Flash torna su Android, ma solo nel Regno Unito

Il merito è di BBC. Che nel frattempo lavora con Adobe a lettori alternativi

Roma – BBC non si è arresa all’abbandono di Flash Player per Android deciso da Adobe e ha convinto la software house a tornare, temporaneamente e solo nel Regno Unito, sui suoi passi.

Rimosso dal marketplace Google Play per problemi legati a comportamenti imprevedibili generati sull’ultima versione del sistema operativo Jelly Bean, l’addio aveva lasciato diverse app per Android con la prospettiva di rivedere improvvisamente e tempestivamente la loro programmazione.

In particolare BBC, ritenuto un partner strategico, ha convinto Adobe a mantenere il supporto – almeno ancora per un po’ – grazie ad un plug-in disponibile solo ed esclusivamente nel Regno Unito. Nel frattempo l’emittente sembra stia lavorando proprio con Adobe per fornire ai dispositivi mobile un player alternativo.( C.T. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nereo.villa scrive:
    Fumata bianca e giubilo-bue
    13 Marzo 2013. Fumata bianca e bestialismo del popolo buehttp://youtu.be/XBwEm76YPIgAssistere l'altra sera alle manifestazioni di giubilo-bue al solo vedere una fumata bianca, mi ha fatto vergognare di appartenere ad un popolo così scemo, dal quale è scemata, appunto, l'individualità umana, a scapito della specie animale... Non possiamo poi lamentarci dei confessionali consigli: dal pagare imposte inique al lasciarci espiantare organi...In quanto individualità io sono superamento della specie, e lo sono nella misura in cui mi libero dai legami di essa (razza, stirpe, popolo, famiglia, sesso maschile e femminile, Stato, chiesa, ecc.). Anche in medicina, l'errore di curare la specie anziché gli individui comporta paradossalmente la distruzione dell'umanità perché cocciutamente si insiste nel considerare gli uomini non individui (ogni essere umano è infatti una specie a sé) ma esemplari della specie... "Come la forma è individuale così lo è anche la sostanza. [...] Nell'uomo [...] ciascun individuo ha la propria sostanza ben distinta dagli altri. Questa è la grande difficoltà nei trapianti di organi, [il fatto] che ciascuno ha la propria proteina. [...] Nel genere umano OGNI uomo ha le qualità di una specie, CIASCUNO è una specie a sé [...]. La teoria della scienza moderna, secondo cui la materia sarebbe il fondamento del sensibile si basa sulla pura concezione materialistica, conseguenza di un difetto di pensiero e di un'osservazione che non sa cogliere tutti i fenomeni" (Ernst Marti, "L'eterico. Un ampliamento delle scienze naturali attraverso l'antroposofia", Ed. Aedel, Torino, 2001, pp. 150-151).Chi pertanto è favorevole all'espianto/trapianto (o alle fumate bianche) dovrebbe rendersi conto del fatto che la scienza in cui confida (legge morale compresa) pretende di curare la specie umana, senza rendersi conto che la specie umana in realtà non esiste, essendo una mera astrazione di pensiero. Infatti se egli sapesse osservare in modo spregiudicato vedrebbe che in realtà non esiste l'oggetto di percezione corrispondente alla "specie umana", in quanto quel dato individuo umano da curare non è un esemplare della specie da curare, ma qualcosa di più.
  • paoloholzl scrive:
    Nella rete succede di peggio
    Le ragazzine non sono nella passerella, ci si spostano in modo che tu sia costretto a chiedere loro permesso (poi magari non ti lasciano passare oppure ... sì se gli dai email, cellulare ecc.).
  • tucumcari scrive:
    Scusa Cala
    Da tuo affezionato fan son costretto a chiederti: Ma.. questo "pistolotto moraleggiante" lo dobbiamo considerare la conclusione dei tre precedenti (manuale di tecno-controllo peraltro degni del "miglior Cala") o cosa?Insomma dai.. non è che non ci sia del vero (come sempre) ma qui sembra proprio che ti piangi addosso!Non è da te...Un poco più di "cattiveria" e qualche utile consiglio (come nel tuo miglior stile) li avrei preferiti.
