Flash Player 5 approda su Linux

Macromedia punta anche sugli utenti Linux e Solaris, due piattaforme che da oggi possono disporre dell'ultima versione del Flash Player, un software ormai diffusissimo presso siti e utenti Web


San Francisco (USA) – A pochi mesi di distanza dal rilascio delle versioni per Windows e Mac, Macromedia annuncia ora la disponibilità di Flash Player 5 anche per le piattaforme Linux e Solaris.

Macromedia sostiene che sono gli stessi suoi clienti a spingere perché Flash possa continuare ad essere uno standard cross-platform, così che i loro siti Web possano avere l’audience più ampia possibile.

L’azienda pensa che Linux rappresenti ormai una quota di mercato non più marginale e che sia quindi importante portare la compatibilità flash anche sui desktop del Pinguino.

Flash Player 5 è pienamente integrato con tecnologie come l’XML e Macromedia Generator, inoltre è in grado di mantenere una connessione persistente fra client e server per condividere informazioni XML real-time per le applicazioni business mission critical.

Entrambe le versioni di Flash Player 5, sia per Linux che per Solaris, posso essere scaricate da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma che vogliono fare? Farsi distruggere?
    Credo che la VIA stia giocando un pò troppo col fuoco. L'intel non risponde mai a critiche e sotterfugi mossegli dai concorrenti, ma questo mi sembra veramente troppo, CREARE CHIPSET NON LICENZIATI UFFICIALMENTE MI SEMBRA UNA DELLE FESSERIE PIU' GRANDI CHE POTESSE FARE! E comunque se l'intel dovesse decidere di affondare in tribunale la VIA mi farebbe felice, visto che era anche l'ora che qualcuno facesse calare la testa a questa ditta secondo me di qualità infima!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che vogliono fare? Farsi distruggere?
      - Scritto da: Lion
      Credo che la VIA stia giocando un pò troppo
      col fuoco. L'intel non risponde mai a
      critiche e sotterfugi mossegli dai
      concorrenti, ma questo mi sembra veramente
      troppo, CREARE CHIPSET NON LICENZIATI
      UFFICIALMENTE MI SEMBRA UNA DELLE FESSERIE
      PIU' GRANDI CHE POTESSE FARE! E comunque se
      l'intel dovesse decidere di affondare in
      tribunale la VIA mi farebbe felice, visto
      che era anche l'ora che qualcuno facesse
      calare la testa a questa ditta secondo me di
      qualità infima!Forse VIA vuole proprio far capire che Intel non e' cosi' benevola come tanti credono e che in realta' e' un pescecane che non esita ad usare l'arma dei brevetti e delle licenze per tenere a bada i concorrenti e lasciargli solo le briciole.(Non puo' distruggerli altrimenti richierebbe con l'antiTrust)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che vogliono fare? Farsi distruggere?
      - Scritto da: Lion
      Credo che la VIA stia giocando un pò troppo
      col fuoco. L'intel non risponde mai a
      critiche e sotterfugi mossegli dai
      concorrenti, ma questo mi sembra veramente
      troppo, CREARE CHIPSET NON LICENZIATI
      UFFICIALMENTE MI SEMBRA UNA DELLE FESSERIE
      PIU' GRANDI CHE POTESSE FARE!Senza chipset con supporto DDR il P4 sarà un flop mostruoso in ambito consumer.la Via ha pronto l'ApolloPro266 che potrebbe far risorgere almneo un pò le sorti di questo processore e l'Intel vuole bloccarla? Secondo me è l'Intel che sta per commettere l'ennesimo passo falso di questi ultimi anni.
      E comunque se
      l'intel dovesse decidere di affondare in
      tribunale la VIA mi farebbe felice, visto
      che era anche l'ora che qualcuno facesse
      calare la testa a questa ditta secondo me di
      qualità infima!Qualità infima???ma stai scherzando o cosa?I chipset Via sono molto buoni, basta guardare che gran lavoro ha fatto per i processori AMD, soprattutto su socketA.Se Via, l'anno scorso è diventata il più grande produttore a livello mondiale (scavalcando anche Intel) se lo è meritato eccome.
Chiudi i commenti