Facebook, Instagram e WhatsApp: offline per due ore

Facebook, Instagram e WhatsApp: offline per due ore

Nella serata di ieri, i servizi di Facebook sono rimasti offline per circa due ore, a causa di un'errata modifica alla configurazione dei server.
Nella serata di ieri, i servizi di Facebook sono rimasti offline per circa due ore, a causa di un'errata modifica alla configurazione dei server.

Settimana piuttosto complicata per l'azienda di Menlo Park. A distanza di quattro giorni da uno dei blackout più lunghi della sua storia (oltre sei ore), tutte le piattaforme di Facebook sono andate nuovamente offline nella serata di ieri. Stavolta il problema ha avuto una durata inferiore (circa due ore), ma quanto accaduto evidenzia una certa instabilità dei servizi offerti.

Secondo errore di configurazione

Il sito Downdetector ha iniziato a ricevere le prime segnalazioni intorno alle 20:15 (ora italiana). Tuttavia il problema non sembra aver interessato la totalità degli utenti Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger. Circa un'ora dopo Facebook ha confermato il problema con un post su Twitter, promettendo una soluzione in tempi brevi.

Pochi minuti dopo è arrivata anche la conferma da Instagram.

Instagram ha comunicato il ritorno alla normalità intorno alle 23, mentre Facebook ha pubblicato la notizia circa 15 minuti dopo. Considerato quindi l'intervallo di tempo tra i post, si deduce che il blackout è durato circa due ore. L'azienda di Menlo Park ha successivamente svelato che il problema è causato da modifiche alla configurazione dei server, ma non è correlato a quello del 4 ottobre.

Probabilmente i due blackout nella stessa settimana rimarranno un caso eccezionale (o sfortunato). Molte piccole e medie imprese utilizzano gli strumenti offerti da Facebook e WhatsApp per comunicare con fornitori e clienti. I frequenti malfunzionamenti delle piattaforme potrebbero causare danni economici importanti. Ecco perché Margrethe Vestager (Commissaria UE per la concorrenza) aveva sottolineato la necessità di alternative per non lasciare tutto nelle mani delle big tech.

Fonte: TechCrunch
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 10 2021
Link copiato negli appunti