ENEA: rifiuti elettronici come miniere urbane

L'ente pubblico italiano annuncia la messa a punto di un processo di riciclo di metalli preziosi dall'e-waste, un procedimento brevettato che verrà presto mostrato praticamente in un impianto nei pressi di Roma

Roma – In molti sono al lavoro per migliorare la gestione del problema dei rifiuti elettrici ed elettronici , e a tale proposito l’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) sarà presto in grado di dimostrare come si possono smantellare i RAEE per ricavare metalli preziosi o comunque utili alla moderna società tecnologica.

L’ente pubblico italiano sta affrontando il problema dei rifiuti elettronici – e la conseguente necessità di farvi fronte imposta anche in sede europea – con un approccio strategico comprendente la sperimentazione di nuove tecniche di trattamento e l’incubazione di un settore di aziende specializzate.

Tra queste nuove tecniche va annoverato il processo idrometallurgico di riciclaggio ideato e brevettato dall’ENEA, un insieme di trattamenti chimici, chimico-fisici e meccanici che a partire dai RAEE grezzi è in grado di recuperare oro, argento, stagno, rame, piombo e altri metalli “preziosi” da poter poi riutilizzare.

processo idrometallurgico di riciclaggio

Il metodo ENEA utilizza un processo idrometallurgico “quasi a temperatura ambiente”, sostiene l’agenzia, può essere messo in atto anche in piccoli impianti, è economicamente vantaggioso rispetto ai grandi impianti usati finora e “comporta limitate emissioni in atmosfera” di gas serra o inquinanti.

ENEA è impegnata nella realizzazione di un impianto dimostrativo nel suo centro ricerche a Casaccia , nell’Agro Romano, e per non farsi mancare niente l’agenzia parla di un progetto “modulare” adattabile a tecnologie di processo utili per il trattamento di materiali di altro tipo come lampade a fluorescenza o monitor a cristalli liquidi.

“I rifiuti elettrici ed elettronici possono essere considerati delle vere e proprie miniere urbane – continua la nota di ENEA – perché permettono di recuperare oro e stagno con estrema semplicità, in ambiente non necessariamente industriale”.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • M.R. scrive:
    Chissà come mai...
    ... alla fine i prezzi degli abbonamenti sono sempre identici per ogni piattaforma: 9,90 al mese che si tratti di Xbox, Sony, Spotify, Beats music... ecc.E' questa vera concorrenza? C' è spazio per nuovi competitor se il prezzo non è l' "attrattiva" principale per conquistare nuovi clienti?I cartelli non sono vietati?Mah!
  • guidoz scrive:
    la radio però...
    ...la radio di Spotify alla lunga propone sempre le stesse cose... :Da questo punto di vista la radio di last.fm è moooolto meglio. Spero migliorino.Comunque giuso per la cronaca: non so in italia, ma una volta (2010) in UK Spotify era già illimitato e si "pagava" con gli spot (da cui il nome). In italia ricordo arrivò abbastanza dopo, ma non so se già con il vincolo dei sei mesi o meno..
  • Lanf scrive:
    Pandora?
    Pandora continua a non "trasmettere" in Italia.
    • .... scrive:
      Re: Pandora?
      - Scritto da: Lanf
      Pandora continua a non "trasmettere" in Italia.e PI continua a fare il "copia-incolla-traduci-piu'-o-meno-bene" di articoli stranieri, non lo sapevi? ogni tanto capita l'articolo che in italia non si applica, devi sopportare.
      • artemio scrive:
        Re: Pandora?
        cosa aspettarsi da un sito a favore del no pay e della pirateria , copiano anche questi ( giornalisti ) ....bye
    • sbrotfl scrive:
      Re: Pandora?
      - Scritto da: Lanf
      Pandora continua a non "trasmettere" in Italia.Non so se sia stato modificato... ma l'articolo dice chiaramente che Pandora è solo negli USA
Chiudi i commenti