Fastweb arriva anche a Genova

Ampie zone del capoluogo ligure saranno presto cablate dalla società milanese che potrà così fornire anche in quella città i propri servizi a banda larga. Con un piano di allargamento della copertura che prosegue spedito


Genova – Fastweb anche Genova. Gli abitanti di questo capoluogo potranno tra breve usufruire dei servizi Fastweb . L’operazione costerà 330 miliardi e proseguirà sino al 2009. Per ora il cablaggio è attivo nel quartiere genovese di Sanpierdarena.

La strategia di progressivo allargamento dei servizi nelle grandi città adottata da Fastweb procede dunque spedita, sebbene per il momento sia disponibile in modo capillare solo a Milano, ma la società promette che sarà presto estesa, dopo Genova, anche a Roma e a Torino. Roma è per adesso servita solo nel centro storico . I prossimi obiettivi saranno Napoli, Grosseto e Reggio Emilia.

Come noto, Fastweb, nata da una costola della AEM milanese e di eBiscom, basa le proprie infrastrutture su fibra ottica. Il tutto per offrire connettività superveloce ad Internet, ma anche telefono e TV e, più recentemente, anche videogiochi.

La rete a fibre ottiche permette infatti una banda da un gygabyte al secondo (la banda larga dell’ADSL arriva a 640 kbit/s, vento in poppa). La differenza è abissale, quindi. Sulla stessa rete è teoricamente possibile telefonare, indipendenti da servizi Telecom, connettersi ad Internet e ricevere filmati televisivi in tempo reale. Sulla rete di Fastweb sono stati anche installati alcuni videogiochi (come Tomb Raider III), cui gli utenti possono accedere, senza possedere il gioco sull’hard disk. Il costo per accedere ai servizi di Fastweb è di 120mila lire al mese (IVA inclusa).

La rete universale? TV, Internet e telefono messi insieme? Fastweb è ancora in un’area geografica ristretta; la sua diffusione è ancora troppo embrionale per tentare pronostici sul suo futuro. Il destino di questa tecnologia dipenderà anche da fattori economici: cablare una città con fibre ottiche comporta spese elevate. Se Fastweb riuscirà ad estendersi capillarmente, in Italia, le reti “normali” di Telecom avranno un temibile concorrente.

Il fatto poi che vi sia un numero sempre maggiore di imprese che vanno in direzioni analoghe di quella di Fastweb secondo qualcuno potrebbe davvero portare in tempi rapidi ad un cambiamento di scenario nella connettività Internet nei maggiori centri cittadini. Per il resto del territorio, come sempre, toccherà aspettare…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    siemens?
    A parte la bufala, ma a che serve quel link al sito di Siemens? Il sito corporate piu' inutile del pianeta.
  • Anonimo scrive:
    Edifici schermati e cablati
    Un contributo per ridurre l'inquinamento domestico.Le onde vengono catturate dall'esterno e inviate dentro via cavo. Si potrebbe cambiare la morfologia delle radiazioni dei ripetititori - più orizzontali e al di sopra dei tetti - e ridurre i campi; gli edifici vanno adeguatamente schermati con l'adozione di tecnologie non invasive (intonaci e tinteggiature al piombo ed altro).Piano, piano...
  • Anonimo scrive:
    Ma è solo un centralino!
    In pratica è solo un centralino cui collegare telefoni fissi e mobili!Tra l'altro l'esempio riportato è ingannevole, perché se il telefonino non prende cosa si dirotta sul cordless? Assolutamente niente! Dunque:1. il telefonino non prende2. lo colleghi a HomeStation3. attacchi il cordless4. aspetti la telefonata della tua vita5. il telefonino continua a non prendere, dunque la telefonata non arriva6. perdi la telefonata della tua vita7. butti HomeStation8. compri una segreteria telefonica8bis. ti trovi una segretaria che prende le telefonate a casa e/o in ufficio dal fisso e dal mobile e te le passa col cordless. Inoltre le prende anche quando non ci sei.Complimenti alla Siemens, davvero un aggeggio rivoluzionario!
  • Anonimo scrive:
    La telefonata della mia vita
    Ma che è?Ma quando non esistevano i cell come si faceva a vivere perdendo "la telefonata della propria vita"?Si stava a casa perennemente, rinunciando alle vacanze, non uscendo alla sera, pur di non perdere 'sta telefonata?La "telefonata della mia vita", se tanto importante è, mi richiamerà. O lascierà un msg in segreteria.
  • Anonimo scrive:
    Non male come idea
    Sarebbe utilissimo per quelli come me che soffrono di problemi di copertura a casa.Quando sono in giro il cellulare prende bene, ma quando sono a casa è un "terno al lotto" rispondere alle chiamate al cellulare.
Chiudi i commenti