Fujitsu porta Linux sui server hi-end

Estendendo la propria partnership con Novell, Fujitsu si appresta ad infilare il Pinguino anche nei propri server mission-critical basati sui processori a 64 bit di Intel


Tokyo (Giappone) – A quasi cinque anni di distanza dall’introduzione del suo primo server con Linux, Fujitsu si appresta a migrare verso la piattaforma open source anche i propri server Intel-based di fascia alta. La mossa è il frutto di un nuovo accordo commerciale che il colosso giapponese ha stretto con Novell , una società che fornirà alla partner il proprio sistema operativo di classe enterprise.

I nuovi modelli di server, appartenenti alle linee Primequest e Primergy, si indirizzeranno al mercato delle applicazioni mission-critical e utilizzeranno CPU Xeon o Itanium in configurazione multiprocessore. Su questi sistemi girerà SuSE Linux Enterprise Server 9, un sistema operativo che Fujitsu utilizza già su alcuni server Primergy.

Fujitsu Siemens Computers , una sussidiaria del gruppo giapponese focalizzata sul mercato europeo, aveva stretto una partnership con SuSE (ora parte di Novell) già a partire dall’anno 2000. Tali accordi, poi rinnovati con Novell, sono ora stati negoziati direttamente dal gruppo Fujitsu così che possano essere estesi a tutti i mercati coperti dal gigante nipponico.

“Questo è un importante passo avanti nell’impegno di Novell di fornire servizi avanzati su Linux per i data center e l’high-performance computing”, ha dichiarato Ron Hovsepian, executive vice president e president of worldwide field operations di Novell.

I nuovi server Linux-based di Fujitsu saranno lanciati sul mercato già nelle prossime settimane.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    bah
    continuano a tirare sempre fuori nuova roba e la gente è sempre più stufa del fatto di aver spesso 2000 euro in un computer che tre mesi dopo vale 1500 euro e un anno dopo è fuori produzione.Bah non vale manco la pena di fare i processori economici perchè basta vendere i modelli vecchiormai l'informatica è una giungla di oggetti senza valore e che cambiano più spesso di quanto la gente riesca ad assimilare :|
  • Anonimo scrive:
    Bene bene!!
    Ormai è chiaro che la differenza di prezzo tra un chip a 32 o 64 bit è minima,quindi è chiaro che ormai c'è convenienza assoluta a monatre quest'ultimi,certo c'è de vedere quando ci sarà anche il software adatto da farci girare....
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene bene!!
      tipo farcry 64 bit ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene bene!!
      - Scritto da: Anonimo
      Ormai è chiaro che la differenza di prezzo tra un
      chip a 32 o 64 bit è minima,quindi è chiaro che
      ormai c'è convenienza assoluta a monatre
      quest'ultimi,certo c'è de vedere quando ci sarà
      anche il software adatto da farci girare....Quando ci sarà queste cpu saranno più che obsolete!
Chiudi i commenti