Facebook, la strana coppia Zuckerberg-Sandberg

Il social network ha due personalità distinte: mentre una va in Cina a preparare il terreno per un possibile esordio, l'altra incontra le banche e pensa all'IPO. Il volto pubblico e il libro contabile

Roma – Cosa fare in Cina è una delle questioni su cui Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg sembrano “fondamentalmente dissentire”, ma su cui giocoforza troveranno un accordo su cui basare la futura strategia aziendale. Mentre le trattative per entrare in borsa, soprattutto dopo l’esordio di LinkedIn, entrano nel vivo.

La 41enne Sheryl Sandberg è da tre anni COO di Facebook. Funge, in pratica, da braccio destro del 26enne CEO e a lei sono riconosciuti i meriti per la crescita di Facebook, dell’essere cioè riuscita a creare intorno all’idea del giovane fondatore una piattaforma advertising di successo .

Adesso è sempre lei ad accennare , cogliendo l’occasione dell’IPO di successo di Linkedin, ad un prossimo esordio in borsa: “Si tratta di un progetto cui si sottopongono tutte le aziende. È inevitabile anche per noi”. Secondo indiscrezioni, d’altronde, avendo i vertici Facebook già avuto incontri con le banche per discutere della misura dell’IPO, offerta pubblica iniziale, l’esordio avverrà entro aprile 2012 .

Con il giovane CEO, Sandberg forma decisamente una strana coppia, descritta in un lungo e interessante articolo di Brad Stone per Bloomberg Businessweek . E, come tante coppie, i due hanno anche argomenti su cui vanno meno d’accordo.

Uno di questi sembrava essere la Cina : come nel caso di Google, che vede Sergey Brin contrario ad operare in Cina e Eric Schmidt favorevole, anche a Palo Alto i vertici avevano diverse opinioni circa l’opportunità o meno di operare nel paese che rappresenta un mercato enorme dominato da regole tutte diverse, censure e uno stretto controllo da parte del Governo su cittadini e aziende. Da un lato Zuckerberg ritiene che la sua creatura possa funzionare da agente di cambiamento all’interno della statica situazione cinese , dall’altro Sandberg, memore dell’esperienza da lei maturata presso Google, teme i compromessi a cui si dovrebbe scendere.

Dopo le voci che lì vedevano distanti sull’argomento, tuttavia, a Palo Alto sembra essersi raggiunta una decisione comune. O comunque all’esterno i due offrono un fronte comune e la stessa Sandberg recentemente ha aperto alla possibilità cinese: “La nostra missione è connettere tutto il mondo, ed è chiaro che è impossibile farlo senza anche connettere la Cina”.

