Ed è Kylix! Delphi/C++ per Linux

Borland ha finalmente annunciato il rilascio del tool di sviluppo visuale Kylix, un ambiente che renderà possibile sviluppare applicazioni native in Delphi e C++ Builder. Borland spera di agevolare l'ingresso di Linux in azienda
Borland ha finalmente annunciato il rilascio del tool di sviluppo visuale Kylix, un ambiente che renderà possibile sviluppare applicazioni native in Delphi e C++ Builder. Borland spera di agevolare l'ingresso di Linux in azienda


Scotts Valley (USA) – Ed eccolo, dopo lunga attesa arriva Kylix, un ambizioso ambiente di rapid application development (RAD) per lo sviluppo visuale di applicazioni Delphi e C++ Builder.

Questo nuovo tool di sviluppo, di cui abbiamo già più volte parlato in passato , secondo Borland rappresenterà un’importante punto d’incontro fra Windows e Linux, facilitando il porting di applicativi e consentendo agli sviluppatori Delphi di migrare verso Linux portando con sé tutto il proprio know-how.

“Ci aspettiamo che Kylix abbia un impatto formidabile sul mercato Linux”, ha affermato Dale L. Fuller, presidente e CEO di Borland. “Tutti i milioni di utenti che oggi stanno sviluppando con Borland Delphi e Microsoft Visual Basic avranno ora la capacità di muovere facilmente la loro esperienza, conoscenza e applicazioni verso la piattaforma Linux e, come risultato, catapultare Linux sul mercato aziendale”.

Non tutti gli sviluppatori sono però convinti che Kylix possa trovare quel successo e assumersi quel ruolo in cui Borland spera. Secondo alcuni esperti, l’architettura su cui è fondato Kylix sarebbe abbastanza farraginosa e, fino alle ultime versioni beta, l’ambiente di sviluppo si sarebbe dimostrato pesante e poco stabile.

Per altri, l’importante è però che un’azienda dell’esperienza e dal passato di Borland abbia compiuto questo primo ed importante passo per facilitare la migrazione di uomini e codice fra il mondo di Windows e quello di Linux: solidità e stabilità, sostengono questi ultimi, potranno arrivare solo con il tempo.

Kylix è disponibile in tre versioni: Server Developer (1.999$), per i professionisti e le aziende che sviluppano in Apache; Desktop Developer (999$), per gli sviluppatori di applicazioni professionali; e l’Open Edition, per lo sviluppo di software free (GPL) ed open source, disponibile gratuitamente per il download o acquistabile su CD ad un prezzo di 99$ (compreso il manuale cartaceo). Mentre le prime due edizioni saranno disponibili entro la fine di questo trimestre, l’Open Edition verrà rilasciata verso la metà del 2001.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 03 2001
Link copiato negli appunti