Firefox 3.5 sarà anche su misura

Mozilla sta per varare un servizio che consentirà alle aziende di personalizzare vari aspetti del browser e installarne la versione così modificata su più desktop contemporaneamente. Nuova iniziativa anche sul fronte promozionale

Roma – Con l’imminente rilascio di Firefox 3.5, atteso verso fine giugno, Mozilla è pronta a lanciare un servizio gratuito che permetterà alle aziende di creare versioni personalizzate del famoso browser open source. A riportarlo è la giornalista americana Elizabeth Montalbano, la quale cita come fonte Mike Beltzner (responsabile del progetto).

Il programma annunciato da Mozilla, battezzato Build Your Own Browser , fornirà alle aziende gli strumenti necessari per personalizzare Firefox e installarlo velocemente su più computer. Con questa iniziativa Mozilla intende colmare una lacuna che fino ad oggi, in ambito enterprise, svantaggiava Firefox nei confronti di Internet Explorer.

Grazie ad una web application fornita da Mozilla, le aziende potranno personalizzare vari aspetti di Firefox 3.5 quali segnalibri, pagina iniziale, tema grafico (dove sarà possibile inserire un logo) e altre impostazioni predefinite. Il modo più semplice per modificare lo stile grafico del browser sarà attraverso Personas for Firefox , un’estensione lanciata in via sperimentale alcuni mesi fa che permette ai grafici di esprimere il loro estro senza scrivere una sola riga di codice.

Attraverso Personas si può accedere ad una galleria dove eventualmente condividere i propri temi o scaricare quelli creati da altri. L’aspetto più interessante, per l’utente finale, è dato dalla possibilità di applicare i temi creati con Personas in modo quasi istantaneo e senza la necessità di riavviare il browser: è addirittura possibile vederne l’anteprima mentre se ne scorre la lista. Va però detto che i temi creati con Personas sono delle semplici immagini di backgroud, e non modificano in alcun modo elementi della GUI come bottoni, icone e font.

Una volta scelte le personalizzazioni da apportare a Firefox, l’azienda potrà scaricare la propria versione custom del browser insieme ad uno speciale installer per il deploying centralizzato del software su tutti i suoi PC desktop.

Sheri McLeish, analista presso Forrester, ritiene che il programma Build Your Own Browser sia un buon punto di partenza per incoraggiare le aziende ad utilizzare Firefox al posto di IE. Per colmare del tutto il gap con Microsoft, però, l’analista sostiene che Mozilla dovrà fornire alle aziende maggiori strumenti per il controllo e la gestione di Firefox. Lo stesso Beltzner ha ammesso che gli odierni strumenti di gestione per Firefox sono troppo spartani, e in ogni caso poco adatti alla creazione di versioni personalizzate del browser.

Il servizio Build Your Own Browser dovrebbe essere lanciato al pubblico in occasione del rilascio di Firefox 3.5, previsto verso fine giugno o, al più tardi, all’inizio di luglio. Un’anteprima della Release Candidate di Firefox 3.5 è stata distribuita ai beta tester proprio ieri, mentre la RC finale è attesa entro le prossime due settimane.

Show Us Your Speed
In attesa del grande evento, Mozilla sta preparando tutta una serie di attività promozionali: una di queste vede il coinvolgimento di alcuni detentori del Guinness World Record che abbiano compiuto imprese attinenti alla velocità. L’intento della Foundation è quello di evidenziare le performance di Firefox 3.5, accreditato di essere fino a 10 volte più veloce di Firefox 2 e il doppio più veloce della versione 3.0.

Tra i primi Guinness-man filmati da Mozilla per la promozione del suo nuovo browser c’è Kent “Toast” French , uno scozzese capace di battere le mani al ritmo di 721 volte al minuto (in media 12 volte al secondo). Kent ha coinvolto il figlio Joshua e insieme hanno realizzato un video nel quale utilizzano il loro talento per dare il benvenuto al nuovo Firefox. Il contributo di Kent e di altri detentori di Guinness può essere visto qui .

Mozilla ha anche invitato chiunque voglia partecipare all’iniziativa di realizzare un video di circa 30 secondi che dimostri la propria capacità di sapere compiere una qualche attività in modo particolarmente rapido. “Non importa se nel fare un panino o nel mangiarlo, se a cambiare una gomma o a tagliare l’erba, se a percorre cento metri di schiena o far girare un hula-hoop. Insomma, spazio alla creatività, purché facciate in fretta”, si legge in una nota diffusa da Mozilla. Le clip così confezionate possono essere caricate sul sito www.fastestfirefox.com , dal quale Mozilla selezionerà i migliori e li monterà all’interno di un singolo video che sarà pubblicato la settimana successiva al lancio di Firefox 3.5.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Ad occhio direi che e' poco utile...
    www.iter.org (Francia, ma il maggiore finanziatore e' l'italia): richiedera' circa 50MW di energia elettrica per funzionare, 110 per accendersi e DOVREBBE restituirne 500.Le scorie prodotte hanno un tempo di dimezzamento pari a 12 anni. Il primo plasma verra' prodotto intorno al 2016, il consumo di carburante sara' di circa 250kg tra deuterio e litio l'anno.https://lasers.llnl.gov/ (USA 100%)il primo "motore a scoppio" termonucleare, 192 laser consumeranno circa 110MW di energia in 0,2*10^-8 secondi per ottenerne in cambio circa 800. Costruzione iniziata nel 1998 e' imminente la messa in opera.Questi sono solo alcuni prototipi, altrettanto promettente e' il lavoro sulla fusione fredda svolto dal professor Arata (cerca cold fusion arata su google), ma ancora ben lontano dall'efficienza di questi due progetti che invece sono in dirittura d'arrivo.A differenza delle centrali a fissione, queste centrali a fusione non possono subire incidenti significativi e in caso di problemi il peggio che puo' accadere e' la fuoriuscita di materiali debolmente radioattivi e dalla vita breve: a differenza delle centrali a fissione, la fusione "controllata" che va fuori controllo puo' solo spegnersi.Comunque prevedo i soliti piagnistei dei soliti eXXXXXXXX quando una di queste centrali sara' costruita in italia.-- GT
  • silvan scrive:
    Siamo in troppi
    Siamo in troppi sul groppone di questa povera Terra. Possiamo fare tutti i risparmi che vogliamo, ma se non ci limitiamo sulle nascite andremo prima o poi a fare la fine dei primi abitanti dell'isola di Pasqua, perchè di pianeti Terra ne esiste uno solo alla nostra portata, e non me ne frega niente se qualcuno ipotizza la presenza di uno analogo a mille anni luce.
  • Pietro scrive:
    In Spagna
    in Spagna ora hanno questo:http://www.ecoblog.it/post/3106/in-spagna-trionfa-leolico-dei-recordnoi invece avremo 4 centrali nucleari.. tra undici anni.... Forse
    • Ma basta... scrive:
      Re: In Spagna
      Già... e anche in Francia stanno costruendo eolico in quantità, le centrali nucleari non le faranno più.E venderanno a noi XXXXXXXXX Italiani la loro tecnologia...
      • Draikan scrive:
        Re: In Spagna
        Mah la Navarra non mi sembra fra le regioni più industrializzate oltre alle dimensioni (che contano nel distorcere le percentuali).Per quanto riguarda la Spagna ha le sue belle centrali nucleari oltre ai suoi mulini e pannelli, e fidatevi se dico che il vento non manca mai come lo spazio vuoto per il fotovoltaico.Per me comunque il punto cruciale è la DIFFERENZIAZIONE delle fonti in modo da destreggiarsi e compensare pregi e difetti. Siamo noi italiani che non abbiamo un piano strategico energetico credibile e andiamo avanti tappando buchi, certo le centrali nucleari sono una bella pezza ma se non le completi con eolico e solare spostiamo solo il problema nel tempo.Per quanto riguarda l'efficenza e i costi delle fonti alternative vorrei puntualizzare che la scelta di cosa costruire deve basarsi sui dati attuali; mi interessa poco se fra 20 anni il solare sarà efficienti. Il fatto è che la centrale devo costruirla ORA con le caratteristiche che ORA sono disponibili; fra ventanni si valuterà cosa costruire.
  • barbanonno scrive:
    Re: si poi arrivano i verdi...
    - Scritto da: GGG
    - Scritto da: barbapapa

    La spagna ci supera solo nella disoccupazione, da
    loro al
    18%.La Spagna è il terzo produttore mondiale di potenza dalleolico (dietro gli Stati Uniti e la Germania) ed è anche il secondo produttore mondiale per quanto riguarda lenergia solare (dietro solo alla Germania)Pure carlo rubbia e' andato per il solare termodinamico.a barcellona mi pare... in pieno centro c'e' un complesso di depurazione e non si sente puzza di XXXXX neanche a 10 metri.PS: GGG come la casa di produzione di certi filmettini tedeschi.
    • GGG scrive:
      Re: si poi arrivano i verdi...
      - Scritto da: barbanonno
      - Scritto da: GGG

      - Scritto da: barbapapa




      La spagna ci supera solo nella disoccupazione,
      da

      loro al

      18%.

      La Spagna è il terzo produttore mondiale di
      potenza dalleolico (dietro gli Stati Uniti e la
      Germania) ed è anche il secondo produttore
      mondiale per quanto riguarda lenergia solare
      (dietro solo alla
      Germania)Che in valori assoluti quanto fa, visto che sei ben informato?

      Pure carlo rubbia e' andato per il solare
      termodinamico.A fare un esperimento, si.In valori assoluti quanto produce?
      a barcellona mi pare... in pieno centro c'e' un
      complesso di depurazione e non si sente puzza di
      XXXXX neanche a 10
      metri.Trasferisciti.Dico sul serio.Tu ci vivi meglio.E ti garantisco che anche noi noteremo la differenza senza di te.
      PS: GGG come la casa di produzione di certi
      filmettini
      tedeschi.Ottimo livello di discussione.
  • Contadino scrive:
    3000 piedi? Fantastico!
    Allora basteranno 3 millepiedi per costruire una centrale pulita! Le mie vacche, galline, conigli, campi, orto e frutteto ringraziano sentitamente!!! :D :D :D
  • Wolfgang scrive:
    Re: Col nucleare bollette più costose?
    - Scritto da: fulcrum
    La Francia, lo si dimentica spesso, ha una
    discreta deterrenza nucleare. Lo sviluppo del
    "nucleare civile" è, come accaduto quasi ovunque,
    figlio della necessità di procurarsi il materiale
    per il "nucleare
    militare".Secondo voi perche' nazioni come Canada, Finlandia, Svezia, Svizzera,Germania, Giappone, che NON HANNO ARMI ATOMICHE manterrebbero operative centrali nucleari se non fossero convenienti ?Queste nazioni non hanno un programma di armamenti atomici quindi il teorema dei malati mentali sinistrati centrali nucleari= bombe nucleari non regge.secondo te quante centinaia di migliaia di testate atomiche avrebbe ammassato, per esempio la Francia in trent' anni di super nuclearizzazione ?Israele e' la sesta potenza nucleare del mondo con UNA centrale nucleare.
    • fulcrum scrive:
      Re: Col nucleare bollette più costose?
      - Scritto da: Wolfgang
      Secondo voi perche' nazioni come Canada,
      Finlandia, Svezia, Svizzera,Germania, Giappone,
      che NON HANNO ARMI ATOMICHE manterrebbero
      operative centrali nucleari se non fossero
      convenienti"Voi" chi, esattamente?
      Queste nazioni non hanno un programma di
      armamenti atomici quindi il teorema dei malati
      mentali sinistrati centrali nucleari= bombe
      nucleari non
      regge.Regge perfettamente, però, per: USA, URSS, Cina, Francia, Israele, Pakistan, India, Nord Corea, Iran,... ;-)O vuoi dirmi che l'AIEA, la NATO, l'UE e l'ONU si stanno strappando i capelli per niente (Iran e Nord Corea, ma ci aggiungerebbero anche il Pakistan se non fosse nominalmente "amico delgi amici")?
      secondo te quante centinaia di migliaia di
      testate atomiche avrebbe ammassato, per esempio
      la Francia in trent' anni di super
      nuclearizzazioneQuante bastano per la loro "force de frappe", evidentemente... ;-)
      Israele e' la sesta potenza nucleare del mondo
      con UNA centrale
      nucleare.E allora?Questo significa forse che il nucleare israeliano non abbia come seconda (o prima, secondo i punti di vista) finalità l'ottenimento di materiale fissile atto alla realizzazione di armamenti nucleari?Cordiali SalutiFulcrumP.S. Non è questione di destra o sinistra, ma di prosciutto sugli occhi... ;-)E di stile nello sfottò, anche... ;-) ;-) ;-)
  • fulcrum scrive:
    Re: Esiste un sito che tratti la questione..
    - Scritto da: Wolfgang
    http://www.giorgioprinzi.it/nucleare/rilli/tabellaPorta pazienza... Ma come si riesce ad affermare che:1) Morti/giorno (mondo, intero ciclo, esclusi i cancri da effluenti chimici) = 0 ???? Chernobyl non ha provocato morti (giusto per citare il caso più eclatante, ce ne sarebbero altri).2) Rischio proliferazione = no E allora perchè stiamo rompendo i maroni a Nord Corea e Iran..??? ;-) ;-) ;-)3) Rischi terrorismo = no Sicuro, sicuro, sicuro? Se vuoi ne discutiamo, su quali siano i punti deboli delle centrali. Particolarmente in relazione alle enormi quantità di acqua necessarie al raffreddamento... 4) Impatto vita flora e fauna = Nullo Tranne flora e fauna acquatiche, dato che l'acqua calda deve pur essere scaricata da qualche parte... 5) Impatto modifiche clima locale = Nullo Vedi punto 4.6) Tempo di costruzione anni = 4 W la fantascienza... ;-)Non mi sembra sia solo Report a sparare panzane, ma anche alcune delle tue fonti... :-)Cordiali SalutiFulcrum
    • pippo scrive:
      Re: Esiste un sito che tratti la questione..

      20000 circa da fonti ONU nei calcoli più
      pessimistici.
      Hai presente come è sucXXXXX l'incidente di
      Chernobyl?
      Hai presente la combinazione di tecnici
      inesperti+allarmi disattivati+allarmi
      ignorati+costruzione difettosa (non aveva il
      tetto protetto, ma solo i lati!)+esperimento di
      spegnimento/accensione rapida in corso+tecnologia
      già allora illegale in europa? Fai
      tu...E pensi che in itaGlia siamo messi meglio?
      Il secondo incidente per gravità è quello di
      Three Miles Island. Ne hai sentito parlare?
      Quanti
      morti?Per puro caso non ha fatto un'ecatombe, hai scelto proprio l'esempio perfetto :D
      • GGG scrive:
        Re: Esiste un sito che tratti la questione..
        - Scritto da: pippo

        20000 circa da fonti ONU nei calcoli più

        pessimistici.

        Hai presente come è sucXXXXX l'incidente di

        Chernobyl?

        Hai presente la combinazione di tecnici

        inesperti+allarmi disattivati+allarmi

        ignorati+costruzione difettosa (non aveva il

        tetto protetto, ma solo i lati!)+esperimento di

        spegnimento/accensione rapida in
        corso+tecnologia

        già allora illegale in europa? Fai

        tu...

        E pensi che in itaGlia siamo messi meglio?Molto meglio.

        Il secondo incidente per gravità è quello di

        Three Miles Island. Ne hai sentito parlare?

        Quanti

        morti?
        Per puro caso non ha fatto un'ecatombe, hai
        scelto proprio l'esempio perfetto
        :DTu si che sei informato...
        • pippo scrive:
          Re: Esiste un sito che tratti la questione..


          E pensi che in itaGlia siamo messi meglio?

          Molto meglio.(rotfl)(rotfl)(rotfl)


          Il secondo incidente per gravità è quello di


          Three Miles Island. Ne hai sentito parlare?


          Quanti


          morti?

          Per puro caso non ha fatto un'ecatombe, hai

          scelto proprio l'esempio perfetto

          :D

          Tu si che sei informato...google :D
    • GGG scrive:
      Re: Esiste un sito che tratti la questione..
      Scusami se non ti rispondo punto per punto.Mi par di capire che concordiamo che le centrali termochimiche e quelle termonucleari sono molto simili su molti aspetti.La differenza è che io sostengo che i morti da nucleare siano molti meno di quelli da termochimico.La produzione di CO2 invece non è paragonabile (il nucleare ne produce praticamente 0)In conseguenza IO preserisco il termonucleare al termochimico.La questione sul fatto che esita una alternativa alle due tecnologie sopra elencate è argomento lungo e sinceramente ne ho già scritto fin troppo nel resto di questo forum, per cui rimando la cosa agli altri miei interventi.Buona giornatap.s. finalmente qualcuno che risponde in modo civile... grazie.
      • pippo scrive:
        Re: Esiste un sito che tratti la questione..

        p.s. finalmente qualcuno che risponde in modo
        civile...
        grazie.Prego, quando non spari ca@@ate... ;)
        • GGG scrive:
          Re: Esiste un sito che tratti la questione..
          - Scritto da: pippo

          p.s. finalmente qualcuno che risponde in modo

          civile...

          grazie.
          Prego, quando non spari ca@@ate... ;)non parlavo con te :P
  • pietro scrive:
    Re: Col nucleare bollette più costose?
    chiude
  • SonoIO scrive:
    Re: si poi arrivano i verdi...
    - Scritto da: Monsieur Duball
    Meglio un campo pieno di pale
    piuttosto che una centrale
    atomica.Guarda che il nucleare non lo sostituisci con le pale eoliche per problemi vari, lo sostituisci col costoso e "pulito" gas o con l'economico e "sXXXXX" carbone.Io preferisco il nucleare.
  • SIAE 2029 scrive:
    Re: si poi arrivano i verdi...
    Il problema dell'italia è proprio questo, l'ESTETICAle pale fanno schifo, ma la centrale a Carbone o ilnucleare è Bello da vedere, e questi sarebbero i Verdi,probabilmente il colore verde è dato da Radioattività.FANXXXX !
  • Foy scrive:
    A quando catturare i fulmini?
    Si dice spesso che i fulmini scaricano atterra quantità di energia incontenibili. Quando si riuscirà a catturarli, anche solo in minima parte?
    • Xenon scrive:
      Re: A quando catturare i fulmini?
      Il problema grosso dei fulmini non è tanto catturarli, quanto riuscire a trovare un condensatore abbastanza grosso che riesca ad accumulare l'energia rilasciata.Si parla di bestioni da milioni di Watt e Ampere, che possono cuocere qualsiasi apparato elettronico... direi sia più facile sviluppare bene le altre fonti di energia per renderle più efficienti. ;)
      • SIAE 2029 scrive:
        Re: A quando catturare i fulmini?
        Se creo un circuito risonante ENORME e lo faccio colpireda un fulmine, riesco a friggere tutte le apparecchiatureelettroniche circostanti ??
        • Funz scrive:
          Re: A quando catturare i fulmini?
          - Scritto da: SIAE 2029
          Se creo un circuito risonante ENORME e lo faccio
          colpire
          da un fulmine, riesco a friggere tutte le
          apparecchiature
          elettroniche circostanti ??Una bella bomba EMP DIY... adesso ti ritroverai l'antiterrorismo a farti visita ;p
          • Wolf01 scrive:
            Re: A quando catturare i fulmini?
            Se già con una batteria da 9V fai una tesla coil che genera abbastanza rumore elettronico da rompere le balle a qualsiasi cosa nel raggio di 15 metri, con un fulmine creerebbe un onda EMP di portata planetaria, la SWAT non riuscirebbe ad intervenire :D
        • Bastard Inside scrive:
          Re: A quando catturare i fulmini?
          - Scritto da: SIAE 2029
          Se creo un circuito risonante ENORME e lo faccio
          colpire
          da un fulmine, riesco a friggere tutte le
          apparecchiature
          elettroniche circostanti ??Prima di mettere i filtri antiscarica anche alla linea telefonica oltre che alle prese di corrente per gli apparecchi più cari o delicati, fulmini caduti a parecchia distanza mi hanno fritto 3 modem ADSL, per fortuna erano in comodato d'uso forniti dal provider che li ha sempre cambiati gratis, comunque, per non restare senza collegamento in attesa dell'assistenza, ho messo i filtri antiscarica.
      • pietro scrive:
        Re: A quando catturare i fulmini?
        - Scritto da: Xenon
        Il problema grosso dei fulmini non è tanto
        catturarli, quanto riuscire a trovare un
        condensatore abbastanza grosso che riesca ad
        accumulare l'energia
        rilasciata.
        non basta accumularla bisogna anche scaricarla lentamente altrimenti ottieni solo un altro fulmine.
        • al bel scrive:
          Re: A quando catturare i fulmini?
          Senza offesa per nessuno,ma non è ne possibile ne' economicamente conveniente immagazzinare l'energia dei fulmini.inanzitutto l'energia media di un fulmine non è poi così alta, considerando che il flash si esaurisce in pochi microsecondi.Raccogliere l'energia del fulmine è tecnicamente possibile (ci sono delle torri, tipo la CN Towers di Toronto che essendo alte intercettano moltissimi fulmini sono state usate per studiare i fulmini).Il problema è che non è possibile sapere dove cadrà il fulmine e con quale intensità e per intercettarne un numero decente bisognerebbe costruire parafulmini altissimi e annessi accumulatori ovunque nel paese e anche allora l'energia raccolta sarebbe molto meno di quella che si consuma!!!
  • pelmo scrive:
    Kitegen realtà italiana
    c'è di meglio (secondo me)http://www.kitegen.com/index_it.html
  • sognatore scrive:
    Rinnovabili NO Nucleare
    credo che non per forza dovremmo tentare di produrre energia a basso costo. Migliorare la qualità della vita a volte costa, quindi non avere scorie nucleari e non avere inquinamento sicuramente costa, ma partendo dal fatto che noi già siamo abituati a pagare più degli altri l'energia... forse pariamo avvantaggiati. Eliminando gli sprechi di energia, puntando di più sulle rinnovabili che col tempo diventeranno anche convenienti.Puntare un po' su tutte così da avere varietà di energia. Il fotovoltaico che produce solo di giorno per esempio va benissimo come integrazione energetica visto che il maggior consumo di elettricità ce l'abbiamo proprio di giorno e d'estate con i condizionatori... proprio nei periodi dove produce di più.Se proprio dobbiamo costruire centrali nucleari almeno diamo un occhio a quelle al Torio... Le scorie delle centrali nucleari attuali, non sanno ancora dove metterle e figuriamoci in italia.. nessuno le vuole e faranno gola a molti visti i costi di smaltimento che hanno... come i rifiuti dove le varie organizzazioni criminali trovano sempre da lucrare... quindi meno rifiuti e meno scorie meno opportunità di far lucrare qualcuno che poi le nasconde sotto casa nostra.Inoltre altro fatto le centrali attuali producono plutonio che può essere utilizzato per le bombe nucleari, mentre le centrali al Torio diminuiscono di molto questa possibilità e le rinnovabili la escludono.Ultima cosa... credo che in caso di bombardamento sicuramente una centrale nucleare sarebbe un punto debole. A questo ci dobbiamo pensare, visto che una centrale dura almeno 50 anni e che non conosciamo l'evolversi della situazione nei prossimi decenni.
    • pippo scrive:
      Re: Rinnovabili NO Nucleare

      Se proprio dobbiamo costruire centrali nucleari
      almeno diamo un occhio a quelle al Torio...La buona notizia, (di ieri) è che Tremonti le ha bocciate: MANCANO i soldi!!!
      • sognatore scrive:
        Re: Rinnovabili NO Nucleare
        speriamo... visto che per il nucleare serve un grossissimo esborso per cominciare a produrre energia tra 10 anniMentre i tempi per rendere attive altre forme di energie alternative mediamente sono minori e forse creano anche più posti di lavoro... p.s. negli stati uniti devono ancora trovare una collocazione definitiva per tutte le scorie nucleari.Hanno localizzato un sito... ma pensate ora a trasportare lungo il territorio le scorie nucleari... che rischi si corrono, come ad esempio terrorismo e terremoti, magari possibilità remota, ma dagli esiti catastrofici, figuratevi in Italia :S
        • SIAE 2029 scrive:
          Re: Rinnovabili NO Nucleare
          Non ricordo dove, hanno usato una sicurissima minieradi sale dove stoccare le scorie, talmente sicura chesi sta riempiendo d'acqua, ed essendo una salina, ifusti si stanno pure corrodendo, la stupidità umananon ha fine, il nostro cervello ha una vita intellettualedi 50Anni se va bene, e si crede di poter trovare soluzioniper scorie che hanno una vita media di UN MILIONE DI ANNI.Io c'è l'ho il posto sicuro per le scorie, in casa di ognipolitico corrotto di XXXXX !
        • pippo scrive:
          Re: Rinnovabili NO Nucleare

          speriamo...
          visto che per il nucleare serve un grossissimo
          esborso per cominciare a produrre energia tra 10
          anni
          Mentre i tempi per rendere attive altre forme di
          energie alternative mediamente sono minori e
          forse creano anche più posti di lavoro...P.S. non correte a fare l'aumento di capitale enel, chissà a cosa servirà? O)Se poi fate la fine dei piccoli azionista alitalia NON lamentatevi! :@
        • Wolfgang scrive:
          Re: Rinnovabili NO Nucleare
          - Scritto da: sognatore
          speriamo...
          visto che per il nucleare serve un grossissimo
          esborso per cominciare a produrre energia tra 10
          annise lo facevamo 10 anni fa ora avremmo l'energia, se nell'87 gli analfabeti di ritorno non avessero votato il referendum antinucleare oggi avremmo l'energia da 10 anni.
          Mentre i tempi per rendere attive altre forme di
          energie alternative mediamente sono minori e
          forse creano anche più posti di lavoro...creare posti di lavoro improduttivi é facilissimo, basta fare come i lavori socialmente utili a Napoli, ma prima o poi chi lavora sul serio e paga le tasse si stufa...
          • pippo scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare


            speriamo...

