EDOS, open source all'europea

Un'iniziativa tutta europea si propone di incrementare l'efficienza dei grandi progetti open source riducendone la complessità e promuovendo qualità e produttività. Ecco gli obiettivi e le strategie


Parigi – Ovviare alla crescente complessità insita nella gestione e nello sviluppo del software open source. Questo l’obiettivo cardine di EDOS (Environment for the Development and Distribution of Free Software), progettone europeo in seno al quale verranno concepite soluzioni teoriche e tecniche per la gestione su larga scala di progetti di software modulare.

Sull’iniziativa, a cui partecipano diversi istituti accademici e di ricerca e alcune aziende private, ha deciso di scommettere anche la Commissione Europea con un finanziamento di 2,2 milioni di euro.

La parola d’ordine di EDOS è “distribuito”, un aggettivo che intende associare al processo di sviluppo, assemblaggio e archiviazione del software.

“I progetti software hanno raggiunto livelli imprevisti di complessità”, si legge in un comunicato diffuso da MandrakeSoft , una delle società che, per mezzo della neo acquisita Edge-IT, partecipa a EDOS. “Per esempio, la maggior parte dei più recenti sistemi operativi Linux comprende migliaia di singoli pacchetti. Questo rende difficile mettere insieme un tale sistema; e i brevi cicli delle release tipici del software open source significano che questa attività deve essere costantemente ripetuta. È questo il caso non solo di Linux, ma di tutti i grandi progetti modulari.”

I membri del consorzio sostengono di essere specificamente interessati al problema come si presenta nei progetti open source.

“Man mano che cresce la quantità del software open source, cresce il problema della complessità”, si spiega nel comunicato. “Questo non vuol dire, tuttavia, che non si possa fare nulla al riguardo. Oggigiorno i processi di costruzione e testing sono solo parzialmente automatizzati e lasciano molto spazio a miglioramenti nella produttività e nel testing della qualità”.

Le organizzazioni che partecipano ad EDOS, fra le quali compare anche il centro di ricerca CSP di Torino, intendono rispondere al problema sviluppando e implementando nuove modalità di gestione della complessità nel software open source.

Sono già state pianificate due specifiche applicazioni. La prima riguarderà il processo di costruzione che si avvarrà di un’architettura peer-to-peer distribuita, progettata per aiutare l’integrazione delle molte parti di software che costituiscono un sistema Linux. I membri di EDOS si aspettano che il passaggio da un processo di costruzione e memorizzazione centralizzato ad uno distribuito aumenterà l’efficienza e risponderà in modo più adeguato alla crescita esponenziale nel consumo di capacità di elaborazione e memorizzazione e throughput di rete.

Ma le risorse, secondo i promotori del progetto, non sono l’unico problema in ballo.


“Gli intricati problemi delle dipendenze tra unità sorgono inevitabilmente in grandi progetti, dal momento che ogni parte dipende da molte altre per la sua specifica operazione. I membri di EDOS intendono trovare modalità per affrontare questo problema in modo sistematico, utilizzando gli strumenti dell’informatica teorica”, si spiega in una nota.

“C’è un problema che qualsiasi grande progetto deve affrontare ad un certo punto, e cioè come gestire dipendenze complesse tra le parti in modo da ottenere un insieme coerentemente integrato.”, ha detto Roberto Di Cosmo, dell’Università di Parigi 7. “Questo sta diventando un punto cruciale anche per i progetti di software open source, perché si spreca sempre più tempo su problemi di gestione. Proporremo una soluzione a questo problema utilizzando metodi formali propri dell’informatica teorica, un’area di ricerca particolarmente attiva in Francia”.

L’altro problema, secondo Di Cosmo, riguarda il testing della qualità. Il software libero, a suo avviso, manca infatti di una suite per i test “automatica e completa”: questo consentirebbe di sottoporre a test un sistema operativo basato su Linux, o qualsiasi grande applicazione basata su software libero/open source, con un'”operazione essenziale ed altrimenti onerosa in termini di tempo”.

A tal proposito EDOS si propone lo sviluppo di tool per rendere il testing più efficiente e completo e la creazione di un framework unificato indipendente dal linguaggio utilizzato che permetta agli sviluppatori di creare con facilità moduli per i test del loro software. Questo, secondo i partecipanti al progetto, dovrebbe significativamente migliorare la qualità complessiva del software e “produrre un vantaggio competitivo per l’Europa sul mercato mondiale”.

“È quasi impossibile effettuare manualmente i test di ogni singola funzione in un’ampia parte di software”, ha dichiarato Anton Anisimov di SOT. “È solo naturale avere un programma che lo faccia. Un framework per il testing efficace e completo farà risparmiare a sviluppatori, tester ed utenti molto tempo e alle organizzazioni farà risparmiare molto denaro. Noi crediamo che sarà un importante contributo per lo sviluppo futuro del software”.

La durata complessiva del progetto sarà di 30 mesi: tutto il software prodotto in questo arco di tempo verrà rilasciato sotto una licenza open source, e i risultati teorici saranno pubblicati su riviste scientifiche in base ai progressi.

I membri di EDOS comprendono 6 istituzioni di ricerca ed accademiche e 4 aziende di software e servizi: il primo gruppo è formato da NRIA (Francia, coordinatore del progetto), Università di Parigi 7 (Francia), Università di Tel-Aviv (Israele), Università di Ginevra (Svizzera), Università di Zurigo (Svizzera), CSP Torino (Italia); il secondo gruppo da Edge-IT/Mandrakesoft (Francia, project manager), NUXEO (Francia), NEXEDI (Francia) e SOT (Finlandia).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: MA CREATEVELO IL LAVORO

    Qui le persono vogliono avere un sacco di
    garanzie per il futuro, rischiando zero.Fa parte dell'essere italiano.Ed e' per questo che siamo in crisi.Nessuno vuole mettersi in testa che il lavoto a t.i. per chi ha diciamo meno di 35 anni sara' sempre piu' un'utopia.Certo e' che se ci saranno sempre quelli che si svendono la situazione e' destinata a peggiorare.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: A me ne e' successa una peggiore
    Un classico esempio in cui l'apparenza e' piu' importante della sostanza.Bisogna sapersi vendere, al di la' delle vere capacita'.C'e' poco da fare, la realta' al momento e' questa.Il fatto di avere la laurea nel tuo caso mi pare piu' una scusa per poter paraculare l'altro, in ogni caso.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: la legge del pollaio e i nuovi spartacus
    Purtroppo sono in pochi che pretendono dalla ditta la stessa serieta' che offrono.
  • Anonimo scrive:
    Re: Se si potesse..

    Se si potesse voterei i commenti di questa
    notizia come i più interessanti e
    utili da molto tempo su punto informatico.Hai ragione. Dato che il forum ha avuto tempo per tutte le vacanze di raccogliere contributi, ve ne sono di interessantissimi.
  • Anonimo scrive:
    Se si potesse..
    Se si potesse voterei i commenti di questa notizia come i più interessanti e utili da molto tempo su punto informatico.MaX
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Non è proprio così

    A dire il vero, pochi hanno deciso per
    un'Italia unificata: anche allora eravamo
    legati ognuno al proprio "campanile".
    L'italiano ha mentalità da
    individualista e più spesso da
    egoista.
    Francia, Germania, Inghilterra: quelle sono
    nazioni il cui popolo ha effettivamente
    voluto l'unione!La Francia è stata unificata dal centro schiacciando e negando ogni forma di diversità interna - per trovare uno che parli occitano occorre passare i confini e venire in Piemonte.La Gran Bretagna idem, però con minor successo, forse corrispondente a minore accanimento (gli inglesi sono pragmatici), nell'annullare le identità dei paesi che ora ne fanno parte. Per uscirne però gli irlandesi hanno dovuto impegnarsi in secoli di attentati, che durano tuttora.La Germania, pure ad opera di un potere centrale, facendo però leva sul senso tipicamente germanico dello ius sanguinis. Prima dell'unificazione, era un insieme di staterelli altamente civili.L'Italia unita è stata voluta da una manciata di intellettuali e ne hanno approfittato i Savoia.L'Europa di cui tanto si parla è una creatura delle banche, dei poteri economici e finanziari che fanno capo alla globalizzazione - ecco perché cercano di annettere la Turchia, e perché no magari il Nordafrica e chissà che altro.Gli Stati Uniti in compenso già pensano a Marte.I popoli, le loro affinità e identità c'entrano poco. Al di là della retorica fusioni, unificazioni, annessioni sono, e null'altro che, eventi nella lotta universale per il potere.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Azz!

    Quando uno se ne va ( perché è
    diventato matto, perché è
    crepato, o altro ) lo cancello e raccatto
    un'altro dalla strada che faccio entrare nel
    circuito al posto suo, tanto la strada
    è piena di gente.

    Umh, certo, come no, verrebbe fuori
    un'azienda IDEALE che non ti si rivolta mai
    contro, da cui nessuno se ne vuole mai
    andare e che produce bene e svelto prodotti
    di massima qualità, come no, osi
    pensare il contrario?Per caso hai lavorato in una ditta in Corso Svizzera a Torino?
  • Anonimo scrive:
    Re: La vedi un po' unilaterale


    Non che tu abbia tutti i torti
    Fornire
    un supporto collettivo e categoriale NON
    IMPLICA che si debba demonizzare e ricusare
    la trattativa individuale come fosse sterco
    del demonio. Le due cose non si escludono a
    vicenda.Su questo hai ragione. Infatti ho scritto che non hai tutti i torti.
    Troppo tardi. Vince sempre chi spara per
    primo.Per questo tengo sempre il colpo in canna.
  • Anonimo scrive:
    Re: La vedi un po' unilaterale
    - Scritto da: Anonimo
    Non che tu abbia tutti i torti, ma in quanto
    a trattativa individuale il singolo senza
    un'organizzazione alle spalle di potere
    contrattuale ne ha pochino. I contratti
    prestabiliti tipo metalmeccanico e simili
    servono anche a impedire il divide et impera
    dello sfruttamento "individuale" dei
    lavoratori, uno per uno, ciascuno solo con
    se stesso.L'idea andava benissimo nella Manchester di fine ottocento, quando c'erano masse di analfabeti sfruttati come schiavi da bestie prive di scrupoli. Oggi i problemi sono un tantino diversi, è molto più facile divorziare che licenziare un operaio nullafacente e disonesto, ma il sindacato è rimasto tal quale.Inoltre, il punto è un altro. Fornire un supporto collettivo e categoriale NON IMPLICA che si debba demonizzare e ricusare la trattativa individuale come fosse sterco del demonio. Le due cose non si escludono a vicenda.
    P.S. Al solo sentir parlare un Ministro per
    la Propaganda la mano mi s'aggrappa da sola
    al fucile.Troppo tardi. Vince sempre chi spara per primo.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    " Abbbiamo tanto lottato per avere la nostra nazione ma ora che l'abbiamo siamo solo capaci di farla a brandelli."A dire il vero, pochi hanno deciso per un'Italia unificata: anche allora eravamo legati ognuno al proprio "campanile".L'italiano ha mentalità da individualista e più spesso da egoista.Francia, Germania, Inghilterra: quelle sono nazioni il cui popolo ha effettivamente voluto l'unione!
  • Anonimo scrive:
    Re: io ne ho visto l'operato degli smane
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Le sessioni su db sarebbero un
    bene a


    priori, mentre le sessione sui
    file un

    male


    a priori? Bravo, tu sì che
    te ne


    intendi!!



    ed ha ragione perché le sessioni
    su

    file sono estremamente rischiose, per
    tanti

    motivi, oltre al fatto che ti
    permettono un

    controllo estremamente limitato.



    Rischiose? Solo su server multisito forse.
    Ma mai sentito parlare di safe_mode, o
    meglio, di suPhp ?non stai dicendo proprio nulla ^^tieni conto che il 90% dei siti web stanno su macchine che hostano centinaia e centinaia di siti...sai cosa vuol dire? che le possibilità di exploit sono altissime!e comunque PHP può accedere tranquillamente alla cartella che contiene le sessioni e ne il safe_mode ne l'open base dir lo bloccano prova su linux ad abilitare il safe mode e l'open base dir e poi prova ad accedere ai file che stanno nella cartella che contiene le sessioni (che nel 99% è pure quella dei file temporanei e al che la cosa diventa ancora più pericolosa)
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    Diciamo piuttosto che avete preferito tenere un italiano ai tamburi ed un team di rematori indiani ai remi, anzi, alle tastiere. Non farmi ridere con questa ipocrisia degli italiani incapaci e pretenziosi, prova ne è che alla fine vi siate appoggiati ad una società di informatica, non credo migliore di tante altre italiane, e non abbiate assunto nessuno che andasse pagato più di una ciotola di riso basmati.
  • Anonimo scrive:
    Re: la verità
    Grande! E' l'essenza del lavoro di oggi:studi una vita, ti aggiorni continuamente perchè sai che esserlo è comunque sempre necessario se vuoi essere competitivo, se vuoi riuscire a venderti bene sul mercato.E lo sanno anche gli squali, che usano quelli che non sono contratti, ma vere e proprie prese in giro per sfruttare la tua preparazione per 6 mesi e poi lasciarti a casa perchè tanto ormai quello che dovevi fare per loro l'hai fatto.
  • Anonimo scrive:
    Re: MA CREATEVELO IL LAVORO

    Poi ci vuole affiatamento e fiducia
    reciproca, quasi fraterna.
    Sul mondo del lavoro troverai le persone
    piu' disparate con le aspettative piu'
    dispatate; i tuoi vecchi amici con cui
    facevi tanti progetti non ti possono aiutare
    perche' impegnati altrove in altre cose....
    Ti do un consiglio, visto che hai 16 anni e
    dici certe cose: trovati ora i tuoi futuri
    colleghi, coltiva le relazioni, persegui
    progetti comuni. Perche' poi non sara' piu'
    la stessa cosa. Se parti ora, forse ce la
    potresti fare.Uno dei migliori consigli che abbia mai letto.Però attento agli amici. Per il fatto che ti sono amici tendi a pensare che abbiano capacità e motivazioni pari alle tue, e non è detto sia vero. Ho 40 anni e non posso dire di essere stato particolarmente sveglio nel capire le persone: ho imparato a mie spese a contare solo su me stesso, limitando i miei progetti a ciò che posso realizzare da solo.Certo esistono e funzionano tuttora società fondate vent'anni fa da amici in un garage, ma si tratta di rarità che si stagliano sulla piramide d'ossa umane dei tanti fallimenti.In vent'anni passati a cercare di coinvolgere gli amici nelle iniziative più disparate (non soltanto imprese, ma anche progetti no-profit rispondenti ai nostri interessi) ho coniato alcuni motti:"Gli amici sono gli amici, le imprese si fanno con le persone adatte.""Gli amici si butterebbero nel fuoco per te, ma il giorno che cadi in acqua scopri che nessuno di loro sa nuotare."Morale: è ovvio iniziare con gli amici, ma tra di essi occorre scegliere le persone giuste. Se non ne trovi, cerca nuovi amici.Un cinicizzato
  • Anonimo scrive:
    Re: Sovradimensionati

    Infatti uno dei problemi sono le persone che
    si svendono e di fatto rovinano il mercato
    togliendo a tutti il potere contrattuale.Ovvero i neolaureati in informatica o ingegneria informatica. Vanno a lavorare per cifre che non prendenemmeno un operaio in fabbrica. Siete la rovina dell'informatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sovradimensionati
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvero i neolaureati in informatica o
      ingegneria
      informatica. Vanno a lavorare per cifre che
      non prende
      nemmeno un operaio in fabbrica.

      Siete la rovina dell'informatica.Cogli l'occasione e vedi di acculturarti un pochino: in economia si chiama eccesso di offerta. Il resto e' conseguente...
  • Anonimo scrive:
    Re: la verità
    Ma tu volevi fare un discorso o un minestrone?
  • pippo75 scrive:
    gavetta
    piu' nessuno vuole farla, sporcarsi le mani, troppo duro.conoscevo un professore di sistemi, veramente bravo (gli piaceva il suo lavoro), mi aveva raccontato che il suo primo lavoro era andare a raccogliere pomodori.leggendo qui, un ingegnere non dovrebbe fare niente di manuale ma solo progettare, sviluppare, dimostrate di essere bravi ed il lavoro lo troverete, anche fare il manuale molte volte richiede capacità, poi magari fate carriera.
    • Anonimo scrive:
      Re: gavetta

      leggendo qui, un ingegnere non dovrebbe fare
      niente di manuale ma solo progettare,
      sviluppare, dimostrate di essere bravi ed il
      lavoro lo troverete, anche fare il manuale
      molte volte richiede capacità, poi
      magari fate carriera.Leggendo qui un ingegnere che sappia fare il suo lavoro, che non abbia paura di sporcarsi le mani facendo quello che serve quando serve dovrebbe accumulare esperienza e con quella migliorare nel tempo la sua posizione, anche andando magari "solo a progettare".Se poi aggiungi che aumenti anche le sue competenze tecniche insieme all'esperienza sul campo dovrebbe diventare proprio un bel bocconcino appetitoso per le aziende. E invece no.... ti dicono che con la tua preparazione non possono proprio assumerti... che di gavetta ne hai fatta pure troppa e dovrebbero pagarti più di un tozzo di pane...No... No... Molto meglio assumere con un contratto a progetto un pischello con esperienza zero e lasciarlo a casa al termine del contratto. Contenere i costi è la parola d'ordine!
      • Anonimo scrive:
        Re: gavetta

        ti dicono che con la tua
        preparazione non possono proprio
        assumerti... che di gavetta ne hai fatta
        pure troppa e dovrebbero pagarti più
        di un tozzo di pane...e tu non presentarti come ingegnere, ma come semplice addetto, magari mostra solo il diploma, saranno le tue conoscenze poi a parlare per te, poi mentre lavori, cerchi anche altrove.
        • Anonimo scrive:
          Re: gavetta

          e tu non presentarti come ingegnere, ma come
          semplice addetto, magari mostra solo il
          diploma, saranno le tue conoscenze poi a
          parlare per te, poi mentre lavori, cerchi
          anche altrove.Potrei darti ragione quando si parla di accettare o morire di fame, ma secondo la tua teoria la gavetta dovrebbe essere una specie di passe par tout per gli uffici personale di tutte le aziende.E invece no... tu stesso consigli di mentire sulla tua preparazione per superare quella che è la barriera del prezzo: stai vendendo una Ferrari fatta a mano in anni di fatiche camuffandola da 500, ed ovviamente al prezzo della 500! Anche cercando altro in giro dovrai scegliere se farlo con la tua vera identità o con quella ridimensionata, con ovvie conseguenze economiche e sulla tua carriera.Già, proprio quella carriera che da raccoglitore di pomodori ti porta ad essere il megadirettore con poltrona in pelle umana. Quando la fai? Aspettando l'occasione della vita che qualcuno riconosca i tuoi meriti e decida di pagarteli o passando a programmare in C# dopo essere passato da C, VB, Java e simili, continuando a fare gavetta a vita?
    • DarkDirtyDwarf scrive:
      Re: gavetta
      - Scritto da: pippo75
      piu' nessuno vuole farla, sporcarsi le mani,
      troppo duro.Spesso chi assume pretende tu abbia gia' esperienza.Spesso chi ti assume ti fa fare cose che non ti permettono di aumentare il tuo bagaglio culturale.Come fare gavetta quindi? Non si puo' sempre essere autodidatti o addirittura spendere (magari sei pure disoccupato) per seguire corsi etc.
  • Anonimo scrive:
    Re: MA CREATEVELO IL LAVORO
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Hai straragione.

    In Italia, non trovi nessuno disposto a

    buttarsi seriamente in una impresa,

    soprattutto con la crisi che c'e' oggi.

    Quasi tutti fanno o vogliono fare i

    dipendenti.

    em scusa fare il dipendente mica è
    reato
    preferisco fare il dipendente piuttosto che
    l'imprenditore che lucra sulla testa degli
    altri
    per sopravvivere....
    Si pero' se tutti la pensassero cosi', poi chi ti assumerebbe piu' ?Un dipendente e' parte di una struttura fondata da chi non ha voluto fare il dipendente.E poi vale il solito detto che chi non risica non rosica.Se non hai voglia di risicare, poi e' difficile andare a protestare perche non si rosica come si vorrebbe.....Hazetcloop@hotmail.it
  • Anonimo scrive:
    Re: MA CREATEVELO IL LAVORO
    - Scritto da: Anonimo
    Hai straragione.
    In Italia, non trovi nessuno disposto a
    buttarsi seriamente in una impresa,
    soprattutto con la crisi che c'e' oggi.
    Quasi tutti fanno o vogliono fare i
    dipendenti.em scusa fare il dipendente mica è reato preferisco fare il dipendente piuttosto che l'imprenditore che lucra sulla testa degli altriper sopravvivere....
    Qui le persono vogliono avere un sacco di
    garanzie per il futuro, rischiando zero.
    La PROPENSIONE AL RISCHIO che ho riscontrato
    nelle persone in alcuni anni di onorata
    carriera e' PROSSIMA ALLO ZERO.no no no non ci siamo questi ragionamenti sono un pochettino spavaldiperchè mai uno dovrebbe rischiare di andare a gambeall'aria ?no dico hai presente come sta messa l'italia si ? credito al consumo assentefinanziamenti con garanzie e cambialicapital venture che ti si cacano di pezzabanca d'italia senza un lingotto d'oropensioni sociali su fondi esteri (e gia qui ti dovrebbe far capire tutto )deficit publico del 110% pil a 0.3% (gli stati europei hanno una media di 2 3% )monopolio di infrastruttureburocrazia su tutto
  • Guybrush scrive:
    Ma che strano...
    Qualche settimana fa' c'era un altro che scriveva dell'opposto: si lamentava delle richieste di lavoro assurde, tipo "cercasi sistemista wndows-unix-linux-macintosh, che conosca i linguaggi di programmazione VB.NET, C++ e Java, abbia sollide competenze hardware e sappia fare un buon caffe'".Stavolta invece abbiamo qualcuno che, caffe' a parte, soddisfa tutti i requisiti e pure qualcosa in piu'.E pure questo non riesce a lavorare... boh?
    GT
  • Anonimo scrive:
    MA CREATEVELO IL LAVORO
    Raga, io ho 16 anni e molto probabilmente non posso immaginare cosa significa lavorare per campare perchè sono mantenuto.Voglio comunque dirvi quello che penso: io al posto vostro cercherei di crearmi il lavoro proprio come fanno i cacciatori di teste che evidentemente altro non sanno fare.Sei un programmatore ? Trovane altri nella tua condizione e create un prodotto, qualcosa di nuovo, qualcosa che si possa vendere bene.Sei un webmaster ? Tira su un sito e mettici tutto quello che sai fare, fallo vivere, fallo conoscere e vendi la pubblicità.Il problema non è l'Italia, siamo noi Italiani ad essere troppo furbi.Siamo noi quelli a cui piace il lavoro fatto da altri gratis su cui magari possiamo guadagnarci.Bisogna fare un pò i figli di p.... : se il sistema non puoi cambiarlo, puoi adattarti a lui.Ovviamente la voglia di lavorare è indispensabile, se la vostra ambizione massimo è quella di consulente di azienda allora continuate a spedire curriculum... :)Pierquinto Manco
    • Anonimo scrive:
      Re: MA CREATEVELO IL LAVORO
      - Scritto da: Anonimo
      Raga, io ho 16 anni e molto probabilmente
      non posso immaginare cosa significa lavorare
      per campare perchè sono mantenuto.appunto
      Voglio comunque dirvi quello che penso: io
      al posto vostro cercherei di crearmi il
      lavoro proprio come fanno i cacciatori di
      teste che evidentemente altro non sanno
      fare.il lavoro non si crea,il lavoro si fasecondo te è normale che in italia esistonopiu partitaivattari di lavoratori t.i ?la risposta a questo equivoco l'hai data propriote....ti do un consiglio da persona seriavai all'estero e lavora come dipendentenon farti attrarre dalla P.IVA tu non hai ideache significhi andare a puttane grazie alla furbiziadi aziende che non ti pagano e ti fanno pure causalascia perdere studia quello che vuoi e poi va all'estero...
      Sei un programmatore ? Trovane altri nella
      tua condizione e create un prodotto,
      qualcosa di nuovo, qualcosa che si possa
      vendere bene.tu devi trovare un lavoro serio no che ti metti a fare le puttanate a gratis perchè in italia certiservizi non si vendono....
      Sei un webmaster ? Tira su un sito e mettici
      tutto quello che sai fare, fallo vivere,
      fallo conoscere e vendi la
      pubblicità.ma per piacere ancora con queste favolette i soldi non te li regala nessuno
      Il problema non è l'Italia, siamo noi
      Italiani ad essere troppo furbi.no in italia i soldi non circolano come dovrebberoperchè ognuno vuole mettere mano alla tortapeccato che allo stato attuale la torta IT se la pappanoi soliti finanzieri travestiti da body rental...
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: MA CREATEVELO IL LAVORO


        Sei un webmaster ? Tira su un sito e

        mettici tutto quello che sai fare, fallo vivere,

        fallo conoscere e vendi la

        pubblicità.
        ma per piacere ancora con queste favolette
        i soldi non te li regala nessuno Dai, non killate cosi' la buona volonta' :)
    • Anonimo scrive:
      Re: MA CREATEVELO IL LAVORO
      - Scritto da: Anonimo
      Raga, io ho 16 anni e molto probabilmente
      non posso immaginare cosa significa lavorare
      per campare perchè sono mantenuto.
      Voglio comunque dirvi quello che penso: io
      al posto vostro cercherei di crearmi il
      lavoro proprio come fanno i cacciatori di
      teste che evidentemente altro non sanno
      fare.
      Sei un programmatore ? Trovane altri nella
      tua condizione e create un prodotto,
      qualcosa di nuovo, qualcosa che si possa
      vendere bene.
      Sei un webmaster ? Tira su un sito e mettici
      tutto quello che sai fare, fallo vivere,
      fallo conoscere e vendi la
      pubblicità.
      Il problema non è l'Italia, siamo noi
      Italiani ad essere troppo furbi.
      Siamo noi quelli a cui piace il lavoro fatto
      da altri gratis su cui magari possiamo
      guadagnarci.
      Bisogna fare un pò i figli di p.... :
      se il sistema non puoi cambiarlo, puoi
      adattarti a lui.
      Ovviamente la voglia di lavorare è
      indispensabile, se la vostra ambizione
      massimo è quella di consulente di
      azienda allora continuate a spedire
      curriculum... :)

      Pierquinto MancoHai straragione.Pero' io ho il doppio dei tuoi anni, e ho capito almeno uno dei motivi perche' quello che dici e' difficilmente realizzabile.In Italia, non trovi nessuno disposto a buttarsi seriamente in una impresa, soprattutto con la crisi che c'e' oggi.Quasi tutti fanno o vogliono fare i dipendenti.Qui le persono vogliono avere un sacco di garanzie per il futuro, rischiando zero.La PROPENSIONE AL RISCHIO che ho riscontrato nelle persone in alcuni anni di onorata carriera e' PROSSIMA ALLO ZERO.Poi ci vuole affiatamento e fiducia reciproca, quasi fraterna.Sul mondo del lavoro troverai le persone piu' disparate con le aspettative piu' dispatate; i tuoi vecchi amici con cui facevi tanti progetti non ti possono aiutare perche' impegnati altrove in altre cose....Ti do un consiglio, visto che hai 16 anni e dici certe cose: trovati ora i tuoi futuri colleghi, coltiva le relazioni, persegui progetti comuni. Perche' poi non sara' piu' la stessa cosa. Se parti ora, forse ce la potresti fare.Hazetcloop@hotmail.it
  • Anonimo scrive:
    Re: Definizioni e real life
    - Scritto da: Anonimo

    Tesoruccio: ho conosciuto gente che si
    occupava della progettazione di architetture
    per supercalcolo o di robot satellitari.Robot satellitari ? Buona questa come cazzata di fine anno... torna a fare le tue paginette con flash, che è meglio.
    Chissa' perche' a questi - che da
    definizione sono degli informatici - non
    gli verrebbe mai in mente di usare un tono
    simile.Evidentemente non hai mai visto un Informatico, neppure col telescopio Hubble.
    Ti diro', a 1500 euro al giorno di tariffa,Uno come te vale al massimo 1500 euro lordi all'anno...
  • ilGimmy scrive:
    Re: Non vedo lo scandalo: è giusto così

    Quando cominci a lavorare, sei un ragazzo
    volenteroso che di norma sa poco o nulla
    (visto anche il livello di istruzione
    pratica delle nostre università).
    Quindi costi poco, rendi poco, ma se ti
    sbatti l'azienda ti apprezza e tu puoi
    crescere in fretta, sia in termini di
    competenza che di responsabilità che
    di stipendio.Se non sei un figlio di papa', quando inizi a lavorare dopo la laurea, hai gia' qualche anno di esperienza in lavoretti su PC, tutti rigorosamente a ritenuta d'acconto.Questa esperienza, non vale nulla in fase di colloquio, cosi' di prendono a tempo determinato in formazione (anzi, adesso la formazione non c'e' piu', sa Dio come ti inculano).Passati i due anni a 950? al mese, se Dio vuole ti assumono a tempo indeterminato a 990? al mese.A questo punto devi iniziare a cercare lavoro per passare a 1200?, e poi un altro per 1400?, ma devi avere un bel culo e molta bravura.Altrimenti puoi sempre sperare che i tuoi crepino prima che tu ti sposi, almeno erediti la casa.(Magari puoi organizzare degli incidenti per eventuali altri ereditieri...)
  • italmatrix scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    Ok,si comprano telefonini e fotocamere digitali,ma.......con rate a piu' non posso.Bisogna rivoluzionare questa ipocrita Italia.La stragrande maggioranza delle persone comuni sanno come stanno le cose,ma quelli che stanno in televesione o nei piani alti,hanno interesse a mantenere la sua posizione e quindi ad alimentare questa ipocrisia e a fare di tutto per tenerci drogati di bugie,tipo matrix con i robot,tutto una rincorsa al nascondersi.Qui non si tratta di lamentarsi,qui si tratta di difendere la propria soppravvivenza.Protestare,secondo me,significa non accettare questo sistema corrotto e quindi alzare la voce a questro branco di cattivi pastori di pecore.Stop all'ipocrisia,viva l'intelligenza,creativita' e la meritocrazia.Mai dire mai,questo gioco e' diventatato schiacciante e si ripieghera' con la sua stessa moneta.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    - Scritto da: Anonimo
    Sono d'accordo in pieno con te. Ormai siamo
    la barzelletta dell'europa intera. Abbbiamo
    tanto lottato per avere la nostra nazione ma
    ora che l'abbiamo siamo solo capaci di farla
    a brandelli.
    Spero di vivere abbastanza per vedere
    l'italia cadere in rovina :-) Ancora deve andare in rovina? a me sembra che già c siamo , c'e' gente che non ha da mangiare ma compra il telefonino con la fotocamera da unmega e tre , questa è la rovina.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    RAGA' SIAMO NELLA MERDAAPPLAUDIAMO MENTRE SPROFONDIAMONO COMMENT ITALIA = ALBANIA (o forse peggio)
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    - Scritto da: Anonimo

    Noi non siamo una azienda IT.

    lavoriamo in ambito turistico

    e questo la dice lunga...oltre che maleducato 6 anche ignorante e qualunquista. bene. quali sono i settori buoni secondo un luminare come te? e quelli di serie b? e c? comunque per tua informazione il settore turistico e' uno dei + avanzati esistenti in ambito IT.


    quelli bravi invece li paghiamo

    anche piuttosto bene (molto + di 1000
    lordi)

    bisognerebbe chiederlo a loro direttamente.
    si partecipa al forum per scambiare esperienze e opinioni. a te non dobbiamo provare nulla.


    i prodotti informatici sviluppati
    vengono

    utilizzati solo all'interno e ...

    e anche questo "solo" la dice lunga.e' una scelta, noi come altri cerchiamo di sviluppare dei punti di forza e ovviamente non vogliamo dividerli con i concorrenti. l'unica cosa che qui la dice lunga e' la tua ignoranza grossolana.

    ...nn li

    vendiamo. riteniamo siano il top del

    settore.

    questo dovrebbe deciderlo il mercato...
    ..infima retorica della serie "leader nel
    settore"...
    sul mercato ci stiamo da anni e piuttosto bene. ti diro' di +. lavoriamo 12 mesi su 12, senza i tempi morti che caratterizzano l'attivita' dei raccoglitori ortofrutticoli come te.



    avete fatto l'investimento con i
    soldi

    della


    comunita


    europea ?



    fatto diverse domande ma purtroppo mai
    preso

    neanche una lira cee.
    ci sono moltissimi dirigenti, quadri e
    impiegati indiani che ci riescono senza
    tanto sforzo...basta impegnarsi un po' che ci siano ottimi lavoratori in india lo sappiamo per esperienza. fa piacere che anche un poveretto come te ci sia arrivato. il forum ha dimostrato nel tuo caso anche una certa utilita' sociale. W IL FORUM
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=7io non sono laureato ma ho un sito in php con un grosso database mysql che con tiene un mucchio di dati divisi epr anno e con migliaia di dati immessi ho visto che ogni anno occupa circa 2 megabyte di dati, per cui se ci mettessi un secolo di dati sono 2x100 = 200 megabyte....e sono riuscito a ottimizzare il database meglio che potevo seguendo regole di normalizzazione ecc ecc imparate su internet..quello che vuole 10 giga è solo un grosso incompetente che sembra fatto apposta per chi vuole denigrare gli smanettoni...
  • Anonimo scrive:
    Londra!!!!!!!!!!!!!!!!!!!???????????????
  • Anonimo scrive:
    Re: india

    Noi non siamo una azienda IT.
    lavoriamo in ambito turistico e questo la dice lunga...
    quelli bravi invece li paghiamo
    anche piuttosto bene (molto + di 1000 lordi)bisognerebbe chiederlo a loro direttamente.
    i prodotti informatici sviluppati vengono
    utilizzati solo all'interno e ...e anche questo "solo" la dice lunga....nn li
    vendiamo. riteniamo siano il top del
    settore. questo dovrebbe deciderlo il mercato.....infima retorica della serie "leader nel settore"...

    avete fatto l'investimento con i soldi
    della

    comunita

    europea ?

    fatto diverse domande ma purtroppo mai preso
    neanche una lira cee.ci sono moltissimi dirigenti, quadri e impiegati indiani che ci riescono senza tanto sforzo...basta impegnarsi un po' ed essere VERAMENTE capaci di formulare le domande giuste. Un punto di partenza, per dimostrare un po' di impegno, sarebbe ,per esempio, il sapere che esiste l'EURO...
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Benissimo, gli italiani a ubriacarsi nei pub
    londinesi
    e gli stranieri a vivere nel chianti. Con
    certa gente
    siamo, effettivamente, messi male.con chi gli stranieri o quelli che migrano ?presumo quelli che emigrano vistoche gli stranieri non investono un centesimoin africa....
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra

      con chi gli stranieri o quelli che migrano ?
      presumo quelli che emigrano visto
      che gli stranieri non investono un centesimo
      in africa....Possiamo parlare anche dll'oceania se vuoi maqui mi sembra che ci azzecchi poco.
      • Anonimo scrive:
        Re: io vado a londra
        - Scritto da: Anonimo
        Possiamo parlare anche dll'oceania se vuoi ma
        qui mi sembra che ci azzecchi poco.certo volendo possiamo anche portare una disquisizione su come la terra sia piatta e di come i muli volano.... ROTFLMAO
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra


    Quelli veramente soni i Tedeschi, e piu ne
    arrivano meglio e', visto che noi ormai non
    siamo piu neanche capaci di investire per
    valorizzare il nostro territorioBenissimo, gli italiani a ubriacarsi nei pub londinesie gli stranieri a vivere nel chianti. Con certa gentesiamo, effettivamente, messi male.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Non sputiamo sempre sugli smanettoni...

    Si, io ci sputo eccome, almeno a quelli che

    vogliono spacciarsi per professionisti, e

    che agli occhi di un profano possono

    apparire tali.
    Tutta colpa di Windows, che con il suo
    luser-frendly ha convinto tutti che mettere su
    e gestire computer e reti e' facile.quoto
  • Anonimo scrive:
    Re: io ne ho visto l'operato degli smane
    - Scritto da: Anonimo

    Le sessioni su db sarebbero un bene a

    priori, mentre le sessione sui file un
    male

    a priori? Bravo, tu sì che te ne

    intendi!!

    ed ha ragione perché le sessioni su
    file sono estremamente rischiose, per tanti
    motivi, oltre al fatto che ti permettono un
    controllo estremamente limitato.
    Rischiose? Solo su server multisito forse.Ma mai sentito parlare di safe_mode, o meglio, di suPhp ?
  • Anonimo scrive:
    Re: india

    perche mandi in outsourcing la tua idea di
    business
    non ti fidi a sufficenza del programma che
    uscirà
    fuori,cosi cerchi di spendere il meno
    possibile ?
    avete aperto una societa perche voi super
    tecnici
    non trovate lavoro in italia ?
    queste sono domande importanti che decretano
    la durata di vita di una tipica azienda IT
    italiana.Noi non siamo una azienda IT. lavoriamo in ambito turistico e dal 1986 sviluppiamo software di prenotazione per la nostra struttura interna.e li sviluppiamo secondo le nostre specifiche utilizzando professionisti interni ed esterni.


    poi ho aggiunto pero' che c'e' un gap

    qualitativo e professionale, forse non
    cosi'

    smaccato come quello economico, ma

    sicuramente netto ed evidente.

    Io tutto sto gap qualitativo non lo vedo
    affatto
    quello che dici tu è vero in parte
    la gente scarsa è quella che si apre
    la PIVA perche
    nella zona dove abita non esiste ditta
    informatica
    decente.
    i programmatori old style capaci,
    saranno meno di qualche milione di indiano
    affamato
    ma in compenso hanno conoscenze ed un
    background culturale che spacca il culo ai
    passeri.
    volendo ti potrei anche portare la lista di
    queste
    persone (che per inteso sono contesi dai
    maggiori head hunters europei ) non te la
    dico perchè tanto
    finiresti per passargli il solito
    contrattino a progetto
    di 1000 EU lordi..... siamo una azienda molto attenta ai costi del personale. quindi quelli non bravi non li teniamo. quelli bravi invece li paghiamo anche piuttosto bene (molto + di 1000 lordi) e nn solo gli informatici. selezionare gente e' una tale rompitura che cerchiamo di farlo il meno possibile.


    perche' in

    tanti anni di lavoro in italia gente
    cosi'

    preparata non la abbiamo mai vista.

    torno a ripetere voi ditte super competitive
    avete
    mai fatto dei programmi intership come le
    grandi
    aziende europee ? abbiamo lavorato con aziende europee e americane. riteniamo queste ultime le peggiori perche' eccessivamente commerciali. avete mai incentivato la
    ricerca ?scusaci ma non e' il nostro compito.
    avete mai portato sul mercato italiano un
    prodotto
    informatico che venga riconosciuto come tale
    e che
    non si limiti al solito backoffice per
    banche ? i prodotti informatici sviluppati vengono utilizzati solo all'interno e nn li vendiamo. riteniamo siano il top del settore. ed e' un settore dove in IT si investe tanto (in proporzione ai margini)
    avete mai creduto nelle figure professionali
    oppure
    avete sempre considerato un lavoratore
    invece di risorsa umana un costo per la
    società ?questa e' bassa retorica. un lavoratore e' una risorsa e un costo. se nn si considerano entrambi gli aspetti nn si va da nessuna parte.
    avete mai scritto un piano industriale serio
    oppure
    avete fatto l'investimento con i soldi della
    comunita
    europea ? fatto diverse domande ma purtroppo mai preso neanche una lira cee.
    tu parlavi di programmatori validi giusto ?
    bene per fare un programmatore valido occorre
    inteligenza voglia di crescere ed un'azienda
    che ti supporti
    Le persone vanno trattate in un certo modo
    vanno
    stimolate incentivate a crescere anche con
    dei benefit
    (che non si limitino al solito buono pasto
    :) )
    nn diamo buoni pasto

    anzi, le persone delle 2 aziende sono di

    livello molto omogeneo fra loro, non e'
    che

    si parla di una persona molto brava

    circondata da capre (come capita spesso
    da

    noi)...

    Ecco appunto perchè non metti a
    disposizione
    30 mila euro per dei corsi di formazione da
    far fare
    alle capre ?
    investi 30 mila euro e ti ritrovi 10 15
    persone formate
    che potrebbero aumentare la produttivita
    della tua
    azienda.la mia azienda non fa beneficenza (giustamente). le persone che sanno fare le paghiamo anche bene. le altre non le vogliamo. le scuole le paghi lo stato o gli individui che devono colmare le loro lacune.
    Il lavoratore è il bene piu prezioso
    per una ditta
    e ripeto va rispettato e non messo al muro
    da sedicenti
    imprenditori usciti fuori come funghi dal
    1990....qualunquismo.



    poi e' ovvio che stanno gia' mettendo le

    basi per venderci i prossimi upgrade...
    sono

    indiani, non sono mica fessi!!!

    Bene visto che sono tanto bravi mi aspetto
    che i prodotti informatici che vendete siano
    pubblicizzati alla prossima Cafonal
    Technology a milanovisti i tuoi toni esagitati e maleducati immagino sarai l'organizzatore della manifestazione...
  • Anonimo scrive:
    Re: io ne ho visto l'operato degli smane

    Le sessioni su db sarebbero un bene a
    priori, mentre le sessione sui file un male
    a priori? Bravo, tu sì che te ne
    intendi!!ed ha ragione perché le sessioni su file sono estremamente rischiose, per tanti motivi, oltre al fatto che ti permettono un controllo estremamente limitato.dopo di che io sono uno "smanetta" (e questo termine me lo appioppo perché non ho seguito corsi da migliaia di migliaia di euro e non ho quindi decine di certificazioni) che però studia, da 12 anni, programmazione e credo anche di essere sufficentemente preparato...un cordiale saluto...daniele_dll
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli smanetta
    Nella mia azienda succede di peggio. :@
  • Anonimo scrive:
    meglio la camorra...
    italia paese dei balocchi
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    Non è necessario che lei si

    trasferisca.

    Sono gli altri che si trasferiscono da
    lei

    per poi aprire qualche circo o
    baraccone in

    UE (e quindi anche in italia) passando

    ancora per benefattori perchè
    casomai

    rilevano aziende amazzate dalle tasse.

    Poi guarda un po' che strano: è a

    metà tra l'Inghilterra e
    l'Italia.

    it.wikipedia.org/wiki/Andorra
    Ma a noi...Ma ..........
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Non è necessario che lei si
    trasferisca.
    Sono gli altri che si trasferiscono da lei
    per poi aprire qualche circo o baraccone in
    UE (e quindi anche in italia) passando
    ancora per benefattori perchè casomai
    rilevano aziende amazzate dalle tasse.
    Poi guarda un po' che strano: è a
    metà tra l'Inghilterra e l'Italia.
    it.wikipedia.org/wiki/Andorra Ma a noi...
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    Fatturando ad Andorra o sull'Isola di
    Man

    qui diventa un paradiso.
    Non sapevo che Andorra si fosse trasferita
    anche
    lei in GB, si impara sempre qualcosa.Non è necessario che lei si trasferisca.Sono gli altri che si trasferiscono da lei per poi aprire qualche circo o baraccone in UE (e quindi anche in italia) passando ancora per benefattori perchè casomai rilevano aziende amazzate dalle tasse.Poi guarda un po' che strano: è a metà tra l'Inghilterra e l'Italia.http://it.wikipedia.org/wiki/Andorra
  • Anonimo scrive:
    Re: Definizioni e real life
    - Scritto da: Anonimo

    Ti diro', a 1500 euro al giorno di
    tariffa,

    mi definiscano pulicessi o informatico

    m'importa poco. Quello che m'importa e'
    che

    mi paghino e che stia facendo un lavoro
    che

    mi piaccia.
    Wowwwwww un altro mostro sacro. E poi dicono
    che icontaballe non sono pagati.:pI rosiconi li pagano un tanto alla dozzina ?
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile

    Infatti ci sto pensando. L'incognita
    principale è come strutturarsi in
    modo da non essere automaticamente
    considerato un evasore fiscale qui - e senza
    affidarsi a "consulenti" che ti spennano.Un buon modo per non essere consideratoun evasore fiscale potrebbe, per esempio,pagare le tasse:)
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Fatturando ad Andorra o sull'Isola di Man
    qui diventa un paradiso.Non sapevo che Andorra si fosse trasferita anchelei in GB, si impara sempre qualcosa.
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    - Scritto da: Anonimo
    nel testo ho precisato che, a fronte di una
    richiesta di una azienda italiana (la +
    cara) di 100 (numero indice), l'investimento
    finale con le aziende indiane sara' di 12 .
    quindi il fatto economico c'e' e nessuno lo
    nasconde.sentiamo quale è il tuo core business ? perche mandi in outsourcing la tua idea di businessnon ti fidi a sufficenza del programma che usciràfuori,cosi cerchi di spendere il meno possibile ?avete aperto una societa perche voi super tecnicinon trovate lavoro in italia ?queste sono domande importanti che decretanola durata di vita di una tipica azienda IT italiana.
    poi ho aggiunto pero' che c'e' un gap
    qualitativo e professionale, forse non cosi'
    smaccato come quello economico, ma
    sicuramente netto ed evidente.Io tutto sto gap qualitativo non lo vedo affattoquello che dici tu è vero in partela gente scarsa è quella che si apre la PIVA perchenella zona dove abita non esiste ditta informaticadecente.i programmatori old style capaci,saranno meno di qualche milione di indiano affamatoma in compenso hanno conoscenze ed un background culturale che spacca il culo ai passeri.volendo ti potrei anche portare la lista di queste persone (che per inteso sono contesi dai maggiori head hunters europei ) non te la dico perchè tantofiniresti per passargli il solito contrattino a progettodi 1000 EU lordi.....
    perche' in
    tanti anni di lavoro in italia gente cosi'
    preparata non la abbiamo mai vista.torno a ripetere voi ditte super competitive avetemai fatto dei programmi intership come le grandiaziende europee ? avete mai incentivato la ricerca ?avete mai portato sul mercato italiano un prodottoinformatico che venga riconosciuto come tale e chenon si limiti al solito backoffice per banche ? avete mai creduto nelle figure professionali oppureavete sempre considerato un lavoratore invece di risorsa umana un costo per la società ?avete mai scritto un piano industriale serio oppureavete fatto l'investimento con i soldi della comunitaeuropea ? tu parlavi di programmatori validi giusto ?bene per fare un programmatore valido occorreinteligenza voglia di crescere ed un'azienda che ti supportiLe persone vanno trattate in un certo modo vannostimolate incentivate a crescere anche con dei benefit(che non si limitino al solito buono pasto :) )
    anzi, le persone delle 2 aziende sono di
    livello molto omogeneo fra loro, non e' che
    si parla di una persona molto brava
    circondata da capre (come capita spesso da
    noi)...Ecco appunto perchè non metti a disposizione 30 mila euro per dei corsi di formazione da far farealle capre ? investi 30 mila euro e ti ritrovi 10 15 persone formateche potrebbero aumentare la produttivita della tuaazienda.Il lavoratore è il bene piu prezioso per una ditta e ripeto va rispettato e non messo al muro da sedicentiimprenditori usciti fuori come funghi dal 1990....
    poi e' ovvio che stanno gia' mettendo le
    basi per venderci i prossimi upgrade... sono
    indiani, non sono mica fessi!!! Bene visto che sono tanto bravi mi aspettoche i prodotti informatici che vendete sianopubblicizzati alla prossima Cafonal Technology a milano
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    L'importante e non lasciarsi legami alle
    spalle.
    - Se si ha una casa bisogna venderla :
    va**anculo ICI.
    - Aprire un conto in banca all'estero:
    va**anculo spese bancarie italiane.
    - Possibilmente fatturare in società
    offshore: va**anculo tasse.
    - ecc...
    Tanto a pagare le tasse, per garantire
    clienti istituzionali ai nostri
    imprenditori, ci penseranno gli indiani e i
    cinesi...E quegli idioti di inglesi che invadono il chiantiperchè dicono che qui si sta meglio. Certa gentenon è mai contenta.
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo

      L'importante e non lasciarsi legami alle

      spalle.

      - Se si ha una casa bisogna venderla :

      va**anculo ICI.

      - Aprire un conto in banca all'estero:

      va**anculo spese bancarie italiane.

      - Possibilmente fatturare in
      società

      offshore: va**anculo tasse.

      - ecc...

      Tanto a pagare le tasse, per garantire

      clienti istituzionali ai nostri

      imprenditori, ci penseranno gli indiani
      e i

      cinesi...
      E quegli idioti di inglesi che invadono il
      chianti
      perchè dicono che qui si sta meglio.Fatturando ad Andorra o sull'Isola di Man qui diventa un paradiso.
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra

      E quegli idioti di inglesi che invadono il
      chianti
      perchè dicono che qui si sta meglio.
      Certa gente
      non è mai contenta.Quelli veramente soni i Tedeschi, e piu ne arrivano meglio e', visto che noi ormai non siamo piu neanche capaci di investire per valorizzare il nostro territorio
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    Non credete di essere davvero troppo pessimisti ?Vabbè l'Italia è piena di problemi, il lavoro, i politici, l'euro che ha dimezzato i potere d'acquisto dei cittadini, e allora ?Non è lamentandosi che si risolvono i problemi, personali e del paese.Ho sempre pensato che se una cosa non mi va bene, la cambio. Se non mi va bene la città in cui vivo, vado a vivere altrove. Se l'italia non mi va bene, vado all'estero, imparo le lingue, mi muovo, non mi lamento e basta. Lamentarsi è solo un modo per commiserarsi, per darsi delle giustificazioni, poverino, è vero, siamo tutti d'accordo che in Italia ci sono dei problemi, ed ora ? Cosa fai per cambiare le cose e vivere meglio ?Personalmente lavoro dall'età di 14 anni, a 200 mila al mese, mi sono sempre dato da fare, mi hanno sfruttato, ma mi sono sempre dato da fare. Oggi ho un lavoro conquistato con fatica, con impegno, è vero che ci sono tanti raccomandati, tante persone che si approfittano degli altri, ma ci sono anche tante persone disposte ad aiutarti, a darti una mano. In sostanza: l'Italia è un paese difficile, ma io ne faccio parte, cerco di lottare e trovare una mia dimensione in questo paese !!! Assicuriamo un futuro migliore ai nostri figli !!!Buon 2005 a tutti, con nuova speranza per il futuro !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    non hai letto bene.nel testo ho precisato che, a fronte di una richiesta di una azienda italiana (la + cara) di 100 (numero indice), l'investimento finale con le aziende indiane sara' di 12 .quindi il fatto economico c'e' e nessuno lo nasconde.poi ho aggiunto pero' che c'e' un gap qualitativo e professionale, forse non cosi' smaccato come quello economico, ma sicuramente netto ed evidente. perche' in tanti anni di lavoro in italia gente cosi' preparata non la abbiamo mai vista. anzi, le persone delle 2 aziende sono di livello molto omogeneo fra loro, non e' che si parla di una persona molto brava circondata da capre (come capita spesso da noi)...e si parlano...se si ha uno scambio di opinioni con uno di loro (non necessariamente il capo) parlando con gli altri il giorno dopo scopri che sono tutti al corrente.poi e' ovvio che stanno gia' mettendo le basi per venderci i prossimi upgrade... sono indiani, non sono mica fessi!!! ma questo fa parte delle regole del gioco, e se c'e' qualita' di base lo si accetta.- Scritto da: Anonimo
    A parte il discorso umiltà,
    condizione che non dovrebbe mai mancare in
    nessuno di noi , quando affrontiamo un
    colloquio di lavoro, il resto fa un po'
    discutere.
    Intanto qui non si dice la verità, e
    cioè che si è scelto l'india
    perchè li la mano d'opera costa molto
    meno, anche se si tratta di "tutti
    ingegneri".
    Cosa si pretende che si possa offrire qui
    con le spese che deve affrontare una piccola
    azienda, tra balzelli e tasse?
    Oppure vogliamo parlare di
    professionalità degli individui?
    Di persone che hanno 40 o 50 anni dei quali
    molti passati in aziende che li hanno
    sfruttati senza mai spendere una lira in
    corsi di aggiornamento, che se non si
    fossero arrangiate con il "fai da te",
    sarebbero rimasti tagliati fuori
    inesorabilmente.
    Se poi infine vogliamo parlare di
    competitività delle aziende italiane,
    parliamo anche del crescente senso di
    privazione che sono costretti a subire i
    dipendenti di alcune delle aziende
    più grandi.
    Benvenuti India, Cina, Taiwan, Malesia e
    Botswana ....

    E' vero l'Italia è proprio un paese
    di merda, ma chissa come è il resto
    del mondo .....

    diabolik
  • Anonimo scrive:
    Re: io ne ho visto l'operato degli smane
    - Scritto da: Anonimo

    Solo per farvi capire il sistema di sessioni
    è stato messo in piedi utilizzando un
    file su disco, (quando potevano gestirlo al
    limite usando il db).
    Magari usavano più di un file....comunqueLe sessioni su db sarebbero un bene a priori, mentre le sessione sui file un male a priori? Bravo, tu sì che te ne intendi!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    Se non hai paura di sporcarti le mani partecipa al thread tra gli umili smanettoni e specifica quali sono le inesattezze
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    per il resto mi pare che londra
    non sia


    tutto sto brutto


    io personalmente mi ci trovo bene
    e ho



    Finche' non sei stato in un cesso senza

    bidet e con la moquet in bagno tutta

    scolorita attorno alla tazza del cesso.



    Ah beh, se giudichi la civilità dal
    bidet, se il bidet è la pietra
    filosofale beh, puoi startene anche zitto.Io che lo uso lo trovo comodo.:)
  • The Raptus scrive:
    Re: Sovradimensionati

    C'e' anche da dire pero' che, come mi e'
    capitato di recente, ci sono molte nicchie
    nel mercato del lavoro, e se ci si vende
    bene, ci sono molti affari che aspettano noi
    sovradimensionati, come le consulenze, che
    vengono pagate bene. Basta trovare a chi
    farle e proporsi nel modo giusto.
    Ma davvero? Cavoli, non lo sapevo!MA PERFORZA CHE è COSì !!!Non fai altro che dire la stessa cosa: trovare un buon cliente (fisso o a progetto che sia!). Ma siccome sono in tanti che stanno male ... il cliente ne trova molti e ne abbassa il prezzo!mah!
    • DarkDirtyDwarf scrive:
      Re: Sovradimensionati
      - Scritto da: The Raptus
      Ma davvero?
      Cavoli, non lo sapevo!

      MA PERFORZA CHE è COSì !!!

      Non fai altro che dire la stessa cosa:
      trovare un buon cliente (fisso o a progetto
      che sia!). Ma siccome sono in tanti che
      stanno male ... il cliente ne trova molti e
      ne abbassa il prezzo!Devi trovare il cliente che non trova chi gli fa il lavoro.Non proporti ai clienti che trovi nei messaggi del mercatino o sulle bacheche.So che non e' facile, ma e' possibile. Dopotutto chi sta male spesso resta seduto in attesa che gli cada dal cielo l'occasione (tipico comportamento dell'italiano medio).Ovvio che non e' detto che anche chi si smazza possa restare a lungo col qlo per terra.A volte inoltra bisogna anche "inventarsi" il cliente; oggi giorno e' spesso necessario "crearsi" una posizione, non solo cercane una gia' esistente e quindi capire che bisogni inespressi ci sono in un dato settore e trovare il modo per soddisfarli.Un po' come fanno le multinazionali. I giovani non bevono vino? Bene, gli faccio i cocktail nelle bottigliette e gli dico che fa figo berle. E il gioco e' fatto.Riduci la cosa su scala personale e "il gioco e' fatto".Per esempio un terreno fertile e' proporsi ai professionisti (che ne so, un geometra) e dirgli che il loro pc non e' sicuro e proporgli delle soluzioni economiche per aumentare la sicurezza (basta che gli installi la versione freeware di ad-ware e affini). Mi sono pagato parte degli studi con lavori di questo tipo.Ora questi sono lavoretti ma e' solo un esempio per spiegarmi meglio.
  • The Raptus scrive:
    Re: Lamorz work
    - Scritto da: Anonimo
    void hax0r()
    {
           &nb
           &nb
           &nb
           &nb
           &nb
           &nb
           &nb
           &nb

    }Beh, non ho capito come funziona! Me lo spieghi?void hax0r(){        char *testo = "Lamazn"; /* 13 byte */ -
    no, sono di meno! diciamo
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    A parte il discorso umiltà, condizione che non dovrebbe mai mancare in nessuno di noi , quando affrontiamo un colloquio di lavoro, il resto fa un po' discutere.Intanto qui non si dice la verità, e cioè che si è scelto l'india perchè li la mano d'opera costa molto meno, anche se si tratta di "tutti ingegneri".Cosa si pretende che si possa offrire qui con le spese che deve affrontare una piccola azienda, tra balzelli e tasse?Oppure vogliamo parlare di professionalità degli individui?Di persone che hanno 40 o 50 anni dei quali molti passati in aziende che li hanno sfruttati senza mai spendere una lira in corsi di aggiornamento, che se non si fossero arrangiate con il "fai da te", sarebbero rimasti tagliati fuori inesorabilmente.Se poi infine vogliamo parlare di competitività delle aziende italiane, parliamo anche del crescente senso di privazione che sono costretti a subire i dipendenti di alcune delle aziende più grandi.Benvenuti India, Cina, Taiwan, Malesia e Botswana ....E' vero l'Italia è proprio un paese di merda, ma chissa come è il resto del mondo .....diabolik
  • Anonimo scrive:
    la verità 2
    piu tempo passa prima che la redazione aggiorni il sitopiu cazzate verrano scritte a corredo di questo "articolo"
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra, e il bidet?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Io non mi sento affatto triste...
    piuttosto


    tu per passare il tuo tempo a
    trollare devi


    avere una vita veramente triste e
    vuota...



    Beh anche tu paladino orlando difensore

    della nazione devi avere molto tempo per

    sentenziare sulle scelte esistenziali

    altrui, questo confermerebbe l'ipotesi
    che

    tu sia un racc., e io ne ho conosciuti

    ohhhhh se ne ho conosciuti!!!

    Il messaggio a cui ti riferisci non è
    del "paladino orlando difensore della
    nazione", ma una risposta a lui!!!
    Correggi la mira :)
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Io non mi sento affatto triste... piuttosto

    tu per passare il tuo tempo a trollare devi

    avere una vita veramente triste e vuota...

    Beh anche tu paladino orlando difensore
    della nazione devi avere molto tempo per
    sentenziare sulle scelte esistenziali
    altrui, questo confermerebbe l'ipotesi che
    tu sia un racc., e io ne ho conosciuti
    ohhhhh se ne ho conosciuti!!!Il messaggio a cui ti riferisci non è del "paladino orlando difensore della nazione", ma una risposta a lui!!!Correggi la mira :)
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    per il resto mi pare che londra
    non sia


    tutto sto brutto


    io personalmente mi ci trovo bene
    e ho



    Finche' non sei stato in un cesso senza

    bidet e con la moquet in bagno tutta

    scolorita attorno alla tazza del cesso.



    Ah beh, se giudichi la civilità dal
    bidet, se il bidet è la pietra
    filosofale beh, puoi startene anche zitto.hahahahah mi sembri peppino quando diceva: 'cazzaqui, cazzal'a.... ho detto tutto!"
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    per il resto mi pare che londra non sia

    tutto sto brutto

    io personalmente mi ci trovo bene e ho

    Finche' non sei stato in un cesso senza
    bidet e con la moquet in bagno tutta
    scolorita attorno alla tazza del cesso.
    Ah beh, se giudichi la civilità dal bidet, se il bidet è la pietra filosofale beh, puoi startene anche zitto.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Ti auguro solo di non finire in uno dei quei
    posti dove ci sono gia' le comunita' di
    lavoratori italiani straignoranti, terroni e
    mafiosi iperghettizzanti e
    superrompicoglioni. Nel qual caso e' meglio
    starsene in italia, perche andare all'estero
    e trovarsi nel peggio della mentalita'
    italiana e' un'esperienza traumatica.Sono un'altro, beh effettivamente ci sono molti italiani che stanno solo tra italiani, sono infatti quelli che poi spesso tornano indietro dicendo "che brutto" "che m****".Tutti quelli che conosco già trasferiti da anni sono già capaci di fare lo stesso distinguo che fai tu, infatti si mescolano solo tra la gente di mille popoli ( dipende dove vai, a Londra trovi gente di TUTTO il mondo ).
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    Oltre a lui ci sono io.

    Ma c'è tanta altra gente che va anche
    altrove.Infatti anche mi sto trasferendo, e sono ANNI che volevo farlo, ma ora sta suonando veramente la sirena.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Io non mi sento affatto triste... piuttosto
    tu per passare il tuo tempo a trollare devi
    avere una vita veramente triste e vuota...Beh anche tu paladino orlando difensore della nazione devi avere molto tempo per sentenziare sulle scelte esistenziali altrui, questo confermerebbe l'ipotesi che tu sia un racc., e io ne ho conosciuti ohhhhh se ne ho conosciuti!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Ti senti triste perchè ci sono i
    troll, ma pensa
    a scopare che è meglio.Ah ben, se parliamo di Londra o dell'Inghilterra, per esperienza personale, ti posso garantire che ci si da molto più da fare che qua, senza tante ipocrisie.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    E' meno difficile di quanto si creda...

    basta avere gli skilll... qui invece gli

    skill non sono considerati, basta essere

    raccomandati.
    E cosa aspetti ad andare in Inghilterra.Oltre a lui ci sono io.Ma c'è tanta altra gente che va anche altrove.Se vuoi proprio rimanere resta, chi ti dice di non farlo?
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Finche' non sei stato in un cesso senza
    bidet e con la moquet in bagno tutta
    scolorita attorno alla tazza del cesso.Ammetto che sia un aspetto piuttosto fastidioso di molte case inglesi ma non credo possa influire sulla scelta di vivere in UK. Ti assicuro che lavorando in UK ti puoi permettere di sostituire la moquette con qualcosa di più consono.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    per il resto mi pare che londra non sia
    tutto sto brutto
    io personalmente mi ci trovo bene e hoFinche' non sei stato in un cesso senza bidet e con la moquet in bagno tutta scolorita attorno alla tazza del cesso.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una bella cooperativa...
    ...allora forse (con le dovute eccezioni) dietro la "cattiveria" di tante imprese ed altrettanti imprenditori c'è forse il fatto che "la fuori" non è tutto così facile.forse non basta "essere bravi", bisogna anche essere organizzati, reggere lo stress, avere le risorse, daper vendere, etc.dunque se "essere bravi" è un mestieraccio, fare impresa non è molto più facile...
  • Anonimo scrive:
    Re: Una bella cooperativa...
    - Scritto da: Anonimo

    Ma se le imprese informatiche (grandi,

    medie, piccole, piccolissime) fatto
    tutte

    schifo e "vendono" il votro lavoro di

    programmatori a 5 volte quello che
    pagano a

    voi senza aggiungere al vostro lavoro
    alcun

    valore aggiunto, perchè non fate
    una

    bella cooperativa? Se fossi un
    programmatore

    bravo (non lo sono) ci penserei

    seriamemente.

    Ci sarebbe da pensarci davvero.
    Gli ostacoli a un'iniziativa simile
    però sono innumerevoli.Non ultimo il fatto che non appena l'attività comincia a fruttare qualche socio può uscire e fregare tutti.Ciò è inacettabile, in particolare da chi è talmente megalomane da reputarsi come l'indispensabile, quello che ha gli agganci giusti, etc.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una bella cooperativa...

    Ma se le imprese informatiche (grandi,
    medie, piccole, piccolissime) fatto tutte
    schifo e "vendono" il votro lavoro di
    programmatori a 5 volte quello che pagano a
    voi senza aggiungere al vostro lavoro alcun
    valore aggiunto, perchè non fate una
    bella cooperativa? Se fossi un programmatore
    bravo (non lo sono) ci penserei
    seriamemente.Ci sarebbe da pensarci davvero.Gli ostacoli a un'iniziativa simile però sono innumerevoli.- Non tutti hanno la stoffa dell'amministratore. O semplicemente, è ragionevole che uno che sa fare l'informatico pensi di voler fare l'informatico e non l'amministratore o il contabile. Non tutti hanno l'amico ragioniere che gli terrà la contabilità senza spiumarli.- Non tutti conoscono qualcuno capace a fare il commerciale, in assenza del quale si inizia ad affondare sin dal primo giorno di attività. A spanna direi che l'aver sottovalutato l'importanza di un buon commerciale è la principale ragione per cui tante ditte appena aperte chiudono dopo un po'.- Come crei una ditta o qualcosa di analogo, ti si fa il vuoto intorno (e qui parlo per esperienza personale come ex socio di un'azienda) manco avessi la lebbra. Gli amici, ad esempio, non si rivolgono a te per paura di non essere soddisfatti dei servizi, invischiarsi in litigi e diventare ex amici.Certi miei amici una sera mi dicono: Ah, sai, ci siamo registrati un dominio con ****, abbiampo pagato solo 99mila lire! Il sottoscritto, già vergognandosi, avrebbe chiesto meno della metà.- Come apri un'azienda, inizia la corsa contro il cronometro a portare acqua con un secchio bucato. L'acqua è il denaro, i buchi sono le spese e quel che riesci a versare nella bacinella finale, correndo su un pavimento scivoloso come nei Giochi Senza Frontiere, è quel che ti resta in tasca. In poco tempo questo correre diventa l'attività principale dell'azienda, a scapito di quella che doveva essere - cioè l'informatica.- Non tutti reggono il carico d'ansia che comporta occuparsi di compiti (amministrazione, adempimenti, infiniti pagamenti, tenersi aggiornati su normative in continua metamorfosi) per cui non ci si sente tagliati.Certo, a disporre delle persone giuste è un'ottima idea. Poi ci si trova a selezionare curriculum e si tocca con mano che tra tutti i sedicenti semidei gli elementi validi sono mosche bianche. I clienti, poi, sono ancora più rari.
  • Anonimo scrive:
    Re: I Programmatori e il Gramassa

    questa cosa è un pugno nell'occhio
    www.brightpages.net/linuxfromstart/knoppix.poE' l'equivalente dell'evidenziatore. Raccoglie le questioni irrisolte tutte nello stesso posto evidenziandole in giallo in modo che chi legge sappia che restano dei dubbi e quali sono.Quando se ne risolve qualcuna, si rimuove il giallo e resta solo alle altre.
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile

    Apri un'azienda all'estero.Infatti ci sto pensando. L'incognita principale è come strutturarsi in modo da non essere automaticamente considerato un evasore fiscale qui - e senza affidarsi a "consulenti" che ti spennano.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una bella cooperativa...
    - Scritto da: Anonimo
    Ma se le imprese informatiche (grandi,
    medie, piccole, piccolissime) fatto tutte
    schifo e "vendono" il votro lavoro di
    programmatori a 5 volte quello che pagano a
    voi senza aggiungere al vostro lavoro alcun
    valore aggiunto, perchè non fate una
    bella cooperativa? Se fossi un programmatore
    bravo (non lo sono) ci penserei
    seriamemente. Suona troppo impresa di
    pulizie? E poi con chi vanno a frignare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Una bella cooperativa...
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      Ma se le imprese informatiche (grandi,

      medie, piccole, piccolissime) fatto
      tutte

      schifo e "vendono" il votro lavoro di

      programmatori a 5 volte quello che
      pagano a

      voi senza aggiungere al vostro lavoro
      alcun

      valore aggiunto, perchè non fate
      una

      bella cooperativa? Se fossi un
      programmatore

      bravo (non lo sono) ci penserei

      seriamemente. Suona troppo impresa di

      pulizie?
      E poi con chi vanno a frignare?Una risposta potrebbe essere semplicemente perchè non tutti vogliono fare gli imprenditori. C'è chi vuol essere un tecnico specializzato e guadagnare semplicemente ciò che gli spetta senza essere sfruttato. Non mi sembra sia chiedere troppo.
  • Anonimo scrive:
    Una bella cooperativa...
    Ma se le imprese informatiche (grandi, medie, piccole, piccolissime) fatto tutte schifo e "vendono" il votro lavoro di programmatori a 5 volte quello che pagano a voi senza aggiungere al vostro lavoro alcun valore aggiunto, perchè non fate una bella cooperativa? Se fossi un programmatore bravo (non lo sono) ci penserei seriamemente. Suona troppo impresa di pulizie?
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    non so come sia Londra, ma ho lavorato un anno in una multinazionale di informatica del sud della Francia, dove c'erano un centinaio di italiani. Sembrava di essere in italia in tutto e per tutto: gente ignorantissima, chiassosa e rissosa, piu interessati a farsi i cazzi degli altri e sputtanare il fesso di turno che a lavorare; professionalita meno di zero; i furbi che fottono quelli meno furbi; tutti che facevano un po come cazzo gli pare e i capi che stanno a guardare cercando di sbarcare il lunario.Conosco un sacco di gente del sud Italia in gamba, ma questi erano 95% terroni e i luoghi comuni dei terroni gli avevano tutti.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    perdonami ma questa è retorica da buon provinciale
    a parte qualche caso sporadico (come quello
    sopra ) per il resto mi pare che londra non sia
    tutto sto brutto io personalmente mi ci trovo bene e ho
    conosciuto un sacco di gente simpatica....Che però gli italiani all'estero tendano a ghettizzarsi è vero... magari non tutti, però molti lo fanno...
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Spiacente, non sapevo che eri gia a Londra e
    non credo sia un offsa esseci.No, però il senso poteva sembrare "vacci e togliti dalle oo" :)
    Allora proprio non ho capito chi è triste.Beh... la tua risposta iniziale faceva pensare al trolling... poi se non era quella la tua intenzione meglio così :)
    Non sarai triste perchè non capisco spero.Certamente no...
  • Anonimo scrive:
    Re: purtroppo...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Non riesco a credere che non siete
    riusciti

    a trovare programmatori validi. Avete

    pensato di rivedere le vostre
    metodologie di

    selezione?

    Se servono dei programmatori
    perché

    non ricercare semplicemente persone con
    tale

    esperienza anziché cercare tutti

    "informatici di alto livello".



    ho semplificato, ma ovviamente le inserzioni
    che abbiamo messo erano molto specifiche


    Perché in Italia l'esperienza
    conta

    molto molto meno del pezzo di carta?

    non chiedevamo alcun pezzo di carta ma
    esperienza comprovata nell'uso di alcuni
    linguaggi. Quali ?
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Ti auguro solo di non finire in uno dei quei
    posti dove ci sono gia' le comunita' di
    lavoratori italiani straignoranti, terroni e
    mafiosi iperghettizzanti e
    superrompicoglioni. Si quelli che dici te in effetti esistono vannoin giro per tutta londra a mo di carovana una volta stavo in un pub e mi è capitato divedere 5 italiani che tutti insieme chiedevanoun posto di lavoro .... SUPER DISGUSTORAMA :D
    Nel qual caso e' meglio
    starsene in italia, perche andare all'estero
    e trovarsi nel peggio della mentalita'
    italiana e' un'esperienza traumatica.perdonami ma questa è retorica da buon provincialea parte qualche caso sporadico (come quello sopra ) per il resto mi pare che londra non sia tutto sto bruttoio personalmente mi ci trovo bene e ho conosciutoun sacco di gente simpatica....
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Non so, qualcuno ha detto "Bravo, visto che
    non ti piace qui vai a Londra anche tu che
    non dispiace a nessuno."Spiacente, non sapevo che eri gia a Londra enon credo sia un offsa esseci.
    La frase sopra riportata mi sembra chiara,
    se poi non è la tua allora le cose
    cambiano.Dovrebbe dispiacermi perche sei a Londra?

    Stai sbagliando... ho detto che è
    triste che ci sia gente che vive di
    trolling, che mi pare un'affermazione ben
    diversa da dire "mi sento triste". Triste
    è chi trolla per riempire il proprio
    tempo.Allora proprio non ho capito chi è triste.
    Senza dubbio...E questa è risolta:)
    Vero... infatti continui a non capire...Non sarai triste perchè non capisco spero.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    Sono d'accordo in pieno con te. Ormai siamo la barzelletta dell'europa intera. Abbbiamo tanto lottato per avere la nostra nazione ma ora che l'abbiamo siamo solo capaci di farla a brandelli.Spero di vivere abbastanza per vedere l'italia cadere in rovina
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    ROTFL :D :Dcmq è Eliza con la zeta ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Evidentemente non ero ioNon so, qualcuno ha detto "Bravo, visto che non ti piace qui vai a Londra anche tu che non dispiace a nessuno."
    E perchè dovrei criticarlo?La frase sopra riportata mi sembra chiara, se poi non è la tua allora le cose cambiano.
    "mi sento triste" lo hai scritto proprio te,
    Stile inconfondibile.Stai sbagliando... ho detto che è triste che ci sia gente che vive di trolling, che mi pare un'affermazione ben diversa da dire "mi sento triste". Triste è chi trolla per riempire il proprio tempo.
    Se sei felice resta in GB. Senza dubbio...
    Sono per la libertà anche nella deduzione, nessuno
    è obbligato a comprendere.Vero... infatti continui a non capire...
  • Anonimo scrive:
    purtroppo...
    - Scritto da: Anonimo
    Non riesco a credere che non siete riusciti
    a trovare programmatori validi. Avete
    pensato di rivedere le vostre metodologie di
    selezione?
    Se servono dei programmatori perché
    non ricercare semplicemente persone con tale
    esperienza anziché cercare tutti
    "informatici di alto livello".
    ho semplificato, ma ovviamente le inserzioni che abbiamo messo erano molto specifiche
    Perché in Italia l'esperienza conta
    molto molto meno del pezzo di carta?non chiedevamo alcun pezzo di carta ma esperienza comprovata nell'uso di alcuni linguaggi. in risposta ci sono arrivati centinaia di cv o completamente scentrati o totalmente gonfiati (e ovviamente sgonfiatisi in sede di colloquio).I pochi appena passabili erano convinti (giuro) di essere Dio. Il + bravo ci aveva cordialmente detto (terzo colloquio) che lui non lavorava in squadra perche' non voleva passare a futuri concorrenti il suo know how... volevo piangere.:@
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    L'ho letto, non sognato.Evidentemente non ero io
    Si. Vuol dire vivi in Italia se ci vuoi
    stare e non criticare chi vive o vuole
    andare all'estero.E perchè dovrei criticarlo?
    Ma infatti non sono triste... è la
    tua vita che lo è se senti bisogno di
    trollare."mi sento triste" lo hai scritto proprio te, Stile inconfondibile.
    E di tornare in Italia non ci penso
    proprio... mi piace il posto e guadagno
    bene, perchè dovrei?Se sei felice resta in GB.
    Non so cosa voglia dire "paranico"... forse
    devo dedurne che pur vivendo in Italia non
    sei in grado di scrivere in un italiano
    decente?Sono per la libertà anche nella deduzione, nessunoè obbligato a comprendere.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Criticare? Ma dove lo hai sognato.L'ho letto, non sognato.
    Mi consigliavi di restare in Italia dal che
    ho dedotto che pensassi volessi espatriare.
    Se quel "restatene in Italia" aveva qualche
    significato recondito spiegamelo. Si. Vuol dire vivi in Italia se ci vuoi stare e non criticare chi vive o vuole andare all'estero.
    Il fatto che tu sia in England non dovrebbe
    renderti triste. Guarda che puoi sempre
    tornare in Italia. Ti assicuro che non mi danno
    fastidio 60 milioni di inglesi, altrettanti tedeschi e
    neppure un paio di miliardi di cinesi.Ma infatti non sono triste... è la tua vita che lo è se senti bisogno di trollare.E di tornare in Italia non ci penso proprio... mi piace il posto e guadagno bene, perchè dovrei?
    Non è che sei un filino paranico?Non so cosa voglia dire "paranico"... forse devo dedurne che pur vivendo in Italia non sei in grado di scrivere in un italiano decente?
  • Anonimo scrive:
    Re: Definizioni e real life

    Ti diro', a 1500 euro al giorno di tariffa,
    mi definiscano pulicessi o informatico
    m'importa poco. Quello che m'importa e' che
    mi paghino e che stia facendo un lavoro che
    mi piaccia.Wowwwwww un altro mostro sacro. E poi diconoche icontaballe non sono pagati.:p
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Io no, sei tu che lo sei... dimostrato dal
    fatto che hai sentito tu il bisogno di
    iniziare a criticare.Criticare? Ma dove lo hai sognato.

    Infatti non ho detto questo.Mi consigliavi di restare in Italia dal che ho dedotto che pensassi volessi espatriare.Se quel "restatene in Italia" aveva qualchesignificato recondito spiegamelo.

    Vedo che il fatto che io sia in England ti
    da particolarmente fastidio... rilassati un
    po'...Il fatto che tu sia in England non dovrebberenderti triste. Guarda che puoi sempre tornarein Italia. Ti assicuro che non mi danno fastidio60 milioni di inglesi, altrettanti tedeschi eneppure un paio di miliardi di cinesi. Non èche sei un filino paranico?
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Se sei invidioso non so cosa farci.Io no, sei tu che lo sei... dimostrato dal fatto che hai sentito tu il bisogno di iniziare a criticare.
    Se leggessi meglio capiresti che non ho mai
    esternato la minima volontà di espatriare.Infatti non ho detto questo.
    Se rileggi il tuo post noterai un "mi sento
    triste" magari in England ha un significato
    idiomatico ma qui significa proprio che ti senti triste.Vedo che il fatto che io sia in England ti da particolarmente fastidio... rilassati un po'...
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Ah, l'invidia...Se sei invidioso non so cosa farci.

    Allora rimanici e non offendere chi ha
    deciso di fare altre scelte.Se leggessi meglio capiresti che non ho maiesternato la minima volontà di espatriare.

    Il fatto che continui a sentirti colpito ne
    è la conferma.Convinto tu felici tutti.

    Io non mi sento affatto triste... piuttosto
    tu per passare il tuo tempo a trollare devi
    avere una vita veramente triste e vuota...Se rileggi il tuo post noterai un "mi sento triste" magari in England ha un significato idiomaticoma qui significa proprio che ti senti triste.
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    Non riesco a credere che non siete riusciti a trovare programmatori validi. Avete pensato di rivedere le vostre metodologie di selezione?Se servono dei programmatori perché non ricercare semplicemente persone con tale esperienza anziché cercare tutti "informatici di alto livello".Perché in Italia l'esperienza conta molto molto meno del pezzo di carta?
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Non sputiamo sempre sugli smanettoni...
    Si, io ci sputo eccome, almeno a quelli che
    vogliono spacciarsi per professionisti, e
    che agli occhi di un profano possono
    apparire tali.Tutta colpa di Windows, che con il suo luser-frendly ha convinto tutti che mettere e gestire computer e reti e' facile.
  • Anonimo scrive:
    Re: io ne ho visto l'operato degli smane
    - Scritto da: Anonimo
    tta.

    raga io li ho visti in azione, spacciati da
    una grande societa di consulenza come grandi
    professionisti, hanno messo su il sistema,
    poi a me e ad un altro è toccato
    riparare i danni.

    Solo per farvi capire il sistema di sessioni
    è stato messo in piedi utilizzando un
    file su disco, (quando potevano gestirlo al
    limite usando il db).

    e questi lavoravano per una grande societa
    di consulenza.Che fortuna abbiamo, una densità di 10.000 superespertiper post.:D
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Si sai com'e certi soggetti campano di
    luoghi comuni tipo gli anni passati quando c'era
    [...]Se è per questo per anni ci hanno fatto credere che fuori gli stipendi sono alti perchè anche il costo della vita lo è... peccato però che basti girare un po' per l'Europa per rendersi conto che spesso è uguale al nostro (tipo Germania) e dove non lo è (tipo UK) gli stipendi sono comunque ben più alti anche considerando il maggior costo della vita.
    Saluti da un immigrato (Irlanda )Domanda canonica: di cosa ti occupi nella verde Irlanda?Sei andato li spedendo un mucchio di CV dall'Italia o sei andato all'avventura?Ciao
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia

    l'italiano medio è un ignorante che
    non legge i giornali
    ma in compenso si beve tutte le stronzate
    dei telegiornali.fa male dirlo, ma siamo un popolo di rintronati (per essere politically correct, avrei voluto usare termini piu' coloriti)D'altra parte per capirlo basta vedere che chi ha successo (lecciso rulez) in genere e' chi non sa fare una mazza...Ma c'e' da dire che anche noi che ci riteniamo superiori, siamo pur sempre italiani, capaci solo di lamentarci e non di fare qualcosa per cambiare la situazione.
    poi che succede il ragazzino furbo che va
    all'estero,scopre un altro mondo burocrazia
    al minimo diritti sul lavoro, paghe decenti,
    possibilità di carriera,Se uno vuole fare i soldi DEVE andare all'estero.Ma se siamo ancora qui forse vuol dire che in italia non si sta poi cosi' male.E in ogni caso da un certo punto di vista a qualcuno sta bene che l'italiano medio sia un idiota perche' il mondo e' dei furbi, ma se non ci sono idioti da fregare.. C'e' solo da sperare di essere tra i furbi...
  • Anonimo scrive:
    Re: india
    - Scritto da: Anonimo
    come azienda abbiamo deciso di tenere un
    solo informatico italiano interno (il piu'
    bravo, veramente capace, che verifica il
    lavoro degli indiani) e di segare tutti gli
    altri, che non sono all'altezza. Uh... che dire complimenti: facci capire, se il tizio se ne va siete col culo a terra, giusto?Se per caso ci legge, suggerisco al tipo in questione di farsi valere... :pCome azienda, avreste bisogno pure di un manager decente.
    • Anonimo scrive:
      Re: india
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo


      come azienda abbiamo deciso di tenere un

      solo informatico italiano interno (il
      piu'

      bravo, veramente capace, che verifica il

      lavoro degli indiani) e di segare tutti
      gli

      altri, che non sono all'altezza.

      Uh... che dire complimenti: facci capire, se
      il tizio se ne va siete col culo a terra,
      giusto?
      Se per caso ci legge, suggerisco al tipo in
      questione di farsi valere... :p
      Come azienda, avreste bisogno pure di un
      manager decente.quando si indica la luna, lo stolto presta attenzione al dito...
      • Anonimo scrive:
        Re: india
        - Scritto da: Anonimo

        Come azienda, avreste bisogno pure di un

        manager decente.

        quando si indica la luna, lo stolto presta
        attenzione al dito...BECCATO!!!Tu sei un programma di intelligenza artificiale, come "Elisa", che tenta di farsi passare per un essere umano.Purtroppo, qualsiasi umano senziente capisce subito che la tua citazione e' completamente fuori luogo... complimenti comunque all'autore, e un incoraggiamento a proseguire nei suoi sforzi. Vedi un po', che mentre qui si ciarla a vuoto, qualcuno che fa qualcosa ancora c'e'...
    • Anonimo scrive:
      Re: india

      Come azienda, avreste bisogno pure di un
      manager decente.Quelli indiani sono i migliori: onesti (fanno veramente gli interessi dell'azienda), umili, assertivi, non ingordi, ma sopratutto tecnicamente più preparati dei nostri.Se un'azienda italiana vuole decisamente crescere e non solo sopravvivere deve assolutamente affidarsi a loro se no rischia di finire ad un livello di competitività pari a quello del Botswana http://www.repubblica.it/2004/j/sezioni/economia/compe/compe/compe.html.
    • Anonimo scrive:
      Re: india
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo


      come azienda abbiamo deciso di tenere un

      solo informatico italiano interno (il
      piu'

      bravo, veramente capace, che verifica il

      lavoro degli indiani) e di segare tutti
      gli

      altri, che non sono all'altezza.

      Uh... che dire complimenti: facci capire, se
      il tizio se ne va siete col culo a terra,
      giusto?
      Se per caso ci legge, suggerisco al tipo in
      questione di farsi valere... :pNon sono quello a cui rispondi ma sono un'altro.Beh si, nel nostro paese farsi valere o "FARSI RISPETTARE" significa FREGARE il prossimo ( per non dire di PEGGIO ).Da quello che dicono il dipendente bravo lo hanno già valutato bene ma non basta mai vero? Bisogna arrivare a ricattare il prossimo "o mi paghi sempre di più o me ne vado" vero? ehhhh che saggio che sei! ohhh che saggio! sei la saggezza fatta persona.
      Come azienda, avreste bisogno pure di un
      manager decente.Certo come no, prima di tutto mettiamo te come manager e poi invece di un solo programmatore prendo 100 presunti programmatori open source e li pago quattro soldi ( invece dei costosissimi professionisti del closed source ), magari li frusto come schiavetti e li maltratto ( non si sa mai che si ribellino! ), poi faccio loro anche un pò di lavaggio del cervello e violenza psicologica: così farò loro imparare la differenza tra bene e male, stile soviet.Quando uno se ne va ( perché è diventato matto, perché è crepato, o altro ) lo cancello e raccatto un'altro dalla strada che faccio entrare nel circuito al posto suo, tanto la strada è piena di gente.Umh, certo, come no, verrebbe fuori un'azienda IDEALE che non ti si rivolta mai contro, da cui nessuno se ne vuole mai andare e che produce bene e svelto prodotti di massima qualità, come no, osi pensare il contrario? Mah! per me sei un EGOCENTRICO!
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Bravo, viato che non ti piace qui vai a Londra anche
    tu che non dispiace a nessuno. Infatti io ci sono già... quindi evita di trollare gratuitamente.Perchè hai tanto risentimento verso chi sta fuori? Perchè vorresti farlo e non ne hai il coraggio?O perchè quando si parla di raccomandati ti senti colpito?Certo che è triste che ci sia gente che viva di trolling...
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Sovradimensionati
    Mal comune mezzo gaudio.La situazione dei "sovradimensionati" ovvero di coloro che hanno curriculum da favola che vengono scartati ai colloqui perche' sovradimensionati, appunto, e' nota anche in altri settori.Non e' nuovo che spesso non assumano ad esempio i laureati "perche' mi basta un perito" o che ti paghino da perito anche se devi fare un lavoro da laureato. Ma ci sono molti casi in cui serve un laureato, ma tu hai troppe esperienze precedenti e ti scartano per ragioni a volte oscure, sia che si tratti di fare il rappresentante, l'impiegato, o il ricercatore (come nel mio caso) in settori come le biotecnologie. Infatti uno dei problemi sono le persone che si svendono e di fatto rovinano il mercato togliendo a tutti il potere contrattuale.C'e' anche da dire pero' che, come mi e' capitato di recente, ci sono molte nicchie nel mercato del lavoro, e se ci si vende bene, ci sono molti affari che aspettano noi sovradimensionati, come le consulenze, che vengono pagate bene. Basta trovare a chi farle e proporsi nel modo giusto.==================================Modificato dall'autore il 27/12/2004 12.24.30
  • Anonimo scrive:
    Definizioni e real life
    - Scritto da: Anonimo
    L'informatico è solo ed unicamente
    chi è coinvolto professionalmente
    nello studio dei calcolatori e nel processo
    di creazione di software su specifica, di
    complessità minimamente interessante
    ?Tesoruccio: ho conosciuto gente che si occupava della progettazione di architetture per supercalcolo o di robot satellitari.Ora non mi ricordo di avere mai sentito da nessuno di loro definizione cosi' restrittive.Chissa' perche' a questi - che da definizione sono degli informatici - non gli verrebbe mai in mente di usare un tono simile.Nel caso rientri in una delle due categorie succitate ti consiglierei di ripetere il discorso ai parameci con cui hai a che fare ogni giorno.
    La risposta è sì, fine della
    questione. Chi non rientra nella definizione
    ha poco da strepitare.Ti diro', a 1500 euro al giorno di tariffa, mi definiscano pulicessi o informatico m'importa poco. Quello che m'importa e' che mi paghino e che stia facendo un lavoro che mi piaccia.
  • Anonimo scrive:
    india
    stiamo sviluppando un nuovo sistema di prenotazioni (in questa sede nn importa di cosa) abbastanza innovativo e quindi ovviamente problematico.dopo aver trattato con 8 importanti aziende sftwr e aver avuto l'impressione di un cumulo di ladri incapaci... (costo diciamo 100)dopo aver provato a selezionare degli informatici di alto livello e non averli trovati o comunque aver immediatamente verificato una assoluta incapacita' di lavorare in team e una preparazione tutto sommato carente (costo diciamo 70) abbiamo provato questa estate a mettere un bando di gara su un giornale di newdelhi (mezza pagina 380 ?...)ci hanno risposto veramente in tanti, alla fine per ragioni di sicurezza abbiamo scelto una cooperativa informatica (tutti ingegneri) e una societa' privata (piccola), a cui facciamo sviluppare due diverse parti del programma. finiti i vari step ci mandano i sorgenti che noi verifichiamo. qualita' top. veramente. in italia mai trovata una qualita' del genere. neanche lontanamente. capacita' anche propositiva. comunque un approccio sempre intelligente e cooperativo senza impuntature, gelosie o atteggiamenti del put. (costo circa 12). come azienda abbiamo deciso di tenere un solo informatico italiano interno (il piu' bravo, veramente capace, che verifica il lavoro degli indiani) e di segare tutti gli altri, che non sono all'altezza. quindi secondo il mio modesto parere il problema non e' per gli informatici top, ma per quelli scarsi o, peggio ancora, per gli scarsi convinti di essere top.
  • Anonimo scrive:
    Re: io ne ho visto l'operato degli smane
    tta.raga io li ho visti in azione, spacciati da una grande societa di consulenza come grandi professionisti, hanno messo su il sistema, poi a me e ad un altro è toccato riparare i danni.Solo per farvi capire il sistema di sessioni è stato messo in piedi utilizzando un file su disco, (quando potevano gestirlo al limite usando il db).e questi lavoravano per una grande societa di consulenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli smanetta
    mi si sta ACCAPPONANDO la pelle!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra


    E cosa aspetti ad andare in Inghilterra.

    Magari ha scritto così perchè
    ci sta già e quindi parla per
    esperienza diretta...
    Comunque che in Italia una raccomandazione
    vale più delle capacità non
    è una opinione, ma un dato di fatto.
    Ciao.Bravo, viato che non ti piace qui vai a Londra anche tu che non dispiace a nessuno.
  • Anonimo scrive:
    Piano
    Una persona vera e seria non fa battute, ma pianifica il lavoro, "quanto per apprendere la tal cosa", dopo due giorni sei ne capisci... ti sei fatto un'idea, e nei mesi diventerai bravo, le persone che la fanno troppo facile sono sospette di faciloneria ed è meglio non fidarsi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli smanetta
    E' davvero istruttivo...
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo
    Magari ha scritto così perchè
    ci sta già e quindi parla per
    esperienza diretta...
    Comunque che in Italia una raccomandazione
    vale più delle capacità non
    è una opinione, ma un dato di fatto.Si sai com'e certi soggetti campano di luoghi comuni tipo gli anni passati quando c'era gente che dicevache in UK esisteva la giornata degli italiani e che se tivedevano in giro ti massacravano di botte :Dpoi quando finalmente decidi di guardare con i tuoi occhi,scopri un mondo completamente diverso da come veniva raccontato dai politici amici degli amiciitalioti provinciali....Saluti da un immigrato (Irlanda )
    Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra
    - Scritto da: Anonimo

    E' meno difficile di quanto si creda...

    basta avere gli skilll... qui invece gli

    skill non sono considerati, basta essere

    raccomandati.
    E cosa aspetti ad andare in Inghilterra.Magari ha scritto così perchè ci sta già e quindi parla per esperienza diretta...Comunque che in Italia una raccomandazione vale più delle capacità non è una opinione, ma un dato di fatto.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Lamorz work
    void hax0r(){ char *testo = "Lamazn"; /* 13 byte */ printf("Offset testo %pn",testo); __asm__( "movl $0xd, %edxn" /* spostiamo i 13 byte su edx */ "movl $0x80484a8, %ecxn" /* sposto l'offset su ecx */ "movl $0x1, %ebxn" /* stdout syscol 0x4 */ "movl $0x4, %eaxn" /* syscall write */ "int $0x80n" );}
  • Anonimo scrive:
    Re: elwood povero sfortunato se lo dici
    - Scritto da: Elwood_

    hanno a che fare con persone diverse,
    che

    non hanno competenze informatiche e alle

    quali vanno quindi dati servizi
    affidabili e

    comprensibili.

    Beh se ritieni questo, prova ad offrire
    servizi piu' comprensibili, ma in
    informatica (e questo TU dovresti
    insegnarmelo) ad un certo livello, di
    compresibile c'e' solo quello che si conosce
    dopo averlo studiato. Se il cliente non
    capisce, paga qualcuno che capisca per conto
    suo.Questa purtroppo è la mentalità tipica dei tecnici, ed è IMHO il motivo per cui si vedono pochissimi tecnici nei "posti che contano" delle aziende: i tecnici in genere non sanno vendere e non si sanno vendere.
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile
    -
    Se dovessi aprire un'azienda ne vorrei una
    che assuma persone qualificate e ne faccia
    persone economicamente e professionalmente
    soddisfatte.
    Per ragioni che è laborioso elencare,
    un'azienda così non dura un anno, poi
    chiude. L'azienda italiana che non chiude ha
    come modello lo scarpificio del triveneto i
    cui dipendenti repirano solventi otto ore al
    giorno.Apri un'azienda all'estero.
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile


    qualcosa tipo un'azienda vorrei

    qualcosa di diverso.
    Nessuno te lo proibisce.Se dovessi aprire un'azienda ne vorrei una che assuma persone qualificate e ne faccia persone economicamente e professionalmente soddisfatte.Per ragioni che è laborioso elencare, un'azienda così non dura un anno, poi chiude. L'azienda italiana che non chiude ha come modello lo scarpificio del triveneto i cui dipendenti repirano solventi otto ore al giorno.
  • Anonimo scrive:
    Re: io vado a londra

    Bravo.
    Complimenti.
    Beato te.
    Di che ti occupi a londra ? voglio dire,
    analista, programmatore, tester, o cosa ?
    Ma tu riesci a parlare perfettamente in
    inglese, anche discorsi tecnici di lavoro,
    capendo tutto e riuscendo a tua volta a
    farti capire, o come fai ??Non sono l'autore del post ma lavoro anche io in UK come programmatore. Ovviamente l'inglese si deve conoscere bene ma è altrettanto ovvio che nessuno ti richiede una conoscenza da madrelingua per fare il programmatore. Devi essere in grado di capire e farti capire ma senza bisogno di essere Shakespeare :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Povera Italia

    Se c'e' scritto Laurea tanto basta.
    "Cane non mangia cane", lo sapevi questo
    proverbio ?
    Si chiama anche "Paraculaggine", che e' il
    primo master che bisogna fare subito dopo la
    laurea.Ho visto casi al limite della comicità dove nel CV erano state scritte competenze (da parte dell'azienda che proponeva il suo dipendente alla grossa azienda) di cui il "titolare" del CV non conosceva nemmeno il significato. Lascio immaginare le figuracce che si facevano se per sfortuna la grossa azienda durante il colloquio toccava le competenze incriminate :)
    Direi proprio che e' cosi' anche se, per me
    cambia il punto di vista: io vedo persone
    che guadagnano 150 euro al giorno
    (stra-lordissime) e la azienda mediatrice
    che ne guadagna 800 al giorno.
    Ma la sostanza e' la stessa.Immagino tu ti riferisca a contratti di collaborazione con guadagno ad ore. Quello che ho detto io è ancora peggiore. Contratto a tempo determinato o indeterminato, prendi il tuo misero stipendio di 1000 euro/mese mentre la tua azienda di schiavisti ne guadagna 8000 (lordi). Questi sono dati che ho avuto modo di sperimentare direttamente.
    Ma lottare per un mondo migliore, non viene
    in mente proprio a nessuno ???
    Peraltro, con il mercato pagliaccio che c'e'
    in italia, secondo me, e' piu' facile
    lottare qui (ripeto, quelli non sanno fare
    neanche 2+2) che andare a fare
    l'extracomunitario reietto a Londra.Questa è una questione di punti di vista. Non tutti hanno voglia di lottare per un mondo migliore quando questo famigerato mondo migliore è a portata di aereo.Ti assicuro che chi sceglie di andare a lavorare all'estero per migliorare la propria carriera (e non per non morire di fame...) non va a fare l'extracomunitario reietto. Non confondere l'emigrazione del secolo scorso dei poveri con il sacchetto sulle spalle verso l'America con l'emigrazione di oggi. Oggi chi emigra lo fa per fare il lavoro che gli piace e/o per guadagnare (molto) di più.
    Ehy, ma se fosse cosi' sarebbe ottimo.
    Peccato che invece, IMHO, entrano da
    ex-disocupati (e fin qui nulla di male) ed
    escono da falliti, che e' ben piu' grave.Non ho ben capito...
  • Anonimo scrive:
    Re: Povera Italia
    - Scritto da: Anonimo
    La situazione italiana la vedo molto male e
    secondo me peggiorerà sempre di
    più.
    Attualmente gran parte delle piccole aziende
    cerca solo laureati da mandare come
    consulenti presso grosse aziende.Vero, ma quelli non sanno neanche fare 2+2, quindi e' ragionevole pensare che suddette aziende passeranno innumerevoli disastri informatici rischiando anche il falllimento (ma tanto, e' una situazione congiunturale mondiale no ??) prima che decidano di rompere il patto segreto che hanno fatto con il governo di assumere laureati in cambio di agevolazioni di varia natura (finanziamento ai partiti in primis).A me non fanno pena, e neanche compassione, anzi spero che chiudano al piu' presto.
    L'esperienza non conta tanto poi ci pensano
    loro a gonfiare inverosimilmente il tuo CV.Se c'e' scritto Laurea tanto basta."Cane non mangia cane", lo sapevi questo proverbio ?Si chiama anche "Paraculaggine", che e' il primo master che bisogna fare subito dopo la laurea.
    Risultato? Tu guadagni 50 euro al giorno
    quando la tua cara azienda ne guadagna 400
    al giorno (non sono cose inventate
    purtroppo...).Direi proprio che e' cosi' anche se, per me cambia il punto di vista: io vedo persone che guadagnano 150 euro al giorno (stra-lordissime) e la azienda mediatrice che ne guadagna 800 al giorno.Ma la sostanza e' la stessa.
    Come conseguenza chi ha aspirazioni e voglia
    di soddisfazioni professionali e/o
    economiche si vede costretto ad emigrare in
    posti dove la tua professionalità
    viene realmente apprezzata.Ma lottare per un mondo migliore, non viene in mente proprio a nessuno ???Peraltro, con il mercato pagliaccio che c'e' in italia, secondo me, e' piu' facile lottare qui (ripeto, quelli non sanno fare neanche 2+2) che andare a fare l'extracomunitario reietto a Londra.
    La conseguenza di ciò è un
    bilancio entrate/uscite del "sistema" Italia
    preoccupante: escono persone fortemente
    specializzate ed entrano lava-vetri. Ehy, ma se fosse cosi' sarebbe ottimo.Peccato che invece, IMHO, entrano da ex-disocupati (e fin qui nulla di male) ed escono da falliti, che e' ben piu' grave.
    Ditemi voi come la situazione possa
    migliorare!!?Non so come possa migliorare, so pero' esattamente come peggiorera'.CiaoHazetcloop@hotmail.it
  • Anonimo scrive:
    Re: I Programmatori e il Gramassa
  • Anonimo scrive:
    Re: I Programmatori e il Gramassa
    - Scritto da: Anonimo
    Nessun sito e nessuna pagina web ha
    REALMENTE bisogno di essere più
    complicata di così:
    ildp.pluto.it/HOWTO/3-Button-Mouse.html

    Il resto, dalle immagini in su, è
    solo fumo negli occhi e appropriazione
    indebita di banda (e tempo) degli utenti. 8)Anche la faccina che hai messo non è indispensabile.Forse ti senti esentato dal non far sprecare banda.
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile
    -
    Spiegato sì, ma non "onestamente".
    Infatto ero lì perché reduce
    da un corso di "Tecnico per lo sviluppo di
    applicativi multimediali / indirizzo
    grafico" (che non dico sia un dottorato di
    ricerca ma qualcosa l'avevo imparato) ed ero
    uno dei due o tre usciti con 90/100. Era lui
    che aveva bisogno di un ragazzetto sveglio
    cui affidare mansioni da ragazzetto sveglio
    che non possono pretendere chissà
    quale stipendio. E poi sveglio mica tanto,
    visto che non sono riuscito a farmi
    aumentare la paga...

    In quest'azienda l'unico potere contrattuale
    che avevo, e che avevano gli altri, è
    accettare o andarsene, e infatti prima o poi
    tutti se ne vanno. Gli dò atto che da
    un punto di vista pragmatico ha
    perfettamente ragione, ma se volessi fare
    qualcosa tipo un'azienda vorrei qualcosa di
    diverso.Nessuno te lo proibisce.
  • Anonimo scrive:
    Povera Italia
    La situazione italiana la vedo molto male e secondo me peggiorerà sempre di più. Attualmente gran parte delle piccole aziende cerca solo laureati da mandare come consulenti presso grosse aziende. L'esperienza non conta tanto poi ci pensano loro a gonfiare inverosimilmente il tuo CV. Risultato? Tu guadagni 50 euro al giorno quando la tua cara azienda ne guadagna 400 al giorno (non sono cose inventate purtroppo...).Come conseguenza chi ha aspirazioni e voglia di soddisfazioni professionali e/o economiche si vede costretto ad emigrare in posti dove la tua professionalità viene realmente apprezzata.La conseguenza di ciò è un bilancio entrate/uscite del "sistema" Italia preoccupante: escono persone fortemente specializzate ed entrano lava-vetri. Ditemi voi come la situazione possa migliorare!!?
  • Diablo scrive:
    Re: Linux è l'arma
    siamo permalsi? manco ti avessi tirato un pugno in un occhio!comunque, resto ANCORA della mia idea, fai come credi che io faccio come credo.ciao mr sotuttoioeglialtrino!
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Da quando un esordiente totale
    gestisce


    progetti da 10GB di dati (a detta
    sua),

    con


    possibilità di usare diverse

    macchine


    per far girare tale progetto ?



    Mah, la sua sparata sui dieci GB di dati

    (tutto da vedere, visto gli sfondoni che

    spara) io ci andrei cauto.

    Ehm, non so perchè, ma alcune parole
    sono state segate via dall'intervento :(
    Spero si capisca lo stesso il pensiero.In che senso?
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo
    Già...già....poi magari non
    sei capace di formattare in disco....ah
    bè però, sei in grado di
    programmare in sistemi
    iperstellari...ecc....ecc....E tu di imparare a quotare?c'ho messo mezzora per capire che avevi risposto a questohttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=844077
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Da quando un esordiente totale gestisce

    progetti da 10GB di dati (a detta sua),
    con

    possibilità di usare diverse
    macchine

    per far girare tale progetto ?

    Mah, la sua sparata sui dieci GB di dati
    (tutto da vedere, visto gli sfondoni che
    spara) io ci andrei cauto.Ehm, non so perchè, ma alcune parole sono state segate via dall'intervento :( Spero si capisca lo stesso il pensiero.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    Da quando un esordiente totale gestisce
    progetti da 10GB di dati (a detta sua), con
    possibilità di usare diverse macchine
    per far girare tale progetto ? Mah, la sua sparata sui dieci GB di dati (tutto da vedere, visto gli sfondoni che spara) io ci andrei cauto.Non posso dimostrarlo, ovviamente, ma a mio modesto parere ha calcolato 10Gb perchè non sa una cippa. Anche ammesso che abbia, come mi pare di aver capito, 3000 utenti (magari solo una sua troppo ottimistica previsione)E rileggendo non trovo nessun punto in cui afferma di avere più macchine a disposizione. Sono che gli consigliano di usare macchine diverse, con filesystem diversi, soluzioni ad hoc, etc ma sul fatto che lui ne disponga non leggo nulla a proposito.
    Dietro quelle
    domande c'era una commessaIo onestamente non ne sarei così sicuro. Tra l'altro, se devi gestire così tanti dati di così tanti utenti, ci sono leggi per la messa in sicurezza dei dati personali. Non puoi solo "affidarti allo smanettone" e basta.
    quando io a una persona del genere non darei
    nemmeno da gestire il database access dei
    miei cd.Su questo direi che siamo d'accordo :)
    Si, io ci sputo eccome, almeno a quelli che
    vogliono spacciarsi per professionisti
    che agli occhi di un profano possono
    apparire tali.Capisco il tuo pensiero, e in parte condivido. Però a mio modestissimo parere confondi lo smanettone con il ciarlatano: lo smanettone è quello che lo fa per passione, è più pratico che teorico ma in genere è in grado di realizzare piccoli progetti.Il ciarlatano si spaccia per quello che non è, punto. E ci sono in tutti i campi.Uno che non ha un minimo di nozioni sulle strutture di dati secondo me è molto meno che smanettone. Molti forum amatoriali sono fatti decisamente in maniera più razionale.Uno smanettone, solo per hobby :)
  • Anonimo scrive:
    Re: I Programmatori e il Gramassa
    Nessun sito e nessuna pagina web ha REALMENTE bisogno di essere più complicata di così: http://ildp.pluto.it/HOWTO/3-Button-Mouse.htmlIl resto, dalle immagini in su, è solo fumo negli occhi e appropriazione indebita di banda (e tempo) degli utenti. 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    Fermo restando che chi ha studiato come
    progettare un software o strutture di dati
    ne sa sicuramente di più, solo un
    esordiente totale (per dirla alla Fantozzi)
    si metterebbe a creare una tabella per ogni
    utente.
    Da quando un esordiente totale gestisce progetti da 10GB di dati (a detta sua), con possibilità di usare diverse macchine per far girare tale progetto ? Dietro quelle domande c'era una commessa, e se c'è una commessa vuol dire che quella persona si è spacciata per professionista (o è stata spacciata) a qualche cliente, quando io a una persona del genere non darei nemmeno da gestire il database access dei miei cd.
    Tant'è che tutti quelli dopo di lui
    gli hanno fatto presente che era una
    sciocchezza.
    Tutti non direi... due utenti... uno velatamente, uno in modo più esplicito dicendo anche qualche inesattezza.
    Non sputiamo sempre sugli smanettoni...Si, io ci sputo eccome, almeno a quelli che vogliono spacciarsi per professionisti, e che agli occhi di un profano possono apparire tali.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=7Hai preso il caso limite.Fermo restando che chi ha studiato come progettare un software o strutture di dati ne sa sicuramente di più, solo un esordiente totale (per dirla alla Fantozzi) si metterebbe a creare una tabella per ogni utente.Sono le prime cose che si imparano seguendo qualsiasi manuale, tutorial, anche "da autodidatti".Tant'è che tutti quelli dopo di lui gli hanno fatto presente che era una sciocchezza.Non sputiamo sempre sugli smanettoni...
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    Già...già....poi magari non sei capace di formattare in disco....ah bè però, sei in grado di programmare in sistemi iperstellari...ecc....ecc....
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli smanetta
    - Scritto da: Anonimo
    forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=7Li conosco!! Sono gli amici degli amici del cugino di Peppino u meccanico di Pizzu Calabru!!Sono le future risorse altamente qualificate di Galileo 2008 !!http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=831377GRAAANDI !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=7Buahahaha :DNon so se ridere o piangere. Riderei per la palese incompetenza di questa gente, però a pensare che sono sul mercato e qualcuno si affida pure a loro mi viene da piangere :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccovi la professionalità degli sman
      - Scritto da: Anonimo
      Non so se ridere o piangere. Riderei per la
      palese incompetenza di questa gente,
      però a pensare che sono sul mercato e
      qualcuno si affida pure a loro mi viene da
      piangere :|Non è la loro incompetenza a far piangere....E' il fatto che sei tu quello che si ritrova a rispondere a questi post, tu che avresti la preparazione necessaria per fare quel lavoro e tu che da quella stessa azienda quando sei andato a colloquio per quel lavoro ti sei sentito rispondere che sei troppo preparato....
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccovi la professionalità degli sman
    - Scritto da: Anonimo
    forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=7Non è possibileeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Eccovi la professionalità degli smanetta
    http://forum.html.it/forum/showthread.php?threadid=759334&highlight=ogni%20utente%20una%20tabella...
  • Anonimo scrive:
    Re: Le fragole e bufale

    E' NP-HardEeh?
    • Anonimo scrive:
      Re: Le fragole e bufale
      - Scritto da: Anonimo

      E' NP-Hard

      Eeh?http://en.wikipedia.org/wiki/NP-hard
      • Anonimo scrive:
        Re: Le fragole e bufale

        en.wikipedia.org/wiki/NP-hard Perbacco. Dev'essere roba inventata da Von Neumann e John Nash dopo un'abbondante porzione notturna di pollo e peperonata con le acciughe.Sono lieto di aver intuito che non si risolve analiticamente e di non averci perso tempo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Le fragole e bufale
          - Scritto da: Anonimo

          en.wikipedia.org/wiki/NP-hard

          Perbacco. Dev'essere roba inventata da Von
          Neumann e John Nash dopo un'abbondante
          porzione notturna di pollo e peperonata con
          le acciughe.

          Sono lieto di aver intuito che non si
          risolve analiticamente e di non averci perso
          tempo.Eh? Tu non sai di cosa parli.Se sei limitato e il massimo che riesci a creare sono solo gestionali per PMI non sei autorizzato a giudicare tutto quello che non conosci.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le fragole e bufale


            Sono lieto di aver intuito che non si

            risolve analiticamente e di non averci

            perso tempo.
            Eh? Tu non sai di cosa parli.
            Se sei limitato e il massimo che riesci a
            creare sono solo gestionali per PMI non sei
            autorizzato a giudicare tutto quello che non
            conosci. Alé, cominciamo a offendere. Mai sentito parlare di specializzazione? Uno sa fare una cosa e un altro un'altra.Io non sono neppure un programmatore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le fragole e bufale
            - Scritto da: Anonimo

            Eh? Tu non sai di cosa parli.

            Se sei limitato e il massimo che riesci
            a

            creare sono solo gestionali per PMI non
            sei

            autorizzato a giudicare tutto quello
            che non

            conosci.

            Alé, cominciamo a offendere. Mai
            sentito parlare di specializzazione? Uno sa
            fare una cosa e un altro un'altra.
            Io non ho offeso, ho solo risposto con la stessa spocchia che hai usato tu giudicando i problemi NP-Hard.
            Io non sono neppure un programmatore.Ecco, bravo. Allora invito di nuovo a non parlare di cose che non conosci.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le fragole e bufale

            Io non ho offeso, ho solo risposto con la
            stessa spocchia che hai usato tu giudicando
            i problemi NP-Hard.Che spocchia? Ho solo detto


            Sono lieto di aver intuito che non si


            risolve analiticamente e di non averci perso


            tempo.perché se avessi provato a risolverlo analiticamente ci avrei solo perso del tempo (visto che a quanto pare, se questi problemi si sono meritati un nome particolare è perché non si risolvono con i metodi tradizionali). Sei tu che hai capito male il tono della replica.

            Io non sono neppure un programmatore.
            Ecco, bravo. Allora invito di nuovo a non
            parlare di cose che non conosci.Mica mi sono messo a parlare di problemi NP-Hard.Poi, se il problema è risolvere un problema è un conto, se si tratta di coprire delle fragole il nailon va benissimo. Se si tratta di coprire le fragole e aspetto che uno risolva il problema NP-Hard, mi gelano prima che arrivi uno con la soluzione.
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile


    Ripeteva

    che io sono "adatto a fare script",

    ma non

    "un grafico", "un creativo",

    eccetera... a

    lui serviva uno che facesse script.
    Be' abbi pazienza: ti ha spiegato
    onestamente cosa serviva a lui. E' ovvio che
    non puoi pretendere chissa' che stipendio
    per le mansioni di un ragazzetto sveglio.Spiegato sì, ma non "onestamente". Infatto ero lì perché reduce da un corso di "Tecnico per lo sviluppo di applicativi multimediali / indirizzo grafico" (che non dico sia un dottorato di ricerca ma qualcosa l'avevo imparato) ed ero uno dei due o tre usciti con 90/100. Era lui che aveva bisogno di un ragazzetto sveglio cui affidare mansioni da ragazzetto sveglio che non possono pretendere chissà quale stipendio. E poi sveglio mica tanto, visto che non sono riuscito a farmi aumentare la paga...In quest'azienda l'unico potere contrattuale che avevo, e che avevano gli altri, è accettare o andarsene, e infatti prima o poi tutti se ne vanno. Gli dò atto che da un punto di vista pragmatico ha perfettamente ragione, ma se volessi fare qualcosa tipo un'azienda vorrei qualcosa di diverso.
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Re: Le fragole e bufale

    e i russi senza tante teorie
    sull'inchiostro e la
    gravità...avevano semplicemente usato
    le biro visto che funzionano!L'avevo letto anch'io Attivissimo, ma bufala o no la storiella è troppo bella. Sia vera o meno, è stata inventata, e l'ho usata, per il suo significato, a mo' di parabola evangelica. Ci ho messo anche le virgolette.Quanto al problema del campo di fragole, ho provato a cercare di impostarlo matematicamente, ma dev'essere uno di quei problemi in cui l'analisi matematica non va tanto lontano e occorre, appunto, una procedura algoritmica o euristica - che, non essendo un informatico in senso stretto, non avrei idea di come impostare né implementare.Se qualcuno mi smentisce risolvendo matematicamente il problema vince il pelouche del "cervello del mese".
    • Anonimo scrive:
      Re: Le fragole e bufale
      - Scritto da: Gatto Selvaggio

      e i russi senza tante teorie

      sull'inchiostro e la

      gravità...avevano semplicemente
      usato

      le biro visto che funzionano!

      L'avevo letto anch'io Attivissimo, ma bufala
      o no la storiella è troppo bella. Sia
      vera o meno, è stata inventata, e
      l'ho usata, per il suo significato, a mo' di
      parabola evangelica. Ci ho messo anche le
      virgolette.

      Quanto al problema del campo di fragole, ho
      provato a cercare di impostarlo
      matematicamente, ma dev'essere uno di quei
      problemi in cui l'analisi matematica non va
      tanto lontano e occorre, appunto, una
      procedura algoritmica o euristica - che, non
      essendo un informatico in senso stretto, non
      avrei idea di come impostare né
      implementare.
      Se qualcuno mi smentisce risolvendo
      matematicamente il problema vince il
      pelouche del "cervello del mese".E' NP-Hard
  • Anonimo scrive:
    Re: Scavalcare gli intermediari
    - Scritto da: Anonimo
    Sono completamente d'accordo con te.
    Ma non e' quello il problema.
    Pero' perche' visto che possono pagare 500 e
    passa euro al giorno, non li danno a chi
    lavora veramente ?
    Che bisogno c'e' del doppio passaggio ?Prova a pensare di essere tu l'incaricato della gestione delle risorse umane di una grande azienda: davvero passeresti il tempo a leggere curricola e a intervistare gente di tutti i tipi?
    Anche supponendo che un intermediatore serva
    comunque, secondo me, una mediazione che
    supera del 10% ( noi paghiamo in media il
    50-60% !) il totale della transazione non e'
    una mediazione corretta.In effetti pare eccessivo... :o
    • Anonimo scrive:
      Re: Scavalcare gli intermediari
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo


      Sono completamente d'accordo con te.

      Ma non e' quello il problema.

      Pero' perche' visto che possono pagare
      500 e

      passa euro al giorno, non li danno a chi

      lavora veramente ?

      Che bisogno c'e' del doppio passaggio ?

      Prova a pensare di essere tu l'incaricato
      della gestione delle risorse umane di una
      grande azienda: davvero passeresti il tempo
      a leggere curricola e a intervistare gente
      di tutti i tipi?
      Quello che sto provando a spiegarti non e' un concetto molto comune, ma visto che ne stiamo parlando, ci provo.La risposta, secondo me, e' SI.l'incaricato della gestione delle risorse umane di una grande azienda dovrebbe passare il tempo a leggere curricola e a intervistare gente di tutti i tipi.CERTO che SI.Ma ragiona, se la azienda si puo' permettere di pagare cifre elevate un MEDIATORE, perche' non dovrebbe potersi permettere UNA ( non e' poi eccessivo no?) persona competente che seleziona direttamente i candidati ??Guarda che stiamo parlando di flussi di milioni di euro che le aziende e gli intermediati, tutti i giorni, sborsano agli intermediari.Non posso credere che ad una azienda non convenga avere persone competenti che selezionano persone competenti, piuttosto che sborsare milioni in intermediazioni di dubbia efficacia.Sarebbe ora che le aziende capissero (soprattutto quelle NON informatiche) che devono dotarsi di competenze in grado di valutare ed assumere altre competenze, non possono continuare a delegare in outsourcing il recruitment delle proprie risorse: e' un costo enorme, non giustificato, molto piu' elevato di quello che si sosterrebbe assumendo qualcuno realmente in grado di valutare i collaboratori.

      Anche supponendo che un intermediatore
      serva

      comunque, secondo me, una mediazione che

      supera del 10% ( noi paghiamo in media
      il

      50-60% !) il totale della transazione
      non e'

      una mediazione corretta.

      In effetti pare eccessivo... :oMa e' la norma. Quindi ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia



    Ci salvera' un eroe dal disastro,
    vedrai.

    Un _altro_? :|
    Quando stai grattando il fondo del barile da tanti anni, qualunque frescone diventa un eroe.....
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    - Scritto da: Anonimo
    Ci sono anche quelli che fanno gli idraulici
    che pretendono migliaia di euro per cambiare
    un gabinetto, ovviamente, come tutti i
    professionisti che lavorano per gli utenti
    finali, in nero.
    Il mio idraulico si e' appena comprato la
    barca.Se fosse vero, la risposta sarebbe ovvia.Ma visto che invece di sudare 12 ora al giorno con tubi e chiavi sei qui a lamentarti, evidentemente c'e' qualcosa che sai e che non ci hai ancora detto. :p
    Nessuno SE NE VUOLE accorgere, perche' avere
    tanti poveri fa troppo comodo all'altra
    meta' della popolazione.Pero' cosi' stai dicendo che circa una meta' della popolazione e' benestante, mentre l'altro tizio descriveva una situazione da sopravissuti a una guerra...
    Si, ma devi sapere l'inglese non bene, ma
    benissimo, se vuoi una occupazione decente
    all'estero....Gia', e notoriamente gli italiani l'inglese lo sanno poco e male...Traduzione: non pensare di cavartela con le 4 cose che ti insegnano a scuola/universita', o con un breve corsetto.Devi parlarlo correntemente... e capire gente che parla in fretta con accenti (per te) orrendi. :D
    Ci salvera' un eroe dal disastro, vedrai.Un _altro_? :|
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile
    - Scritto da: Anonimo
    Se l'azienda non ha proprio tutta quella
    necessità di personale qualificato,
    assume uno che bene o male imparerà
    ad arrangiarsi, resterà in azienda
    accontentandosi dello stipendio che gli si
    passa.Esatto. E dal punto di vista dell'azienda la cosa e' corretta.
    Ripeteva
    che io sono "adatto a fare script", ma non
    "un grafico", "un creativo", eccetera... a
    lui serviva uno che facesse script.Be' abbi pazienza: ti ha spiegato onestamente cosa serviva a lui. E' ovvio che non puoi pretendere chissa' che stipendio per le mansioni di un ragazzetto sveglio.
    Questa è una tipica media azienda
    italiana che sa fare i suoi affari e resta a
    galla, infatti è ancora in piedi.QED
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    - Scritto da: Anonimo
    In italia funziona cosi:
    vai a scuola e non impari un cazzo
    rimani a casa dei tuoi fino a 35 anni
    i primi lavoretti sono ovviamente in nero
    nel bar
    dell'amico o il ristorante del parente
    poi arriva la doccia fredda,c'e chi va a
    fare il meccanico
    a 1.200 EU al mese e chi va a fare il
    programmatore
    a 1000 EU al mese con contratto a progetto
    senza ferie
    senza malattie pagate senza pensione.Ci sono anche quelli che fanno gli idraulici che pretendono migliaia di euro per cambiare un gabinetto, ovviamente, come tutti i professionisti che lavorano per gli utenti finali, in nero.Il mio idraulico si e' appena comprato la barca.
    gli avvocati per quanto si vestono
    decentemente il 90%
    sono dei morti di fame Non mi risulta, davvero.Quelli sono dei vampiri che campano sulle disgrazie altrui, ecco perche' qualunque processo in italia dura anni.
    cosi come i medici della mutua
    diciamo che la classe borghese esiste solo
    in citta grandi
    e solitamente questi o sono figli di papa o
    degli ereditieri
    questi campano con la ditta o banca del
    parente
    si fanno comprare il master dal papino a
    oxford che fa tanto intellectual e vengono
    piazzati a vendere i bond
    delle societa di riciclaggio di denaro
    quindi mafia.
    il concetto di carriera non esiste cosi come
    gli aumenti
    o i benefit massimo che ti danno è un
    calcio in culo
    l'italia è un paese povero del terzo
    mondo dove la metà degli abitanti fa
    la fame,nessuno se ne accorge perchè
    l'italiano medio è un ignorante che
    non legge i giornaliNessuno SE NE VUOLE accorgere, perche' avere tanti poveri fa troppo comodo all'altra meta' della popolazione.La gente vuole sentirsi ricca, piu' ricca degli altri, avere il meglio, e se non ce la fanno (perche' NON ce la fanno) allora gioiscono perche' alti stanno peggio di loro .... se i poveri non ci fossero piu', sai che delusione per gli elettori ?Come dire: "toglieteci tutto, anche i soldi, ma non toccateci lo status di borghese benestante"
    ma in compenso si beve tutte le stronzate
    dei telegiornali.
    poi che succede il ragazzino furbo che va
    all'estero,scopre un altro mondo burocrazia
    al minimo
    diritti sul lavoro, paghe decenti,
    possibilità di carriera,
    assenza di corporativismo allo stato puro (
    conosco
    persone che lavorano in banche d'affari con
    la terza media ) e tutta un'altra serie di
    cose che un normale
    stato democratico dovrebbe offrire.Si, ma devi sapere l'inglese non bene, ma benissimo, se vuoi una occupazione decente all'estero....
    il breve l'italia secondo me è un
    paese di merda
    uno stato comatoso pieno di cancro
    impossibile
    da risollevare.Quoto, ma comunque e' un punto di vista soggettivo e personale.Dove tu vedi nero, altri vedono bianco. Piu' tu vedi nero, piu' altri vedono bianco.Buona parte della popolazione ci vive come un topo nel formaggio nella situazione comatosa che tu descrivi.
    non preoccupatevi i politici non vi diranno
    mai che
    lo stato è in crack vi diranno che
    l'europa non è piu
    buona e bisogna tornare alla lira
    BENVENUTA AFRICACi salvera' un eroe dal disastro, vedrai.E questo eroe garantira' la continuita' comatosa di questo paese per altri otto anni. E poi verra' un altro eroe .....
  • Anonimo scrive:
    Re: Scavalcare gli intermediari
    - Scritto da: Anonimo
    Ecco perche' le grandi aziende sono disposte
    a pagare costi, che appaiono spropositati,
    agli intermediari: si parte dai 500 euro al
    giorno in su: in media l'intermediato prende
    200 euro al giorno, i restanti 300 e passa
    rimangono nelle mani del mediatore.[ snip ]Mi rendo conto che qui, oltre a (presunti) esperti informatici, di banali ragionieri ce ne sono pochetti.Uno dei motivi per cui a una grande azienda conviene pagare di piu' un temporaneo piuttosto che fare un'assunzione a tempo indeterminato, e' molto semplicemente che se devi tagliare i costi, al temporaneo dai una pedata sul culo, con l'altro e' un pochino piu' difficile...Cerchiamo di non farci eccessive seghe mentali sul fatto che sono tutti coglioni e/o venduti (che poi ci sono senz'altro, per carita').Buon Natale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scavalcare gli intermediari
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo


      Ecco perche' le grandi aziende sono
      disposte

      a pagare costi, che appaiono
      spropositati,

      agli intermediari: si parte dai 500
      euro al

      giorno in su: in media l'intermediato
      prende

      200 euro al giorno, i restanti 300 e
      passa

      rimangono nelle mani del mediatore.
      [ snip ]

      Mi rendo conto che qui, oltre a (presunti)
      esperti informatici, di banali ragionieri ce
      ne sono pochetti.
      Uno dei motivi per cui a una grande azienda
      conviene pagare di piu' un temporaneo
      piuttosto che fare un'assunzione a tempo
      indeterminato, e' molto semplicemente che se
      devi tagliare i costi, al temporaneo dai una
      pedata sul culo, con l'altro e' un pochino
      piu' difficile...
      Cerchiamo di non farci eccessive seghe
      mentali sul fatto che sono tutti coglioni
      e/o venduti (che poi ci sono senz'altro, per
      carita').

      Buon Natale.Sono completamente d'accordo con te.Ma non e' quello il problema.Pero' perche' visto che possono pagare 500 e passa euro al giorno, non li danno a chi lavora veramente ?Che bisogno c'e' del doppio passaggio ?Anche supponendo che un intermediatore serva comunque, secondo me, una mediazione che supera del 10% ( noi paghiamo in media il 50-60% !) il totale della transazione non e' una mediazione corretta.Quindi vorrei riflettessi su questi due semplici dati di fatto:1) O lavori per uno o piu' mediatori, o non potrai lavorare del tutto.2) Devi lasciare almeno meta' di quello che guadagni nelle casse del mediatore.Cosa vi ricorda questo modo di fare ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    Sono completamente d'accordo. (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Le fragole
    - Scritto da: Gatto Selvaggio


    Coprile con un nailon che costa
    meno.


    non sei un informatico

    È una soluzione euristica.ke fa skifo
  • Anonimo scrive:
    Re: Le fragole - Soluzione
    - Scritto da: Gatto Selvaggio
    Coprile con un nailon che costa meno.ROTFL
  • Anonimo scrive:
    Re: Le fragole - Soluzione
    - Scritto da: Gatto Selvaggio
    Coprile con un nailon che costa meno.
    non sei un informatico
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Re: Le fragole - Soluzione
    Coprile con un nailon che costa meno.
  • Anonimo scrive:
    Re: poco credibile
    Se l'azienda non ha proprio tutta quella necessità di personale qualificato, assume uno che bene o male imparerà ad arrangiarsi, resterà in azienda accontentandosi dello stipendio che gli si passa.Visto che su qyesto forum ognuno ha la sua horror story, racconto la mia.Un'azienda per cui ho lavorato anni fa seguiva e segue tuttora questa politica: prendere di continuo stagisti dai vari corsi di formazione, e per qualche mese disporre di manovalanza gratuita. Alla fine dello stage, proporre ai più adatti un periodo "post-stage" sottopagato. Dopo qualche tempo, quelli che resistono restano come collaboratori occasionali (oggi CoCoCo o a progetto) e qualcuno viene perfino assunto, se c'è posto.Dopo un po' il lavoratore si licenzia. Ottimo: così c'è sempre ricambio e gente fresca, e non hai mai impiegati in soprannumero. L'azienda paga uno stipendio adeguato a due o tre indispensabili, gli altri vanno e vengono.Il massimo che sono riuscito a spillare a quest'azienda sono state 12.000 lire l'ora, lorde e con partita IVA, nel '98. Le otto ore giornaliere diventavano facilmente nove o dieci perché si era pagati ad opera e occorreva rispettare le scadenze, sempre con l'acqua alla gola. Oltre a due ore e mezza di pullman e tram tra andata e ritorno. Certe sere in ditta restavano il titolare, il secondo e il sottoscritto. Arrivavo a casa alle nove.Dopo due anni il titolare voleva assumermi (eh già), ma non ha mai pronunciato la parola magica "ti pago di più", né ha assecondato la mia richiesta di un orario part-time. La sua tattica era "spiegarmi" qual è il mio ruolo e quali sono le mie capacità. Ripeteva che io sono "adatto a fare script", ma non "un grafico", "un creativo", eccetera... a lui serviva uno che facesse script.Di certo "creativo" non potevo diventarlo lì. Le persone che ho conosciuto allora non lavorano più lì. Anche gli indispensabili sono stati sostituiti da altri indispensabili. In quell'azienda si è tutti di passaggio.Questa è una tipica media azienda italiana che sa fare i suoi affari e resta a galla, infatti è ancora in piedi. Questo è un tipico paese submediterraneo in cui per restare in piedi un'azienda deve essere così. E' il sistema Italia che è così.
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Re: poco credibile

    per qunato ottuso, un cacciatore di teste
    dovendo scegliere tra il ciuccio e il bravo
    perche' dovrebbe scegliere il primo?
    Tanto li pagherebbe entrambi la stessa
    cifraNon si tratta di scegliere tra il ciuccio e il bravo, ma tra il semiqualificato e il qualificato, o "sovraqualificato". Quest'ultimo prima o poi se ne va in cerca di un posto migliore, e l'imprenditore deve riaddestrare da capo un altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: poco credibile

      Quest'ultimo prima o poi se ne va in cerca
      di un posto migliore, e l'imprenditore deve
      riaddestrare da capo un altro.Esatto. Io tempo fa feci un colloquio per entrare in un'aziendadella mia zona a fare il magazziniere, perche' mi ero rottodel settore informatico. Quando guardo' il mio curriculum michiese il perche' stessi scegliendo di andare a fare un lavoro poco qualificato, quando ormai erano 8 anni che lavoravonel settore IT. Ovviamente dissi che avevo bisogno di lavorare, che il settore informatico non tirava piu', e che nonrientrava nei miei piani spostarmi di regione in cerca di lavoro. La sua risposta fu:"Mi andresti anche bene, pero' sono sicuro che visto che il lavoro che andresti a fare sarebbe un lavoro poco gratificante rispetto a quello che hai sempre fatto, se tu trovi un posto di lavoro piu' o meno simile a quello che hai avuto negli ultimi anni, tu mi lasci da un giorno all'altro, e io devo ricercare una persona da zero. A me serve qualcuno che non sappia fare nient'altro nella vita, che non abbia grosse alternativa fuoridi qui".
  • Anonimo scrive:
    poco credibile
    mi scusi chi ha scritto questa lettera, ma suona inverosimile che uno sia scartato perche' "troppo bravo"..per qunato ottuso, un cacciatore di teste dovendo scegliere tra il ciuccio e il bravo perche' dovrebbe scegliere il primo?Tanto li pagherebbe entrambi la stessa cifra, cioe' poco, quindi spiegatemi il masochismo dietro la supposta scelta del candidato ignorante.. bah!Non mi riesce difficile credere che ci siano i raccomandati anche tra gli informatici, ma forse e' questo il problema, non un improbabile pregiudizio verso il capace..
  • Anonimo scrive:
    Re: ALBO INFORMATICI
    - Scritto da: Anonimocarino come lavoro :)una selection by tail recursion abbinato ad un alberobtree dovrebbe andar benesarebbe anche interessante piazzare gli input su di un vettoree darlo in pasto ad una rete neurale a back-propagationcon un buon training dovrebbe riuscire a generarei settori con il minor costo.nel tempo perso vedrò di produrre qualcosa in c
    • Anonimo scrive:
      Re: ALBO INFORMATICI
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo
      carino come lavoro :)

      una selection by tail recursion abbinato ad
      un albero
      btree dovrebbe andar bene
      sarebbe anche interessante piazzare gli
      input su di un vettore
      e darlo in pasto ad una rete neurale a
      back-propagation
      con un buon training dovrebbe riuscire a
      generare
      i settori con il minor costo.

      nel tempo perso vedrò di produrre
      qualcosa in cl'ho preso da quise lo risolvi magari ti prendonohttp://itasoftware.com/careers/eng/job1.php
      • Anonimo scrive:
        Re: ALBO INFORMATICI
        - Scritto da: Anonimo
        l'ho preso da qui
        se lo risolvi magari ti prendono
        itasoftware.com/careers/eng/job1.php Il che implica evidentemente che tu non sei in grado di risolverlo.E quindi cosa l'hai postato a fare? Stai solo dando un esempio di come un laureato non sempre sia in grado di risolvere questo tipo di problemi... :p
        • Anonimo scrive:
          Re: ALBO INFORMATICI
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          l'ho preso da qui

          se lo risolvi magari ti prendono

          itasoftware.com/careers/eng/job1.php

          Il che implica evidentemente che tu non sei
          in grado di risolverlo.
          E quindi cosa l'hai postato a fare? Stai
          solo dando un esempio di come un laureato
          non sempre sia in grado di risolvere questo
          tipo di problemi... :pIo glielo mandato!
          • Anonimo scrive:
            Re: ALBO INFORMATICI
            - Scritto da: Anonimo
            Io glielo mandato!Che in italiano significa... ? :|
          • Anonimo scrive:
            Re: ALBO INFORMATICI
          • Anonimo scrive:
            Re: ALBO INFORMATICI
            basta con queste polemiche ,se si crea un albo cerchiamo di stare uniti ed aiutarci invece che combatterci,il vero problema del nostro settore è la presenza di piccoli genii sicuramente competenti ma che offrono lavori a basso costo.Gianfranco Mulas
          • Anonimo scrive:
            Re: ALBO INFORMATICI
            si è vero condivido in pieno.alessia
        • Anonimo scrive:
          Re: ALBO INFORMATICI
          - Scritto da: Anonimo

          Il che implica evidentemente che tu non sei
          in grado di risolverlo.No. Questo implica con certezza solo che devi studiare da zero l'ABC delle logiche intensionali, perché le tue deduzioni sono veramente puerili ed incomplete, così come la tua capacità di manipolare la complessità logica, che evidenzia peraltro una totale ignoranza del principio di benevolenza, sottesa ad una faziosa ed inutile acrimonia.
    • Anonimo scrive:
      Re: ALBO INFORMATICI
      - Scritto da: Anonimo
      una selection by tail recursion abbinato ad
      un albero
      btree dovrebbe andar beneSoluzione pessima
      sarebbe anche interessante piazzare gli
      input su di un vettore
      e darlo in pasto ad una rete neurale a
      back-propagation
      con un buon training dovrebbe riuscire a
      generare
      i settori con il minor costo.
      E' un problema NP-Hard. La rete neurale ti da l'output in tempo polinomiale. Al limite otterrai qualcosa di vicino all'ottimo per certe classi di input
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ora vi spiego che cosa è italia
    - Scritto da: Anonimo
    l'italia è un paese povero del terzo
    mondo dove la metà degli abitanti fa
    la fame,nessuno se ne accorge perchè
    l'italiano medio è un ignorante che
    non legge i giornali
    ma in compenso si beve tutte le stronzate
    dei telegiornali.Um ora capisco perche l'itagliano viene consideratosocievole se gli fai mangiare merda ride e ti dice grazieun po come quelli del terzo mondo quando vedonogli italiani che vanno a fare beneficenza, questi neri sorridono perchèsi pensano che l'africa sia un posto turistico....
  • Anonimo scrive:
    Re: La vedi un po' unilaterale

    - Distruzione di qualsiasi meritocrazia,
    anche tramite la demonizzazione della
    trattativa individuale basata sulle
    capacità, sul merito e sul rapporto
    diretto con l'imprenditore;Non che tu abbia tutti i torti, ma in quanto a trattativa individuale il singolo senza un'organizzazione alle spalle di potere contrattuale ne ha pochino. I contratti prestabiliti tipo metalmeccanico e simili servono anche a impedire il divide et impera dello sfruttamento "individuale" dei lavoratori, uno per uno, ciascuno solo con se stesso.P.S. Al solo sentir parlare un Ministro per la Propaganda la mano mi s'aggrappa da sola al fucile.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' tutto vero...
    - Scritto da: Anonimo
    Poi sinceramente mi fanno inca**are le
    richieste di lavoro del tipo: Neolaureato,
    max 22enne con almeno 3 anni di esperienza
    certificata. confermo, ci manca solo: graditi bella presenza, capelli biondi, occhi azzurri e dottorato di ricerca.
    Ma che si deve fare? Andare all'univ. in
    fasce?No, si deve solo prendere a ceffoni chi fa annunci simili.
  • Anonimo scrive:
    ok ora vi spiego che cosa è italia
    In italia funziona cosi:vai a scuola e non impari un cazzorimani a casa dei tuoi fino a 35 anni i primi lavoretti sono ovviamente in nero nel bardell'amico o il ristorante del parentepoi arriva la doccia fredda,c'e chi va a fare il meccanicoa 1.200 EU al mese e chi va a fare il programmatorea 1000 EU al mese con contratto a progetto senza feriesenza malattie pagate senza pensione.gli avvocati per quanto si vestono decentemente il 90%sono dei morti di fame cosi come i medici della mutua diciamo che la classe borghese esiste solo in citta grandie solitamente questi o sono figli di papa o degli ereditieriquesti campano con la ditta o banca del parente si fanno comprare il master dal papino a oxford che fa tanto intellectual e vengono piazzati a vendere i bonddelle societa di riciclaggio di denaro quindi mafia.il concetto di carriera non esiste cosi come gli aumenti o i benefit massimo che ti danno è un calcio in culol'italia è un paese povero del terzo mondo dove la metà degli abitanti fa la fame,nessuno se ne accorge perchèl'italiano medio è un ignorante che non legge i giornalima in compenso si beve tutte le stronzate dei telegiornali.poi che succede il ragazzino furbo che va all'estero,scopre un altro mondo burocrazia al minimo diritti sul lavoro, paghe decenti, possibilità di carriera,assenza di corporativismo allo stato puro ( conoscopersone che lavorano in banche d'affari con la terza media ) e tutta un'altra serie di cose che un normalestato democratico dovrebbe offrire.il breve l'italia secondo me è un paese di merda uno stato comatoso pieno di cancro impossibileda risollevare.non preoccupatevi i politici non vi diranno mai chelo stato è in crack vi diranno che l'europa non è piubuona e bisogna tornare alla lira BENVENUTA AFRICA
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Il sistemista non è un
    informatico.

    punto

    Come non sono informatici quelli che credono
    che HTML sia un LINGUAGGIO DI
    PROGRAMMAZIONE, nonché gli
    amministratori di sistemi, gli "esperti di
    sicurezza", i power users e tutte le altre
    figure cortigiane spuntate come funghi
    nell'ultimo decennio attorno ai PC e piccoli
    server SOHO.

    Informatico è solo e unicamente:
    a) Chi si occupa di scienza dei calcolatori
    dal punto di vista teorico. Algoritmica e
    complessità computazionale,
    matematica discreta, logica categoriale,
    modale, temporale, geometria computazionale,
    teoria dei linguaggi di programmazione,
    linguaggi formali ed altre branche primarie
    della computer science, il ramo della
    Matematica applicata che ha per oggetto i
    calcolatori nella loro totalità e
    generalità.

    b) Chi è operativamente in grado di
    PROGETTARE logicamente ed algoritmicamente,
    di realizzare e convalidare grandi
    implementazioni in veri linguaggi di
    programmazione (Assembly, C, C++, Eiffel,
    Ada, Prolog, CLOS, LISP, ML, ...) usando
    ANCHE (non prevalentemente !) linguaggi
    accessori e dialetti (P-scripting, 4GL,
    SQL...).

    c) Per estensione e convenzione invalsa
    nell'uso, senza perdita di
    generalità, è considerato
    "informatico" anche chi si occupa a livello
    organizzativo e tecnico dell'ingegneria del
    processo di produzione del software,
    dall'analisi al testing, secondo metodologie
    razionali e best practices convalidate
    (tipico di tutte le branche
    ingegneristiche). Taluni aggiungono al
    novero compiti tipici del progetto
    impiantistico, delle reti strutturate, del
    dimensionamento che afferiscono però
    ad un terreno grigio fortemente condiviso e
    sovrapposto tra le branche dell'ingegneria
    elettronica, TLC e più propriamente
    informatica.

    Tutti gli altri NON sono informatici, full
    stop.Ah... un disoccupato!Bastava dirlo ... no ? ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo
    Sono daccordo, volevo solo provocarti un
    pò per vedere se ci credi davvero o
    se parlavi per dare aria alla bocca :)lol... vabbè almeno non sono il solo a pensarla così :)Buon natale e buon anno (troll)
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    Sono daccordo, volevo solo provocarti un pò per vedere se ci credi davvero o se parlavi per dare aria alla bocca :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo

    tirano fuori la pagina solo testo nero
    su

    sfondo bianco... e in fondo alla pagina

    campeggia trionfante: valid xhtml!

    che è perfettamente usabile e
    crossbrowserSi ho capito, ma vallo a dire al cliente... su, non dico che siano belle le schifezze ultrapesanti in flash, ma anche così... ti pare che un cliente rimane soddisfatto? Anche l'occhio vuole la sua parte

    Ma fare un bel sito graficamente,
    usabile,

    crossbrowser, non è così

    semplice e servono certi skills.

    ah beh! pieno il web eh?Infatti, no! Ma la colpa è proprio di chi pensa che il sito web lo possono fare tutti, e quindi lo affida al primo scriptaro che passa!Se ci si tenesse di più, forse avremmo un web migliore, più bello e accessibile, e chi sa lavorarci davvero non verrebbe visto come l'informatico di serie B.
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??

    tirano fuori la pagina solo testo nero su
    sfondo bianco... e in fondo alla pagina
    campeggia trionfante: valid xhtml!che è perfettamente usabile e crossbrowser
    Ma fare un bel sito graficamente, usabile,
    crossbrowser, non è così
    semplice e servono certi skills.ah beh! pieno il web eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo lo scandalo: è giusto così
    - Scritto da: vb

    crescere in fretta, sia in termini di
    competenza che di responsabilità che
    di stipendio.cresci in competenza e sbattimento e se non scoppi prima ti prenderai 1100 euro al mese per il resto della tua carriera. Salvo rimborsi per le trasferte fatte con la tua automobile, ovviamente.Questo e' cio che succede al di fuori del mondo dorato di poche grosse aziende.
    su quanto corrispondano davvero alle
    richieste del mercato!il mercato per quanto mi riguarda e' gia collassato su se stesso.
  • Anonimo scrive:
    Dio fa che finiscano tutte come finsiel
    e che questi intermediari finiscano di mungere la vacca Italia:'(
  • Anonimo scrive:
    Re: HTML
    - Scritto da: Anonimo
    Braccia rubate all'agricoltura. Chi fa
    paginette web è solo uno che produce
    documentiOk... fin qui siamo d'accordo...
    come la mia segretaria, non
    è certo un Programmatore. Non conosco il livello della tua segretaria, magari è brava. Ma dipende, chi lavora in asp o php o jsp è anche un programmatore.
    L'uso di
    linguaggini di scripting e applet nei siti
    è assolutamente irrilevanteSu questo mi sentirei di dissentire: se poi pensi che tutti lo possano fare, vallo a dire a quelli che per via del bug in PhpBB si sono ritrovati il sito defacciato.
    qualsiasi DTP dei giorni nostri è
    dotato di macro ed altre features da little
    language: non per questo chi USA dei
    programmi è un informatico. Alt, qui non parliamo di usare programmi, ma di scrivere applicazioni: per fare un bel sito, graficamente, usabile, crossbrowser serve esperienza, per lavorare in javascript a livelli seri serve esperienza, idem con patate con flash, applet java.Per non parlare dei linguaggi di script lato server dove serve una vera e propria programmazione, e dove spesso le applicazioni non sono meno complesse di certi gestionali vb che vengono passati come dei capolavori.
    L'informatico è solo colui che SCRIVE
    software in un vero linguaggio di
    programmazione, non un power user
    dell'ultima ora o un produttore di contenuti
    multimediali.In un certo senso siamo d'accordo, ma che vuol dire vero linguaggio di programmazione? Allora chi fa pagine in jsp (eh, java è un linguaggio di programmazione!) che cosa è?E la cura nel preparare un sito accessibile a tutti?Io su questo forum continuo a leggere di gente che pensa che i webmaster (attenzione, per webmaster intendo non chi conosce solo html) siano informatici da due soldi, io continuo a dire che certe applicazioni web sono molto complesse e necessitano di persone specializzate.Forse non sarò un genio come voi, ma a me piace farlo, mi piace farlo bene, nonostante spesso non venga apprezzato.
  • Anonimo scrive:
    io vado a londra
    Ho comprato il biglietto solo andata.... il 10 di gennaio sarò al mio nuovo ufficio a la city :D52000 sterlonze annue appartementino studio lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi sui pubz :Dvaffanculo ITALIA
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo
      Ho comprato il biglietto solo andata....
      il 10 di gennaio sarò al mio nuovo
      ufficio a la city :D
      52000 sterlonze annue appartementino studio
      lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi
      sui pubz :D
      vaffanculo ITALIAsi chiamaci quando hai finito tutti i soldi che veniamo a prenderti col cucchiaino :)
      • Anonimo scrive:
        Re: io vado a londra
        - Scritto da: Anonimo
        si chiamaci quando hai finito tutti i soldi
        che veniamo a prenderti col cucchiaino :)Finire 52k sterline annue è difficile... a meno di non fare pazzie :)
        • Anonimo scrive:
          Re: io vado a londra
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          si chiamaci quando hai finito tutti i
          soldi

          che veniamo a prenderti col cucchiaino
          :)

          Finire 52k sterline annue è
          difficile... a meno di non fare pazzie :)Anche prenderle è difficile, dire di prenderleè invece piuttosto facile.
          • Anonimo scrive:
            Re: io vado a londra
            - Scritto da: Anonimo
            Anche prenderle è difficile, dire di
            prenderle è invece piuttosto facile.E' meno difficile di quanto si creda... basta avere gli skilll... qui invece gli skill non sono considerati, basta essere raccomandati.
          • Anonimo scrive:
            Re: io vado a londra

            E' meno difficile di quanto si creda...
            basta avere gli skilll... qui invece gli
            skill non sono considerati, basta essere
            raccomandati.E cosa aspetti ad andare in Inghilterra.
          • Anonimo scrive:
            Re: io vado a londra
            - Scritto da: Anonimo
            E' meno difficile di quanto si creda...
            basta avere gli skilll... qui invece gli
            skill non sono considerati, basta essere
            raccomandati.Infatti, confermo confermo e stra confermo.Poche chiacchiere e meno magna magna, ma la grande verità è che questa cosa l'italiano non la capirà mai perché non ne é capace.Penso che in fondo in fondo sia giusto che gli ignoranti muoiano nella loro ignoranza.
          • Anonimo scrive:
            Re: io vado a londra
            - Scritto da: Anonimo
            Anche prenderle è difficile, dire di
            prenderle
            è invece piuttosto facile.Tutta invidia la tua, almeno lì le prendi, qui ti dicono che le prendi e poi pagano a 1, 2 mesi... anche più.Certo che se la nazione deve essere sostenuta da gente come te, beh, sono d'accordo, ma prima lascia scappare tutti gli altri.
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo
      Ho comprato il biglietto solo andata....
      il 10 di gennaio sarò al mio nuovo ufficio a la city :D
      52000 sterlonze annue appartementino studio
      lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi sui pubz :D
      vaffanculo ITALIAChe strada hai seguito per trovare lavoro fuori? Hai spedito tantissimi CV dall'Italia?
    • TADsince1995 scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo
      Ho comprato il biglietto solo andata....
      il 10 di gennaio sarò al mio nuovo
      ufficio a la city :D
      52000 sterlonze annue appartementino studio
      lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi
      sui pubz :D
      vaffanculo ITALIAStai facendo BENISSIMO!!! Dovremmo fare tutti così! Complimenti e in bocca al lupo!TAD Chissà, magari un giorno ti raggiungo...
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo
      Ho comprato il biglietto solo andata....
      il 10 di gennaio sarò al mio nuovo
      ufficio a la city :D
      52000 sterlonze annue appartementino studio
      lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi
      sui pubz :D
      vaffanculo ITALIABravo.Complimenti.Beato te.Di che ti occupi a londra ? voglio dire, analista, programmatore, tester, o cosa ?Ma tu riesci a parlare perfettamente in inglese, anche discorsi tecnici di lavoro, capendo tutto e riuscendo a tua volta a farti capire, o come fai ??Hazetcloop@hotmail.it
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra
      Ti auguro solo di non finire in uno dei quei posti dove ci sono gia' le comunita' di lavoratori italiani straignoranti, terroni e mafiosi iperghettizzanti e superrompicoglioni. Nel qual caso e' meglio starsene in italia, perche andare all'estero e trovarsi nel peggio della mentalita' italiana e' un'esperienza traumatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo
      Ho comprato il biglietto solo andata....
      il 10 di gennaio sarò al mio nuovo
      ufficio a la city :D
      52000 sterlonze annue appartementino studio
      lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi
      sui pubz :D
      vaffanculo ITALIAL'importante e non lasciarsi legami alle spalle.- Se si ha una casa bisogna venderla : va**anculo ICI.- Aprire un conto in banca all'estero: va**anculo spese bancarie italiane.- Possibilmente fatturare in società offshore: va**anculo tasse.- ecc...Tanto a pagare le tasse, per garantire clienti istituzionali ai nostri imprenditori, ci penseranno gli indiani e i cinesi...
    • messalinaxxx scrive:
      Re: io vado a londra
      - Scritto da: Anonimo
      Ho comprato il biglietto solo andata....
      il 10 di gennaio sarò al mio nuovo
      ufficio a la city :D
      52000 sterlonze annue appartementino studio
      lavoro fino alle 17 epoi via a ubriacarmi
      sui pubz :D
      vaffanculo ITALIAbravo & benvenuto!divertiti alla faccia di chi rosica:)
  • Elwood_ scrive:
    Re: A trovarlo un troppo bravo
    - Scritto da: Elwood_

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Elwood_





    - Scritto da: Anonimo



    Concordo, a me è
    addirittura


    capitata



    gente che si alterava
    perchè


    DURANTE



    IL COLLOQUIO facevo domande
    per

    loro


    troppo



    tecniche.





    a me invece mi capito' il
    contrario, di


    persone che selezionavano e di

    informatica


    non sapevano nulla, e guarda caso
    la


    maggioranza della gente che
    seleziona,

    e' la


    maggioranza e quelli che vanno ai

    colloqui e


    non sanno quello di cosa si sta

    parlando e'


    una esigua minoranza...


    Pregate che continui così,


    Perche qui ci si sveglia tutti, le

    vostre


    agenzie di intermediazione (perche'

    ormai


    quelle sono) fanno talmente un
    botto


    così grosso, che il cratere
    in


    arizona sembrera' la buca di un
    bambino


    sulla spiaggia!



    Lasciali perdere, Elwood , sono dei

    disperati ormai alla frutta...

    Buon Natale
    Buon natale pure a te ah poi mi dici che hai trovato sotto l'albero :Dcredo che il mio regalo sia Una Asus P5AD2 PREMIUM :DIo vado a giocare a barrage spero che tu mi seguirai :Dlgames.com :DBuon Natale collega Buon natale di tutto cuore
  • Elwood_ scrive:
    Re: A trovarlo un troppo bravo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Elwood_



    - Scritto da: Anonimo


    Concordo, a me è addirittura

    capitata


    gente che si alterava perchè

    DURANTE


    IL COLLOQUIO facevo domande per
    loro

    troppo


    tecniche.



    a me invece mi capito' il contrario, di

    persone che selezionavano e di
    informatica

    non sapevano nulla, e guarda caso la

    maggioranza della gente che seleziona,
    e' la

    maggioranza e quelli che vanno ai
    colloqui e

    non sanno quello di cosa si sta
    parlando e'

    una esigua minoranza...

    Pregate che continui così,

    Perche qui ci si sveglia tutti, le
    vostre

    agenzie di intermediazione (perche'
    ormai

    quelle sono) fanno talmente un botto

    così grosso, che il cratere in

    arizona sembrera' la buca di un bambino

    sulla spiaggia!

    Lasciali perdere, Elwood , sono dei
    disperati ormai alla frutta...
    Buon NataleBuon natale pure a te
  • Elwood_ scrive:
    elwood povero sfortunato se lo dici tu!
    .

    6 tanto ma proprio tanto sfortunato. e
    incapace di cogliere il senso di quello che
    si scrive. o non sai "lo itagliano" oppure non riesci a far pace col cervello:sciatto zingarelli : sciàtto: sciàttodetto di persona, trasandato, trascurato nella persona, nel vestire, nel tenere le proprie cose,Io non saro' cogliere i tuoi sublimi discorsi ma, a me pare che ti esprimi molto male.e cosi' in effetti non fai altro
    che confermare il primo post. in questo
    contesto sciatto non si riferiva ovviamente
    al modo di vestire (da noi giacca e cravatta
    nn si usano se non in casi eccezionali) guarda ci credo molto... tu secondo me invece era molto chiaro cosa intendessi, hai fatto capire quale sia la tua posizionePer favore ora non abbassarti a noi poveri sciatti... :Dma
    era legato al concetto di disorganizzati,
    disordinati, e incapaci di comprendere che
    hanno a che fare con persone diverse, che
    non hanno competenze informatiche e alle
    quali vanno quindi dati servizi affidabili e
    comprensibili.Beh se ritieni questo, prova ad offrire servizi piu' comprensibili, ma in informatica (e questo TU dovresti insegnarmelo) ad un certo livello, di compresibile c'e' solo quello che si conosce dopo averlo studiato. Se il cliente non capisce, paga qualcuno che capisca per conto suo.
    tornando a te, ti assicuro comunque che non
    mi vergognerei a selezionare pomodori,
    invece che informatici incapaci come presumo
    tu sia, probabilmente avrei anche meno
    arrabbiature... purtroppo nn sempre si puo'
    scegliere...:pBeh poi sempre farlo, non e' mai troppo tardi :DNon sara' il tuo "caso" ma di gente che sceglie i propri consulenti in base a come vestono e non a quello che sanno ce ne sono troppi.Vede caro lei, Le dovrebbe essere chiaro una cosa semplice quanto lampante: Non conta se sei disordinato, sciatto o se vesti male, conta quello che sai, e chi si veste bene o chi cerca di dare quel senso di pomposita' e seriosita' al lavoro quasi sempre non vale una cicca, perche' chi e' bravo dopo aver parlato con il cliente l'ultima cosa che il cliente vede e se ha la giacca o no. Certo se poi uno sa poco o nulla, va da se che ALMENO si vesta bene :d




    disorganizzati e capre un sacco...





    Io invece di imbecilli ben vestiti che
    non

    sapevano la differenza tra un raid 5 e
    un

    raid 1 e che non conoscevano la
    differenza

    tra chmod e umask ne ho visti a
    bizzeffe,

    a riguardo anche di presunti informatici...
    ne potrei raccontare a non finire... e senza
    insultare. Ah non se la prenda questa mia delucidazione non era certo nei suoi confronti, sicuramente lei sapra' comprendere con due parole che persona si ha difronte, uno che veste bene ma non sa una cippa da uno che e' bravissimo, pero' purtroppo non ha il maglione di cachemere :D


    e sto a milano, minca nel
    congobelga:|



    magari fossi nel congobelga se non
    altro ci

    saremmo risparmiato uno dei tanti come
    te

    che si ingrassano a spese e a conoscenze

    degli sciatti sporchi bravi
    informatici...

    con gente come te non si ingrassa... sai
    come si dice... CAVAR SANGUE DALLE RAPE...
    e' poco fruttuosoMi dispiace dirglielo, rimarra' molto deluso, ma le aziende con cui ho lavorato e con cui lavoro, si fidi che anche con il mio lavoro se la passano benissimo, chissa' come mai... mi dispiace, ma la mia attuale azienda continua a giudicare (per fortuna) i propri tecnici per le loro capacita' informatiche.Beh per quanto riguarda la sua azienda, non e' un mio problemaanzi per fortuna non me ne po' frega de meno (come se dice a Roma), pero' mi faccia sapere quale azienda e'... almeno evitero' che dei miei colleghi meno fortunati le inviino il curriculum per sbaglio
  • Anonimo scrive:
    Re: la legge del pollaio e i nuovi spartacus
    bello sproloquio ben confuso... sintomatico di grande mancanza di idee...piu' che in un pollaio ti vedrei bene a selezionare pomodori al mercato rionale...ciao sfortunato
    • Elwood_ scrive:
      Re: la legge del pollaio e i nuovi spart
      - Scritto da: Anonimo
      bello sproloquio ben confuso...

      sintomatico di grande mancanza di idee...

      piu' che in un pollaio ti vedrei bene a
      selezionare pomodori al mercato rionale...

      ciao sfortunato

      ciao giacca e cravatta col nulla intorno :D
  • Anonimo scrive:
    Re: HTML
    - Scritto da: Anonimo

    HTML = Hyper Text Markup Language



    Come fai a dire che non è un

    linguaggio di programmazione?

    È un linguaggio di descrizione di
    pagina, come ad esempio, a livello
    più complesso, PostScript.
    Però sempre linguaggio è, e se
    non è informatica, cos'è?
    Allevamento di cozze?Braccia rubate all'agricoltura. Chi fa paginette web è solo uno che produce documenti, come la mia segretaria, non è certo un Programmatore. L'uso di linguaggini di scripting e applet nei siti è assolutamente irrilevante, qualsiasi DTP dei giorni nostri è dotato di macro ed altre features da little language: non per questo chi USA dei programmi è un informatico. L'informatico è solo colui che SCRIVE software in un vero linguaggio di programmazione, non un power user dell'ultima ora o un produttore di contenuti multimediali.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco un curriculum aprezzato
    E' uno scherzo? E cosa si dovrebbe evincere dal nulla che riporta sto' cv?
    • TPK scrive:
      Re: Ecco un curriculum aprezzato
      - Scritto da: Anonimo
      E' uno scherzo? E cosa si dovrebbe evincere
      dal nulla che riporta sto' cv?Che alle grandi aziende interesse gente con un curriculum mediocre, a cui far fare roba di routine e poter pagare poco.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un curriculum aprezzato
        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=844057
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco un curriculum aprezzato
          - Scritto da: Anonimo
          punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=844057Si va bene... va bene... ma queste "primedonne" che diventano delle "checche isteriche" se non vengono strapagate ed osannate, a che livello di competitività hanno portato le aziende italiane per cui lavorano e il sitema Italia nel suo complesso? Mi risulta a un livello tipo Botswana:http://www.repubblica.it/2004/j/sezioni/economia/compe/compe/compe.html
  • Anonimo scrive:
    Re: A trovarlo un troppo bravo
    Concordo, a me è addirittura capitata gente che si alterava perchè DURANTE IL COLLOQUIO facevo domande per loro troppo tecniche.
    • Elwood_ scrive:
      Re: A trovarlo un troppo bravo
      - Scritto da: Anonimo
      Concordo, a me è addirittura capitata
      gente che si alterava perchè DURANTE
      IL COLLOQUIO facevo domande per loro troppo
      tecniche.a me invece mi capito' il contrario, di persone che selezionavano e di informatica non sapevano nulla, e guarda caso la maggioranza della gente che seleziona, e' la maggioranza e quelli che vanno ai colloqui e non sanno quello di cosa si sta parlando e' una esigua minoranza...Pregate che continui così,Perche qui ci si sveglia tutti, le vostre agenzie di intermediazione (perche' ormai quelle sono) fanno talmente un botto così grosso, che il cratere in arizona sembrera' la buca di un bambino sulla spiaggia!
      • Anonimo scrive:
        Re: A trovarlo un troppo bravo
        - Scritto da: Elwood_

        - Scritto da: Anonimo

        Concordo, a me è addirittura
        capitata

        gente che si alterava perchè
        DURANTE

        IL COLLOQUIO facevo domande per loro
        troppo

        tecniche.

        a me invece mi capito' il contrario, di
        persone che selezionavano e di informatica
        non sapevano nulla, e guarda caso la
        maggioranza della gente che seleziona, e' la
        maggioranza e quelli che vanno ai colloqui e
        non sanno quello di cosa si sta parlando e'
        una esigua minoranza...
        Pregate che continui così,
        Perche qui ci si sveglia tutti, le vostre
        agenzie di intermediazione (perche' ormai
        quelle sono) fanno talmente un botto
        così grosso, che il cratere in
        arizona sembrera' la buca di un bambino
        sulla spiaggia!Lasciali perdere, Elwood , sono dei disperati ormai alla frutta...Buon Natale
      • Anonimo scrive:
        Re: A trovarlo un troppo bravo
        - Scritto da: Elwood_
        a me invece mi capito' il contrario, di
        persone che selezionavano e di informatica
        non sapevano nulla, e guarda caso la
        maggioranza della gente che seleziona, e' la
        maggioranza e quelli che vanno ai colloqui e
        non sanno quello di cosa si sta parlando e'
        una esigua minoranza...Dipende...Se le selezioni le fanno le agenzie di selezione personale o le varie Adecco, Manpower, sicuramente prenderanno calzolai per sistemisti ed elettricisti per ingegneri...Ma se lo fa direttamente l'azienda a cui servono quetse persone, il pericolo di mettersi "in casa" dei "gatti morti" va scongiurato. Perche' e' duro a dirlo, ma una volta assunto se non si trovano le grosse lacune in fase di colloquio o durante i primi 2 mesi di prova, sara' poi difficile mandare via queste persone, e potrebbe costare molto caro sia il mandarlo via che il tenerselo e cercare di formarlo.E' un periodo di crisi importante e le PMI non hanno tempo e denaro da perdere, e' questo il motivo che spinge a selezioni attente e minuziose.E poi sinceramente ho visto che spesso costano care anche delle segretarie generiche che ti dico si il computer lo uso, lo so usare e poi ti disturbano i tecnici interni per ogni cazzata, anche quella legata all'icona in bass a destra a forma di altoparlantino che se premuta apre una strana finestra che si chiama volume e che non ha un bottone a x di chiusura. E' una cosa semplicemente assurda il tempo e i costi di una segretaria imbranata...
  • Anonimo scrive:
    Re: Le rendite di posizione...
    - Scritto da: Anonimo
    A Gennaio mi trasferisco a Londra....la
    penso esattamente come te...Be allora siamo in 2 :) io parto il 18 e mi trasferiscoli in via deifnitiva.mi sono stancato dell'italia che ti considera vecchioa 28 anni che ti logora giorno per giorno,che non ti permette di realizzare nessuna ambizione dove ci sonoi raccomandati i figli di papa e gli sfruttatorialmeno a londra sei te che decidi per il tuo futuro e nonlo stato.Giusto per la cronaca il mio curriculum è valutato 45000sterline qui in italia faticavo ad arrivare a fine meseevidentemente c'e qualcosa che non va.
    • Anonimo scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: Anonimo
      Be allora siamo in 2 :) io parto il 18 e mi
      trasferisco li in via deifnitiva.Che strade avete seguito per andare a Londra? CV a pioggia dall'Italia?
      • Anonimo scrive:
        Re: Le rendite di posizione...
        - Scritto da: Anonimo
        Che strade avete seguito per andare a
        Londra? CV a pioggia dall'Italia?io personalmente bigletto rayan air solo andata allo sbaraglio puro :) mi porto con me un curriculum decente come DBA oracle che utilizzero sicuramente dopo aver affinatoun po la lingua.non mi spaventa sono ancora giovane e penso di riuscire a cavarmela.ciao fammi gli auguri :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
          - Scritto da: Anonimo
          io personalmente bigletto rayan air solo
          andata allo sbaraglio puro :)
          mi porto con me un curriculum decente come
          DBA oracle che utilizzero sicuramente dopo
          aver affinato un po la lingua.
          non mi spaventa sono ancora giovane e penso
          di riuscire a cavarmela.Beh... questo vuol dire che hai lasciato il tuo lavoro qui? Io non posso farlo... dopo tutto non ho un cattivo lavoro qui ed è a TI... quindi devo seguire altre strade...
          ciao fammi gli auguri :)Casomai ti faccio un "in bocca al lupo"... e gli auguri per Natale! :)
          • xlthlx scrive:
            Re: Le rendite di posizione...
            ...e per caso qualcuno ha scelto la via della Spagna?a me piacerebbe molto (anche perche' non so parlare inglese, ma adoro lo spagnolo)la via dell'estero sicuramente e' ottima, anche il mio (scarso) cv aveva avuto una buona valutazione...pero' ho una mamma da mantenere, e quindi avrei bisogno di sicurezze...percio' non mi decido mai.Buon Anno a tutti :)
  • Anonimo scrive:
    Il lavoro e' un mercato: specializzatevi
    Probabilmente non ho esplicitato le conseguenze delle mie considerazioni.
    La mia piccola personalissima borsa italiana
    del lavoro IT.

    a) Installatore, amministratore reti (il
    tipico cacciavitaro tuttofare). Scambi alti,
    prezzo molto bassola conseguenza dell'attuale stato del mercato italiano del lavoro: se il vostro profilo e' di tipo a) avrete molte offerte a "prezzo" basso.Con prezzo basso intendo paga bassa, flessibilita' forzata ecc. ecc.
    Chi sa rispondere a questa semplice domanda.
    Quando cerco lavoro, quanti curriculum devo
    avere?
    1) Uno, il mio
    2) Un curriculum diverso per ogni azienda in
    cui applico
    3) Un curriculum diverso per ogni profilo
    professionale per cui applicoLa risposta "giusta" e' 3)Prima conseguenza: il lavoro IT (gia' da tempo all'estero ma anche in Italia) sta diventando tale per cui il "tuttologo" e' pagato poco e non e' credibile. Meglio specializzarsi, puntare a competenze specifiche. Come? questo sta a ciascuno!Seconda conseguenza: quando cercate lavoro, provate a cercare qualcosa di specifico, con un curriculum (o piu' curricula) che mirano a rispondere a esigenze specifiche.Dichiarare di essere capaci a fare "tutto", dal WAN maintenance all'analisi di universi warehouse (giusto per citare due profili tecnici abbastanza agli antipodi nella filiera IT), necessariamente contribuira' ad abbassare il "costo" del vostro lavoro.Suggerimento "aggratis" di chi ha passato piu' di un decennio rimbalzando a destra e a manca ;-)cordialmentearzigogolo
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo
    HTML = Hyper Text Markup Language

    Come fai a dire che non è un
    linguaggio di programmazione? è un
    linguaggio di markup, cioè di
    "etichettatura", sicuramente non è un
    linguaggio procedurale, però se dai
    in pasto ad un browser HTML un sorgente in
    HTML ottieni un risultato, eccome se lo
    ottieni!!!No, non è così. Allora anche rtf è un linguaggio di programmazione? Apriti un documento rtf con un editor di solo testo e poi vedi. Anche rtf è fatto di marcatori.L'html non "esegue" niente, di per se'. E' un documento che viene interpretato.Cio' non vuol dire, però, che fare siti sia per tutti, e che il webmaster debba sempre essere visto come l'ultima ruota del carro... ne ho visti tanti di programmatori che ragionavano come quello di sopra, poi ti tirano fuori la pagina solo testo nero su sfondo bianco... e in fondo alla pagina campeggia trionfante: valid xhtml!E grazie al c***o! Lo fa anche mio cugino di 13 anni con il mozilla editor, perfettamente standard!Ma fare un bel sito graficamente, usabile, crossbrowser, non è così semplice e servono certi skills.Forse qualche programmatore con la puzza sotto il naso, tipo i gestionali vb, dovrebbero vedersi certi siti fatti solo con i css, per esempio, e ricredersi sul fatto che il webmaster sia una figura da due soldi.Ma, purtroppo siamo in Italia, e queste cose non vengono apprezzate.Bye, buon natale e buon anno a tutti :)
  • Anonimo scrive:
    Re: HTML

    HTML = Hyper Text Markup Language

    Come fai a dire che non è un
    linguaggio di programmazione?E' un linguaggio di descrizione di pagina, come ad esempio, a livello più complesso, PostScript. Però sempre linguaggio è, e se non è informatica, cos'è? Allevamento di cozze?
  • Anonimo scrive:
    Re: Le rendite di posizione...
    - Scritto da: Anonimo
    E poi scusa... vorresti far crescere i tuoi
    figli in un paese che arretra di giorno in
    giorno?Ma vuoi mettere con il mare che noi soli italiani abbiamo? e la nostra cultura? e i nostri antenati?Vuoi mettere?
    • Anonimo scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma vuoi mettere con il mare che noi soli
      italiani abbiamo? e la nostra cultura? e i
      nostri antenati?
      Vuoi mettere?E vogliamo parlare del sole che esiste solo in Italia e della pasta? :)Ecco uno dei nostri drammi... i luoghi comuni in cui siamo immersi...
  • Anonimo scrive:
    Re: vogliam parlare del mio colloquio
    - Scritto da: Anonimo
    semplice la solita interminabile richiesta
    di dati personali ( che ormai compilo come i
    moduli via web per le mail), e alla fine
    colloquio in teleconferenza, da un ignurant,
    che ho ripreso varie volte risultato:
    CI FAREMO SENTIREColloquio in videoconferenza? Mai sentito.Ti conviene registrare tutto, prova con www.snagit.com
  • Anonimo scrive:
    Re: società degli 'scartati troppo bravi
    - Scritto da: Anonimo
    Certo bisogna mettere fuorilegge
    l'intermediazione.Sarebbe proprio una buona idea.
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Il sistemista non è un
    informatico.

    punto

    Come non sono informatici quelli che credono
    che HTML sia un LINGUAGGIO DI
    PROGRAMMAZIONE, nonché gliHTML = Hyper Text Markup LanguageCome fai a dire che non è un linguaggio di programmazione? è un linguaggio di markup, cioè di "etichettatura", sicuramente non è un linguaggio procedurale, però se dai in pasto ad un browser HTML un sorgente in HTML ottieni un risultato, eccome se lo ottieni!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco un curriculum aprezzato
    - Scritto da: Anonimo
    dalla Grande Azienda tecnologicamente
    avanzata.
    www.sistemapiemonte.it/lavoro/borsa_lavoro_pi

    Ma la cosa che fa veramente impressione
    è che i capoccioni responsabili della
    Privacy di CSI ed i responsabili
    del sito probabilmente ritengono che questo
    sia il modo più corretto di tutelare
    i dati personali di coloro
    che cercano un lavoro.se vedi il mio confrontandolo a questo fai la standing ovation apprezzato ? ma questo non ha fatto davvero un c%%&o di realmente grosso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco un curriculum aprezzato
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      dalla Grande Azienda tecnologicamente

      avanzata.


      www.sistemapiemonte.it/lavoro/borsa_lavoro_pi



      Ma la cosa che fa veramente impressione

      è che i capoccioni responsabili
      della

      Privacy di CSI ed i responsabili

      del sito probabilmente ritengono che
      questo

      sia il modo più corretto di
      tutelare

      i dati personali di coloro

      che cercano un lavoro.

      se vedi il mio confrontandolo a questo fai
      la standing ovation
      apprezzato ? ma questo non ha fatto davvero
      un c%%&o di realmente grosso.sarà per questo che lavora in Alenia...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un curriculum aprezzato
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        - Scritto da: Anonimo


        dalla Grande Azienda
        tecnologicamente


        avanzata.





        www.sistemapiemonte.it/lavoro/borsa_lavoro_pi





        Ma la cosa che fa veramente
        impressione


        è che i capoccioni
        responsabili

        della


        Privacy di CSI ed i responsabili


        del sito probabilmente ritengono
        che

        questo


        sia il modo più corretto di

        tutelare


        i dati personali di coloro


        che cercano un lavoro.



        se vedi il mio confrontandolo a questo
        fai

        la standing ovation

        apprezzato ? ma questo non ha fatto
        davvero

        un c%%&o di realmente grosso.

        sarà per questo che lavora in
        Alenia...alenia? beh se non lavori almeno in cinque o sei aziende leader nel settore delle telecomunicazioni nell'arco almeno di uno o due anni, hai curriculum mediocre.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco un curriculum aprezzato
          - Scritto da: Anonimo
          alenia? beh se non lavori almeno in cinque
          o sei aziende leader nel settore delle
          telecomunicazioni nell'arco almeno di uno o
          due anni, hai curriculum mediocre.cinque o sei aziende leader nel settore nell'arco di uno/due anni? Ti cacciano a calci nel sedere ogni tre mesi?
  • Anonimo scrive:
    Ecco un curriculum aprezzato
    dalla Grande Azienda tecnologicamente avanzata.http://www.sistemapiemonte.it/lavoro/borsa_lavoro_piemonte/DettaglioCurriculum.do?numberCV=262&ramo=consultcurriculumMa la cosa che fa veramente impressione è che i capoccioni responsabili della Privacy di CSI ed i responsabili del sito probabilmente ritengono che questo sia il modo più corretto di tutelare i dati personali di coloro che cercano un lavoro.
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    Il sistemista non è un

    informatico.


    punto



    Come non sono informatici quelli che
    credono

    che HTML sia un LINGUAGGIO DI

    PROGRAMMAZIONE, nonché gli

    amministratori di sistemi, gli "esperti
    di

    sicurezza", i power users e tutte le
    altre

    figure cortigiane spuntate come funghi

    nell'ultimo decennio attorno ai PC e
    piccoli

    server SOHO.



