FBI: riconoscimento facciale per tutti

Oltre 1 miliardo di dollari per un database criminale di nuova generazione. Con il dubbio che in futuro possa allargarsi anche alle foto dei privati cittadini

Roma – A Quantico fanno sul serio quando si tratta di riconoscimento facciale, e ora il bureau USA ha annunciato l’intenzione di dare il via a un progetto di rastrellamento delle immagini di volti dei criminali da inserire in un apposito database biometrico consultabile a piacimento.

Dal costo stimato di 1 miliardo di dollari, il database dei volti è parte integrante del piano noto come Next-Generation Identification (NGI), ovverosia un corposo “upgrade” al vecchio sistema di identificazione degli individui pericolosi basato sulle impronte digitali.

Il sistema NGI, invece, è un concentrato “hi-tech” capace di attingere a una gran mole di informazioni sensibili (campioni di DNA, scansioni dell’iride, identificazione del timbro di voce e appunto database facciale) per facilitare la vita agli investigatori del bureau.

L’FBI prevede che il nuovo database di mugshot diventi operativo su tutto il territorio statunitense entro il 2014, mentre su alcuni territori “campione” gli agenti sono già in grado di servirsene per le indagini. I piani prevedono l’uso dei volti dei soli profili criminali, ma si paventa la possibilità che altri dati biometrici (come le fotografie delle patenti di guida) possano alla fine divenire parte integrante del database.

L’idea di un database di volti così massiccio sarà ovviamente foriera di polemiche nel sempre caldo settore della biometria a scopo di indagine : solo poche settimane fa, gli ufficiali dell’FBI non furono in grado di fornire risposte convincenti ai parlamentari USA che chiedevano informazioni sulla tutela delle libertà individuali in un regime di biometria senza scampo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • crumiro scrive:
    Ruppolo
    Mente... aspetta... quale mente?
  • ruppolo scrive:
    Pirati,
    menti criminali.
    • crumiro scrive:
      Re: Pirati,
      Ruppolo, mente... ehm.. quale mente?PS: redazione, sapete cosa dovreste censurare? Le migliaia di XXXXXXX che il personaggio qui sopra spara quotidianamente, al posto di censurare un post che serve a prendere in giro proprio i suoi bigottismi... poveri frustrati privi di ironia.
    • crumiro scrive:
      Re: Pirati,
      La redazione di PI lo è ancora di più.PS: se XXXXto il mio commento XXXXte anche quello di Ruppolo.
    • crumiro scrive:
      Re: Pirati,
      Hai ragione! Bravo!La redazione è con te! Ed io non potendo esprimere quello che penso anche!Viva Ruppolo.
    • Bello scrive:
      Re: Pirati,
      - Scritto da: ruppolo
      menti criminali.scaturito da una piccola mente come la tua è un enorme complimento
  • Leguleio scrive:
    Re: ...
    Questo messaggio potrebbe essere contro la policy di Punto Informatico:1) non inserire contenuti che siano diffamanti o violino le leggi italiane (in questo caso, il reato di minaccia).2) evitare di usare il maiuscolo.
  • ANTIVIDEOTE CHE scrive:
    Re: ...
    CERTO CHE STARE IN VIDEOTECA TUTTO IL GIORNO A FARE NIENTE (POCHI AFFARI VERO?) FA MALE AL FEGATO EH? :p
  • Get Real scrive:
    Re: ...
    - Scritto da: Carletto

    Insomma tu vuoi dire che il profitto prevale su
    qualsiasi concetto di natura etico-morale... che
    tristezza!
    :(Perchè, vuoi dire che non è così? Il profitto prevale su qualunque altra cosa, è un fatto ineluttabile. L'etica e la morale sono fantasmi, invenzioni della fantasia umane, ideali prefabbricati per nascondere la dura realtà dell'esistenza.Infatti, la morale e l'etica cambiano a seconda dell'epoca e della cultura.Il profitto no, è matematica semplice. Si guadagna o si perde. Se si perde non va bene.Se il tuo governo dovesse intraprendere scelte "moralmente" discutibili in nome del profitto dell'intera nazione, non sarebbe giusto sostenerlo? Il "trattato d'amicizia italo-libico" con conseguenti "respingimenti" insegna.Denaro è dio.Il resto sono chiacchiere.
    • un passante scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Get Real
      L'etica e la morale sono fantasmi,
      invenzioni della fantasia umane, ideali
      prefabbricati per nascondere la dura realtà
      dell'esistenza.
      Denaro è dio.

      Il resto sono chiacchiere.Questo mi pare veramente eccessivo. Senza degli ideali e dei valori non ha senso vivere! O meglio: puoi vivere, ma vivi la vita di un animale - mangiare, bere, riprodursi - senza pensare ad altro.No grazie.
  • Carletto scrive:
    Re: una riflessione
    Tra l'altro italia programmi.net e' stato in parte oscurato solo quando hanno tentato di truffare qualcuno al Quirinale... :s
  • becker scrive:
    una riflessione
    Lui ha fatto un semplice sito di torrent e lo vogliono a tutti i costi in galera o peggio. Invece quelli di Italia-programmi.net che hanno fatto una truffa, richieste di soldi, lettere minatorie per i "morosi" sono sempre liberi e nessuno li cerca (non ho letto notizie del loro arresto o estradizione, solo, forse, oscuramneto del sito..)Per caso The Pirate Bay è nel mirino delle lobby del copyright? ;)insomma se tocchi il copyright vieni trattato come un terrorista se fai un sito di truffa che non tocca il copyright e certe corporation la cosa più grave che fanno e oscurare il sito e poi dimenticare tutto, così da poter ricominciare la truffa con un altro indirizzo..
  • camelot scrive:
    Credevo
    Credevo che la Svezia fosse un paese civile, invece pare asservito agli usa come e più di tanti altri.
    • cognome scrive:
      Re: Credevo
      La Svezia è un paese civile. Infatti Assange ha fatto sesso con una tipa che voleva farlo, ma voleva che Assange usasse il preservativo.Così hanno iniziato a fare sesso... ma hanno finito che Assange il preservativo non lo aveva più.Quindi Assange è colpevole e la Svezia fa benissimo a perseguirlo per quello. Se ti metti d'accordo per fare una cosa in due (ad esempio fare sesso) e se l'altro/a accetta a una condizione... poi se questa condizione cade allora è come uno stupro perché non avrebbe accettato altrimenti.Grande Svezia, grande esempio di civiltà. Con leggi che condannano chi commette anche violenze di questo tipo.Se poi la Svezia ha anche un trattato con gli USA e gli USA chiedono l'estradizione di Assange, la Svezia non fa altro che obbedire a un trattato pre-esistente che consente di fare questo (nota che Assange non è Svedese... e non è nemmeno come se fosse un italiano in Svezia, perché è Australiano, fuori UE, è un extracomunitario). Così come in UK Assange era stato arrestato dagli inglesi a causa della notifica dell'Interpol. Gli inglesi hanno obbedito come avrebbero fatto gli Italianio o i Tedeschi, a causa di una convenzione pre-esistente.
      • Miao scrive:
        Re: Credevo
        Aggiungiamo anche un'altro paio di fatti:la tizia in questione s'e' vantata in un blog di aver fatto sesso con Assange dopo il presunto 'stupro', aveva continuato ad ospitarlo e a farci sesso, ed e' andata in questura solo dopo aver scoperto che il suddetto andava a letto con un'altra negli stessi giorni.Non proprio un caso a prova di bomba, e infatti il procuratore non aveva ritenuto di procedere (e nemmeno di interrogare Assange).Passate un paio di settimane un'altro procuratore decide di ricontattare le fanciulle e di procedere al mandato di arresto.
        • Leguleio scrive:
          Re: Credevo
          - Scritto da: Miao
          Aggiungiamo anche un'altro paio di fatti:

          la tizia in questione s'e' vantata in un blog di
          aver fatto sesso con Assange dopo il presunto
          'stupro', aveva continuato ad ospitarlo e a farci
          sesso, ed e' andata in questura solo dopo aver
          scoperto che il suddetto andava a letto con
          un'altra negli stessi
          giorni.Queste sono notizie che rimbalzano da un weblog all'altro, ma non vi è nessuna conferma indipendente. La vanteria su twitter probabilmente è vera, la data in cui lei afferma di avere subito un rapporto non consensuale non è nota. Se vuoi ti do i link alle confusioni che hanno fatto i giornali.La querela, in ogni caso, è stata depositata alcuni giorni dopo.
          Non proprio un caso a prova di bomba, e infatti
          il procuratore non aveva ritenuto di procedere (e
          nemmeno di interrogare
          Assange).Sì, così ha fatto il primo procuratore ad aver conoscenza del fatto. Anche qui, le cose non sono chiare: non aveva ritenuto di spiccare un mandato di estradizione? Oppure non aveva ritenuto penalmente rilevanti gli atti? Non potendo leggere le carte, attualmente non si può dire; ma sono due cose molto, molto diverse: ogni procura ha una certa discrezionalità per quanto riguarda i mandati di estradizione: se ritiene si tratti di cose poco importanti, non scomoda uno Stato estero, anche se ne avrebbe la facoltà.
          Passate un paio di settimane un'altro procuratore
          decide di ricontattare le fanciulle e di
          procedere al mandato di
          arresto."Un'altro" è un <I
          lapsus calami </I
          o uno strafalcione? :-)È un procuratore, ma è una donna: Marianne Ny.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Credevo


        La Svezia è un paese civile. Infatti Assange
        ha

        fatto sesso con una tipa che voleva farlo, ma

        voleva che Assange usasse il

        preservativo.