  • Levantino scrive:
    Potenza e impotenza
    Il popolo è bue; questi sono i cittadini "normali".Solo pochi si rendono conto di cosa succede, perché non hanno molti paraocchi, o perché non hanno (false) sicurezze da difendere, ed in genere questi pochi sono impotenti.Per fortuna loro, altrimenti il potere (che, se non necessariamente immorale, è sicuramente amorale) li distruggerebbe subito.Tant'è, e tanto sarà ancora per secoli, probabilmente.Da parte mia mi accorgo di quanto accade, mi accorgo di essere impotente e perciò mi dedico a migliorare me stesso, perché alla fine, lo Stato a cui chiediamo di essere migliore è formato da noi cittadini...
    • collione scrive:
      Re: Potenza e impotenza
      io ho simpatia per il povero Grande Fratellocrede davvero di poter governare, in futuro, gente tanto egocentrica? gli stessi manipolatori che oggi lavorano alacremente alla creazione di un sistema di controllo globale, si ritroveranno con milioni di egocentrici amorali che premono da sotto, infiltrano le agenzie del tecnocontrollo ( qualcuno ci dovrà pur lavorare no!?! ) e scalciano per risalire la piramide del poterequello che avremo sarà un mondo dominato da omicidi, ricatti, minacce, estorsioni, corruzione e i capoccioni non dureranno più di qualche announ ricambio continuo insomma, che porterà la società al collasso in brevissimo tempoquesti idioti non capiscono una cosa e cioè che le loro stesse teorie sono l'antitesi del concetto stesso di societànon c'è società laddove non c'è senso dello Stato, dell'onere e rispetto per i consociati e le leggi dello Statouna prova di quanto ho detto la si può trovare nell'esercito USA, sempre più infiltrato dalle pericolosissime bande di delinquenti della West Coastquanto tempo passerà prima che queste bande arriveranno a controllare l'esercito e quindi l'intera nazione? alla faccia di quei c*** flaccidi che siedono al Congresso?
  • panda rossa scrive:
    Permesso negato.
    Tornando all'esempio del signore diversamente giovane e della bambina diversamente anziana.Non e' che se il signore avesse chiesto "Permesso?" questo come parola magica gli avrebbe consentito di passare.Chiedere permesso e' una domanda, alla quale si fa cortesia di rispondere "prego!" e cedere il passo, ma non e' mica obbligatorio farlo.Potrei riportare decine di episodi in cui in un mezzo pubblico affollato, qualcuno, per guadagnare l'uscita quando c'e' la sua fermata, si fa largo a spintoni dicendo "permesso?".
    • MegaJock scrive:
      Re: Permesso negato.
      - Scritto da: panda rossa
      Potrei riportare decine di episodi in cui in un
      mezzo pubblico affollato, qualcuno, per
      guadagnare l'uscita quando c'e' la sua fermata,
      si fa largo a spintoni dicendo
      "permesso?".Katana, e passa la paura.Ricorda di portare un contenitore per gli arti staccati. ;)
  • Ello scrive:
    Uhm
    Questo è un post diversamente complesso, che potrebbe includere nel suo raggio di azione svariate considerazioni di carattere politico-filosofico.Si va dal significato originale di etica (intesa come ethos), passando per la teoria del contratto sociale di Rousseau fino alle teorie del Joker del Cavaliere Oscuro e i relativi effetti collaterali sui giovani di Denver.Io resto invece sempre dalla parte di Lord Casco e affermo con assoluta certezza che comunque "Il male vincerà sempre perché il buono è tonto" e se vogliamo giusto dare una immeritata speranza possiamo solo permetterci di sostituire il "perché" con un "finchè" .Ossequi.
  • solo K scrive:
    Il piccolo Parsons
    Tu sei uno psicocriminale.
Chiudi i commenti