Firenze, 2 PMI su 3 usano software illegale?

Viene da chiederselo visti i risultati dell'operazione svolta dalla Guardia di Finanza con il supporto tecnico di BSA. Piovono denunce e sequestri su piccole realtà e studi professionali

Firenze – Guardia di Finanza ancora al lavoro, questa volta nella provincia del capoluogo toscano: perquisite copisterie, internet point, studi di architettura e società di designer di moda ed altre attività commerciali. Grazie anche all’ormai consueto supporto dei tecnici BSA , le forze dell’ordine sono state in grado di individuare numerose violazioni della legge sulla proprietà intellettuale.

Almeno due terzi delle aziende passate al setaccio facevano uso di software illecitamente duplicato o comunque non correttamente licenziato, secondo la ormai comune prassi dell’ underlicensing . I programmi più frequentemente piratati sono i soliti: Windows XP, Office 2007, Acrobat Professional, Pagemaker, Photoshop e Autocad. Le perquisizioni hanno portato al sequestro di 22 computer , tutti contenenti materiale detenuto illegalmente.

Sequestrati anche oltre 3.000 file in formato MP3 , intere discografie pronte ad essere duplicate e vendute, nonché 4.628 copie digitali in formato PDF di interi libri o parti di opere letterarie coperte dal diritto d’autore, illecitamente riprodotte per lo stesso scopo.

A tal riguardo, la Guardia di Finanza ricorda che la legge consente unicamente la riproduzione fotostatica per uso personale, vale a dire ai fini di studio e consultazione e mai per ottenerne un guadagno, fino ad un massimo del 15 per cento dell’opera originale.

Nel corso della maxi-retata, sono stati individuati 11 imprenditori di altrettante aziende e studi professionali per i quali sono stati ravvisate violazioni tali da causare denuncia penale e avvio della procedura per la sanzione amministrativa. Le multe, come prescritto dalla norma, saranno pari al valore stimato sulla base della quantità di software irregolare rilevata moltiplicata per il prezzo di listino di quegli stessi programmi.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Roberto Piras scrive:
    Funzionalità VoIP
    Ciao, sono un utente soddisfatto del proprio E61...Ho anche cercato di utilizzare le funzionalità VoIP appoggiandomi ad Eutelia (che tra l'altro fornisce gratuitamente la possibilità di ottenere una numerazione geografica!)Invece ho riscontrato alcune difficoltà nella configurazione del client IM: i parametri di configurazione sono introvabili!Per tutti i nostalgici dei vecchi palmari, consiglio altamente il Nokia E61.Roberto
  • Antonio scrive:
    nokia obsoleti per certificati server
    la nokia deve investire di più sul wireless dei propri apparecchi, cercando un'intesa con la symbian. Nella mia università nn ci si riesce a connettere perchè questi modelli nn permettono di salvare il certificato per l'autenticazione wireless e mi ritrovo ad aver speso più di 400euro per qualcosa che non funziona come dovrebbe. Se potete contattare la nokia a riguardo o creare un topic apposito uno di questi giorni affrontando il problema dei certificati server sui symbian ve ne sarei davvero grato! Non c'è un modello di nokia che funzioni in questo senso...tutti testati.ciao e buon lavoro!
  • ricorsivo scrive:
    mhmmm...
    apprezzo lo sforzo, ma quest'articolo in tre pagnine, dice poco o nulla... cioè, la prima è praticamrnte un insieme di premesse, l'ultima sono conclusioni si cui in realtà si è già parlato prima, e la parte centrale è un buon inizio, ma è (per l'appunto) solo un inizio... si dice di voler esaminare le funzionalità e le possibili migliorie nel software, e poi si parla solo (comunque apprezzabilmente) di hardware (pulsanti, tastiera, bande di gomma ecc...)perché non esaminare la facilità (o la non facilità) con la quale si accede alle funzioni basilari (tipo la rubrica o gli SMS), la fruibilità (o la non fruibilità) e l'utilità (o la non utilità) di tutte quelle funzioni accessorie che dà il telefono? Se si tratta di fuffa inutile (lo stesso autore dice di usarlo al 10/15% delle possibilità) perché non rivolgersi direttamente ad un telefono di un altro tipo, più semplice?
    • Carlo Filippo Follis scrive:
      Re: mhmmm...
