Gboard, da iOS ad Android

La tastiera con strumenti di ricerca di Mountain View si affaccia anche su Android, dopo il lancio per iOS: prenderà il posto della tastiera ordinaria con il prossimo aggiornamento

Roma – Google aveva privilegiato il sistema operativo iOS per il lancio primaverile della tastiera evoluta Gboard, capace di competere con alternative messe a disposizione da Microsoft, come Word Flow , e adottando la stessa strategia di Redmond nel tendere la mano a piattaforme concorrenti. Mountain View ha ora scelto di offrire l’app anche sull’OS di casa, con un aggiornamento per la ordinaria Tastiera Google.

Gboard

La versione 6.0 della tastiera per Android, ancora in fase di distribuzione ma disponibile presso canali alternativi come APKMirror, implementa le stesse funzioni e le stesse opzioni di personalizzazione di Gboard e ne assume anche il nome.

Ricerca

La più evidente novità, abilitata di default ma disattivabile, è il logo della grande G in alto a sinistra della tastiera: oltre a garantire l’accesso alla barra delle impostazioni , invita l’utente alla ricerca : in questo modo è possibile ottenere risultati e link da condividere agevolmente con l’interlocutore, effettuando la ricerca direttamente nell’app in cui si sta digitando.
Le funzioni di ricerca si declinano anche per individuare con immediatezza emoji e gif animate, per le app che le supportino.

Gboard offre inoltre la possibilità di fissare nella parte alta dell’interfaccia la tastiera dedicata ai numeri , senza dover cambiare modalità di digitazione. Meno evidente, ma utile per molti utenti, è poi la possibilità di impostare il supporto a tre lingue , così da disporre di correzioni e suggerimenti per ciascuna di essere, senza dover operare sulle impostazioni.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Il fuddaro scrive:
    E storia vecchia
    Per quanti non lo sapessero, la curiosità e parte integrante dell'essere umano. Della serie che chi ha potuto lo ha fatto e lo fà da sempre!In tutte le aziende dove ci sono dati i dipendenti che 'possono' lo fanno e basta! che sia per la signorinella con le nuove labbra, la signora del terzo piano con le zinne grandi, che per affari o interessi di vario tipo.si è sempre ficcato il naso e sempre si farà.
    • panda rossa scrive:
      Re: E storia vecchia
      - Scritto da: Il fuddaro
      Per quanti non lo sapessero, la curiosità e parte
      integrante dell'essere umano. Della serie che chi
      ha potuto lo ha fatto e lo fà da
      sempre!

      In tutte le aziende dove ci sono dati i
      dipendenti che 'possono' lo fanno e basta! che
      sia per la signorinella con le nuove labbra, la
      signora del terzo piano con le zinne grandi, che
      per affari o interessi di vario
      tipo.

      si è sempre ficcato il naso e sempre si farà.Non e' mica questione di ficcare il naso.Per fornire determinati servizi occorre avere e conservare le informazioni.E il cliente accetta che queste informazioni vengano conservate e consultate per poter erogare e migliorare il servizio.Quindi non capisco la polemica.Anche io posso accedere a milioni di anagrafiche conservate nel database aziendale.E lo faccio non perche' lo posso fare, ma perche' lo devo fare.
  • ... scrive:
    evvai coi "?"
    vedo che il mio invito e' stato raccolto, tre giorni di seguito con articoli fuffopuntodomandosi. GRANDI!nemmeno leggo i ltesto, posto subito!
Chiudi i commenti