    Informatico è solo e unicamente:

    a) Chi si occupa di scienza dei
    calcolatori

    dal punto di vista teorico. Algoritmica
    e

    complessità computazionale,

    matematica discreta, logica categoriale,

    modale, temporale, geometria
    computazionale,

    teoria dei linguaggi di programmazione,

    linguaggi formali ed altre branche
    primarie

    della computer science, il ramo della

    Matematica applicata che ha per oggetto
    i

    calcolatori nella loro totalità e

    generalità.



    b) Chi è operativamente in grado
    di

    PROGETTARE logicamente ed
    algoritmicamente,

    di realizzare e convalidare grandi

    implementazioni in veri linguaggi di

    programmazione (Assembly, C, C++,
    Eiffel,

    Ada, Prolog, CLOS, LISP, ML, ...) usando

    ANCHE (non prevalentemente !) linguaggi

    accessori e dialetti (P-scripting, 4GL,

    SQL...).



    c) Per estensione e convenzione invalsa

    nell'uso, senza perdita di

    generalità, è considerato

    "informatico" anche chi si occupa a
    livello

    organizzativo e tecnico dell'ingegneria
    del

    processo di produzione del software,

    dall'analisi al testing, secondo
    metodologie

    razionali e best practices convalidate

    (tipico di tutte le branche

    ingegneristiche). Taluni aggiungono al

    novero compiti tipici del progetto

    impiantistico, delle reti strutturate,
    del

    dimensionamento che afferiscono
    però

    ad un terreno grigio fortemente
    condiviso e

    sovrapposto tra le branche
    dell'ingegneria

    elettronica, TLC e più
    propriamente

    informatica.



    Tutti gli altri NON sono informatici,
    full

    stop.

    ben fatto io la manderei come posta a
    puntoinformatico
    perchè qui stiamo parlando da mesi di
    "informatici"
    senza aver chiarito come hai fatto tu cosa
    sia il vero informatico.
    Ci pensi tu a mandargliela?

    ciaosi mandagli anche una lettera con su scrittocome dire cazzate facendole passare per incredibili verita'volume 1 in regalo (Come vendere acqua colorata e farla passare per la panacea di tutti i mali)
    • Anonimo scrive:
      Re: tu un po' strz??
      Un commento spaventosamente costruttivo, perfettamente in linea con la produzione poltacea del 99% degli autorevoli commentatori di PI.Attendiamo con grande ansia di leggere le correzioni e le illuminate definizioni di "informatico" dovute a questo anonimo (ma evidentemente illustrissimo) maître à panser.
      • Anonimo scrive:
        Re: tu un po' strz??
        - Scritto da: Anonimo
        Un commento spaventosamente costruttivo,
        perfettamente in linea con la produzione
        poltacea del 99% degli autorevoli
        commentatori di PI.

        Attendiamo con grande ansia di leggere le
        correzioni e le illuminate definizioni di
        "informatico" dovute a questo anonimo (ma
        evidentemente illustrissimo) maître à
        panser.ah mi scusi dott prof ing de gran croce scusami, tu che sei un esimio rappresentante dell'informatica della costruzione dell'inutile passando per il futile, che sei un informatico che Turing o Ritchie ci illumini con questi pensieri aulici...Per gente come voi, ci sara' la costruzione di un algortimo workflow come passare il mocio longitudinalmente ad una stanza irregolare.
        • Anonimo scrive:
          Re: tu un po' strz??
          Bene, ecco un'altra manualistica dimostrazione di senso di inadeguatezza, impotenza e vuoto assoluto di argomentazioni.La domanda implicita è molto semplice, a portata perfino di un paramecio. L'informatico è solo ed unicamente chi è coinvolto professionalmente nello studio dei calcolatori e nel processo di creazione di software su specifica, di complessità minimamente interessante ?La risposta è sì, fine della questione. Chi non rientra nella definizione ha poco da strepitare.
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Il sistemista non è un
    informatico.

    punto

    Come non sono informatici quelli che credono
    che HTML sia un LINGUAGGIO DI
    PROGRAMMAZIONE, nonché gli
    amministratori di sistemi, gli "esperti di
    sicurezza", i power users e tutte le altre
    figure cortigiane spuntate come funghi
    nell'ultimo decennio attorno ai PC e piccoli
    server SOHO.

    Informatico è solo e unicamente:
    a) Chi si occupa di scienza dei calcolatori
    dal punto di vista teorico. Algoritmica e
    complessità computazionale,
    matematica discreta, logica categoriale,
    modale, temporale, geometria computazionale,
    teoria dei linguaggi di programmazione,
    linguaggi formali ed altre branche primarie
    della computer science, il ramo della
    Matematica applicata che ha per oggetto i
    calcolatori nella loro totalità e
    generalità.

    b) Chi è operativamente in grado di
    PROGETTARE logicamente ed algoritmicamente,
    di realizzare e convalidare grandi
    implementazioni in veri linguaggi di
    programmazione (Assembly, C, C++, Eiffel,
    Ada, Prolog, CLOS, LISP, ML, ...) usando
    ANCHE (non prevalentemente !) linguaggi
    accessori e dialetti (P-scripting, 4GL,
    SQL...).

    c) Per estensione e convenzione invalsa
    nell'uso, senza perdita di
    generalità, è considerato
    "informatico" anche chi si occupa a livello
    organizzativo e tecnico dell'ingegneria del
    processo di produzione del software,
    dall'analisi al testing, secondo metodologie
    razionali e best practices convalidate
    (tipico di tutte le branche
    ingegneristiche). Taluni aggiungono al
    novero compiti tipici del progetto
    impiantistico, delle reti strutturate, del
    dimensionamento che afferiscono però
    ad un terreno grigio fortemente condiviso e
    sovrapposto tra le branche dell'ingegneria
    elettronica, TLC e più propriamente
    informatica.

    Tutti gli altri NON sono informatici, full
    stop.ben fatto io la manderei come posta a puntoinformaticoperchè qui stiamo parlando da mesi di "informatici"senza aver chiarito come hai fatto tu cosa sia il vero informatico.Ci pensi tu a mandargliela?ciao
  • Anonimo scrive:
    Il problema sono le body rental/intermed
    e gli intermediaridiffidate di questi annunci«Il nostro cliente è un?affermata azienda che opera a livello internazionale nel settore della produzione e gestione di energia da fonti rinnovabili. Lo spiccato orientamento a creare valore per l'impresa e per i clienti, sviluppando il mercato dell'energia verde in Italia e all'estero, si concretizza in un impegno costante della Società per lo sviluppo della propria struttura. e dei propri mercati. In un ottica di potenziamento del.....»
  • Anonimo scrive:
    Re: ridicolo incentivo

    Per la precisione invitato ad andarmene con
    ridicolo incentivo.E tu "chiedi" un incentivo più sostanzioso. Ti servirà nei prossimi mesi a cercare un altro lavoro con calma e senza l'acqua alla gola.Non farti scrupoli a giocare sporco, loro non se ne sono fatti a farti il regalo di natale. Qualunque sia l'azienda in cui hai lavorato, nessuno è così in regola da non temere i sindacati, l'ispettorato del lavoro, la BSA, l'AIDS...Al limite estremo potresti fare come il protagonista di Fight Club. A colloquio col superiore, si prendeva a pugni da solo, si autoscaraventava in una vetrina e poi, tutto pesto, sottintendeva la minaccia di denunciarlo. : - )
  • Anonimo scrive:
    mah...
    secondo me ti sopravvaluti e forse è questo il tuo problema.
  • Anonimo scrive:
    Re: Quasi quasi

    Ci sto pensando da qualche tempo. Anche un
    mio amico ci sta pensando. Appena metto
    insieme un diecimila euro lo faccio. Appena
    trovo persone che siano "bravi quanto basta"
    nella commercializzazione e nelle pubbliche
    relazioni lo faccio. Appena sarò
    abbastanza stufo di lavorare per aziende il
    cui titolare non capisce un tubo lo faccio.
    Pure altri che nemmeno conosco ci pensano,
    magari a qualcuno daremo lavoro.Abbiamo un libero pensatore.
    Certo che no. Invece di selezionarli
    potreste trovarvi a scriverli.Mi sembrava di capire che i problemi li avevi tu.
    Magari a lamentarsi potrebbe essere qualcun
    altro.Non credo, sono sempre i presunti super che silamentano di essere degli incompresi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quasi quasi


      Ci sto pensando da qualche tempo.

      [omissis]

      magari a qualcuno daremo lavoro.
      Abbiamo un libero pensatore.Meglio libero che coatto. Anzi, meglio pensatore tout court.

      Certo che no. Invece di selezionarli

      potreste trovarvi a scriverli.
      Mi sembrava di capire che i problemi li
      avevi tu.Non sono lo stesso di cui sopra. Intendevo ipotizzare una situazione, non lontanissima, per cui in Italia le aziende chiudano come funghi, mentre la mia sarà altrove. Per questo mi servono diecimila euro.

      Magari a lamentarsi potrebbe essere

      qualcun altro.
      Non credo, sono sempre i presunti super che
      si lamentano di essere degli incompresi.E' quel che volevo dire.
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Anonimo
    Il sistemista non è un informatico.
    puntoCome non sono informatici quelli che credono che HTML sia un LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE, nonché gli amministratori di sistemi, gli "esperti di sicurezza", i power users e tutte le altre figure cortigiane spuntate come funghi nell'ultimo decennio attorno ai PC e piccoli server SOHO.Informatico è solo e unicamente:a) Chi si occupa di scienza dei calcolatori dal punto di vista teorico. Algoritmica e complessità computazionale, matematica discreta, logica categoriale, modale, temporale, geometria computazionale, teoria dei linguaggi di programmazione, linguaggi formali ed altre branche primarie della computer science, il ramo della Matematica applicata che ha per oggetto i calcolatori nella loro totalità e generalità.b) Chi è operativamente in grado di PROGETTARE logicamente ed algoritmicamente, di realizzare e convalidare grandi implementazioni in veri linguaggi di programmazione (Assembly, C, C++, Eiffel, Ada, Prolog, CLOS, LISP, ML, ...) usando ANCHE (non prevalentemente !) linguaggi accessori e dialetti (P-scripting, 4GL, SQL...). c) Per estensione e convenzione invalsa nell'uso, senza perdita di generalità, è considerato "informatico" anche chi si occupa a livello organizzativo e tecnico dell'ingegneria del processo di produzione del software, dall'analisi al testing, secondo metodologie razionali e best practices convalidate (tipico di tutte le branche ingegneristiche). Taluni aggiungono al novero compiti tipici del progetto impiantistico, delle reti strutturate, del dimensionamento che afferiscono però ad un terreno grigio fortemente condiviso e sovrapposto tra le branche dell'ingegneria elettronica, TLC e più propriamente informatica.Tutti gli altri NON sono informatici, full stop.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono stato licenziato ieri! Buon Nat
    - Scritto da: Anonimo
    Per la precisione invitato ad andarmene con
    ridicolo incentivo.
    Buon Natale a tutti eh!?! :Oddio che tristezza.Coraggio, passera' la nottata.La mia nottata e' durata svariati mesi, ma alla fine una specie di alba e' arrivata; ma e' rimasta un alba e il mezzogiorno non arriva mai.Hazetcloop@hotmail.com
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo lo scandalo: è giusto così
    - Scritto da: vb
    Come in tanti altri settori, però,
    l'informatica è una piramide: ogni
    3-4 sviluppatori junior ne serve uno senior
    che sia responsabile dell'architettura del
    codice e di correggere le stupidaggini dei
    junior, e ogni 3-4 senior serve una persona
    superskillata per fare grandi progetti o
    ricerca e sviluppo.Questi numeri sono molto sovrastimati. Diciamo che occorre un pezzo valido (over35, minimo 10 anni di azienda, esperienza significativa maturata già negli anni '80, laurea classica in scienze MFCN o ingegneria o cultura equivalente) ogni 15-20 manovali informatici. Per i mostri sacri onniscienti, di solito uno per ogni divisione aziendale basta e avanza, anche perché non si possono mettere due primedonne sullo stesso palcoscenico. Anche dove si fa ricerca di base hard e ce ne vogliono (ce ne vorrebbero...) a dozzine, bisogna tenerli ben separati e isolati, altrimenti al primo accenno di conflitto si azzannano come checche isteriche nel pieno di una crisi di nervi e non rendono più una strasegaccia di nulla per mesi. Essendo più rari dei panda e più costosi dei Fabergé, è anche vero che non si fa fatica a tenere bassi i numeri, anche nelle multinazionali del calibro di IBM o Philips.
    Non vedo quindi lo scandalo se una azienda a
    cui serve uno sviluppatore junior da pagare
    20-25k euro annui non è interessata
    ad assumere uno sviluppatore senior che
    (giustamente) ne vorrebbe 40.Per chi ha bisogno dei sottotitoli, 25k euro è il COSTO per l'azienda, cioè i soldoni che se ne vanno. Per il fatto che meno della metà di quei soldi vada poi in tasca al dipendente, chiedete spiegazioni ai sindacati e al loro corporativismo del c@zzo che appesta l'italia da 50 anni a questa parte.
    Nè capisco in base a quale principio
    una azienda dovrebbe prendere una persona
    senior che si presenta al colloquio se non
    le serve... è come se una squadra di
    calcio acquistasse tutti i centravanti che
    le si presentano: una volta che ne hai uno,
    massimo due, gli altri non ti servono
    più, mentre continui ad assumere
    centrocampisti e difensori.Questa è la parte più divertente del ragionamento, condotto ottusamente sempre dalla parte del singolo e mai nella logica dell'azienda. Ammesso e non concesso che uno abbia i controcoglioni e scriva i suoi eseguibili improvvisando il codice in hex direttamente su "COPY CON
    myprog.com", che diavolo ci farebbe uno così in una merdosissima aziendina di "sviluppo soluzioni web" (90% delle imprese ICT italiane e 99.9% delle aziende ICT nate all'ultimora, meno di 10 anni fa) ?
  • Anonimo scrive:
    Re: società degli 'scartati troppo bravi

    Certo bisogna mettere fuorilegge
    l'intermediazione.Quoto questo !.Hazet
  • staicalmo scrive:
    Re: Tu sei pazzo!
    - Scritto da: Anonimo
    Io ci tengo a sottolineare sempre e ovunque
    quello che so fare, perche' ho imparato a
    farlo e mi e' costata fatica impararlo.
    E quello che non so fare, so di poterlo
    imparare, e lo dico, e lo faccio presente.

    "Datemi un manuale e un paio di giorni che
    poi ve lo insegno io come funziona questo!"

    E ho sempre trovato porte aperte, e ho
    sempre avuto incarichi da "Misson:
    impossible"

    Di gente che sa pigiare i tastini su una
    tastiera se ne trova ovunque.
    Ma di gente che deve organizzare un
    database, valutare colli di bottiglia in
    flussi di dati sotto situazioni critiche,
    rivedere flussi opertativi per determinare
    quali sono i punti deboli e intervenire con
    opportune correzioni, far parlare tra di
    loro macchine diverse con sistemi diversi e
    dati con strutture diverse, non si trovano
    cosi' facilmente.
    fico! mi piace! quasi quasi me lo copio e lo metto nella mia lettera di presentazione, posso? :)
  • Anonimo scrive:
    Re: tu un po' strz??
    - Scritto da: Elwood_

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Elwood_





    - Scritto da: Anonimo



    sicuri di essere tutti cosi'
    bravi?







    io problemi di gente troppo
    brava

    non


    ne ho



    mai avuti. ne in sede di
    colloquio

    ne


    dopo.







    problemi con informatici
    sciatti,





    sciatti ma cos'e' sti informatici
    devono


    amministrare server


    o andare a fare la sfilata di
    armani?





    e gia' la dice lunga sulla tua

    "competenza"


    tecnica, se credi che il
    professionista

    sia


    in giacca e cravatta tu sei uno di

    quelli


    che invece di selezionare personale

    dovresti


    selezionare pummidori al piu'
    vicino

    centro


    rionale.






    disorganizzati e capre un
    sacco...








    Io invece di imbecilli ben vestiti
    che

    non


    sapevano la differenza tra un raid
    5 e

    un


    raid 1 e che non conoscevano la

    differenza


    tra chmod e umask ne ho visti a

    bizzeffe,






    e sto a milano, minca nel

    congobelga:|





    magari fossi nel congobelga se non

    altro ci


    saremmo risparmiato uno dei tanti
    come

    te


    che si ingrassano a spese e a
    conoscenze


    degli sciatti sporchi bravi

    informatici...



    Sistemista non informatico

    ah vero il sistemista e' molto piu' di un
    informatico
    scusa :DIl sistemista non è un informatico. punto
  • Elwood_ scrive:
    la legge del pollaio e i nuovi spartacus
    c'e' poco da dire, la lettera e le risposte come al solito riflettono l'orrore della situazione odiera:consulenti dei consulenti dei consulenti dei consulenti presso azienda.Semi-aziende che vendono fumo e professionalita' altrui e che in realta' prima avevano una prosciutteria del frosinate.Cacciatori di teste con la faccia come il cu... che cercano di avere tutto senza pagare niente.E tu bravo o no, smanettone o no, da solo, senza supporto e aiuto a risolvere rebus tecnici, pensati dalla fervide menti di qualche figlio di papa' o di mignocca, che del settore IT non sanno niente.Mi dispiace per l'autore della lettera, ma caro mio qui bisogna che ci svegliamo tutti.Cominciamo a scartare le richieste di lavoro di aziende che non hanno nemmeno il sito, controlliamo sul nic a chi e' intestato il dominio (se privato o azienda che lì gia' dice tutto)Dai forza ma se non sappiamo noi attraverso la rete che tizio hai di fronte, beh chi lo puo' fare.Ma posso capire che e' difficile per chi inizia, capire che esiste la legge della scala del pollaio, piu' in basso si va e piu' cacca uno vede sulle scale, perche' le galline razzolano sempre in basso.Il curriculum mirato alle aziende informatiche, e' una soluzione, non la migliore, ma la piu' umana.Non perdiamo tempo, con chi vende esclusivamente la tua esperienza senza un minimo di clienti e senza una struttura organizzata, bisogna uscire di corsa, quando si vedono questi monolocali raffazzonati con l'acqua che gli cade dal soffitto.Ma come ci fanno una capoccia così per la presentabilita' nostra, cominciamo anche noi a guardare la presentabilita' della azienda.Poi lo so, e' dura, ma ragioniamo in positivo, non sono loro che devono decidere se lavorerai con loro, ma tu se ci vuoi lavorare.e ricordati nel pollaio, piu' l'azienda che fa richiesta e' in un livello di subbappalto basso e piu' ti trovi al gradino piu' basso della scala del pollaio.Buon NataleElwood_
  • Diablo scrive:
    Re: Non vedo lo scandalo: è giusto così
    su che pianeta scusa?la realtà è ben diversa da come la descrivi, informati.
  • Elwood_ scrive:
    Re: Ridicolo mica tanto
    - Scritto da: Anonimo

    Ridicolo. Ho una laurea in Informatica presa
    con il massimo dei voti un anno e mezzo fa
    (a 24 anni). In più lavoravo
    già da due anni e mezzo compresi 9
    mesi all'estero.

    Non credo proprio di essere scarsamente
    qualificato.

    Eppure ho iniziato un nuovo lavoro giusto
    due mesi fa.

    E' vero, ho dovuto cercare tanto per
    cambiare lavoro, ma semplicemente non ho
    risposto ad annunci poco seri.

    afeehhhh magari tutti ragionassero come te, cominciassero a mandare i propri cv ad aziende direttamente, non al primo fe..eh al primo inserzionista che capita, questi avrebbero chiuso da tempo.Il problema e che non esiste un passa parola una specie di "cialtroni's watch" che dia indicazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ridicolo mica tanto

      Il problema e che non esiste un passa parola
      una specie di "cialtroni's watch" che dia
      indicazioni.Azz .. Bell .. Perchè non facciamo un sito, con un servizio a pagamento che si occupi di filtrare i cialtroni?
      • Anonimo scrive:
        Re: Cialtroni


        Il problema e che non esiste un passa

        parola

        una specie di "cialtroni's watch" che

        dia indicazioni.
        Perchè non facciamo un sito, con un
        servizio a pagamento che si occupi di
        filtrare i cialtroni?Che bello, ne avrei da segnalare almeno tre. Solo che scrivere su un sito "tizio mi ha fregato", "caio mi ha truffato" si chiama diffamazione, indipendentemente dall'essere o meno verità.
  • Anonimo scrive:
    Re: un altro
    - Scritto da: Anonimo
    Se parti dal principio che se hai un
    curriculum
    importante devono deciderlo gli altri e non
    te
    stesso ti troverai sicuramente meglio.se tu non sei capace a capire quanto vali, e' bene che non lavori proprio, perche' se ti lasci giudicare dagli altri, varrai sempre meno di quello che cercano e con uno stipendio richiesto sempre troppo altro.sei tu che devi capire quanto vali.Per favore questa falsa catechizzazione per i fessi, tientela per te che e' meglio
  • Anonimo scrive:
    Re: A me è successo ieri !!!
    - Scritto da: The Raptus
    Anzi,perdonatemi perchè era
    Lunedì!
    Come consulente non contattanto quanti anni
    hai ma cosa costi. Allora dopo aver sbragato
    il mio prezzo all'inverosimile perchè
    devo mangiare, ancora non sapevo se il2
    gennaio avrei lavorato ...
    Bene, ho contattato il cacciatore di teste
    (che conosco da 25 anni ... è mio
    cognato!) che mi ha presentato a
    quell'azineda:
    Bene: scartatoperchè troppo
    qualificato.

    ... Se volete ho molti molti altri esempi,
    non è la prima volta.
    So che non è facile crederci, ma ...
    è così!


    Buon Natale a tutti!

    Massimo alias The Raptus!Stranamente le aziende preferiscono assumerepersonale adeguato alle proprie necessità e non tuttipresunti superesperti. Non sto a spiegarti il perchèin quanto certe cose o si capiscono da soli o è tempoperso.
    • Anonimo scrive:
      Re: A me è successo ieri !!!


      Massimo alias The Raptus!
      Stranamente le aziende preferiscono assumere
      personale adeguato alle proprie
      necessità e non tutti
      presunti superesperti. Non sto a spiegarti
      il perchè
      in quanto certe cose o si capiscono da soli
      o è tempo
      perso. Stranamente le persone adeguate alle necessità sono sempre quelle che: sanno fare un po' di tutto, sono disposte a sbattersi ma soprattutto COSTINO POCOOO!!!!!!!Ingenuot 2001
      • Anonimo scrive:
        Re: A me è successo ieri !!!

        Stranamente le persone adeguate alle
        necessità sono sempre quelle che:
        sanno fare un po' di tutto, sono disposte a
        sbattersi ma soprattutto COSTINO
        POCOOO!!!!!!!

        Ingenuot 2001 Si, contrariamente a te che non guardi alcartellino del prezzo gli altri ci guardano eccomeaziende comprese.
    • The Raptus scrive:
      Re: A me è successo ieri !!!
      ... Sono stato troppo sintetico, avevo pochissimi secondi e ci tenevo a dire la mia. Ed ho anche scritto molto male!La persona che dovevo affiancare se l'è fatta sotto. Consulente anche questa, ha pensato che qualcuno che sa di più poteva ledere la sua leadership, quindi ...Inoltre ho detto che ho sbragato il prezzo. Tu che fai se trovi una maserati al prezzo di un'alfa (... non sono una maserati, credimi !)
  • Elwood_ scrive:
    Re: Non vedo lo scandalo: è giusto così

    Non vedo quindi lo scandalo se una azienda a
    cui serve uno sviluppatore junior da pagare
    20-25k euro annui non è interessata
    ad assumere uno sviluppatore senior che
    (giustamente) ne vorrebbe 40.lo scandalo e' che magari ci si arrivasse ai 20-25k l'annoaltro che 40k...qui c'e' gente che non arriva nemmeno hai 12k euro l'annoe ma lo so e' difficile capirlo da una poltrona di pelle all'ultimo piano
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vedo lo scandalo: è giusto così
      - Scritto da: Elwood_



      Non vedo quindi lo scandalo se una
      azienda a

      cui serve uno sviluppatore junior da
      pagare

      20-25k euro annui non è
      interessata

      ad assumere uno sviluppatore senior che

      (giustamente) ne vorrebbe 40.

      lo scandalo e' che magari ci si arrivasse ai
      20-25k l'anno
      altro che 40k...
      qui c'e' gente che non arriva nemmeno hai
      12k euro l'anno
      e ma lo so e' difficile capirlo da una
      poltrona di pelle all'ultimo piano
      Bravo ben detto ,io sono uno di quelli!
  • Anonimo scrive:
    Re: mitico
    ... più che interessante, mitico!
  • vb scrive:
    Non vedo lo scandalo: è giusto così
    Capisco il disappunto, ma mi sembra che ci sia un fatto semplice semplice che molti informatici non capiscono.Quando cominci a lavorare, sei un ragazzo volenteroso che di norma sa poco o nulla (visto anche il livello di istruzione pratica delle nostre università). Quindi costi poco, rendi poco, ma se ti sbatti l'azienda ti apprezza e tu puoi crescere in fretta, sia in termini di competenza che di responsabilità che di stipendio.Come in tanti altri settori, però, l'informatica è una piramide: ogni 3-4 sviluppatori junior ne serve uno senior che sia responsabile dell'architettura del codice e di correggere le stupidaggini dei junior, e ogni 3-4 senior serve una persona superskillata per fare grandi progetti o ricerca e sviluppo.Quindi è del tutto logico che soltanto un informatico su 10, dopo dieci anni di carriera, faccia ancora l'informatico e continui a crescere in termini di stipendi e inquadramento. Gli altri o si fermano ai livelli precedenti e accettano gli stessi stipendi delle persone con meno esperienza, o vanno a fare qualcos'altro - tipicamente il project manager o comunque un lavoro dove l'esperienza (di vita aziendale, non di smanettamento su tastiera) possa fare la differenza.Non vedo quindi lo scandalo se una azienda a cui serve uno sviluppatore junior da pagare 20-25k euro annui non è interessata ad assumere uno sviluppatore senior che (giustamente) ne vorrebbe 40.Nè capisco in base a quale principio una azienda dovrebbe prendere una persona senior che si presenta al colloquio se non le serve... è come se una squadra di calcio acquistasse tutti i centravanti che le si presentano: una volta che ne hai uno, massimo due, gli altri non ti servono più, mentre continui ad assumere centrocampisti e difensori.Se mai, mi sembrerebbe il caso che lo sviluppatore senior si facesse qualche domanda sulle proprie scelte di carriera e su quanto corrispondano davvero alle richieste del mercato!
  • Anonimo scrive:
    tutti bravi?
    sicuri di essere tutti cosi' bravi?io problemi di gente troppo brava non ne ho mai avuti. ne in sede di colloquio ne dopo.problemi con informatici sciatti, disorganizzati e capre un sacco...e sto a milano, minca nel congobelga:|
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti bravi?
      - Scritto da: Anonimo

      e sto a milano, minca nel congobelga:|proprio perchè stai a milano che sono tutti come Alien
    • Elwood_ scrive:
      Re: tu un po' strz??
      - Scritto da: Anonimo
      sicuri di essere tutti cosi' bravi?

      io problemi di gente troppo brava non ne ho
      mai avuti. ne in sede di colloquio ne dopo.

      problemi con informatici sciatti,sciatti ma cos'e' sti informatici devono amministrare servero andare a fare la sfilata di armani?e gia' la dice lunga sulla tua "competenza" tecnica, se credi che il professionista sia in giacca e cravatta tu sei uno di quelli che invece di selezionare personale dovresti selezionare pummidori al piu' vicino centro rionale.
      disorganizzati e capre un sacco...Io invece di imbecilli ben vestiti che non sapevano la differenza tra un raid 5 e un raid 1 e che non conoscevano la differenza tra chmod e umask ne ho visti a bizzeffe,
      e sto a milano, minca nel congobelga:|magari fossi nel congobelga se non altro ci saremmo risparmiato uno dei tanti come te che si ingrassano a spese e a conoscenze degli sciatti sporchi bravi informatici...
      • Anonimo scrive:
        Re: tu un po' strz??
        - Scritto da: Elwood_

        - Scritto da: Anonimo

        sicuri di essere tutti cosi' bravi?



        io problemi di gente troppo brava non
        ne ho

        mai avuti. ne in sede di colloquio ne
        dopo.



        problemi con informatici sciatti,

        sciatti ma cos'e' sti informatici devono
        amministrare server
        o andare a fare la sfilata di armani?

        e gia' la dice lunga sulla tua "competenza"
        tecnica, se credi che il professionista sia
        in giacca e cravatta tu sei uno di quelli
        che invece di selezionare personale dovresti
        selezionare pummidori al piu' vicino centro
        rionale.


        disorganizzati e capre un sacco...


        Io invece di imbecilli ben vestiti che non
        sapevano la differenza tra un raid 5 e un
        raid 1 e che non conoscevano la differenza
        tra chmod e umask ne ho visti a bizzeffe,


        e sto a milano, minca nel congobelga:|

        magari fossi nel congobelga se non altro ci
        saremmo risparmiato uno dei tanti come te
        che si ingrassano a spese e a conoscenze
        degli sciatti sporchi bravi informatici...Sistemista non informatico
        • Elwood_ scrive:
          Re: tu un po' strz??
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Elwood_



          - Scritto da: Anonimo


          sicuri di essere tutti cosi' bravi?





          io problemi di gente troppo brava
          non

          ne ho


          mai avuti. ne in sede di colloquio
          ne

          dopo.





          problemi con informatici sciatti,



          sciatti ma cos'e' sti informatici devono

          amministrare server

          o andare a fare la sfilata di armani?



          e gia' la dice lunga sulla tua
          "competenza"

          tecnica, se credi che il professionista
          sia

          in giacca e cravatta tu sei uno di
          quelli

          che invece di selezionare personale
          dovresti

          selezionare pummidori al piu' vicino
          centro

          rionale.




          disorganizzati e capre un sacco...





          Io invece di imbecilli ben vestiti che
          non

          sapevano la differenza tra un raid 5 e
          un

          raid 1 e che non conoscevano la
          differenza

          tra chmod e umask ne ho visti a
          bizzeffe,




          e sto a milano, minca nel
          congobelga:|



          magari fossi nel congobelga se non
          altro ci

          saremmo risparmiato uno dei tanti come
          te

          che si ingrassano a spese e a conoscenze

          degli sciatti sporchi bravi
          informatici...

          Sistemista non informaticoah vero il sistemista e' molto piu' di un informaticoscusa :D
      • Anonimo scrive:
        elwood povero sfortunato
        - Scritto da: Elwood_

        - Scritto da: Anonimo

        sicuri di essere tutti cosi' bravi?



        io problemi di gente troppo brava non
        ne ho

        mai avuti. ne in sede di colloquio ne
        dopo.



        problemi con informatici sciatti,

        sciatti ma cos'e' sti informatici devono
        amministrare server
        o andare a fare la sfilata di armani?

        e gia' la dice lunga sulla tua "competenza"
        tecnica, se credi che il professionista sia
        in giacca e cravatta tu sei uno di quelli
        che invece di selezionare personale dovresti
        selezionare pummidori al piu' vicino centro
        rionale.6 tanto ma proprio tanto sfortunato. e incapace di cogliere il senso di quello che si scrive. e cosi' in effetti non fai altro che confermare il primo post. in questo contesto sciatto non si riferiva ovviamente al modo di vestire (da noi giacca e cravatta nn si usano se non in casi eccezionali) ma era legato al concetto di disorganizzati, disordinati, e incapaci di comprendere che hanno a che fare con persone diverse, che non hanno competenze informatiche e alle quali vanno quindi dati servizi affidabili e comprensibili.tornando a te, ti assicuro comunque che non mi vergognerei a selezionare pomodori, invece che informatici incapaci come presumo tu sia, probabilmente avrei anche meno arrabbiature... purtroppo nn sempre si puo' scegliere...:p


        disorganizzati e capre un sacco...


        Io invece di imbecilli ben vestiti che non
        sapevano la differenza tra un raid 5 e un
        raid 1 e che non conoscevano la differenza
        tra chmod e umask ne ho visti a bizzeffe, a riguardo anche di presunti informatici... ne potrei raccontare a non finire... e senza insultare.


        e sto a milano, minca nel congobelga:|

        magari fossi nel congobelga se non altro ci
        saremmo risparmiato uno dei tanti come te
        che si ingrassano a spese e a conoscenze
        degli sciatti sporchi bravi informatici...con gente come te non si ingrassa... sai come si dice... CAVAR SANGUE DALLE RAPE... e' poco fruttuoso
  • Anonimo scrive:
    Re: società degli 'scartati troppo bravi
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    non è colpa nostra se le ditte

    informatiche sono

    delle ciofeche.

    certo certo... è sempre colpa loro no?si come no la colpa va data sempre e comunquea l'ultima ruota del carro....
    mio nonno diceva "l'erba voglio non cresce
    neanche nel giardino del re"allora vai agli istituti professionali e spiega ai ragazzini di 16 anni che il lavoro come informatico in italia non esistenon è giusto sparare cazzate a questi poveri pargolie sfruttarli a dovere....io non cerco l'erba voglio mi hanno detto che l'erba voglio stava in questo settore...
    ecco, la soluzione l'hai trovata da solo.ma certo io posso permettermelo perchè sono ancoragiovane,pensa un po ad un povero ingegnere di 40 anni con famiglia a carico....
  • Anonimo scrive:
    Re: società degli 'scartati troppo bravi
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    non è colpa nostra se le ditte

    informatiche sono

    delle ciofeche.

    certo certo... è sempre colpa loro no?
    Certo bisogna mettere fuorilegge l'intermediazione.

    perchè con tutto il rispetto non

    studiavo e andavo

    a fare il barista dove per inteso prende

    2.200 EU al mese mance escluse.....

    ecco, la soluzione l'hai trovata da solo.Ah si?Allora che cavolo diciamo ai giovani di studiare?Tanto verranno tutti a lavorare al tuo bar....Roby
  • Anonimo scrive:
    Re: Dipende da molti fattori....
    Lo scenario italiano é terribile per gli informatici: gli eccessi di competenza sono la cosa più pericolosa... Io infatti, al termine degli studi, smetterò di lavorare quì: vado all'estero.Meglio ricominciare da 0 dove hai prospettive... che quì dove non ce ne sono.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dipende da molti fattori....
      - Scritto da: Anonimo
      Lo scenario italiano é terribile per
      gli informatici: gli eccessi di competenza
      sono la cosa più pericolosa...
      Io infatti, al termine degli studi,
      smetterò di lavorare quì: vado
      all'estero.
      Meglio ricominciare da 0 dove hai
      prospettive... che quì dove non ce ne
      sono.Se continua così fra un paio di anni l'italia saràuna landa desertica. Non dimenticare di mandareuna cartolina altrimenti qualcuno potrebbe, ingiustamente,pensare che fra il dire e il fare...
  • Diablo scrive:
    Re: Linux è l'arma
    ma siccome l'italia è fatta dalla PMI i pc in rete quando sono 10 sono già tanti e il mio ragionamento, come già avevi capito, è proprio su questa tipologia di cliente.Ovviamente se tu vivi in una grande città il tuo discorso va bene ma altrove non vale.Non si può andare a dire di investire tempo e soldi per impare Linux quando non serve ad avere un ritorno economico, non essendoci la clientela giusta. Mi sta bene conoscerlo ma non ivestirci + di tanto tempo.L'idraulico non se ne fa proprio niente di linux, vuole windows, collegarci la fotocamera e vedersi i dvd punto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Me pare 'na..........
    - Scritto da: Anonimo
    1) motivazione economica (la piu' gettonata)
    se sai lavorare bene ed hai una buona rosa
    ...
    2) motivazione apertura nuova filiale
    all'estero (tipico di chi delocalizza o sta
    ...
    3) motivazione contrattuale (quella che sega
    di solito le gambe a chi ha dai 30 anni in
    ...
    4) motivazione professionale (quella che ti
    fa riflettere sul paese in cui vivi e dove
    vorresti lavorare)
    ...
    5) paura della dipendenza da dipendente
    (tipico delle pmi)
    ...
    6) motivazione fiscale (tipico del nord est
    che produce)Allora, le cose stanno cosi': TU devi trovare un lavoro, non il contrario.La logica è semplice, se lavoro ce n'è potrai fare tanti soldini come è giusto che sia per la tua qualifica, se non ce n'è (com'è oggi) le società non possono permettersi di pagare stipendi per persone super specializzate per fare le poche cose che ancora il mercato richiede.Vuoi continuare a lavorare? Svenditi e magari trova un lavoretto alternativo.Altrimenti puoi andare pure andare in polonia, oppure cambiare lavoro.
  • Anonimo scrive:
    Finchè non ci sarà la vera crisi
    e per vera crisi intendo qualcosa tipo Argentinaallora si che gli squali/raccomandati faranno una brutta fine
    • Anonimo scrive:
      Re: Finchè non ci sarà la vera crisi
      - Scritto da: Anonimo
      e per vera crisi intendo qualcosa tipo
      Argentina
      allora si che gli squali/raccomandati
      faranno una brutta fineGuarda che non hai capito per niente come funziona il mondo.L'effetto della crisi Argentina-like verso cui stiamo andando sarà:1) raccomandati che aggiungono nuovo potere contrattuale a quello che già avevano2) squali che mordono con più facilitàperchè? Perchè gli schiavi dovranno rispondere ai morsi della fame, mentre squali e raccomandati potranno fare affidamento sul gruzzoletto messo da parte sfruttando gli altri e saranno in posizione di forza anche maggiore.Certo qualcuno dei gironi più bassi finirà in mezzo alla strada, ma un po' di carità cristiana a quel punto non gli mancherà, e quindi passeranno semplicemente tra gli schiavi. Tutte storie già viste, basta studiare le tante crisi che si sono susseguite negli ultimi anni, dal Far-East al Messico all'Argentina.Sveglia!
      • Anonimo scrive:
        Re: Finchè non ci sarà la vera crisi
        percheee L'ARGENTINA E' QUIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII:)
      • Anonimo scrive:
        Re: Finchè non ci sarà la vera crisi
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        e per vera crisi intendo qualcosa tipo

        Argentina

        allora si che gli squali/raccomandati

        faranno una brutta fine

        Guarda che non hai capito per niente come
        funziona il mondo.
        L'effetto della crisi Argentina-like verso
        cui stiamo andando sarà:
        1) raccomandati che aggiungono nuovo potere
        contrattuale a quello che già avevano
        2) squali che mordono con più
        facilità

        perchè? Perchè gli schiavi
        dovranno rispondere ai morsi della fame,
        mentre squali e raccomandati potranno fare
        affidamento sul gruzzoletto messo da parte
        sfruttando gli altri e saranno in posizione
        di forza anche maggiore.
        Certo qualcuno dei gironi più bassi
        finirà in mezzo alla strada, ma un
        po' di carità cristiana a quel punto
        non gli mancherà, e quindi passeranno
        semplicemente tra gli schiavi. Tutte storie
        già viste, basta studiare le tante
        crisi che si sono susseguite negli ultimi
        anni, dal Far-East al Messico all'Argentina.

        Sveglia!Con una crisi simil-Argentina gli "squali" non avranno prede da mordere....
  • Anonimo scrive:
    Re: A me è successo ieri !!!
    Non è che ti hanno scartato perchè sai a mala pena scrivere?
    • The Raptus scrive:
      Re: A me è successo ieri !!!
      .. è Natale, non ce la fai ad essere meno sarcastico?Avevo pochissimi minuti, ed il collega che aveva bisogno del suo computer.Va meglio così?Auguri!
  • Anonimo scrive:
    società degli 'scartati troppo bravi'
    perchè tutti voi 'scartati per troppe competenze' non vi mettete in società?Vi fareste il più bel regalo di natale, e lo fareste anche a noi che non avremo più l'imbarazzo della selezione dei curriculum.La S.D.T srl. 'società dei troppobbravi' sicuramente sbaraglierà la concorrenza in meno di un anno.Ma forse trovereste il modo di lamentarvi lo stesso.auguri
    • Anonimo scrive:
      Re: società degli 'scartati troppo bravi
      - Scritto da: Anonimo
      perchè tutti voi 'scartati per troppe
      competenze' non vi mettete in
      società?non siamo degli scartati siamo gentecon nome e cognome, anonimi che ogni annoperdono il lavoro per colpa di titolari di aziendepiu prossime al fallimento che profitti veri....non è colpa nostra se le ditte informatiche sonodelle ciofeche.si parlava tanto di albi informatici,bene facciamo un bell'albo delle aziende che assumono a prezziequi e solidali e mandiamo la finanza a far chiuderetutti i rabbattini che sfruttano i dipendenti in neroo non ti pagano lo stipendio di natale.....io ho studiato per fare il programmatore e voglioprendere come minimo 2000 EU al mese ancheperchè con tutto il rispetto non studiavo e andavoa fare il barista dove per inteso prende 2.200 EU al mese mance escluse.....
      auguri
      • Anonimo scrive:
        Re: società degli 'scartati troppo bravi
        - Scritto da: Anonimo
        non è colpa nostra se le ditte
        informatiche sono
        delle ciofeche.certo certo... è sempre colpa loro no?
        io ho studiato per fare il programmatore e
        voglio
        prendere come minimo 2000 EU al mese anchemio nonno diceva "l'erba voglio non cresce neanche nel giardino del re"
        perchè con tutto il rispetto non
        studiavo e andavo
        a fare il barista dove per inteso prende
        2.200 EU al mese mance escluse.....ecco, la soluzione l'hai trovata da solo.
      • Anonimo scrive:
        Re: società degli 'scartati troppo bravi
        - Scritto da: Anonimo
        a fare il barista dove per inteso prende
        2.200 EU al mese mance escluse.....O porca puttana do vi trova questo bar ?dimmelo che mi licenzio subito :)Programmatore senior 1800 al mese

        auguriauguri
    • Anonimo scrive:
      Re: Quasi quasi

      perchè [...] non vi mettete in società?Perché tipicamente un ex primo della classe che abbia studiato da programmatore, analista, grafico, tecnico multimediale, fisico teorico, matematico o che so che altro trova irrazionali e insormontabili le difficoltà burocratiche implicite nell'amministrazione di un'azienda.Ci sto pensando da qualche tempo. Anche un mio amico ci sta pensando. Appena metto insieme un diecimila euro lo faccio. Appena trovo persone che siano "bravi quanto basta" nella commercializzazione e nelle pubbliche relazioni lo faccio. Appena sarò abbastanza stufo di lavorare per aziende il cui titolare non capisce un tubo lo faccio.Pure altri che nemmeno conosco ci pensano, magari a qualcuno daremo lavoro.
      non avremo più l'imbarazzo
      della selezione dei curriculum.Certo che no. Invece di selezionarli potreste trovarvi a scriverli.
      Ma forse trovereste il modo di lamentarvi lo
      stesso.Magari a lamentarsi potrebbe essere qualcun altro.W i bravi.
  • Anonimo scrive:
    Re: La solita minchiata
    - Scritto da: Anonimo
    Quando le cose andavano bene anche chi aveva
    scarse conoscenze lavorava e veniva pagato
    bene.
    Adesso semplicemente il mercato si è
    ristretto di molto.
    Ti senti sfruttato, sottopagato? allora vai
    dove il mercato è più
    fiorente, è infantile pretendere
    quello che non è possibile dare.
    Poi è assolutamente grottesca la
    scusa che non si è presi
    perchè bravi, nell'ottica di
    un'azienda di consulenza uno bravo è
    possibile reimpiegarlo su altre
    attività, una volta terminata quella
    corrente, chi fa prodotti invece sicuramente
    preferisce meno bachi nel codice.
    L'unico e solo motivo è nelle
    condizioni economiche richieste, la pretesa
    di essere al di fuori della crisi attuale,
    solo perchè informatici bravi,
    è ridicola.Ma quale crisi vai cianciando? Ricominciano ad apparire come i funghi in un giorno di pioggia tutti gli intermediari che c'erano prima della crisi caro cacciatore di teste a sta storiella non comincia a crederci piu' nessuno
    • Anonimo scrive:
      Re: La solita minchiata
      Cacciatore di teste???Comunque guarda la risposta è la stessa, non ti sta bene? vai pure altrove o fai altro.Oppure, visto che sei così furbo ed informato, proponiti tu direttamente, chi è veramente un professionista ci riesce, la lagna che il mondo è cattivo e che tutti approfittano di te è patetica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Scavalcare gli intermediari
    - Scritto da: Anonimo
    I clienti non si rivolgono a chi non
    conoscono.
    Parlo di clienti grandi, quelli che pagano a
    sufficienza; lavorare nell' IT per aziende
    medio/piccole e' una cosa che non ho mai
    fatto, ma la vedo molto dura che riescano a
    pagare uguale o di piu' di quello che paga
    una grande azienda.
    Nella maggior parte dei casi, poi, i
    quadri/dirigenti che necessitano di
    consulenti si fanno corrompere da queste
    aziende di intermediazione, intascando una
    percentuale (in nero) per ogni giorno
    lavorato dall'intermediato. Spesso ci
    guadagnano di piu' che dallo stipendio
    stesso.
    Ecco perche' le grandi aziende sono disposte
    a pagare costi, che appaiono spropositati,
    agli intermediari: si parte dai 500 euro al
    giorno in su: in media l'intermediato prende
    200 euro al giorno, i restanti 300 e passa
    rimangono nelle mani del mediatore.
    L'accordo nascosto che soggiace tra i
    clienti e gli intermediari fa in modo che tu
    non possa proporti direttamente al cliente:
    che vantaggi (tangibili) avrebbe il cliente
    a rivolgersi ad una societa' di
    intermediazione, piuttosto che ad un'altra ?A me sembra la foto piu' fedele della realta' fatta in questa discussione.E parlo per esperienza personale...Roby
  • Anonimo scrive:
    Re: La solita lagna
    sbagliato, nell'ottica della cosulenza uno bravo si fa conoscere dai clienti a cui lo mandi, poi si licenzia e si presenta come libero professionista.... ed HA RAGIONE!!!Lo farei anch'io, infatti non mi mandano dai clienti, mi tengono a casa a mettere le pezze ai buchi di chi va in giro, così non posso scappare
  • Anonimo scrive:
    Re: Giovani! il lavoro e' un mercato!
    -
    Quando cerco lavoro, quanti curriculum devo
    avere?
    1) Uno, il mio
    2) Un curriculum diverso per ogni azienda in
    cui applico
    3) Un curriculum diverso per ogni profilo
    professionale per cui applico

    Risposta ovvia, nevvero? E in base a questa
    risposta, sviluppate il vostro mercato.
    Io non capisco che vuoi dire...roby
  • Anonimo scrive:
    Mi spiace...
    Sorry, se puo consolarti pensa che c'è chi non ne trova proprio ;)Buon Natale a tutti, laureati, smanettoni e anche manager, va (lo dico a fatica)
  • Anonimo scrive:
    Re: Giovani! il lavoro e' un mercato!
    - Scritto da: Anonimo
    cordialmente
    arzigogoloBravo, bene!
  • Anonimo scrive:
    Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
    Beh si bello comunque che per lavorare bisogna andare in culo al mondo.... Eh si perchè qui siamo in Italia.Possibile che in sto cazzo di paese siamo tutti solo merce di scambio e fonte di guadagno per gli imprenditori che ci governano...La vita è più cara e gli stipendi sempre uguali... almeno quelli dei poveracci, quello di chi lavora davvero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
      - Scritto da: Anonimo
      Beh si bello comunque che per lavorare
      bisogna andare in culo al mondo.... Eh si
      perchè qui siamo in Italia.
      Possibile che in sto cazzo di paese siamo
      tutti solo merce di scambio e fonte di
      guadagno per gli imprenditori che ci
      governano...
      La vita è più cara e gli
      stipendi sempre uguali... almeno quelli dei
      poveracci, quello di chi lavora davvero.Non sapevi che sei liberissimo di espatriare?Adesso lo sai e puoi iniziare ad organizzarti.
  • Anonimo scrive:
    Sono stato licenziato ieri! Buon Natale!
    Per la precisione invitato ad andarmene con ridicolo incentivo.Buon Natale a tutti eh!?! :
  • Anonimo scrive:
    Re: Io voglio capire come posso lavorare
    Insomma, le solite CAZZATE stile Avanade, Accenture, Monster Italia, Adecco et similia.Specialmente la prima presenta le offerte di lavoro più pittoresche, richiedono la conoscenza di 40 linguaggi diversi, 5 anni di esperienza, laurea ed età non superiore a 23 anni...Ah, senza dimenticare che nel 2001 pretendevano esperienza quinquennale in .NET...Siamo messi male...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io voglio capire come posso lavorare
      - Scritto da: Anonimo

      Insomma, le solite CAZZATE stile Avanade,
      Accenture, Monster Italia, Adecco et
      similia.

      Specialmente la prima presenta le offerte di
      lavoro più pittoresche, richiedono la
      conoscenza di 40 linguaggi diversi, 5 anni
      di esperienza, laurea ed età non
      superiore a 23 anni...

      Ah, senza dimenticare che nel 2001
      pretendevano esperienza quinquennale in
      .NET...

      Siamo messi male...Accade quando l'offerta supera ampiamente la domanda.
      • gottama scrive:
        Re: Io voglio capire come posso lavorare
        - Scritto da: Anonimo.
        Accade quando l'offerta supera ampiamente la
        domandaOppure quando il dipartimento HR viene incaricato di pubblicare offerte di lavoro bidone per impressionare clienti/fornitori/concorrenti. Costa meno che la pubblicità tradizionale.
  • Hotge scrive:
    Re: Scavalcare gli intermediari
    Caro Paolo,il problema.... tutto Italiano, e' che il lavoro lo prendo solo in 3 casi:1) Hai la conoscenza che ti presenta o interna al posto che ti interessa ed e' abbastanza in alto2) Paghi la mazzetta in soldi o merce3) Se non ricadi nell'1 e nel 2 sei l'unico, ma veramente l'unico, che sa fare una cosa vitale e necessaria in quel momento per quell'aziendaTristemente
    • Anonimo scrive:
      Re: Scavalcare gli intermediari
      4) entri in azienda mediante uno stage e li dimostri quanto vali, non farai i dobloni ma di sicuro ti terrai il posto
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Anonimo
    Facciamo sul serio, io sto cercando lavoro.
    In che città? Che stazza ha
    l'azienda? Vi interessa un esperto di
    sicurezza?Che silenzio assordante...Ha che ora inizia il terzo atto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?


      Facciamo sul serio, io sto cercando lavoro.

      In che città? Che stazza ha

      l'azienda? Vi interessa un esperto di

      sicurezza?

      Che silenzio assordante...
      Ha che ora inizia il terzo atto?ha l'hora prevista
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
        - Scritto da: Anonimo


        Facciamo sul serio, io sto
        cercando lavoro.


        In che città? Che stazza ha


        l'azienda? Vi interessa un esperto
        di


        sicurezza?



        Che silenzio assordante...

        Ha che ora inizia il terzo atto?

        ha l'hora previstahalla faccia della privacy...e degli articoli che si sprecheranno sull'argomento in tutto il 2005...Ma ti hanno messo li apposta?
  • Diablo scrive:
    Re: A me ne e' successa una peggiore
    non se la prenda.....quella della laurea era solo una scusa per prendere il raccomandato.....a me è successa una cosa simile quando avevo 20 anni ....adesso ne ho 29..... ero agli inizi, ma per il posto di lavoro dove stavo entrando necessitavano proprio di un giovane da inserire come impiegato e che avesse esperienza con i pc (visto che sono ero un informatico e mi servivano soldi per l'università ero l'ideale).Il capo ufficio mi aveva praticamente già scelto e dopo il 2° colloquio me lo aveva fatto chiaramente capire.Al terzo colloquio mi presento di nuovo e mi trovo un tizio che non avevo mai visto e lui che mi guarda quasi vergognandosi e senza mai incrociare i miei occhi.Avevo capito subito (non ero scemo neanche a 20 anni), mi sono alzato e li ho salutati senza quasi lasciare parlare questo tizio che non avevo mai visto.Siccome le bugie hannno le gambe corte ho saputo la settimana seguente che il tizio era un dirigente che si è sparato 800Km per venire lì a far assumere un suo parente, e, attanzione al colpo finale: non aveva voglia di lavorare e se ne è andato dopo 2 settimane......so che mi volevano ricontattare ma il capoufficio si è vergognato di se stesso e non lo ha fatto.E me ne sono capitate anche di peggio.....ce n'è per tutti.....P.S. zona Bergamo, città che + di merda non ne esistono.
    • Hotge scrive:
      Re: A me ne e' successa una peggiore
    • TADsince1995 scrive:
      Re: A me ne e' successa una peggiore

      P.S. zona Bergamo, città che + di
      merda non ne esistono.AAAAAAAAHAHHAHAHA!!! Ma non scherziamo!!! Venite un po' in Sicilia e poi ne riparliamo delle città di merda nel campo dell' IT!!!TAD
      • Diablo scrive:
        Re: A me ne e' successa una peggiore
        non per sentito dire ma per esperienza:è 1000 volte meglio la sicilia che qua...credimi...1) mare2) caldo3) costo della vita NETTAMENTE INFERIORE4) salute5) donne6) no stress7) ciboOk, c'è la mafia.....ma per il resto......
        • Anonimo scrive:
          Re: Ok, c'è la mafia

          Ok, c'è la mafia.....ma per il
          resto......E dici poco! Però è vero, la Padania sta sprofondando nel cinismo.
        • TADsince1995 scrive:
          Re: A me ne e' successa una peggiore
          - Scritto da: Diablo
          non per sentito dire ma per esperienza:
          è 1000 volte meglio la sicilia che
          qua...credimi...

          1) mareOk, quello è bello...
          2) caldoIn questo momento si schiatta dal freddo, e poi io ODIO il caldo... Preferisco l'inverno!!! Anche perchè il caldo siciliano è qualcosa che ti distrugge e ti va passare la voglia di uscire di casa...
          3) costo della vita NETTAMENTE INFERIOREVero. Mi sono spostato ogni tanto al centro-nord e sono rimasto allibito. Ma comunque la differenza non è così netta come si potrebbe pensare...
          4) saluteEh!?!?!? :o:o Questa me la devi spiegare!!! :D Noi siciliani abbiamo una salute migliore??? Magari!!! ;)
          5) donneAnche questa me la devi spiegare! Siete tutti uomini al nord? Facciamo un gemellaggio e aumentiamo un po' la popolazione? :D O le vostre donne sono tutte brutte?! In verità io ho conosciuto delle milanesi e delle bergamasche niente male... ;)
          6) no stressEEEEEEEEEEEEHH!?!?!?!??!?!?!?! :|:|:|:|:|:|:|:|:|:|NO STRESS!?!?!?! Guida di pomeriggio in una città come Palermo o Catania e poi ne riparliamo se non c'è stress... (A volte passano anche 40 minuti per fare 100 metri, specialmente in questo periodo natalizio)
          7) ciboSu quello siamo in paradiso!!! ;)
          Ok, c'è la mafia.....ma per il
          resto......La mafia c'è dovunque. Quì da noi purtroppo fa più parte del tessuto sociale, ma l'ignoranza della popolazione sta diminuendo e questo è un buon segno.TAD U volete capiri ca 'cca un semi misi miegghiu i vo avutri!!! ;);)
        • Anonimo scrive:
          Re: A me ne e' successa una peggiore
          - Scritto da: Diablo
          Ok, c'è la mafia.....ma per il
          resto......perché qua invece no eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
    - Scritto da: Anonimo



    [...] le persone che hanno un


    cervello e una preparazione sono

    considerate


    'scomode',

    appunto scomode perche considerandosi

    superiori rompono i cocomeri al prossimo

    sbandierando la loro preparazione e

    abbondanza di cervello quindi SBRUFFONI




    e quindi fanno fatica a trovare


    un lavoro.


    si vede che a te non e' mai
    successo...



    forse all'amico che scrive SBRUFFONI non

    è mai successo perchè non
    si

    ritiene superiore e non sta sulle
    scatole al

    prossimo, si sa vendere e trova
    occasioni ed

    opportunità migliori di quelle
    che

    potrebbe trovare considerandosi
    sbruffone

    io per fortuna sto lavorando ma capisco cosa
    vuoi dire:
    a volte quando un cliente o un collega
    (piu' spesso un capo) mi prospetta una
    soluzione pasticciata, arzigogolata,
    costosa, rischiosa, instabile , scorretta
    ecc. non riesco a fare buon viso a cattivo
    gioco e devo dirgli tutte le pecche e quando
    mi obbliga a adottarla devo dirgli che e'
    una stupidaggine e perche' e quando vengono
    fuori i problemi devo ricordargli che e'
    stata una stupidaggine fare a quel modo,
    inoltre quando sento gente vendere fumo
    riempiendosi la bocca con i termini
    dell'ultima moda tecnologica senza
    considerare i limiti e le modalita' in cui
    tale tecnologia ha senso devo intervenire
    pero' le rarissime volte che ti trovi con
    gente che ha anche interesse e passione per
    il proprio lavoro e non solo per i guadagni
    la fama o le gerarchie fai un ottimo lavoro
    e ti diverti pure
    si lo so sono uno sbruffone e ho un
    carattere di m.
    e capisco e difendo chi e' come me ;)



    OK faremo una raccolta di firma e chiederemo a Ciampi di farti Cavaliere del Lavoro
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!


      io per fortuna sto lavorando ma capisco
      cosa

      vuoi dire:

      a volte quando un cliente o un collega

      (piu' spesso un capo) mi prospetta una

      soluzione pasticciata, arzigogolata,

      costosa, rischiosa, instabile ,
      scorretta

      ecc. non riesco a fare buon viso a
      cattivo

      gioco e devo dirgli tutte le pecche e
      quando

      mi obbliga a adottarla devo dirgli che
      e'

      una stupidaggine e perche' e quando
      vengono

      fuori i problemi devo ricordargli che e'

      stata una stupidaggine fare a quel modo,

      inoltre quando sento gente vendere fumo

      riempiendosi la bocca con i termini

      dell'ultima moda tecnologica senza

      considerare i limiti e le modalita' in
      cui

      tale tecnologia ha senso devo
      intervenire

      pero' le rarissime volte che ti trovi
      con

      gente che ha anche interesse e passione
      per

      il proprio lavoro e non solo per i
      guadagni

      la fama o le gerarchie fai un ottimo
      lavoro

      e ti diverti pure

      si lo so sono uno sbruffone e ho un

      carattere di m.

      e capisco e difendo chi e' come me ;)
      OK faremo una raccolta di firma e chiederemo
      a Ciampi di farti Cavaliere del Lavoroeddai volevo solo dire che a volte il piacere di fare le cose fatte bene (un piacere fine a se stesso tipo parole crociate, senza relazione con le capacita') ti fa dimenticare le paraculaggini necessarie a mantenere relazioni produttive e ti fa classificare come sbruffone comunque cavaliere del lavoro e' una carica data a chi crea posti di lavoro e finora l'hanno assegnata ai peggiori pescecani , non la vorrei in ogni caso ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: non generalizzare amico
    Ho letto molte risposte che sono qualificabili solamente in "qualunquismo da quattro soldi".Purtroppo il fenomeno è molto generalizzato ed assai più frequente di quanto si creda.
    • Anonimo scrive:
      Re: non generalizzare amico
      - Scritto da: Anonimo
      Ho letto molte risposte che sono
      qualificabili solamente in "qualunquismo da
      quattro soldi".
      Purtroppo il fenomeno è molto
      generalizzato ed assai più frequente
      di quanto si creda.Non è vero che si fa del qualunquismo. La realtà è che della qualità ormai non frega più un c...zo a nessuno.La realtà che ormai ci sono le grandi aziende di consulenza che invece che assumere chiedono a società più piccole che fanno body rental, senza minimamente guardare chi prendono, basta che costano poco.Tutto questo è possibile dall'introduzione di sti contratti atipici maledetti, perchè le società di body rental non assumono mai, non gli conviene, visto che ti devono vendere a 4 soldi ai grandi.
  • Anonimo scrive:
    Re: EH SI!
    - Scritto da: pandavr
    Tu sei TROPPO bravo! Bello illudersi....

    Ti dò buona quella del "Costo
    troppo". ;)

    Ciao"....continuiamo a farci del male"Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Scavalcare gli intermediari
    D'accordo, ma se ti scrivi un bel programma su qualcosa che sai che alle aziende servira' (e per farlo basta un portatile di seconda mano, la corrente spesso te la lasciano usare nelle biblioteche pubbliche senza ulteriore spesa), e lo fai circolare gratis, lo regali insomma, ottieni il duplice risultato di farti un nome e di mettere fuori mercato chi si fa pagare, magari alla fine ti assumono con tanto di contributi etc etc pur che non gli lavori contro.CiaoPaolo
    • The Raptus scrive:
      Auguri!
      No dimmi, da dove ti è nata 'sta ricetta, perchè davvero è unica1.. Un programma che sai che alle aziende serve? quali aziende? se gli serve o ce l'hanno già oppure lo stanno cercando, ma DEVI SAPERE COSA FARE! quindi i metodi tipo l'analisi, le interviste e quant'altro ... dove le trovi? gliele fai a gratis quando? perchè il lorotempo costa e o le conoci o ..... Quante azinede? perchè quello che tu descrivi è trovare un mercato (un setore di nicchia) ed è la cosa più difficile del mondo.Sei sicuro che farti il nome ti basta? perchè di gratitudine non camperai mai, mentre prima di fare un programma (bello e serio) devi imparare ("aggartis", altro che biblioteca e pc vecchio!)... ti faccio i miei migliori auguri!
  • Diablo scrive:
    Re: Le rendite di posizione...
    per te evidentemente è stato facile lasciara:casaamicifamigliaragazzama per qualcuno questo non è altrettanto facilequindi il discorso che fai potrebbe non andare bene a tuttisul resto concordo....ho lavorato anche io a Bruxelles.....fantastico.....adesso sono in Italia.....ho una ragazza, vivo con i miei ancora, ho degli amici.....non so se sarei disposto a mollare tutto a 30 anni....il lavoro è saltuario, oggi c'è domani non si sa.....ma tengo duro....SPERO che qualcosa cambi, che cessi l'assistenzialismo al sud, che si smetta di assumere gli amici degli amici, che si valorizzino professioni come quella dei programmatori/sistemisti. Siamo ANNI indietro rispetto al nordeuropa ma ho deciso di rimanre anche per cercare di cambiare le cose, forse a furia di incazzarsi prima o poi qualcuno si accorgerà di me e di tutti quelli come me che si fanno un culo da mattina alla sera per cambiare questa italia che non ci piace.
    • gottama scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: DiabloSNIP
      il lavoro è saltuario, oggi
      c'è domani non si sa.....ma tengo
      duro....SPERO che qualcosa cambi, che cessi
      l'assistenzialismo al sud, che si smetta di
      assumere gli amici degli amici, che si
      valorizzino professioni come quella dei
      programmatori/sistemisti. Siamo ANNI
      indietro rispetto al nordeuropa ma ho deciso
      di rimanre anche per cercare di cambiare le
      cose, forse a furia di incazzarsi prima o
      poi qualcuno si accorgerà di me e di
      tutti quelli come me che si fanno un culo da
      mattina alla sera per cambiare questa italia
      che non ci piace.Non è stato facile, davvero, almeno all'inizio. Ma poi, una volta superate le difficoltà iniziali ho potuto fare tutto quello che in Italia era soltanto un sogno, compreso mettere su famiglia.Io ho un solo augurio per te e per tutti gli altri: che ci riusciate, che provochiate il cambiamento. Io non ho più voglia di battermi e questo mio ritorno momentaneo al passato mi convince sempre di più che qui non c'è futuro.Non me l'ha ordinato il medico di aspettare 7 mesi una linea ADSL in ufficio senza ottenerla, di avere liste di attesa in ospedale lunghe come la barba di Matusalemme, di avere medici che si fanno pagare come premi nobel e non ti fanno manco la ricevuta, di sentire tramite radio e tv che le cose non vanno bene, ma che è così ovunque.NON E' VERO! A parte Italia e Germania (per motivi simili), in Europa e negli USA la ripresa c'è, eccome!
      • Diablo scrive:
        Re: Le rendite di posizione...
        siamo in sintonia, io ho passato 2 anni a lavorare in tutta europa e USA e SO come funziona....purtroppo qui in italia, lo sai meglio di me, siamo tenuti all'oscuro di tutto...ci tengono al guinzaglio con i grandi fratelli, il calcio, la religione e la politica così non VEDIAMO quello che c'è fuori da qua.Hai fatto una scielta coraggiosa e ti ammiro per questo, io ci ho pensato TANTE volte....ma alla fine ho troppo da perdere....forse se avessi anche io trovato qualcuno fuori dall'italia....ma questa è un'altra storia.Un salutoMax
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
          Concordo me ne andrei pure subito... poi si accorgeranno che l'italiano si trasferisce a l'estero per far posto ad immigrati clandestini e qualcuno poi forse cominciera' anche a guardare oltre le sue spalle, trovando oramai solo il vuotoGli Italiani migrarono in America, siamo tornati indietro nel tempo
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
          - Scritto da: DiabloCiao sono un'altro.
          siamo in sintonia, io ho passato 2 anni a
          lavorare in tutta europa e USA e SO come
          funziona....purtroppo qui in italia, lo sai
          meglio di me, siamo tenuti all'oscuro di
          tutto...ci tengono al guinzaglio con i
          grandi fratelli, il calcio, la religione eE' il piano del venerabile Licio G., quello che ha messo in piedi la P-II, che si è realizzato.
          Hai fatto una scielta coraggiosa e ti ammiro
          per questo, io ci ho pensato TANTE
          volte....ma alla fine ho troppo da
          perdere....forse se avessi anche io trovato
          qualcuno fuori dall'italia....ma questa
          è un'altra storia.Io sto andando.
    • Anonimo scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: Diablo
      per te evidentemente è stato facile
      lasciara:Quando si lascia qualcosa si trova dell'altro...
      adesso sono in Italia.....ho una ragazza,
      vivo con i miei ancora, ho degli
      amici.....non so se sarei disposto a mollare
      tutto a 30 anni....Appunto... potreste andare insieme e avere una casa vostra, cosa che qui ormai per noi è impossibile, a meno di poter contare su aiuti esterni.
      il lavoro è saltuario, oggi
      c'è domani non si sa.....ma tengo
      duro....SPERO che qualcosa cambi, che cessi
      l'assistenzialismo al sud, che si smetta di
      assumere gli amici degli amici,Affinchè succeda questo dovrebbe cambiare la mentalità di questo paese... io sinceramente non lo vedo molto probabile...Ciao
      • Diablo scrive:
        Re: Le rendite di posizione...
        non è che siamo tutti uguali!la mia ragazza si è appena laureata, con quali soldi vado a vivere all'estero.io non ho mamma e papa' che mi mantengono e nemmeno lei.Andarsene dall'italia va bene, ma bisogna farlo in un certo modo e devono esistere le condizioni.Ero sempre all'estero per lavoro prima di fidanzarmi...le cose cambiano e non per tutti allo stesso modo.Anche io sono pessimista sull'italia finchè sarà popolata da italioti.......ma intanto che sono qua faccio sentire la mia voce.ByeMax
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
          - Scritto da: Diablo
          la mia ragazza si è appena laureata,
          con quali soldi vado a vivere all'estero.
          io non ho mamma e papa' che mi mantengono e
          nemmeno lei.
          Andarsene dall'italia va bene, ma bisogna
          farlo in un certo modo e devono esistere le
          condizioni.Se siete laureati non avrete problemi, anzi è proprio appena laureati il momento ideale.Non servono questi gran soldi, per trovare un buon lavoro basta qualche settimana e comunque un lavoretto per mantenersi nel frattempo si trova.Purtroppo qui ormai si trovano solo lavoretti precari da quattro soldi, anche se si è laureati.All'estero puoi anche fare il cameriere per un mese, ma poi trovi un buon lavoro (anzi trovi il lavoro che ti piace), qui ormai si passa da uno stage non retribuito a un ex-cococo... almeno questo sembra che sia il trend.
          Anche io sono pessimista sull'italia
          finchè sarà popolata da
          italioti.......ma intanto che sono qua
          faccio sentire la mia voce.Io non sono pessimista, ma sono realista... che è anche peggio... purtroppo perchè una voce sia ascoltata è necessario che ci sia chi la voglia ascoltare...Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
          - Scritto da: Diablo
          la mia ragazza si è appena laureata,
          con quali soldi vado a vivere all'estero.
          io non ho mamma e papa' che mi mantengono e
          nemmeno lei.Non temete, partite con una laurea e con un po' di pazienza troverete lavoro. Dopo tutto stare un mese o due fuori per provare è una spesa irrisoria rispetto a quanto si investe per studiare, quindi tanto vale almeno provarci.E poi scusa... vorresti far crescere i tuoi figli in un paese che arretra di giorno in giorno?Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: Diablo
      per te evidentemente è stato facile
      lasciare:
      casa
      amici
      famiglia
      ragazzaho tutto tranne la casa in Italia, e' difficile ma ne vale la pena!I miei figli non hanno futuro in Italia!Ad Amsterdam e' pieno di lavoro nell'IT!vi aspetto! :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Le rendite di posizione...
        - Scritto da: Anonimo
        Ad Amsterdam e' pieno di lavoro nell'IT!
        vi aspetto! :pChe strada hai seguito per andare in Olanda? CV a pioggia dall'Italia?
        • Anonimo scrive:
          Re: Le rendite di posizione...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Ad Amsterdam e' pieno di lavoro nell'IT!

          vi aspetto! :p

          Che strada hai seguito per andare in Olanda?
          CV a pioggia dall'Italia?No l'unica pioggia che conosco e' quella che cade spesso su Amsterdam! :)Ho inviato UN SOLO cv e mi hanno chiamato dopo 3 giorni, la settimana seguente ero qui per il colloquio! Quella dopo lavoravo!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Le rendite di posizione...
            - Scritto da: Anonimo
            No l'unica pioggia che conosco e' quella che
            cade spesso su Amsterdam! :):)
            Ho inviato UN SOLO cv e mi hanno chiamato
            dopo 3 giorni, la settimana seguente ero qui
            per il colloquio! Quella dopo lavoravo!Complimenti!Una discreta conoscenza dell'inglese può essere sufficiente per andare in Olanda?
          • Anonimo scrive:
            Re: Le rendite di posizione...

            Una discreta conoscenza dell'inglese
            può essere sufficiente per andare in
            Olanda?Ovviamente si! Cmq sarai sorpreso dal numero di offerte anche per chi parla italiano (non solo helpdesk)!ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Le rendite di posizione...
            - Scritto da: Anonimo
            Ovviamente si! Cmq sarai sorpreso dal numero
            di offerte anche per chi parla italiano (non
            solo helpdesk)!Ma davvero? Meglio così... studiare l'olandese la vedo dura!Che non ci sia solo help desk è interessante... visto che non è quello che cerco :)
  • Diablo scrive:
    Re: Linux è l'arma
    non sono d'accordo per i seguenti motivi1) i costi di gestione, nel tempo, di infrastrutture linux sono esattamente il triplo di un equivalente MS.Ricordo infatti che i sistemisti linux si vendono a prezzi non proprio di mercato.2) chi si affida ad un sistemista linux si vincola ad esso con un rapporto di DIPENDENZAdifficilmente un altro sistemista linux prenderebbe in mano il lavoro di un altro (diversità delle distribuzioni, personalizzazioni, responsabilità)3) non esiste nessuno con cui prendersela se ci sono problemi.....non mi posso certo arrabbiare con bil gates?!4) ho già visto parecchie aziende tornare indietro al sistema prelinux causa 1),2),3).5) date a linux la stessa importanza che puo' avere unix o win2003 server, non è ne migliore ne peggiore degli altri, è solo + di moda ultimamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è l'arma
      - Scritto da: Diablo
      non sono d'accordo per i seguenti motivi

      1) i costi di gestione, nel tempo, di
      infrastrutture linux sono esattamente il
      triplo di un equivalente MS.
      Ricordo infatti che i sistemisti linux si
      vendono a prezzi non proprio di mercato.Questo è perche' non conosci UNIX ....altrimenti ti porta via lo stesso tempo ... forse meno

      2) chi si affida ad un sistemista linux si
      vincola ad esso con un rapporto di
      DIPENDENZA
      difficilmente un altro sistemista linux
      prenderebbe in mano il lavoro di un altro
      (diversità delle distribuzioni,
      personalizzazioni, responsabilità)Quale e' il problema ?un backup dei dati ???e la sostituzione di un server che dopo due anni e' obsoleto ?

      3) non esiste nessuno con cui prendersela se
      ci sono problemi.....non mi posso certo
      arrabbiare con bil gates?!Non chiamano MS ...scassano le balle a me !!

      4) ho già visto parecchie aziende
      tornare indietro al sistema prelinux causa
      1),2),3).

      5) date a linux la stessa importanza che
      puo' avere unix o win2003 server, non
      è ne migliore ne peggiore degli
      altri, è solo + di moda ultimamente.Se lavori per gli artigiani con non più di due computer hai ragione ...ma quando cominci a parlare di 10 pc in rete già si pareggia ...se parli di una server farm da 100 o più server ultradensi ............mi sà che conviene LinuxSe ne sei padrone ...IMHO riescia a convincere pure l'idraulico a installare sul portatile una Knoppix
    • neoviruz scrive:
      Re: Linux è l'arma
      - Scritto da: Diablo
      non sono d'accordo per i seguenti motivi

      1) i costi di gestione, nel tempo, di
      infrastrutture linux sono esattamente il
      triplo di un equivalente MS.
      Ricordo infatti che i sistemisti linux si
      vendono a prezzi non proprio di mercato.Certo, magari perche' in genere un sistemista *nix non e' il figlio del panettiere o il cugino del nipote acher.Questa tua statistica personale l'hai basata dalle indagini di mercato finanziate da Microsoft?No, perche' io non sto facendo altro che convertire server MS di piccole/medie imprese, portandole su linux.

      2) chi si affida ad un sistemista linux si
      vincola ad esso con un rapporto di
      DIPENDENZA
      difficilmente un altro sistemista linux
      prenderebbe in mano il lavoro di un altro
      (diversità delle distribuzioni,
      personalizzazioni, responsabilità)Ma per cortesia!La dipendenza ce l'hai quando devi cambiare HW/SO una volta ogni 2 anni, per scelte non tue.Diversita' delle ditribuzioni?Hai mai usato/visto linux?
      3) non esiste nessuno con cui prendersela se
      ci sono problemi.....non mi posso certo
      arrabbiare con bil gates?!No, infatti nessuno dei miei clienti si arrabbia con Bill Gates, chiamano tutti il mio ufficio, indipendentemente dalla piattaforma utilizzata.Vendo la mia competenza nel risolvere i problemi, non aria fritta.
      4) ho già visto parecchie aziende
      tornare indietro al sistema prelinux causa
      1),2),3).Io invece ho visto clienti che mi chiedevano come mai non dovevano piu' riavviare il server.E uptime che sfiorano i due anni in alcuni casi.
      5) date a linux la stessa importanza che
      puo' avere unix o win2003 server, non
      è ne migliore ne peggiore degli
      altri, è solo + di moda ultimamente.Certo, e' anche di moda aprire la bocca e dargli fiato inutilmente se e' per questo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è l'arma
      - Scritto
      Ricordo infatti che i sistemisti linux si
      vendono a prezzi non proprio di mercato.
      quelli sono i prezzi di mercato, il mercato windows e' stato gia distrutto (e l'assistenza in outsourcing e' tutt'altro che economica).
      2) chi si affida ad un sistemista linux si
      vincola ad esso con un rapporto di
      DIPENDENZALo stesso vale per i server 2000 e NT che vedo in circolazione.
      3) non esiste nessuno con cui prendersela se
      ci sono problemi.....non mi posso certo
      arrabbiare con bil gates?!Perche' arrabbiarti con Bill Gates risolve i tuoi problemi?Bill Gates puo' solo riderti in faccia pensando a come si arrabattano i suoi utenti. Gli vuoi fare causa perche' sai che c'e' un responsabile con cui prendersela?Auguri, spero che tu possa spuntarla.
      4) ho già visto parecchie aziende
      tornare indietro al sistema prelinux causa
      1),2),3).Piu' che altro causa incompetenza, questo pero' non migliora di una virgola la loro situazione.
  • Anonimo scrive:
    Re: Siti Web...
    Mi associo, trovo anzi che includere nel mondo dell'informatica chi faccia solo siti web sta diventando sempre più una forzatura.Un grafico è un grafico non un'informatico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siti Web...
      - Scritto da: Anonimo
      Mi associo, trovo anzi che includere nel
      mondo dell'informatica chi faccia solo siti
      web sta diventando sempre più una
      forzatura.
      Un grafico è un grafico non
      un'informatico.Un grafico e un web designer intanto sono due cose diverse.Se poi chi fa siti web non è un informatico benissimo, io allora non sono un informatico.Però a questo punto non vedo perché per fare un sito debba servire un laureato.
  • Anonimo scrive:
    ALBO INFORMATICI
    Perchè visto il perdurare di questa situazione al limite,perchè non aderiamo tutti alla creazione dell'albo degli informatici.Iniziative già sono in essere,bisogna solo potenziarle.Il caos giova solo agli speculatori.Svegliamoci,siamo molti e tutti con gli stessi problemi,sottopagati e non garantiti.
    • Anonimo scrive:
      Re: sindacato INFORMATICI
      - Scritto da: Anonimo
      Perchè visto il perdurare di questa
      situazione al limite,perchè non
      aderiamo tutti alla creazione dell'albo
      degli informatici.Iniziative già sono
      in essere,bisogna solo potenziarle.
      Il caos giova solo agli
      speculatori.Svegliamoci,siamo molti e tutti
      con gli stessi problemi,sottopagati e non
      garantiti.gli albi in europa non hanno valore legalesarebbe più utile un sindacato di categoria...
      • Riot scrive:
        Re: sindacato INFORMATICI

        gli albi in europa non hanno valore legaleE giustamente aggiungo.
        sarebbe più utile un sindacato di
        categoria...Sarebbe bello, ma non risolverebbe granchè, in caso di sciopero i crumiri si conterebbero a migliaia.E poi considerando che l'imprenditore medio italiano assume solo a tempo determinato o appalta esternamente dimmi come si potrebbe organizzare la cosa.Diciamoci la verità, l'imprenditoria italiana non è moribonda, ma agonizzante.Non è mai stata realmente competitiva e appena siamo passati al non così facilmente svalutabile Euro ce ne siamo resi conto.Non è mai stata in attivo reale, quando le banche si stancano di dare prestiti si fa la fine della Parmalat.Non è mai stata innovativa e infatti si vede l'arretratezza tecnologica in cui viviamo.E soprattutto non è in grado di programmare a medio e lungo termine, come con l'introduzione dell'Euro: il primo anno tutti ad arrotondare e a rubare il più possibile, i seguenti a lamentarsi del calo degli acquisti.
      • Elwood_ scrive:
        Re: sindacato INFORMATICI
        - Scritto da: max59

        - Scritto da: Anonimo

        Perchè visto il perdurare di
        questa

        situazione al limite,perchè non

        aderiamo tutti alla creazione dell'albo

        degli informatici.Iniziative già
        sono

        in essere,bisogna solo potenziarle.