      Nell'articolo è stato esaminato ciò di cui parli ma, come premesso, per giungere al software. Ciò che intendi tu è la messa in discussione di tutto un sistema che non verrebbe comunque rivoluzionato per una nicchia di mercato.Quanto descritto è il trampolino di lancio non di una rivoluzione dell'OS e delle applicazioni, bensì una serie di banali applicativi realizzabili per migliorare e non stravolgere. Base concettuale per trasformare la teoria in realtà!Le premesse e le chiose miravano alla comprensione di quanto appena scritto. e, come ho scritto, la scelta dell'E61 è stata dettata da esigenze strutturali quindi di Accessibilità e Usabilità e non da esigenze d'Affari ... Ergo: anche sfruttandolo minimamente quello era ed è stato!Ho reso l'idea?
      • ricorsivo scrive:
        Re: mhmmm...
        - Scritto da: Carlo Filippo Follis
        Nell'articolo è stato esaminato ciò di cui parli
        ma, come premesso, per giungere al software. se per "sw" intendi rendere programmabile un pulsante, non è che sia proprio un discorso del "sw", ma un discorso dell'usabilità dell'oggetto in se
        Ciò che intendi tu è la messa in discussione di tutto
        un sistema che non verrebbe comunque
        rivoluzionato per una nicchia di mercato.si... io vorrei mettere in discussione tutto il sistema, ma non credo che questa messa in discussione riguardi una nicchia di mercato: rendere un oggetto più usabile lo rende più usabile per tutti... che poi per te (o altri disabili) sia un vantaggio maggiore è un altro discorso. A me interessa relativamente che i pulsanti siano concavi, ma sicuramente il tuo suggerimento (per te quasi indispensabile) renderebbe l'oggetto migliore anche per me
        Quanto descritto è il trampolino di lancio non di
        una rivoluzione dell'OS e delle applicazioni,
        bensì una serie di banali applicativi
        realizzabili per migliorare e non stravolgere.
        Base concettuale per trasformare la teoria in
        realtà!onestamente credo poco negli "accrocchi" per sistemare un po' le cose: certi discorsi andrebbero affrontati alla radice... tu sei un appassionato di Apple: vedi un po' cos'è stato fatto con l'iPhone e l'iPod Touch... Apple ha completamente stravolto il concetto di interfaccia per realizzare qualcosa che fosse veramente inteso per un utilizzo "palmare" dell'oggetto. Ha avuto il coraggio di fare qualcosa di nuovo, non un accrocchio per utilizzare il touch screnn (accrocchi che hanno tutti gli altri).Non sto dicendo che l'iPhone sia una buona soluzione per il disabile, anzi, ho diversi dubbi in tal senso: sto solo portando un esempio di "coraggio" nel rivoluzionare gli oggetti.
        Le premesse e le chiose miravano alla
        comprensione di quanto appena scritto. e, come ho
        scritto, la scelta dell'E61 è stata dettata da
        esigenze strutturali quindi di Accessibilità e
        Usabilità e non da esigenze d'Affari ... Ergo:
        anche sfruttandolo minimamente quello era ed è
        stato!

        Ho reso l'idea?Su quest'ultimo punto proprio no, anche perché non ho capito cosa ci fai col telefono (e nemmeno hai spiegato le tue necessità nell'articolo). Se lo usi solo per telefonare, l'E61, con tutto rispetto, mi pare uno spreco: ci sono molti altri telefoni che caratteristiche migliori riguardo all'usabilità (tasti più grandi e meno curvi, posizione migliore, fondo che non scivola, ecc...)
  • seguace scrive:
    Migliorie all'E61
    8) 8)Premesso che sono un ''normaloide'' e per i telefonini sono molto ....OIDE ... benche' tecnico informatico sono sempre stato ''ostico e ostile'' verso i telefonini (che sia perche' sono troppo stupidi ?) ho trovato interessante l'articolo perche' anche un normaloide ha problemi ad usare (magari in maniera ''estrema'' ) questi aggeggi oramai indispensabili.si pensi al problema di guidare e dover usare una tastiera come quella dell'E61 (che gia' e' enormemente piu' ergonomica delle altre) .Comunque ... il mio intervento e' per avere una mano circa le funzioni software .Infatti trovo la rubrica dell'E61 (ma anche quella degli altri Symbian ) difficile e soprattutto carente per la connessione ed aggiornamento con il PC , sia che si usi Outlook che no.Io poi adopero Thunderbird ... e mi risulta praticamente impossibile aggiornare nei 2 sensi la rubrica del telefonino.VEDETE CHE SONO OIDE ? ...A proposito . la tasiera dovrebbe essere concava e non convessa o ad angoli smussati = OK MEGLIO MANTENERLA in ACCIAIO ... altrimenti la GOMMA SI CONSUMA e la devo cambiare ogni 6 mesi ... poi si sporca e diventa NERA di lerciume.O NO ? Mi e' gia' cascato 3 volte e non si e' rotto .questa e' una gran cosa sia per i D-MEN che per i NORMALOIDI come me .continuero' a leggere sto thread.Ciao Seguace
    • pippo75 scrive:
      Re: Migliorie all'E61

      si pensi al problema di guidare e dover usare una
      tastiera come quella dell'E61 (che gia' e'
      enormemente piu' ergonomica delle altre)cuncentrazione: Parcheggi ed, ad auto ferma lo usi.ciao
  • wathrog scrive:
    Critiche al vento
    Premettendo che non voglio fare un flame o essere bollato come "razzista" (non so se è questo il termine esatto, passatemelo), volevo semplicemente segnalare l'assurdità che rilevo in questo articolo.Nel dettaglio, come è possibile bollare nokia, o una qualunque altra multinazionale dell'elettronica consumer, di commercializzare un prodotto che non è adatto all'uso di una estrema minoranza? Non è il primo articolo di questo tipo che vedo e sono curioso di sapere le motivazioni che stanno alla base di questa serie di notizie.Io punterei, invece che a criticare, a segnalare alle categorie disagiate gli eventuali produttori di hardware/software dedicato per venire incontro alle loro problematiche.Sparare a zero sulla "massa" dei produttori che non hanno una linea di prodotti dedicata per ogni singola minoranza è quantomeno inutile: è ovvio che un'azienda che ha come proprio obiettivo il volume di vendite andrà a cercare di soddisfare le esigenze dei molti.Prendetela come una critica costruttiva.Saluti, Francesco
    • marotfl scrive:
      Re: Critiche al vento
      - Scritto da: wathrog
      Premettendo che non voglio fare un flame o essere
      bollato come "razzista" (non so se è questo il
      termine esatto, passatemelo), volevo
      semplicemente segnalare l'assurdità che rilevo in
      questo articolo.premesso che l'articolo non mi piace, non lo trovo comunque assurdo
      Nel dettaglio, come è possibile bollare nokia, o
      una qualunque altra multinazionale
      dell'elettronica consumer, di commercializzare un
      prodotto che non è adatto all'uso di una estrema
      minoranza?nessuno ha bollato niente... ti consiglio di rileggere
      Non è il primo articolo di questo tipo che vedo e
      sono curioso di sapere le motivazioni che stanno
      alla base di questa serie di notizie.dare voce a chi spesso non ce l'ha?far capire a chi è "normale" che ci sono anche altir punti di vista?
      Io punterei, invece che a criticare, a segnalare
      alle categorie disagiate gli eventuali produttori
      di hardware/software dedicato per venire incontro
      alle loro problematiche.non vi è alcuna critica, e personalmente trovo molto più utile segnalare ai produtto come migliorare i propri prodotti
      Sparare a zero sulla "massa" dei produttori che
      non hanno una linea di prodotti dedicata per ogni
      singola minoranza è quantomeno inutilesei sicuro di avwer letto questo articolo???bah...
      è ovvio
      che un'azienda che ha come proprio obiettivo il
      volume di vendite andrà a cercare di soddisfare
      le esigenze dei molti.mettere due strisce di gomma o un joystick di tipo diverso, non va certo contro l'esigenza dei molti...ri-bah...
      Prendetela come una critica costruttiva.perché? l'articolo cos'è?
      • wathrog scrive:
        Re: Critiche al vento
        volevo semplicemente ricordare che tutto quello che ho scritto è un discorso riferito alla serie degli articoli dei D-User e non a questo specifico.
        • marotfl scrive:
          Re: Critiche al vento
          - Scritto da: wathrog
          volevo semplicemente ricordare che tutto quello
          che ho scritto è un discorso riferito alla serie
          degli articoli dei D-User e non a questo
          specifico.la sostanza non cambia
    • Eliseo Sciarretta scrive:
      Re: Critiche al vento
      Secondo statistiche non proprio obsolete,solo in Italia i disabili di vario tipo sono oltre 3 milioni,senza contare ipovedenti e over 65...il 5% della popolazione mi sembra una quantità di persone considerevole anche per le grandi aziende, visto e considerato che la maggioranza delle modifiche proposte non vanno solo a vantaggio degli utenti disabili, ma di tutti gli utenti.
