronizzare i dati tra le diverse piattaforme, garantire che i salvataggi di gioco siano disponibili su tutti i device dello stesso proprietario, permettere di allegare i propri file alle email ovunque ci si trovi. Sempre che gli sviluppatori decidano di adottarla.

Il programma, la roadmap che ha in testa il CEO Drew Houston , consiste nell’integrazione graduale di queste funzioni nelle app altrui: inizia Mailbox ( acquisita da Dropbox poche settimane fa), e in prospettiva secondo l’azienda dovrebberlo farlo in tanti (hanno già cominciato Yahoo! con la sua Mail e Shutterstock) anche sfruttando i cosiddetti drop-in che con poche righe di codice permettono di integrare elementi coerenti alla UI che semplifichino l’adozione delle API stesse. Le stesse API sono inoltre in grado di gestire l’asincronicità dei dati salvati mentre il device si trova offline (esempio classico: l’utente si trova in volo e non ha accesso a Internet), permettendo di garantire in modo trasparente l’aggiornamento delle proprie informazioni sulle diverse piattaforme.

L’obiettivo di Dropbox è andare oltre il disco rigido : il concetto futuribile sostenuto dall’azienda cloud è la scomparsa progressiva del paradigma della cartella di archivio per consentire la presenza e l’esistenza dei propri dati e dei propri file a prescindere dal contesto, magari da spostare di volta in volta tramite la copia diretta o tramite un qualsiasi dispositivo portatile (le chiavette USB?). Ovunque ci si trovi , nella casella di posta o in un programma di elaborazione testo, sul proprio PC o su un telefono, tutto dovrebbe essere coerentemente disponibile e aggiornato .

Rispetto ai concorrenti, Dropbox snocciola numeri impressionanti: 175 milioni di utenti registrati (in crescita sostanziale dall’ultima comunicazione: erano 100 milioni lo scorso novembre ), migliaia di applicazioni che già utilizzano i suoi servizi. Sembra abbastanza per convincere gli sviluppatori ad appoggiarsi alle nuove API, che di fatto consentirebbero ad esempio di replicare le funzioni di iCloud su iOS o Gdrive su Android, accentrando le stesse funzioni con lo stesso codice e senza doversi preoccupare di coerenza dei dati tra le diverse piattaforme. L’unico dubbio riguarda in prospettiva la monetizzazione dei servizi: a oggi non è dato sapere quanti dei 175 milioni di utenti Dropbox siano paganti ( alcuni ritengono i prezzi del servizio premium poco competitivi), e se queste API prendessero piede l’azienda potrebbe essere tentata di far pagare gli sviluppatori per ogni chiamata. Ma questa è una eventualità che al momento non è stata ancora contemplata.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Scacco
    Grande scacco a queste aziendaccie dalla brevettazione facile.Ma perché non brevettano lo sputo, la bestemmia, XXXXXXre nei vasi di fiori e tutte le altre cose fastidiose dell'umanità?Così chi ne abusa dovrà pagare le royalty a queste aziende, e forse l'umanità avrà finalmente una vera evoluzione sociale...
  • malcom scrive:
    grande Bottà...!!!
    Sei proprio grande Bottà... ottimo articolo!Grande Bottà....!!!
  • Struppolo scrive:
    Sicuro ????
    Cara Apple, sei sicura di quello che dici ??? Non è che poi i tuoi MACACHI sbagliano store nell'acquistodelle applicazioni ????Io continuerei a combattere.... :) :) :) :) :)
    • thebecker scrive:
      Re: Sicuro ????
      - Scritto da: Struppolo
      Cara Apple,

      sei sicura di quello che dici ???
      Non è che poi i tuoi MACACHI sbagliano store
      nell'acquisto
      delle applicazioni ????
      Io continuerei a combattere....

      :) :) :) :) :)Ma quindi anche quelli alternativi com Cydia ora si possono chiamare Appstore? :DOra arrivanno i fanboys a decanatare Apple per avere donato alla comunità una sua idea innovativa (il nome "Appdtore"). E' diranno che buona e giusta (rotfl)
    • panda rossa scrive:
      Re: Sicuro ????
      - Scritto da: Struppolo
      Cara Apple,

      sei sicura di quello che dici ???
      Non è che poi i tuoi MACACHI sbagliano store
      nell'acquisto
      delle applicazioni ????Piu' che certo.Gia' sbagliano store nell'acquisto del telefono, visto che a sentire i macachi del forum non sono pochi quelli che scambiano il portafrutta in vetro con un terminale con android.
      • tucumcari scrive:
        Re: Sicuro ????
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Struppolo

        Cara Apple,



        sei sicura di quello che dici ???

        Non è che poi i tuoi MACACHI sbagliano store

        nell'acquisto

        delle applicazioni ????

        Piu' che certo.
        Gia' sbagliano store nell'acquisto del telefono,
        visto che a sentire i macachi del forum non sono
        pochi quelli che scambiano il portafrutta in
        vetro con un terminale con
        android.Già e adesso chi glielo dice a maxsix e al suo amichetto giggi? :s
      • gnammolo scrive:
        Re: Sicuro ????
        mai sentito di un fanatico che sbaglia parrocchia, tranquillo proseguiranno con il dissanguamento del proprio conto corrente per prendersi l'ultimo iCoso.Adesso il corredo minimo dell'ifan prevede:1) un computer (imac o macbook che sia anche se sarebbe preferibile un mac pro + un macbook)2) iPod per sentire musica3) un iPhone per telefonare (ma poco che la batteria dura quel che dura)4) l'iPadper salire di grado nella gerarchia della iChurch of the Apple sarebbe consigliato dotarsi anche di appleTv.fra poco immancabile sarà l'acquisto del nuovo iWatch al quale seguirà una mega guerra sui forums web sul se sia più utile per l'umanità un iWatch o i Google Glass...
Chiudi i commenti