FSF: ACTA punirà i netizen

Free Software Foundation contro il trattato globale anti-contraffazione. Sarebbe stato creato per attaccare i diritti degli utenti. Per uccidere la libera condivisione e l'intera società online
Free Software Foundation contro il trattato globale anti-contraffazione. Sarebbe stato creato per attaccare i diritti degli utenti. Per uccidere la libera condivisione e l'intera società online

Si tratta di accordi stipulati con il preciso obiettivo di attaccare i diritti dei netizen , in circa 40 paesi del mondo. Almeno stando ad un recente comunicato ufficiale diramato dalla Free Software Foundation (FSF), che si è schierata contro l’ Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA): ovvero il trattato che dovrebbe estendere a livello globale la tutela della proprietà intellettuale.

“ACTA minaccia in maniera velata di punire gli utenti di Internet – si può leggere nel comunicato di FSF – in particolare attraverso la misura delle disconnessioni,nei confronti di chi viene accusato di condivisione illecita. Provvederà inoltre a proibire alle varie nazioni la diffusione di software capace di aggirare i sistemi anti-copia DRM”.

Una dura presa di posizione dunque, accompagnata da una speciale petizione destinata a raccogliere firme contro il famigerato trattato globale anti-contraffazione. A sostenerla lo stesso Richard Stallman, che nell’introduzione ha scritto : “Dovremo fermarli. Costruire un movimento per fermarli. C’è bisogno di chiamare a raccolta gli utenti, per lottare insieme”.

FSF ha quindi elencato una serie di attività che ACTA non dovrebbe affatto regolamentare, tra cui la libera condivisione online e l’utilizzo non commerciale interno a certi meandri della Rete. Ma c’è una più semplice alternativa indicata da FSF: eliminare del tutto ACTA , potenziale minaccia all’attuale società connessa.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 06 2010
Link copiato negli appunti