    • nico scrive:
      Re: Critiche al vento
      Io mi occupo di progettazione, o meglio di una parte sono un industrial designer e nel caso in particolare proprio di telefonini di un'azienda non certo come la nokia per di medio livello.Vorrei spiegare che il compito del designer è proprio questo quello di rendere un oggetto usabile da tutti normo o non.Per questo molte volte faccio ricerche su internet e interviste dal vivo su come migliorare i prodotti e renderli usabili in modo facile e intuitivo.Esempio fra tutti è il computer, se 20 anni fa per stampare una lettera con un pc ci voleva quasi una laurea in ingegneria informatica oggi grazie a software e periferiche hardware chiunque può farlo, certo è un esempio estremo che faccio ma è per rendere l'idea.Comunque in tutto questo ci si mette anche il committente e in alcuni casi i focus group che a volte ti bocciano una qualche specifica del prodotto.Ripeto per il lavoro che faccio ho trovato questo articolo interessante e se riuscirò a imporre nell'azienda in cui lavoro qualche miglioramento nei miei prossimi design sarà merito di questo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Critiche al vento
      Concordo pienamente.A questo mondo esistono masse e minoranze e per entrambe ci sono aziende specializzate nel risolvere le loro necessità.Se lo scopo di questi articoli è parlare di prodotti atti a soddisfare le necessità di alcune minoranze si deve parlare dei prodotti di aziende specializzate in quel campo non mettere sulla graticola compagnie che delle necessità delle minoranze non ne hanno mai fatto un mercato.Nokia punta alle masse non alle minoranze. Prendere un qualunque suo prodotto e lamentarsi che non è utilizzabile da una manciata di persone disabili semplicemente non vuol dire niente.Caso diverso sarebbe se i suoi prodotti fossero indirizzate a delle minoranze e non ottemperassero bene al compito a loro riservato.
      • Carlo Filippo Follis scrive:
        Re: Critiche al vento
        Ho come l'impressione che molti, Tu compreso, abbiate paura che si infettino dei prodotti normali con soluzioni che alla fine sono per Tutti.Non credo sia difficile capire che se ho scelto l' E61 per lo Speciale è per il mio uso personale è, come scrivo più volte, un prodotto d'eccellenza. Semplicemente omaggio delle idee per renderlo ancora più vicino a due diversi mondi: Normaloidi e Disabili. Altro che graticola ...Tieni presente che più Nokia attingerà alla mie idee e più possibilità avrai di usare un telefono normale dopo esserti schiantato ... Non te la sto tirando, è solo un esempio per ricordarti che anche tu sei a rischio Disabilità.È ora che si progetti un progresso per Tutti! Non mi sembra un concetto da infarto cerebrale ... ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Critiche al vento
          Ma sta pure tranquillo che nokia dei tuoi consigli se ne fregherà alla grande almeno fino a quando nel loro cda non balenerà l'idea di creare prodotti anche per i disabili.La prossima volta perchè non consigliare alla pilot una penna che possa essere utilizzata da una persona senza mani ?
          • Carlo Filippo Follis scrive:
            Re: Critiche al vento
            - Scritto da: Anonimo
            La prossima volta perchè non consigliare alla
            pilot una penna che possa essere utilizzata da
            una persona senza mani?Potrebbe essere un'idea ...(idea)Se non fosse che alcune cose sono fattibili (quindi doverose) mentre altre no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Critiche al vento
            Fattibile è fattibile (mai visto quelli che scrivono con i piedi ? magari adattando una penna al movimento della caviglia...) solo che la pilot non pare avere interesse in quel campo.Vende per la massa e se in mezzo alla massa c'è il disabile che si trova bene, meglio per lui, diversamente che sia soddisfatto o meno la cosa non conta.L'importanza dell'individuo cala con l'aumentare delle dimensioni del mercato di riferimento.La massa è composta da persone al più normali senza particolari problemi di adattamento per cui se si punta alla massa si punta a qualcosa di generalizzato. Non è un caso che chi ha particolari difficoltà (di salute, fisiche o psichiche) si affida a posti specializzati nel risolvere al meglio i suoi problemi.
