Giù i prezzi di alcuni Athlon e Sempron

Anticipando le mosse di Intel, AMD riduce il prezzo all'ingrosso di alcuni suoi processori di fascia medio-bassa, inclusi diversi modelli dual-core

Sunnyvale (USA) – Anticipando i vociferati tagli di Intel ai suoi non più giovani processori Pentium D, AMD ha tagliato i prezzi di alcuni suoi modelli di CPU di fascia medio-bassa.

Nella famiglia di chip Athlon 64 X2 dual-core il prezzo del modello 5200+ è passato da 403 a 295 dollari, mentre quello dei modelli inferiori si è ridotto di cifre comprese fra i 25 e i 15 dollari.

L’Athlon 64 3800+ è apparentemente l’unico processore a singolo core di AMD ad essere sceso leggermente di prezzo, passando da 108 a 101 dollari. Un poco più consistenti i tagli ai Sempron, il cui modello 3200+ è passato da 67 a 51 dollari e il 3000+ da 56 a 41 dollari.

Una tabella sintetica delle variazioni di prezzo è stata pubblicata qui da DigiTimes.com, mentre il listino integrale di AMD è consultabile da questa pagina .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Dubbio
    In un mercato che punta sempre di più alla miniaturizzazione e alla integrazione, mi domando a che serva all utente finale, non è che sia propio facile smontare un lettore mp3 e comunque come modulo esterno non vedo come possa essere più comodo delle già sempre meno usate porte di espansione , oltretutto oramai le memorie nand, a forza di passare a processi produttivi sempre più avanzati, sono più piccole e fragili da maneggiare .
    • Anonimo scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da:
      In un mercato che punta sempre di più alla
      miniaturizzazione e alla integrazione, mi domando
      a che serva all utente finale, non è che sia
      propio facile smontare un lettore mp3 e comunque
      come modulo esterno non vedo come possa essere
      più comodo delle già sempre meno usate porte di
      espansione , oltretutto oramai le memorie nand, a
      forza di passare a processi produttivi sempre più
      avanzati, sono più piccole e fragili da
      maneggiare
      .I cellulari più costosi hanno le flash in memory card SD Micro ... la gente usa le SIM sui cellulari.. Avere più di uno slot in cui inserire micro schede non sarà certo un problema.Per quanto i tanto blasonati iPod di Apple non abbiano la memoria interna espandibile, lettori sicuramente migliori ce l'hanno lo slot di espansione per memory card SD o micro-SD, come MPIO FY-800, Sandisk Sansa E-2x0 ed altri.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dubbio

        I cellulari più costosi hanno le flash in memory
        card SD Micro ... la gente usa le SIM sui
        cellulari.. Avere più di uno slot in cui inserire
        micro schede non sarà certo un
        problema.
        Per quanto i tanto blasonati iPod di Apple non
        abbiano la memoria interna espandibile, lettori
        sicuramente migliori ce l'hanno lo slot di
        espansione per memory card SD o micro-SD, come
        MPIO FY-800, Sandisk Sansa E-2x0 ed
        altri.Infatti, che bisogno c'e' di un altro standard?
        • Anonimo scrive:
          Re: Dubbio
          - Scritto da:



          I cellulari più costosi hanno le flash in memory

          card SD Micro ... la gente usa le SIM sui

          cellulari.. Avere più di uno slot in cui
          inserire

          micro schede non sarà certo un

          problema.

          Per quanto i tanto blasonati iPod di Apple non

          abbiano la memoria interna espandibile, lettori

          sicuramente migliori ce l'hanno lo slot di

          espansione per memory card SD o micro-SD, come

          MPIO FY-800, Sandisk Sansa E-2x0 ed

          altri.

          Infatti, che bisogno c'e' di un altro standard?lo standard serve a semplificare le cose tra i vari produttori, quindi diminuire i costi ed i tempi, mica male.comunque vi sbagliate, qui si parla di dettagli a basso livello, tutte le memorie flash che si comprano, sia come schede che come chip, hanno già un collegamento tramite SPI, che é uno standard. In pratica le schede hanno un controller interno che da una parte fornisce un'interfaccia all'esterno che é già uno standard, e dall'altra si occupa di collegare e far funzionare i vari banchi di memoria interna, é qui che ci si addentra in una giungla, ed é qui che vogliono introdurre degli standard, in modo da poter semplificare i controller, ma non solo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Dubbio
            - Scritto da:
            - Scritto da:






            I cellulari più costosi hanno le flash in
            memory


            card SD Micro ... la gente usa le SIM sui


            cellulari.. Avere più di uno slot in cui

            inserire


            micro schede non sarà certo un


            problema.


            Per quanto i tanto blasonati iPod di Apple non


            abbiano la memoria interna espandibile,
            lettori


            sicuramente migliori ce l'hanno lo slot di


            espansione per memory card SD o micro-SD, come


            MPIO FY-800, Sandisk Sansa E-2x0 ed


            altri.



            Infatti, che bisogno c'e' di un altro standard?

            lo standard serve a semplificare le cose tra i
            vari produttori, quindi diminuire i costi ed i
            tempi, mica
            male.

            comunque vi sbagliate, qui si parla di dettagli a
            basso livello, tutte le memorie flash che si
            comprano, sia come schede che come chip, hanno
            già un collegamento tramite SPI, che é uno
            standard. In pratica le schede hanno un
            controller interno che da una parte fornisce
            un'interfaccia all'esterno che é già uno
            standard, e dall'altra si occupa di collegare e
            far funzionare i vari banchi di memoria interna,
            é qui che ci si addentra in una giungla, ed é qui
            che vogliono introdurre degli standard, in modo
            da poter semplificare i controller, ma non
            solo.Ti sbagli con le CompactFlash che hanno il controller a bordo. Le SD, mini-SD e micro-SD non hanno alcun controller a bordo, il controller è nel lettore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Dubbio


            Ti sbagli con le CompactFlash che hanno il
            controller a bordo. Le SD, mini-SD e micro-SD non
            hanno alcun controller a bordo, il controller è
            nel
            lettore.no, non mi sbaglio, in un pc probabilmente c'é un ulteriore microcontroller che converte l'SPI in USB, ma rimane che le carte contengono un controller per interfacciarsi con l'esterno tramite SPI, lo so perché le ho dovute usarequesto link spiega alcuni dettagli, in particolare guarda l'immagine a pg. 16 http://www.sandisk.com/Assets/File/OEM/Manuals/SD_Physical_specsv101.pdf
      • Anonimo scrive:
        Re: Dubbio
        Un iPod con 80 gb lo vuoi pure espandere??? con una flash??? visto che oggi una CF da 16 gb la paghi 600 euro, magari entro i prossimo 8 anni arriveremo a flash da 80 GB....nel frattempo l'iPOD da 80 gb lo troverai solo nei musei!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Dubbio
      ti pare male avere in un pc desktop un paio di slot per la memoria flash per moter aggiungere moduli secondo le proprie necessità/protafoglio, tipo quello che oggi accade per le ram?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dubbio
        ma la flash dopo un certo numero di riscritture finisce, secondo me spingono per farle utilizzare così da vendere dei pezzi a durata limitata e costringerti a cambiare scheda dopo un tot di tempo....
        • Anonimo scrive:
          Re: Dubbio
          Ancora con questa leggenda? Ormai le memorie flash attuali (non di qualche anno fa) supportano un numero enorme di riscritture. Forse ti devi aggiornare...
Chiudi i commenti