Exilim W63CA, oltre gli 8 Megapixel c'è di più

Casio presenta per il mercato giapponese un cameraphone ad alta risoluzione. Il look è da fotocamera, ma è un cellulare in piena regola che permette anche pagamenti contactless

Roma – Era stato anticipato a fine agosto e ora è realtà: il W63CA , progetto frutto della partnership siglata da Casio e Hitachi non è più solo un disegno. Dall’alto dei suoi 8,1 Megapixel parte alla conquista del Giappone. E forse, presto, anche di altri mercati.

il dispositivo Il brand Exilim è noto per essere legato alle fotocamere prodotte da Casio. Per questo prodotto contraddistingue un cameraphone dalla notevole risoluzione di 8,1 Megapixel. Anche in assenza di uno zoom ottico, consentono scatti di una certa qualità, già discretamente visibili dal display OLED da 3,1 pollici con risoluzione di 480×800 pixel. L’apparecchio permette inoltre di sfruttare la funzionalità camcorder, dichiarata ottimizzata per l’upload di video su YouTube in risoluzione VGA a 30fps.

Integrano le caratteristiche di questo clamshell la connettività 3G (per chi si fosse dimenticato che si tratta pur sempre di un telefono cellulare), il supporto Bluetooth e la tecnologia Felica, che consente di utilizzare il telefonino come strumento di pagamento contactless .

Casio lo commercializzerà in partnership con l’operatore giapponese AU a partire dalla prossima settimana. Qualora raggiungesse anche i mercati occidentali, potrebbe essere un cameraphone molto appetibile per appassionati di fotografia.

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti