Firefox e il trojan ruba-password

Un nuovo codice malevolo progettato per attaccare i browser web. Firefox in particolare nel mirino: modifica un file di configurazione per automatizzare il salvataggio delle credenziali di login

Roma – La società di sicurezza Webroot ha individuato un nuovo malware ruba-password, un trojan che predilige rovistare tra i dati di accesso dei browser web e in particolare prede di mira Mozilla Firefox. Il trojan, identificato da Webroot come “Trojan-PWS-Nslog”, sembra essere derivato da un “toolkit” di un criminale iraniano non abbastanza sveglio da non aggiungere le proprie informazioni sensibili all’interno del codice.

Scopo ultimo del trojan Nslog è rubare password e credenziali di accesso presenti nell’apposito spazio di storage Internet Explorer, nel registro di configurazione di Windows e nei dati di Firefox. Per quanto riguarda quest’ultimo, il trojan si prende anche la briga di modificare il codice del file di configurazione nsLoginManagerPrompter.js , con il risultato che il browser Mozilla non chiederà più alcuna autorizzazione all’atto del salvataggio della password di accesso a un sito web.

La configurazione di default del panda rosso prevede che l’utente autorizzi la registrazione delle credenziali di login ogni volta che si presenta l’evenienza, spiegano gli analisti di Webroot, ma la modifica apportata da Nslog fa sì che il browser prenda a salvare tutti i dati in locale senza porre alcun quesito all’utente .

Il payload del malware è completato dalla creazione di un nuovo utente sul sistema chiamato “Maestro”, e infine dal tentativo di inviare le informazioni sottratte a un server remoto una volta ogni minuto. Quel server remoto è già stato buttato giù, rivela Webroot, e a rendere le cose più interessanti ci ha pensato lo stesso autore del malware con una dimostrazione disarmante di dabbenaggine. Il creatore di Nslog è stato infatti così incauto da integrare il proprio nome personale e la propria email all’interno del codice, e partendo da questi dati gli analisti di Webroot hanno facilmente individuato un profilo Facebook scoprendo che il cracker aveva sviluppato un toolkit crea- keylogger gratuito progettato per infettare il sistema operativo Windows.

Come debellare il malware? Webroot sostiene di essere facilmente in grado di individuare il trojan e ripulire il PC infetto, mentre per quanto riguarda la configurazione di Firefox l’unica alternativa è la reinstallazione del browser e la conseguente sovrascrittura del file nsLoginManagerPrompter.js modificato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mah mah scrive:
    in italia NO
    sbaglio o la normativa italiana sul diritto d'autore NON prevede che un opera possa essere destinata al pubblico dominio se non dopo svariati decenni?e, se non sbaglio, questo non significa che la licenza CC per il pubblico dominio non può essere usata da "autori" che "creano" entro la giurisdizione italiana?
  • larix scrive:
    citazione della fonte
    liberi di utilizzare anche commercialmente ok,ma mi pare debbe essere citata la fonte o no?
    • larix scrive:
      Re: citazione della fonte
      anzi, a seconda del tipo di licenza creative common, al di la dell'attibution all'autore che c''e sempre, si puo pretendere l'uso solo non commerciale, il divieto di lavori derivati, ecc.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: citazione della fonte
      - Scritto da: larix
      liberi di utilizzare anche commercialmente ok,
      ma mi pare debbe essere citata la fonte o no?Tutte le licenze CC comportano Attribution come requisito primario.Se non vuoi l'attribuzione, ossia vuoi rilasciare l'opera in modo anonimo, puoi dichiararla PD (di dominio pubblico).
  • za73 scrive:
    Riprodurre
    E' interessante vedere come tutti gli esempi dei sostenitori del (C) si basino sull'idea di sottrarre qualcosa ai legittimi propietari, quando sappiamo bene che non è così.Cari amici del (C), se aveste il cancro e qualcuno inventasse una cura, sareste contenti di lasciarci le penne non potendone fruire a causa dei vincoli sulla proprietà intellettuale? (Guardate che non è che se vi curate voi s'ammala automaticamente qualcun altro)In nome del (C) mettiamo nel cassetto vagonate di idee su innovazione, energie alternative, arte e tanto altro. Avere la possibilità di fruirne, anche con 100 anni di ritardo, meglio di niente.
    • panda rossa scrive:
      Re: Riprodurre
      - Scritto da: za73
      Cari amici del (C), se aveste il cancro e
      qualcuno inventasse una cura, sareste contenti di
      lasciarci le penne non potendone fruire a causa
      dei vincoli sulla proprietà intellettuale?Io nella mia dichiarazione di donazione di sangue e degli organi ho imposto la licenza GPL da estendere agli eredi del beneficiario fino a 70 anni dalla sua morte.
      (Guardate che non è che se vi curate voi s'ammala
      automaticamente qualcun altro)Steve Jobs docet.
    • ruppolo scrive:
      Re: Riprodurre
      Giusto quello che dici, ma qui si confonde spesso la parola "idea" con "realizzazione". Realizzare costa fatica e risorse, sia che si tratti di una casa sia che si tratti di una canzone, ed è giusto che l'autore ne ricavi guadagno, in qualsiasi forma esso desideri, e che tale realizzazione possa essere tramandata agli eredi.
      • panda rossa scrive:
        Re: Riprodurre
        - Scritto da: ruppolo
        Giusto quello che dici, ma qui si confonde spesso
        la parola "idea" con "realizzazione". Realizzare
        costa fatica e risorse, sia che si tratti di una
        casa sia che si tratti di una canzone, Infatti, pare proprio che dopo che uno ha realizzato una canzone, sia tutto sudato.
        ed è
        giusto che l'autore ne ricavi guadagno, Condivisibile.
        in
        qualsiasi forma esso desideri, e che tale
        realizzazione possa essere tramandata agli
        eredi.Ma neanche un po'.Bisogna eliminare le rendite parassitarie senza alcun merito.
        • ruppolo scrive:
          Re: Riprodurre
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: ruppolo

          Giusto quello che dici, ma qui si confonde
          spesso

          la parola "idea" con "realizzazione". Realizzare

          costa fatica e risorse, sia che si tratti di una

          casa sia che si tratti di una canzone,

          Infatti, pare proprio che dopo che uno ha
          realizzato una canzone, sia tutto
          sudato.Con queste parole dimostri ignoranza e scarsa intelligenza.


          ed è

          giusto che l'autore ne ricavi guadagno,

          Condivisibile.



          in

          qualsiasi forma esso desideri, e che tale

          realizzazione possa essere tramandata agli

          eredi.

          Ma neanche un po'.
          Bisogna eliminare le rendite parassitarie senza
          alcun
          merito.Fammi capire, il parassita sarebbe quello che ha realizzato l'opera o quello che se la gode?
          • panda rossa scrive:
            Re: Riprodurre
            - Scritto da: ruppolo
            Fammi capire, il parassita sarebbe quello che ha
            realizzato l'opera o quello che se la
            gode?Il parassita e' colui che gode dei proventi dell'opera senza aver contribuito alla sua realizzazione.
          • ruppolo scrive:
            Re: Riprodurre
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo


            Fammi capire, il parassita sarebbe quello che ha

            realizzato l'opera o quello che se la

            gode?

            Il parassita e' colui che gode dei proventi
            dell'opera senza aver contribuito alla sua
            realizzazione.Ah ecco, quindi il 99,99% della popolazione.
          • panda rossa scrive:
            Re: Riprodurre
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo




            Fammi capire, il parassita sarebbe quello che
            ha


            realizzato l'opera o quello che se la


            gode?



            Il parassita e' colui che gode dei proventi

            dell'opera senza aver contribuito alla sua

            realizzazione.

            Ah ecco, quindi il 99,99% della popolazione.Esatto. Abbiamo risolto il problema della fame nel mondo grazie al fatto che chiunque possa godere dei proventi di iFart.
          • ruppolo scrive:
            Re: Riprodurre
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: ruppolo






            Fammi capire, il parassita sarebbe quello
            che

            ha



            realizzato l'opera o quello che se la



            gode?





            Il parassita e' colui che gode dei proventi


            dell'opera senza aver contribuito alla sua


            realizzazione.



            Ah ecco, quindi il 99,99% della popolazione.

            Esatto. Abbiamo risolto il problema della fame
            nel mondo grazie al fatto che chiunque possa
            godere dei proventi di
            iFart.Prova a barattare un'idea con una bistecca, al supermercato.
          • panda rossa scrive:
            Re: Riprodurre
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: ruppolo








            Fammi capire, il parassita sarebbe quello

            che


            ha




            realizzato l'opera o quello che se la




            gode?







            Il parassita e' colui che gode dei proventi



            dell'opera senza aver contribuito alla sua



            realizzazione.





            Ah ecco, quindi il 99,99% della popolazione.



            Esatto. Abbiamo risolto il problema della fame

            nel mondo grazie al fatto che chiunque possa

            godere dei proventi di

            iFart.

            Prova a barattare un'idea con una bistecca, al
            supermercato.Esatto! Ci sei arrivato anche tu a concludere che le idee non valgono neanche una bistecca. Esattamente come le canzonette, il software e tutto cio' che non e' materiale.
      • krane scrive:
        Re: Riprodurre
        - Scritto da: ruppolo
        Giusto quello che dici, ma qui si confonde spesso
        la parola "idea" con "realizzazione". Realizzare
        costa fatica e risorse, sia che si tratti di una
        casa sia che si tratti di una canzone, ed è
        giusto che l'autore ne ricavi guadagno, in
        qualsiasi forma esso desideri, e che tale
        realizzazione possa essere tramandata agli
        eredi.E allora il muratore che ha costruito casa tua quanto ha sudato ? Dovresti versare un euro a suo nipote ogni volta che attraversi una porta interna.
        • ruppolo scrive:
          Re: Riprodurre
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: ruppolo

          Giusto quello che dici, ma qui si confonde
          spesso

          la parola "idea" con "realizzazione". Realizzare

          costa fatica e risorse, sia che si tratti di una

          casa sia che si tratti di una canzone, ed è

          giusto che l'autore ne ricavi guadagno, in

          qualsiasi forma esso desideri, e che tale

          realizzazione possa essere tramandata agli

          eredi.

          E allora il muratore che ha costruito casa tua
          quanto ha sudato ? Dovresti versare un euro a suo
          nipote ogni volta che attraversi una porta
          interna.Infatti io pago oltre 700 euro ogni mese a chi ha costruito la casa che abito. E pago la musica e i programmi e i film. Non faccio il parassita, riconosco il lavoro di chiunque.
      • angros scrive:
        Re: Riprodurre
        Ti rispondo con un esempio che avevi fatto tu in passato: "Non serve a nulla che io inventi il motore ad acqua se poi questa invenzione non possa tradursi in una automobile in vendita in tutti i paesi del mondo!" http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2718199&m=2718795#p2718795Quindi, i soldi non si spendono per l'idea, ma per la realizzazione.E ogni esemplare dell'auto viene realizzato da zero, quindi costa.Ma per una canzone non ci sono costi di realizzazione: gli esemplari venduti sono semplici copie, e chiunque può realizzarne una, una volta che ha l'"idea" (vale a dire il file).
    • shevathas scrive:
      Re: Riprodurre

      Cari amici del (C), se aveste il cancro e
      qualcuno inventasse una cura, sareste contenti di
      lasciarci le penne non potendone fruire a causa
      dei vincoli sulla proprietà intellettuale?prima precisazione il (C) copre le opere di ingegno non le scoperte scientifiche e le invenzioni, quelle sono coperte dal brevetto (B).Se qualcuno brevettasse una cura contro il cancro sarebbe anche giusto ricompensarlo per la scoperta e almeno rendere i soldi investiti per arrivare a tale scoperta, se si vuole che altri si facciano carico di cercare cure per le altre malattie.
      In nome del (C) mettiamo nel cassetto vagonate di
      idee su innovazione, energie alternative, arte e
      tanto altro. Avere la possibilità di fruirne,
      anche con 100 anni di ritardo, meglio di
      niente.se ti interessa l'opera la paghi. Se non interessa o giudichi il prezzo troppo esoso la lasci lì. Di cancro si muore, di non poter ascoltare il CD di marco carta no.
    • Glande Panza scrive:
      Re: Riprodurre
      - Scritto da: za73
      Cari amici del (C), se aveste il cancro e
      qualcuno inventasse una cura, sareste contenti di
      lasciarci le penne non potendone fruire a causa
      dei vincoli sulla proprietà intellettuale?
      (Guardate che non è che se vi curate voi s'ammala
      automaticamente qualcun
      altro)Hai le idee confuse. Il Copyright è solo una parte di quella che viene chiamata Proprietà Intellettuale:1. brevetti2. design industriale3. Marchi di fabbrica4. Indicazioni geografiche o Denominazioni d'origine5. Progetti (topografie) di circuiti integrati 6. Informazioni riservate o segreti commerciali7. Copyright esteso alla produzione letteraria, artistica, musicale, fotografica e audiovisivaLe cure che possono derivare dalla medicina al massimo sono brevettate, non c'entra nulla il copyright.
      • panda rossa scrive:
        Re: Riprodurre
        - Scritto da: Glande Panza
        Le cure che possono derivare dalla medicina al
        massimo sono brevettate, non c'entra nulla il
        copyright.Pero' e' sotto copyright l'aspirina.Infatti i generici devono adottare come denominazione il principio attivo acido acetilsalicilico, mentre la Bayer da domani potrebbe chiamare Aspirina le supposte contro la stichezza e sarebbe libera di farlo, visto che la denominazione e' sua.
        • Glande Panza scrive:
          Re: Riprodurre
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Glande Panza


          Le cure che possono derivare dalla medicina al

          massimo sono brevettate, non c'entra nulla il

          copyright.

          Pero' e' sotto copyright l'aspirina.
          Infatti i generici devono adottare come
          denominazione il principio attivo acido
          acetilsalicilico, mentre la Bayer da domani
          potrebbe chiamare Aspirina le supposte contro la
          stichezza e sarebbe libera di farlo, visto che la
          denominazione e'
          sua.E' un marchio di fabbrica, non copyright.
        • ThEnOra scrive:
          Re: Riprodurre
          - Scritto da: panda rossa

          Pero' e' sotto copyright l'aspirina .
          Infatti i generici devono adottare come
          denominazione il principio attivo acido
          acetilsalicilico, mentre la Bayer da domani
          potrebbe chiamare Aspirina le supposte contro la
          stichezza e sarebbe libera di farlo, visto che la
          denominazione e'
          sua.Panda, l'aspirina non è un copyright ma un trademark.Non confondiamoli.Le parole sono importanti! :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Riprodurre
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa



            Pero' e' sotto copyright l'aspirina .

            Infatti i generici devono adottare come

            denominazione il principio attivo acido

            acetilsalicilico, mentre la Bayer da domani

            potrebbe chiamare Aspirina le supposte contro la

            stichezza e sarebbe libera di farlo, visto che
            la

            denominazione e'

            sua.

            Panda, l'aspirina non è un copyright ma un
            trademark.
            Non confondiamoli.

            Le parole sono importanti! :DE io che pensavo che fosse una pastiglia per il raffreddore. :
    • ruppolo scrive:
      Re: Riprodurre
      - Scritto da: za73
      Cari amici del (C), se aveste il cancro e
      qualcuno inventasse una cura, sareste contenti di
      lasciarci le penne non potendone fruire a causa
      dei vincoli sulla proprietà intellettuale?Al di la delle considerazioni e differenze tra opere d'ingegno, proprietà intellettuali, brevetti, eccetera, perché mai dovrei lasciarci le penne? Pensi che tutti gli altri farmaci salva vita siano stati studiati e prodotti per darli a tutti gratuitamente? Si paga quel che è da pagare e fine della storia. Hai una infezione? Vai in farmacia, compri l'antibiotico (con "millemila" brevetti sopra) e sei salvo. E se il farmaco salva vita costa un botto, lo paga la collettività. Cosa vuoi di più?
      • rover scrive:
        Re: Riprodurre
        Sai benissimo che su un certo numero di molecole, tuttora molto utilizzate, i brevetti sono scaduti.E direi che la durata di questi è ampiamente sufficiente per recuperare i costi della ricerca.
  • Teone scrive:
    Quando è meglio stare zitti...
    e non palesare così...- l'ignoranza di cosa sia il progetto europeana- il non aver mai letto un libro in vita propria e di conseguenza- ignorare cosa sia una biblioteca digitale- dare a vedere di essere una mente avvelenata dai SIAisti- confermare l'idea di non aver: o letto e non capito nulla dell'articolo, o neppure guardatoecc... ecc...in tutti i casi, una assidua frequentazione di qualche biblioteca risolve ogni problema d'ignoranza"il modo più certo di celare agli altri i confini della propria ignoranza è quello di non oltrepassarli..." Leopardi
  • Aletheia scrive:
    il diritto di RUBARE
    ecco, un altro articolo 100% pro-pirateria, solo che stavolta si parla di public-domain, con commentini dove l'autore si lecca ai baffi all'idea di poter scroccare contenuti, testi, foto, video, film interi, tutti gratis e senza queste "tediose" licenze e copyright.insomma, chi crea contenuti e' il nemico e chi li regala e' amico ... salvo poi non donare un solo euro e non scrivere manco i credits e anzi magari scrivere che e' opera di altri !che ne farete di tutto sto popo' di roba ? un bel minestrone ... magare vi prendono per la prossima edizione di X-Factor...
    • Senryu scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      mi chiedo se tu abbia un qualche concetto di software freeware... mio dio santa ignoranza, ci sono moltissimi film anche e opere musicali distribuibili liberamente, si tratta solo di elaborare uno standard in grado di contrassegnarli tutti ugualmente e rendere semplice per l'utente riconoscerli.... bahPS il copyright deve comunque sparire o almeno essere ridimensionato dalle attuali leggi vigenti!
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        - Scritto da: Senryu
        mi chiedo se tu abbia un qualche concetto di
        software freeware... mio dio santa ignoranzaè un sostenitore del copyright, che ti aspetti? Per forza è ignorante.
        PS il copyright deve comunque sparire o almeno
        essere ridimensionato dalle attuali leggi
        vigenti!Anche individui che ragionano come Aletheia devono sparire.Quindi, ben venga qualsiasi iniziativa che contribuisca ad affamarli e impoverirli.
      • Lord Kap scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        - Scritto da: Senryu
        mi chiedo se tu abbia un qualche concettoEcco, potevi fermarti qui.-- Saluti, Kap
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      - Scritto da: Aletheia
      ecco, un altro articolo 100% pro-pirateria, solo
      che stavolta si parla di public-domain, con
      commentini dove l'autore si lecca ai baffi
      all'idea di poter scroccare contenuti, testi,
      foto, video, film interi, tutti gratis e senza
      queste "tediose" licenze e
      copyright.Infatti: licenze e copyright vanno ELIMINATI! Insieme ai parassiti che campano con essi, e che devono finire a mendicare sotto un ponte.

      insomma, chi crea contenuti e' il nemico e chi li
      regala e' amico ...No: non è chi crea contenuti, il nemico. TU sei il nemico: tu e tutti quelli che vorrebbero campare con i contenuti di autori deceduti anni fa. salvo poi non donare un solo
      euro e non scrivere manco i credits e anzi magari
      scrivere che e' opera di altri
      !

      che ne farete di tutto sto popo' di roba ? un bel
      minestrone ... magare vi prendono per la prossima
      edizione di
      X-Factor...Magari non la faranno nemmeno, tale edizione, una volta tolto il copyright.
    • rover scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      Hai letto l'articolo, e soprattutto hai capito di cosa si parlava?Non sono certo un sostenitore della pirateria, ma forse non sa che il copyright h un "fine vita", e che può anche accadere che un autore scelga di rendere libera la fruizione di una o più opere sue (e il termine opere contiene molte varietà, compreso il software)
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        - Scritto da: rover
        Hai letto l'articolo, e soprattutto hai capito di
        cosa si
        parlava?Da quando in qua Pepito il breve, alias Rolling Thunder, alias Aletheia, legge e capisce gli articoli?
        • Aletheia scrive:
          Re: il diritto di RUBARE
          scusate ma se vostro padre compra una casa che poi da' in affitto e ve la lascia in eredita' e voi la date a vostra volta in eredita' ai vostri figli tutto e' OK mentre se io faccio una canzone dopo 50 anni tutti me la possono rubare, copiare, e RIVENDERE senza darmi nulla in cambio ?il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO fino alla terza generazione, altrimenti nessuno ha incentivi a innovare e inventare.
          • Marco Ravich scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            E` l'esatto contrario: più estendiamo il copyright e meno innovazione ci sarà (secondo me dovrebbe terminare con il fine vita dell'autore) !In qualsiasi caso, per strano che possa sembrare, ci sono anche inventori/autori/artisti che rilasciano in Public Domain pur essendo in vita...Io le mie opere (artistiche) le rilascio tutte su CC BY-NC-SA (quelle software su GLPv3).
          • ruppolo scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            Quindi metterai nel tuo testamento che tutte le tue cose diverranno di pubblico dominio alla tua morte?
          • krane scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi metterai nel tuo testamento che tutte
            le tue cose diverranno di pubblico dominio
            alla tua morte?Magari tutte quelle che possono essere duplicate, ovvero distribuite senza sottrazione.
          • ruppolo scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ruppolo

            Quindi metterai nel tuo testamento che tutte

            le tue cose diverranno di pubblico dominio

            alla tua morte?

            Magari tutte quelle che possono essere duplicate,
            ovvero distribuite senza
            sottrazione.Irrilevante se possono essere duplicate o meno. Ciò che conta è il loro valore per chi le ha realizzate: se diventano di pubblico dominio, perdono tale valore.
          • krane scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: ruppolo


            Quindi metterai nel tuo testamento che tutte


            le tue cose diverranno di pubblico dominio


            alla tua morte?

            Magari tutte quelle che possono essere

            duplicate, ovvero distribuite senza

            sottrazione.
            Irrilevante se possono essere duplicate o meno.
            Ciò che conta è il loro valore per chi le ha
            realizzate: se diventano di pubblico dominio,
            perdono tale valore.Molto rilevante invece: se possono essere duplicate posso dividerle equamente una copia per ogni persona del pianeta, se non sono duplicabili come una casa o un vestito non posso farte altrettanto se lo facessi avrei una microbriciola di casa e non me ne potrei fare nulla.
          • ruppolo scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: krane
            Molto rilevante invece: se possono essere
            duplicate posso dividerle equamente una copia per
            ogni persona del pianeta, se non sono duplicabili
            come una casa o un vestito non posso farte
            altrettanto se lo facessi avrei una microbriciola
            di casa e non me ne potrei fare
            nulla.E dove sta scritto che il fesso di turno debba sgobbare a-gratis per il bene dell'umanità parassita?
          • krane scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: krane

            Molto rilevante invece: se possono essere

            duplicate posso dividerle equamente una

            copia per ogni persona del pianeta, se

            non sono duplicabili come una casa o un

            vestito non posso farte altrettanto se

            lo facessi avrei una microbriciola di

            casa e non me ne potrei fare nulla.
            E dove sta scritto che il fesso di turno
            debba sgobbare a-gratis per il bene
            dell'umanità parassita?Il morto dici ? Se volesse protestare lo farebbe.Per il principio stesso che siamo umani nel momento in cui una cosa puo' essere divisa senza sottrazione tra tutti equamente dovrebbe essere divisa. Il parassita sei tu che neghi ai tuoi simili qualcosa che non ti costerebbe nulla dividere, perche' lo fai ? Cosa ne guadagni ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 ottobre 2010 15.41-----------------------------------------------------------
          • Aletheia scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            vivo o morto e' una questione di principio !
          • krane scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            vivo o morto e' una questione di principio !Appunto: il principio e' che il bene e' potenzialmente disponibile a tutti e tu non desideri che sia distribuito sei tu il ladro.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: il diritto di RUBARE

            Irrilevante se possono essere duplicate o meno.Invece è rilevante al massimo: se possono essere duplicate, possono essere usate da tutti, e non è giusto che siano appannaggio di uno solo
            Ciò che conta è il loro valore per chi le ha
            realizzateIl valore è zero, per chi le ha realizzate, se è morto: non può portarsele dietro.Il valore che conta è solo quello di mercato: e per ciò che può essere duplicato e rimpiazzato a costo zero, il valore è zero.: se diventano di pubblico dominio,
            perdono tale
            valore.Non l'hanno mai avuto; e non devono averlo. Pensare che ce l'abbiano è una aberrazione, una favola inventata dalle majors per ingannare gli ingenui. E tu ci sei cascato. Svegliati!
          • luisito scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            Dai, ruppolo non creare confusione. L'informazione col tempo diventa automaticamente pubblico dominio, inutile mischiare le carte accorpandole alle proprietà fisicheAvrebbe senso oggi pagare i diritti per usufruire dei Promessi sposi? Anche se ci sono dei discendenti di Manzoni, pagando loro cosa incentiveremmo?https://secure.wikimedia.org/wikipedia/it/wiki/Pubblico_dominio
          • panda rossa scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: luisito
            Anche se ci sono dei
            discendenti di Manzoni, pagando loro cosa
            incentiveremmo?Il parassitismo!
          • ruppolo scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: luisito

            Anche se ci sono dei

            discendenti di Manzoni, pagando loro cosa

            incentiveremmo?

            Il parassitismo!Il parassitismo si incentiva proprio con la condivisone selvaggia della conoscenza: c'è chi passa la vita a studiare e chi passa la vita a fare il parassita, sfruttando la fatica altrui.
          • luisito scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            Bene, allora spiegami come fai a far convivere l'essere a favore dell' ereditarietà della proprietà intellettuale con quanto concordavi in questo post di "Skywalker":http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2995833&m=2996938#p2996938Memoria corta? O forse ho frainteso?
          • ruppolo scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: luisito
            Bene, allora spiegami come fai a far convivere
            l'essere a favore dell' ereditarietà della
            proprietà intellettuale con quanto concordavi in
            questo post di
            "Skywalker":
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2995833&m=299

            Memoria corta? O forse ho frainteso?Ho cambiato idea, dopo averci ragionato.
          • luisito scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            Allora segui questo ragionamento:- Una informazione ha valore solo in condizioni di monopolio;- Le informazioni sono a senso unico, una volta date non si possono riprendere indietro;Ne consegue che presto o tardi l'informazione perderà valoreVisto che il neuralizzatore dei MIB ancora l'hanno inventato come speri di risolvere questo problema?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: il diritto di RUBARE

            Il parassitismo si incentiva proprio con la
            condivisone selvaggia della conoscenza: c'è chi
            passa la vita a studiare e chi passa la vita a
            fare il parassita, sfruttando la fatica
            altrui.E allora tu rientri nella categoria dei parassiti: non hai passato la vita a imparare come si fabbrica un utensile di pietra, o come si accende un fuoco strofinando due pezzi di legno, ma sfrutti la conoscenza prodotta da altri.
          • rover scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            Ma tu hai capito cosa hai scritto?Perchè allora invece che giocare con i vari i-cazzelli non impari ad accendere il fuoco, a cacciare con delle lance da te costruite, a farti una capanna di pelli e ramaglie?Sono assolutamente incredulo!!!
          • Funz scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: luisito


            Anche se ci sono dei


            discendenti di Manzoni, pagando loro cosa


            incentiveremmo?



            Il parassitismo!

            Il parassitismo si incentiva proprio con la
            condivisone selvaggia della conoscenza: c'è chi
            passa la vita a studiare e chi passa la vita a
            fare il parassita, sfruttando la fatica
            altrui.Parassiti come gli eredi di (per dire) Ravel, che lucrano ancora oggi su opere di cui non hanno nessun merito?
          • Aletheia scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            bravo.e ci hai guadagnato qualcosa ?
          • panda rossa scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            bravo.

            e ci hai guadagnato qualcosa ?Se e' come nel mio caso, ci avra' guadagnato soddisfazione e notorieta'.
          • panda rossa scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO
            fino alla terza generazione, altrimenti nessuno
            ha incentivi a innovare e
            inventare.Infatti si vede che incentivo sta offrendo il copyright nella vicenda della produizione del film The Hobbit.L'erede di Tolkien, siccome non gli basta vivere da parassita miliardario, sta pure ostacolando la produzione del film perche' non gli hanno dato abbastanza miliardi.http://www.hobbitfilm.it/2008/05/31/christopher-tolkien-vuole-fermare-lo-hobbit/
          • anonimo scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Aletheia


            il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO

            fino alla terza generazione, altrimenti nessuno

            ha incentivi a innovare e

            inventare.

            Infatti si vede che incentivo sta offrendo il
            copyright nella vicenda della produizione del
            film The
            Hobbit.

