EmoNet è l'IA che capisce da un selfie come ti senti

EmoNet capisce come stai da un selfie (o ci prova)

Un progetto interessante, ma perfettibile: un'intelligenza artificiale messa a punto al fine di interpretare le emozioni di chi viene fotografato.
Un progetto interessante, ma perfettibile: un'intelligenza artificiale messa a punto al fine di interpretare le emozioni di chi viene fotografato.

Messa a punto dai ricercatori della University of Colorado in collaborazione con quelli della Duke University, EmoNet è una rete neurale capace di analizzare un’immagine che ritrae il nostro volto (come potrebbe essere un selfie) e associarle uno stato d’animo, selezionandolo tra quelli che è in grado di riconoscere.

EmoNet è l’IA che riconosce le emozioni

Gli algoritmi che compongono l’intelligenza artificiale sono stati istruiti dando loro in pasto un totale pari a 137.482 frame estratti da 2.187 video differenti, preventivamente relazionati a 27 diverse categorie emozionali: dall’ansia fino alla tristezza. Così facendo hanno imparato a classificare lo stato emotivo di chi è inquadrato in una fotografia, focalizzando l’attenzione su dettagli come il taglio dello sguardo, la posizione della bocca o quella delle sopracciglia.

EmoNet, l'IA che interpreta gli stati d'animo dalle foto

Sulla base dei test condotti sottoponendo a EmoNet un database composto da 25.000 immagini è possibile affermare che l’identificazione avviene in modo piuttosto efficace, ma non perfetto. È stata apprezzata una maggiore accuratezza con i soggetti che mostrano desiderio e terrore. Meno precisa invece la lettura di chi prova confusione, timore o sorpresa. Questo perché, secondo i ricercatori, i tratti analizzati risultano parecchio simili a quelli di chi si trova in uno stato d’animo riconducibile a divertimento, felicità o soggezione.

EmoNet, l'IA che interpreta gli stati d'animo dalle foto

Un sistema di questo tipo, secondo i responsabili del progetto, potrebbe un giorno trovare un’applicazione concreta in ambito medico, ad esempio durante il percorso terapeutico in seguito a un trauma o come supporto per il trattamento di alcuni disturbi mentali. L’affidabilità è in ogni caso tutta da dimostrare: uno studio pubblicato il mese scorso su SAGE Journals e relativo proprio a tecnologie simili afferma che al momento non esistono IA abbastanza evolute per occuparsi con accuratezza di individuare le emozioni.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 31 lug 2019
Link copiato negli appunti