Eminem, l'album esce prima online

Recovery apparso tra i flutti dello sharing due settimane prima dell'uscita ufficiale. Ma il disco arriverà puntuale nei negozi. Intanto, Thom Yorke dei Radiohead profetizza l'imminente collasso dell'industria musicale

Roma – Il prossimo 22 giugno uscirà in tutti i negozi il sesto disco in studio di Marshall Bruce Mathers III , anche noto come Slim Shady , meglio conosciuto come Eminem. Un album di 16 brani, con ospiti d’eccezione come Pink e Rihanna. Ma non si tratta di una sorpresa, almeno per i vari alfieri del torrentismo online.

Che, in effetti, hanno già potuto ascoltare in anteprima l’intero disco, intitolato Recovery . Il nuovo parto creativo del noto rapper di Detroit pare dunque essere finito tra i marosi di vari tracker online, a partire dallo scorso 7 giugno . Che poi significa due settimane prima del lancio ufficiale nei negozi .

Un tempo sostanzioso, che a detta delle major del disco potrebbe danneggiare fortemente le future vendite dell’album. Ma Dennis Dennehey, portavoce di Eminem, ha tenuto a precisare come l’uscita di Recovery non verrà affatto rimandata , ignorando dunque qualsiasi tipo di messaggio allarmistico causato dalla circolazione online non autorizzata delle canzoni.

Quello dei leak di album e film è un problema che certo tormenta i sonni delle grandi industrie della musica e del cinema. Recente è il dito accusatorio di Voltage Pictures contro i condivisori colpevoli di aver danneggiato gli introiti del premio Oscar The Hurt Locker , apparso mesi prima a disposizione dei cinefili del web.

Una grana che tuttavia potrebbe all’improvviso sparire, insieme all’intera industria musicale. Parola di Thom Yorke , leader della band britannica Radiohead, che ha lanciato una profezia da apocalisse del mercato. “È solo una questione di tempo – ha spiegato Yorke – mesi più che anni, prima che il business musicale affondi completamente. E non sarà certo una grossa perdita per il mondo”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Domanda scrive:
    O.T.
    Io VIETEREI le licenze OEM.
  • Domanda scrive:
    DELL
    DELL = INTEL + WinsozEcco perché non l'ho mai comprata.Qualche PC AMD senza O.S. preinstallato non li rovinerebbe.
    • Nedanfor non loggato scrive:
      Re: DELL
      - Scritto da: Domanda
      DELL = INTEL + Winsoz
      Ecco perché non l'ho mai comprata.

      Qualche PC AMD senza O.S. preinstallato non li
      rovinerebbe.Vendono già un netbook con Ubuntu preinstallato e si possono ordinare portatili e fissi senza OS, contattandoli via telefono ed insistendo un po'. Ovviamente scalano i soldi dell'OS dal prezzo del portatile.Quanto ai proXXXXXri... Ahimè non ne ho mai visto uno con proXXXXXre AMD e dubito che chiedendoglielo cambino motherboard e proXXXXXre :(
  • picard12 scrive:
    intel
    peccato che questa notizia sia stata un pò poco considerata.. e comunque non sembra una novità visto altri episodi non molto lontani nel tempo..viva il mercato libero..
  • M.R. scrive:
    Se l' AMD è stata veramente danneggiata
    ...non dovrebbe essere anche lei a chiedere di essere risarcita?L' eventuale accordo della DELL sarebbe inconfutabilmente una ammissione di colpevolezza con tutto quello che ne consegue.A questo punto 100ml di Dollari sono spiccioli...
Chiudi i commenti