Firefox 3.1, scatta la prima beta

Mozilla ha reso disponibile per tester, sviluppatori e semplici curiosi la prima beta di Firefox 3.1. La prossima versione del famoso browser open source porterà con sé il supporto nativo alla geolocalizzazione e un nuovo motore JavaScript

Roma – Mozilla ha lanciato la prima beta di Firefox 3.1, nome in codice Shiretoko , una release di cui il team del famoso browser open source spera di rilasciare la versione finale entro la fine dell’anno.

Le attuali versioni preliminari di Firefox 3.1 utilizzano una pre-release di Gecko 1.9.1, il motore di rendering utilizzato dal browser di Mozilla per interpretare e visualizzare le pagine web. In linea di massima, Shiretoko limerà e completerà il codice e le funzionalità di Firefox 3.0, e la gran parte delle migliorie riguarderà proprio il suo cuore tecnologico.

Tra le funzionalità di questa beta c’è il supporto ai nuovi tag video e audio della specifica HTML5, la possibilità di muovere i tab (tramite drag and drop) da una finestra del browser all’altra, il supporto agli effetti di trasparenza dell’interfaccia Aero di Windows Vista, un più completo supporto agli attributi CSS2.1 e CSS3 e una prima implementazione dei cosiddetti thread web workers , che consentiranno ai programmatori JavaScript di elaborare i calcoli più impegnativi in background, così da non rallentare l’intero browser.

Firefox 3.1 Beta 1 introduce poi una funzione di preview dei tab aperti, migliora le ricerche effettuate attraverso la Smart Location Bar, e supporta le API per la geolocalizzazione del W3C, le stesse già implementate nell’estensione Geode recentemente rilasciata da Mozilla Labs per Firefox 3.0.

Assente Disattivato invece per il momento il tanto chiacchierato TraceMonkey , il nuovo motore JavaScript che dovrebbe incrementare significativamente le performance di Firefox, introducendo la compilazione just-in-time nativa del codice e una serie di altre ottimizzazioni.

Firefox 3.1 Beta 1 può essere scaricato da qui per Windows, Mac a Linux in 36 lingue, incluso l’italiano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • goofie scrive:
    sempre da bilanciare costo e beneficio
    è il solito discorso: tutto può essere più sicuro e tutto ciò che è sicuro può essere crackatoma - e vale per tutti e due i casi - bisogna vedere quanto impegno si mette e per fare cosa.per difendere cosaper attaccare cosa.
  • IA111111 scrive:
    Re: Sarà banale ma...
    Secondo me tu non hai mai scritto un software che fa OCR.
  • Wolf01 scrive:
    Re: Sarà banale ma...
    Bhe non tutti i captcha sono cosìNe ho trovati molti che usano delle lettere e numeri "sciolti" come solo Dalì saprebbe fare, difficili da leggere pure per un umanoI captcha poi non servono contro i grandi cracker, ma piuttosto contro quelli piccoli, almeno finchè il codice del software che può violarli non diventa pubblico e quindi pure i piccoli cracker possono avere un potentissimo strumento tra le loro mani
  • CurloCurti scrive:
    E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
    L'ho scritto e lo ripeto!Tutto questo sono seghe mentali.Per sbaragliare qualsiasi captcha basta un sistema di attacco del tipo man in the middle che offra un sito porno ben frequentato.Il sito porno sarà fatto in modo che il navigatore per visualizzare una foto porno o scaricare un filmato ecc. deve risolvere un capcha. Il capcha non viene creato dal sito ma scaricato dal sito da attaccare simulando es. una richiesta di iscrizione che richieda un capcha. Il sito porno scarica il capcha e lo propone al suo visitatore. Una volta risolto dal visitatore il sistema invia la soluzione al sito attaccato dal quale se l'iscrizione ha buon fine capisce anche se la soluzione è corretta ed è in grado di far proseguire il visitatore del sito porno oppure no.Un sito porno molto frequentato può essere in grado di far risolvere 50000 capcha al giorno.Con una tale potenza di fuoco chi se ne in___a di risolutori di capcha ad intelligenza artificiale, quando ciò che ho descritto (raggiungere quel numero di visitatori a parte) impiega un pomeriggio di sviluppo in linguaggio lato server tipo php?
    • Marcello scrive:
      Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
      che fantasia..
    • CurloCurti scrive:
      Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
      P.S.E ovviamente questo sistema rende inutile perdere tempo ad inventare nuovi tipi di capcha tipo cani e gatti, formule matematiche ecc. Perché a risolvere il capcha è comunque sempre un umano, il visitatore del sito porno.
    • gin_phreaks scrive:
      Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
      e le web session? hihihihiNon funziona così!
      • TnK scrive:
        Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
        ......mamma che "crekers" da paura!!!!!!!!!!!!......quarda ti posso assicurare che non può funzionare..(il consiglio è sempre quello: studiate prima di sparare vaccate, si evitano delle figure da cioccolato enormi...).Però e divertente che i piccoli geni crescano....
        • ciccio scrive:
          Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
          - Scritto da: TnK
          (il consiglio è sempre
          quello: studiate prima di sparare vaccate, si
          evitano delle figure da cioccolato
          enormi...).Hai ragione, se tu avessi studiato un po' di più, sapresti che è perfettamente fattibile.Se mi paghi una giornata di lavoro ti faccio una demo funzionante.
    • TheSandman scrive:
      Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
      Questa idea, perquanto non mi interessi l'argomento, è quanto di più intelligente ho letto negli ultimi anni nel forum di PI.Con i Migliori Saluti
      • bubba scrive:
        Re: E' molto più facile di così!!!!!!!!!!!!!
        - Scritto da: TheSandman
        Questa idea, perquanto non mi interessi
        l'argomento, è quanto di più intelligente ho
        letto negli ultimi anni nel forum di
        PI.

        Con i Migliori Salutipeccato che non sia sua :)E' gia stata implementata con successo dai soliti spammer de cazzio, come anche quella, piu semplice ancora, di pagare dei cinesi e indiani per risolvere kg di capcha al gg.
  • wintermute scrive:
    Cani, gatti e PI
    I sistemi antibot descritti nell'articolo per quello che mi compete sono facilmente scavalcabili.Addirittura sul captcha con i cani e i gatti ottengo mediamente una percentuale di decodifica valida superiore alla controparte umana;Quello di PI invece non lo sento nemmeno computare da quanto è semplice... e per fortuna! :)
  • BoB scrive:
    Anche io...
    sono capace di ottenere percentuali decenti sul riconoscimento di cani e gatti.Lsncio una moneta e al 50% indovino la risposta...
    • rejetto scrive:
      Re: Anche io...
      hehehe, hai perfettamente ragione.la cosa che mi viene in mente è, che se con cani e gatti l'essere umano ha percentuali di successo del 99%, è sufficiente aumentare il numero di test in serie (che devi passare tutti).Con un sistema del genere, per il calcolo delle probabilità, con soli 7 test sei sceso dal 50% a MENO dell'1%. L'essere umano al 99% al 92%. :)
  • dlrm9m scrive:
    ...
    Luca Annunziata ... basta
  • jumpjack scrive:
    meglio la matematica o le frasi
    certi siti invece delle immagini chiedono "quanto fa tre + due?"basterebbe sviluppare un po' di piu' questa tecnica, facendo formulare al PC domande complesse e articolate; banali da rispondere per un umano, ma notoriamente incomprensibili per una macchina!E quando riusciranno a "fregare" pure questo metodo... potremo ringraziarli per essere finalmente riusciti a insegnare ai computer a capire il linguaggio umano! (Sono 40 anni che ci si prova...)
    • b4rtman scrive:
      Re: meglio la matematica o le frasi
      Ci sarebbero anche meno ignoranti ingiro per il net :)
    • rejetto scrive:
      Re: meglio la matematica o le frasi
      ti faccio un esempio: un sistema captcha è considerato affidabile solo se NON riesci a costruire un sistema (anche apposito) che lo risolve/capisce.Quello di cui parli è un sistema adottato da organizzazioni molto piccole, che costruiscono captcha personali non adatti agli anti-captcha generici che girano in rete.loro sperano che nessuno abbia voglia di costruire (in poche ore) un anti-captcha apposta per loro. E tante volte gli va bene. E' proprio come se tu costruissi un tuo sistema chiave/serratura. Molti ladri non saprebbero aprire, e si rivolgerebbero ad altre porte perché standard e conosciute.All'altra estremità ci sono aziende come MS e Google che non possono basarsi su una logica simile.tutto qui.
    • pabloski scrive:
      Re: meglio la matematica o le frasi
      ho paura che molti utenti restino tagliati fuori dalla rete a causa della loro ignoranzapoi è necessario un database di milioni di frasi se si vuole essere sicuri del risultatoe infine chi ti dice che gli spammer non mettano mano ai db con le frasi più usate e producano un db di risposte?in questo caso sarebbe ancorpiù banale bypassare il sistema
      • 0verture scrive:
        Re: meglio la matematica o le frasi

        ho paura che molti utenti restino tagliati fuori
        dalla rete a causa della loro
        ignoranzaAMEN !Se tagliassimo fuori gli utenti ignoranti avremo moltissimi pc in meno affetti da virus e porcherie varie, in quanto è dimostrato che a prescindere dal sistema utilizzato, l'unico vero vettore è sempre tra sedia e tastiera
        • pabloski scrive:
          Re: meglio la matematica o le frasi
          avremmo anche un bel -80% nelle vendite di pc, netbook, notebook, assemblati, processori, memorie, dischi rigidi e un -30% nelle vendite di schede grafiche e sonoreinsomma torneremmo ai tempi in cui IBM era l'unica azienda che faceva utili
      • Wolf01 scrive:
        Re: meglio la matematica o le frasi
        Dovrebbero usare i test di icap.altervista.org al posto dei captcha... a milioni e random, vediamo quanti ci entrano poi nei siti XD
    • ex_macaco scrive:
      Re: meglio la matematica o le frasi
      basterebbe un generatore di frasi semplici visualizzate sempre tramite immagini che richiedano una risposta pensata, una cosa del tipo:Di che colore era il cavallo bianco di napoleone?Che animale era il cavallo bianco di napoleone?Chi è l'essere umano fra il cane e l'uomo?Il generatore dovrebbe essere in grado di cambiare soggetti e oggetti e ambito:Quanto fa tre più 2?
  • Anonimo Codardo scrive:
    Re: Sarà banale ma...
    Beh, il grosso dell'articolo parlava di riconoscimento di cani e gatti, non di testo...
  • braincrash.it scrive:
    Re: Sarà banale ma...
    Mmmm cosi a naso mi sa che hai letto solo i titolo... :)
Chiudi i commenti