FCC contro le bollette gonfiate

Annunciato un piano dopo le numerose proteste degli utenti mobile a stelle e strisce. La commissione medita di obbligare gli operatori ad informare il cliente quando superi i limiti coperti dal suo abbonamento

Roma – Aprire al pubblico dibattito, affinché si arrivi al più presto a risolvere il problema diffuso delle bollette gonfiate per gli utenti mobile a stelle e strisce. Questa, in sintesi, la posizione recentemente annunciata dalla Federal Communications Commission (FCC) statunitense, che ha parlato di un piano per regolamentare certe pratiche messe in atto dagli operatori.

In sostanza, le telco dovrebbero informare i propri clienti nel momento in cui quest’ultimi si imbattano in costi non coperti dai vari abbonamenti sottoscritti . Come ad esempio quei costi legati alla trasmissione dati o al roaming internazionale. Una modalità diversa rispetto all’ Europa , dove la legge comunitaria obbliga i vari carrier ad inviare un messaggio di testo per avvisare gli utenti dei costi aggiuntivi.

Così ha infatti spiegato Joel Gurin di FCC, si lavorerebbe nell’ottica di una vera e propria lotta contro quello che negli Stati Uniti è stato soprannominato bill shock . La stessa FCC ha ammesso di aver ricevuto centinaia di messaggi di protesta, da parte di utenti che si erano sentiti defraudati dalle svariate condizioni d’uso incluse nei loro contratti mobile .

Praticamente, le loro bollette erano state gonfiate anche di centinaia di dollari a causa di contratti letti male o non letti affatto. O anche di pubblicità ritenute ingannevoli. Fraintendimenti e mancate letture a parte, FCC ha mostrato tutta l’intenzione di voler intervenire per risolvere il problema, obbligando per legge gli operatori quantomeno ad avvisare che certi limiti siano stati superati.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cavallo Pazzo scrive:
    Norton Business
    L'antivirus di symantec è un vero e proprio specchietto per le allodole, basa il proprio sucXXXXX sul timore che ha la gente comune di prendere un qualche fantomatico virus, dando false sicurezze e illudendo così gli utenti di essere al sicuro. Quel giorno che una casa produttrice di antivirus darà la garanzia che il sistema è protetto e immune, impegnandosi quindi a risarcire l'acquirente nel caso di infeziobne al sistema, allora forse sarò convinto della bontà di quell'antivirus.
    • truogolo scrive:
      Re: Norton Business
      - Scritto da: Cavallo Pazzo
      L'antivirus di symantec è un vero e proprio
      specchietto per le allodole, basa il proprio
      sucXXXXX sul timore che ha la gente comune di
      prendere un qualche fantomatico virus, dando
      false sicurezze e illudendo così gli utenti di
      essere al sicuro. Quel giorno che una casa
      produttrice di antivirus darà la garanzia che il
      sistema è protetto e immune, impegnandosi quindi
      a risarcire l'acquirente nel caso di infeziobne
      al sistema, allora forse sarò convinto della
      bontà di
      quell'antivirus.la cosa pazzesca è il cambio di rotta di PI-Download...
Chiudi i commenti