            visto che per il nucleare serve un grossissimo

            esborso per cominciare a produrre energia tra 10

            anni

            se lo facevamo 10 anni fa ora avremmo l'energia,
            se nell'87 gli analfabeti di ritorno non avessero
            votato il referendum antinucleare oggi avremmo
            l'energia da 10
            anni.
            O magari una cernobyl tutta nostra :D
      • Osvy scrive:
        Re: Rinnovabili NO Nucleare
        - Scritto da: pippo

        Se proprio dobbiamo costruire centrali nucleari

        almeno diamo un occhio a quelle al Torio...
        La buona notizia, (di ieri) è che Tremonti le ha
        bocciate: MANCANO i soldi!!!EVVAI! Io sono contrario alle centrali nucleari per tutta la lunga serie di motivi che è inutile ripetere. E' anche vero che quando poi ci manca la corrente o perdiamo con i concorrenti degli altri paesi causa il nostro costo elettrico, ci incavoliamo... dovremmo essere almeno un po' più coerenti.Comunque, temo che la questione delle energie rinnovabili (quelle vere: sole, maree, vento, non l'incenerimento delle biomasse tipo pollina, vedi uno degli ultimi Report) non stia del tutto come ce la raccontano i loro fautori (a proposito: sapete che Obama ha cestinato la ricerca sull'auto a idrogeno, vero?).Per chi vuole farsi qualche idea in più, vada sul sito de LA7 e veda il video della trasmissione OttoeMezzo di qualche giorno addietro (max una settimana) sull'argomento.Così in breve, al momento i problemi delle energie rinnovabili (efficienza a parte della tecnologia, che col tempo migliorerà) è che sono competitive solo perché sovvenzionate e soprattutto che - secondo Battaglia - siccome né il sole né il vento ci sono sempre, quando si installa una tot potenza di rinnovabili va comunque prevista l'installazione di una pari potenza di "tradizionali" che le coprano nei periodi in cui non ci sono.Questo perché come si sa l'energia elettrica non è - se non in minima parte - immagazzinabile, e dunque va prodotta "just in time", cioè al momento stesso del suo uso.saluti
        • SIAE 2029 scrive:
          Re: Rinnovabili NO Nucleare
          Emm.....L'energia può essere convertita in Idrogeno e l'Idrogenodinuovo in energia.Quello che manca è la volontà di iniziare, quest'anno initalia ci lamenteremo della mancanza d'acqua quest'estatesta di fatto che se immagazinavamo qualcosa prima, non sipuò dire che non abbia piovuto quest'anno !Molte centrali sono costrette a lavorare 24/24 anchequando non c'è consumo e quel surplus viene gettatoal vento, se si fosse prodotto idrogeno con elettrolisiavremmo delle scorte di idrogeno utilizzabili quando permancanza d'acqua le dighe andrebbero non vuotate.
          • ezio scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            hai perfettamente ragione ma c'è un piccolo inconveniente..non esistono (che io sappia) sistemi per stoccare l'idrogeno che siano ai livelli di quelli per il metano.l'idrogeno è più reattivo e meno comprimibile
          • SIAE 2029 scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            Stocchiamo materiale anche più reattivo, senza problemil'ossigeno stesso per gli ospedali non è "Facilmente"stoccabile, è che li lo si fa perchè il rischio di morireè sotto gli occhi, uno senza ossigeno muore, uno con ilnucleare ed il carbone muore lo stesso, ma dopo 20, 30anni, con un tumore, ma la la morte non è sotto gli occhi.L'impianto di compressione e alla fine lo stesso di quelloper l'ossigeno liquido, con compressione a più stadi.E alla fine un impianto del genere è pur sempre menocostoso del costo finale di una centrale nucleare.
          • rick scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            - Scritto da: SIAE 2029
            Stocchiamo materiale anche più reattivo, senza
            problemi
            l'ossigeno stesso per gli ospedali non è
            "Facilmente"
            stoccabile, è che li lo si fa perchè il rischio
            di
            morire
            è sotto gli occhi, uno senza ossigeno muore, uno
            con
            il
            nucleare ed il carbone muore lo stesso, ma dopo
            20,
            30
            anni, con un tumore, ma la la morte non è sotto
            gli
            occhi.

            L'impianto di compressione e alla fine lo stesso
            di
            quello
            per l'ossigeno liquido, con compressione a più
            stadi.

            E alla fine un impianto del genere è pur sempre
            meno
            costoso del costo finale di una centrale nucleare.Prova a guardare i rapporti di compressione idrogeno e ossigeno... e tieni conto del fatto che non stiamo parlando delle bombolette di ossigeno per immersione! E ovviamente l'idrogeno ce lo devi mettere nel compressore... mica lo trovi così!E riguardo a quanto dicevi prima... di notte buttiamo energia al vento!?!?? E come sarebbe "dissipata" questa energia?
          • GGG scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            - Scritto da: SIAE 2029
            Emm.....

            L'energia può essere convertita in Idrogeno e
            l'Idrogeno
            dinuovo in energia.FigataCon che perdita di efficenza?Diciamo che produci energia da fotovoltaico (20% di efficenza e ti sto regalando un bel po') per 6 ore al giorno (e anche qui abbondo molto).Poi converti in idrogeno (dammi tu l'efficenza, che sei esperto), poi riconverto in energia (anche qui dimmi tu).Le copro le 24 ore?Lo vuoi fare con l'eolico?Bene. Fammi i conti per produrre quanto serve.Hint: Il "quanto serve" lo trovi in home page di www.terna.itFammi i conti e mostrami che si può fare: diventerò il tuo fan più sfegatato.
        • Wolfgang scrive:
          Re: Rinnovabili NO Nucleare
          - Scritto da: Osvy
          - Scritto da: pippo


          Se proprio dobbiamo costruire centrali
          nucleari
          EVVAI! Io sono contrario alle centrali nucleari
          per tutta la lunga serie di motivi che è inutile
          ripetere. ignoranzaqualunquismodemagogia antitecnologica"cultura" umanistaE' anche vero che quando poi ci manca
          la corrente o perdiamo con i concorrenti degli
          altri paesi causa il nostro costo elettrico, ci
          incavoliamo... dovremmo essere almeno un po' più
          coerenti.direi anch'io
          Comunque, temo che la questione delle energie
          rinnovabili (quelle vere: sole, maree, vento, non
          l'incenerimento delle biomasse tipo pollina, vedi
          uno degli ultimi Report) non stia del tutto come
          ce la raccontano i loro fautori (a proposito:
          sapete che Obama ha cestinato la ricerca
          sull'auto a idrogeno,
          vero?).dopo il fallimento di General Motors non ci sono piú i soldi per giochini ed altre scemenze propagandistiche.Esistono gpl e metano, molto migliori dell' idrogeno a costi molto inferiori.
          • pippo scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare




            Se proprio dobbiamo costruire centrali

            nucleari


            EVVAI! Io sono contrario alle centrali nucleari

            per tutta la lunga serie di motivi che è inutile

            ripetere.

            ignoranza
            qualunquismo
            demagogia antitecnologica
            "cultura" umanistaCervello acceso... :D
            dopo il fallimento di General Motors non ci sono
            piú i soldi per giochini ed altre scemenze
            propagandistiche.
            Esistono gpl e metano, molto migliori dell'
            idrogeno a costi molto
            inferiori.Costi che pagheranno le generazioni future, ma chissenefrega neee? :D
    • SonoIO scrive:
      Re: Rinnovabili NO Nucleare
      - Scritto da: sognatore
      Migliorare la qualità della vita a volte costa,
      quindi non avere scorie nucleari e non avere
      inquinamento sicuramente costa, ma partendo dal
      fatto che noi già siamo abituati a pagare più
      degli altri l'energia... Peccato che i rifiuti radioattivi ce li hai lo stesso, in Germania ad esempio solo il 25% del materiale di scarto radioattivo è prodotto dalle centrali il resto è industria, ricerca e soprattutto apparecchiature medicali.Quindi senza centrali riduci il quantitativo di "scorie", mica lo azzeri.
      Ultima cosa... credo che in caso di bombardamento
      sicuramente una centrale nucleare sarebbe un
      punto debole. A questo ci dobbiamo pensare, visto
      che una centrale dura almeno 50 anni e che non
      conosciamo l'evolversi della situazione nei
      prossimi
      decenni.Francamente mi pare assurdo, se vuoi fare disastri usi già di tuo armamento atomico e lo usi dove ci sono obiettivi militari o civili, chi te lo fa fare di tentare di abbattere centrali che sono pensate per reggere terremoti e incidenti vari?
      • fulcrum scrive:
        Re: Rinnovabili NO Nucleare
        - Scritto da: SonoIO
        Peccato che i rifiuti radioattivi ce li hai lo
        stesso, in Germania ad esempio solo il 25% del
        materiale di scarto radioattivo è prodotto dalle
        centrali il resto è industria, ricerca e
        soprattutto apparecchiature
        medicali.
        Quindi senza centrali riduci il quantitativo di
        "scorie", mica lo
        azzeri.Lo stesso tipo di "scorie"? Con lo stesso livello di pericolosità ed emivita?;-)
        Francamente mi pare assurdo, se vuoi fare
        disastri usi già di tuo armamento atomico e lo
        usi dove ci sono obiettivi militari o civili, chi
        te lo fa fare di tentare di abbattere centrali
        che sono pensate per reggere terremoti e
        incidenti
        vari?Perchè è molto più semplice ed economico procurarsi ed utilizzare armamenti "convenzionali" (non-nucleari).Particolarmente per le organizzazioni terroristiche.Cordiali SalutiFulcrum
        • SonoIO scrive:
          Re: Rinnovabili NO Nucleare
          - Scritto da: fulcrum
          Lo stesso tipo di "scorie"?
          Con lo stesso livello di pericolosità ed emivita?Una centrale produce molte varietà di rifiuti radioattivi, la maggio parte sono poco o medi radioattivi e quindi hanno lo stesso grado di pericolosità dei rifiuti sanitari.Per il rimanente esiste il proXXXXX di vetrificazione che ne riduce di molto la pericolosità ma IMHO la soluzione migliore è il riciclo in reattori di nuova generazione che le useranno come combustibile.Reattori che esistono già come progetto e arriveranno entro qualche decennio quindi non dovremo davvero convivere per milioni di anni con le scorie.Nel famoso deposito tedesco ci mettevano insieme i rifiuti di tutte le origini nei loro bei bidoni gialli.

          Perchè è molto più semplice ed economico
          procurarsi ed utilizzare armamenti
          "convenzionali"
          (non-nucleari).
          Particolarmente per le organizzazioni
          terroristiche.In Giappone hanno + di 50 centrali e uno o due terremoti grossi all'anno: nessuna fuga di radiazioni degna di nota in decenni.Penso che non fai grandi danni ad una centrale con missili tipo quelli che lanciano a Gaza.Ma poi scusa non è più facile e "redditizio" buttare giù una diga?
          • GGG scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            - Scritto da: SonoIO
            Ma poi scusa non è più facile e "redditizio"
            buttare giù una
            diga?Sssstt!!!Non dirglielo... sia mai che gli venga l'idea... :O
          • fulcrum scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            - Scritto da: SonoIO
            Una centrale produce molte varietà di rifiuti
            radioattivi, la maggio parte sono poco o medi
            radioattivi e quindi hanno lo stesso grado di
            pericolosità dei rifiuti
            sanitari.

            Per il rimanente esiste il proXXXXX di
            vetrificazione che ne riduce di molto la
            pericolosità ma IMHO la soluzione migliore è il
            riciclo in reattori di nuova generazione che le
            useranno come
            combustibile.

            Reattori che esistono già come progetto e
            arriveranno entro qualche decennio quindi non
            dovremo davvero convivere per milioni di anni con
            le
            scorie.Quindi, in sostanze: oggi li produciamo e non sappiamo ancora come gestirli "bene"... Speriamo che in futuro... ;-)
            Nel famoso deposito tedesco ci mettevano insieme
            i rifiuti di tutte le origini nei loro bei bidoni
            gialli.Questo cambia qualcosa, relativamente agli errori sulla determinazione della situazione idrogeologica dell'area?
            In Giappone hanno + di 50 centrali e uno o due
            terremoti grossi all'anno: nessuna fuga di
            radiazioni degna di nota in
            decenni.Cosa intendi per "degna di nota"? Qualcosa diverso da "0", immagino...?
            Penso che non fai grandi danni ad una centrale
            con missili tipo quelli che lanciano a
            Gaza.Con missili di quel genere no, probabilmente.Con un po' di C4 (o equivalente) piazzato bene le cose potrebbero cambiare di molto. E saltare in aria insieme alla centrale non sarebbe un problema, nell'ipotesi più probabile di terrorismo di matrice fondamentalista.
            Ma poi scusa non è più facile e "redditizio"
            buttare giù una
            diga?Ni... :-)Una diga non è per niente fragile e l'impatto psicologico dell'atto terroristico (non dimentichiamoci qual'è il fine del terrorismo) ben diverso.L'acqua di un bacino idroelettrico porta una morte ben visibile, le radiazioni no.Cordiali SalutiFulcrum
          • Ma basta... scrive:
            Re: Rinnovabili NO Nucleare
            In Giappone hanno terremoti ogni 2 x 3 come dici tu.Quante case e ospedali crollano in giappone?Qui stiamo parlando dell'Italia... dove crollano gli ospedali alla prima scossa di terremoto...
  • atamata scrive:
    Re: si poi arrivano i verdi...
    in compenso montiamo le centrali di $ilvio
  • Joliet Jake scrive:
    Re: si poi arrivano i verdi...
    I Verdi ITALIANI si sono estinti. Anzi, si sono suicidati da soli.Dei geni...Alle Elezioni Europee, sono gli unici altri partiti in Europa che hanno guadagnato consensi oltre alle destre xenofobe.IMO, se ci fosse un altro "vero" partito dei Verdi in Italia credo che raccoglierebbe parecchi voti.
  • supermariop rof scrive:
    risparmio energetico ed efficienza
    il mio nuovo PC consuma, DA SPENTO, 22 Watt.moltiplicate questi 22 Watt per 10 mln di computer in Italia (ce ne sono di più, ma non tutti consumano 22 Watt da spenti)fanno 220 MW, cioè una piccola centrale nucleare.solo per aver la spina infilata nella presa.vi pare sensato spendere soldi e costruire centralie discutere su fonti di energia e cercare sempre PIU' energiaper NON FARE NULLA ?
    • Alessandro scrive:
      Re: risparmio energetico ed efficienza

      vi pare sensato spendere soldi e costruire
      centrali
      e discutere su fonti di energia e cercare sempre
      PIU'
      energia
      per NON FARE NULLA ?Hai ragione.E' lo stesso discorso della potenza di calcolo.Ti pare sensato spendere soldi per un Nehalemxx-core con xx GB di RAM per far girare soloil sistema operativo ed i quattro applicativiche fanno le stesse cose dei loro omologhidi 10-15 anni fa?E si potrebbero fare altri esempi in altri campi.Alessandro
      • Osvy scrive:
        Re: risparmio energetico ed efficienza
        - Scritto da: Alessandro

        vi pare sensato spendere soldi e costruire

        centrali

        e discutere su fonti di energia e cercare sempre

        PIU' energia per NON FARE NULLA ?
        Hai ragione.
        E' lo stesso discorso della potenza di calcolo.Se la corrente costasse di più, ci staremmo più attenti...
        Ti pare sensato spendere soldi per un Nehalem
        xx-core con xx GB di RAM per far girare solo
        il sistema operativo ed i quattro applicativi
        che fanno le stesse cose dei loro omologhi
        di 10-15 anni fa?Beh insomma, tutto quel rifrullo serve a fare le stesse cose ma in modo più semplice. Con tutti i distingui del caso che lascio perdere.
        E si potrebbero fare altri esempi in altri campi.Ad esempio l'acqua. Sarò una mosca bianca, ma mi sembra che l'acqua dovrebbe costare MOOOOLTO di più. Certo c'è gente che si lamenta di quanto già costa ora. Premesso che dal loro punto di vista possono anche avere ragione (ognuno ha il suo portafogli, e c'è anche chi effettivamente non ce la fa), quando vedo in TV quei paesi dove non hanno l'acqua nemmeno per bere, mi viene un'XXXXXXXtura per tutta quella che sprechiamo noi, fortunati ed XXXXXXXXX... ciao
        • izzokkei scrive:
          Re: risparmio energetico ed efficienza
          L'acqua non la sprechiamo. Come la immagazzini? Fai supermegavasche di raccolta di acqua (come e dove?) per farne poi cosa? Darla ai paesi che non ne hanno? I paesi che non ne hanno sono terre inospitali come i deserti, fattene una ragione, non dovrebbero essere abitati a forza, solo perchè fanno parte della superficie terrestre non è detto che debbano ospitare persone a tutti i costi. L'acqua, pur essendo per noi la cosa più preziosa del nostro universo, dovrebbe essere gratuita. L'acqua passa e va. Va al mare, alla fine, è un ciclo quasi perpetuo, quella che si disperde e non rientra nel ciclo finisce nello spazio, ma da miliardi di anni, non è colpa nostra. Ti vogliono far credere che l'acqua si sprechi ma non è così. Al più sono disposto ad accettare di pagarla perchè giunga potabile a casa mia, ma non accetto moralismi gratuiti, quanto falsi, sullo spreco dell'acqua. Al più bisogna badare a non inquinarla, e basta.
  • Teo_ scrive:
    Ce ne sono anche di più piccoli
    Quello da 5 metri è da 330 W.Fra i "piccoli" vedo due prodotti, uno da 1,5 x 0,5 m da 40 W e uno da 1,5 x 1 m da 80 Whttp://www.xunlight.com/XP%20Series%20BROCHURE.pdf
    • Vanjkos scrive:
      Re: Ce ne sono anche di più piccoli
      Esatto, anche perchè se uno si dovesse portar dietro un pannello di 5 metri per caricare il notebook, come dice il nostro autore... :-)
  • RObba scrive:
    Dubbio
    E se il problema non fosse tanto da che generiamo l'energia ma più il come l'usiamo?Bho, il dubbio mi resta cmq non conoscevo queste possibilità ho trovato l'articolo interessante...
    • Osvy scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: RObba
      E se il problema non fosse tanto da che generiamo
      l'energia ma più il come l'usiamo?Questo è vero. Ok, vediamo come convincere le persone.Ci provi tu - per dire di un altro argomento - a convincere i napoletani che se non vogliono ritrovarsi nella monnezza "DEVONO INIZIARE A FARE LA DIFFERENZIATA" senza che nessuno li paghi per questo? :-))Non l'ho scritto a caso, io da sempre faccio la differenziata, chiudo i rubinetti, tengo basso il riscaldamento e la climatizzazione ecc. ecc. senza che nessuno mi paghi. Anzi, fare la differenziata mi costa tempo e fatica. Eppure ho letto di tanta gente - da anni fa eh - che vorrebbe essere pagata per avere separato la carta dalle lattine ecc. Gente che sta XXXXndosi il ramo e se ne frega bellamente.Insomma, quello che voglio dire è che cambiare i comportamenti è complesso. Già più facile è agire sulle normative industriali (vedi caricabatterie unico, requisiti di consumo energetico dei prodotti, stand-by a bassissimo wattaggio ecc. ecc.). Buona giornata
    • SonoIO scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: RObba
      E se il problema non fosse tanto da che generiamo
      l'energia ma più il come
      l'usiamo?Sicuramente vero ma molto è già stato fatto e non si può scendere più di tanto.Per esempio il grosso dellla corrente è consumato dall'industria nei motori elettrici; il più scrauso ha un rendimento sopra l'80% anche se li sostituisci tutti con quelli bellissimi da 95% abbatti il consumo di poco più del 10% ma lì ti fermi.Poi che fai?
  • AxAx scrive:
    a 1000 piedi la jetstream?
    Le jetstream si trovano oltre gli 8000 metri di altitudine, non 300.
    • Max scrive:
      Re: a 1000 piedi la jetstream?
      Hai perfettamente ragione...ma quelli a cui si riferisce l'autore sono i "jet stream notturni" che possono generarsi ai 1000-1500 piedi di altezza dal suolo. Esistono in alcune zone del globo.Ovviamente, per non indurre in confusione, l'autore avrebbe dovuto specificare "notturni" (come peraltro specificato sul sito del costruttore). :P
      • pelmo scrive:
        Re: a 1000 piedi la jetstream?
        forse non conoscete questa realtà tutta italiana http://www.kitegen.com/index_it.html
        • Max scrive:
          Re: a 1000 piedi la jetstream?
          Sì, conosco...ma qui si parla già di 800-1000 metri...ovvero 3000 piedi...che è già più distante dal suolo
  • GGG scrive:
    Ma che bella favola..
    L'energia eolica ha il problema della continuità: bisogna sovradimensionare (di molto) la rete per reggere i picchi e comunque non si ha un livello minimo garantito. Chiedere alla danimarca, se permangono dubbi.L'energia da fotvoltaico è talmente irrilevante che solo un fattore moltiplicativo da 20x in incentivi (pagati da tutti noi) la rende profittevole. Detto questo, copre solo le ore in cui il sole è effettivamente forte, diciamo 6 ore di estate e 3-4 di inverno, ovvero al più un quarto della giornata. In pratica se il fotovoltaico fosse 20x4=80 volte più efficente sarebbe vantaggioso. Limiti fisici della tecnologia attuale rendono questo risultato impossibile.Per quel che riguarda l'articolo: far volare un dispositivo legato a terra e renderlo stabile a 300m da terra non è affatto banale. Mi sfugge poi come l'energia venga trasmessa a terra: se meccanicamente (torcendo un cavo da 300m? ma dai!! facendolo saliere e scendere? non ha senso...) o gia elettrica (che vuol dire far volare un generatore (presente il peso???). Insomma questa strada è vecchia e già scartata per evidenti limiti.Passando al fotovoltaico da "portare con sè per caricare la batteria del laptop ovunque ci si trovi", beh... che dire... la frase dopo dice che è un metro per cinque!Comodo. Vado sempre in giro don un ombrellone doppio sulla testa, io...Il senso critico dell'autore dell'articolo è adeguato a quello della media dei giornalisti: penoso.
    • monnalisamo namour scrive:
      Re: Ma che bella favola..
      Perciò , ci costruiamo bei suppostoni al nucleare e la smettiamo di azzardare ipotesi ,ricerche, fronzole alternative e meno lesive per la terra e per noi stessi... ste XXXXXXXte da comunisti.Propongo una grande cosa un suppostone lo costruiamo a due metri da casa tua :)
      • atamata scrive:
        Re: Ma che bella favola..
        - Scritto da: monnalisamo namour
        Perciò , ci costruiamo bei suppostoni al nucleare
        e la smettiamo di azzardare ipotesi ,ricerche,
        fronzole alternative e meno lesive per la terra e
        per noi stessi... ste XXXXXXXte da
        comunisti.
        Propongo una grande cosa un suppostone lo
        costruiamo a due metri da casa tua
        :)anche due centrali cosi non ti da fastidio l'"ombrello"
        • GGG scrive:
          Re: Ma che bella favola..
          - Scritto da: atamata
          - Scritto da: monnalisamo namour

          Perciò , ci costruiamo bei suppostoni al
          nucleare

          e la smettiamo di azzardare ipotesi ,ricerche,

          fronzole alternative e meno lesive per la terra
          e

          per noi stessi... ste XXXXXXXte da

          comunisti.

          Propongo una grande cosa un suppostone lo

          costruiamo a due metri da casa tua

          :)
          anche due centrali cosi non ti da fastidio
          l'"ombrello"Volentieri.Molto meglio che avere mezza centrale termochimica, molto meglio che essere circondati da una superficie più grande del comune di Milano (fatti i conti!) di pannelli solari, molto meglio che avere intorno km quadri di rumorosissime pale eoliche (in pianura padana! guardati le mappe dei venti!).Tutte soluzioni che, nota bene, rendono la metà di una centrale termonucleare.
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Volentieri.
            Molto meglio che avere mezza centrale
            termochimica, molto meglio che essere circondati
            da una superficie più grande del comune di Milano
            (fatti i conti!) di pannelli solari, molto meglio
            che avere intorno km quadri di rumorosissime pale
            eoliche (in pianura padana! guardati le mappe dei
            venti!).
            OK aspettiamo il tuo indirizzo di casa...
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: pippo

            Volentieri.

            Molto meglio che avere mezza centrale

            termochimica, molto meglio che essere circondati

            da una superficie più grande del comune di
            Milano

            (fatti i conti!) di pannelli solari, molto
            meglio

            che avere intorno km quadri di rumorosissime
            pale

            eoliche (in pianura padana! guardati le mappe
            dei

            venti!).


            OK aspettiamo il tuo indirizzo di casa...Volentieri.Però intorno alla tua facciamo una delle atre tre soluzioni.Quale scegli?
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: GGG
            - Scritto da: pippo


            Volentieri.


            Molto meglio che avere mezza centrale


            termochimica, molto meglio che essere
            circondati


            da una superficie più grande del comune di

            Milano


            (fatti i conti!) di pannelli solari, molto

            meglio


            che avere intorno km quadri di rumorosissime

            pale


            eoliche (in pianura padana! guardati le mappe

            dei


            venti!).




            OK aspettiamo il tuo indirizzo di casa...

            Volentieri.
            Però intorno alla tua facciamo una delle atre tre
            soluzioni.
            Quale scegli?I pannelli, ma non hai ancora messo il TUO indirizzo...
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: pippo
            - Scritto da: GGG

            - Scritto da: pippo



            Volentieri.



            Molto meglio che avere mezza centrale



            termochimica, molto meglio che essere

            circondati



            da una superficie più grande del comune di


            Milano



            (fatti i conti!) di pannelli solari, molto


            meglio



            che avere intorno km quadri di rumorosissime


            pale



            eoliche (in pianura padana! guardati le
            mappe


            dei



            venti!).






            OK aspettiamo il tuo indirizzo di casa...



            Volentieri.

            Però intorno alla tua facciamo una delle atre
            tre

            soluzioni.

            Quale scegli?
            I pannelli, ma non hai ancora messo il TUO
            indirizzo...quindi sei circondato da un'area disbitata grande come il comune di milano?
    • Davide scrive:
      Re: Ma che bella favola..
      - Scritto da: GGG
      L'energia eolica ha il problema della continuità:
      bisogna sovradimensionare (di molto) la rete per
      reggere i picchi e comunque non si ha un livello
      minimo garantito. Chiedere alla danimarca, se
      permangono
      dubbi.

      L'energia da fotvoltaico è talmente irrilevante
      che solo un fattore moltiplicativo da 20x in
      incentivi (pagati da tutti noi) la rende
      profittevole. Detto questo, copre solo le ore in
      cui il sole è effettivamente forte, diciamo 6 ore
      di estate e 3-4 di inverno, ovvero al più un
      quarto della giornata. In pratica se il
      fotovoltaico fosse 20x4=80 volte più efficente
      sarebbe vantaggioso. Limiti fisici della
      tecnologia attuale rendono questo risultato
      impossibile.

      Per quel che riguarda l'articolo: far volare un
      dispositivo legato a terra e renderlo stabile a
      300m da terra non è affatto banale. Mi sfugge poi
      come l'energia venga trasmessa a terra: se
      meccanicamente (torcendo un cavo da 300m? ma
      dai!! facendolo saliere e scendere? non ha
      senso...) o gia elettrica (che vuol dire far
      volare un generatore (presente il peso???).
      Insomma questa strada è vecchia e già scartata
      per evidenti
      limiti.

      Passando al fotovoltaico da "portare con sè per
      caricare la batteria del laptop ovunque ci si
      trovi", beh... che dire... la frase dopo dice che
      è un metro per
      cinque!
      Comodo. Vado sempre in giro don un ombrellone
      doppio sulla testa,
      io...

      Il senso critico dell'autore dell'articolo è
      adeguato a quello della media dei giornalisti:
      penoso.Le scorie radioattive delle centrali nucleari allora le piazziamo a casa tua che ne dici?!?!?!?
      • maranric scrive:
        Re: Ma che bella favola..

        Le scorie radioattive delle centrali nucleari
        allora le piazziamo a casa tua che ne
        dici?!?!?!?un minimo di informazione ti farebbe capire che una centrale termoelettrica inquina (anche a livello di particelle radioattive) molto ma MOLTO piu' di una centrale nucleare. Dalla centrale nucleare esce VAPORE. Dalla centrale termoelettrica esce MORTE. Vai tu a dire alle migliaia di persone malate di leucemia (nei paraggi della centrale di polesine camerini vi sono picchi spaventosi di diffusione della malattia) che hai paura di chernobyl? mentre tu ti caghi addosso in Francia vi sono decine di centrali nucleari che inquinano 100 volte meno delle termoelettriche italiane e producono da molti anni energia a costo risibile (rincarata poi per gli italiani, ovvio)SalutiRIC
        • Alessandrox scrive:
          Re: Ma che bella favola..
          Le centrali termoelettriche alle quali ti riferisci sono quelle ad olio combustibile che al 90% sono ormai rimpiazzate dalle TURBOGAS (gas naturale)...Il ppetrolio non e' quasi piu' usato per generare elettricita' ma soprattutto per l' industria chimica e per l'autotrazione.Ora che una TURBOGAS sia piu' inquinante di una Termonucleare e' una delle BUFALE piu' grosse che abbia mai sentito.
          • Monsieur Duball scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: Alessandrox
            Le centrali termoelettriche alle quali ti
            riferisci sono quelle ad olio combustibile che al
            90% sono ormai rimpiazzate dalle TURBOGAS (gas
            naturale)...

            Il ppetrolio non e' quasi piu' usato per generare
            elettricita' ma soprattutto per l' industria
            chimica e per
            l'autotrazione.

            Ora che una TURBOGAS sia piu' inquinante di una
            Termonucleare e' una delle BUFALE piu' grosse che
            abbia mai
            sentito.Esistono ancora le centrali a carbone, è ora lo stanno rivalutando come "centrali a carbone pulito" semmai il carbone possa essere pulito......
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Esistono ancora le centrali a carbone, è ora lo
            stanno rivalutando come "centrali a carbone
            pulito" semmai il carbone possa essere
            pulito......Gia'.. questa e' un altra delle bufale moderne.Per le TURBOGAS occhio a dire che sono pulite... in termini di nanopolveri e altri metalli pesanti le turbogas sono un DISASTRO. Dove vivo io (prossimita' Turbogas Edison) l'anno scorso 58 sforamenti delle PM10 a fronte di un limite annuo di 35 (e l'anno prossimo diventera' 7!!!). Per le Pm2,5(anche se ancora non c'e' un limite ma l'anno prossimo dovremmo recepire la direttiva europea comunque) abbiamo avuto 14 sforamenti dei valori imposti dall'OMS come limite su 40 giorni di rilevamento !
          • stefano scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Dove vivo io (prossimita' Turbogas Edison) l'anno
            scorso 58 sforamenti delle PM10 a fronte di un
            limite annuo di 35 beh dai ... se consideri che città come milano hanno superato il limite dei 35g a fine FEBBRAIO
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: stefano

            Dove vivo io (prossimita' Turbogas Edison)
            l'anno

            scorso 58 sforamenti delle PM10 a fronte di
            un

            limite annuo di 35

            beh dai ... se consideri che città come milano
            hanno superato il limite dei 35g a fine
            FEBBRAIOSi... peccato che dove vivo io non ci sono neanche 40.000 abitanti ! :( E nonostante tutto quest'anno nei primi 4 mesi siamo gia' a 25 sforamenti... ed e' anche stato un periodo molto piovoso!!
          • stefano scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Si... peccato che dove vivo io non ci sono
            neanche 40.000 abitanti ! :( E nonostante tutto
            quest'anno nei primi 4 mesi siamo gia' a 25
            sforamenti... ed e' anche stato un periodo molto
            piovoso!!purtroppo bisogna vedere il regime prevalente dei venti...magari nonostante sei in aperta campagna ti arriva l'aria inquinata di una qualche città portata dal vento
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: stefano

            Si... peccato che dove vivo io non ci sono

            neanche 40.000 abitanti ! :( E nonostante tutto

            quest'anno nei primi 4 mesi siamo gia' a 25

            sforamenti... ed e' anche stato un periodo molto

            piovoso!!


            purtroppo bisogna vedere il regime prevalente dei
            venti...

            magari nonostante sei in aperta campagna ti
            arriva l'aria inquinata di una qualche città
            portata dal
            ventoIl fatto e' che non basta come scusante a giustificare tutti gli sforamenti perche' per la forma "ad imbuto" della valle (aperta verso il mare, a punta all'interno), se fosse per questioni di vento dovremmo vedere anche negli altri comuni a monte o a valle (a seconda della presunta direzione) comportamenti simili.. che cosi' invece non e' ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 giugno 2009 09.36-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: Monsieur Duball
            Esistono ancora le centrali a carbone, è ora lo
            stanno rivalutando come "centrali a carbone
            pulito" semmai il carbone possa essere
            pulito......E' come dire una put*ana casta :(
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: Alessandrox
            Ora che una TURBOGAS sia piu' inquinante di una
            Termonucleare e' una delle BUFALE piu' grosse che
            abbia mai
            sentito.Visto che è una bufala non avrai problemi a fornirmi qualche fonte seria.E magari definisci anche bene il termine inquinamento, la CO2 la includi?
          • maranric scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Ora che una TURBOGAS sia piu' inquinante di una
            Termonucleare e' una delle BUFALE piu' grosse che
            abbia mai
            sentito.Bufala che hai pensato detto e scritto tu ehIo ho parlato di centrale termoelettrica..nel caso di quella enorme di Polesine Camerini (Rovigo) va ancora a gasolio e la stanno per convertire a carbone. Di male in peggio, direi. La cosa COMICA [*] è che a pochi chilometri c'è il nuovissimo rigassificatore che "dovrebbe" alimentare mezza Italia col metano. Proprio dove c'è enorme abbondanza di metano si decide di usare il carbone. Che vergogna[*] sarebbe comica...in realta' non c'è nulla di comico nella morte di tumore tra la gente. Anche parlando di turbogas comunque è sempre piu' inquinante del nucleare, come ti hanno gia' dimostrato gli altri
        • xWolverinex scrive:
          Re: Ma che bella favola..

          Dalla centrale nucleare esce VAPORE. Dalla centrale
          termoelettrica esce MORTE. Vai tu a dire alle
          migliaia di persone malate di leucemia (nei
          paraggi della centrale di polesine camerini vi
          sono picchi spaventosi di diffusione della
          malattia) che hai paura di chernobyl? mentre tu
          ti caghi addosso in Francia vi sono decine di
          centrali nucleari che inquinano 100 volte meno
          delle termoelettriche italiane e producono da
          molti anni energia a costo risibile (rincarata
          poi per gli italiani,
          ovvio)
          Saluti
          RICPoche idee e in compenso confuse. Tra le altre cose, sai quanta acqua POTABILE in FRANCIA SPRECANO per il RAFFREDDAMENTO de quegli SBOCCHI DI SANGUE che tu LODI? Poi dal nucleare esce vapore !!!!!!!!!!!!!!!!!!! LE SCORIE COSA FAI... LE MANGI TU E FAI XXXXXXX ATOMICI ? Ancora non sappiamo dove mettere quelle di 20 anni fa' !!
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: xWolverinex
            Poche idee e in compenso confuse. Illuminaci.
            Tra le altre cose, sai quanta acqua POTABILE in
            FRANCIA SPRECANO per il RAFFREDDAMENTO de quegli
            SBOCCHI DI SANGUE che tu LODI?Si può usare anche quella marina previa desalinizzazione, molte centrali in Francia lo fanno.E poi ancora con sta storia dell'acqua che si consuma...L'acqua si "consuma" quando viene inquinata, facendola evaporare, usandola in agricoltura o chissà cos'altro non la si consuma proprio per niente.E` un ciclo chiuso.
            Poi dal nucleare esce vapore !!!!!!!!!!!!!!!!!!!
            LE SCORIE COSA FAI... LE MANGI TU E FAI
            XXXXXXX ATOMICI ? Ancora non sappiamo dove
            mettere quelle di 20 anni fa'
            !!Bonjour fines.Le "scorie" le tratti come si fa da decenni (vetrificazione) e le gestisci insieme agli altri rifiuti speciali.In Francia (più di 50 centrali nucleari) sono lo 0,5% dei rifiuti industriali.Il nucleare esiste in praticamente tutti i paesi civili, possibile che siano tutti stupidi?Magari abiti nel napoletano e hai paura delle scorie radioattive. Bha.
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Bonjour fines.Quando si sentono sempre le solite "questioni" la finesse se ne va' a quel paese.
            Le "scorie" le tratti come si fa da decenni
            (vetrificazione) e le gestisci insieme agli altri
            rifiuti
            speciali.
            In Francia (più di 50 centrali nucleari) sono lo
            0,5% dei rifiuti
            industriali.Peccato che quello 0,5% ... non so perche' ma a me piacciono di piu' i valori assoluti alle percentuali. Cosi' come quando si dice che inquina piu' un caminetto di un inceneritore. La vetrificazione.. certo.. poi una volta vetrificate le scorie non sono piu' "pericolose" e non devono essere "stoccate" da nessuna parte. Gia' Gia'. Peccato che ancora si hanno problemi con quelle di 20 anni fa'. Dettagli. Dici che "report" puo' dire tutte le "panzane" di questo mondo... peccato che la borsa energia funziona proprio come spiegato da report.. per cui pagherai l'energia nucleare quanto quella da carbone.
            Il nucleare esiste in praticamente tutti i paesi
            civili, possibile che siano tutti stupidi?Infatti i paesi civili non ne stanno piu' costruendo di nuove. Anzi il paese "piu' civile" nella concezione mondiale vuole dismetterle e passare alla "green revolution". Qualcosa dovra' pur significare.
            Magari abiti nel napoletano e hai paura delle
            scorie radioattive. Bha.Non abito nel napoletano (e, comunque, che dovrebbe significare). Ma vivo in Italia. E solo uno STUPIDO non puo' tenere in conto questa cosa. Le centrali dovra' costruirle la Impregilo !!!!!La stessa della sabbia nel cemento !In italia le cose SE VA BENE ci si mette IL DOPPIO DEL TEMPO del "resto del mondo" quindi se si parla di 10 anni per la realizzazione di una centrale in italia ce ne vorranno ALMENO 20 e almeno a QUATTRO VOLTE IL COSTO del resto del mondo. Per avere che cosa? ENERGIA CHE COSTERA' DI PIU' DEL SUO VALORE E UNA TECNOLOGIA GIA VECCHIA e il TRAFFICO dei RIFIUTI ATOMICI sara' GESTITO dalla MAFIA. IL NUCLEARE sta' al PROBLEMA ENERGETICO come un PESCE ROSSO sta' ad una MOUNTAIN BIKE.
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: xWolverinex

            Il nucleare esiste in praticamente tutti i paesi

            civili, possibile che siano tutti stupidi?
            Infatti i paesi civili non ne stanno piu'
            costruendo di nuove.Si certo.E la marmotta incartava il cioccolato...Non ne costruiscono di nuove perchè hanno potenziato le vecchie!SVEGLIA!La produzione negli stati uniti è RADDOPPIATA negli ultimi 20 anni.http://www.eia.doe.gov/emeu/mer/pdf/pages/sec8_3.pdf
            Anzi il paese "piu' civile"
            nella concezione mondiale vuole dismetterle e
            passare alla "green revolution". Qualcosa dovra'
            pur significare.interessantequale di questi?http://www.world-nuclear.org/info/reactors.html
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            10 reattori proposti per 17000 MWe.(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)La cosa carina e' che dice che piu' del 10% della potenza e' generata da impianti nucleari ma importata... peccato non dica che la potenza generata da rinnovabili ha superato quella quota. E non e' neanche importata (rotfl)
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: xWolverinex
            10 reattori proposti per 17000 MWe.
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            La cosa carina e' che dice che piu' del 10% della
            potenza e' generata da impianti nucleari ma
            importata... peccato non dica che la potenza
            generata da rinnovabili ha superato quella quota.
            E non e' neanche importata
            (rotfl)Cosa ha superato cosa???Non essere ridicolo, dai..Dalla tua frase si capisce peraltro che non sai neppure la differenza tra potenza e energia.Tu generi potenza o energia?
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..


            Le centrali dovra' costruirle la Impregilo !!!!!

            La stessa della sabbia nel cemento !

            La Impregilo ha vinto appalti in tutto il mondo
            come altre aziende
            italiane.Si, ma nel resto del mondo non ci sono i controlli all'italiana :D
            Tra l'altro trascuri completamente che le
            centrali saranno private e quindi se non ci si
            metteranno di mezzo i Nomby saranno gli azionisti
            a perdere soldi e non i
            contribuenti.(rotfl)(rotfl)(rotfl)L'alitalia non ti ha insegnato nulla vero? :D
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: pippo
            Si, ma nel resto del mondo non ci sono i
            controlli all'italiana
            :DSu una cosa così particolare i controlli ci saranno di sicuro.Tra l'altro le centrali sono state in pratica comprate dai francesi quindi penso che saranno costruite in partnership.Anche colossi mezzi statali come Enel e EDF sarebbero messi in ginocchio dai colossali risarcimenti che dovrebbero pagare in caso di problemi. E` su questo che cont io, la convenienza economica spinge ad avere centrali sicurissime e di lunga vita.Non è come costruire un edificio pubblico in Abruzzo dove conta solo vincere l'appalto con la gara la ribasso.

            Tra l'altro trascuri completamente che le

            centrali saranno private e quindi se non ci si

            metteranno di mezzo i Nomby saranno gli
            azionisti

            a perdere soldi e non i

            contribuenti.

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            L'alitalia non ti ha insegnato nulla vero? :DL'Alitalia è sempre stata statale con i piloti che facevano quello che gli pareva e piena di raccomandati, non ha mai retto alla concorrenza.Ti pare che l'Enel (o A2A o Edison) siano simili ad Alitalia?A me no.
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            L'Alitalia è sempre stata statale con i piloti
            che facevano quello che gli pareva e piena di
            raccomandati, non ha mai retto alla
            concorrenza.
            Ti pare che l'Enel (o A2A o Edison) siano simili
            ad
            Alitalia?L'ex monopolista che sta chiedendo soldi perchè pieno di debiti?Devono essere proprio bravi... :D
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..


            Tra l'altro trascuri completamente che le

            centrali saranno private e quindi se non ci si

            metteranno di mezzo i Nomby saranno gli
            azionisti

            a perdere soldi e non i

            contribuenti.P.S. Tremonti a detto che non ci sono soldi, e Tremonti amministra i NOSTRI soldi, non fondi privati... :D
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Giochettino sXXXXX eh?Non è molto bello quello che scrivi su di me, ho citato il dato tedesco perché è stato citato più volte il deposito in germania di rifiuti debolmente/mediamente radioattivi che presenta infiltrazioni di umidità.Pure a Report ne hanno parlato dando ad intendere che tutti i bidoni venissero dalle centrali mentre lo è solo il 25%.Se ti interessa il dato francese tutti i rifiuti radioattivi dei 50 e passa reattori sono lo 0,5% dei rifiuti speciali, la fonte è un docente di impianti nucleari intervistato sulla radio più antigovernativa che c'è: Radio3.
            Quindi con il nucleare l'energia NON COSTERA
            MENO . E questo basta per smentire tutti i
            giochetti che stanno facendo sui media.???Nel mercato dell'energia la corrente viene pagata a tutti i produttori il massimo della offerta necessaria a coprire la domanda.Se ho offerte a 10, 15, 20, 40, 50 e a Terna bastano le prime 3 per soddisfare la domanda istantanea a tutti e 3 verrà pagato 20, anche a chi aveva offerto 10 e 15.Ora come ora le offerte più basse per la gran parte della giornata sono del nucleare di importazione.Ma poi a noi che c'è frega del prezzo? Se sarà basso Enel & C guadagneranno soldi se sarà troppo alto Terna non comprerà da loro e perderanno soldi.Il nucleare costa sicuramente poco paragonato alle alternative versi, il carbone costerà sempre meno almeno finché non metteranno la carbon tax.
            Truccare un motore e' come costruire un motore
            nuovo? E non serve essere esperti di tuning per
            saperlo.Truccare? Hanno semplicemenmte ampliato gli impianti.I nimby sono nati in USA mica li abbiamo solo noi.

            Per quanto riguarda Obama ti cito una frase del

            suo ministro per l'energia Chu
            secondo Steven Chu, può essere una fonte pulita
            e

            la questione delle scorie è risolvibile.





            Fonte:
            http://www.cnr.it/cnr/news/CnrNews?IDn=1954
            E' 20 anni che si dice che il problema delle
            scorie e' "risolvibile". Ma e' risolto? NO.Guarda che lo hai tirato in ballo tu Obama, questo è il suo ministro per l'energia oltre che premio nobel.

            La Impregilo ha vinto appalti in tutto il mondo

            come altre aziende italiane.
            Ma in tutto il mondo non c'e' il governo che c'e'
            in italia.. e soprattutto i CONTROLLI che ci sono
            in italia. In tutto il mondo se TRUFFI vai in
            GALERA (vedi ad esempio la "differenza di
            trattamento" per il falso in bilancio tra italia
            ed usa). Se all'estero si comporta "bene" (tutto
            da dimostrare cmq) non vuol dire che in italia si
            comporta allo stesso modo.Le scorie delle centrali dismesse le abbiamo lo stesso e i rifiuti di sanità/ricerca anche.
            Certo. Lo dicevano anche per le case. Per gli
            ospedali. Etc etc etc... Peccato che poi lo si
            sapra' solo DOPO un eventuale incidente (come si
            sa' della sabbia nel cemento DOPO il crollo... o
            DOPO le intercettazioni che questo governo ha
            praticamente eliminato infatti bastava leggere
            GOMORRA e SI SAPEVA come erano costruite le case
            de
            L'Aquila!!!)Io non mi affido al buon cuore della gente ma alla convenienza economica e tutto lascia intendere che per essere profittevoli le centrali devono essere sicurissime, ti immagini gli eventuali risarcimenti per un incidente con fuga di radioattività.Le case e gli ospedali non c'entrano nulla, lì si tratta di piccoli imprenditori edili che devono vincere gli appalti al ribasso, un reattore nucleare non si costruisce così e poi non sarà statale (per fortuna).

            Allora se la corrente nucleare costerà troppo il

            gestore della rete (Terna) non la comprerà

            preferendole offerte piuù basse.
            Cosi' poi la rivenderemo alla francia
            sottocosto.. come la francia faceva con noi (e
            per cui l'italia e' sotto infrazione dalla CE..
            tanto per cambiare) e il governo sparava ai 4
            venti "compriamo energia nucleare dalla francia e
            bla bla bla". Peccato non spiegasse il perche'.Scusa ma non ne so nulla, di che infrazione parli?La Francia svende la corrente di notte visto che i reattori non sono modulabili e vanno a palla 24/24, noi la compriamo e ci riempiamo i bacini idroelettrici.Di giorno quando la corrente costa anche 10 volte di più si svuotano i bacini ed i gestori fanno soldi. Non ci vedo nulla di male.
            Ma cosa me ne frega se saranno gli azionisti? La
            SALUTE e il RISCHIO non ti guardano in faccia e
            dicono "tu sei aizonista muori di leucemia, tu
            sei cittadino vivi". Se muori, muori. POI A
            PIANGERE DOPO TUTTI BRAVI
            ! Quando ti rispondo sui costi mi parli della sicurezza, quando ti rispondo sulla sicurezza mi parli di costi???Non ci capiamo. E il limite al numero di caratteri di PI non aiuta.
            Se io chiamo "cioccolata" la "XXXXX", non
            significa che vado di corsa a comprarmi un gelato
            alla "cioccolata". Le "scorie" sono combustibile usato solo per qualche %, torneranno utili quando l'U costerà un po' di più.
            Certo. Finanziata. E poi gestita? Anche le
            rinnovabili sono finanziate con il 7% in
            bolletta.. ma la quasi totalita' se la ciucciano
            incneritori e centrali a (poco)bio-masse. Anche
            la gestione dei rifiuti normali e' pagata con una
            quota delle tasse... questo da garanzie di
            funzionamento !Ma infatti spesso i governi si muovono male, come da noi con il decommissing e in USA col deposito nel deserto. Però se il governo spende male i soldi non si può parlare di ESTERNALIZZAZIONI (alle quali sono ferocemente contrario) visto che i costi sono compresi nel prezzo del KWh.
            i FATTI dicono che la prima produzione di energia
            e' NON SPRECARLA. Guarda caso questo governo si
            e' rimangiato l'obbligo di vendere
            elettrodomestici solo di classe energetica A o
            superiore... chissa' perche'. C'è un limite al risparmio, non possiamo risparmiare il 90% della corrente che consumiamo ora. Pensa solo ai motori eletrici, possimao passare dal 80 al 95% di rendimento ma poi lì ci fermiamo. E i motori sono la maggior parte dei consumi industriali.E poi io credo molto nell'auto elettrica.

            Io tra carbone/petrolio/gas e nucleare
            preferisco

            il nucleare,
            Io preferisoc il risparmio energetico, la
            strategia rifiuti zero, e gli impianti di riciclo
            tipo vedelago. Inutile, poi, pompare acqua in un
            acquedotto pieno di falle dove solo il 30%
            dell'acqua immessa arriva a destinazione.Non puoi risolvere tutto con il risparmio energetico, è impossibile risparmiare l'80% del consumo attuale.Pure io da lustri faccio la differenziata, figurati che il mio paesello ha vinto anche un premio perché siamo stati il comune con la % più alta della provincia ma un po' di sacco nero ce lo hai sempre e in qualche modo devi smaltirlo.Altrimenti si finisce come a Napoli.
          • 444 scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            Tu stai già usando energia nucleare, solo che la compri dalla francia. Paghi quindi l'energia e anche il sovraprezzo che, giustamente, ti fanno pagare. Come diavolo farà a costare di più di quanto costa ora? Certo il prezzo dell'uranio aumenterà, ma se non facciamo nulla all'aumentare del prezzo semplicemente pagheremo di più l'energia della francia. Il discorso è semplice, ci serve energia e ce ne serve tanta. L'eolico e il solare non sono soluzioni adatte. Cosa facciamo? Aumentiamo l'inquinamento con centrali a carbone o passiamo al nucleare? Io scelgo il nucleare...
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: 444
            Tu stai già usando energia nucleare, solo che la
            compri dalla francia. Paghi quindi l'energia e
            anche il sovraprezzo che, giustamente, ti fanno
            pagare. Poche idee ed, in compenso, confuse.L'Italia compra/va energia nucleare dalla Francia la notte perche' le centrali atomiche non sono come un rubinetto che apri e chiudi a piacimento, non le possono "spegnere" quando la richiesta di energia cala quindi la francia DEVE SVENDERE energia (che le centrali continuano a produrre) che altrimenti andrebbe a sovraccaricare la propria rete. E l'Italia cosa ci fa'? Usa quell'energia comprata "a poco" per ricaricare i bacini idrici che di giorno vendono "a tanto" l'energia prodotta.Smetti di sentire i tg di emilio fede, per favore.
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: xWolverinex
            - Scritto da: 444

            Tu stai già usando energia nucleare, solo che la

            compri dalla francia. Paghi quindi l'energia e

            anche il sovraprezzo che, giustamente, ti fanno

            pagare.