            L'erede di Tolkien, siccome non gli basta vivere
            da parassita miliardario, sta pure ostacolando la
            produzione del film perche' non gli hanno dato
            abbastanza
            miliardi.

            http://www.hobbitfilm.it/2008/05/31/christopher-toE' una notizia del 2008, si è già messo d'accordo:wikipediaIn 2008 Christopher Tolkien commenced legal proceedings against New Line Cinema, which he claimed owed his family £80 million in unpaid royalties.[4] In September 2009, he and New Line reached an undisclosed settlement, and he has withdrawn his legal objection to The Hobbit film.[5]
          • panda rossa scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Aletheia




            il copyright dovrebbe al contrario essere
            ESTESO


            fino alla terza generazione, altrimenti
            nessuno


            ha incentivi a innovare e


            inventare.



            Infatti si vede che incentivo sta offrendo il

            copyright nella vicenda della produizione del

            film The

            Hobbit.



            L'erede di Tolkien, siccome non gli basta vivere

            da parassita miliardario, sta pure ostacolando
            la

            produzione del film perche' non gli hanno dato

            abbastanza

            miliardi.




            http://www.hobbitfilm.it/2008/05/31/christopher-to

            E' una notizia del 2008, si è già messo d'accordo:Questo aggiornamento invece e' di ieri.http://signoredeglianelli.blogspot.com/2010/10/lo-hobbit-potra-essere-il-film-piu.htmlCerta gente e' piu' avida di Gollum.
          • panda rossa scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: anonimo

            Le fondazioni di beneficenza esistono, non è che
            se ce n'è una che non piace allora fanno schifo
            anche le altre. Questo tizio ha 83 anni ed è un
            topo di biblioteca, non credo lo faccia per
            andare in giro col Ferrari. Lui forse no, ma Tolkien e' morto nel 1973. Piu' 70 fa 2043.Questo tizio ha figli e nipoti che da qui al 2043 avranno a loro volta figli e nipoti che potranno andare in giro col Ferrari e sicuramente ostacolare la produzione di altre opere ispirate alla Terra di Mezzo.

            Il concetto non e' chi sara' il beneficiario, e

            il fatto che il beneficiario sia una fondazione

            benefica o un grasso pelato con sigaro, non

            cambia la

            sostanza.



            Qui siamo di fronte a qualcuno che intende

            innovare ma viene ostacolato dal

            copyright.

            Riguardo al Silmarillion leggo che ha ricomposto
            un'enorme mole di materiale che era stata
            lasciata incompleta in seguito alla morte del
            padre e che ha richiesto 4 anni. Ha disegnato
            anche le mappe del signore degli anelli e ha
            svolto un lavoro di editore. Qualcosa di suo ce
            l'ha messo. Comunque dà tutto in beneficenza,
            anche quella è
            innovazione.Tutto bello, ma intanto il film sta ritardando e potrebbe perfino non venire piu' prodotto.Tutto per una schifosa questione di soldi.
          • pippuz scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
          • Aletheia scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            idem con gli eredi di michael jackson che han preso circa 100 milioni di $ dalla Sony ... e allora ?se li avesse presi la moglie cambia qualcosa ?se tuo padre muore domattina ti andrebbe bene che il comune ti fottela casa e tutto quello intestato a lui per darlo agli zingari ?
          • Lord Kap scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            il copyright dovrebbe al contrario essere
            ESTESO fino alla terza generazione(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)-- Saluti, Kap
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            scusate ma se vostro padre compra una casa che
            poi da' in affitto e ve la lascia in eredita' e
            voi la date a vostra volta in eredita' ai vostri
            figli tutto e' OKSì: perchè se qualcun altro prende quella casa, non potrei più abitarci io. La casa è una sola, la può usare una sola persona (o una sola famiglia) alla volta: chi ha diritto a usarla, escludendo gli altri? L'erede.
            mentre se io faccio una canzone
            dopo 50 anni tutti me la possono rubare, copiare,
            e RIVENDERE senza darmi nulla in cambio
            ?Quello è sbagliato: dovrebbero poterlo fare subito.La canzone può essere usata da tutti, in tutto il mondo, nello stesso momento. Non c'è bisogno di mettere limiti, e non ha senso metterli.

            il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO
            fino alla terza generazione, altrimenti nessuno
            ha incentivi a innovare e
            inventare.Incoraggiare a reinventare la ruota sarebbe innovare, secondo te?Tu hai invitato varie volte a fare lavori che sono già stati fatti (ad esempio, le foto di certi soggetti), spendendo un mucchio di soldi e sprecando un mucchio di carburante, solo per via di una astrazione come il copyright.Gente che ragiona così non innova, si limita a sprecare tempo e soldi.L'unico incoraggiamento che meriti è quello di smettere di fare il fotografo, e andare a pulire le fogne. Farai di sicuro un lavoro più utile.
          • embe scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            scusate ma se vostro padre compra una casa che
            poi da' in affitto e ve la lascia in eredita' e
            voi la date a vostra volta in eredita' ai vostri
            figli tutto e' OK mentre se io faccio una canzone
            dopo 50 anni tutti me la possono rubare, copiare,
            e RIVENDERE senza darmi nulla in cambio
            ?I figli di un'autore si beccano in eredità le proprietà che l'autore ha comperato grazie ai diritti d'autore, semplice, no?
            il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO
            fino alla terza generazione, altrimenti nessuno
            ha incentivi a innovare e
            inventare.Sarebbe così se il copyright durasse un mese, allora veramente nessuno avrebbe interesse a produrre un'opera d'ingegno (troppo poco tempo per raccoglierne i frutti). Poi non consideri che la vita commerciale di un'opera è comunque molto breve rispetto alla durata attuale del copyright, e di solito si attesta a qualche mese (per le canzoni, ad esempio). A parte qualche rara eccezione, la maggior parte degli autori viene remunerata dei loro sforzi soprattutto nei primi anni di vita dell'opera.
          • p4bl0 scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            scusate ma se vostro padre compra una casa che
            poi da' in affitto e ve la lascia in eredita' e
            voi la date a vostra volta in eredita' ai vostri
            figli tutto e' OK mentre se io faccio una canzone
            dopo 50 anni tutti me la possono rubare, copiare,
            e RIVENDERE senza darmi nulla in cambio
            ?

            il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO
            fino alla terza generazione, altrimenti nessuno
            ha incentivi a innovare e
            inventare.ma scusa quindi secondo questo ragionamento io voglio che i miei eredi vengano pagati per il mio lavoro per tutte le generazioni a venire anche se mi licenzio domani
          • Funz scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            scusate ma se vostro padre compra una casa che
            poi da' in affitto e ve la lascia in eredita' e
            voi la date a vostra volta in eredita' ai vostri
            figli tutto e' OK mentre se io faccio una canzone
            dopo 50 anni tutti me la possono rubare, copiare,
            e RIVENDERE senza darmi nulla in cambio
            ?

            il copyright dovrebbe al contrario essere ESTESO
            fino alla terza generazione, altrimenti nessuno
            ha incentivi a innovare e
            inventare.E' spaventoso che esista gente capace di sparare affermazioni simili...
    • embe scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      - Scritto da: Aletheia
      ecco, un altro articolo 100% pro-pirateria, solo
      che stavolta si parla di public-domain, con
      commentini dove l'autore si lecca ai baffi
      all'idea di poter scroccare contenuti, testi,
      foto, video, film interi, tutti gratis e senza
      queste "tediose" licenze e
      copyright.Ahò, tutti i contenuti che diventano di pubblico dominio sono stati prodotti da gente stra-morta (almeno qua in Italia, visto che occorre aspettare 70 anni dalla morte dell'autore), e si suppone che perfino i pronipoti abbiano goduto dei relativi diritti...E' sufficiente oppure bisogna continuare ancora per qualche secolo?
      insomma, chi crea contenuti e' il nemico e chi li
      regala e' amico ... salvo poi non donare un solo
      euro e non scrivere manco i credits e anzi magari
      scrivere che e' opera di altri
      !L'opera che cade nel pubblico dominio non credo sia alienabile nè attribuibile ad altri (il "De bello gallico" è sempre di Giulio Cesare da più di 2000 anni, no?)
      che ne farete di tutto sto popo' di roba ? un bel
      minestrone ... magare vi prendono per la prossima
      edizione di
      X-Factor...Faremo un bel mesh-up...Comunue complimenti per le idee chiare!
    • Sgabbio scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Glande Panza scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      - Scritto da: Aletheia
      ecco, un altro articolo 100% pro-pirateria, solo
      che stavolta si parla di public-domain, con
      commentini dove l'autore si lecca ai baffi
      all'idea di poter scroccare contenuti, testi,
      foto, video, film interi, tutti gratis e senza
      queste "tediose" licenze e
      copyright.
      Concordo che qui gli autori di PI in modo un po' populistico presentino sempre le storie in un certo modo.Perché una cosa poi deve andare in public domain? Se c'è vuol dire che qualcuno l'ha creata. Perché quindi non è possibile tramandarne la proprietà all'infinito ai propri discendenti? È come se un giorno si chiedesse ai nipoti di Agnelli di statalizzare la FIAT perché sono passati 70 anni dalla morte del fondatore. O visto che qui è pieno di egoisti facciamo un esempio che li può toccare nel vivo: è come se un giorno qualcuno venisse e chiedesse di togliervi la proprietà di casa vostra perché sono passati 70 anni dalla morte del bisnonno che l'ha costruita.Si chiama o no proprietà intellettuale? Se di proprietà si tratta hanno diritto gli eredi a sfruttare i diritti economici finché vogliono. Così come si ha diritto di tramandare di padre in figlio i propri gioielli, i propri terreni, i propri quadri, i propri soldi e i diritti economici di sfruttamento sulle opere di famiglia.Chi mi dice poi che quella "C" sia veramente applicata a un'opera in public domain? Io direi che bisogna fare un registro statale in cui lo scrittore o un suo parente se l'autore è defunto dichiara di sua spontanea volontà che quell'opera è diventata di public domain e che può essere distribuita e utilizzata liberamente. Sempre nella stessa legge però metterei l'obbligo di distribuirla su Internet tramite un bollino, dal costo irrisorio, i cui proventi andrebbero ai famigliari degli autori.
      • Stemby scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        Questa è la legge, mi spiace per te.Ti faccio solo notare che accostare la proprietà intellettuale (che rispetto) alla proprietà di un bene materiale è improprio: un'idea si può condividere (e se 2 persone si scambiano una idea, prima ne avevano una sola a testa, dopo lo scambio ne avranno 2), un bene fisico o economico si può solo cedere (una volta passato, non lo si ha più).A mio avviso 70 anni dalla morte dell'autore sono troppi. Comunque, ripeto, questa è la legge.
        • Aletheia scrive:
          Re: il diritto di RUBARE
          si ma sono solo 20 per i BREVETTI, attenzione !70 anni e' per musica, film, arte, libri, etcma ripeto, non ha senso di esistere, nel momento chec'e' gente che vive di rendita su eredita' che si passanodi padre in figlio dal medioevo !se loro lo possono fae, devono poterlo fare anche gli artisti,e XXXXX tuoi se non ti sta bene.... fai un corso di chitarrae incidi una cover o una imitazione, a quel punto e' roba tuae ci fai il XXXXX che vuoi.lo stesso fanno in ambito musicale, se un artista chiede troppisoldi fanno "ricantare" il pezzo da zero cambiando qualche giro vocale e leggermente la melodia ... 100% legale e glielomettono in XXXX.
          • panda rossa scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            si ma sono solo 20 per i BREVETTI, attenzione !

            70 anni e' per musica, film, arte, libri, etc

            ma ripeto, non ha senso di esistere, nel momento
            che
            c'e' gente che vive di rendita su eredita' che si
            passano
            di padre in figlio dal medioevo !Hanno messo le tasse di successione e il fenomeno e' scomparso in un paio di generazioni.
            se loro lo possono fae, devono poterlo fare anche
            gli artisti,Loro non lo possono fare, e infatti hanno rimediato.Gli artisti facciano il loro mestiere, performando dal vivo, incassando sui biglietti, e alla fine un bell'applauso, oppure pomodori, a seconda di com'e' andata.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: il diritto di RUBARE

            se loro lo possono fae, devono poterlo fare anche
            gli
            artisti,
            e XXXXX tuoi se non ti sta bene.... No: non devono poterlo fare, e perciò noi non glielo lascieremo fare. E XXXXX loro, se a loro non sta bene.Non gliel'ha ordinato il dottore di fare musica.
            lo stesso fanno in ambito musicale, se un artista
            chiede
            troppi
            soldi fanno "ricantare" il pezzo da zero
            cambiando qualche

            giro vocale e leggermente la melodia ... 100%
            legale e
            glielo
            mettono in XXXX.Non è lo stesso pezzo... e comunque, bello spreco di tempo e di soldi.Chi incentiva lo spreco non va sostenuto, non deve godere di nessun diritto, non deve neanche ricevere i soldi per comprarsi da mangiare: deve solo ridursi in miseria.E poi, quando sarai in mezzo ad una strada a mendicare, io ti mostrerò dei soldi, e invece di darteli (permettendoti di mangiare il primo pasto decente dopo settimane) li darò a un ingegnere dicendogli "eccoti un finanziamento per inventare l'acqua calda".
          • p4bl0 scrive:
            Re: il diritto di RUBARE
            - Scritto da: Aletheia
            si ma sono solo 20 per i BREVETTI, attenzione !

            70 anni e' per musica, film, arte, libri, etcnessuno sta parlando di brevetti ma solo di copyright
      • Aletheia scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        ma a prescindere dalla proprieta' intellettuale o meno, non mi sembra nessuno si scandalizzi se dei governi hanno contratti con altri stati che danno licenze per che so 99 anni, e li rispettano ancora nonostante ci siano state guerre e cambi di governo nel frattempo.tutti pronti invece a rubare canzoni o film o software o invenzioni .. comoda la vita per gli scrocconi eh ... a che serve spendere milioni in ricerca quando basta copiarla dagli altri ?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: il diritto di RUBARE

          tutti pronti invece a rubare canzoni o film o
          software o invenzioni .. Nessuno li ruba: li duplicano
          comoda la vita per gli
          scrocconi eh ... a che serve spendere milioni in
          ricerca quando basta copiarla dagli altri
          ?Non ti preoccupare, la cosa non ti riguarda: tu non hai certo milioni da spendere, e non li avrai mai.
      • embe scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        - Scritto da: Glande Panza
        Chi mi dice poi che quella "C" sia veramente
        applicata a un'opera in public domain? Le autorità te lo dicono...
        Io direi
        che bisogna fare un registro statale in cui lo
        scrittore o un suo parente se l'autore è defunto
        dichiara di sua spontanea volontà che quell'opera
        è diventata di public domain e che può essere
        distribuita e utilizzata liberamente. Inutile...se per legge è previsto un limite al copyright, ciò è sufficiente...
        Sempre
        nella stessa legge però metterei l'obbligo di
        distribuirla su Internet tramite un bollino, dal
        costo irrisorio, i cui proventi andrebbero ai
        famigliari degli
        autori.Quello che non vi è chiaro è che si tratta perlopiù di opere realizzate anche 100 anni fa! A che pro pagare gli eredi per un lavoro realizzato così tanto tempo fa? Cosa sono, i diritti di cancelleria? Che senso ha?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: il diritto di RUBARE

        Sempre
        nella stessa legge però metterei l'obbligo di
        distribuirla su Internet tramite un bollino, dal
        costo irrisorio, i cui proventi andrebbero ai
        famigliari degli
        autori.Scusa, ma a casa tua c'è forse un bollino che ti impone di versare periodicamente dei soldi ai familiari del muratore che l'ha costruita?
    • ThEnOra scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      - Scritto da: Aletheia
      ecco, un altro articolo 100% pro-pirateriaNon trolliamo, su.
      • angros scrive:
        Re: il diritto di RUBARE
        Una volta Aletheia (che in passato si faceva chiamare Pepito il breve) aveva trollato così tanto che perfino ruppolo gli aveva detto che era meglio la pirateria.E per convincere ruppolo a dire una cosa del genere, ce ne vuole!se non mi credi, ecco il link:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2838741&m=2840965#p2840965Quindi, ti avverto: se ti metti a discutere con Aletheia, diventi pro-pirateria pure tu.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      - Scritto da: Aletheia
      ecco, un altro articolo 100% pro-pirateria, solo
      che stavolta si parla di public-domain, con
      commentini dove l'autore si lecca ai baffi
      all'idea di poter scroccare contenuti, testi,
      foto, video, film interi, tutti gratis e senza
      queste "tediose" licenze e
      copyright.

      insomma, chi crea contenuti e' il nemico e chi li
      regala e' amico ... salvo poi non donare un solo
      euro e non scrivere manco i credits e anzi magari
      scrivere che e' opera di altri
      !

      che ne farete di tutto sto popo' di roba ? un bel
      minestrone ... magare vi prendono per la prossima
      edizione di
      X-Factor...REDHAT COME CAMPA? Poveretti, si muoiono di fame...
    • Joe Tornado scrive:
      Re: il diritto di RUBARE
      - Scritto da: Aletheia
      ecco, un altro articolo 100% pro-pirateriaCerto che in videoteca ne avete di tempo libero, ormai ! Però, non sarebbe meglio cercare un lavoro, piuttosto che scrivere boiate sul web ?
Chiudi i commenti