Eolas, Microsoft modifica IE

Il browser del big di Redmond è stato adattato in modo tale da non violare i brevetti di Eolas, la stessa società che tre anni fa ha vinto un importante processo contro Microsoft. Nel frattempo prosegue l'appello
Il browser del big di Redmond è stato adattato in modo tale da non violare i brevetti di Eolas, la stessa società che tre anni fa ha vinto un importante processo contro Microsoft. Nel frattempo prosegue l'appello


Redmond (USA) – Microsoft ha iniziato a distribuire agli utenti di Windows XP e Server 2003 un aggiornamento per Internet Explorer 6 che modifica il modo in cui il browser gestisce i controlli ActiveX. L’update, che lo scorso dicembre era stato messo a disposizione degli sviluppatori, è conseguenza della causa legale in corso tra il gigante di Redmond ed Eolas Technologies .

Chi ha seguito la vicenda ricorderà come Eolas stia rivendicando la proprietà di un brevetto che, tra le altre cose, copre alcuni metodi utilizzati comunemente nelle pagine HTML per aprire automaticamente certi oggetti (ad esempio, un documento PDF) attraverso add-on o plug-in del browser.

Eolas, che amministra il brevetto per conto dell’ Università della California , è riuscita a far valere in tribunale le proprie ragioni e persino a farsi assegnare 520 milioni di dollari da Microsoft: una sentenza che Microsoft sta tentando di annullare con il procedimento di appello tuttora in corso .

Le modifiche apportate dal big di Redmond al proprio browser fanno in modo che i controlli ActiveX caricati attraverso i tag HTML applet , embed e object non possano più attivarsi in modo completamente automatico : per eseguirli, infatti, gli utenti dovranno effettuare un clic del mouse (che in certi contesti di sicurezza si aggiunge, eventualmente, a quello necessario per autorizzare il caricamento dell’ActiveX). Per comprendere meglio tale meccanismo è possibile leggere questo articolo tecnico pubblicato da Microsoft su MSDN.

Tra i più noti programmi che si integrano ad IE sfruttando la tecnologia ActiveX vi sono Adobe Reader, Flash, Windows Media Player, QuickTime Player e Java Virtual Machine.

Microsoft afferma che i produttori di applicazioni e gli utenti finali non risentiranno , o risentiranno in modo marginale, dei cambiamenti a IE.

L’aggiornamento a IE6 è disponibile su Windows Update (per ora solo nella versione inglese) come patch opzionale, e sarà incluso nei prossimi service pack o rollup update per Windows XP e Windows Server 2003 e nelle future release di IE7.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 03 2006
Link copiato negli appunti