            Poche idee ed, in compenso, confuse.
            L'Italia compra/va energia nucleare dalla Francia
            la notte perche' le centrali atomiche non sono
            come un rubinetto che apri e chiudi a piacimento,
            non le possono "spegnere" quando la richiesta di
            energia cala quindi la francia DEVE SVENDERE
            energia (che le centrali continuano a produrre)
            che altrimenti andrebbe a sovraccaricare la
            propria rete. E l'Italia cosa ci fa'? Usa
            quell'energia comprata "a poco" per ricaricare i
            bacini idrici che di giorno vendono "a tanto"
            l'energia
            prodotta.
            Si certo.E sotto il bacino idrico ci sta la marmotta e la cioccolata.Perchè e verò quello che dici tu, ma lo si fa per compensare le differenze di consumo tra giorno e notte (presente? un occhio a terna.it ?) Ma suvvia, visto che sei tanto informato, parliamo di numeri e percentuali. Dammi qualche dato, tu che hai capito tutto.Già che ci sei dimmi perchè non si può variare, sapendolo statisticamente prima, la potenza di una centrale nucleare perchè io proprio non lo so.So invece perchè CONVIENE non farlo e vendere energia a meno: perchè il costo dell'uranio, una volta costruita la centrale, è IRRILEVANTE sul costo della corrente.Per cui tanto vale tenerla accesa e svendere.Ma tu lo sapevi già, vero?
          • xWolverinex scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Si certo.
            E sotto il bacino idrico ci sta la marmotta e la
            cioccolata.Alle marmotte preferisco gli scoiattoli
            Perchè e verò quello che dici tu, ma lo si fa per
            compensare le differenze di consumo tra giorno e
            notte (presente? un occhio a terna.it ?)Tu chiedi all'oste se il vino e' buono. La verita' e' che si GUADAGNA a comprare a POCO e vendere a MOLTO piuttosto che produrre in proprio. Non serve il genio della lampada per capirlo.
            Ma suvvia, visto che sei tanto informato,
            parliamo di numeri e percentuali. Dammi qualche
            dato, tu che hai capito
            tutto.Classico :D Tutti a volere la pappa pronta ;)
            Già che ci sei dimmi perchè non si può variare,
            sapendolo statisticamente prima, la potenza di
            una centrale nucleare perchè io proprio non lo
            so.Si puo' variare. Non si puo' spegnere. E non si puo' scendere troppo con la potenza.
            Per cui tanto vale tenerla accesa e svendere.Non cambia il fatto che l'italia compra nucleare dalla francia non per necessita' ma per furberia in quanto i MW installati sarebbero piu' che sufficenti ;) Pero' poi.. come fanno ad alimentare la favola del bisogno perenne di energia.. se non fanno manovre come quella di qualche giorno fa' (rimossione dell'obbligo di ventida di elettrodomestici a basso consumo).
            Ma tu lo sapevi già, vero?
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: xWolverinex

            Per cui tanto vale tenerla accesa e svendere.
            Non cambia il fatto che l'italia compra nucleare
            dalla francia non per necessita' ma per furberia
            in quanto i MW installati sarebbero piu' che
            sufficenti ;)
            Continuo a non vedere le cifre
        • atamata scrive:
          Re: Ma che bella favola..
          forse anche i tuoi pochi neuroni producono radiazioni
      • Osvy scrive:
        Re: Ma che bella favola..
        - Scritto da: Davide
        - Scritto da: GGG
        Le scorie radioattive delle centrali nucleari
        allora le piazziamo a casa tua che ne
        dici?!?!?!1) intanto inizieresti a rispettare noi se quotassi un po';2) mi pare che GGG abbia scritto con pacatezza cose di buonsenso. Non ha scritto che il nucleare è giusto - magari lui pensa di si, ma non importa qui adesso - ha contestato con argomenti che paiono validi, quanto scritto nell'articolo. Ha fatto quindi un buon servizio a tutti.
    • attonito scrive:
      Re: Ma che bella favola..

      Il senso critico dell'autore dell'articolo è
      adeguato a quello della media dei giornalisti:
      penoso.Hai osato criticare?!?! A morte, a morte!!!
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Ma che bella favola..
        Il vero problema del nucleare (quello che CASUALMENTE tutti si dimenticano di citare) è che COSTA!La produzione dell'energia è si più economica, ma questo perchè nessuno mette nel conto lo smaltimento dei rifiuti o lo smantellamento a fine vita. E non sono certo gratis.Quindi se si fa il conto finale con TUTTI i costi, ecco che il nucleare non conviene più di tanto...PS vedere puntata di Report per i dettagli
        • Atom scrive:
          Re: Ma che bella favola..
          Report può dire tutte le XXXXXXccie che vuole, ma tu vai a leggerti una bolletta dell'energia elettrica di un francese e fatti un po' di conti: il 60% in meno della tua!!!I costi dello smaltimento delle scorie sono messi in conto, eccome! In Francia come altrove.Una centrale da 1000 MW nell'arco della sua vita utile di 40 anni produce un volume totale di scorie pari a quello di una palestra, ma solo un 5% di quel volume è rappresentato da scorie con tempi di abbattimento di radioattività lunghissimi, tutto il resto si abbatte in poche decine di anni oppure viene addirittura riutilizzato nelle centrali autofertilizzanti.L'unico costo assurdo è stato quello di smantellare centrali come quella di Caorso molto tempo prima che raggiungesse il termine della sua vita utile, grazie ad un referendum DEMENZIALE.
          • Ice scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: Atom
            Una centrale da 1000 MW nell'arco della sua vita
            utile di 40 anni produce un volume totale di
            scorie pari a quello di una palestra, ma solo un
            5% di quel volume è rappresentato da scorie con
            tempi di abbattimento di radioattività
            lunghissimi, tutto il resto si abbatte in poche
            decine di anni oppure viene addirittura
            riutilizzato nelle centrali
            autofertilizzanti.Fonte? Studi scientifici INDIPENDENTI?
            L'unico costo assurdo è stato quello di
            smantellare centrali come quella di Caorso molto
            tempo prima che raggiungesse il termine della sua
            vita utile, grazie ad un referendum
            DEMENZIALE.Quindi che si fa? Ritiriamo fuori la storia delle centrali nucleari? Una la mettiamo vicino casa tua?Siamo un paese privo di questa fonte energetica e abbiamo la possibilità di investire sul rinnovabile cercando di arrivare a traguardi che il resto del mondo si sogna in termini di inquinamento, senza dimenticare i posti di lavoro che creerebbe questa nuova industria. Si continua a pensare (e ci fanno credere) che servono mega centrali elettriche invece di tante piccole fonti distribuite e diversificate (aiutate da centrali molto più piccole).
          • Lepaca scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            sinceramente mi sembra un po' riduttivo formarsi un'opinione partendo da un solo libro, specialmente in un ambito cosi' ampio e complesso come quello dell'energia:http://www.fisicamente.net/SCI_SOC/index-1786.htm
          • Per chi vuole informazio ni scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            Concordo, ho citato questo libro perchè contiene una descrizione completa di tutta la filiera del nucleare con riferimenti a numerose fonti scientifiche ufficiali controllabili, il tutto espresso in una forma di piacevole lettura.Ritengo che possa aiutare ad essere un punto di partenza per tanta gente che magari ha un'opinione non informata sulla faccenda e desidera avere un riferimento per chiarirsi i dubbi.Poi è naturale che invito a confrontare le varie opinioni e verificare le fonti.Tutto questo, lo sottolineo, non è per fare proseliti per questa o quella forma di energia, non ci guadagno nulla, spero solo questo suggerimento possa essere utile a qualcuno per approfondire le proprie conoscenze in materia con una fonte in più..Grazie e buona giornata.
          • fox82i scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            Prova a cercare su Google "Rubbia e centrali nucleari al Torio" ce ne sono di articoli da cui prendere spunto :-)
          • Funz scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: fox82i
            Prova a cercare su Google "Rubbia e centrali
            nucleari al Torio" ce ne sono di articoli da cui
            prendere spuntotra quanti decenni?No, perchè la crisi energetica è ora, e non abbiamo nemmeno tempo di stare ad aspettare che costruiscano le centrali nucleari, ammesso che trovino i soldi e il posto e il combustibile.
          • fox82i scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            A mio avviso non è tra quanti decenni ma dalla volontà delle lobby di liberare certi progetti (tra cui quello che ho riportato).Le tecnologie ci sono, basta applicarle..
          • Funz scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: fox82i
            A mio avviso non è tra quanti decenni ma dalla
            volontà delle lobby di liberare certi progetti
            (tra cui quello che ho
            riportato).Anche quello, ma per passare all'applicazione pratica su larga scala di quella tecnologia ci vorranno comunque decenni, ammesso di partire subito e a tutta birra.
          • Ice scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            Di risposta ti invito a visionare la puntata di report si quest'anno sul nucleare...
          • Lepaca scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            I costi dello smaltimento delle scorie sono messi
            in conto, eccome! In Francia come
            altrove.ah ah ah!!nessuno e' ancora in grado di quantificare l'ammontare dei costi per lo smaltimento di questi rifiuti ed in francia, gia' lo mettono in conto... sono proprio avanti!che poi, smaltimento... scavare un grosso buco e sperare che non ne fuoriesca nulla non e' un grande concetto di smaltimento:http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=26481
          • Lepaca scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            e di te che ti vanti di sparare XXXXXXcce cosa dobbiamo pensare riguardo al tuo contatto con la realta'?di smaltimento ha parlato quello a cui ho risposto, mentre nel link che ho postato, come hai detto tu si parla di stoccaggio ed allo stato attuale non c'e' nessuna possibilita' di stoccaggio sicuro.vedi un po' tu dove ti vuoi mettere, dato che hai le idee confuse...
          • GGG scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: Lepaca
            vedi un po' tu dove ti vuoi mettere, dato che hai
            le idee
            confuse...questo chi l'ha scritto?"nessuno e' ancora in grado di quantificare l'ammontare dei costi per lo smaltimento di questi rifiuti"
        • alanford scrive:
          Re: Ma che bella favola..
          - Scritto da: Joliet Jake
          La produzione dell'energia è si più economica, ma
          questo perchè nessuno mette nel conto lo
          smaltimento dei rifiuti o lo smantellamento a
          fine vita.Perche', pensi che qualcuno abbia pensato allo smaltimento dei rifiuti? Perche', ci abbiamo forse pensato quando abbiamo costruito le prime? Siamo Italiani, ste cose facciamole fare a chi le sa fare.
    • invasore scrive:
      Re: Ma che bella favola..
      Scusami, ma l'articolo propone nuove tecnologie che provano appunto a ridurre tali difetti. Per altro presenti. Poi il tuo discorso mi sembra non consideri tutti i problemi delle fonti non rinnovabili. Tutti i costi nascosti. Quelli sanitar, quelli politici e quelli economici. La storia recente dovrebbe averti ormai fatto capire che i veri costi sono quelli...
    • snoopy scrive:
      Re: Ma che bella favola..
      - Scritto da: GGG
      L'energia eolica ha il problema della continuità:
      bisogna sovradimensionare (di molto) la rete per
      reggere i picchi e comunque non si ha un livello
      minimo garantito. Chiedere alla danimarca, se
      permangono
      dubbi.
      http://en.wikipedia.org/wiki/Super_Grid
      • SonoIO scrive:
        Re: Ma che bella favola..
        - Scritto da: snoopy
        http://en.wikipedia.org/wiki/Super_GridCioè?Quanto costerebbe il colossale incremento della rete elettrica utile solo a gestire i paurosi sbalzi di potenza tipici dell'eolico?
        • pippo scrive:
          Re: Ma che bella favola..

          - Scritto da: snoopy

          http://en.wikipedia.org/wiki/Super_Grid

          Cioè?
          Quanto costerebbe il colossale incremento della
          rete elettrica utile solo a gestire i paurosi
          sbalzi di potenza tipici
          dell'eolico?google? :D
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: pippo

            - Scritto da: snoopy


            http://en.wikipedia.org/wiki/Super_Grid



            Cioè?

            Quanto costerebbe il colossale incremento della

            rete elettrica utile solo a gestire i paurosi

            sbalzi di potenza tipici

            dell'eolico?
            google? :DEro ironico. :-)22 miliardi di Euro (soldi dei contribuenti) per permettere all'eolico, che è già sovvenzionato di suo, di crescere di qualche punto %.Un affarone.
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            Scusate, ho dimenticato la fonte:http://www.airtricity.com/ireland/media_center/news/recent_news/airtricity_briefs_mps_on_/index.xml
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..



            - Scritto da: snoopy



            http://en.wikipedia.org/wiki/Super_Grid





            Cioè?


