Eolo soffia il broadband dove non c'è

NGI parte dalla Lombardia e propone la propria offerta di connettività wireless per zone ancora prive di banda larga
NGI parte dalla Lombardia e propone la propria offerta di connettività wireless per zone ancora prive di banda larga

Milano – Il WiMax sembra finalmente in dirittura d’arrivo , ma la sua futura accessibilità (e copertura) è ancora da scoprire . Nell’attesa fioriscono altre soluzioni di broadband in salsa wireless. Una di queste ha fatto capolino nell’offerta di connettività di NGI : il suo nome è Eolo.

L’azienda promette un servizio “con affidabilità e performance uguali o superiori ai servizi ADSL” e propone soluzioni con banda disponibile fino a 6 Mbps in downstream e 4 Mbps in upstream. Queste le caratteristiche tecniche dichiarate da NGI:

– core del network basato su due router Cisco 12410;
– infrastruttura radio basata su tecnologia Alvarion;
– latenza antenna cliente – BTS EOLO inferiore a 3ms;
– connessione a 10Gbit/s verso il MIX e oltre 4Gbit/s verso Internet;
completa indipendenza dalla rete di Telecom Italia. La rete di distribuzione e trasporto di EOLO è completamente su infrastrutture NGI di cui ha il diretto controllo ;
– banda di upstream fino a 4Mbit/s (maggiore su progetto)
– monitoraggio continuo della rete di trasporto per ottimizzare la latenza e la disponibilità di banda. La latenza nei vari punti della rete è monitorabile costantemente online;
– possibilità di avere indirizzo IP statico e/o routing di rete di indirizzi da 8 a 32 IP (maggiori su richiesta)
statistiche real-time di consumo banda sul backbone nazionale.

Eterogeneo il listino , che passa dal canone mensile di 26,60 euro dell’offerta con downstream da 2Mbps (e upstream da 256 kbps) con banda garantita di 64 kbps ai 600 euro di Eolo 6 Mbps (upstream a 4 Mbps) con banda garantita di 2 Mbps. Tutta la gamma EOLO prevede l’assegnazione di un IP dinamico, ma per tutte le proposte Eolo è possibile acquistare a parte nel listino accessori un pacchetto di 8 IP statici o un pacchetto da 16 IP statici (dimensioni maggiori sono disponibili su richiesta).

A questo indirizzo NGI fornisce una mappa con la copertura aggiornata, che attualmente è stata sviluppata nella Provincia di Varese, Como e Verbania e Milano.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 01 2007
Link copiato negli appunti