Foto digitali per l'infanzia

Croce Rossa


Milano – Apre giovedì 19 maggio la mostra “The Other Side of Football” organizzato dalla Croce Rossa in collaborazione con Canon, una esposizione dedicata alle immagini scattate da alcuni celebri giocatori con una fotocamera digitale: lo scopo è quello di raccogliere fondi per le attività della Croce Rossa a favore dell’infanzia in difficoltà.

Alla Galleria San Carlo (via Manzoni) fino al 31 maggio si potrà dunque accedere gratuitamente a fotografie da e su lo sport scattate da nomi noti, come Gennaro Gattuso, Zlatan Ibrahimovic, Paolo Maldini, Pavel Nedved, Alessandro Nesta, Ivan Pelizzoli, Simone Perrotta, Andriy Shevchenko ed altri.

La stessa mostra sarà poi portata a Londra, Parigi, Stoccolma, Mosca, Amsterdam, Bruxelles, Copenaghen e Oslo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ti prego BUSH TI prego Ti prego Ti prego
    Riduci soltanto una minima , ma proprio una minima , il fondo infinito del NSA, manda qualche truppa speciale in meno in giro, vara qualche sommergibile in meno , riduci un pò l'infinito denaro che mandi nella guerra..TI PREGO TI PREGO, investi nulla NASA, investi nel vero proresso! , basterebbe poco e acceleresti tutte le ricerche legate alle missioni nello spazio...comprale sti benedetti shuttle.. insomma .. fai il serio.
  • Anonimo scrive:
    Dove sono tutti quelli che scrivevano
    Dove sono quelli che alla notizia di un possibile abbandono di Hubble da parte della Nasa, scrivevano:"Bush da buon texano comè non può permettersi di spendere soldi in qualcosa che sia culturale e non serva per fare guerra mi pare ovvio" "Al posto di HAL 9000 ci mettiamo George?? chi è piu' intelligente?""Bush sta distruggendo la NASA""Bush è già stato eletto quindi si rimangia le promesse..."Stanno tutti zitti?Bene, giusto cosi'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove sono tutti quelli che scrivevan
      Credo che senza una sollevazione di scienziati e non Hubble sarebbe stato abbandonato al suo destino. Ovviamente a nessun politico piace rendersi troppo impopolare. Comunque è la dimostrazione che negli USA si riesce ancora a far sentire la propria voce. Purtroppo gli Italiani sono fra i pochi che si mettono ancora a 90° ogni volta...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove sono tutti quelli che scrivevan
      Ovviamente bush rimane un cerebro leso lobotomizzato con un unico neurone funzionante e anche quello bruciato dagli effetti dell'acololismo cronico. Il fatto che qualcuno del suo sfaff con qualche neurone in piu' gli abbia fatto notare che l'astronomia ultimamente e' popolare almeno quanto l'esplorazione spaziale, e che lo stesso telescopio Hubble e' molto famoso anche tra i non addetti, e che ucciderlo gli sarebbe costato parecchi punti di popolarita' ... non vuol dire che sto' porco ci abbia provato e che ci possiamo aspettare anche str***ate del genere in futuro.- Scritto da: Anonimo
      Dove sono quelli che alla notizia di un possibile
      abbandono di Hubble da parte della Nasa,
      scrivevano:

      "Bush da buon texano comè non può permettersi di
      spendere soldi in qualcosa che sia culturale e
      non serva per fare guerra mi pare ovvio"

      "Al posto di HAL 9000 ci mettiamo George?? chi è
      piu' intelligente?"

      "Bush sta distruggendo la NASA"

      "Bush è già stato eletto quindi si rimangia le
      promesse..."

      Stanno tutti zitti?
      Bene, giusto cosi'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove sono tutti quelli che scrivevan
      "Per riuscire nell'impresa di salvataggio, però, NASA deve fare i conti con un budget striminzito che già l'ha costretta nel recente passato ad abbandonare Voyager One e Two, le due sonde impegnate dalla fine degli anni '70 nella ricerca al di fuori del Sistema Solare.Griffin, succeduto al contestato ÒKeefe, ha spiegato infatti che per poter finanziare il salvataggio di Hubble sarà necessario rinunciare a due missioni previste per il 2011 e il 2014, entrambe pensate per la ricerca di pianeti al di fuori del Sistema Solare. Potrebbe poi essere rinviata dal 2009 al 2011 una nuova missione su Marte che prevede lo sganciamento sul pianeta rosso di un apparecchio di rilevazione mobile simile ai rover attualmente operativi."credo non servano altri commenti
      • Anonimo scrive:
        Re: Dove sono tutti quelli che scrivevan
        Commenti? Rinunciano a missioni a "spettro molto stretto" per uno strumento che permette di fare ricerca in uno spettro molto più largo. In tempi di ristrettezze mi sembra una buona soluzione.
    • Anonimo scrive:
      Se Bush rispolvera Hubble vedrai che sot
      =to sotto ci sono interessi non-culturali!!!Ne riparleremo...........Firmato: SturmTruppen
  • Anonimo scrive:
    E l'ngst?
    Non dovevano sostituirlo l'hubble?
    • Anonimo scrive:
      Re: E l'ngst?
      - Scritto da: Anonimo
      Non dovevano sostituirlo l'hubble?Boh? Probabilmente si sono fatti i conti in tasca e hanno deciso che costa meno salvarlo...
    • ldsandon scrive:
      Re: E l'ngst?
      L'NGST è un telescopio molto diverso da Hubble. È ottimizzato per la ricerca di oggetti lontani nell'infrarosso, e per questo è molto ma molto meno versatile dell'HST. Difatti i piani originali prevedevano che lavorassero assieme.
  • Anonimo scrive:
    Finalmente una buona notizia.....
    Brava Nasa !
Chiudi i commenti