        Il caos giova solo agli

        speculatori.Svegliamoci,siamo molti e
        tutti

        con gli stessi problemi,sottopagati e
        non

        garantiti.

        gli albi in europa non hanno valore legale

        sarebbe più utile un sindacato di
        categoria...beh e' la prima volta che concordo pienamente con tesara' che si avvicina natale? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: sindacato INFORMATICI
        Visto e considerato che in Italia "sindacato" significa: - Distruzione di qualsiasi meritocrazia, anche tramite la demonizzazione della trattativa individuale basata sulle capacità, sul merito e sul rapporto diretto con l'imprenditore;- Giustificazionismo nei confronti di una produttività stagnante o esponenzialmente discendente; - Annullamento forzoso delle differenze tramite l'appiattimento salariale coatto, a prescindere dalle condizioni sociali e geografiche al contorno;- Creazione di prebende e privilegi intoccabili destinate solo ed unicamente ai lavoratori indipendenti a tempo indeterminato (a fortiori se pubblici);- Ritmi di aumento del costo del lavoro stratosfericamente sproporzionati rispetto all'inflazione ed alla media dei paesi industrializzati (per non dire delle tigri asiatiche ed altri quartomondisti); - Imbalsamazione totale del mercato del lavoro;(si consultino, tra la vastissima letteratura indipendente disponibile in merito, "50 anni di vita italiana" di Guido Carli, già Governatore di Bankitalia, e "Come si manda in rovina un Paese" di Sergio Ricossa)In considerazione dei motivi sopra accennati e con assoluta, profondissima consapevolezza della loro incontrovertibile vericidità storica e del loro sanguinoso portato per la vita del Paese nell'ultimo mezzo secolo, non esito a far mia la famigerata frase del Ministro per la Propaganda di hitleriana memoria: ogni volta che sento pronunciare la parola "sindacato" la mano corre istintivamente alla pistola.
    • Anonimo scrive:
      Re: ALBO INFORMATICI
      - Scritto da: Anonimo
      Perchè visto il perdurare di questa
      situazione al limite,perchè non
      aderiamo tutti alla creazione dell'albo
      degli informatici.io sono chimico. ma ne so piu' di molti informatici(e sono pronto a dimostrarlo quando volete)
    • Anonimo scrive:
      Re: ALBO INFORMATICI
      sono d'accordo con voi,è giusto creare un albo sopratutto per chi come me fa il webmaster.Gf.Mulas
  • Anonimo scrive:
    Re: Me pare 'na..........
    per quale motivo chi è più anziano ha diritto ad una retribuzione alta? solo perchè è più anziano? ma se io trovo uno più giovane con uguali competenze che faccio? devo muovermi a pietà e prendere l'anziano?
  • Anonimo scrive:
    Re: Fanno bene a scartare i troppo qual

    Cosa resta ? Credo sia opportuno pensare
    seriamente a mettersi in proprio, Questa si che e' una bella idea! E' proprio il momento giusto!Tra 1 anno ci ritroveremo qui ad analizzare il tuo fallimento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fanno bene a scartare i troppo qual
      - Scritto da: Anonimo


      Cosa resta ? Credo sia opportuno pensare

      seriamente a mettersi in proprio,

      Questa si che e' una bella idea! E' proprio
      il momento giusto!
      Tra 1 anno ci ritroveremo qui ad analizzare
      il tuo fallimento.Non dico che non sia un rischio, chi ha esperienza sa che qualunque impresa corre dei rischi.Dico solo che, oramai, purtroppo o per fortuna, e' l' *unica* strada percorribile per chi ha un problema come quello dell' articolo, a parte l'emigrazione.E siamo in tanti.Certo per qualcuno potrebbe essere un' impresa fallimentare, per altri un successo, ma questo e' ovvio, quando si esce dalla campana di vetro delle 'consulenze esterne' (per non parlare delle dipendeze vere e proprie) il mondo si fa un' po' piu' duro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fanno bene a scartare i troppo qual
        così capirai come mai "non ti fanno crescere" , ti ci vedo che dici ai tuoi clienti "no quest'attività non la faccio perchè non mi fa crescere"
        • Anonimo scrive:
          Re: Fanno bene a scartare i troppo qual

          così capirai come mai "non ti fanno
          crescere" , ti ci vedo che dici ai tuoi
          clienti "no quest'attività non la
          faccio perchè non mi fa crescere"e quale dovrebbe essere il problema?io lo faccio di continuo, i clienti che si aspettano che tu faccia qualunque cosa è meglio perderli che trovarli perché comunque non sono mai disposti a pagarti il dovuto e danno sempre e solo granepoi non è proprio professionale, ad ciascuno le sue mansioni
          • Anonimo scrive:
            Re: Fanno bene a scartare i troppo qual
            - Scritto da: Anonimo

            così capirai come mai "non ti
            fanno

            crescere" , ti ci vedo che dici ai tuoi

            clienti "no quest'attività non la

            faccio perchè non mi fa crescere"

            e quale dovrebbe essere il problema?

            io lo faccio di continuo, i clienti che si
            aspettano che tu faccia qualunque cosa
            è meglio perderli che trovarli
            perché comunque non sono mai disposti
            a pagarti il dovuto e danno sempre e solo
            grane
            QuotoHazetcloop@hotmail.IT
  • Anonimo scrive:
    Scavalcare gli intermediari
    Gia' in altri interventi sul cercare lavoro come informatici ho notato questo parlare di intermediari (singoli, aziende, agenzie) che cercano personale e lo "rivendono" pagandolo poco e lucrandoci sopra. Qualcuno, in tono scostante, ha scritto, replicando a chi si lamentava di essere precario e malpagato (un quindicesimo del fatturato), di stare al computer giorno e notte, imparare molto e al caso mettersi sul mercato, se pensava di averne le capacita'; molte le rispostaccie, sul fatto che le aziende serie e bene organizzate non hanno bisogno che si facciano straordinari tutta la notte ogni giorno, e, io aggiungerei, che non e' il caso di esagerare con l'enfatizzare che bisogna imparare moltissimo, o, come scriveva quel giovane ingegnere, che non gli avevano insegnato a programmare (a ingegneria anche non informatica insegnano diversi linguaggi di programmazione, e per arrivare alla laurea bisogna aver scritto diversi programmi non certo di due righe), certo non si ha mai finito di imparare, ma per poter lavorare in una determinata azienda con un determinato linguaggio, basta conoscere quello, e l'aggiornamento riguarda piu' spesso nuove versioni dei linguaggi che impararne di nuovi, ci sono aziende che usano ancora il Cobol.Ma, a parte le esagerazioni di coloro che ritengono che il mercato ha sempre ragione, che se si e' disoccupati vuol dire che si e' delle schiappe ed allora e' giusto non venire assunti, perche' non sfruttare le opportunita' che il libero mercato offre? In particolare, perche' non contattare direttamente i possibili utenti, scavalcando ogni possibile internediario? So che a farlo in modo sistematico e' un lavoraccio, perche' ne' il Ministero del lavoro ne' Infocamere mettono a disposizione il file con gli indirizzi di posta elettronica dei 5-6 milioni di aziende italiane (il 75% ha l'EMail), con certi servizi di posta si potrebbe mandare il CV contemporaneamente a tutti, e qualcosa potrebbe saltare fuori, scavalcando gli intermediari si puo' essere competitivi con gli stessi se non altro perche' nel peggiore gli utenti non dovrebbero pagare la percentuale dell'intermediario. E poi, nel caso di quel programmatore che guadagnava un quindicesimo di quello che incassava il suo datore di lavoro, beh, lavorando in proprio, e facendo un prezzo appena appena inferiore, potrebbe guadagnare dodici volte di piu', e anche se trovasse lavoro solo per due mesi all'anno starebbe meglio di ora.Paolo
    • Anonimo scrive:
      Re: Scavalcare gli intermediari
      a dirlo sembra facile ma a farlo è una valle di lacrime,oggi in certi posti non ci entri se non hai amicizie ad alto livello,anche se sei una persona molto valida.Ritengo che il problema sia un'altro,e che non abbiamo associazioni di tutela come hanno i medici,gli avvocati,ecc.Il nostro lavoro per ingnoranza è equiparato a quello di un'operaio,"manovalanza",è questo il grosso problema di fondo.Non ci sono normative a riguardo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Scavalcare gli intermediari
      ....
      Ma, a parte le esagerazioni di coloro che
      ritengono che il mercato ha sempre ragione,
      che se si e' disoccupati vuol dire che si e'
      delle schiappe ed allora e' giusto non
      venire assunti, perche' non sfruttare le
      opportunita' che il libero mercato offre? In
      particolare, perche' non contattare
      direttamente i possibili utenti, scavalcando
      ogni possibile internediario? ....I clienti non si rivolgono a chi non conoscono.Parlo di clienti grandi, quelli che pagano a sufficienza; lavorare nell' IT per aziende medio/piccole e' una cosa che non ho mai fatto, ma la vedo molto dura che riescano a pagare uguale o di piu' di quello che paga una grande azienda.Nella maggior parte dei casi, poi, i quadri/dirigenti che necessitano di consulenti si fanno corrompere da queste aziende di intermediazione, intascando una percentuale (in nero) per ogni giorno lavorato dall'intermediato. Spesso ci guadagnano di piu' che dallo stipendio stesso.Ecco perche' le grandi aziende sono disposte a pagare costi, che appaiono spropositati, agli intermediari: si parte dai 500 euro al giorno in su: in media l'intermediato prende 200 euro al giorno, i restanti 300 e passa rimangono nelle mani del mediatore.L'accordo nascosto che soggiace tra i clienti e gli intermediari fa in modo che tu non possa proporti direttamente al cliente: che vantaggi (tangibili) avrebbe il cliente a rivolgersi ad una societa' di intermediazione, piuttosto che ad un'altra ?La solita conclusione e':e' tutto un magna magna, ma che ve lo dico a fare ??
  • Anonimo scrive:
    La solita lagna
    Quando le cose andavano bene anche chi aveva scarse conoscenze lavorava e veniva pagato bene.Adesso semplicemente il mercato si è ristretto di molto.Ti senti sfruttato, sottopagato? allora vai dove il mercato è più fiorente, è infantile pretendere quello che non è possibile dare.Poi è assolutamente grottesca la scusa che non si è presi perchè bravi, nell'ottica di un'azienda di consulenza uno bravo è possibile reimpiegarlo su altre attività, una volta terminata quella corrente, chi fa prodotti invece sicuramente preferisce meno bachi nel codice.L'unico e solo motivo è nelle condizioni economiche richieste, la pretesa di essere al di fuori della crisi attuale, solo perchè informatici bravi, è ridicola.
  • Anonimo scrive:
    vogliam parlare del mio colloquio
    semplice la solita interminabile richiesta di dati personali ( che ormai compilo come i moduli via web per le mail), e alla fine colloquio in teleconferenza, da un ignurant, che ho ripreso varie volte risultato:CI FAREMO SENTIRE
  • Fulmy(nato) scrive:
    Re: Siti Web...
    - Scritto da: Anonimo
    Ok fare siti web non programmare ma...

    In azienda facciamo anche quello ed il piu'
    delle volte ci appoggiamo su grafici
    convertiti dalla stampa al web, che
    collaborano, non senza attriti, con
    programmatori che sviluppano la cosidetta
    parte dinamica del sito.Grafica web e grafica stampata sono troppo diverse.Lo so per esperienza dato che qui facciamo entrambe le cose e ci sono persone preparate per ciascuno dei due settori proprio per questo motivo.
    Preferiremmo utilizzare risorse interne ma
    arrivano dozzine e dozzine di curriculum in
    azienda di aspiranti "web master", "web
    designers", "web docotor" (ma sono stati
    tutti al cepu?) con delle liste di capacita'
    impressionanti:Esiste anche l'aspetto opposto, te lo assicuro.Ho visto i siti di certe aziende cui ero indeciso se mandare o meno il curriculum, e che mi hanno fatto passare la voglia di mandarglielo.Aspiranti "web-agency" che fino alla settimana prima facevano altro, poi qualcuno che ha scoperto che con FrontPage e un po' di Access...
    Scusate ma tra tutti i wannabe, smanettoni,
    e so-far-tutto-mi, che ci sono in giro
    preferisco assumere un laureato almeno
    quello sono sicuro che qualcosa sa fare!Questo discorso invece non ha senso, per lo meno per quanto riguarda il web.Io non sono laureato ma i siti li so fare, non dico di essere un genio, però credo di saperli fare abbastanza bene.Non credo invece che uno solo perché laureato sia necessariamente in grado di fare un buon sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siti Web...

      Non credo invece che uno solo perché
      laureato sia necessariamente in grado di
      fare un buon sito.Si suppone che un laureato sia abituato a studiare e sappia da se acquisire quelle capacita' che necessitano per poter svolegere il proprio compito.Chi non e' laureato mi deve dimostrare con i fatti di saper fare le cose.Se sono anni che fai siti Internet ma non sei laureato una bella lista di lavori realizzati e' d'obbligo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Le rendite di posizione...
    Concordo in pieno! Ho lasciato l'Italia per l'Olanda! Qui si lavora, si viene ben pagati e tutto funziona!Trasferitevi!
  • Anonimo scrive:
    Tu sei pazzo!
    Io ci tengo a sottolineare sempre e ovunque quello che so fare, perche' ho imparato a farlo e mi e' costata fatica impararlo.E quello che non so fare, so di poterlo imparare, e lo dico, e lo faccio presente."Datemi un manuale e un paio di giorni che poi ve lo insegno io come funziona questo!"E ho sempre trovato porte aperte, e ho sempre avuto incarichi da "Misson: impossible"Di gente che sa pigiare i tastini su una tastiera se ne trova ovunque.Ma di gente che deve organizzare un database, valutare colli di bottiglia in flussi di dati sotto situazioni critiche, rivedere flussi opertativi per determinare quali sono i punti deboli e intervenire con opportune correzioni, far parlare tra di loro macchine diverse con sistemi diversi e dati con strutture diverse, non si trovano cosi' facilmente.
  • fstringa scrive:
    Re: Dipende da molti fattori....
    si puoi modificare il tuo curriculum in base alle richieste, evidentemente sei stato fortunato o bravo nello svolgere quello che ti hanno richiesto. Ma se tu non hai mai utilizzato Oracle e ti presenti per una richiesta sul'utilizzo di oracle?. Mi è gia capitato personalmente che una persona si spacciasse per un esperto CISCO, ha configurato un firewall dicendoci "non ti collegare che si riavvia e perdi le configurazioni". Io non mi sono fidato ho controllato e ho visto che non aveva configurato un bel niente, ma ormai i miei capi avevano già pagato la sua bella cifretta da esperto CISCO. Risultato mi sono configurato da zero un IPX Firewall senza nessuna conoscenza.Risultato una pacca sulla spalla.. :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Me pare 'na..........
    - Scritto da: Anonimo

    Scusa tanto, ma faccio fatica a credere
    che

    tu venga scartato perché "troppo

    competente".
    Posso testimoniare che invece e' accaduto a
    diverse persone che conosco.
    Le motivazioni sono sostanzialmente queste:

    1) motivazione economica (la piu' gettonata)
    se sai lavorare bene ed hai una buona rosa
    di conoscenze ti aspetti una retribuzione
    adeguata all'esperienza acquisita e non uno
    stipendio da 800 euro al mese magari a
    milano e con una buona dose di nero.
    SCHIFO!
    2) motivazione apertura nuova filiale
    all'estero (tipico di chi delocalizza o sta
    per delocalizzare in parte le attivita'
    aziendali)
    E' assodato che il grosso delle aziende
    cerchi di risparmiare il piu' possibile sul
    personale per abbattere i costi: infondo
    all'est un informatico o programmatore di
    medio livello lo paghi quando va male
    250/300 euro al mese tutto compreso: perche'
    infognarsi in italia che sicuramente a
    parita' di capacita' mi costa sempre di
    piu'?
    DOPPIO SCHIFO!!
    3) motivazione contrattuale (quella che sega
    di solito le gambe a chi ha dai 30 anni in
    su)
    l'azienda li cerca giovani per poterli
    mettere a contratto formazione non solo
    pagarli meno e per risparmiare in
    contributi, ma per poterli licenziare alla
    bisogna allo scadere del contratto: quando
    finisce, se ti serve ancora lo tieni se no
    lo scarichi e ti prendi un altro ragazzo a
    formazione.
    TRIPLO SCHIFO!!!
    4) motivazione professionale (quella che ti
    fa riflettere sul paese in cui vivi e dove
    vorresti lavorare)
    sono davvero poche le aziende che
    necessitano di figure professionali molto
    preparate perche' il livello tecnologico
    medio e' generalmente basso.
    Le aziende medio piccole, se non sono
    iperspecializzate nel settore, cercano di
    solito poco piu' di un tecnico generico per
    fargli fare l'amministratore di rete, curare
    un po' di mailing list e/o siti web e/o
    database modesti o garantire il
    funzionamento di un server e/o di un paio di
    macchine critiche.
    QUADRUPLO SCHIFO!!!!
    5) paura della dipendenza da dipendente
    (tipico delle pmi)
    se sei troppo bravo alla fine rischi che
    l'azienda dipenda per progetti o compiti
    strategici piu' da te che da altri: se il
    lavoratore se ne accorge alla lunga
    chiedera' uno stipendio maggiore o pensera'
    di rivolgersi alla concorrenza, cosa che
    impoverira' drasticamente non solo di
    capacita' l'azienda, ma avvantaggera'
    direttamente il/i concorrente/i.
    QUINTUPLO SCHIFO!!!!!
    6) motivazione fiscale (tipico del nord est
    che produce)
    meglio una partita iva di un lavoratore a
    progetto o di un dipendente: alla ditta
    costa complessivamente meno in contributi
    fissi e quando lo chiami lo fai solo se e
    quando ti serve.SESTUPLO SCHIFO!!!!!!Proprio un paese di m.....!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Due professioni interessanti..
    - Scritto da: Anonimo
    Secondo me la migliore di tutte è la
    carriera del cartomante/astrologo.L'articolo 121 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.) sancisce che "è vietato il mestiere di ciarlatano" e l'art. 231 del relativo regolamento per l'esecuzione specifica che "sotto la denominazione di mestiere di ciarlatano si comprende ogni attività diretta a speculare sull'altrui credulità o a sfruttare od alimentare l'altrui pregiudizio, come gli indovini, gli interpreti di sogni, i cartomanti, coloro che esercitano giochi di sortilegio, incantesimi, esorcismi o millantano o ostentano in pubblico grande capacità nella propria arte o professione o magnificano ricette, cui attribuiscono virtù straordinarie o miracolose".Ciò detto, anzi, riportato, mi domando come mai sia possibile che se accendi la TV su uno qualsiasi dei canali regionali a quasi tutte le ore del giorno trovi maghi, cartomanti ed astrologi... ah beh ma qui abbiamo anche il PresDelCons... lui si che è un mago, invece che in prigione è al potere!Altra domanda... com'è che i preti possono esorcizzare se anche questo è vietato dalla legge?
    • Anonimo scrive:
      Re: Due professioni interessanti..

      Ciò detto, anzi, riportato, mi
      domando come mai sia possibile che se
      accendi la TV su uno qualsiasi dei canali
      regionali a quasi tutte le ore del giorno
      trovi maghi, cartomanti ed astrologi... ah
      beh ma qui abbiamo anche il PresDelCons...e che c'entra scusa? cartomanti e astrologi ce n'erano a pacchi anche quando al governo c'era la sinistra.
      • Anonimo scrive:
        Re: Due professioni interessanti..
        - Scritto da: Anonimo
        e che c'entra scusa? cartomanti e astrologi
        ce n'erano a pacchi anche quando al governo
        c'era la sinistra.Beh il senso del mio intervento era che se alle più alte cariche ci sono loschi figuri è ovvio che poco possiamo fare anche contro i loschi più piccoli...
        • Anonimo scrive:
          Re: Due professioni interessanti..

          Beh il senso del mio intervento era che se
          alle più alte cariche ci sono loschi
          figuri è ovvio che poco possiamo fare
          anche contro i loschi più piccoli...dal che se ne deduce che anche quelli di sinistra sono loschi figuri, se no cartomanti e astrologi sarebbero stati eliminati col governo precedente, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Due professioni interessanti..
      Così metti fra i lavori illegali anche fare politica :D
  • Anonimo scrive:
    Anch'io ho fatto lo stesso errore...
    Al colloquio ho trovato quello che dovevo affiancare come aiutante, gli ho proposto il mio prezzo e sembrava tutto ok, poi quando mi ha fatto vedere l'analisi ed il progetto del sofware che si doveva realizzare ho cominciato ad evidenziare delle evidenti mancanze ed ingenuita' immediatamente riscontrabili da chiunque... tranne da quello che dovevo affiancare, autore del "progetto", che non ha gradito :Ragazzi in certi casi e' meglio apparire scemo ed impreparato come quello che hanno poi assunto. :'(
  • Anonimo scrive:
    Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
    - Scritto da: reggiani
    Non è che ti scartano perchè
    sei uno sbruffone?Non è che stai rosicando perche' non ti è mai successo ?:P
  • Anonimo scrive:
    Com'e' possibile?
    TUTTI .. dico .. TUTTI .. si lamentano dicendo che sono bravi/bravini/qualificati e che non trovano lavoro.Pero' tutti lavorano .. pero' nessuno di quelli che trova lavoro dice: so veramente poco, ma per questo trovo lavoro.TUTTI hanno colleghi che non capiscono un tubo e sono piu' scarsi di loro ..Com'e' possibile?IO voglio cambiare: ammetto di aver trovato lavoro per fortuna e che ho colleghi qualificati con i quali lavoro. Che male c'e' a dirlo?
    • Alex Acero scrive:
      Re: Com'e' possibile?
      Non c'è niente di male. Se poi, vista la fortuna avuta, riesci ad imparare dai tuoi colleghi e lavorare sodo per arrivare alla stessa preparazione (ma magari l'hai già raggiun ta nel frattempo) ancora meglio.In un cantiere edile si impara dagli operai con maggiore esperienza e nessuno trova la cosa anomala.Se anche nella professione informatica si iniziasse ad ammettere la possibilità di dire: non saprei, mi documento e rispondo, sarebbe un buon inizio...
      • Anonimo scrive:
        Re: Com'e' possibile?

        Se anche nella professione informatica si
        iniziasse ad ammettere la possibilità
        di dire: non saprei, mi documento e
        rispondo, sarebbe un buon inizio...Parole sante!
      • Anonimo scrive:
        Re: Com'e' possibile?
        - Scritto da: Alex Acero
        Se anche nella professione informatica si
        iniziasse ad ammettere la possibilità
        di dire: non saprei, mi documento e
        rispondo, sarebbe un buon inizio...No per carità ma che scherzi? Ti segano! Gli dai il primo buon motivo per segarti perché non sei un professionista, non sai farti rispettare, un professionista sa-tutto ( anche se non è capace di fare ).
    • The Raptus scrive:
      Re: Com'e' possibile?
      - Scritto da: Anonimo
      TUTTI .. dico .. TUTTI .. si lamentano
      dicendo che sono bravi/bravini/qualificati e
      che non trovano lavoro.
      Pero' tutti lavorano .. pero' nessuno di
      quelli che trova lavoro dice: so veramente
      poco, ma per questo trovo lavoro.

      TUTTI hanno colleghi che non capiscono un
      tubo e sono piu' scarsi di loro ..

      Com'e' possibile?IO NON HO UN LAVORO!HO 39 ANNI, 40 L'ANNO CHE STA ARRIVANDO, UNA LAUREA ED UN CURRICULUM ABBASTANZA BUONO.LA DITTA DOVE LAVORAVO PRIMA HA CHIUSO, ED IO SONO A PIEDI DA 18 MESI!Spero di (non) essere il solo ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Com'e' possibile?

        IO NON HO UN LAVORO!
        HO 39 ANNI, 40 L'ANNO CHE STA ARRIVANDO, UNA
        LAUREA ED UN CURRICULUM ABBASTANZA BUONO.
        LA DITTA DOVE LAVORAVO PRIMA HA CHIUSO, ED
        IO SONO A PIEDI DA 18 MESI!


        Spero di (non) essere il solo ...Se vai ai colloqui urlando non mi meraviglia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Com'e' possibile?
        - Scritto da: The Raptus
        IO NON HO UN LAVORO!
        HO 39 ANNI, 40 L'ANNO CHE STA ARRIVANDO, UNA
        LAUREA ED UN CURRICULUM ABBASTANZA BUONO.
        LA DITTA DOVE LAVORAVO PRIMA HA CHIUSO, ED
        IO SONO A PIEDI DA 18 MESI!
        Spero di (non) essere il solo ...consolati non sei l'unico...io non ho un lavoro da 4 mesi
      • Anonimo scrive:
        Re: Com'e' possibile?

        IO NON HO UN LAVORO!
        HO 39 ANNI, 40 L'ANNO CHE STA ARRIVANDO, UNA
        LAUREA ED UN CURRICULUM ABBASTANZA BUONO.
        LA DITTA DOVE LAVORAVO PRIMA HA CHIUSO, ED
        IO SONO A PIEDI DA 18 MESI!


        Spero di (non) essere il solo ...da uno che mette nel profilo"Vera vocazione: maniaco sessuale!"non mi meraviglio ....
  • Anonimo scrive:
    Siti Web...
    Ok fare siti web non programmare ma...In azienda facciamo anche quello ed il piu' delle volte ci appoggiamo su grafici convertiti dalla stampa al web, che collaborano, non senza attriti, con programmatori che sviluppano la cosidetta parte dinamica del sito.Preferiremmo utilizzare risorse interne ma arrivano dozzine e dozzine di curriculum in azienda di aspiranti "web master", "web designers", "web docotor" (ma sono stati tutti al cepu?) con delle liste di capacita' impressionanti:esperienza decennale nella creazione di siti web.esperienza dedennale nella analisi, progettazione, sviluppo di complesse piattaforme di e-commerce con l'utilizzo di qualsiasi sql server o linguaggio di scripting.Alla richiesta di mandare una lista di quello che hanno realizzato crolla il palco, o non mandano nulla oppure oscenita' che se mostrate al cliente quello non ti richiama piu' vita natural durante.Scusate ma tra tutti i wannabe, smanettoni, e so-far-tutto-mi, che ci sono in giro preferisco assumere un laureato almeno quello sono sicuro che qualcosa sa fare!
  • Anonimo scrive:
    Fanno bene a scartare i troppo qualific
    Forse fanno bene a scartare i troppo qualificati.E' successo anche a me piu' volte.Vi risparmiano il dover fare un lavoro di cacca.Un lavoro svolto al di sotto delle proprie competenze, non serve, non aiuta, e nell'informatica e' un suicidio andare 'all'indietro'.Dovete mangiare e quindi accettereste qualunque lavoro ?In questo caso secondo me l'informatica non e' il mercato giusto, oggi, domani si vedra'.Se lavori solo x sopravvivere, il lavoro nell' informatica e' un inferno: ti fanno fare cose che sai gia', che non ti servono, e' tempo perso. Ti pagano meno di quello che ti spetterebbe per le tue competenze e, soprattutto, non ti fanno MAI ASSOLUTAMENTE crescere (sei gia' cresciuto, ma questo non piace).Nell IT, o si va avanti o, sencondo me, si 'muore'.Se poi ti fai una piccola analisi di coscienza, stai offrendo competenze che non vengono apprezzate ad un costo che viene apprezzato ancora meno.Tu stesso non ti compreresti mai a queste condizioni.Il fatto che poi venga assunto, al posto tuo, il 'cravattino' di turno, che fara' dannare il cliente, che fara' danni, che il cliente andra' in malora (e il mercato con esso)....beh, questo non e' affare tuo e non ti dovrebbe riguardare, non ci puoi fare niente.In fondo, il cliente ha pur sempre ragione, anche quando vuole suicidarsi.Cosa resta ? Credo sia opportuno pensare seriamente a mettersi in proprio, usare le proprie competenze per se stessi, per un proprio progetto con, magari, un proprio marchio. Se mancano i fondi, e' opportuno trovare un socio finanziatore.Il mercato IT e' vastissimo e in Italia manca praticamente tutto.Ciao e buon nataleHazet cloop@hotmail.comP.S. Se anche a voi e' capitato di essere scartato per troppa competenza e volete mettervi in proprio (o volete finanziare nuove imprese nell' IT) beh, anche io ho lo stesso problema, se vi va scrivetemi che magari ci si conosce e ci si organizza.
  • Anonimo scrive:
    Magari da Gino il parrucchiere...
    Scusate, una società che ha bisogno di uno che colleghi il Pc ad internet non ha bisogno di un grande esperto, ma ci sono anche aziende che hanno bisogno di personale qualificato. Il problema è che in Italia sono più le prime delle seconde, e allora, forse, è meglio cercare di riciclarsi in altre mansioni...
  • fstringa scrive:
    Dipende da molti fattori....
    Purtroppo l'assunzione di una persona in una azienda è determinata da molti fattori.Il più importante e l'obiettivo che l'azienda si è prefissata; ad esempio le società interinali hanno come obiettivo quello di guadagnare il più possibile quando stipulano un contratto per la fornitura di personale; risulta logico che tendono a prendere persone che si accontentino del meno possibile e il rapporto con loro e solo della durata del contratto e sei competente e il loro cliente è soddisfatto è probabile che potresti essere "richiamato" per dei lavori futuri. Se poi puntano anche ad un'immagine di professionalità si creano delle società apposta, vedi Ajilon società esperta nel recrutamento di personale IT del gruppo Adecco, che sono più generici, ma la musica non cambia devi sempre costare il meno possibile.Se un'azienda si è prefissata obiettivi di qualità e competenza (Vedi Accenture),puntano ad assumere solo laureati (che dovrebbero garantigli quello che cercano);Sapete come è finita?pagavano troppo i consulenti a cui subappaltavano i lavori non di responsabilità e hanno deciso di aprire una società dove assumono diplomati o gente con esperienza che supportano i dipendenti Accenture. :DSecondo me, e per mia esperienza personale quando mandi un curriculum devi comuque scegliere dove mandare il curriculum non puoi buttarti su tutto quello c'è in giro sopratutto in questo periodo di crisi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dipende da molti fattori....
      - Scritto da: fstringa
      Secondo me, e per mia esperienza personale
      quando mandi un curriculum devi comuque
      scegliere dove mandare il curriculum non
      puoi buttarti su tutto quello c'è in
      giro sopratutto in questo periodo di
      crisi...conosco persone che personalizzano il curriculum a seconda dell'offerta di lavoro. qualcun'altro aggiunge conoscenze che non ha, ma che sono nella descrizione dell'offerta. poi si butta, o la va o la spacca. quest'ultima a me ha funzionato + di una volta...
  • Alex Acero scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    Certo che a mordere prima di verificare se si tratta di garretti o di un palo della luce siete sicuramente molto bravi. A farlo anonimamente poi, dei mostri di bravura.Non sono un selezionatore, sono un imprenditore informatico da quindici anni.Cerco gente preparata che pago esattamente quello che mi chiede, a condizione che sappia fare quello che dice e me lo dimostri nei tre mesi di prova prima del contratto. Tre mesi che vengono pagati come fossero assunti, al centesimo.Cerco gente motivata, che abbia voglia di studiare (nessuno nasce imparato e non pretendo che tutti sappiano tutto quello che mi serve) e che ad impegno preso, lo mantenga.Cerco persone per bene, cosa che vuol dire anche non darsi malati due giorni prima della consegna di un progetto solo perchè la sera prima si è fatto tardi con la ragazza/o.Non cerco smanettoni improvvisati e cantinari ripuliti, programmatori folli che conoscono dieci linguaggi ma non sono in grado di interfacciarsi con un collega, non cerco opinionisti di quelli che dicono che Linux è bellissimo e MS fa schifo (o viceversa, è lo stesso) tanto per darsi un tono.Cerco insomma gente normale, con una normale preparazione, con un cervello normale come il mio, possibilmente acceso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      Facciamo sul serio, io sto cercando lavoro. In che città? Che stazza ha l'azienda? Vi interessa un esperto di sicurezza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      - Scritto da: Alex Acero
      Certo che a mordere prima di verificare se
      si tratta di garretti o di un palo della
      luce siete sicuramente molto bravi. A farlo
      anonimamente poi, dei mostri di bravura.Tu invece fai tutto alla luce del sole non è vero?

      Non sono un selezionatore, sono un
      imprenditore informatico da quindici anni.
      Bla bla bla....
      Cerco gente preparata che pago esattamente
      quello che mi chiede, a condizione che
      sappia fare quello che dice e me lo dimostri
      nei tre mesi di prova prima del contratto.
      Tre mesi che vengono pagati come fossero
      assunti, al centesimo.
      Bla bla bla e la lingua batte dove il dente ...
      Cerco gente motivata, che abbia voglia di
      studiare voglia che a te è passata da un bel po' di tempo, di' la verità.
      (nessuno nasce imparato e non
      pretendo che tutti sappiano tutto quello che
      mi serve) e che ad impegno preso, lo
      mantenga.nooooo lui non pretende e di nuovo la lingua batte dove il dente ...
      Cerco persone per bene, cosa che vuol dire
      anche non darsi malati due giorni prima
      della consegna di un progetto solo
      perchè la sera prima si è
      fatto tardi con la ragazza/o.Se racconti questo aneddoto vuole dire che ti è già successo e che hai selezionato TU quelle persone e ciò la dice lunga.Se scappano, non mantenendo l'impegno o si danno malati due giorni prima della consegna di un progetto, allora c'è un problema e credo di averlo già individuato...
      Non cerco smanettoni improvvisati e
      cantinari ripuliti, che presto diventeranno imprenditori informatici?
      programmatori folli che
      conoscono dieci linguaggi ma non sono in
      grado di interfacciarsi con un collega, Interfacciarsi ? Forse volevi dire RELAZIONARSI o CORRELARSI o RAPPORTARSI con un collega.Uno che ha un cervello normale come il tuo saprà sicuramente che i dipendenti sono persone UMANE e non pezzi di elettronica bruciata; o hai il cervello in Stand By da quindici anni?
  • Anonimo scrive:
    Re: A me ne e' successa una peggiore
    - Scritto da: Anonimo
    Lavoro da 25 nel campo dell'IT, ho cominciato
    con le schede perforate, ho quasi 50 anni, e
    mi sono
    sentito dire: "lei sarebbe l'ideale per noi,
    ma non e' laureato,
    non posso presentare il mio esperto ad un
    cliente senza
    dire questo e' il DOTTOR tale dei tali, ci
    rimetterei in
    immagine", ho saputo dopo che hanno assunto
    un ingegnere 28enne, figlio di un amico del
    titolare, che e' presente in ufficio 2
    giorni su 5.

    Ciao

    AlbertoGuarda che ti e' andata benissimo.Clienti come quelli e' meglio perderli che trovarli.Che fai ? rimpiangi una posizione dove comunque ti avrebbero guardato strano perche' non hai un pezzo di carta ?? Sei messo cosi' male ?
    • Anonimo scrive:
      Re: A me ne e' successa una peggiore

      Che fai ? rimpiangi una posizione dove
      comunque ti avrebbero guardato strano
      perche' non hai un pezzo di carta ?? Sei
      messo cosi' male ?
      Quando hai bisogno perche' dove stai lavorando chiude ti attacchi a tuttoAlberto
  • Anonimo scrive:
    Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
    Nessun paese è perfetto, altrimenti avremmo migrazioni di massa epocali. E questo vale, ovviamente, anche per l'Australia.Ma, dato per assunto che il nostro amico è molto in gamba come dice, e qui non è apprezzato e gli tocca svalutarsi per lavorare, cosa ha da perdere a cercare altrove?Se sono capace solo di inserire dati in un computer da ufficio, oppure ho sempre fatto la panettiera, avrò le stesse possibilità qui o all'estero. Ma se sono uno dei (relativamente) pochi a essere bravi nel mio campo ad alta specializzazione, allora avrò opportunità anche su Marte, dove magari riuscirò a realizzarmi molto più di quanto possa fare qui.Non c'è niente di male a andare in un altro posto, a meno che non riesci a fare a meno della pasta che ti cucina la mamma (se sei un quindicenne capisco, non se sei un uomo). La vita ha una componente di rischio, capita almeno una volta in cui ci si deve mettere completamente in gioco.Non farlo, perché siamo trattenuti dalla situazione attuale (la mia terra, la mia città, persino i miei affetti) significa che non siamo persone completamente LIBERE.
    • The Raptus scrive:
      Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
      Ho dei parenti immigrati, in massa quasi, in Australia. 50 anni fa, dove lavoravi la terra, eri lontano dai centri abitati e quasi ci perdevi la testa dalla solitudine. OK, cambiare paese (non città o regione!) può essere un ripiego, non la soluzione !! Io sono attaccato alle mie tradizioni, alla mia terra. Non ho nulla qui: nè moglie nè figli che mi debbano seguire, nè casa. Solo un papà malatissimo ed una mamma che avrebbero bisogno di me, ma nn me ne sto qui per questo!Amo il mio paese "anche se" ... e la lista è lunga. Partire è un p' morire si diceva, ed abbandonare la barca non mi piace molto. Preferirei combatere ancora un po!
      • gottama scrive:
        Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
        - Scritto da: The RaptusSNIP
        Amo il mio paese "anche se" ... e la lista
        è lunga. Partire è un p'
        morire si diceva, ed abbandonare la barca
        non mi piace molto. Preferirei combatere
        ancora un po!Io ho già combattuto abbastanza, per scoprire che nulla cambierà se non in peggio. Per questo, finito il mio bel progettino attuale in Italia, me ne torno all'estero.Pur non facendo io parte di queste categorie, vi siete mai chiesti perché i premi nobel italiani e i migliori cervelli abitano e lavorano tutti all'estero? Semplice, perché in Italia non c'è bisogno di loro e non li vogliono.Conosco dei trentenni italiani che lavorano in Inghilterra a progetti di un tale spessore high-tech che qui non ne vedremo mai neanche le ricadute (no, non sono nuove suonerie per telefonini)...Tanto la pasta De Cecco o Barilla la trovano in tutti i supermercati...Comunque tripli auguri, perché tuo papà guarisca, per le feste, e perché ti diano il coraggio di sopportare ancora il tuo paese.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
          - Scritto da: gottama
          Io ho già combattuto abbastanza, per
          scoprire che nulla cambierà se non in
          peggio. Per questo, finito il mio bel
          progettino attuale in Italia, me ne torno
          all'estero.beato te che ci puoi andare, io purtroppo non ho finanze sufficienti per l'espatrio sennosarei gia partito da un bel po :(cerco di rabattarmi alla meglio,mi servono poche mensilitàe poi finalmente posso tornare in UK.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non essere codardo! (non è un'offesa
        - Scritto da: The Raptus
        è lunga. Partire è un p'
        morire si diceva, ed abbandonare la barca
        non mi piace molto. Partire è iniziare una nuova vita... e se la barca affonda prima o poi va abbandonata, altrimenti sui traghetti non ci sarebbe lo scialuppe.
        Preferirei combatere ancora un po!Fallo pure... ti auguro di riuscire oppure di capire in tempo che è una battaglia persa.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Caro amico....
    se ti può consolare non sei da solo!E' capitato anche a me ed alla fine ho scoperto che meno fai vedere che sai, meglio è! Non serve far vedere che hai una laurea, hai frequentato dei corsi di specializzazione, sei appassionato, conosci bene i programmi ed il computer, le imprese, specialmente le medio-piccole, assumono attraverso amicizie e conoscenze anche se d'informatica & c. non ne capisci una m*zza!!!Siccome vogliono sempre risparmiare prendono gente che ha qualifiche basse, perchè se devono assumere un laureato con tanto di curriculum non lo fanno, altrimenti questi vuole uno stipendio adeguato e loro non sono disposti a pagare!!!Una volta è capitato che rispondendo ad un annuncio per un tirocinio formativo in una piccola ditta ho scoperto che questi infami volevano una persona già esperta come Amministratore di sistema che doveva gestire la rete interna e provvedere anche ad effettuare riparazioni hardware (una figura da retribuire con uno stipendio almeno di 1200 euro) alla misera retribuzione di 480 euro/mese come rimborso spese!!!!Del tirocinio non c'era nemmeno l'ombra!!!!Per educazione non gli ho risposto, ma meritavano una risposta MOLTO volgare!Inoltre molti vengono assunti come apprendisti o collaboratori, svolgendo il lavoro come effettivi dipendenti, ed alla fine se la prendono in quel posto perchè vengono lasciati a casa dopo il periodo di apprendistato, perchè assumono un altro sventurato, oppure perchè magari hanno trovato qualcuno che si accontenta di una "retribuzione" minore della tua!!!!ED IL FATTO PIU' GRAVE E' CHE LE LEGGI IN ITALIA PERMETTONO TUTTO CIO'!E' SOLO UNA VERGOGNA!!!!:@:@:@
  • Anonimo scrive:
    Ridicolo!
    Ridicolo. Ho una laurea in Informatica presa con il massimo dei voti un anno e mezzo fa (a 24 anni). In più lavoravo già da due anni e mezzo compresi 9 mesi all'estero.Non credo proprio di essere scarsamente qualificato.Eppure ho iniziato un nuovo lavoro giusto due mesi fa.E' vero, ho dovuto cercare tanto per cambiare lavoro, ma semplicemente non ho risposto ad annunci poco seri.af
  • Anonimo scrive:
    Re: Non essere codardo! (non è un'offesa)
    In bocca al lupo a te!Ultimamente l'Australia è mitizzata, raccontata come il paese delle grandi opportunità.Non è proprio così.Parola di Australiana che vive in Italia.Ciao!
  • Anonimo scrive:
    di questo passo qualcuno dirà pure...
    Sì, dai, andiamo su marte che lì cercano persone in gamba e pagano bene! :D
  • kanji1978 scrive:
    Re: Linux è l'arma
    Confermo... ho fatto diversi colloqui e tutti erano molto interessati al mio livello di conoscenza del pinguino!
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Linux è l'arma
      - Scritto da: kanji1978
      Confermo... ho fatto diversi colloqui e
      tutti erano molto interessati al mio livello
      di conoscenza del pinguino!Io sono stato assunto in buona parte per la mia conoscenza di linux, è stato l'argomento principale del colloquio!TAD
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux è l'arma
    - Scritto da: Anonimo
    Linux è l'unico settore in crescita.
    Impara bene quello e tutto (beh, molto) di
    quello che gli gravita attorno.
    Non ti tratteranno più così.
    Avranno bisogno di te. E potrai farglielo
    pagare, il loro bisogno.
    Parlo per esperienza.Si, guarda un pò. Da noi hanno fatto dei contratti con dei sistemisti Linux in India e mandato via quelli che avevamo qua.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è l'arma
      - Scritto da: Anonimo
      Si, guarda un pò. Da noi hanno fatto
      dei contratti con dei sistemisti Linux in
      India e mandato via quelli che avevamo qua.quindi la tua azienda e' inutile per lo sviluppo dell'economia italiana. Meriterebbe solo di fallire.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux è l'arma


        Da noi hanno fatto

        dei contratti con dei sistemisti Linux

        in India e mandato via quelli che

        avevamo qua.
        quindi la tua azienda e' inutile per lo
        sviluppo dell'economia italiana. Meriterebbe
        solo di fallire.Le aziende non esistono per il bene dell'economia di questo o quel paese, ma per la propria.
  • Anonimo scrive:
    Non essere codardo! (non è un'offesa)
    Se sei veramente in gamba come dici, con un curriculum importante, e non ho motivi per dubitare, perché ti limiti alla tua città-regione-nazione?Se sei davvero bravo nell'IT, conoscerai sicuramente bene l'inglese. Allora, hai l'Europa aperta davanti! Cosa aspetti? Dovunque, al di fuori dell'Italia, cercano persone di talento, che vengono pagate almeno due volte e mezzo quanto prenderesti qui.Ma non c'è solo l'Europa. Ci sono gli Stati Uniti, o ancora meglio l'Australia (posano il tappeto rosso per esperti in qualsiasi disciplina scientifica che intendano emigrare da loro). Certo, non sarai più vicino a mammà, agli amici del bar, ma ti realizzeresti professionalmente.Io devo laurearmi in ingegneria informatica, lavoro nel campo da anni e sono fortunatamente apprezzato, ma mi pagano poco per il costo della vita attuale. Ho già preventivato proprio di emigrare dopo la laurea, probabilmente in Australia. E non da solo, ma con moglie e due figlie piccole. Ricominciare una nuova vita, nuovi orizzonti, altre possibilità, per me e per loro.Se sei bravo, vai dove ti possono veramente apprezzare. Altrimenti, ingoia il rospo e non ti lamentare (detto senza cattiveria).In bocca al lupo!
  • Anonimo scrive:
    Re: o povera stella
    - Scritto da: Anonimo
    skillato....Che schifo...Non avevo mai letto insulto peggiore alla lingua italiana.
  • Anonimo scrive:
    Linux è l'arma
    Linux è l'unico settore in crescita. Impara bene quello e tutto (beh, molto) di quello che gli gravita attorno.Non ti tratteranno più così. Avranno bisogno di te. E potrai farglielo pagare, il loro bisogno.Parlo per esperienza.CiaoF.
  • xlthlx scrive:
    Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
    ...grazie per aver gratuitamente insultato le persone (me compresa) che si trovano di fronte questa tristissima realta' e sono a dir poco incredule.non e' questione di essere sbruffoni, e' una questione reale: le persone che hanno un cervello e una preparazione sono considerate 'scomode', e quindi fanno fatica a trovare un lavoro.si vede che a te non e' mai successo...
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
      - Scritto da: xlthlx
      ...grazie per aver gratuitamente insultato
      le persone (me compresa) che si trovano di
      fronte questa tristissima realta' e sono a
      dir poco incredule.
      non e' questione di essere sbruffoni, e' una
      questione reale: le persone che hanno un
      cervello e una preparazione sono considerate
      'scomode', appunto scomode perche considerandosi superiori rompono i cocomeri al prossimo sbandierando la loro preparazione e abbondanza di cervello quindi SBRUFFONI
      e quindi fanno fatica a trovare
      un lavoro.
      si vede che a te non e' mai successo...forse all'amico che scrive SBRUFFONI non è mai successo perchè non si ritiene superiore e non sta sulle scatole al prossimo, si sa vendere e trova occasioni ed opportunità migliori di quelle che potrebbe trovare considerandosi sbruffoneBYE
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!


