FAPAV: il lockdown ha moltiplicato la pirateria

La FAPAV denuncia che i mesi del lockdown sono stati un vero e proprio buco nero per l'industria del copyright a causa dell'impennata della pirateria.
La FAPAV denuncia che i mesi del lockdown sono stati un vero e proprio buco nero per l'industria del copyright a causa dell'impennata della pirateria.

Secondo i dati comunicati dalla Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali (FAPAV) il lockdown ha coinciso in Italia con una vera e propria impennata nella fruizione dei contenuti pirata. Quello che istintivamente si poteva asserire con una certa sicurezza, i numeri lo confermano ora nel report presentato dalla federazione:

Il periodo di lockdown a causa della pandemia ha fatto registrare una crescita del fenomeno illecito, portando l’incidenza della pirateria al 40% contro il 37% di tutto il 2019. È cresciuto anche l’utilizzo delle IPTV Pirata, dal 10% del 2019 si è passati al 19% nel bimestre “nero” del 2020. Vale la pena ricordare che durante il periodo di quarantena un italiano su due ha dedicato molto più tempo alla fruizione di contenuti audiovisivi e si stima che sia cresciuto dell’8% il numero di abbonati a piattaforme legali.

Più tempo (troppo tempo) a disposizione ha portato ad una maggior ricerca di contenuti e soprattutto alla ricerca di escamotage per aggirare i pagamenti e poter così godere di film e streaming senza dover investire in abbonamenti, noleggi o acquisti. Il lockdown, insomma, ha forzato una situazione che stava cercando di costruire nuovi equilibri sui quali ergere le nuove piattaforme di distribuzione.

Quello che chiede ora la FAPAV è un rafforzamento dei poteri in capo all’AGCOM, rinforzando un modello che l’Italia ha partorito negli anni passati e che ora i titolari di copyright vorrebbero puntellato da nuovi interventi. Alla vigilia di nuove chiusure che potrebbero determinare per il 2020 un vero e proprio buco nero nella lotta alla pirateria, insomma, la FAPAV mette le mani avanti preparando il terreno alle battaglie che saranno cavalcate nel 2021: per sconfiggere la pirateria servono contromisure più radicali e l’industria del copyright vede ancora una volta nell’AGCOM l’entità che ha la possibilità di spostare gli equilibri.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 10 2020
Link copiato negli appunti