Final Cut Pro X costa meno su Mac App Store

Costa una frazione del precedente e contiene numerose novità. Molte nella direzione della facilità di utilizzo. Tra tutte comunque spicca il passaggio a 64bit

Roma – Apple ha rilasciato oggi Final Cut Pro X, il software di video editing professionale, che diventa disponibile su Mac App Store a 239,99 euro.

Sviluppato come annunciato su architettura a 64 bit, presenta alcune novità assolute: la Magnetic Timeline, che aiuterà a non perdere la sincronia tra audio e video e una serie di novità relative alle funzioni che promettono di semplificare i dettagli tecnici e aiutare a realizzare più semplicemente le idee degli utenti. Tra questi la Content Auto-Analysis che al momento dell’importazione dei contenuti li tagga automaticamente per agevolarne la consultazione , per esempio suddividendoli per tipo di inquadratura e numero di persone presenti.

Inoltre promette una maggior velocità di utilizzo grazie anche al rendering in background .

In definitiva sono molti i cambiamenti, anche dal punto di vista dell’interfaccia (semplificata) e di opzioni grafiche e di titoli forse troppo simili ad iMovie, tanto che alcuni osservatori prevedono commenti “polarizzati” tra estimatori spassionati e affezionati attaccati alla tradizione che non accetteranno i cambiamenti.

Accanto ad esso, sempre su App Store, sono disponibili Motion 5 e Compressor 4, due plugin per la nuova applicazione entrambi in vendita a 40 euro. ( C.T. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AnX scrive:
    Non il web...
    Ma vi immaginate questa tecnologia applicata al web? Se un bel tempone (ho qualche virus puzzolente) crea un pagina ad hoc... Altro che Oust dopo!
  • Jacopo Monegato scrive:
    cinema odoroso
    si, gli odori influenzano/stimolano un sacco le sensazioni, credo anche più della vista in se. e l'applicazione degli odori è quasi lo stadio finale dell'evoluzione del cinema come modo per trasmettere un messaggio o un'idea
    • pjt scrive:
      Re: cinema odoroso
      Mi immagino già i film trash... :|-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 giugno 2011 13.00-----------------------------------------------------------
    • calunnioso scrive:
      Re: cinema odoroso
      - Scritto da: Jacopo Monegato
      si, gli odori influenzano/stimolano un sacco le
      sensazioni, credo anche più della vista in se. e
      l'applicazione degli odori è quasi lo stadio
      finale dell'evoluzione del cinema come modo per
      trasmettere un messaggio o
      un'ideaNo guarda... Immaginati qualcosa come "Trainspotting" con gli odori... :s NO! :'(
    • Roberto Pulito scrive:
      Re: cinema odoroso
      Ma questo "messaggio" odoroso non lo puoi trasmettere in tutto il salotto. Mi pare troppo invadente. Gli occhiali 3D ce li hanno già dati, ora serve una mascherina stile aerosol.In pratica vedremo la TV così :)http://tinyurl.com/6fdoxh6
Chiudi i commenti