Dude.it/ Autodidatti alla riscossa

di mafe de Baggis. Ma c'è ancora bisogno di andare a scuola? Una volta imparato l'essenziale, basta Internet per cavarsela da soli


Web – In rete troviamo tutto il sapere necessario per imparare quello che vogliamo, rendendo di fatto inutile la mediazione della scuola, istituzione resa obsoleta dall’accesso simultaneo a innumerevoli fonti di sapere. Una provocazione? Certo, ma ancora per poco: dipende da quanto tempo ci vorrà perché insegnanti e legislatori si accorgano che in un mondo in cui il testo digitale assume sempre più importanza, basare la formazione sulla sola carta stampata – cioè su una unica versione dei fatti esposta in forma sequenziale – è quantomeno rischioso.

Il rischio principale non è tanto quello di perdere allievi per strada – c’è sempre un obbligo di legge – quanto quello di perdere di vista il vero scopo dell’istruzione oggi: non tanto e non solo trasferire nozioni, quanto fornire quel bagaglio di strumenti per imparare a imparare, anche da soli, quello che c’è bisogno di sapere.

Un mio articolo della scorsa settimana ha scatenato la reazione orgogliosa e giustificata di chi ha imparato da solo a programmare, segnale evidente di quanto spesso la mediazione degli insegnanti sia completamente inutile, per non dire dannosa. Quanti sviluppatori che conoscete sono laureati in informatica? Che correlazione c’è tra la professione scelta e il percorso di studi compiuto? Quante volte avete ringraziato mentalmente i vostri insegnanti per qualcosa che vi è stato utile nella vita quotidiana?

Come sta gestendo la scuola italiana il popolo di navigatori che è in grado, se appena appena ne ha voglia, di trovare venti versioni diverse della storia raccontata dai libri di testo? Perché viviamo ancora una realtà in cui sapere scientifico e sapere umanistico sono rigidamente divisi in caste che si annusano sospettosamente senza comunicare? Se a undici anni dovessimo fare il nostro piano di studi personale, cosa sceglieremmo di studiare? E in che ordine?

Le informazioni sono in rete, alla portata di tutti. La capacità di assimilarle, collegarle, confrontarle, discuterle, comprenderle è innata per pochi fortunati, da coltivare per la stragrande maggioranza delle persone. Se la scuola non si attrezza per allenare le menti, invece di limitarsi a riempirle, corre il rischio, nel medio periodo, di perdere non solo importanza, ma anche autorità. E’ pensabile una cattedra meno informata dei banchi?

Dude, giornale per caso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La differenza...?
    Mi piacerebbe proprio sapere qual è la differenza tra PGP e la versione internazionale di PGP.Non è che la versione internazionale offre meno sicurezza della versione destinata agli americani???
    • Anonimo scrive:
      Re: La differenza...?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Mi piacerebbe proprio sapere qual è la
      differenza tra PGP e la versione
      internazionale di PGP.
      Non è che la versione internazionale offre
      meno sicurezza della versione destinata agli
      americani???fregatene e usa gpgwww.gnupg.org
    • Anonimo scrive:
      Re: La differenza...?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Mi piacerebbe proprio sapere qual è la
      differenza tra PGP e la versione
      internazionale di PGP.
      Non è che la versione internazionale offre
      meno sicurezza della versione destinata agli
      americani???Un tempo, per motivi di sicurezza nazionale, il governo americano vietò l'esportazione di metodi di crittografazione ad alta sicurezza.In pratica in America la versione PGP funzionava a 128 bit (alta protezione) mentre nel resto del mondo era distribuita una versione a bassa protezione. Anche i browser avevano questa differenza.Da qualche anno il governo americano ha (finalmente) rimosso questo vincolo che rimane valido solo per gli Stati considerati nemici del US.In teoria, per quel poco che ne so, le due versioni dovrebbero avere lo stesso livello di crittografazione.
      • Anonimo scrive:
        "crittografia" non "crittografazione" !
        si dice crittografia! stracazzo!e poi magari vorrebbero sostituire l'e-mail con gli sms e poi con il discorso diretto e basta...e tutti questi ignoranti?imparate a scrivere!
        In teoria, per quel poco che ne so, le due
        versioni dovrebbero avere lo stesso livello
        di crittografazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: La differenza...?
        - Scritto da: energia
        Un tempo, per motivi di sicurezza nazionale,
        il governo americano vietò l'esportazione di
        metodi di crittografazione ad alta
        sicurezza.
        In pratica in America la versione PGP
        funzionava a 128 bit (alta protezione)
        mentre nel resto del mondo era distribuita
        una versione a bassa protezione. Anche i
        browser avevano questa differenza.