        [...] le persone che hanno un

        cervello e una preparazione sono
        considerate

        'scomode',
        appunto scomode perche considerandosi
        superiori rompono i cocomeri al prossimo
        sbandierando la loro preparazione e
        abbondanza di cervello quindi SBRUFFONI


        e quindi fanno fatica a trovare

        un lavoro.

        si vede che a te non e' mai successo...

        forse all'amico che scrive SBRUFFONI non
        è mai successo perchè non si
        ritiene superiore e non sta sulle scatole al
        prossimo, si sa vendere e trova occasioni ed
        opportunità migliori di quelle che
        potrebbe trovare considerandosi sbruffone io per fortuna sto lavorando ma capisco cosa vuoi dire: a volte quando un cliente o un collega (piu' spesso un capo) mi prospetta una soluzione pasticciata, arzigogolata, costosa, rischiosa, instabile , scorretta ecc. non riesco a fare buon viso a cattivo gioco e devo dirgli tutte le pecche e quando mi obbliga a adottarla devo dirgli che e' una stupidaggine e perche' e quando vengono fuori i problemi devo ricordargli che e' stata una stupidaggine fare a quel modo, inoltre quando sento gente vendere fumo riempiendosi la bocca con i termini dell'ultima moda tecnologica senza considerare i limiti e le modalita' in cui tale tecnologia ha senso devo intervenirepero' le rarissime volte che ti trovi con gente che ha anche interesse e passione per il proprio lavoro e non solo per i guadagni la fama o le gerarchie fai un ottimo lavoro e ti diverti puresi lo so sono uno sbruffone e ho un carattere di m. e capisco e difendo chi e' come me ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
      - Scritto da: xlthlx
      ...grazie per aver gratuitamente insultato
      le persone (me compresa) che si trovano di
      fronte questa tristissima realta' e sono a
      dir poco incredule.
      non e' questione di essere sbruffoni, e' una
      questione reale: le persone che hanno un
      cervello e una preparazione sono considerate
      'scomode', e quindi fanno fatica a trovare
      un lavoro.
      si vede che a te non e' mai successo...te stai alla finsiel, che era ora che venisse cancellata
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
      - Scritto da: xlthlx
      questione reale: le persone che hanno un
      cervello e una preparazione sono considerate
      'scomode', e quindi fanno fatica a trovare
      un lavoro.e dai, basta su.Vi è mai capitato di pensare che forse se venite scartati non è perchè avete 'cervello e preparazione' ma piuttosto perchè non sapete fare un tubo?Siamo al limite della follia, quando c'è magra le società tendono ad assumere persone con preparazione doppia e che lavorino il doppio per dimezzare il costo del personale, con il solito stipendio del programmatore medio.Quindi voi superpreparati dovreste trovare un facile cammino.La verità è un'altra, siete voi che non volete essere assunti per essere pagati il normale.A queste condizioni non andate da nessuna parte.
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
        Mi sa che sei tu che non hai capito... quelle persone prendono e se ne vanno, molto semplicemente
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
        ...
        La verità è un'altra, siete
        voi che non volete essere assunti per essere
        pagati il normale.Scusa quale e' la tariffa che tu chiami 'normale' ?Non esiste una tariffa 'normale' ! Ed e' bello cosi'.Peccato solo per chi si svende.Un consulente viene affittato ai clienti a prezzi altissimi, si sa, che male c'e' a chiederne una giusta parte ?
        A queste condizioni non andate da nessuna
        parte.Alle altre condizioni finiamo dritti dritti nei meandri piu' reconditi della gerarchia sociale e senza un euro in tasca quando ne avremmo bisogno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Le rendite di posizione...
    Peccato per chi ha famiglia... non è cosi facile emigrare...morphy, a body rented
    • gottama scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: Anonimo
      Peccato per chi ha famiglia... non è
      cosi facile emigrare...

      morphy, a body rentedSi tratta appunto di una scelta di vita, mia moglie l'ho conosciuta a Bruxelles, lei conosce il mio mestiere e le mie esigenze di mobilità, mi segue e mi aiuta. Ho anche una figlia piccola e un altro figlio in arrivo, per questo conto molto su mia moglieTra l'altro, i sistemi sociali dei paesi nordici, insieme ai salari più elevati, permettono tranquillamente di vivere con un solo stipendio (elevato). Vi assicuro che chi fa questa scelta non si pente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Le rendite di posizione...

        Si tratta appunto di una scelta di vita, mia
        moglie l'ho conosciuta a Bruxelles, lei
        conosce il mio mestiere e le mie esigenze diMi dovrei trasferire a Bruxelles a maggio/giugno. Posso contattarti in qualche modo per avere informazioni ?
  • Anonimo scrive:
    Re: o povera stella
    - Scritto da: Anonimo
    Questa mi sa di puttanata grossa
    Io credo che ti scartino perche non sei
    sufficientemente
    skillato....ouh skillato... mi sa che ti scartano perchè non sei abbastanza italianato
  • Anonimo scrive:
    "troppo qualificato"
    ricordo di averlo visto su... Proposta indecente? si chiamava così? quel film dove demi moore accettava una barca di soldi per andare con un ricco che se la voleva sbattere ... e poi il marito si trova un po' dappertutto ... e in alcuni posti gli dicono "troppo qualificato"perchè con quelle conoscenze e quel curriculum avrebbero dovuto dargli troppi soldi! ... è sempre questo il motivoe alla fine se non erro va ad insegnare
  • Anonimo scrive:
    E' tutto vero...
    Io sono due anni che cerco un altra azienda, ma quando capiscono che sei uno che ne capisce, ti scartano perché ti dovrebbero pagare troppo.Poi sinceramente mi fanno inca**are le richieste di lavoro del tipo: Neolaureato, max 22enne con almeno 3 anni di esperienza certificata. Ma che si deve fare? Andare all'univ. in fasce?
  • reggiani scrive:
    AHAHAHAHAHAHAHAHA !!!!!!
    Non è che ti scartano perchè sei uno sbruffone?
  • gottama scrive:
    Le rendite di posizione...
    ...degli incompetenti svaniranno molto presto, ma sarà ormai troppo tardi.Inutile massacrare l'autore della lettera, molto probabilmente, dopo che si sarà stufato dei soliti raccomandati e dei dirigenti titolatissimi ma altrettanto incompetenti, il nostro amico andrà a lavorare in un qualsiasi paese dell'area anglosassone o nordeuropea in genere, dove il costo della vita è pari a quello italiano, così come la pressione fiscale, ma i salari e i fringe benefits sono incommensurabilmente più elevati (anche per i body-rented), la sanità funziona e le chiacchiere stanno a zero.E' la strada che ho scelto io, tra l'altro, anche se ora sono in Italia, prestato perché madrelingua per lavorare al più grosso progetto italiano dei prossimi 2 anni, ma quando in marzo 2006 finirà (e non vedo l'ora), tornerò senza nessun rimpianto nella capitale europea a guardare da lontano il declino del nostro ex bel paese, affossato da disservizi, malasanità, burocrazia, assistenzialismo, inefficienze e tuttologi.A chi dispone di vere competenze e conosce bene almeno una lingua oltre all'italiano (lo 0.02 della popolazione) consiglio di fare un giro sui siti internazionali di offerte di lavoro (monster, stepstone ecc.) e di fare un piccolo confronto. Fatto il confronto, inviati i vostri bei CV, fate il grande passo, non ve ne pentirete.Per gli altri, coraggio, lo so che è dura.
    • Anonimo scrive:
      Re: Le rendite di posizione...
      - Scritto da: gottama
      ...degli incompetenti svaniranno molto
      presto, ma sarà ormai troppo tardi.
      Inutile massacrare l'autore della lettera,
      molto probabilmente, dopo che si sarà
      stufato dei soliti raccomandati e dei
      dirigenti titolatissimi ma altrettanto
      incompetenti, il nostro amico andrà a
      lavorare in un qualsiasi paese dell'area
      anglosassone o nordeuropea in genere, dove
      il costo della vita è pari a quello
      italiano, così come la pressione
      fiscale, ma i salari e i fringe benefits
      sono incommensurabilmente più elevati
      (anche per i body-rented), la sanità
      funziona e le chiacchiere stanno a zero.
      E' la strada che ho scelto io, tra l'altro,
      anche se ora sono in Italia, prestato
      perché madrelingua per lavorare al
      più grosso progetto italiano dei
      prossimi 2 anni, ma quando in marzo 2006
      finirà (e non vedo l'ora),
      tornerò senza nessun rimpianto nella
      capitale europea a guardare da lontano il
      declino del nostro ex bel paese, affossato
      da disservizi, malasanità,
      burocrazia, assistenzialismo, inefficienze e
      tuttologi.
      A chi dispone di vere competenze e conosce
      bene almeno una lingua oltre all'italiano
      (lo 0.02 della popolazione) consiglio di
      fare un giro sui siti internazionali di
      offerte di lavoro (monster, stepstone ecc.)
      e di fare un piccolo confronto. Fatto il
      confronto, inviati i vostri bei CV, fate il
      grande passo, non ve ne pentirete.
      Per gli altri, coraggio, lo so che è
      dura.A Gennaio mi trasferisco a Londra....la penso esattamente come te...
  • The Raptus scrive:
    Re: A me ne e' successa una peggiore
    Ti credo, e me ne dispiace.Succede sempre così, ma non penso che il problema sia dire "ho un ing. a libro paga".Piuttosto 'sto raccomandato farà poca strada, perchè a 28 anni che competenze vuoi che abbia ?Io mi sono sentito dire "un Ing. vuole essere chiamato dottore (!), essere pagato di più e fa lo stesso lavoro di un tecnico, mentre lui non vuole sporcarsi le mani".Io ne ho 40 di anni, ed una laurea ma credimi, non è quella che ti manca.Manca un mercato serio!Se lui lavora 2 gg su 5, a te ne sarebbe mancato il lavoro. Che facevi 4 ore a settimana?Ciao ed auguri==================================Modificato dall'autore il 23/12/2004 8.46.16
  • Anonimo scrive:
    Re: A me ne e' successa una peggiore
    - Scritto da: Anonimo
    mi sono
    sentito dire: "lei sarebbe l'ideale per noi,
    ma non e' laureato,
    non posso presentare il mio esperto ad un
    cliente senza
    dire questo e' il DOTTOR tale dei tali, ci
    rimetterei in
    immagine", Triste, ma non ha tutti i torti.
    ho saputo dopo che hanno assunto
    un ingegnere 28enne, figlio di un amico del
    titolare, che e' presente in ufficio 2
    giorni su 5.Se deve solo far immagine, evidentemente tanto basta...
    • Anonimo scrive:
      Re: A me ne e' successa una peggiore


      Se deve solo far immagine, evidentemente
      tanto basta...allora che non cerchi un informatico ma un fotomodello !:'(:'(
  • The Raptus scrive:
    Re: non generalizzare amico
    Ok, hai ragione.Io non sono uno "veramemente" capace, sono solo bravino, ho la mia esperienza e molte persone che mi stimano. Sono però migliore di molte teste d'uovo che mi giudicano.Pensa bene, troverai SEMPRE qualcuno più in gambadi te, ed in un settore così rapido ad evolversi l'essere bravo (ocompetente) dura pochi mesi.Per lavorare cosa devo fare? cambiare mestiere?
    • Alex Acero scrive:
      Re: non generalizzare amico
      Raptus,essere "bravino", avere esperienza ed essere stimati dovrebbe assolutamente essere sufficiente a lavorare con soddisfazione (personale ed economica). E' in realtà quello che normalmente succede in altre professioni non informatiche ma che invece nel nostro settore sembra diventare sempre più difficile.Nelle altre professioni però (non tutte ovviamente, ma molte) c'è meno "rumore di fondo" e più sostanza. Esistono cioè delle "barriere" all'ingresso sul mercato che nell'informatica, di fatto non ci sono. Gli "informatici di fatto" sono troppi e nella confusione è difficile farsi valere, anche se il valore c'è tutto.
      • Anonimo scrive:
        Re: non generalizzare amico

        essere "bravino", avere esperienza ed essere
        stimati dovrebbe assolutamente essere
        sufficiente a lavorare con soddisfazione
        (personale ed economica). qui mi sfugge da dove dovrebbe venire la soddisfazione economica... [CUT]
        Nelle altre professioni però (non
        tutte ovviamente, ma molte) c'è meno
        "rumore di fondo" e più sostanza.
        Esistono cioè delle "barriere"
        all'ingresso sul mercato che
        nell'informatica, di fatto non ci sono. Gli
        "informatici di fatto" sono troppi e nella
        confusione è difficile farsi valere,
        anche se il valore c'è tutto.Sssshhhhhhh !!!! Sei pazzo????? Non dirlo in questo forum che si incaxxano!!!! :D
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: non generalizzare amico

        Nelle altre professioni però (non
        tutte ovviamente, ma molte) c'è meno
        "rumore di fondo" e più sostanza.
        Esistono cioè delle "barriere"
        all'ingresso sul mercato che
        nell'informatica, di fatto non ci sono. limitiamo la cosa ai lavori "tradizionali".In tutti i settori tenologici, dall'informatica alle biotecnologie il problema e' lo stesso cosi' come la diffusione della piaga.
  • Anonimo scrive:
    A me ne e' successa una peggiore
    Lavoro da 25 nel campo dell'IT, ho cominciatocon le schede perforate, ho quasi 50 anni, e mi sonosentito dire: "lei sarebbe l'ideale per noi, ma non e' laureato,non posso presentare il mio esperto ad un cliente senzadire questo e' il DOTTOR tale dei tali, ci rimetterei in immagine", ho saputo dopo che hanno assunto un ingegnere 28enne, figlio di un amico del titolare, che e' presente in ufficio 2 giorni su 5.CiaoAlberto
  • Anonimo scrive:
    Re: Me pare 'na..........
    - Scritto da: Anonimo
    Le motivazioni sono sostanzialmente queste:

    1) motivazione economica (la piu' gettonata)
    2) motivazione apertura nuova filiale
    all'estero (tipico di chi delocalizza o sta
    per delocalizzare in parte le attivita'
    aziendali)
    3) motivazione contrattuale (quella che sega
    di solito le gambe a chi ha dai 30 anni in
    su)
    4) motivazione professionale (quella che ti
    fa riflettere sul paese in cui vivi e dove
    vorresti lavorare)
    5) paura della dipendenza da dipendente
    (tipico delle pmi)
    6) motivazione fiscale (tipico del nord est
    che produce)Guarda che il tutto si riassume complessivamente nel fatto che e' troppo vecchio e chiede troppo.Quello sulla bravura e' solo uno zuccherino...
    • Anonimo scrive:
      Re: Me pare 'na..........

      Guarda che il tutto si riassume
      complessivamente nel fatto che e' troppo
      vecchio e chiede troppo.Tu pensi che avrai sempre 20 anni?:)
  • The Raptus scrive:
    Re: Due professioni interessanti..
    Mai provato a fare il fotografo?No perchè non esiste "una" professione, o lo sai fare, o hai talento, oppure stattene pure a casa!E' natale, altrimenti penserei che tu sei un troll e basta!
    • Anonimo scrive:
      Re: Due professioni interessanti..
      - Scritto da: The Raptus
      Mai provato a fare il fotografo?Si, faccio il fotografo da 15 anni! Ho iniziato come fotoreporter e man mano sono "cresciuto", professionalmente, intellettualmente e artisticametne.
      No perchè non esiste "una"
      professione, o lo sai fare, o hai talento,
      oppure stattene pure a casa!Appunto! Evidentemente non hai capito il senso del mio intervento. Mentre il campo informatico è pieno di gente senza talento che si fa pagare due soldi e toglie il lavoro ai veri professionisti, nel campo fotografico è più diffcile che accada.
      E' natale, altrimenti penserei che tu sei un
      troll e basta!E' natale, altrimenti penserei che tu sei un matrimonialista fallito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Due professioni interessanti..
      - Scritto da: The Raptus
      Mai provato a fare il fotografo?Ah sei un ingegnere! Allora il tuo intervento lo capisco ancora meno..
  • The Raptus scrive:
    A me è successo ieri !!!
    Anzi,perdonatemi perchè era Lunedì!Come consulente non contattanto quanti anni hai ma cosa costi. Allora dopo aver sbragato il mio prezzo all'inverosimile perchè devo mangiare, ancora non sapevo se il2 gennaio avrei lavorato ...Bene, ho contattato il cacciatore di teste (che conosco da 25 anni ... è mio cognato!) che mi ha presentato a quell'azineda:Bene: scartatoperchè troppo qualificato.... Se volete ho molti molti altri esempi, non è la prima volta.So che non è facile crederci, ma ... è così!Buon Natale a tutti!Massimo alias The Raptus!
  • The Raptus scrive:
    Re: Me pare 'na..........
    E' accaduto a me! proprio ieri!Il tuo responsabile "futuro" sa meno di quello che sai tu. E perchè portarsi una serpe in seno?ciao.
  • pandavr scrive:
    EH SI!
    Tu sei TROPPO bravo! Bello illudersi....Ti dò buona quella del "Costo troppo". ;)Ciao==================================Modificato dall'autore il 23/12/2004 8.18.33
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Alex Acero
    Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate
    qualcuno? Li cerco da non so più
    quanto tempo...E' ovvio che non li trovi, hanno il curriculum contraffatto per sembrare meno bravi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Due professioni interessanti..
    - Scritto da: Anonimo
    Una può essere il selezionatore di
    personale, le aziende dicono che cercano,
    cercano, cercano e non trovano..
    evidentemente ci sono molti "cercatori",
    bene perchè non diventare uno di
    loro?

    L'altra prefessione interessante è il
    fotografo. E' bellissimo! Si vive
    fotografando tope e partite allo stadio e
    non è un lavoro adatto ai ragazzini
    segaioli che ti tolgono il lavoro
    perchè si fanno pagare poco, per fare
    il fotografo bisogna anche saper trattare
    con le persone e soprattutto con le modelle
    e questo i suddetti mocciosi segaioli non lo
    sanno fare!Lo sai per eserienza personale o te lo ha detto tuo cugino?
    • Anonimo scrive:
      Re: Due professioni interessanti..
      GLielo ha detto suo cuggino, che ha iniziato fotografando un coccodrillo bianco nelle fogne di Newyork!!Ma i lavori interessanti sono tanti!Uno bello è il rappresentante di forza italia (pagato)sempre se non hai scrupoli morali, puoi conoscere un sacco di persone interessanti (nani e ballerine, soubrettes, inquisiti,avvocati, imprenditori,avvocati, ruffiani,avvocati,ruffiani,emilio fede..) e chi più ne ha più ne metta!!Un altro bel lavoro è l'inviato delle iene:puoi fare un servizio con delle belle ragazze e giustificarti con la tua dicendo che è lavoro.Poi come dimenticare il calciatore..
      • Anonimo scrive:
        Re: Due professioni interessanti..
        Secondo me la migliore di tutte è la carriera del cartomante/astrologo. Costi di avviamento praticamente irrisori (ci sono programmi gratuiti che 'leggono' le carte o fanno l'oroscopo), si mollano un po' di manifestini dai parrucchieri, nei bar e nel giro di poco tempo è fatta. La clientela si riceve a casa, tasse non se ne pagano. La tariffa di uno 'famoso' supera i 120 euro all'ora (hanno il contaminuti sulla scrivania), una volta avviata l'attività, ci si può accontentare di 25 euro a lettura, calcolando una media di due letture all'ora per 6 ore al giorno fanno 300 euro al giorno, cioè 6.600 euro al mese per 22 giorni lavorativi., senza calcolare gli accessori (candele, medagliette, ammennìcoli vari) ;)Uhm... era una cosa per scherzare, ma ripensandoci non è mica malaccio come idea...:D
  • Anonimo scrive:
    un altro
    Se parti dal principio che se hai un curriculumimportante devono deciderlo gli altri e non testesso ti troverai sicuramente meglio.
  • Anonimo scrive:
    non generalizzare amico
    è vero ci sono aziende che agiscono in questo modo, o meglio "l'azienda" ne è all'oscuro, è il capo del personale che puo scegliere chi piu gli aggrada per facilitare la propria carriera.Ma non puoi farci credere che tutte le aziende che hai incontrato fanno cosi, non è vero! Queste azienducole non vanno mai troppo lontano, proprio perche sono scarse!!Se non ti prendono MAI, è perche sei scarso tu caro amico.Quelli VERAMENTE capaci se li litigano tutti, non venirci a raccontare balle
  • Anonimo scrive:
    Due professioni interessanti..
    Una può essere il selezionatore di personale, le aziende dicono che cercano, cercano, cercano e non trovano.. evidentemente ci sono molti "cercatori", bene perchè non diventare uno di loro?L'altra prefessione interessante è il fotografo. E' bellissimo! Si vive fotografando tope e partite allo stadio e non è un lavoro adatto ai ragazzini segaioli che ti tolgono il lavoro perchè si fanno pagare poco, per fare il fotografo bisogna anche saper trattare con le persone e soprattutto con le modelle e questo i suddetti mocciosi segaioli non lo sanno fare!
  • afiorillo scrive:
    Me pare 'na..........
    Scusa tanto, ma faccio fatica a credere che tu venga scartato perché "troppo competente".Ma possibile che in tutti questi anni di "duro lavoro e studio", con tutte le realtà che certamente avrai incontrato, con tutte le società che avrai frequentato non ce ne sia stata neanche una che si sia mostrata interessata al tuo talento?Mi sa che non ti sai vendere, amico mio... e in questo includo il saper fare il proprio prezzo.A proposito: non è che ti scartano perché chiedi troppo? :DCordialità,Angelo==================================Modificato dall'autore il 23/12/2004 2.36.55
    • Anonimo scrive:
      Re: Me pare 'na..........

      Scusa tanto, ma faccio fatica a credere che
      tu venga scartato perché "troppo
      competente".Posso testimoniare che invece e' accaduto a diverse persone che conosco. Le motivazioni sono sostanzialmente queste: 1) motivazione economica (la piu' gettonata)se sai lavorare bene ed hai una buona rosa di conoscenze ti aspetti una retribuzione adeguata all'esperienza acquisita e non uno stipendio da 800 euro al mese magari a milano e con una buona dose di nero. 2) motivazione apertura nuova filiale all'estero (tipico di chi delocalizza o sta per delocalizzare in parte le attivita' aziendali)E' assodato che il grosso delle aziende cerchi di risparmiare il piu' possibile sul personale per abbattere i costi: infondo all'est un informatico o programmatore di medio livello lo paghi quando va male 250/300 euro al mese tutto compreso: perche' infognarsi in italia che sicuramente a parita' di capacita' mi costa sempre di piu'?3) motivazione contrattuale (quella che sega di solito le gambe a chi ha dai 30 anni in su)l'azienda li cerca giovani per poterli mettere a contratto formazione non solo pagarli meno e per risparmiare in contributi, ma per poterli licenziare alla bisogna allo scadere del contratto: quando finisce, se ti serve ancora lo tieni se no lo scarichi e ti prendi un altro ragazzo a formazione. 4) motivazione professionale (quella che ti fa riflettere sul paese in cui vivi e dove vorresti lavorare)sono davvero poche le aziende che necessitano di figure professionali molto preparate perche' il livello tecnologico medio e' generalmente basso. Le aziende medio piccole, se non sono iperspecializzate nel settore, cercano di solito poco piu' di un tecnico generico per fargli fare l'amministratore di rete, curare un po' di mailing list e/o siti web e/o database modesti o garantire il funzionamento di un server e/o di un paio di macchine critiche.5) paura della dipendenza da dipendente (tipico delle pmi)se sei troppo bravo alla fine rischi che l'azienda dipenda per progetti o compiti strategici piu' da te che da altri: se il lavoratore se ne accorge alla lunga chiedera' uno stipendio maggiore o pensera' di rivolgersi alla concorrenza, cosa che impoverira' drasticamente non solo di capacita' l'azienda, ma avvantaggera' direttamente il/i concorrente/i. 6) motivazione fiscale (tipico del nord est che produce)meglio una partita iva di un lavoratore a progetto o di un dipendente: alla ditta costa complessivamente meno in contributi fissi e quando lo chiami lo fai solo se e quando ti serve.
  • Anonimo scrive:
    Re: o povera stella
    Secondo me, il danno peggiore ce lo hanno fatto con l'introduzione nel vocabolario di un informatico della parola "skillato"...
    • Anonimo scrive:
      Re: Concordo

      Secondo me, il danno peggiore ce lo hanno
      fatto con l'introduzione nel vocabolario di
      un informatico della parola "skillato"...Somiglia a "skizzato".
  • Anonimo scrive:
    Curriculum
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Alex Acero
    Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate
    qualcuno? Li cerco da non so più
    quanto tempo...Si, vedo che manca gente brava!O per lo meno, a molte delle aziende che pubblicano annunci su NG, forum e portali del lavoro vari manca sicuramente un webmaster non dico "bravo" ma almeno "decente".O almeno questo è quello che si deduce nel guardare i siti di tante di queste aziende, che pare debbano essere in grado di fornire servizi che neanche la NASA o la Industrial Light & Magic siano in grado di offrire.Il tutto con siti che vanno da un "under construction", al classico sito IE-only fatto con FrontPage, o siti con l'immancabile quanto inutile animazione Flash (che è un bel programma se usato come si deve ma viene usato troppo spesso a sproposito), persino qualcosa fatto con Publisher o con Word.
  • Anonimo scrive:
    Re: o povera stella
    - Scritto da: Anonimo
    E' sufficientemente ovvio che in questo caso
    il revenue portato all'azienda sarà
    proporzionale a quello di un raccattato
    qualsiasi che ha imparato l'HTML per prove
    ed errori nel giro di tre anni, e come tale
    anche lo "skillato" di turno andrà
    retribuito a paga minima, se mai uno lo vuol
    proprio assumere. Inutile dire che il 95%
    delle società ICT italiche si trova
    nella seconda condizione qui esemplificata.Umm purtroppo è vero io sto a spasso da un mese.....ho 5 anni di esperienza su progetti medio granditra i quali uno in particolare dove ho fatto il project manager, ho 28 anni e non mi ritengo vecchio ma sono lo stesso parecchio sconfortato :(tiro un'altro po di curriculum e se non trovo lavoro entro un mesevado in UK
  • Anonimo scrive:
    Re: o povera stella
    - Scritto da: Anonimo
    Questa mi sa di puttanata grossa
    Io credo che ti scartino perche non sei
    sufficientemente
    skillato....Io ho fatto il selezionatore del personale. In effetti non è credibile, sembra. Ho scartato più volte persone con buoni curriculum per sovradimensionamento di competenze. Non c'è nulla da meravigliarsi. Tu assumeresti un ingegnere per fare il carpentiere rispetto ad uno molto più motivato? Dopo poco ti ritroveresti a cercare qualcun'altro e a dover spendere altri soldi per cercarlo e selezionarlo. E i problemi di relazione con i colleghi?L'80% dei licenziamenti di natura non congiunturale sono dovuti proprio a questo.
    • Anonimo scrive:
      Re: o povera stella

      Io ho fatto il selezionatore del personale.Se ne vedono rarissimamente di qualificati per valutare realmente le competenze di una persona.
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Troppo bravi? Per favore, me ne

    segnalate


    qualcuno? Li cerco da non so
    più


    quanto tempo...


    Come possiamo contattarti?

    Chi stai cercando?

    se sei alla frutta vai a pulire i cessi che
    fai prima ;)Non sono alla frutta e non voglio rubarti un lavororo che sicuramente TU saprai fare meglio di me ;);)Voglio solo sapere come contattare sto gran genio di selezionatore che così lo vado a trovare in ufficio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Alex Acero
    Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate
    qualcuno? Li cerco da non so più
    quanto tempo...Forse bisogna prima mettersi d'accordo su cosa significhino le espressioni qualitative "bravo" e "troppo bravo". Non trovi ?Cmq, in linea generale hai ragione: il mercato è saturo di scarponi e supponenti, il vero talento unito a passione ed esperienza è raro oggi come lo era negli anni '80, in proporzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      - Scritto da: Anonimo
      Cmq, in linea generale hai ragione: il
      mercato è saturo di scarponi e
      supponenti, il vero talento unito a passione
      ed esperienza è raro oggi come lo era
      negli anni '80, in proporzione.a si ? non mi risulta che per fare questo mestierebisogna essere dei genihai mai pensato che una figura meno esperta vada pagata lo stesso visto che perde 8 ore delsuo prezioso tempo al giorno ?tutti pronti a fare i razzi spaziali...ma se le aziende cercano degli scarponari per dellemacro su access cosa blaterate....
  • CalicoJack scrive:
    Re: o povera stella
    - Scritto da: Anonimo
    Questa mi sa di puttanata grossa
    Io credo che ti scartino perche non sei
    sufficientemente
    skillato....Scartano anche perchè sei troppo skillato perchè sanno che devono pagare...
    • Anonimo scrive:
      Re: o povera stella
      - Scritto da: CalicoJack
      - Scritto da: Anonimo

      Questa mi sa di puttanata grossa

      Io credo che ti scartino perche non sei

      sufficientemente

      skillato....

      Scartano anche perchè sei troppo
      skillato perchè sanno che devono
      pagare...e che non ti possono mettere i piedi in testa, neanche tecnicamente.
      • CalicoJack scrive:
        Re: o povera stella
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: CalicoJack

        - Scritto da: Anonimo


        Questa mi sa di puttanata grossa


        Io credo che ti scartino perche
        non sei


        sufficientemente


        skillato....



        Scartano anche perchè sei troppo

        skillato perchè sanno che devono

        pagare...

        e che non ti possono mettere i piedi in
        testa, neanche tecnicamente.Il che comunque è un controsenso perchè un'azienda che prende e paga una persona può solo crescere se questa persona è skillata parecchio, lo stesso vale per le persone che ci lavorano che possono aumentare il loro bagaglio stando a contatto con una persona molto skillata e che ha fatto varie esperienze
        • Anonimo scrive:
          Re: o povera stella
          - Scritto da: CalicoJack
          Il che comunque è un controsenso
          perchè un'azienda che prende e paga
          una persona può solo crescere se
          questa persona è skillata parecchio,
          lo stesso vale per le persone che ci
          lavorano che possono aumentare il loro
          bagaglio stando a contatto con una persona
          molto skillata e che ha fatto varie
          esperienzeNon tutte le aziende sono uguali, ovvero mucche da latte capaci di produrre profitti infiniti e di coprire spese per il personale egualmente tendenti ad infinito. Neppure le PA ormai... Se l'azienda ha un mercato tale da rendere necessaria la presenza di figure di grande valore, il discorso ha un senso. Se invece si vuole mettere un programmatore sistemista Assembly e C con vent'anni di esperienze in BIOS, device drivers, replicazione di database e low level in genere a fare gestionali in VB e vaccate web, solo per il gusto di buttare in mezzo alla stalla una persona "skillata" che forse chissà darà lustro all'azienda e con le sue competenze stratosferiche ottimizzerà dello 0,000000002% una schifezza in java lenta come una capra al merizzo, il discorso cambia radicalmente. E' sufficientemente ovvio che in questo caso il revenue portato all'azienda sarà proporzionale a quello di un raccattato qualsiasi che ha imparato l'HTML per prove ed errori nel giro di tre anni, e come tale anche lo "skillato" di turno andrà retribuito a paga minima, se mai uno lo vuol proprio assumere. Inutile dire che il 95% delle società ICT italiche si trova nella seconda condizione qui esemplificata.
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?

    Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate
    qualcuno? Li cerco da non so più
    quanto tempo...Come possiamo contattarti?Chi stai cercando?
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      - Scritto da: Anonimo

      Troppo bravi? Per favore, me ne
      segnalate

      qualcuno? Li cerco da non so più

      quanto tempo...
      Come possiamo contattarti?
      Chi stai cercando?se sei alla frutta vai a pulire i cessi che fai prima ;)
    • CalicoJack scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      - Scritto da: Anonimo

      Troppo bravi? Per favore, me ne
      segnalate

      qualcuno? Li cerco da non so più

      quanto tempo...


      Come possiamo contattarti?
      Chi stai cercando?Deve essere uno di quelli che cerca un PHP, ASP, C, C#, C++, Basic, Pascal, Fortran, Cobol, Oracle, MySql, Postgres, SQL Server, RPG massimo 24 anni con tre lauree in informatica, chimica e fisica nucleare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
        - Scritto da: CalicoJack
        Deve essere uno di quelli che cerca un PHP,
        ASP, C, C#, C++, Basic, Pascal, Fortran,
        Cobol, Oracle, MySql, Postgres, SQL Server,
        RPG massimo 24 anni con tre lauree in
        informatica, chimica e fisica nucleare.Concordo Fratello :)
      • CalicoJack scrive:
        Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
        - Scritto da: CalicoJack
        Deve essere uno di quelli che cerca un PHP,
        ASP, C, C#, C++, Basic, Pascal, Fortran,
        Cobol, Oracle, MySql, Postgres, SQL Server,
        RPG massimo 24 anni con tre lauree in
        informatica, chimica e fisica nucleare.A me so scordato JAVA che quello non manca mai!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
          - Scritto da: CalicoJack
          A me so scordato JAVA che quello non manca
          mai!!!!E ti sei scordato anche con SEI anni di esperienza! :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
          - Scritto da: CalicoJack
          - Scritto da: CalicoJack

          Deve essere uno di quelli che cerca un
          PHP,

          ASP, C, C#, C++, Basic, Pascal, Fortran,

          Cobol, Oracle, MySql, Postgres, SQL
          Server,

          RPG massimo 24 anni con tre lauree in

          informatica, chimica e fisica nucleare.

          A me so scordato JAVA che quello non manca
          mai!!!!Si! ma nel frattempo vuole anche competenze da sistemista e tecnico HW, inglese, russo e giapponese, con il cinese entro un paio di anni se no andiamo fuori mercato, e conoscenze diffuse di economie.Ma sopratutto costare poco.
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      - Scritto da: Anonimo

      Troppo bravi? Per favore, me ne
      segnalate

      qualcuno? Li cerco da non so più

      quanto tempo...


      Come possiamo contattarti?
      Chi stai cercando?Come immaginavo... un selezionatore fuggito...Come in questo forum così nella vita lei signor Alex Acero è un "Profilo non ancora compilato" per questo cerca di vivere sulle spalle del prossimo. Si trovi un lavoro VERO che le permetta di compilare il suo profilo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Alex Acero
    Ma com'è che siamo pieni di troppo
    bravi, tutti in cerca di lavoro, tutti
    costretti per bisogno a lavorare per un
    tozzo di pane ma quando fai una ricerca di
    personale ti arrivano dei curricula da
    mettersi le mani nei capelli?

    Com'è che su cinquanta curricula
    selezioni i dieci meno peggio e dopo averli
    incontrati hai la sensazione di aver visto i
    marziani?

    Marziani, non per bravura ma perchè
    sembrano piovuti da marte tanto sono fuori
    dal mondo reale.

    Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate
    qualcuno? Li cerco da non so più
    quanto tempo...Ma cosa cerchi?Programmatori Java, VB, .Net?gestionali?
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
      cosa vuoi che cerchi... come tutti gli hr cafonicerca dei geni a prezzo stracciato.fortunatamente mamma mi ha fatto deficentecosi mi confondo tra la massa :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Che ti devo dire...
    - Scritto da: Anonimo
    Più o meno le parole di Sun Tsuno GORDON GEKKO :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Troppo bravi? Ma sul serio?
    - Scritto da: Alex Acero
    Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate
    qualcuno? Li cerco da non so più
    quanto tempo...mi diresti la ditta dove lavori ?no sai com'e cosi evito di mandare il mio bel curriculum ad uno zotico arrogante.
  • Anonimo scrive:
    Che ti devo dire...
    Se è veramente come dici tu e hai bisogno di mangiare la minestra, fai finta di essere meno bravo.La vittoria si ottiene ingannando il nemico- se sei più forte, simula debolezza, ti attaccherà lui- se sei più debole, simula potenza, si terrà alla largaPiù o meno le parole di Sun Tsu
  • Anonimo scrive:
    o povera stella
    Questa mi sa di puttanata grossaIo credo che ti scartino perche non sei sufficientementeskillato....
  • Alex Acero scrive:
    Troppo bravi? Ma sul serio?
    Ma com'è che siamo pieni di troppo bravi, tutti in cerca di lavoro, tutti costretti per bisogno a lavorare per un tozzo di pane ma quando fai una ricerca di personale ti arrivano dei curricula da mettersi le mani nei capelli?Com'è che su cinquanta curricula selezioni i dieci meno peggio e dopo averli incontrati hai la sensazione di aver visto i marziani?Marziani, non per bravura ma perchè sembrano piovuti da marte tanto sono fuori dal mondo reale.Troppo bravi? Per favore, me ne segnalate qualcuno? Li cerco da non so più quanto tempo...
Chiudi i commenti