Eolo soffia il broadband dove non c'è

NGI parte dalla Lombardia e propone la propria offerta di connettività wireless per zone ancora prive di banda larga

Milano – Il WiMax sembra finalmente in dirittura d’arrivo , ma la sua futura accessibilità (e copertura) è ancora da scoprire . Nell’attesa fioriscono altre soluzioni di broadband in salsa wireless. Una di queste ha fatto capolino nell’offerta di connettività di NGI : il suo nome è Eolo.

L’azienda promette un servizio “con affidabilità e performance uguali o superiori ai servizi ADSL” e propone soluzioni con banda disponibile fino a 6 Mbps in downstream e 4 Mbps in upstream. Queste le caratteristiche tecniche dichiarate da NGI:

– core del network basato su due router Cisco 12410;
– infrastruttura radio basata su tecnologia Alvarion;
– latenza antenna cliente – BTS EOLO inferiore a 3ms;
– connessione a 10Gbit/s verso il MIX e oltre 4Gbit/s verso Internet;
completa indipendenza dalla rete di Telecom Italia. La rete di distribuzione e trasporto di EOLO è completamente su infrastrutture NGI di cui ha il diretto controllo ;
– banda di upstream fino a 4Mbit/s (maggiore su progetto)
– monitoraggio continuo della rete di trasporto per ottimizzare la latenza e la disponibilità di banda. La latenza nei vari punti della rete è monitorabile costantemente online;
– possibilità di avere indirizzo IP statico e/o routing di rete di indirizzi da 8 a 32 IP (maggiori su richiesta)
statistiche real-time di consumo banda sul backbone nazionale.

Eterogeneo il listino , che passa dal canone mensile di 26,60 euro dell’offerta con downstream da 2Mbps (e upstream da 256 kbps) con banda garantita di 64 kbps ai 600 euro di Eolo 6 Mbps (upstream a 4 Mbps) con banda garantita di 2 Mbps. Tutta la gamma EOLO prevede l’assegnazione di un IP dinamico, ma per tutte le proposte Eolo è possibile acquistare a parte nel listino accessori un pacchetto di 8 IP statici o un pacchetto da 16 IP statici (dimensioni maggiori sono disponibili su richiesta).

A questo indirizzo NGI fornisce una mappa con la copertura aggiornata, che attualmente è stata sviluppata nella Provincia di Varese, Como e Verbania e Milano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mirr0r scrive:
    Anche wi-fi
    Hwupgrade riporta che dave sarà anche wi-fi b/ghttp://www.hwupgrade.it/news/storage/seagate-dave-un-disco-wi-fi-per-pc-e-telefoni-cellulari_19977.htmlQualche utilizzazione a questo punto potrebbe esserci! ;)ciao
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra davvero inutile...
    Come ben sanno tutti bluetooth sia v1 che v2 hanno transfer rates pietosi, potevano aspettare UWB (l'usb wireless che uscirà l'anno prossimo) o realizzare un NAS wi-fi a bassa energia (e già lì con nfs o samba si poteva usare con tutto, non solo coi cellulari).
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra davvero inutile...
      - Scritto da:
      Come ben sanno tutti bluetooth sia v1 che v2
      hanno transfer rates pietosi, potevano aspettare
      UWB (l'usb wireless che uscirà l'anno prossimo) o
      realizzare un NAS wi-fi a bassa energia (e già lì
      con nfs o samba si poteva usare con tutto, non
      solo coi
      cellulari).eh... mi sa che hai ragione, la stessa cosa che stavo pensando anch'io.Già trasferire un file di pochi k (50K!!!!) tra cell e pc con dongle bluetooh ci si impiega quasi un secondo, pensa un file di qualche mega.Un conto è il trasferimento temporaneo di dati da poter trasportare ed utilizzare sul dispositivo stesso, un altro è pensare allo scambio di dati bidirezionale tra questo ed altri dispositivi.
  • Anonimo scrive:
    e con symtorrent... [potrebbero anche..]
    migliaia di kW risparmiati nel mondo... ;)solo mi chiedo perchè non realizzino anche questo:1)un case esterno bluetooth/ide-sata basato come quello per i normali pc, ma basato sulla tecnologia DAVE, adattabile quindi a qualsiasi hd preesistente (l'alimentazione la prenderebbe da corrente elettrica ovviamente e sarebbe meno portatile ma non è importante)2)un modo sempre via bluetooth, di collegare il telefonino all'adsl di casa.. cioè alla fine ci hanno collegato gli hd stai a vedere che non è possibile collegarli al telefono..3)un client torrent per j2me (per i cell con supporto della j2me bluetooth api ovviamente ;)con il supporto dell'api di DAVEcioè dico io, se hanno inventato un cane di ferro che legge l'email a 1000$ al pezzo..potrebbero commercializzare anche questo, voi che ne dite?... :)Michele I.
  • Anonimo scrive:
    Che cul*...
    ...ho appena preso un cell Brew e non vedevo l'ora di spendere 500 mila euro per 20 gb di disco wireless...altro che ipod e zune!!!
Chiudi i commenti