        Da qualche anno il governo americano ha
        (finalmente) rimosso questo vincolo che
        rimane valido solo per gli Stati considerati
        nemici del US.
        In teoria, per quel poco che ne so, le due
        versioni dovrebbero avere lo stesso livello
        di crittografazione.Non e' precisamente cosi'.Mi spiego: Gli stati uniti vietarono l'esportazione di algoritmi di crittografia forte, considerandoli "armi da guerra".Pero' qualcuno esporto' (legalmente) il sorgente scritto su qualche foglio di carta, lo ricompilo' e lo piazzo' su un server al di fuori degli stati uniti.
  • Anonimo scrive:
    Pecan Grove Plantation
    Il link al PGP web site non e' corretto...e' www.pgp.com e non www.pgp.org
    • Anonimo scrive:
      Re: Pecan Grove Plantation
      Anche il link:http://www-swiss.ai.mit.edu/~bal/pks-commands.htmlnon funziona....- Scritto da: MySelF
      Il link al PGP web site non e' corretto...
      e' www.pgp.com e non www.pgp.org
      • Anonimo scrive:
        Re: Pecan Grove Plantation
        L'indirizzo è corretto, ma pare che purtroppo non funzioni più. Forse è un problema solo temporaneo...- Scritto da: MySelF
        Anche il link:
        http://www-swiss.ai.mit.edu/~bal/pks-commands

        non funziona....

        - Scritto da: MySelF

        Il link al PGP web site non e' corretto...

        e' www.pgp.com e non www.pgp.org
    • Anonimo scrive:
      Re: Pecan Grove Plantation
      Corretto, grazie ;-)Già che c'eravamo abbiamo anche aggiunto il link all'OpenPGP.- Scritto da: MySelF
      Il link al PGP web site non e' corretto...
      e' www.pgp.com e non www.pgp.org
  • Anonimo scrive:
    Non lo fanno scaricare
    Si accorgono che mi connetto dall'Italia e il server non mi fa scaricare il PGP!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non lo fanno scaricare
      - Scritto da: FC
      Si accorgono che mi connetto dall'Italia e
      il server non mi fa scaricare il PGP!!www.gnupg.org
  • Anonimo scrive:
    sarò onesto: non ho capito niente - HELP!
    Appena si va nello specifico, non capisco più niente.L'esempio pippo e topolino mi andava bene... ma po viene fuori l'hash-ish e tutto il resto... non ho capito più niente!Io sono PIPPO. Ho PGP.Mando un messaggio a Topolino.Che gli mando io? Che riceve lui?Come ho fatto a dargli la mia chiave senza che tuto il mondo la sappia? e se io gli do la mia chiave in maniera aperta e quindi tutti la possono vedere e lui fa lo stesso... beh ... una volta che uno ha le 2 chiavi ha tutto o no?vedete? non ho capito!C'è un link di un posto in ITALIANO che spiega tutto in maniera SUPERCHIARA?io ho apprezzato lo sforzo... ma purtroppo per gli zucconi come me... ci vuole ben altro tenore didattico... (no, non frustate e libri da ingoiare... un attimo!!)HELP!
    • Anonimo scrive:
      Re: sarò onesto: non ho capito niente - HELP!

      Io sono PIPPO. Ho PGP.
      Mando un messaggio a Topolino.

      Che gli mando io? Che riceve lui?Proviamo cosi`:prima di tutto Topolino deve generare una chiave; poi te ne manda 'mezza' (quella pubblica, non importa se gli altri la leggono), con la quale tu codifichi il messaggio.Adesso solo Topolino puo` decodificare il tuo messaggio grazie al fatto che possiede l'altra 'mezza chiave' (quella privata, gelosamente custodita).
      • Anonimo scrive:
        Credo di avere capito ^___^ grazie!
        Vediamo se ho capito:io sono Pippo.Il tutto inizia con questo: hey topolino ti devo parlare degli affari nostri! mandami la tua public-key che non ce l'ho!Lui me la manda.Allora io gli mando il messaggio codificato con la sua public key?Ma allora uno che ha studiato la crittografia di PGP potrebbe ottenere la private key dalla public?no... non lo dico perché ho capito, ma perché mi pare che l'articolo lo dica...Comunque se ho capito, il tutto parte da un "DAMMI LA TUA PUBLIC KEY".E per questo molti pubblicano sul proprio sito la propria public Key...(a dire la verità, pochi)- Scritto da: ilciccio

        Io sono PIPPO. Ho PGP.

        Mando un messaggio a Topolino.



        Che gli mando io? Che riceve lui?

        Proviamo cosi`:
        prima di tutto Topolino deve generare una
        chiave; poi te ne manda 'mezza' (quella
        pubblica, non importa se gli altri la
        leggono), con la quale tu codifichi il
        messaggio.
        Adesso solo Topolino puo` decodificare il
        tuo messaggio grazie al fatto che possiede
        l'altra 'mezza chiave' (quella privata,
        gelosamente custodita).
    • Anonimo scrive:
      Re: sarò onesto: non ho capito niente - HELP!
      - Scritto da: Lucius Malfoy
      Appena si va nello specifico, non capisco
      più niente.