        Così hanno iniziato a fare sesso... ma hanno

        finito che Assange il preservativo non lo
        aveva

        più.

        Quindi Assange è colpevole e la Svezia fa

        benissimo a perseguirlo per quello.

        La Svezia chiede di processarlo. Nient'altro.
        Se sarà assolto o condannato, lo stabiliranno i
        giudici. Non capisco perché tu voglia anticipare
        il
        verdetto.Non c'è la certezza semmai, ma al 99% è colpevole.Tantè che è scappato dalla Svezia per questa ragione. Ed è per questa stessa ragione che gli Svedesi lo vogliono indietro... Inoltre per il solo fatto di essere scappato alla giustizia e di non essersi presentato alla data della notifica gli ha fatto commettere anche un altro reato benché minore.Chi è innocente non scappa così come ha fatto lui. Poi Assange ha trasformato la richiesta degli Svedesi in una caccia alle streghe..tutti contro di lui, <i
        il gomplotto </i
        , l'estradizione ecc.... La Svezia lo vole solo processare per quello che ha fatto alla tipa (e lo ha fatto...)
        • Leguleio scrive:
          Re: Credevo
          - Scritto da: Nome e cognome


          La Svezia è un paese civile. Infatti
          Assange

          ha


          fatto sesso con una tipa che voleva
          farlo,
          ma


          voleva che Assange usasse il


          preservativo.


          Così hanno iniziato a fare sesso... ma
          hanno


          finito che Assange il preservativo non
          lo

          aveva


          più.


          Quindi Assange è colpevole e la Svezia
          fa


          benissimo a perseguirlo per quello.



          La Svezia chiede di processarlo. Nient'altro.

          Se sarà assolto o condannato, lo
          stabiliranno
          i

          giudici. Non capisco perché tu voglia
          anticipare

          il

          verdetto.

          Non c'è la certezza semmai, ma al 99% è colpevole.Mah, sembra quasi che tu fossi lì, ad assistere alla scena...
          Tantè che è scappato dalla Svezia per questa
          ragione.Non è scappato, in realtà. Se n'è andato qualche giorno prima che gli fosse comunicato il rifiuto del permesso di soggiorno. Forse conosceva già l'esito? Confesso che non ho mai approfondito.Ma Julian Assange si sposta sempre, non è mai stato a lungo nello stesso posto, a parte in Australia, da ragazzo.
          Ed è per questa stessa ragione che gli Svedesi lo
          vogliono indietro... Gli svedesi vogliono estradare chiunque commetta reati nel loro territorio, che scoperta. Alcuni anni fa hanno richiesto l'estradizione, sempre per violenza sessuale, all'Iraq, ancora occupato dagli Usa. E, credo, ottenendola.
          Poi Assange ha trasformato la richiesta
          degli Svedesi in una caccia alle streghe..tutti
          contro di lui, <i
          il gomplotto </i

          , l'estradizione ecc.... La Svezia lo vole solo
          processare per quello che ha fatto alla tipa (e
          lo ha
          fatto...)Se poi non ci fossero due milioni di weblog e di siti che a queste sue dichiarazioni ci credono, compresi alcuni redattori di PI, simili idee rimarrebbero nel chiuso di un'aula di tribunale, come quelle di qualsiasi altro indagato per violenza sessuale: affermazioni, appunto, di parte, e da non prendere sul serio.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Sì e come no
    Stessa identica strategia usata per Assange...A forza di gridare "Al lupo", il pastore perse tutte le pecore.
    • bubba scrive:
      Re: Sì e come no
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Stessa identica strategia usata per Assange...
      A forza di gridare "Al lupo", il pastore perse
      tutte le
      pecore.manca ancora l'accusa a sfondo sessuale... magari una volta in europa arrivera' anche quella.. per completare il quadro :)
      • becker scrive:
        Re: Sì e come no
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

        Stessa identica strategia usata per Assange...

        A forza di gridare "Al lupo", il pastore perse

        tutte le

        pecore.
        manca ancora l'accusa a sfondo sessuale... magari
        una volta in europa arrivera' anche quella.. per
        completare il quadro
        :)C'è l'accusa di posseso di droga, forse gli hanno messo una busta in tasca di nascosto per incastrarlo... :)
Chiudi i commenti