Facebook imbrattata da 4chan

Trafugati nomi e password di alcuni account Facebook relativi a persone appartenenti ad una chiesa cristiana statunitense, è scattata la corsa allo scherzo da prete
Trafugati nomi e password di alcuni account Facebook relativi a persone appartenenti ad una chiesa cristiana statunitense, è scattata la corsa allo scherzo da prete

L’ultima bravata degli utenti di 4chan deve aver generato un certo imbarazzo in coloro che ne sono stati vittime. Dopo aver fatto irruzione in un social network dedicato ad una particolare confessione cristiana, i goliardi hanno sgraffignato le credenziali di accesso a Facebook di un non meglio precisato numero di iscritti.

Una volta ottenuto l’accesso a diversi account del più popolare social network, la truppa di moot si è divertita ad imbrattare le bacheche dei malcapitati con frasi e immagini oscene , dal chiaro intento provocatorio.

Questa è solo l’ultima di una lunga serie di marachelle digitali , e non è la prima volta che gli Anonymous mettono una religione nel proprio mirino: lo scorso anno era toccato a Scientology , con una manovra che non si manifestò solamente sulla Rete ma anche per le strade.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 08 2009
Link copiato negli appunti