      L'esempio pippo e topolino mi andava bene...
      ma po viene fuori l'hash-ish e tutto il
      resto... non ho capito più niente!

      Io sono PIPPO. Ho PGP.
      Mando un messaggio a Topolino.

      Che gli mando io? Che riceve lui?
      Come ho fatto a dargli la mia chiave senza
      che tuto il mondo la sappia? e se io gli do
      la mia chiave in maniera aperta e quindi
      tutti la possono vedere e lui fa lo
      stesso... beh ... una volta che uno ha le 2
      chiavi ha tutto o no?

      vedete? non ho capito!
      C'è un link di un posto in ITALIANO che
      spiega tutto in maniera SUPERCHIARA?

      io ho apprezzato lo sforzo... ma purtroppo
      per gli zucconi come me... ci vuole ben
      altro tenore didattico... (no, non frustate
      e libri da ingoiare... un attimo!!)

      HELP!Tela spiego in breve molto semplicemente..PGP utilizza la crittografia a chiave pubblica.Questo significa che tu generi(nel senso che le genera pgp) due chiavi, una pubblica e una privata.Quella pubblica la distribuisci in giro alla gente che ti deve scrivere. Quella privata la tieni per te.Quella pubblica serve per crittare i messaggi.(ed è per questo che la devi dare a chi ti vuole mandare messaggi)Quella privata serve per decrittare i messaggi( ed è per questo che la devi tenere solo tu)Grazie a questi algoritmi solo chi è in possesso della tua chiave privata è in grado di leggere i messaggi cifrati con la tua chiave pubblica.Se non capisci richiedi che ti rispiego..
      • Anonimo scrive:
        ** verifichiamo se ho capito **
        Vediamola in modo avventuroso.Dunque, io do la chiave rossa a tutti, la metto sul mio sito con scritto "se vuoi scrivermi un segreto, prendi la mia chiave rossa!"Mi tengo la blu e non la do neanche alla zia Filiberta (nonostante mi voglia bene) e alla mamma.Domani dico a Marco: hey sciocchino! Mandami la formula segreta del biscotto!Lui prende la mia chiave rossa e mi manda la formula segreta, tutta "colorata di rosso".Siccome solo io ho la chiave blu che smaschera la chiave rossa, e non ce l'ha nemmeno il perfido Znakdel, nessuno riesce a capire cosa sia quella brodaglia rossa! Nemmeno Marco, che mi ha mandato il messaggio, se lo ricevesse lui stesso, saprebbe leggerla, giusto?Io ricevo il messaggio rosso.Uso la mia chiave blu con il messaggio rosso e ZAC! Ecco apparire la formula segreta.E' giusto?DIMMI CHE HO CAPITO!Così potrei spiegarlo anche a un bambino delle medie!
        Grazie a questi algoritmi solo chi è in
        possesso della tua chiave privata è in grado
        di leggere i messaggi cifrati con la tua
        chiave pubblica. CIOE' IO E BASTA. giusto?
        Se non capisci richiedi che ti rispiego..eh! ekkime!!!!
        • Anonimo scrive:
          Le FAQ di PGP in Italiano ?
          ESISTONOOOOO ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Le FAQ di PGP in Italiano ?
            newsgroup it.computer.sicurezza.pgpgruppo di discussione sul pgp e ultimamente gpgwww.amagri.it per manualistica e spiegazioni in italiano.A disposizione per ulteriori link.malbert@lycosmail.com
          • Anonimo scrive:
            Re: Le FAQ di PGP in Italiano ?
            - Scritto da: malbert
            newsgroup it.computer.sicurezza.pgpERROR !Il NG e' ---
            it.comp.sicurezza.pgp
            gruppo di discussione sul pgp e ultimamente
            gpg
            www.amagri.it per manualistica e spiegazioni
            in italiano.http://www.amagri.it/NAI_PGP_6.5.8_Freeware/nai_pgp_658.htmhttp://www.amagri.it/NAI_PGP_7.0.3_Freeware/nai_pgp_703.htmE la PGP International page ??http://www.pgpi.orgHo visto ANCHE qualcosetta in Italiano :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: ** verifichiamo se ho capito **
          - Scritto da: Filiberto Palinborghi
          E' giusto?
          DIMMI CHE HO CAPITO!

          Così potrei spiegarlo anche a un bambino
          delle medie!hai capito alla perfezione.
          CIOE' IO E BASTA. giusto?se nessuno ti frega la privata si' (anche se la privata e' cmq criptata, quindi un po' come il bancomat devono avere sia la carta che il codice per sbloccarla)
    • Anonimo scrive:
      Re: sarò onesto: non ho capito niente - HELP!
      - Scritto da: Lucius Malfoy
      .....
      vedete? non ho capito!
      C'è un link di un posto in ITALIANO che
      spiega tutto in maniera SUPERCHIARA?
      .....http://www.kyuzz.org/anon/kriptonite.html
Chiudi i commenti