            Quanto costerebbe il colossale incremento
            della


            rete elettrica utile solo a gestire i paurosi


            sbalzi di potenza tipici


            dell'eolico?

            google? :D

            Ero ironico. :-)

            22 miliardi di Euro (soldi dei contribuenti) per
            permettere all'eolico, che è già sovvenzionato di
            suo, di crescere di qualche punto
            %.
            Un affarone.E il costo di una centrale nucleare? Compreso lo smaltimento ovviamente.Che non pagheranno i contribuenti...E la marmotta incarta la cioccolata :D
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            Insieme a quelle di ospedali/ricerca/industria che sono la maggior parte.2) Il combustibile esausto (esausto per modo di dire, dal punto di vista del contenuto energetico ne si usano pochi %) sono volumi ridottissimi e si possono riprocessare o vetrificare.I costi sono inclusi in una tassa aggiuntiva su ogni KWh prodotto dal nucleare.
            Che non pagheranno i contribuenti...Pagheranno Enel e le altre società in partnership e sono convinto che alla fine si riprenderanno i loro soldi con un bel guadagno.Proprio in questi giorni stanno facendo un aumento di capitale, indovina come useranno i soldi raccolti :-)L'Enel ha già comprato varie centrali nucleari in giro per l'Europa e non ha neancora chiesto una lira allo stato anzi paga ogni anno un sostanzioso dividendo al Tesoro. Neanche potrebbe chiedere soldi.
            E la marmotta incarta la cioccolata :DSalutamela. :-)
          • snoopy scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: SonoIO
            - Scritto da: pippo


            - Scritto da: snoopy



            http://en.wikipedia.org/wiki/Super_Grid





            Cioè?


            Quanto costerebbe il colossale incremento
            della


            rete elettrica utile solo a gestire i paurosi


            sbalzi di potenza tipici


            dell'eolico?

            google? :D

            Ero ironico. :-)

            22 miliardi di Euro (soldi dei contribuenti) per
            permettere all'eolico, che è già sovvenzionato di
            suo, di crescere di qualche punto
            %.
            Un affarone.si tratta di investire per una rete che permetta di sfruttare le diverse fonti in modo omogeneo. In più questa rete renderebbe l'europa indipendente, e allo stesso tempo rafforzerebbe i legami tra stati.la rete é necessaria appunto per il problema da te citato, la discontinuità di una sola fonte energetica.si tratta di investire soldi per un futuro dove l'energia é "pulita". Tutte queste tecnologie sono destinate a migliorare sotto l'aspetto dei costi e della resa. Chi investe adesso avrà le conoscenze e l'esperienza necessaria per esportare queste tecnologie nel mondo.
          • SonoIO scrive:
            Re: Ma che bella favola..
            - Scritto da: snoopy
            si tratta di investire per una rete che permetta
            di sfruttare le diverse fonti in modo omogeneo.
            In più questa rete renderebbe l'europa
            indipendente, e allo stesso tempo rafforzerebbe i
            legami tra
            stati.Siamo già interconnessi e i legami tra stati mi pare godano di ottima salute.
            la rete é necessaria appunto per il problema da
            te citato, la discontinuità di una sola fonte
            energetica.L'eolico e basta mi pare, se fa buio da noi fa buio anche in spagna ,germania ecc, quindi per il solare non aiuta e il termoelettrico/nucleare vanno benone con le reti attuali.
            si tratta di investire soldi per un futuro dove
            l'energia é "pulita". Tutte queste tecnologie
            sono destinate a migliorare sotto l'aspetto dei
            costi e della resa. Chi investe adesso avrà le
            conoscenze e l'esperienza necessaria per
            esportare queste tecnologie nel
            mondo.Non sono d'accordo, il costo è di materiale e mano d'opera, si tratta di posare migiaia di km di cavi di rame, non ci guadagnaamo granché in know how.
          • pippo scrive:
            Re: Ma che bella favola..

            Non sono d'accordo, il costo è di materiale e
            mano d'opera, si tratta di posare migiaia di km
            di cavi di rame, non ci guadagnaamo granché in
            know
            how.Rame???(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • attonito scrive:
    le energie rinnovabili NON esistono
    Se proprio vogliamo essere precisi, va messo ben evidente il fatto che l'energia NON e' rinnovabile.L'uranio (cosi come tutti gli elementi piu' pesanti del ferro) e' uno sottoprodotto di esplosioni stellari antecedenti la formazione del nostro sistema solare. Tanto ce ne era all'inizio della Terra ed andra sempre a diminuire, non ad aumentare. Una volta usato, non se ne formera' altro.Carbone, gas naturale, petrolio, legna, etc. sono tutti sottoprodotti della fotosistesi in epoche remote, in altre parole: radiazione solare.Energia da vento e da luce sono anche queste indirettamente o direttamente derivanti dal sole.Resterebbero fuori:A: le maree, che derivano dall'interazione gravitazionale del sistema Terra-Luna (ed in misura molto minore dall'interazione Terra-Sole)B: Energia termica terrestre.anche se queste ultime due fonti NON non dipendono dal Sole, sono di scarsa resa, di difficile impiego e non applicabili su scala planetaria.Quello che, in ultima analisi fa andare tutto sulla terra e' l'energia solare.La produzione di energia solare non di rinnova: c'e' una continua produzione (semplificando: idrogeno -
    elio + energia) che non e' reversibile: in altre parole, l'energia prodotta dal sole e che copisce ADESSO la Terra, usata o no, e' persa per sempre e non piu' reintegrabile. Fine.Il fatto che il Sole restera' acXXXXX per qualche miliardo di anni ancora, non cambia i termini della questione.Per cui, chiamiamole "energie alternative", "energie sostitutive", "energie ecologiche", "energie ciccio_di_nonna_papera" ma NON "energie rinnovabili". http://it.wikipedia.org/wiki/Entropia
    • gnanger scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      Troll pignolo!!! :-) Se proprio dovevi pontificare bastava dire che il sole si spegnerà tra qualche miliardi di anni!!!Giá, nessun rinnovo...
      • Monsieur Duball scrive:
        Re: le energie rinnovabili NON esistono
        - Scritto da: gnanger
        Troll pignolo!!! :-)

        Se proprio dovevi pontificare bastava dire che il
        sole si spegnerà tra qualche miliardi di
        anni!!!
        Giá, nessun rinnovo...Oddio ci siamo dimenticati di pagare la bolletta!!!!!Vado a fare scorta di candele!!!!
        • Sabba scrive:
          Re: le energie rinnovabili NON esistono
          Fra 5 miliardi di anni, quando il sole diventerà una gigante rossa, magari le maree saranno mooolto più forti.Se il mare non evapora, potremmo usarle! ;)
          • Draikan scrive:
            Re: le energie rinnovabili NON esistono
            - Scritto da: Sabba
            Fra 5 miliardi di anni, quando il sole diventerà
            una gigante rossa, magari le maree saranno
            mooolto più
            forti.
            Se il mare non evapora, potremmo usarle!
            ;)A essere precisi, da quel che ricordo, la luna e la terra si allontanano fra loro di conseguenza le maree possono solo diminuire. Poi mi sa che se il sole diventa una gigante rossa abbiamo altri problemi (fra i quali NON figura il riscaldamento).
      • lol scrive:
        Re: le energie rinnovabili NON esistono
        grande... troll pignolo non l'avevo ancora sentito!
    • Comecosa scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      ohh quante storie! Basta invertire l'entropia, no? Uffa, basta poco, che ce vo?:DSe non nel nostro universo soli soletti, ma in combutta con un altro dalle leggi diverse dal nostro, alla lunga si potrebbe riuscire, alla lunga!:D
      • Draikan scrive:
        Re: le energie rinnovabili NON esistono
        - Scritto da: Comecosa
        Se non nel nostro universo soli soletti, ma in
        combutta con un altro dalle leggi diverse dal
        nostro, alla lunga si potrebbe riuscire, alla
        lunga!
        :DMai letto Asimov? C'era un romanzo molto bello, "Neanche gli dei", che trattava proprio questo argomento!http://it.wikipedia.org/wiki/Neanche_gli_dei
    • xWolverinex scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      Ridatemi il mio minuto perso a legge stè str....ate !!! E' come dire che il panda rosso non puo' chiamarsi panda perche' in inglese si chiama firefox. (geek)
    • mbohpz scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      quoto wolverine... minuto perso a leggere pignolerie...Inoltre per energie rinnovabili si intende energie A FONTE rinnovabile, in quanto, come hai detto tu, il sole produce continuamente la fonte dell'energia.Non si intende che l'energia prodotta è rinnovabile.
    • atamata scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      ottima precisazione linguistica e del significante ma a cosa serve?
    • babelzeta scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      a casa mia il sole sorge tutte le mattine... e spero che lo faccia per i prossimi 100 anni...
    • Ice scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      Grazie della precisazione linguistica ma credo che non sia importante in quanto a tutti è chiaro cosa si intende quando si dice "energie rinnovabili". Sarebbe stato più utile una tabella a due colonne in cui venivano suddivise le varie fonti tra "considerato rinnovabile" e "non considerato rinnovabile".Trascurando poi il fatto che quando il sole si spegnerà non ce ne fregherà una XXXXXXX: o saremo disintegrati da un bel pò di tempo o saremo da un'altra parte dell'universo! (troll)(troll)(maddonna che rompic... che sono anchio però.. eh..) :D
    • Osvy scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      - Scritto da: attonito
      Se proprio vogliamo essere precisi, va messo ben
      evidente il fatto che l'energia NON e' rinnovabile.Mi sembra che stai complicando una questione di lana caprina, con nessun vantaggio. Non c'è alcun bisogno di "mettere bene in evidenza" quello che hai scritto tu, in quanto il fatto che appunto il sole durerà ancora miliardi di anni rende inutili le tue considerazioni.Senza astio eh. ciao
    • Funz scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      - Scritto da: attonito
      Se proprio vogliamo essere precisi, va messo ben
      evidente il fatto che l'energia NON e'
      rinnovabile.cut lollerie varie
      Resterebbero fuori:
      A: le maree, che derivano dall'interazione
      gravitazionale del sistema Terra-Luna (ed in
      misura molto minore dall'interazione
      Terra-Sole)non è rinnovabile nemmeno quella secondo la tua idea... la Terra rallenta il suo moto di rotazione per via delle maree e alla lunga finirà per rivolgere sempre la stessa faccia alla Luna.Il fatto che il Sole sarà diventato una gigante rossa molto prima, non cambia i termini della questione.
      B: Energia termica terrestre.Che deriva da:1) Raffreddamento della Terra che va avanti da quando era una palla di roccia fusa. 2) decadimento radioattivo degli elementi pesanti presenti nel nucleoQuindi per entrambi i motivi nemmeno questa fonte sarebbe rinnovabile :D
      • Gino scrive:
        Re: le energie rinnovabili NON esistono

        "la Terra rallenta il suo moto di rotazione per via delle maree e alla lunga finirà per rivolgere sempre la stessa faccia alla Luna."Come già fa la luna :)
    • fox82i scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      Il sole si spegnerà tra 5 mld di anni...Credi che il genere umano riesca a durare così tanto??
    • invasore scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      Scusami, ma non capisco una cosa: perchè metti a parte l'energia delle maree e quella termica terrestre? Secondo il tuo ragionamento anche queste non sono rinnovabili
      • attonito scrive:
        Re: le energie rinnovabili NON esistono
        - Scritto da: invasore
        Scusami, ma non capisco una cosa: perchè metti a
        parte l'energia delle maree e quella termica
        terrestre? Secondo il tuo ragionamento anche
        queste non sono rinnovabili.Si, anche quelle non sono rinnovabili, ma l'escusione era riferita alla dipendenza diretta dal sole.Quando dico "resterebbero fuori" mi riferivo al fatto che maree e la geotermia NON sono dipendenti dal sole (ok, le maree in minima parte lo sono dipendenti dal sole) ma sono derivanti dall'interazione terra-luna (maree) e dalla temperatura interna della terra (geotermia).
    • Wolfgang scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      - Scritto da: attonito
      Se proprio vogliamo essere precisi, va messo ben
      evidente il fatto che l'energia NON e'
      rinnovabile.

      L'uranio (cosi come tutti gli elementi piu'
      pesanti del ferro) e' uno sottoprodotto di
      esplosioni stellari antecedenti la formazione del
      nostro sistema solare. Tanto ce ne era all'iniziohttp://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Liceo_classico
    • Wolfgang scrive:
      Re: le energie rinnovabili NON esistono
      - Scritto da: attonito
      Se proprio vogliamo essere precisi, va messo ben
      evidente il fatto che l'energia NON e'
      rinnovabile.
      L'uranio (cosi come tutti gli elementi piu'
      pesanti del ferro) e' uno sottoprodotto di
      esplosioni stellari antecedenti la formazione del
      nostro sistema solare. Tanto ce ne era all'inizio
      http://it.wikipedia.org/wiki/Entropiatipico mammone uscito dal liceo scientifico
Chiudi i commenti