I discorsi che accostano Facebook alla Cina, d’altronde, non sono campati in aria. E se per l’IPO occorre aspettare poco meno di un anno, il discorso cinese potrebbe essere più vicino: Zuckerberg, che sta anche studiando il cinese , starebbe organizzando una nuova visita in Cina, dopo quella che ha dato adito alle voci su un possibile accordo con Baidu .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Streamer scrive:
    ma che stanno a dì????????
    Tornando seri,io passo tanto tempo in rete e non mi piace neanche bere alcolici, e conosco tanta gente che beve molto e non sa cosa neanche sia internet.E poi ci sono i giovani che ovviamente usano internet,e ci sarà qualcuno che fa abuso di alcool,ma le cose non vanno a braccetto.
  • Gaetano Pinea scrive:
    Controllo ed eroina
    Preferisco gli studi che raccontano come l'eroina negli anni '80 e' stata utilizzata come strumento di controllo; anche alcuni ex eroinomani che conoscevo lo sostenevano.
  • ricottaro scrive:
    alcool e droghe? colpa di PISAPIA!
    come da oggetto.
  • il solito bene informato scrive:
    personali conclusioni sullo studio
    1. (trollata) AH! che notizia! quindi se togliamo l'interweb ai nostri figli, non si drogheranno più?2. (commento semi-serio) il ragazzo che passa troppo tempo davanti all'internett si sente spinto a bere di più? Bisogna porre un freno a questa cosa: uno studio della nota Cazzago-Pianiga University (VE) è arrivato alla conclusione che "chi non beve in compagnia è un ladro o una spia"3. (commento serio) Ovviamente si colpevolizza internet ma non si considera l'effettiva relazione tra il lavoro al computer e il consumo di droghe. Parlo per esperienza personale: passo otto ore al giorno seduto al computer e noto (in me come nei miei colleghi) una tendenza al consumo incontrollato di "schifezze". Non abbiamo a disposizione due buste di erba, settantacinque palline di mescalina, cinque fogli di acido superpotente, una saliera mezza piena di XXXXXXX, un'intera galassia multicolore di eccitanti, calmanti, scoppianti, esilaranti. E anche un litro di tequila, un litro di rum, una cassa di birra, mezzo litro di etere puro e due dozzine di fialette di popper (per policy aziendale) quindi dobbiamo ripiegare sulla soddisfazione orale fornita dalle "macchinette" che distribuiscono zucchero in varie forme ed altre droghe legalizzate. Il fatto che io e i miei colleghi (abbiamo aperto un dibattito sull'argomento) sentiamo questo forte bisogno in ufficio ma non a casa, dimostra come il lavoro davanti al computer provochi un forte senso di depressione ed insoddisfazione che viene lenito dalle sostanze eccitanti citate sopra, sostanze il cui consumo eccessivo può essere particolarmente dannoso e provocare dipendenza. Aboliamo il lavoro a computer?Poi nello studio dell'articolo si rivela, una volta come tante altre, la tendenza della nostra società a spingere per le soluzioni più complesse e costose. Su internet si possono acquistare droghe illegali? censuriamo internet. Ovviamente non si considera che sarebbe molto meno costoso e complicato liberalizzare la distribuzione di certe sostanze, in modo da fornire un prodotto controllato (molto spesso ad uccidere non è la sostanza in sè ma quella con cui viene tagliata) e promuovere l'informazione ed un consumo consapevole.
    • lol scrive:
      Re: personali conclusioni sullo studio
      - Scritto da: il solito bene informato
      1. (trollata) AH! che notizia! quindi se togliamo
      l'interweb ai nostri figli, non si drogheranno
      più?no si drogheranno di più, probabilmente per quei poveri ragazzi l'unica valvola di sfogo da una società che gli offre così tante opportunità è internet tagliandogli anche quella sicuramente si aumenta la pressionePS: ho giocato a tutti i gta e non ho ancora rubato 1 macchina... sono diventato vecchio.
  • Reef scrive:
    Ma!
    Non era colpa di Pisapia??? ;)
  • the_m scrive:
    Re: scarti della societa'
    - Scritto da: Videoteca Genesi
    Io
    avessi un figlio che si droga lo bastonerei in
    piazza. Ma i miei figli non si drogano Certo, infatti notoriamente i figli che usano saltuariamente o abitualmente droghe, la prima cosa che fanno è andarlo a dire a papà.Tu sì che sei un tipo sveglio :D
    perche'
    hanno avuto una buona educazione, non cercano di
    alterare le loro sensazioni. Queste persone sono
    malate, e non vi è cura se non le bastonate,Certo, l'educazione "a bastonate" del papà sì che è buona :D Chissà come sono bravi.. davanti, meglio che tu non veda quello che fanno di nascosto :D
    Muccioli l'aveva capito
    questo.Un genio, non aveva neanche capito che la dipendenza è prima di tutto psicologica, e se uno non è interessato, convinto e motivato a smettere, non lo fai neanche smettere di fumare.Sì sì proprio un genio :D
  • Videoteca Genesi scrive:
    scarti della societa'
    Ma quali ricerche e studi, investire su queste persone non ha senso. Mettiamoli ai lavori pesanti che si rendono utili alla societa'. Io avessi un figlio che si droga lo bastonerei in piazza. Ma i miei figli non si drogano perche' hanno avuto una buona educazione, non cercano di alterare le loro sensazioni. Queste persone sono malate, e non vi è cura se non le bastonate, Muccioli l'aveva capito questo.
  • Vindicator scrive:
    I risultati arrivano...
    "i risultati arrivano da un sondaggio anonimo..."quindi hanno la stessa valenza di un post su un blog che sostenga il contrario.anzi, ha la stessa valenza del mio commento che sostiene che il sondaggio anonimo è una cacata pazzesca! :)
  • Funz scrive:
    Adblock e noscript
    Un genitore assennato dovrebbe installarli sui computer usati dai figli, spiegargli perché e insegnare a usarli. Non c'è una sola ragione valida per lasciare i propri figli sotto al bombardamento pubblicitario: i danni che provoca sono ben noti ma da sempre sottovalutati orribilmente.E ai pubblicitari / marchettari che piangono miseria rispondere così: andate pure a morire ammazzati.
  • Lemon scrive:
    Altra ricerca
    Ho fatto degli studi indipendenti ed ho scoperto:- c'è un legame tra la strada e i delinquenti, più si sta in strada e più probabilità c'è che si diventi delinquenti- molti adolescenti si avvicinano alla droga scoprendola a scuola, più vanno a scuola e più probabilità c'è che ne vengano a contattoSono un cervello sprecato qua in Italia
    • Enry scrive:
      Re: Altra ricerca
      - Scritto da: Lemon
      Ho fatto degli studi indipendenti ed ho scoperto:
      - c'è un legame tra la strada e i delinquenti,
      più si sta in strada e più probabilità c'è che si
      diventi
      delinquenti
      - molti adolescenti si avvicinano alla droga
      scoprendola a scuola, più vanno a scuola e più
      probabilità c'è che ne vengano a
      contatto

      Sono un cervello sprecato qua in Italiapiu' che altro per te il cervello è sprecato....
    • Videoteca Genesi scrive:
      Re: Altra ricerca
      Tempo fa quando tornavo a casa, sono stato aggredito da un tossico. Fermo al semaforo in quegli incroci dove non passa quasi mai nessuno, allunga la mano per chiedere qualche moneta. Tutto sXXXXX e puzzolente. Poi allunga di piu il braccio per prendere il portamonete sul cruscotto. Sicche' ho tirato su il finestrino, gli ho preso il braccio e ho dato gas. Devo ammettere che è stato divertente vederlo correre e gridare di fermarmi. Passo spesso da quella strada e a volte lo rivedo, inutile dirvi che mi sta abbondantemente alla larga. - Scritto da: Lemon
      Ho fatto degli studi indipendenti ed ho scoperto:
      - c'è un legame tra la strada e i delinquenti,
      più si sta in strada e più probabilità c'è che si
      diventi
      delinquenti
      - molti adolescenti si avvicinano alla droga
      scoprendola a scuola, più vanno a scuola e più
      probabilità c'è che ne vengano a
      contatto

      Sono un cervello sprecato qua in Italia
    • the_m scrive:
      Re: Altra ricerca
      Aggiungo che un mio studio indipendente rivela che più vivi e più aumentano probabilità di deXXXXX per vecchiaia! :DE che non ci sono più le mezze stagioni!Lo studio conclude che se non nascessimo affatto, non dovremmo neanche morire :D
      • waka_jawaka scrive:
        Re: Altra ricerca
        - Scritto da: the_m
        Aggiungo che un mio studio indipendente rivela
        che più vivi e più aumentano probabilità di
        deXXXXX per vecchiaia!
        :D
        E che non ci sono più le mezze stagioni!

        Lo studio conclude che se non nascessimo affatto,
        non dovremmo neanche morire
        :DIl Nobel, per le tue ricerche meriti il Nobel ;) :D
      • waka_jawaka scrive:
        Re: Altra ricerca
        Ho notato che molte persone con problemi di deambulazione usano le stampelle.Tu che sei addentro all'abiente, sai se ci sono ricerche che provano che l'uso di stampelle porta alla zoppìa?
        • Streamer scrive:
          Re: Altra ricerca
          - Scritto da: waka_jawaka
          Ho notato che molte persone con problemi di
          deambulazione usano le
          stampelle.
          Tu che sei addentro all'abiente, sai se ci sono
          ricerche che provano che l'uso di stampelle porta
          alla
          zoppìa?la zoppìa è più frequente nelle persone a cui funzionavano le gambe,quindi se non vuoi andare in giro con le stampelle è meglio se non cammini più
    • Streamer scrive:
      Re: Altra ricerca
      - Scritto da: Lemon
      Ho fatto degli studi indipendenti ed ho scoperto:
      - c'è un legame tra la strada e i delinquenti,
      più si sta in strada e più probabilità c'è che si
      diventi
      delinquenti
      - molti adolescenti si avvicinano alla droga
      scoprendola a scuola, più vanno a scuola e più
      probabilità c'è che ne vengano a
      contatto

      Sono un cervello sprecato qua in Italia
  • Jacopo Monegato scrive:
    piuttosto
    uno passa molto tempo in rete è probabile abbia problemi a socializzare prende droghe e bevemi sembra più verosimile
    • Ghostdog scrive:
      Re: piuttosto
      ancora più verosimilei meccanismi che inducono ad uso di droghe e all'uso massivo di internet (tipo droga appunto) sono simili se non gli stessiperciò p probabile che si soffra di entrambe le patologie
  • Aggiorna immagine scrive:
    Ma...
    [img]http://www.antoniodecurtis.org/loghi/ma_mi_facci_il_piacere.jpg[/img]
    • collione scrive:
      Re: Ma...
      hahahahaha bellissima la fotocomunque è ridicolo assecondare questi sempliciotti e pensare che si vantano del titolo di ricercatore e ottengono un mucchio di donazioni ogni giornoecco perchè l'umanità non progredisce, ecco perchè ci sono 2 miliardi di morti di fame nel mondo, ecco perchè 2/3 del mondo vivono in condizioni miserabili
Chiudi i commenti