Finiamola con il processo a Microsoft

Lo chiede il Dipartimento della Giustizia americano secondo cui il tribunale deve difendere l'accordo stretto con l'azienda per chiudere il procedimento antitrust. Contro, solo il Massachussets


Washington (USA) – “L’accordo Microsoft è nell’interesse pubblico e il Dipartimento della Giustizia intende continuare a sorvegliare che venga rispettato”. Così l’ufficio del procuratore generale degli Stati Uniti ha difeso presso la Corte d’Appello del Distretto di Columbia l’agreement stretto con il big di Redmond per chiudere il procedimento antitrust. E ha chiesto alla Corte di non considerare come parti in causa legittimate le lobby della “Computer & Communications Industry Association” e della “Software and Information Industry Association”.

Questi due organismi che raccolgono numerose associazioni di settore avevano tentato di entrare nel procedimento antitrust attaccando i termini di quell’accordo, ma sono stati bloccati da un tribunale che non ne ha fin qui riconosciuto la legittimità ad attaccare legalmente l’intesa.

In note sottoposte al giudice distrettuale Colleen Kollar-Kotelly che ha dato il via libera all’accordo Microsoft, le due lobby industriali avevano chiesto sanzioni più pesanti contro il big di Redmond e Kollar-Kotelly aveva risposto loro che se volevano portare avanti la loro battaglia avrebbero dovuto denunciare privatamente Microsoft.

La difesa dell’accordo da parte del Dipartimento della giustizia arriva a pochi giorni dall’annuncio dei procuratori del West Virginia secondo cui quello stato non intende più proseguire la battaglia legale contro l’azienda di Bill Gates. A continuare su questa strada è a questo punto solo lo stato del Massachussets, l’unico a non aver ancora accettato una intesa che potrebbe definitivamente archiviare il processo antitrust.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LockOne scrive:
    Whois
    non capisco. dal whois si legge questo:Registrant : Marcin Marcinkowski marcin@olczyk.net +48.501768865 Jakas Organizacja Jakis Adres Miasto Jakas Poland 45-678Domain Name: singaporedemocrats.org {singaporedemocrats.org }Registration Date : 2003-1-5Expiration Date : 2004-1-5Last update :2003-01-27 01:34:21Domain Name Server: ns1.osiolek.com 198.64.149.199 ns2.osiolek.com 198.64.190.8Administrator: Marcin Marcinkowski marcin@olczyk.net +48.501768865 Jakas Organizacja Jakis Adres Miasto Jakas POLAND 45-678Technical Contact: Marcin Marcinkowski marcin@olczyk.net +48.501768865 Jakas Organizacja Jakis Adres Miasto Jakas Poland 45-678Billing Contact: Msrcin Marcinkowski marcin@olczyk.net +48.501768865 Jakas Organizacja Jakis Adres Miasto Jakas Poland 45-678e pare che la creazione risalga a maggio di quest'anno. non sara' mica che l'han lasciato scadere? e' pieno di gente che fa backorder sui domini minimamente trafficati, per poi piazzarci robaccia.
  • Anonimo scrive:
    E ci voleva tanto...
    E ci voleva tanto a linkarlo il sito vecchio? Che timidi...http://www.singaporedemocrats.org/
Chiudi i commenti