          • Carlo Filippo Follis scrive:
            Re: Critiche al vento
            Il vero progresso l'ha sempre firmato chi si è saputo distinguere dalla massa dando vita ai veri cambiamenti.Le pecore invece da sempre producono solo lana, latte o carne in fin di vita ...
  • diego tonon scrive:
    nokia...che fa??
    Ottimo, sono contento di aver letto questo articolo. Subito ho pensato ad una cosuccia, ma allora il cellulare, in specifico L'e61 non è personalizzabile. Anche le modifiche che vorreisti avere su questo cellulare sono sono per disabili, non vedo perchè non debbano essere implementate di default su ogni cellulare di nuova generazione. Mi piacerebbe che questo articolo finisse nelle mani dei progettisti Nokia..e che ci riflettino un po, Mi piacerebbe che la comunità economica europea ci pensasse su un pochino... Si tratta di personalizzazioni software e non di modifiche sostanziali del cellulare. Teniamo conto che queste personalizzazioni fanno comodo ache a chi non ha difficoltà motorie. Quello che mi fa incavolare.... da parte di comunque tutti i produttori di cellulari è il fato che non è personalizzabile. Per personalizzazione intendo disabilitazione di quel pulsante, assegnazione di una nuova funzione. assegnazione di una funzione diversa con doppioclic. In più prevedere il comando operazioni tramite la voce, tipo apri chiudi giù dx sx su. I pratica quelle operazioni che faremo con il joistick.Se fosse così, potrei dire che il cellulare è mio perchè lo sento mio, se no è solo un terminale standard ed uguale per tutti.
    • google is your friend scrive:
      Re: nokia...che fa??
      - Scritto da: diego tonon
      Quello che mi fa incavolare.... da parte di
      comunque tutti i produttori di cellulari è il
      fato che non è personalizzabile. Per
      personalizzazione intendo disabilitazione di quel
      pulsante, assegnazione di una nuova funzione.
      assegnazione di una funzione diversa con
      doppioclic. In più prevedere il comando
      operazioni tramite la voce, tipo apri chiudi giù
      dx sx su. I pratica quelle operazioni che faremo
      con il joistick.
      Se fosse così, potrei dire che il cellulare è mio
      perchè lo sento mio, se no è solo un terminale
      standard ed uguale per
      tutti.symbian è opensourcela piattaforma del nokia (S60) è molto apertainvece di lamentarti, impara a programmare e fai tu le modifiche software che ritieni necessarie
      • LaNberto scrive:
        Re: nokia...che fa??
        - Scritto da: google is your friend
        symbian è opensource
        la piattaforma del nokia (S60) è molto aperta

        invece di lamentarti, impara a programmare e fai
        tu le modifiche software che ritieni
        necessarieCon tutto il rispetto, questa è una risposta del cavolo. Non si può pretendere che gli utenti si prendano carico di lacune che i professionisti non sono in grado di risolvere. Le professionalità esistono per questo. L'autarchia non c'è più.
  • Christian Celona scrive:
    Dissento
    Da disabile quale purtroppo sono, condivido solo in minima parte il Vostro articolo. Perché esaminare uno strumento che si utilizza con le mani, dal punto di vista di chi ha problemi motori?Seduti comodamente sulla propria carrozzina, si può pensare di utilizzare tale oggetto con una tastiera in gomma, o comunque appoggiato sulle proprie gambe, ovvero su una superficie piana.Non sarebbe stato meglio pensare a chi, nella propria condizione di parzialmente abile, magari con problemi ad una mano o all'avambraccio si trovasse nella condizione di voler utilizzare un simile strumento?O meglio ancora, perché non proviamo a pensare come possano utilizzare tale strumento i soggetti con ridotta capacità visiva o addirittura non vedenti?Nokia dovrebbe sapere che il cellulare N70, abbinato ad un programma sulla scheda di espansione è utilizzato dai non vedenti, i quali però non sentiranno mai il nostro dibattito, perché ospitato su un sito a loro ostile.Anziché fare pubblicità occulta ad Apple e spudorata a Nokia, perché non proviamo a rendere fruibili i contenuti anche ai soggetti disabili, partendo dalle fondamenta e non dal tetto.Forse questi ultimi non pagano lo scotto di vedere tutti i giorni la faccia di un utile idiota con cuffie e microfono, ma potrebbero già essere stufi della propaganda utile solo a chi la produce.Quando si scrive di strumenti atti a rendere accessibili, in tutti i sensi, i contenuti - secondo Lei da dove dovrebbe iniziare la discussione?A mio avviso non da come impiegare male il proprio tempo libero.Sulla carrozzina, uno che vuole dei tasti normali, usa un "laptop" con buona pace della lingua italiana, utile solo a quanti dimostrano di conoscerla.
