France Telecom: sparamessaggini open source

Il noto software di instant messaging open source Jabber ha trovato in France Telecom un partner sufficientemente robusto per poter ambire a diffondere uno standard unico per la messaggistica real-time, anche su reti mobili


Denver (USA) – Dopo mesi di colloqui, France Telecom ha finalmente deciso di chiedere la mano di Jabber , la nota piattaforma di instant messaging open source che tanto successo ha avuto fra gli utenti Linux.

France Telecom acquisterà il 23% delle azioni di Jabber.com, sussidiaria di Webb Interactive Services, per una cifra di 7 milioni di dollari. L’intento è quello accelerare gli sforzi per espandere l’adozione di Jabber come sistema di instant messaging embedded e per promuovere uno standard per la messaggistica basato su XML.

E’ proprio di pochi giorni fa la notizia che Ericsson, Motorola e Nokia stanno congiuntamente sviluppando delle specifiche standard per l’instant messaging su reti mobili.

Jabber, oltre ad essere un’alternativa compatibile a ICQ, AIM, MSN Messenger e Yahoo! Messenger, ambisce a dar vita ad uno standard sicuro e flessibile, basato su XML, appetibile non soltanto per il mercato consumer, ma anche per quello aziendale.

Il codice sorgente di Jabber è sviluppato e gestito in seno al progetto open source Jabber.org , che attualmente coinvolge circa un centinaio di sviluppatori.

Secondo Webb Interactive, l’alleanza si focalizzerà anche nel posizionare Jabber.com come leader Europeo nelle applicazioni di messaggistica multimediale, fra cui servizi vocali e mobili.

“France Telecom è convinta del valore strategico di una soluzione tecnologica indipendente ed interoperabile tesa a supportare gli sforzi di Jabber nello spingere l’adozione degli standard open source per l’instant messaging”, ha commentato Patrick Puges, direttore della sezione ricerca e sviluppo di France Telecom.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    lo faccio gia' oggi...

    È questo un approccio senza dubbio interessante,
    visto che pone Linux come alternativa preferita a
    Windows per l'ascolto di musica o per la navigazione
    sul Web, lasciando invece al sistema operativo
    Microsoft il compito di far girare quel vasto
    insieme di applicativi ad esso dedicato, inclusi i
    videogiochi.Lo faccio gia' oggi... anziche' aspettare tre minuti (crash permettendo) che parta win2k quando non serve, aspetto quei 25-30 secondi necessari per far partire il BeOS!
  • Anonimo scrive:
    cosa c'e' installato su linux?
    PI
    È questo un approccio senza dubbio interessante, visto che pone Linux come alternativa preferita a Windows per l'ascolto di musica o per la navigazione sul Web.PCW
    Linux also allows the device to skip Windows boot-up for certain applications, including MP3 playback and the FTP client.CNET
    can switch to Linux to play MP3 tunes or read certain files.web, ftp, lettura di file o tutti insieme?ognuno dice la sua, ma pazienza.. purtroppo sul sito della casio parlano solo di WinMe.
Chiudi i commenti