Fumetti, web e diritto d'autore

Apprezzato autore di fumetti e non solo, Daniele Caluri ha scambiato quattro chiacchiere con Claudio Brovelli sui vantaggi e i problemi del proprio lavoro nell'Era Internet

Roma – Claudio Brovelli ha intervistato Daniele Caluri , disegnatore tra le altre cose del perfido Don Zauker , una intervista che parla di creatività e di diritto d’autore, un testo che Punto Informatico pubblica integralmente qui di seguito.

Claudio Brovelli: Allora Daniele, il nostro “incontro” è dovuto ad un commento che ho lasciato nel tuo blog : avevo notato una somiglianza tra Don Zauker ed un personaggio minore comparso sulle tavole di altri autori e tu, subito e con molta cortesia mi hai risposto chiarendo che questi autori tu li hai amati.
Daniele Caluri: Guarda, giusto perché l’intervista prende le mosse da questo fatto, e visto anche che non sei l’unico ad aver notato questo particolare, cerco di fare chiarezza prima di tutto.
Abuli e Bernet, rispettivamente sceneggiatore e disegnatore del fumetto Torpedo, sono tra i miei autori preferiti, se non addirittura I preferiti. Sorvolo sulle ragioni, le contingenze, le affinità elettive e tutto il resto per non farla pallosa; fatto sta che Torpedo coincide perfettamente con ciò che considero fumetto e non solo, e rappresenta uno dei capitoli principali della mia formazione professionale.
Da sempre ammiratore del tratto e del disegno della cosiddetta Scuola Argentina, ho cercato e sto tuttora cercando di trovare una mia sintesi partendo da quel modello.

Quando demmo vita a Don Zauker, io ed Emiliano Pagani buttammo giù alcune idee su come dovesse essere caratterizzato il personaggio: dato il taglio, doveva essere aguzzo, luciferino, scolpito nel granito; bozze frontali sporgenti, sopracciglia nere e folte, capelli bianchi, naso adunco, guance scavate e grinzose. Il primo risultato (verificabile negli episodi 1-5) era più un misto fra la versione spregevole del Giulio Cesare di Uderzo e l’agente Graves di 100 bullets, di Azzarello e Risso. Tutto ciò accade non intenzionalmente, ma per una concomitanza di stili. Se magari avessi prediletto lo stile franco-belga, la cosiddetta ligne claire, forse Don Zauker avrebbe ricordato chessò, un vecchio John Difool, con i dovuti paragoni fra me e quel mostro inarrivabile che è Moebius.

Questo per dire che la somiglianza con padre Muster, il personaggio che effettivamente somiglia a Don Zauker, è non intenzionale, nel modo più assoluto; e d’altra parte – come noti tu stesso sul commento – trattasi solo di un personaggio che agisce nell’arco di poche vignette e poi muore. Semmai, intenzionale dal quarto-quinto episodio in poi, è la somiglianza con Torpedo stesso: se lo invecchi d’una quarantina d’anni, gl’infoltisci le sopracciglia e gl’imbianchi i capelli, otterrai Don Zauker. E il bello sai qual è? Che sia Abuli che Bernet conoscono il mio esorcista, e gli è pure piaciuto! Non solo: Bernet in persona mi ha disegnato con dedica un piccolo Torpedo su un albo di Don Zauker.

CB: Per cui partiamo con la prima domanda: Quanto è importante per una persona creativa la possibilità farsi ispirare da altre opere creative?
DC: È una domanda posta male. Primo per quanto riguarda il concetto di ispirazione, che prende le mosse dallo Sturm und Drang, si sviluppa lungo il romanticismo ed è storicamente superato.
La creatività, che si esprime attraverso un linguaggio grafico, letterario, cinematografico e via dicendo, è invece un flusso continuo di esperienze in cui s’inseriscono gli autori: i precedenti influenzano i successivi, i quali a loro volta svilupperanno una propria chiave d’espressione che, proporzionalmente alla sua efficacia, influenzerà parte di quelli che verranno dopo ancora.
È una costante di tutta la storia dell’arte, e molto più prosaicamente il meccanismo è lo stesso per i mezzi di espressione e comunicazione moderni; per rimanere in tema, lo stesso Bernet parte dalle premesse di autori come Milton Caniff.
O, per estremizzare, che mi dici di Marcel Duchamp e dei suoi baffi alla Gioconda?

CB: Quali sono le ascendenze di Luana o di Fava di Lesso?
DC: Ripeto, non parto mai con somiglianze intenzionali perché lo trovo limitativo. Nel momento in cui dò corpo a un mio personaggio ho il solo interesse di far aderire quello che ho in testa con quello che realizza la mano. In realtà attingo da un campionario di tratti somatici che ho in mente, che ho osservato nelle persone incontrate negli anni e che di volta in volta mi hanno suscitato ilarità, sgomento, paura, rigore, severità, bontà e tutti gli altri moti dell’animo umano.
A quel punto può venir fuori qualcosa che per ovvie ragioni può richiamare qualcos’altro, e a quel punto sta a me calcare la mano o allontanarmene. Nel caso di Fava di Lesso, dopo i primi episodi mi accorsi che assomigliava ad un mio amico di Pisa (sic), e lì ho davvero calcato la mano. È uguale!
Per Luana e Maicol, invece, non ho riferimenti.

CB: Ultimamente le majors si stanno “accanendo” contro la diffusione di contenuti coperti da diritto d’autore “totale”.
Sostengono di ricevere delle perdite enormi, ma non si capisce bene su quali basi, addirittura in Germania tali pressioni hanno fatto stabilire che Google viola i diritti anche con il semplice utilizzo di Google Images, eppure molti autori sono contrari alla blindatura totale dei diritti e sostengono che la libera diffusione della riproduzione della loro opera sia, anzi, un bene . Tu che ne pensi?

DC: Che non è altro che lo sviluppo delle teorie di Walter Benjamin nel suo “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” . E vale anche per ciò che non è opera d’arte. In realtà anche al tempo dell’analogico era la stessa cosa: i vinili si potevano registrare su musicassetta e i libri si potevano fotocopiare. Non per questo i gruppi musicali e gli scrittori che valessero qualcosa sono andati in rovina.
Per quanto mi riguarda, quando ho saputo che molti dei miei fumetti erano scaricabili su eMule, sono stato contento. Ciò ha generato curiosità, affetto, e molti dei downloaders hanno poi acquistato gli albi. Il collettivo Wu Ming agisce intenzionalmente in questa direzione. E poi, un fumetto scaricato non ha l’inebriante odore d’inchiostro…:-)

CB: Credi che sia possibile per un creativo vivere delle proprie opere senza blindarle con licenze d’uso tanto restrittive come le attuali? In sintesi, l’autore (o il suo editore) che non si riserva TUTTI i diritti è destinato a finire sotto un ponte povero e derubato?
DC: Ecco, hai centrato il punto. È chiaro che il prodotto d’ingegno deve portare un guadagno all’autore, altrimenti l’autore smette di farlo e per pagarsi il pane si dedica alla panificazione, alla carpenteria, alle missioni di pace con l’UZI, all’uncinetto, a qualcos’altro. Ma da lì a bloccare un’opera per 70 anni (è esatto?), coinvolgendo spesso anche gli eredi, e nell’ottica di alimentare un leviatano onnivoro come la SIAE ce ne passa.
Il problema sono la tutela e il compenso del lavoro d’ingegno, in Italia davvero scarsi.
Ma il tema è gigantesco e in così poco spazio si banalizza troppo; resta inteso che si potrebbe aprire un bel dibattito, ipotizzando chessò, forme a scaglioni, per cui oltrepassando tetti prestabiliti di compenso percepito si passa al regime Creative Commons. Ma si entra nel campo dell’utopia, credo.

CB: Tu sei un disegnatore, che licenze usi?
DC: Dipende dal tipo di contratto che mi viene proposto, quindi difficilmente le decido io. Quando invece sono l’editore, oltre che l’autore, adotto il copyleft.
Come nell’esempio del sito di satira donzauker.it , che curo personalmente insieme ad Emiliano Pagani.

CB: Sappiamo che la libertà di licenza (da MIT a CC) è possibile e consente degli introiti nel mondo del software (GNU/Linux) ed in quello musicale (Jammendo). Credi sia possibile applicare lo stesso modello di licenza anche a fumetti o a sceneggiature?
DC: Boh, in questo sono parecchio ignorante, e non ho elementi sufficienti per stabilirlo. Anzi, se ti va dammi un paio di consigli!

CB: Tutta questa voglia di controllo sulla rete è necessaria secondo te effettivamente per tutelare i diritti intellettuali rubati e la sensibilità dei fanciulli o nasconde l’ansia che un strumento cosi duttile come internet provoca nel bisogno di sicurezza e ordine che ormai stagna nelle vecchie menti di governanti e multinazionali?
DC: Ah, che invito a nozze.
Internet è l’anarchia. È ancora il Far West, è la tecnologia che non si può più arrestare e che si ritorce contro le istituzioni perché progredisce più velocemente di loro. Faranno di tutto per imbrigliarlo, senza capire che così potranno solo creare danni e disordini. Come in ogni epoca di grandi cambiamenti. Alla fine del ‘700 sulla ghigliottina cadde la testa di Maria Antonietta. Un giorno magari toccherà alla Warner.

CB: Nuove concezioni del diritto d’autore, banche che saltano come tappi di champagne, petrolio alle stelle ed in via di esaurimento, nuove forme di famiglia e sessualità atipiche, siamo finalmente all’apocalisse? Ci si leverà di ‘ulo tutti, ce li leveremo di ‘ulo noi, o saran loro a levarsi noi dal ‘ulo?
DC: La risposta più coerente è: SO UNA SEGA. Però è divertente ed eccitante vivere un’era di passaggio, no? Possiamo solo guardarci indietro (e non solo per proteggerci il ‘ulo) per cercare di non ripetere gli errori del passato. Lo faremo noi, lo faranno loro, lo faranno tutti. Basta oltrepassare uno scoglio per molti insormontabile: ricominciare a ragionare col proprio cervello.

a cura di Claudio Brovelli

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rivoluzione digitale scrive:
    non fidatevi di questi progetti
    Vorrei mettervi in guardia verso i progetti realizzati dalla Fondazione Mondo Digitale. La maggiorparte del denaro pubblico non viene indirizzato a progetti di dubbia utilità sociale maviene speso per alimentare gli stipendi dei dirigenti che arrivano a guadagnare molto più 100.000 euro all'anno.Vorrei parlarvi nello specifico della Fondazione Mondo Digitale finanziata dal Comune di Roma che dovrebbe perseguire obiettivi legati alla diffusione delle tecnologie digitali nelle scuole di Roma.La Fondazione Mondo Digitale già dal suo interno attua politiche benlontane dal "no-profit". La dirigente guadagna la modica cifra di8.000 euro al mese! che in un anno diventano 100.000 euro!! il secondodirigente compagno della direttrice (anche qui ci sarrebbe dadiscutere) altri 100.000 euro!L'azienda inoltre ha utilizzato nel corso della sua attivitàsoprattutto lavoratori precari che venivano sfruttati nellapreparazione di eventi e poi puntualmente licenziati.E' in corso un'indagine dell'INPS volta a verificare la correttezzadei contratti a progetto firmati con innumerevoli persone chesvolgevano invece lavori da dipendente.La Fondazione Mondo Digitale si è fatta promotrice dell'iniziativapromossa dal Comune di Roma: "Donne e Nuove Tecnologie" che mira aaiutare le donne a conciliare il lavoro con la famiglia e costruirsiun'occupazione solida ed emancipata. Si tratta del tipico caso di chipredica bene e razzola male: la maggior parte delle donne che sonopassate per la fondazione mondo digitale sono state assunte aprogetto, utilizzate a tempo pieno, e poi licenziate all'esattascadenza del contratto. All'esatta scadenza perché veniva mantenutaviva, in loro, la speranza di una assunzione che non arrivava mai. Inquesto modo si otteneva il massimo dal lavoratore, pagando il minimo(poco più di 800 euro al mese).Adesso che sapete la verità pregherei voi forze oneste della scuola(presidi, professori, docenti e alunni) di stare lontano da questepersone che non ammirano i vostri sforzi, i vostri progetti, le vostreiniziative, ma solo il gusto del denaro e del profitto.Se vi collegate al loro sito ufficiale potrete constatare la mancanza totale di trasparenza: mancano per ogni progetto i compensi (altissimi) che vanno ai dirigenti che, protetti da omportanti amicizie politiche, continuano a lucrare sulla buona volontà di studenti e professori che lavorano gratis...www.rivoluzionedigitale.wordpress.com
  • Categorico scrive:
    L'articolo dimentica di citare...
    ...un personaggio fondamentale! (geek) [yt]-O_qh23Jmuw[/yt]
  • jobb scrive:
    ragazzini
    io non sono ne' anziano ne' giovane pero sti ragazzini dovrebbero avere piu' rispetto se uno legge i commenti su youtube rimane schifato 200 parolacce ogni 220 parole...bah...meglio gli anziani allora, d altronde gia' uno che si impasticca e ci rimane tutto sano di mente non e' io all eta' loro certe cavolate ma nemmeno per l' anticamera del cervello..lo sballo...
  • Roberto Dadda scrive:
    A Milano...
    L'iniziativa si chiama Internet Saloon, la abbiamo lanciata 9 anni fa, la abbiamo esportata in mezza Italia e in molte altre nazioni.Solo in Italia e sono con i centri che controlliamo direttamente abbiamo erogato qualche cosa come 37.000 corsi!DaddaAIM Milano
  • Alessandrox scrive:
    Approposito... ma il Predatore...?
    E' sempre vivo o ha gia' tirato il calzino? :
Chiudi i commenti