Gecko EduBook, il netbook che va a stilo

Una piccola società asiatica ha svelato un laptop da 9 pollici che può essere alimentato con comuni pile ricaricabili. Alla base del sistema non c'è Atom, ma un system-on-chip x86 a basso consumo privo di ventola

Roma – Tra gli sciami di netbook che oggi ronzano sul mercato, quello appena svelato dalla piccola società thailandese NorhTec è certamente uno dei più originali. Chiamato Gecko EduBook , un nome che tradisce l’ambizione di competere con XO e Classmate PC, il portatilino da 9 pollici di NorhTec si distingue per una caratteristica su tutte: la capacità di funzionare con otto pile stilo (AA) ricaricabili. L’autonomia dichiarata è di circa 4 ore.

Gecko EduBook La capacità di utilizzare comuni pile AA – preferibilmente di tipo NiMH (Nickel Metal Hydride) ma, in caso di emergenza, si può ripiegare su quelle alcaline – fa del Gecko EduBook un sistema particolarmente versatile, utilizzabile anche in quei luoghi dove sarebbe difficile, se non impossibile, procurarsi una batteria Li-Ion di riserva o accedere a una linea elettrica. Tale scelta contribuisce poi a ridurre il costo del laptop : NorhTec fa notare come un pacco di otto batterie NiMH costi (all’ingrosso) circa 10 dollari, contro i 100 dollari di una batteria Li-ion.

L’uso delle pile stilo in un computer ultraportatile fa tornare alla mente gli storici handheld Psion , che seppure appartenenti alla categoria dei PDA vengono spesso considerati i precursori dei moderni netbook (non a caso la parola “netbook” è un marchio registrato di Psion, e identifica una linea di handheld tuttora sul mercato).

Quando alimentato attraverso la linea elettrica, il Gecko EduBook è in grado di ricaricare autonomamente le batterie NiMH : questo evita all’utente il fastidio di portarsi appresso un caricabatterie esterno. Ma il piccolo laptop thailandese, come ogni altro netbook al mondo, può ospitare anche batterie Li-Ion proprietarie : al momento ne esiste un modello a bassa capacità, con autonomia di 4 ore, e uno ad alta capacità, con autonomia di 6 ore.

Ma l’andare a stilo non è l’unica peculiarità del Gecko EduBook. A distinguerlo dalla massa c’è anche il processore utilizzato , l’ Xcore86 , un system-on-chip (SoC) x86 con clock di 1 GHz e consumo massimo (per la sola CPU) di soli 1,2 watt .

Oltre alla CPU, l’Xcore86 integra sottosistema multimediale (audio e video), chipset di I/O e controller SD, IDE e LAN. Nel complesso, il thermal design power di questo SoC è di circa 2 watt, caratteristica che lo rende in grado di operare senza una ventola di raffreddamento anche in luoghi molto caldi.

Il Gecko EduBook si fa infine notare per il design modulare , che consente all’utente di sostituire in modo semplice i principali componenti di sistema: CPU, memoria e storage. Da notare che la memoria è saldata sul modulo che contiene la CPU, e dunque non è possibile sostituire solo uno dei due componenti. Per quanto riguarda invece lo storage, questo può essere costituito da una semplice scheda di memoria SD (collegabile allo slot esterno o a quello interno, accessibile da uno sportellino sotto lo chassis) o da un hard disk IDE da 2,5 pollici.

All’interno della macchina è altresì presente un socket USB a cui carrier e assemblatori potranno collegare un modem 3G o un modulo wireless (WiFi, WiMAX, Bluetooth ecc).

Lo schermo del netbook è rappresentato da un classico modello con diagonale di 8,9 pollici, risoluzione di 1024 x 600 pixel e retroilluminazione a LED, mentre le interfacce di espansione comprendono una RJ45, quattro USB, una VGA, line-in line-out e slot SD. A quanto pare manca una webcam integrata, scelta che limita le funzionalità di comunicazione del sistema.

L’aspetto dell’EduBook ricorda da vicino quello di un Eee PC della serie 900, rispetto al quale sembra però offrire un touchpad leggermente meno ampio. Peso e dimensioni del sistema non sono ancora stati rivelati.

Il sistema operativo pre-installato sarà Ubuntu Netbook Remix , ma il produttore asiatico afferma che la propria macchina è altresì compatibile con Windows XP Home.

Il Gecko EduBook arriverà sul mercato nel corso di luglio al prezzo di circa 200 dollari: per tale cifra sarà possibile portarsi a casa la configurazione base, che comprenderà un modulo WiFi, una scheda SD da 8 GB e 256 MB di RAM DDR2 (la quantità massima supportata è 1 GB). NorhTec conta di vendere il proprio netbook anche in versione barebone , ossia privo di RAM, CPU e disco: in questo caso il prezzo del sistema dovrebbe essere compreso tra 110 e 130 dollari .

Maggiori dettagli sul Gecko EduBook si possono trovare, oltre che sul sito del produttore, anche in questo articolo di LinuxDevices.com .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lufo88 scrive:
    Alla sicurezza rinuncio
    Se per questo devo rinunciare alla mia integrità fisica e mentale.
  • CCC scrive:
    o mengele è risorto?
    come per la marchiatura nazista degli ebrei, qui c'è l'idea di violare fisicamente le persone con un chip RFID impiantato sottopelle...ma, anche peggio, c'è l'idea di analizzare (violentare) i "pensieri"... c'è la colpevolezza preventiva delle sole idee...forse neanche mengele avrebbe sperato tanto...
  • pizza margherita scrive:
    rinascono le teorie di Lombroso...?
    sembra tanto...
    • CCC scrive:
      Re: rinascono le teorie di Lombroso...?
      - Scritto da: pizza margherita
      sembra tanto...sembra tanto peggio!come per la marchiatura nazista degli ebrei, qui c'è l'idea di violare fisicamente le persone con un chip RFID impiantato sottopelle...ma, anche peggio, c'è l'idea di analizzare (violentare) i "pensieri"... c'è la colpevolezza preventiva delle sole idee...forse neanche mengele avrebbe sperato tanto...
  • ero io quando non ero scrive:
    puo essere
    http://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
Chiudi i commenti