    • mr_setter scrive:
      Re: Dissento
      - Scritto da: Christian Celona
      Da disabile quale purtroppo sono, condivido solo
      in minima parte il Vostro articolo. Perché
      esaminare uno strumento che si utilizza con le
      mani, dal punto di vista di chi ha problemi
      motori?Non posso che quotare! Bravo Christian ;)LV&P O)
    • Carlo Filippo Follis scrive:
      Re: Dissento
      Caro Cristian,Io sono Disabile dalla nascita per Tetra Paresi Spastica, deambulo senza problemi, ma senza l'incedere elegante che hanno Tutti. Non sono quindi in carrozzina, ma storpio nella totalità dei movimenti irregolari e distonici. Uso entrambe le mani ma per attività diverse date le rispettive differenti capacità residue.Ho però un grave difetto super patologia: conosco il nostro mondo e mi sbatto per consigliare alle aziende che riesco a contattare idee per prodotti che possano essere più Usabili ed Accessibili.Tu ti sei limitato ad un pensiero conformista che, per altro, immagina il Disabile solo come soggetto in carrozzina. Quanto io propongo non è certo di soluzione a tutte le tipologie di Disabili, ma di certo migliora un prodotto anche per chi Disabile non è risolvendo dei problemi ad una parte di questi ultimi.Se TUTTI i Disabili fossero dei Pubblicitari occulti come me gli studi tecnici della varie aziende avrebbero molti più elementi per prevedere e progettare ciò che è fattibile riducendo il numero di Disabili che devono acquistare hardware aggiuntivi a supporto di un prodotto che costerà di più rispetto al prezzo pagato dall'utente Normaloide.Il tuo commento scritto da un Normaloide sarebbe stato conforme alla mentalità popolare che sovente si manifesta con superficialità e pregiudizio per l'occulto, essendo invece Disabile (quindi un Tecnico) hai solo prodotto uno spiedino di pirlate a danno della tua stessa categoria che, come accade oggi, spesso critica solo, non producendo proposte e poi invece piagnucola ...Siamo l'unica categoria che per affermare la propria Uguaglianza nega la propria Disabilità sotto la falsità delle Diverse Abilità e per di più non riconosciamo la semplice voglia di partecipare al protagonismo evolutivo!E poi li facciamo a fette al mondo con le Barriere Architettoniche senza comprendere che vi sono altre Barriere più facilmente distruttibili su cui creare una nuova cultura di reale integrazione!Mah!!!
      • Un figlio scrive:
        Re: Dissento
        Caro Carlo,ho un (peraltro giovane) padre in condizioni simili alle tue (ma peggiori). E riconosco pienamente il tuo stesso spirito combattivo e propositivo. Siete in pochi ma siete molto, molto, importanti. Lasciatelo dire.Quella dei Disabili (termine molto meno offensivo di "diversamente abili": come se ci fosse qualcosa di cui vergognarsi), è una categoria troppo spesso incline a criticare e a piangersi addosso. Ne ha ben donde, ok. Ma quando come te e mio padre ci si è dentro, si capiscono molte e molte più cose. Soprattutto quanto si potrebbe fare usando il proprio cervello e la propria forza, prendendosi gioco di quagli arti che han deciso di non collaborare.Un caro saluto
    • Eliseo Sciarretta scrive:
      Re: Dissento
      Salve, sono un "normaloide", nella simpatica definizione di Carlo Filippo Follis,ma lavoro sui temi dell'accessibilitàe devo dire che sono rimasto sconcertato dalla critica di mr_setter,che ha dimostrato una scarsa sensibilità al problema,soprattutto vista la sua autoproclamata condizione di disabile,dando per scontate alcune problematiche reali eragionando come fa la maggioranza della società nei confronti dei problemi di accessibilità.Ringrazio il Follis per il suo articolo,che fornisce interessanti argomentazioni su un tema complementare al mio (mi occupo di accessibilità delle interfacce utente)e colgo l'occasione per segnalare il progetto Mobile Wireless Accessibility,sviluppato da IBM Italia proprio sui terminali Nokia E61 e E61i,a cui come Laboratorio di Usabilità e Accessibilità del CATTID della Sapienza stiamo attivamente partecipando
Chiudi i commenti