Flash 10.2 non fa attendere Android

Il player mobile di Adobe arriverà sul market androide dal 18 marzo, per Honeycomb, Froyo e Gingerbread. In via non ufficiale l'update è già disponibile

Roma – Contrariamente a quanto affermato in un primo momento, il plug-in di Flash 10.2 non verrà rilasciato soltanto per Honeycomb ma su tutte e tre le principali versioni di Android. Il player per il sistema operativo tablet (Android 3.0) sarà anzi disponibile in versione Beta, mentre gli altri OS mobile di Google potranno contare sull’edizione completa.

Stando alle dichiarazioni ufficiali, gli ingegneri di Mountain View e quelli Adobe hanno lavorato a stretto contatto, come non mai, per integrare il player con il browser predefinito di Android. Il ritardo della versione completa di Flash per Honeycomb viene attribuito alla volontà di implementare perfettamente l’accelerazione hardware per il codec H.264.

Soltanto i sistemi tablet, come Motorola Xoom , potranno sfruttare il rendering dei filmati basato su Stage Video ma anche gli smartphone beneficeranno dei miglioramenti prestazionali, soprattutto quelli dual-core, e potranno contare sulla nuova tastiera virtuale ottimizzata per i contenuti multimediali che sfruttano gli input via touch screen.

Nel frattempo, il solito Applanet sta già facendo circolare sul web una versione di Flash 10.2, rilasciata sotto forma di leak , da installare manualmente. Ma si parla di una release non ufficiale, rubata dai laboratori Adobe, e non c’è ovviamente alcuna garanzia di sicurezza.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ingiurioso scrive:
    L'ennesima sparata di google
    "Poiché Google mantiene un singolo indice per tutte le nostre location"...Mica vero! Potremmo parlare di Butterfly e di tanti altri crawler sperimentali che confluiscono tutti i dati raccolti sul quel che è conosciuto come il motore di ricerca "Google". Pochi lo sanno, altri ignorano.Ma davvero credono di darla a bere proprio a tutti o cosa?Che facce toste...
Chiudi i commenti