Foxconn, tra presidenziali e minori

L'ultimo confronto televisivo tra Romney e Obama ha affrontato anche il tema dello sfruttamento del lavoro da parte delle aziende cinesi. Mentre in Asia Foxconn ammetteva di impiegare minori
L'ultimo confronto televisivo tra Romney e Obama ha affrontato anche il tema dello sfruttamento del lavoro da parte delle aziende cinesi. Mentre in Asia Foxconn ammetteva di impiegare minori

Il prossimo Presidente degli Stati Uniti d’America sarà in grado di convincere Apple a trasferire dalla Cina in patria i suoi lavoratori manifatturieri? Con questa domanda diretta, la questione Foxconn entra nell’ultimo confronto elettorale tra i due candidati alla Casa Bianca, Barack Obama e Mitt Romney.

Candy Crowley, moderatrice del dibattito, non ha rinunciato a incalazare i due sfidanti sulla questione relativa allo sfruttamento del lavoro in Cina da parte delle aziende statunitensi . “iPad, Mac e iPhone sono costruiti in Cina – ha esordito la giornalista – una delle ragioni principali è che lì il lavoro costa meno. Come convincerete le grandi multinazionali statunitensi a riportare la produzione in casa?”.

Il candidato repubblicano , che è stato il primo a prendere la parola, ha inquadrato il proprio discorso nel contesto delle relazioni commerciali con la Cina, accusandola di falsificare la valuta, violare la proprietà intellettuale, lanciare cyberattacchi contro gli Stati Uniti e di aver autorizzato l’apertura di falsi negozi Apple all’interno dei propri confini nazionali. “Siamo in grado di competere con chiunque nel mondo fino a quando le regole del gioco sono paritarie”, ha spiegato Romney, seguendo con una dura critica al comportamento del paese in materia di scambi commerciali , ma sostanzialmente eludendo la questione posta.

Dal canto suo, Obama ha sostenuto che la strategia migliore da adottare per sviluppare competenze elevate nel settore della produzione sia lasciar perdere le attività manifatturiere di fascia bassa . Dunque, ha argomentato il Presidente in carica, “ci sono alcune mansioni che non devono essere trasferite perché prevedono un salario basso e una preparazione altrettanto scarsa”. È necessario puntare sull’innovazione e la ricerca , ha spiegato Obama, anche per costruire “la prossima Apple”

E se i due candidati alle presidenziali hanno cercato di affrontare senza imbarazzi la questione dello sfruttamento del lavoro nelle aziende cinesi, la stessa Foxconn ha ammesso di impiegare bambini nel lavoro di produzione degli apparecchi Apple .

I vertici dell’azienda con sede a Taiwan hanno confessato le irregolarità dopo che l’organizzazione in difesa dei diritti dei lavoratori China Labor Watch aveva emesso un comunicato nel quale confermava che nella fabbrica di Yantai sono stati impiegati minori di età compresa tra i 14 e i 16 anni durante l’estate. Foxconn ha subito riconosciuto la propria responsabilità dopo aver eseguito un’indagine interna.

Tuttavia, Apple non sarebbe l’unica azienda implicata nelle politiche del lavoro scorrette di Foxconn. L’impiego di minori , infatti, sarebbe stato avallato anche da Nintendo per l’assemblaggio della Wii U . Secondo il sito cinese Sina , Foxconn avrebbe ammesso di aver assunto individui minorenni nella fabbrica del nordest cinese. Un presunto illecito che sarebbe stato motivato con la promozione di internship offerte agli studenti delle scuole tecniche.

Nel frattempo, Cupertino ha rimosso un gioco che affrontava la questione dei diritti umani associata alla produzione di massa di apparecchi elettronici. L’applicazione, intitolata In A Permanent Save State , è una rappresentazione fantasy della vita dopo la morte di sette lavoratori spinti al suicidio dalle condizioni di lavoro massacranti. Il riferimento agli operai di Foxconn è chiaro, così come spiegato dallo stesso autore.

Cristina Sciannamblo

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti